• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Guerrilla Sport Marketing
 

Guerrilla Sport Marketing

on

  • 2,205 views

Guerrilla Sport è un nuovo modo di intendere lo sport marketing, una piazza virtuale in cui si incontrano nuove idee e casi studio di successo. ...

Guerrilla Sport è un nuovo modo di intendere lo sport marketing, una piazza virtuale in cui si incontrano nuove idee e casi studio di successo.

L'idea è quella di diffondere le azioni più significative ed interessanti di marketing e comunicazione non convenzionale (guerrilla, ambient e street, viral, esperienziale, tribale, 2.0 e social media, green etc..) nel settore sportivo, per tenere sempre aggiornati i nostri lettori e far si che le realtà sportive, anche piccole, possano prenderne spunto adattandole alle proprie esigenze e al proprio budget.

Statistics

Views

Total Views
2,205
Views on SlideShare
1,806
Embed Views
399

Actions

Likes
1
Downloads
26
Comments
0

8 Embeds 399

http://www.guerrillasport.it 349
http://www.linkedin.com 29
http://flavors.me 10
http://chiaradoesscouting.blogspot.it 4
https://si0.twimg.com 3
http://de.flavors.me 2
http://chiaradoesscouting.blogspot.com 1
http://fr.flavors.me 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Guerrilla Sport Marketing Guerrilla Sport Marketing Presentation Transcript

