• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Diritto all'anonimato
 

Diritto all'anonimato

on

  • 3,602 views

Lezione di Informatica Giuridica Avanzata del 29 marzo 2012.

Lezione di Informatica Giuridica Avanzata del 29 marzo 2012.

Statistics

Views

Total Views
3,602
Views on SlideShare
1,509
Embed Views
2,093

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 2,093

http://cyberspacelaw.wordpress.com 2093

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Diritto all'anonimato Diritto all'anonimato Presentation Transcript

    • Il diritto all’anonimatoAvv. Prof. Aggr. Pierluigi Perri – Università degli Studi di Milano Cattedra di Informatica Giuridica Avanzata
    • The New Yorker 1993
    • The New Yorker (probabilmente) oggi
    • Anonimato “in senso buono” e “in senso cattivo”• Anonimato visto come strumento per esercitare i diritti fondamentali della persona, integrando anche una modalità di espressione del proprio pensiero;• Anonimato visto come modo per realizzare condotte criminose e sottrarsi alle indagini
    • Parte ILa tecnologia
    • Principio di neutralità tecnologica• La tecnologia non può essere discriminata ex se, ma bisognerà sempre considerare l’utilizzo che della tecnologia se ne fa.
    • Il Gruppo di lavoro per la tutela dei dati personali – articolo 29• “Benchè la tecnologia sia neutra per natura, le applicazioni e l’elaborazione di nuovi strumenti tecnologici dovrebbero sempre rispettare il principio di tutela della vita privata”.
    • Un esempio di empasse: la crypto controversy• Crittografia come dual-use goods• Strumento volto a tutelare l’anonimato o la riservatezza dei cittadini, o strumento volto a eludere i controlli e ad agevolare la commissione di illeciti?
    • Uso della tecnologia/1
    • Uso della tecnologia /2
    • Conclusioni• La tecnologia, da sola, non può fornire la risposta al problema dell’equilibrio tra diritto all’anonimato e poteri di uno Stato di diritto.• Qualsiasi demonizzazione luddista della tecnologia è assolutamente inutile.
    • Parte IIIl diritto
    • Diritto all’anonimato?• Possiamo affermare che esista un vero e proprio “diritto all’anonimato”?• In caso di risposta positiva, possiamo ritenerlo una diretta derivazione del diritto alla riservatezza?
    • Frammentarietà del diritto• Il diritto all’anonimato è difficile da ricondurre in una categoria specifica. Se ne parla, infatti, in diversi settori:• Diritto civile (diritto d’autore, protezione dei dati personali anonimato della madre);• Diritto penale (aggravante per minacce);• Diritto amministrativo (anonimato in concorsi);• Diritto costituzionale (libertà di manifestazione del pensiero).
    • Una qualificazione giurisprudenziale• Corte d’appello di Milano, 1 novembre 2004• “Per documento contenente dichiarazioni anonime, ai sensi dell’art. 240 c.p.p., deve intendersi non quello che sia solo privo di sottoscrizione o di altro valido elemento di identificazione dell’autore, ma quello di cui sia ignota la provenienza; non può essere, quindi, considerato documento anonimo quello sul quale siano stati stampati dati che siano stati tratti da un computer utilizzato da un soggetto identificato”
    • Problemi di collocazione• Probabilmente, qualsiasi posizione eccessivamente cristallizzata rischia di non rispondere correttamente alla domanda.• Una teoria interessante, proposta da Joel Feiberg, propone di pensare ai diritti soggettivi non più come “atomici” bensì come “pacchetti di diritti”.
    • Il “pacchetto” dell’anonimato Libertà di manifestazione Diritto all’oblio del pensiero Anonimato Tutela della riservatezza Protezione dei dati
    • I vantaggi• Una visione di questo tipo consente di cogliere diverse sfumature connesse ad un unico valore di fondo tutelato, agevolando così l’individuazione di eventuali restrizioni di diversa gravità.
    • Gli svantaggi• Nella definizione dei diversi “pesi” da assegnare alle varie sfumature, si rischia il valore di queste venga moltiplicato ed espanso indefinitamente, al punto di assegnare a qualsiasi aspetto un valore supremo.
    • Parte IIILe opinioni
    • • “Il principio di riferimento dev’essere quello del rispetto, anzi dell’inviolabilità della persona elettronica” (S. Rodotà) in quanto i bilanciamenti in nome della sicurezza non sarebbero mai garantiti a sufficienza, comportando la pura e semplice erosione di diritti.
    • • Una visione volta a estendere all’infinito la portata della privacy si traduce in “una mitologia che da un lato confonde la riservatezza con la segretezza assoluta e dall’altro la libertà con la preservazione dell’assoluta segretezza”. K. A. Taipale
