0833   In primo                                                                                                           ...
0833   In primo                                                                                                           ...
Nonraccogliamopubblicità...     Raccolta differenziata a li-                                       GALLIPOLI              ...
24 marzo - 6 aprile 2011                                                                                                  ...
Gallipoli                                                                                                                 ...
24 marzo - 6 aprile 2011                                                                                                  ...
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Piazzasalenton5
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Piazzasalenton5

1,827 views
1,744 views

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,827
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
20
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Piazzasalenton5

  1. 1. 0833 In primo 1823575 piano e-mail: it to. i vostri ale n s z za annunci @ pia c ita b bli 24 marzo - 6 aprile 2011 anno I - numero 5 quindicinale - esce il giovedì tiratura 32.000 copie € 0,90 puQuei Intesa per la sicurezza delle aziende: ci sarà un unico servizio per tutta la notte e giorni festiviragazzicosì illusicosì forti I vigilanti alla zona industriale Escluse le altre ipotesi. Istituti invitati a presentare proposte di Fernando D’Aprile Si profila una soluzione contro l’allarme anti-furti alla zona industriale. Per far fronte Mi dicono: vuole venire a al crescendo di episodi criminali registratiparlare di giornali e giorna- negli ultimi tempi, imprenditori ed Ammi-listi nel processo per l’Unità nistrazione comunale sembrano orientati add’Italia? Va bene. Così devo intensificare la vigilanza sull’area. L’ipote-rispolverare testi aperti tanto si allo studio è quella di una sorveglianzatempo fa, quando incombe- notturna e festiva assidua con istituti privati.va il mio esame di Stato. E... Messa al bando l’ipotesi di ronde notturnesarà che quegli avvenimenti (con civili disarmati), si è deciso di affidar-esercitano un fascino mag- si ai professionisti del settore. «Abbiamogiore in tempi di divisioni per chiesto a quanti operano nel settore di for-forza; sarà che oggi si può nirci delle proposte di intervento che ver-parlare f nalmente di patria ranno poi valutate» afferma il vicesindacosenza più correre il rischio di Francesca Fersino. a pag. 16essere confusi con nazionali-sti guerrafondai. O forse è lareazione che la Lega Nord ciregala ogni qual volta apr ebocca, facendoci sentire ita-liani per natura e per logi- Piazza Garibaldica. Ma quegli aneliti, quegliideali, quei sogni riscaldanoancora. e i palazzi vicini L’altro dato che mi sor -prende è la giovanissima età arrivano le curedi quanti - direttori di giorna- a pag. 19li di cui erano spesso anche Uno degli ingressi della zona industriale di Casaranogli unici r edattori - rischia-vano tutto, ma pr oprio tutto, PARABITAper parlare e scriver e di li- Arriva in città la positiva esperienza già fatta a Leccebertà, di diritti, di emancipa-zione. Li avevo già incontratiin prima f la nel pezzo d’Ita-lia liberato a f ne ‘43, questo. Ospedali più umani Festa della ColturaI primi fogli che ripr endeva-no a circolare in Puglia allo- cambia l’iconara erano f rmati da ventennicome Vittore Fiore. Quasi un secolo prima aLecce Salvatore Stampac- “Ferrari” nel mirino L’ospedale a pag. 18 e affiorano protestechia a 23 anni aveva sulle a pag. 22spalle già sette pr ocessi,innumerevoli perquisizioni Risorse climatiche e nuove tecniche per tagliare i costi MATINOdomiciliari e alcuni anni dicarcere durissimo. Giovani d’età e di cuor e:volevano cambiare il mondo, Casa senza bollette Una web radiononostante il volere delle Po-tenze europee. Come quelli dioggi che ci pensano. Illusi, torna a parlareevidentemente. Come lo era-no i loro coetanei armati dipensiero e di penna 150 annifa. dal 2020 tutte così Il primo caso a pag. 20 con chi è lontano a pag. 25 SPORT Ce lo avete chiesto TAURISANO per essere sicuri di averlo Il Rally Mountain ed abbiamo provveduto L’8 aprile il corteo corre anche bike, in 300 Per abbonarsi per portare per i bimbi per trofeo a la “santa” in chiesa diabetici e pasta party e riceverlo per posta il costo è di 35 euro per sei mesi a pag. 29 Partirà sabato 2 aprile da Piazza S. Do- Ultimi preparativi per l’ottava edizione del 65 euro per dodici TAURISANO menico e si concluderà domenica 3 la 17^ Trofeo Città di Matino Mtb. La gara, fissata edizione del “Rally Città di Casarano”, che per il 10 aprile, è valevole per il campiona- apre la stagione rallystica pugliese, valida quale prova del Challenge rallies nazionali to regionale. Grande partecipazione anche quest’anno: a richiamare l’attenzione il per- Piazza Castello di Settima Zona. Gara interamente su asfal- corso che si svolge per buona parte della gara to per 320,29 Km. La kermesse è quest’anno collegata al progetto di solidarietà a sostegno nelle stradine e nei vicoli del centro storico. Un allegro pasta party attenderà gli atleti, dopo la Per informazioni telefonare allo 0833 1823575 tornerà a spledere dell’associazione pediatrica diabetici del Sa- gara. Organizza l’Asd Mountain bike group. lento. a pag. 21 a pag. 27 o scrivere a info@piazzasalento.it a pag. 30
