Telefonate                                                                                                                ...
GALLIPOLI                                                                                                                 ...
Gallipoli                                                                                 SI TORNERA’                     ...
Gallipoli                                                                                                                 ...
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Piazzasalento nº1
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Piazzasalento nº1

2,206 views
2,146 views

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,206
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Piazzasalento nº1

  1. 1. Telefonate allo Per 0833 la vostra 1823575 pubblicità e-mail: pubblicita@piazzasalento.it gennaio 2011 anno I - numero 1 quindicinale - esce il giovedì € 0,50 I fondi ci sono - 75mila € del Comune di Gallipoli - ma sono bloccati da una leggeIn puntadi piedicon ago E re Carnevale traballae filo L’associazione ha fatto le “focareddhe” con soldi propri di Fernando D’Aprile Lo storico Carnevale gallipolino corre seri rischi e come “Lu Titoru” potrebbe morire Eccoci. Probabilmente strozzato da carenza di soldi. Per la verità, il non ci aspettavate, forse non Comune ha stanziato 75mila euro di contribu- ci riconoscerete da subito, to, ma una recente legge vieta simili interventi. ma di certo avete spesso av- Che fare? Mentre gli amministratori jonici cer- vertito una esigenza che vor- cano una soluzione, il presidente del Carnevale, remmo provare a soddisfare, Gino Cuppone, si dispera: «Stiamo fermi - dice con reciproco e generale van- - non possiamo neppure abbozzare un program- taggio. ma». L’assessore Francesco Errico è fiducioso Come tutti gli esseri e pensa ad una manifestazione che torni a coin- umani attivi, abbiamo due volgere il magico corteo storico. Mentre i carri- esigenze fondamentali: sa- sti sono, come al solito, al lavoro da dicembre. pere come stanno le cose e Dice Franco Monterosso: «Speriamo che alla dire la nostra. In entrambi i fine si faccia, ma così non va bene. Perché il casi noi vorremmo dare una nostro Carnevale torni ad essere quello he era, mano, per avere le idee più si dovrebbe cominciare a programmare non 15 precise sui fatti che accado- giorni prima ma almeno da settembre». Intanto no nei luoghi che conoscete si incrociano le dita. e frequentate, per scambiare opinioni e pensieri, per ide- are vie d’uscita e soluzioni, utilizzando tutto il fascio di L’assessore: opportunità che le più recenti tecnologie offrono. Possiamo ancora dire «La fondazione “ci troviamo in piazza”, luo- go d’incontro tipico dei nostri paesi e delle nostre comunità, Sfilata di carri su corso Roma sarà la salvezza» Alle pagg. 2-3 in cui si sono sempre incro- ciati ed intrecciati fili, storie e fantasie, scontrati interessi e raggiunte intese, scambiate gioie e consolate amarezze. Libro dei sogni? Palumbo: «Faremo quelle opere» ALEZIO In questo caso la piazza è una bella fetta del Salento. Per cominciare. Il giornale, il sito, le reti sociali con cui entreremo Baia verde e centro La Lizza nelle vostre case, col vostro permesso, serviranno pro- cambia volto prio a questo, a produrre un vasto e trafficato luogo co- mune, fatto di condivisioni, di stimoli, di voglie di fare e di fare bene, ben prima di far sportivo nei piani Baia verde a pag. 4 ed è scontro sapere. Nel rispetto di tutti e a pagina 8 senza complicità con nessu- no. Che nessuno pensi che il nostro amore per queste terre Aiuti per anziani, disabili, famiglie in difficoltà SANNICOLA sia acquisibile ad altre cause. Eccoci. Rappresentiamo un bell’incontro di imprendi- tori del Nord (ma con radici meridionali) e risorse intel- lettive di questo Sud Est. Se Per