    • Parte IVReal life
    • ISP e dati personali degli utenti• La Suprema Corte olandese nel 2005 si pronuncia sull’obbligo per un ISP di comunicare a un soggetto privato i dati identificativi di un suo utente per un caso di diffamazione (caso Lycos v. Pesser)
    • I fatti• Pesser vendeva francobolli su eBay;• Un soggetto apre sulle pagine offerte gratuitamente da Lycos un sito stopthefraud dove accusa Pesser di truffare i suoi clienti;• Pesser chiede a Lycos di fornire i dati dell’utente;• Lycos si rifiuta ma il gestore del sito rimuove i contenuti.
    • Le decisioni• In primo grado la richiesta viene respinta perché l’attività diffamatoria si considera interrotta grazie alla chiusura del sito;• La Suprema Corte olandese, invece, ritiene che Lycos debba comunicare i dati utili per identificare il soggetto sulla base della responsabilità degli ISP ex direttiva 2000/31/CE.
    • Il ragionamento della Corte• In capo agli ISP vi è un generale obbligo di fare il possibile per evitare attività illegali sui siti che ospitano;• Scopo della direttiva è anche la tutela della dignità umana e del consumatore evitando attività illegali su internet;• Il rifiuto da parte di un ISP di comunicare i dati identificativi di un utente può integrare condotta illecita perché contraria al generale dovere di correttezza e di buona fede;
    • • Trattandosi di contenuto palesemente illecito gli interessi dell’attore dovevano considerarsi rilevanti;• La libertà di espressione, tutelata anche per il web, non è una libertà assoluta ma deve essere compressa quando altri diritti vengano violati.
    • Sequestro di nodi Tor• La polizia tedesca, nell’ambito di un indagine contro la diffusione di materiale pedopornografico, sequestra una serie di nodi della rete Tor in Germania.• Il tribunale ha ribadito che i supporti telematici usati per le comunicazioni possono essere sequestrati ai fini di un’indagine penale in corso.
    • • Sempre i giudici hanno ritenuto che i nodi Tor non beneficino delle previsioni costituzionali volte a tutelare le comunicazioni personali, ma che rientrino nei casi in cui il fornitore del servizio deve rivelare i dati che conserva.• Il sequestro, nel caso di specie, è stato ritenuto ammissibile in quanto i dati rilevanti avrebbero potuto essere cancellati ed esso era l’unico modo per accedere a dati collegati a persona indagate.
    • Divieto di anonimato in UK per le imprese• Le imprese non potranno più fare il c.d. buzz marketing mediante frequentatori di forum o di blog, ma questi ultimi dovranno sempre dichiarare che azienda rappresentino.
    • Proposta “Carlucci” di legge contro l’anonimato in Rete• 1. È fatto divieto di effettuare o agevolare l’immissione nella rete di contenuti in qualsiasi forma (testuale, sonora, audiovisiva e informatica, ivi comprese le banche dati) in maniera anonima.• 2. I soggetti che, anche in concorso con altri operatori non presenti sul territorio italiano, ovvero non identificati o indentificabili, rendano possibili i comportamenti di cui al comma 1 sono da ritenersi responsabili - in solido con coloro che hanno effettuato le pubblicazioni anonime - di ogni e qualsiasi reato, danno o violazione amministrativa cagionati ai danni di terzi o dello Stato.
    • Anonimato e blogging• Il blogger NightJack, un ufficiale di polizia, forniva informazioni su errori compiuti in indagini di pedopornografia, costituendo una specie di “stupidario”;• L’autore viene insignito dell’Orwell prize per la sua attività di insider dentro gli uffici giudiziari;• Un giornalista del Times riesce a risalire all’identità dell’autore e l’autore chiede che venga tutelato il suo anonimato.
    • Le statuizioni del Giudice• L’attività di blogging è da considerarsi pubblica e non privata, per cui non c’è una ragionevole aspettativa di anonimato;• Neanche la prospettiva che l’autore possa essere sottoposto ad azioni disciplinari è un elemento sufficiente a invocare la tutela dell’anonimato;• Sussiste un diritto dei cittadini di conoscere l’identità di chi critica, a volte aspramente, l’attività degli inquirenti.
    • Anonimato, provider e P2P• La FAPAV promosse un procedimento cautelare per ottenere che Telecom Italia si attivasse al fine di evitare lo scambio di file protetti dal diritto d’autore sulle reti P2P, inibendo l’accesso a determinati siti;• La prova delle violazioni sarebbe stata raccolta “pedinando” telematicamente migliaia di utenti.