  2. 2. 0833 In primo 1823575 piano e-mail: it to. i vostri ale n s z za annunci @ pia c ita b bli 24 marzo - 6 aprile 2011 anno I - numero 5 quindicinale - esce il giovedì tiratura 32.000 copie € 0,90 puQuei Un cantiere aperto sulle Mura, un altro in arrivo a “S. Francesco” ma le urgenze restanoragazzicosì illusi La Purità diventerà un gioiellocosì forti Forte l’erosione tra Torre del Quartaro e Baluardo S. Domenico di Fernando D’Aprile Hanno difeso la città ed i suoi abitanti Mi dicono: vuole venire a in secoli di assalti e scorrerie; adesso e daparlare di giornali e giorna- un po’ di tempo sono loro ad avere bisogno.listi nel processo per l’Unità Sulle Mura della città antica è già operanted’Italia? Va bene. Così devo un cantiere sulla spiaggetta della Purità, perrispolverare testi aperti tanto la rimozione delle parti abusive, la creazio-tempo fa, quando incombe- ne di una discesa a mare e di una passeggia-va il mio esame di Stato. E... ta, oltre alla urgente manutenzione straor- dinaria. Costo: 2 milioni. Poco più avanti,sarà che quegli avvenimenti per rinforzare il basamento del Baluardo diesercitano un fascino mag- San Francesco d’Assisi, ci sarebbe tutto ilgiore in tempi di divisioni per necessario, ma la gara d’appalto fatta a set-forza; sarà che oggi si può tembre non ha ancora visto l’inizio dei lavo-parlare f nalmente di patria ri, mentre aspettano le cure necessarie altresenza più correre il rischio di parti della cinta.essere confusi con nazionali- alle pag. 2-3sti guerrafondai. O forse è lareazione che la Lega Nord ciregala ogni qual volta apr ebocca, facendoci sentire ita-liani per natura e per logi-ca. Ma quegli aneliti, quegli Ex Nautico, il futuroideali, quei sogni riscaldanoancora. mette in collisione L’altro dato che mi sor -prende è la giovanissima etàdi quanti - direttori di giorna- Provincia e istituto A pag. 3li di cui erano spesso anche I lavori in corso nel seno della Puritàgli unici r edattori - rischia-vano tutto, ma pr oprio tutto,per parlare e scriver e di li- Da maggio 200 tonnellate di rifiuti in meno in discarica ALEZIObertà, di diritti, di emancipa-zione. Li avevo già incontratiin prima f la nel pezzo d’Ita-lia liberato a f ne ‘43, questo.I primi fogli che ripr endeva- “Differenziata record” Troppi problemino a circolare in Puglia allo- e “Piccole dolcira erano f rmati da ventennicome Vittore Fiore. Quasi un secolo prima aLecce Salvatore Stampac- impennata a febbraio L’ass. Alemanno a pag. 2 note” si fermachia a 23 anni aveva sulle a pag. 8spalle già sette pr ocessi,innumerevoli perquisizioni SANNICOLAdomiciliari e alcuni anni di In città, a Sannicola e Tuglie dove ci sono pure i concorsicarcere durissimo. Giovani d’età e di cuor e:volevano cambiare il mondo,nonostante il volere delle Po- Caremme, appese Quasi 4 milionitenze europee. Come quelli dioggi che ci pensano. Illusi, per dire bastaevidentemente. Come lo era-no i loro coetanei armati dipensiero e di penna 150 annifa. o sedute, eccole qui Una caremma A pag. 3 agli allagamenti a pag. 11 SPORT Ce lo avete chiesto TUGLIE per essere sicuri di averlo Il Gallipoli Ciclocross ed abbiamo provveduto Feste patronali “per azioni” con la torta Per abbonarsi l’Annunziata esempio dei 21 anni nazionale e tanti trofei a e riceverlo per posta apre la stagione a pag. 14 il costo è di 35 euro per sei mesi L’associazione “Il Mio Gallipoli” e l’azio- Torta di compleanno con ventuno cande- 65 euro per dodici TUGLIE nariato popolare sono la scommessa vinta del line spente lo scorso febbraio per il Grup- presidente Attilio Caputo e del gruppo Caroli po ciclistico salentino di Sannicola, costi- Hotel. Una scommessa che sta segnalando di nuovo il Gallipoli, ma questa volta in senso positivo, all’attenzione del calcio maggiore. tuito nel 1999, con la voglia di offrire ai giovani l’opportunità di pedalare per pas- sione verso questo sport. Nel corso degli Emigranti: la vita Per informazioni Il Gallipoli è l’unica società col Mantova a seguire questa strada ed a Roma è arrivato il primo riconoscimento. anni, tra gare ciclistiche, mountain bike e minicross, gli atleti della società sannico- lese hanno raccolto molte soddisfazioni. telefonare allo 0833 1823575 o scrivere a info@piazzasalento.it i sorrisi, i rifiuti a pag. 15 a pag. 7 a pag. 13
  3. 3. Nonraccogliamopubblicità... Raccolta differenziata a li- GALLIPOLI 24 marzo - 6 aprile 2011 «Ora vogliamo una città più pulita» Pag. 2 L’assessore all’Ambiente commenta gli incredibili risultati: «Non è una sorpresa, da mesi lavoriamo a cambiare la mentalità» …offriamo 120.000 punti di contatto secondo l’assessore all’Am- biente, Cosimo Alemanno. Chevelli da record regionale, e in aggiunge: «Da mesi è stataComune c’è, comprensibilmen- per innalzare qualitativamente città più pulita e decorosa, so- attivata un’attenta politica sulte, grande soddisfazione per i ri- le politiche ambientali cittadi- prattutto in vista dell’invasione territorio su input dell’Ammini-sultati raggiunti in poco tempo. ne, migliorando igiene, decoro dei turisti prevista, come al so- strazione comunale sulla qualitàIn particolare il primo cittadino, e pulizia in città. Dall’altro, ap- lito, a cavallo tra luglio e agosto. del rifiuto conferito dagli utenti.Giuseppe Venneri, vede final- pare chiaro adesso che una svol- Almeno bisognerebbe