dare una mano Cento anni vogliamo, è il nostro modo di festeggiare i 150 anni dell’I- talia unita. Eccoci qui, siamo arri- pronti 12 milioni e il Comune vati. E voi, che siete salentini come noi, di sicuro non ci la- scerete sulla porta. Anziani a pag. 7 festeggia a pagina 11 SPORT TUGLIE«Gallipoli Don Bosco Eccorisalirà» storia di la Tuglie Dalle marineparola ragazzi sempre alla collinadi Malcore e campioni di corsa pista per bici a pagina 13 Non è stato facile per Gallipoli ricominciare a Diciotto anni di vita festeggiati lo scorso mag- Non si stancano mai di correre gli atleti dell’A-fare calcio, dopo il traumatico salto all’indietro dallaserie B nel precipizio dell’anonimato. Ma la forza gio sono un bel traguardo per la polisportiva Don Bosco, nata nel 1992 e arrivata, passo dopo passo, a sd Podistica Tuglie (foto) che ormai dal 2002, anno della fondazione della società, gareggiano ogni TUGLIEdi reazione c’è stata e l’imprenditore Attilio Caputo, poter vantare diversi successi: più di cento gli iscritti domenica in provincia ma anche fuori dai confinidopo un’estate eccezionalmente “calda”, è riuscitoa compiere l’impresa e con la società GallipoliFootball 1909 ora è in Promozione. Dopo qualche attuali tra Allievi, Esordienti, Pulcini e Piccoli amici (ma negli anni se ne possono contare moltissimi di più) e qualche nome importante che proprio sul regionali e nazionali. «Solo per citare in ordine di tempo l’ultima affermazione - dice il presidente Claudio Calò - domenica scorsa, il più giovane Un canile per 3difficoltà, nella nuova “veste” il Gallipoli sta ingra- campo di Alezio ha mosso i primi passi. Come San- atleta, Antonio Colazzo, di vent’anni, è arrivatonando e mira adesso ai piani alti, Giancarlo Malcore(foto), jolly di provenienza Lecce, dice: «Stiamosalendo di rendimento ed anche la classifica ci sta dro Romano, un goleador che ha festeggiato i 200 gol, o il portiere Alessandro Leopizzi (foto), oggi in forze al Casarano. Ma per la “Don Bosco importan- secondo nella sua categoria nel Cross del Cillarese 2011 a Brindisi». Sono 75 i tesserati e domenica la Podistica è attesa a Viareggio per la Maratona. Il 25 ma mai natodando ragione». a pag. 4 te è giocare educando. a pag. 9 marzo saranno a Roma. a pag. 15 a pagina 14
  2. 2. GALLIPOLI TelefonateIn primo allo piano 0833/ i vostri 1823575annunci e-mail: pubblicita@piazzasalento.it gennaio 2011 Pag. 2L’associazione con i suoi soldi ha assicuratoi falò del 17 scorso, il resto è in alto mare di Cosimo Perrone Re Carnevale Puntuale, come ormai ac-cade da tempo immemorabile,ecco che avanza il Re Carnevale.Ma nella precarietà più assoluta.Nè poteva essre diversamentequando mancano i soldi. «Siamo stati sul punto diabbandonare - dice il presiden-te dell’associazione del Carne-vale, Gino Cuppone – perchénon possiamo andare avanti. Ledifficoltà burocratiche e finan-ziarie che abbiamo incontratoquest’anno sono enormi, e sem-brano insormontabili. Ma nes-suno voleva mollare. E grazieanche alle varie sollecitazionie stimoli che abbiamo ricevutosia da parte degli amministrato-ri comunali, soprattutto da partedel sindaco Giuseppe Venne-ri, e dell’assessore al Turismo,Francesco Errico e grazie anchealle parole di incoraggiamentodi alcuni amici, siamo riusciti adare a Gallipoli l’appuntamen-to invernale più sentito, quellodell’accensione del falò. Però il Niente soldi, festaCarnevale rimane a rischio». Gallipoli lunedì 17 a sera, èstata infatti illuminata dal gigan-tesco falò al largo Md, di fronteal Cimitero, che ha sancito in La mascotte di questi anni e, sotto, il depliant del 1956questo modo l’inizio ufficialedel Carnevale. La filarmonica “Città di Galli-poli” ha allietato la serata suppor-tata dalle majorettes del gruppofolkloristico della parrocchia di È l’edizione n. 70San Gabriele dell’Addolorata, edal gruppo di animazione hip hopdel centro fitness Mr. Fit di