    • IL MARKETING NON CONVENZIONALE
    • Osate cambiare, cercate nuove strade!
    • Un po’ di storia• Il primo a parlare di guerrilla marketing fu J.C. Levinson nel 1982• Le prime azioni di unconventional marketing sono messe in atto da gruppi sovversivi e “controculturali” (cultural jamming)• La street art è la prima espressione artistica di marketing non convenzionale
    • Il marketing ieri• Le stesse tecniche di marketing funzionano sempre• Solo con milioni di budget puoi fare pubblicità• Marketing ha a che fare con advertising• Marketing è una operazione di prezzo• Una perfetta esecuzione del marketing plan porterà al successo• L’obiettivo del marketing è aumentare le vendite• L’innovazione viene dall’interno• Colpisci il Target
    • Il marketing oggi• Diffusione del termine societing in alternativa alla parola marketing;• Ampio utilizzo di tecniche di comunicazione alternative e non convenzionali;• Variano le tecniche di approccio al mercato: non esistono target ma persone, non si parla più di consumer ma di cliente;• Il cliente è consapevole, critico e partecipativo.• “I mercati sono conversazione” (Cluetrain Manifesto)
    • La pubblicita’ convenzionale - diamo i numeri• SOLO 18% DELLE TV ADS GENERANO UN ROI POSITIVO;• 84% DELLE CAMPAGNE B2B RISULTANO IN CALO NELLE VENDITE;• CRESCITA DEL 100% DELLA SPESA IN AD PER 1% - 2% NELLE VENDITE;• SOLO 14% CREDE IN ADS;• 69% INTERESSSATO IN AD BLOCKING TECHNOLOGIESCause:• OVERLOAD DI ADVERTISING• FRAMMENTAZIONE DEI MEDIA• CONSUMERS NON SINTONIZZATI• MINORE EFFICACIA• MAGGIORE SPESA• MINORE FIDUCIA• MINORE ROI
    • Secondo voi lo sport è passione o mercato?
    • Se lo sport è un mercato In che modo possiamocomunicare il prodotto/servizio ai possibili clienti?!
    • “…identificando e rispondendo ai bisogni umani e sociali.” (Philip Kotler)
    • …E allora cosa fare per comunicare !! Ecco la mia risposta!!
    •  Cercare nuove modalità di comunicazione. Essere “non convenzionale” Mettersiin gioco per entrare in contatto diretto con il pubblico
    • Piano militare = Piano Guerrilla Marketing
    • Tecniche di non convenzionale• Non è importante quale sia il prodotto/servizio che si vuole commercializzare: dalla scarpa di calcio Nike al corso di nuoto della piscina comunale, ciò che diventa realmente importante è creare il contatto con quello che G. Fabris definisce il “consum- attore”.• Il cliente assume oggi il ruolo ambivalente di fruitore e di agente, determinando con il suo giudizio e con il passaparola, il successo o meno di un servizio.• Non si può pensare di realizzare una strategia di marketing senza coinvolgere il cliente finale.
    • Obiettivi del marketing non convenzionale• Anticipare le mode creando cultura, appartenenza e consenso intorno ad una marca o un determinato servizio,• generare un senso di aggregazione ed un “attaccamento alla maglia” (per utilizzare un gergo calcistico) di tipo tribale.Il marketing non convenzionale:• crea e fortifica il sentimento di appartenenza alla tribù;• genera viralità, passaparola e condivisione di informazioni;• è un’ esperienza da ricordare e tramandare.
    • Un piano di guerrilla marketing deve rispondere a:• L’azione riesce a colpire adeguatamente il pubblico immediatamente coinvolto?• Ne cattura l’attenzione?• Si imprime nella memoria?• Invita a essere raccontata ed è facile a raccontarsi?• Esprime adeguatamente i valori del prodotto?• Quando sarà raccontata verrà mantenuto il legame con la marca?• In che modo l’azione può essere diffusa?• Quali sono le ragioni che spingeranno il pubblico a raccontarla?• Attraverso quali mezzi si diffonderà?• Il racconto invita al passaparola?• Può diventare virale?• È notiziabile?• Come dovrà essere supportato lo spin?• Possono essere prodotti materiali a supporto?• Il legame tra l’azione e la marca, e soprattutto il brand values, rischiano di essere dissipati nel processo di diffusione?
    • Dimensione narrativa del piano di guerrilla marketing• Definire in maniera precisa e assicurata il messaggio• Legare in modo naturale il piano di azione e quello folklorico• Accrescere la memorabilità del messaggio• Agevolare il processo di comunicazione tra pari• Declinare più facilmente la campagna su una pluralità di mezzi• Contenere gli slittamenti semantici che derivano dal passaparola• Agganciare stabilmente la marca all’interno della tessitura narrativa in cui il consumatore è chiamato a fare esperienza attraverso un lavoro di “cooperazione testuale”.
    • Ma quali sono le armi più utilizzate dall’ unconventional marketing?! E quale la loro applicazione nel settore sportivo?!
    • Un breve elenco• Viral marketing (ulteriori declinazioni: il teaser, l’advergame e il Flash Mob);• Ambient marketing;• Street marketing;• Guerrilla marketing;• Green marketing;• Marketing Tribale;
    • Il viral marketingE’ la versione moderna del passaparola;Il messaggio viaggia in retepropagandosi in modo one-to-many,come un virus.I consumatori sono portavoce del brandFondamentali gli “opinion leader”,cioè le persone in grado di esercitareinfluenza all’interno dei gruppi socialicui appartengono, i “connettori” tra lepersone che “starnutendo” diffondono ilcontagio e contribuiscono a diffondernela notorietà di marca.
    • Nike e le campagne viral• L’industria di sportswear Nike ricorre frequentemente alla tecnica del viral marketing.• Quello in questione è un video fake: la marca c’è si vede ma non viene nominata, il video è un falso d’autore!!• Altre tecniche viral sono i teaser e gli advergame