evitare lo Una politica cui ha contribuitomente premiata la sua scom- ta metodologica e culturale di spettacolo sconfortante dei rifiu- in modo decisivo anche la cam-messa ambientale. questa portata aveva bisogno di ti che debordano dai cassonetti, pagna pubblicitaria promossa «Quelli diffusi recentemente un fisiologico arco di tempo per come accadde l’anno scorso. Ma dall’assessorato al Marketingdalla Seta sono dati che confor- iniziare a dare i risultati sperati. per questo ci vuole l’impegno di territoriale e dall’assessoratotano e che testimoniano - dice il E il futuro non potrà che miglio- tutti: comune, cittadini, turisti e all’Ambiente, che sembra aversindaco - come, da un lato, l’op- rare e perfezionare questi dati, ditta titolare dell’appalto. dato i suoi frutti, come dimo-zione in favore della differenzia- già di per sé esaltanti». Tornando alla differenziata strano i dati lusinghieri di feb-ta, voluta dall’Amministrazio- Certo, la ciliegina sulla tor- «il dato impressiona per impor- braio».ne, fosse doverosa e necessaria ta sarebbe riuscire ad avere una tanza, ma non è una sorpresa», L’assessore Alemanno Il sindaco Venneri VC Straordinari dati forniti dalla Seta: -42% di conferimento in discarica a febbraio Caso alla ribalta a dicembre era la metà. Col nuovo sistema passati da 886 a 676 tonnellate di Vittorio Calosso «Nucleare La cautela è d’obbligo, dalmomento che una impennata diquesto tipo non risulta essersiverificata da nessun’altra parte,ma il dato resta: da dicembre a «Differenziata, è record» il Salento è territoriofebbraio la percentuale è più cheraddoppiata, dal 20 ad oltre il40%. La società che gestisce ilservizio per il Comune, peraltro Il “porta a porta” in vigore dal maggio scorso ideale» Anche alcune scuole su- IL SISTEMA derato che, in assenza di impian- Se le quattro centralicon un rapporto a tratti conflit- periori, a seguito degli invitituale, ha fornito dati da record VA ti provinciali di compostaggio in che dovrebbero sorge- dell’amministrazione, nelle ulti- Operatori al grado di recuperare la frazionecirca la raccolta differenziata. lavoro per le re entro il 2020 in base me settimane avevano adottato organica, a Gallipoli si recupera all’accordo tra i governiSecondo le ultime risultanze strade dellaevidenziate dalla “Seta” - e fat- le misure necessarie per far par- città. Stando ai la sola frazione secca (carta, car- di Francia e Italia si fa-te proprie dall’Amministrazione tire la differenziata anche nelle dati diffusi dalla tone, plastica, vetro, alluminio, ranno davvero, il territoriocomunale che le ha pubblicate classi. Ed ora, dopo appelli e riu- Seta, i rifiuti rame etc.). salentino offre le miglio- nioni tra Comune, progettisti del solidi conferiti Riguardo all’intero territorio ri condizioni ambientalisul sito internet istituzionale - la in discaricadifferenziata in città sta avendo sistema di raccolta e personale sono ridotti gallipolino, a febbraio la pro- (niente terremoti, zonaun grande successo. della Seta, pare che negli ultimi fino al 42 per duzione di rifiuti indifferenziati pianeggiante, vicinanza al Sin dall’avvio (da maggio due mesi la differenziata abbia cento in meno è stata pari a 676,98 tonnellate, mare per l’acqua neces- subito una vera esplosione. nel mese di mentre la produzione attribuibile saria al raffreddamento)2010) la raccolta differenziata febbraio 2001.ha fatto registrare un buon an- L’indicatore scelto dalla prima della attivazione della rac- per ospitare una centrale Un’impennatadamento. Poi, qualche ritrosia “Seta” e dal Comune di Gallipo- che fa parlare colta porta a porta era di 886,46 o un deposito di materia-e comportamento recalcitrante li per valutare l’andamento della l’amministra- tonnellate. L’impegno di Comu- li radioattivi. È quanto siaveva “rallentato” il nuovo si- raccolta porta a porta nelle zone zione di record ne, azienda e cittadini sono così evince da una interroga-stema di raccolta dei rifiuti solidi del centro storico, del borgo e regionale stati premiati da percentuali che zione del parlamentarecittadini. Il Comune aveva de- della Peep 3, è quello della ridu- portano Gallipoli a un livello di Ermete Realacci (Pd, exciso di usare il pugno di ferro e zione del conferimento di rifiuti del servizio della “Seta Eu”, si 42,05% fatto raccolta differenziata che con- Legambiente), che haribadire con fermezza che quello solidi urbani in discarica rispetto è passati da valori di riduzione registrare a fine febbraio. sente alla città di superare la so- chiesto di fare chiarezza all’anno precedente. del rifiuto indifferenziato prossi- Quest’ultimo dato sembra glia minima utile per la parteci- sull’esistenza di due map-della raccolta differenziata è un Nel dettaglio, sempre secon- mi al 20% alla fine del 2010 al peraltro rappresentare un vero e pazione all’assegnazione della pe (una per la costruzioneobbligo di cittadini e commer- delle centrali, l’altra per lacianti, non solo una possibilità. do i dati forniti dai responsabili 31,06% di gennaio 2011 fino al proprio record regionale consi- bandiera blu d’Europa. costruzione dei depositi di scorie) nelle quali sarebbe tracciata la geografia del 150 Nuova targa per Antonietta De Pace a palazzo D’Ospina nucleare in Italia. Realacci parte da un documento del 1979 del Cnel (Comitato Gallipoli onora la sua eroina Alle 10 in punto alla pre- nazionale energia nuclea- re) che contiene una map- pa di siti idonei a monte della quale ci fu uno stu- dio dettagliato; tale studio senza di un picchetto d’onore sarebbe ancora oggi tra le delle forze armate schierato carte che l’Enea (ex Cnel) sulla spianata del Rivellino, ha sta analizzando in vista avuto luogo l’alzabandiera, is- del ritorno al nucleare in sata sul torrione della sala otta- Italia. Per la Puglia queste gonale del Castello Angioino. le indicazioni contenute Così sono iniziate a Gallipoli nella mappa: sito 28, zona le celebrazioni per i 150 anni costiera al confine con la dell’Unità. Basilicata (Taranto); 29, In tanti hanno accolto l’in- zona costiera a nord del vito dell’amministrazione ad promontorio del Gargano esporre il Tricolore fuori da in prossimità di Lesina finestre e balconi, così la città (Foggia); 30, zona costie- si è risvegliata più colorata. Il ra del Golfo di Manfredo- momento più suggestivo del- Nuova targa e Tricolore sul palazzo dove nacque la De Pace nia (Foggia); 31, la zona la manifestazione è stata la costiera ionica a nord di collocazione sulla facciata di stata posizionata una corona della commissione Pari Op- Porto Cesareo (Lecce); palazzo d’Ospina della targa d’alloro a cura dell’Associa- portunità, Anita Marzano - si 32, la zona costiera ionica indicante la casa natale di An- zione Marinai d’Italia di Gal- è aperto un convegno sul Ri- a sud di Gallipoli (Lec- tonietta de Pace. lipoli, mentre l’Associazione sorgimento. Gli storici Vittorio ce); 33, la zona costiera Sono passati circa 20 anni musico-culturale “S. Cecilia Zacchino ed Elio Pindinelli, adriatica a nord di Otranto da quando venne commesso – Città di Gallipoli” ha esegui- davanti ad una platea attenta, (Lecce) vincoli naturali- un falso storico, con il posizio- to inni patriottici. A seguire, hanno tenuto una lezione su stici; 34, la zona costiera namento della targa sul palaz- in una gremitissima aula della Antonietta de Pace e il Risor- a sud di Brindisi (Lecce) zo Pasca Raimondo, ritenuto, biblioteca comunale Sant’An- gimento a Gallipoli. Con que- vincoli naturalistici; 35, la erroneamente, la casa di nasci- gelo - alla presenza dell’asses- ste iniziative il Comune apre i zona costiera in corrispon- ta dell’eroina. L’Amministra- sore alla Cultura, Francesco festeggiamenti a cui dedicherà denza di Ostuni (Brindi- zione in questo modo rimedia Errico, del sindaco, Giuseppe tutto il mese di maggio con il si). Il Cnel aveva indicato all’errore. Per l’occasione è Venneri, e della presidente coinvolgimento delle scuole. 52 siti.
  4. 4. 24 marzo - 6 aprile 2011 Gallipoli NADIA MARRA, ARRIVA e sceneggiatrice gallipolina Nadia editrice “Three Crowns international 3 LA MENZIONE INTERNAZIONALE Marra, in foto, (che ha firmato “Va- publishing” di Londra. Il racconto è Il racconto in questione si intitola canze a Gallipoli” insieme con Tony stato premiato per “la storia origi- “Brivido tagliente” e, come lascia Greco) è stata insignita della men- nale, riconducibile ai fatti noir della intendere il titolo, è un noir. Grazie zione internazionale nel concorso periferia italian ricca di cronaca, alle sue doti di scrittura, la scrittrice “Giallo italiano” indetto dalla casa molto seguita dai lettori”. Un nugolo di caremme agli angoli delle strade di Anna De Matteis Passeggiando per le stradedi Gallipoli e le viuzze del cen- Ora le “vecchine” risalente alla mitologia greca, vo- lendola identificare in Cloto, una delle tre Parche. L’opinione ricor- rente a Gallipoli - prosegue Trica-tro storico, sarà facile di questitempi sentirsi osservati da un’in-combente figura dalle sembian-ze femminili, vestita di nero e piacciono ai ragazzi rico - la vuole invece come madre “de lu Titoru”». Solo a Gallipoli la caremma è appesa per aria in mezzo alla strada; nei paesi limi-sospesa tra due cornicioni. E’ la Francesco d’Assisi, nei crocicchi di privazioni e come auspicio di trofi si intravedono dietro finestre,Caremma, fantoccio riempito di del borgo antico di Gallipoli, la una nuova vita. Una sorta di rito su verande, fuori la porta di casapaglia e botti con il volto di una Caremma faceva la sua compar- di purificazione. intente in qualche attività.vecchia che simboleggia il lutto sa, legata con alcune funi tra una «Nella mano destra porta la Sembra che questa tradizio-della Quaresima. terrazza e l’altra, tutte le persone canocchia e nella sinistra il fuso, ne hanno ripreso vigore negli Questa nota ed un po’ in- presenti per stada, al rintoccar dove vi è conficcata un’arancia La caremma in via Russo, angolo via Castriota ultimi tempi, anche tra i giovani:quietante vecchina viene espo- delle ventiquattr’ore, in segno di (o marangia, ndr) con sette penne «Sì - conferma Tricarico - e mi fasta lungo le strade poco dopo lo deferente devozione per la Qua- del cappone consumato a Natale: per i più, noto per le sue ricerche ne francese. Le versioni sulle sue piacere che ci sia stato questo re-scoccare della mezzanotte del resima che cominciava, toglieva- ogni settimana ne viene tolta una sulle tradizioni locali. origini sono invece diverse. «C’è cupero delle tradizioni. Tra quelleMartedì Grasso. Come scrive Co- no la maschera». per scandire il tempo che ci avvi- La presenza delle Caremme chi identifica la Caremma come viste, mi è piaciuta in particolaresimo Perrone nel testo preparato La Caremma resta appesa per cina alla Resurrezione. Quasi un in città