    • Teaser, Advergame e Flash Mob• Teaser: brevissimi video che hanno il fine di alimentare il passaparola. Sono dei veri e propri rompicapi e generano una fortissima attesa per quello che sarà.• Advergame: nasce dall’unione delle parole Advertising e Game e si propone come una via di mezzo tra un viral ed un classico videogioco;• Flash Mob: Con il termine flash mob (dallinglese flash - breve esperienza e mob - moltitudine) si indica un gruppo di persone che si riunisce allimprovviso in uno spazio pubblico, mette in pratica unazione insolita generalmente per un breve periodo di tempo per poi successivamente disperdersi. Il raduno viene organizzato attraverso comunicazioni via internet (Blog fino a ieri, social network oggi!) o tramite telefoni cellulari. In molti casi, le regole dellazione vengono illustrate ai partecipanti pochi minuti prima che lazione abbia luogo (wikipedia).
    • Teaser
    • Advergame
    • Flash Mob
    • L’Ambient Marketing• L’ambient marketing individua il proprio target attraverso i luoghi fisici in cui questo si aggrega spontaneamente.• Trasformazione dell’ambiente circostante, con l’utilizzo di elementi divertenti o in grado comunque di generare passaparola.• La strada, i luoghi di aggregazione come gli stadi o le palestre, le toilette o gli spogliatoi sono le location più indicate per questa tipologia di attacchi.
    • Ambient Marketing AJAX• Il campionato olandese è alle porte e l’Ajax, squadra storica di Amsterdam, cerca di convincere gli ultimi tifosi ad abbonarsi alla nuova stagione.
    • Lo street marketing• Differenza tra ambient e street marketing sostanziale.• Nelle azioni di street, la comunicazione sfrutta l’ambiente esterno per creare uno shock nell’utente: aggiunta di elementi di disturbo, come oggetti inusuali o dalle dimensioni particolari.• Generare l’ effetto “wahoo”. La sorpresa aiuta l’utente a rendere l’esperienza epica, genera facilità di ricordo e consente di alimentare in modo spontaneo il racconto dell’iniziativa stessa.• Si può considerare lo street marketing come la trasposizione offline del viral marketing.
    • Adidas e lo street marketing
    • Adidas e lo street marketing
    • Nike e lo street marketing
    • Guerrilla marketing Guerrilla advertising fa leva sulla necessità di carpire l’attenzione del consumatore. Guerrilla agisce con innovazione e audacia. Può avere forti effetti perché colpisce le persone all’improvviso. Un’azione di Guerrilla deve avere uno scopo ben preciso ed essere integrata all’interno di un’azione strategica. Limitato investimento economico. Ma sarà vero?
    • Guerrilla marketing Sfrutta ogni superficie, ogni spazio, ogni mezzo per veicolare i propri messaggi e per raggiungere il destinatario, dove e quando meno se lo aspetta: sticker; stencil; Human AdV; graffiti; installazioni
    • Guerrilla marketing – Esempi -
    • Green marketingè un approccio di marketing (o più una filosofia di vita!)volto asviluppare e promuovere prodotti e servizi eco-sostenibili in grado disoddisfare i propri potenziali clienti, senza avere impatti negativisullambiente;il Green Marketing oggi è responsabilità sociale a 360°;Ricordate che il cliente non perdona!! Mai intraprendere azioni diGreen Marketing se non si è coinvolti pienamente (bisognacrederci!!) altrimenti si rischia di incorrere nel Greenwashing!
    • Green marketing – secondo Adidas
    • Green marketing – secondo NikeNike ha deciso di attivare un canale open source per sviluppare econdividere progetti destinati a cambiare il mondo…in meglio!La non convenzionalità di tale iniziativa sta nella scelta del canale, incollaborazione con BestBuy, Nike ha creato GreenXchenge che nascesotto l’egidia di Science Common, la piattaforma di Creative Commonper far circolare e condividere liberamente in rete il sapere.L’idea è quella di ottenere risposte pratiche al problema ambientalecoinvolgendo in modo wiki (quindi con una collaborazione aperta eorizzontale) tutti coloro intenzionati a partecipare…dalle impreseconcorrenti ai semplici “consumattori”. Unica regola: licenziare tuttoCreative Common.
    • Marketing TribaleL’individuazione del target non per fascia di età ma secondo stili di vita.Una tribù nel senso post moderno, è un insieme di individui concaratteristiche socio-demografiche molto diverse, ma collegati dauna stessa soggettività, passione, esperienza e capaci di azionicollettive vissute intensamente, anche se effimere.Le neo - tribù hanno riti e credenze radicate nella marca.Es: Ducatisti, Harleysti, la Apple.
    • Nike+ Human Race 10kLa Nike, in co-marketingcon la Apple, ha daqualche anno lanciatoNike+.Nel 2008 e nel 2009 la piùgrande community dirunner del mondo si èritrovatanella Nike+ HumanRace 10km, una corsapodistica unica nel suogenere.
    • Nike+ Human Race 10kUna corsa svoltasi in 25 cittàcontemporaneamente tracui: Roma, Londra, Madrid,Parigi, San Paolo, MexicoCity, New York, Sidney,Singapore.Obiettivo: mettere incontatto un milione dicorridori.
    • Social Media Marketingfine del Social MediaMarketing è quello di creareconversazioni conutenti/consumatori.Lazienda, attraverso il propriocorporate blog o siti di Socialnetworking, è abilitata ad unarelazione 1:1 che avvicinamittente e destinatario.
    • Un grande abbraccio Grazie! Damiano Cori Analyst Marketing & Communication - Social Media & Blogger Facebook: www.facebook.com/damianocori Twitter: www.twitter.com/damianocori LinkedIn: www. linkedin.com/in/damianocori/it Slideshare: www.slideshare.net/picketutd E-Mail: damianocori@hotmail.it Guerrilla Sport Site: www.guerrillasport.it Facebook: www.facebook.com/guerrillasport Twitter: www.twitter.com/guerrillasport Youtube: www.youtube.com/guerrillasport