è antichissima; il nome la vedova dell’appena defunto quella di Emilio Picciolo in viaper “Gallipoli nostra”, «mentre 40 giorni, fino a Pasqua, per esse- calendario rudimentale, insom- probabilmente deriva dai soldati Carnevale (e questo spieghereb- Russo. Anzi, vi do appuntamentoancora echeggiava nell’aria il re bruciata a mezzogiorno in pun- ma, che scandisce la Quaresima», francesi che occupavano il Salen- be l’abito a lutto); c’è chi le at- lì per domenica di Pasqua per fe-rintocco grave della chiesa di San to, ad indicare la fine del periodo racconta Luigi Tricarico, Mba Pì to nel 1500, “careme” è il termi- tribuisce una simbologia pagana steggiare insieme».La giuria decreta la vittoria di Cosimo Perrone, tra il malumore degli altri carristi. E il Pdl inveisce contro Venneri di Cosimo Perrone Archiviata la 70^ edizionedel Carnevale, con la vittoriaun po’ a sorpresa, del carro “Pa- Il Carnevale si chiude solo – dice Salvatore Coppola - che la classifica finale sia stato frutto di un giudizio di giurati qualificati. Non capiamo però come si possa giudicare merite- vole di primo premio un carro con qualche polemicagliacci, giocolieri, illusionisti,contorsionisti e domatori di che faceva difetto di rifiniture,bestie feroci” di Cosimo Per- di solidità strutturale, e di la-rone, rimangono le polemiche. vorazione della cartapesta». LaIl sindaco Venneri sottolinea il Giuria, presieduta da Salvatore“grande successo” di quest’anno Romano, secondo alcuni carristi,e prende l’impegno di i particolari non riesce a vederli.mantenere alta la tra- «E questo a noi non sta bene – 1 2 continua il carrista – perché ildizione del Carnevale,riuscendo a superarele difficoltà che si pre- ° ° giurato dovrebbe farsi un’idea della lavorazione del carro. Per questo avevamo chiesto che unsentano di anno in annoper l’organizzazione e rappresentante dei carristi assi-il finanziamento, ma stesse alla apertura delle bustel’opposizione attacca. con i voti. Perché non vogliono«Bisogna aver perso i che uno di noi sia presente?»contatti con la realtà per Intanto il vincitore di questasostenere che l’edizio- 70^ edizione, Cosimo Perrone,ne 2011 del Carnevale si gode la vittoria. E tra i tantigallipolino sia stata una litiganti, per quest’anno è lui amanifestazione riusci- guardare tutti dall’alto in basso.ta», scrive in una nota Rimane però incredulo davantiil Pdl. L’opposizione al palco della giuria e alla procla-salva l’impegno degli mazione della vittoria. Perrone èorganizzatori e difende tornato a ruggire dopo qualcheil lavoro dei maestri anno di anonimato. La sua vit-cartapestai anche se toria ha un sapore particolare sequesti rimangono «svi- si pensa che la sua equipe è for- 3 mata solo da qualche giovane diliti dall’impreparazione dellaGiunta e del sindaco, incapaci adare un nobile indirizzo ad una ° IL PODIO belle speranze e nulla più.kermesse degna delle aspettative Primo classificato dell’edi-dei cittadini e dei pochi turisti zione numero 70 del Carne-che sono venuti a conoscenza vale è Cosimo Perronedegli eventi». A onor del vero, con i suoi “Pagliacci, giocolieri, illusionisti,e maltempo a parte, quest’anno contorsionisti e domatorinon c’è stata la grande affluenza di leoni”. Al secondo postodi pubblico. ci sono i fratelli Coppola La delusione del secondo con “70 anni di gloria” e alposto si legge sul volto dei fra- terzo “Made in China” deltelli Coppola, autori del carro carrista Franco Monterosso“70 anni di gloria”. «Speriamo
  5. 5. Gallipoli 24 marzo - 6 aprile 2011 L’ECCIDIO DI OTRANTO queste parti i navigli con la mezza- a protezione del borgo antico oggi4 ALLA BASE DELL’OPERA luna non arrivarono mai. La cinta restano solo le parti inferiori, perchè Fu l’eccidio di Otranto da parte dei con bastioni, fortini, torri e baluardi la parte alta è stata demolita tra il turchi, nel 1480, a spingere i galli- (12 in tutto) aveva il suo fulcro nel 1879 ed il 1887, lasciando al suo posto polini a munire la propria cittadina Castello quasi per intero circondato una riviera ininterrotta ed una di strutture difensive, anche se da dal mare. Di questa grande opera impareggiabile veduta. Salviamo le Hanno retto agli assalti di di- verse flotte nemiche, veneziane, francesi, inglesi, borboniche; hanno protetto la città come un Purità, grandi cure Tornerà una gemma abbraccio materno tutte le volte che hanno potuto, da un bel po’L’assessore Palumbo: di tempo hanno bisogno loro di cure tanto affettuose quanto effi- caci: le mura che cingono il nu- cleo storico di Gallipoli mostrano«A “San Domenico” in alcuni tratti l’usura del tempo, anche del tempo di pace. Ma le loro esigenze, sempre più stringenti, non sono state del Rimozioneforti preoccupazioni» tutto ignorate. Anzi, c’è da dire che proponimenti e progetti non sono mai mancati. Solo che da di parti abusive I lavori in corso attualmen- sono visibili ad occhio nudo tra qualche anno dagli studi si è pas-te nell’area della Purità vedo-no muovere i primi passi che la Torre del Quartaro o degli An- geli e il Baluardo di San Dome- sati alla fase pratica e concreta de- gli interventi, come quello che sta passeggiataavrebbero portato all’aperturadel cantiere “appena” una deci- nico o dell’Annunziata (secondo la ricostruzione delle fortifica- interessando la zona della Purità, compreso tra il Fortino di San Benedetto, la Torre di sant’Agata e maquillagena di anni fa, con l’accordo sti- zioni gallipoline effettuata da Et-pulato tra il Comune di Gallipo- tore Vernole del 1933). «Quel (o delle Saponere, con riferimen-li, allora retto dal commissario tratto è sicuramente mal messo to alle vicine fabbriche di sapone di un tempo) e il bastione di San come pure la vincitrice della garastraordinario, dottor Francesco tanto da destare forti preoccupa- Francesco d’Assisi. tra imprese per i lavori. Lo start èLeopizzi, e la Soprintendenza zioni - dice l’assessore ai Lavori Prima ancora, negli anni nelle mani del Genio civile opereai Beni architettonici di Lecce, pubblici, Biagio Palumbo - e per 2000-2001, un consolidamento marittime (ne parliamo in altrarappresentata dall’architetto risolvere quel serio problema statico con relativo restauro ave- parte del paginone).Mario Antonio De Cunzo. La stiamo cercando di attivare tutti va riguardato il lato sud vicino al Altri segmenti della cintafirma è del 16 marzo 2001. i canali possibili per trovare i ne- Castello. In quel caso era stata di- muraria, proseguendo nel senso Il duo Comune-Soprinten- cessari finanziamenti». Secondo chiarata la “somma urgenza” di marcia del traffico consentito,denza, operando di concerto una stima dell’Ufficio tecnico Un altro cantiere dovrebbe sono malmessi, con dei cedimen-fino ad oggi, promuove il pro- comunale potrebbero essere suf- aprirsi a breve (si spera) in pros- ti ben visibili come tra il Baluar-getto per il recupero delle mura ficienti 300mila euro per ripristi- simità del Baluardo di San Fran- do di San Domenico e la Torredi Gallipoli vecchia. Al secondo nare una situazione di sicurezza. cesco: i finanziamenti ci sono, del Quartararo o degli Angeli, I lavori in corso vicino al Fortino San Benedettocapoverso della relazione tecni-ca, che accompagna i comples-si elaborati, si legge: «Le mura Risolte le due vertenze giudiziarie, in aprile riprenderanno i contestati lavori sulla via per Lecceurbiche di Gallipoli versano inuno stato di completo abban-dono e degrado a causa anchedell’assenza di precedenti inter-venti restaurativi e di qualsiasi Nuova caserma dei carabinieriopera di manutenzione ordinariae straordinaria. Solo un tratto dimura è stato oggetto negli anni2000-2001 di un intervento il cantiere riapre dopo 4 anni Nuova caserma dei carabi- ciava a denunciare lo scorrere Nucleo investigativo del Co-di consolidamento statico e di nieri: si parte. Anzi, si riparte inesorabile del tempo. mando provinciale di Lecce. Lerestauro da parte della Soprin- considerato che il progetto per A sbloccare l’intrigata ma- due strade percorse dalla srl pertendenza per lavori di somma la sede della Compagnia e della tassa, svoltasi in sedi giudi- far valere le sue ragioni si sonourgenza e di un altro successivo, stazione dei carabinieri di Galli- ziarie penali e civili, è stata la alla fine intrecciate, dopo la de-previsto nell’ambito dei pro- poli era stato approvato definiti- sentenza del Consiglio di Stato cisione dei giudici della quartagrammi ordinari del Ministero vamente nel 2003, esattamente ed i permessi di costruire in sa- sezione del Consiglio di Statodei Beni e Attività culturali. Tali il 29 maggio di quell’anno. natoria rilasciati dal Comune che annullò la sentenza del Tarlavori hanno interessato il lato Con la rimozione dei sigilli (sulla questione si è pronunciatosud in prossimità del Castello». e stabilì l’errore del Comune La situazione generale da di sequestro, apposti dai vigili favorevolmente anche il Consi- quando, con una decisione delallora - anno 2001 - non è cer- urbani il 27 settembre 2007 per glio comunale nei mesi scorsi) Consiglio comunale il 12 apriletamente migliorata. Migliore- opere realizzate in difformità con il parere favorevole della del 2006, destinò a parcheggirà indubbiamente per quanto con quanto approvato in sede Soprintendenza ai Beni am- privati il terreno di via Lecceriguarda la cinta compresa tra progettuale, non ci sono più bientali, con conseguente dis- su cui è sorta la caserma. Delil Fortino di San Benedetto e ostacoli per la società Maya, sequestro. Il pubblico ministero resto, ricordarono quei giudici,il Baluardo di San Francesco che aveva vinto l’appalto per la Stefania Mininni ha disposto la la “Maya” ottenne una rogato-d’Assisi (in pratica tutta l’inse- costruzione del grande immo- restituzione dell’immobile alla ria alle norme che regolano lanatura della Purità, interessata bile. “Maya”, rappresentata dall’in- costruzione di immobili civili,da due progetti distinti), ma ci Infatti, entro il mese di apri- gegnere Marino Congedo. trattandosi di una caserma mi-sono altri tratti delle mura per le il cantiere verrà riaperto e Il fascicolo inizialmente era litare.i quali non sembra fuori luogo l’opera potrà essere ultimata, finito in Procura sul tavolo del La “Maya” inoltre ha rimar-parlare di pericoli per l’incolu- togliendo alla vista degli auto- pubblico ministero Marco D’A- cato che se è vero che le distan-mità pubblica. mobilisti in transito un brutto gostino, che aveva condotto le ze dell’immobile dal mare sono I danni causati da prolunga- La costruzione su via Lecce che ospiterà Compagnia e Stazione rustico su via Lecce che comin- indagini con i carabinieri del inferiori a 300 metri, è ancheta incuria ed effetti dei marosi
  6. 6. 24 marzo - 6 aprile 2011 Gallipoli SONO LUNGHE MILLE CANNE lunghezza di “mille canne”, vale a del 1808 al cannoneggiamento di 5 CIOE’ DUE CHILOMETRI dire due chilometri, riuscì a resiste- navi inglesi e borboniche. Il Baluardo Per la sua posizione strategica nello re agli assalti delle milizie di Carlo di San Francesco d’Assisi era antica- Ionio, Gallipoli fu da sempre una XVIII e del Lautrec. Nel XVIII secolo mente collegato all’isoletta del Cam- città contesa. Con le poderose mura la cinta fu ulteriormente fortificata, po, prima che il mare li separasse edificate tra il 1483 ed il 1528 per una tanto da poter resistere il 24 agosto danneggiando la fortificazione. COM’ERA IERI NON SARA’ Una delle ultime foto scattate al Seno della Purità prima dell’inizio delle grandi operazioni che gli ridaranno l’antico splendore. Più a sinistra, le condizioni delle mura nei pressi del Baluardo di San Domenico, riviera Diaz “SOMMA URGENZA” Ecco come si presenta il basamento del baluardo di San Francesco d’Assisi. Il lavorio del mare è evidentente ed è per questo che il Comune sta premendo sull’Ufficio Opere marittime affinchè dia corso ai lavori programmati e finanziatimura Progetto, fondi per un milione 654mila euro e gara già fattasul versante di scirocco. C’è chicomincia a temere per la staticitàdella riviera Diaz, chi allontanaogni timore almeno nell’imme- che ha comportato l’erosione dei conci; inoltre vi è la presenza di una diffusa vegetazione infestan- te e intonaci distaccati, conci pri- C’è tutto tranne gli operaidiato; sta di fatto che si stannocercando altre fonti di finanzia-mento per provvedere alle biso-gna. Tornando alle mura che dan-no sulla spiaggetta della Purità,sono 2 i milioni a disposizione vi di malta e non cementati, tanto da rendere le superfici murarie alquanto deboli e vulnerabili». Oltre al consolidamento col ricorso - se necessario - a barre di acciaio, ed alla pulitura generale e radicale delle superfici “con e il “San Francesco” trema C’è una situazione a rischio; mento delle mura ha avviatodell’impresa appaltatrice Moc- eliminazione in profondità delle c’è il progetto per ripristinare un conseguente degrado sullecia restauri e recuperi di Napoli;il contratto è stato registrato il 5maggio del 2009 ma i primi passi radici” di erbe e piante, sono state rimosse alcune murature posticce che avevano praticamente chiuso una situazione di sicurezza; ci sono i soldi, tanti e sonanti; c’è Dall’Ufficio Opere marittime di Bari stesse mura. Lo stato di conser- vazione, di precarietà statica dif- anche l’impresa che ha vinto la fusa sullo stesso basamento puòdell’intera operazione risalgonoad un accordo Comune-Sprinten- otto grandi arcate e le cinque ri- cavate nella rampa di accesso alla gara per aggiudicarsi i lavori ma ancora non si muove niente. nessuna risposta al Comune mettere in crisi strutturale una grande parte dell’ala nord-ovestdenza datato 2001. Il progetto è spiaggia (usate come depositi);firmato dai tecnici comunali Giu- rimosse anche una rampa di scale A niente sono valsi finora tutti del Bastione». Era il 15 settem-seppe Carmone e Sergio Leone, ed una costruzione che copriva il i tentativi del Comune per dare bre 2010. Da qui il sindaco Ven- uno sbocco concreto ad un cu- amministratori gallipolini. che l’appalto sia stato assegnato neri aveva tratto subito spuntoentrambi ingegneri, e dall’ar- prospetto originario delle mura, all’impresa che se lo è aggiudi-chitetto Antonio Bramato della che ha fatto tornare alla luce un mulo di sole (finora) carte. Tiene più sulla corda il si- per emanare una ordinanza alloSoprintendenza ai Beni architet- tratto delle antiche mura. E il Baluardo di San Fran- lenzio che Bari oppone ai passi cato, come prevede la norma. E’ scopo di “porre in essere contonici di Lecce. L’opera della ri- I progettisti hanno pensato cesco d’Assisi (o Palazzo Feri- anche ufficiali fatti dal Comune nota anche la durata dei lavori: l’istituto della somma urgenzaviera Nazario Sauro è stata resa ad una passeggiata ed a come cino), che chiude la baia della per mettere in essere finalmen- 365 giorni a far data dalla con- tutte le lavorazioni a difesa delpossibile da un programma eu- rendere accessibile la spiaggetta Purtità a sud, aspetta, con la te i “lavori di difesa del centro segna alla ditta interessata. Ed è centro abitato in prossimità delropeo cofinanziato dalla Regione attraverso i varchi che, una volta, speranza di poter ancora resiste- abitato dall’azione del mare in arcinota la situazione di pericolo Baluardo di San Francesco” ePuglia (Pis 14) e da una intesa portavano ai “camerini” piantati re agli assalti delle mareggiate. corrispondenza della riviera esplicitata anche da una nota uf- per “la salvaguardia delle per-stipulata dal Comune e dalla So- in acqua: con la sistemazione del Una volta superate le (ultime?) Diaz (Bastione San Domenico) ficiale dell’ingegnere comunale sone e del territorio da pericoliprintendenza nel 2001. parapetto superiore verrà realiz- difficoltà da parte del Provvedi- e del tratto del Seno della Purità Giuseppe Carmone al sindaco imminenti”. «La cinta muraria interessata zata una scala in legno. Del tutto a cura dell’Ufficio Opere marit- Giuseppe Venneri: «Questodall’intervento - si legge nella re- superata infine la diatriba, pare torato interregionale per le opere La risposta del Provvedito-lazione tecnica - purtroppo si pre- tutta interna alla Soprintendenza, pubbliche di Puglia e Basilicata time” del Provveditorato. Ufficio ritiene di segnalare l’e- rato del 27 settembre era statasenta in uno stato di avanzato de- sul rivestimento ripristinato con di Bari, ci sarà da organizzare il Il bando per mettere a gara sigenza di un intervento quanto l’invio dell’ordinanza ad unagrado con assenza di muratura in calce idraulica a basso contenu- nuovo cantiere con quello già in un intervento da 1 milione mai urgente alla base del Ba- serie di uffici, sottolineando chealcuni tratti della zona basamen- to salino e pozzolana che aveva corso nel resto della Purità, ma 654.445 euro è scaduto il 29 luardo di San Francesco; infatti per l’opera “sono in corso letale a causa dell’azione del mare fermato i lavori durante l’estate. non è questo che preoccupa gli settembre scorso; si ha notizia il degrado strutturale del basa- procedure di gara”.vero che sui terreni accantoalla caserma è stato prevista la Il destino del vecchio “Nau- tico”, a ridosso della caserma cessitano di una variazione della destinazione d’uso della zona: Il destino del “Nautico” dato che “il Nautico ai tempi di via Gramsci ospitava 600 alunnicostruzione di strutture alber-ghiere con il nuovo Piano rego-latore generale approvato dallaRegione. dei carabinieri alla Giudecca, ri- accende interessi ed animi. Il fu- turo dell’immobile, di proprietà della Provincia, non interessa il Piano regolatore generale la riserva oggi esclusivamente ad “attrezzature scolastiche”. Pure la Provincia di Lecce ha da divide politica e scuola e oltre 100 tra docenti e Ata” e l’indotto che esso alimentava, i firmatari aggiungono: «Non cre- diamo che un parcheggio o un La decisione del Consiglio solo il Comune, la città, l’ente tempo chiesto al Comune questa residence al posto della scuoladi Stato ha finito per determi- proprietario ma anche il mondo modifica urbanistica. porterà alla nostra comunità lanare nuove scelte urbanistiche, economico, essendo l’area mol- La proposta di Coppola to appetibile. E’ bastata una pro- intende “agevolare” da parte stessa ricchezza di umanità econ l’adozione di un nuovo cultura, lo stesso valore aggiun-piano che prevede “attrezzature posta del consigliere comunale del Comune l’alienazione di Giuseppe Coppola (pro vendita quell’immobile (con il ricavato to all’economia cittadina». Lamilitari e per l’ordine pubbli- sede di via Sannicola “è troppoco”, come ha rilevato lo stesso per varie ragioni) per avere subi- e con ulteriore mutuo la Provin- to una reazione di docenti e au- cia completerà il nuovo Nautico decentrata e disagevole e servi-pubblico ministero Stefania Mi- ta male dal trasporto pubblico”.ninni nel decreto di restituzione siliari del Nautico “Vespucci”, di via Sannicola). Il Comune po- che chiedono invece la ristrut- trebbe chiedere l’impegno alla «Tutti sembrano inoltre ignoraredella caserma. Il magistrato ha turazione e il riuso della vecchia Provincia di realizzare alcune che adiacente al Nautico di viaaggiunto che gli indici di fab- sede affacciata sul mare. opere funzionali ad un progetto Gramsci appena dieci anni fa,bricabilità sono comunque in Sì alla decisione della Pro- riguardante il traffico e la pe-linea con quelli adottati dalla spendendo oltre un miliardo di vincia di vendere l’ex Nautico donalizzazione di alcune zone, lire è stato realizzato un moder-“Maya”. In altre parole il pub- ed a complessi edilizi privati, oltre al consolidamento dei fran-blico ministero ha accolto la tesi no centro risorse contro la di- ma anche a nuovi parcheggi e giflutti posti a protezione della spersione scolastica dotato di undel collegio difensivo della so- opere di protezione del lungo- passeggiata di scirocco. Anchecietà Maya rappresentato dagli teatro, un efficiente planetario, mare esposto alla furia delle ma- perchè l’attuale maggioranza ha laboratori musicali, di musicaavvocati Giuseppe e Michele reggiate. Lo propone all’atten- individuato nel corso Roma una Tra il lungomare e via Gramsci l’ex sede del NauticoBonsegna insieme ad Alfredo zione del Consiglio comunale delle zone da rendere per buona elettronica, di modellismo na-Barone. Ad aprire materialmen- il capogruppo della lista civica parte dell’anno aree pedonali. tare ampi parcheggi. Tenendo sto. C’è aria di festa a Gallipoli, vale. Esso ospita inoltre, la sedete il cantiere sarà quindi a breve “Grande Gallipoli”, Giuseppe Per far questo è necessario ov- conto che in prospettiva anche tanta eccitazione ed allegria in della sezione vela dell’istituto,la società “Euro Costruzioni” di Coppola. La mossa si pone l’o- viamente creare prima i servizi l’attuale caserma dei carabinieri certi ambienti. C’è profumo di del simulatore di navigazione eGallipoli; la direzione dei lavori biettivo di sbloccare l’empasse necessari, a cominciare le aree di (dopo lo sblocco dei lavori della buoni affari: si festeggia la chiu- una foresteria con 10 posti letto:è a cura di Pierpaolo Congedo, legata al polo scolastico ed ai re- sosta. E la zona di via Gramsci, nuova caserma in via Lecce) po- sura di una scuola!»: comincia abbatteranno anche quello?». SiFrancesco Carrozzini e Diodino lativi immobili di via Gramsci, piazza Malta e via Pagliano po- trebbe rientrare nel progetto. così la lettera proveniente dal torni dunque alla vecchia scuolaGiangrande, che è il progettista. che per essere valorizzati ne- trebbe essere destinata ad ospi- «Siamo arrivati anche a que- nuovo Nautico. Dopo aver ricor- una volta rimessa a nuovo. VC

×