Annae Pasquale Rizzello. dell’antica kermesse Già nel 1954 il “Carnevale Anche per allestire la giornata di Gallipoli” aveva una organiz-d’apertura del Carnevale è stata zazione perfetta. Ad allestire launa corsa contro il tempo. Poter manifestazione, ci aveva pen-raccogliere decine di migliaia di sato l’Associazione turistica difascine è stata un’impresa non Gallipoli. Balli pubblici veniva- no programmati in piazza dellada poco. E i componenti dell’as- Repubblica e in “Villa Carduc-sociazione ci sono riusciti solo a ci”, con l’orchestra in maschera,proprie spese, autotassandosi. fuochi d’artificio, luminarie e Stando così le cose è diffici- attrazioni varie. Ma il bello erale parlare di programma. «Siamo che tutte le sere fino al martedìfermi - ammette il presidente - per grasso, in via Antonietta de Paceora nessun programma, anche in c’era un continuo passeggio dibozza, non c’è. Avevamo anche maschere lungo la strada prin-pensato a qualcosa di caratteri- cipale del centro storico, pioggestico per l’8 marzo, martedì della di coriandoli e “cacai” (confetti). STORIA Un carro di una sfilata degli anni Cinquanta su corso Romasfilata, ma soprattutto festa della I premi in denaro, così come sidonna, ma non possiamo contat- legge nel pieghevole di allora (a screzione sugli argomenti scelti Pacciolla Frisenna, dei fratelli vere opere d’arte. Era certamentetare nessuno. Ci dispiace dirlo, ma sinistra), erano solo per i carri. per quest’anno. I locali già traboc- Coppola, dei Ragazzi di via Ma- uno stimolo per tutti gli altri con-senza la certezza del contributo Il primo premio era di 200.000 cano di testoni, braccia, gambe, linconico. A questi si aggiungerà frontarsi con lui. Comunque dafinanziario saremo costretti a di- lire fino a 50.000 lire per il quar- seni prorompenti, animali di ogni fuori concorso, come ormai acca- qualche anno, i carristi hanno rag-chiarare forfait». to. Numerosi altri premi erano genere, forma e grandezza. Mac- de da anni, il carro dell’Associa- giunto un livello qualitativo molto I carristi hanno comunque co- offerti da ditte locali ai gruppi e chinari, carrucole, congegni elet- zione del Carnevale, che aprirà la apprezzabile con punte abbastan-minciato a lavorare dallo scorso alle coppie mascherate. Imman- trici, tutto è pronto per realizzare sfilata. za alte, grazie anche ai capannonisettembre. Dovrebbero essere sei cabile l’invito ai forestieri, sul le animazioni. A contendersi la Tra i maestri cartapestai or- in cui possono lavorare.i carri di quest’anno. Per adesso depliant, a trascorrere le vacanze vittoria finale dovrebbero essere mai è da qualche anno che è ve- Gli argomenti trattati vanno,si lavora al chiuso degli hangar; a Gallipoli. i carri di Cosimo Perrone, Fran- nuto a mancare Uccio Scarpina, come ogni anno, dalla satira poli-niente trapela, solo qualche indi- co Monterosso, del trio Carrozza il maestro che ci aveva abituato a tica locale a quella nazionale, conGiovanni Pacciolla, Antonio Frisenna, Mario Carrozza ancora all’opera insieme Pure in un partecipante storico comeI fabbri e lo scultore, che tris Si dice spesso che l’unio- che vengono a lavorare sperano «Tutto da soli, Franco Monterosso, carrista «Io non ho avuto maestri,ne fa la forza, e allora ecco che di poter guadagnare qualcosa». collaudato, con presenze lunghe sono un autodidatta - ci confidaGiovanni Pacciolla, Antonio Gli fa eco Frisenna: «Questo po- oltre 16 anni, si cimenta, e dob- orgoglioso Franco Monterosso -Frisenna e Mario Carrozza, han- trebbe diventare un lavoro fisso e biamo dire anche con discreto sia per quanto riguarda il mio la-no costituito l’unione giusta per duraturo per tutti i giovani appas- successo, ancora nella realizza- voro che è quello di carpentiere,poter sbaragliare il campo nella sionati che vogliono impegnarsi zione dei carri allegorico-grotte- sia per la realizzazione dei carri70^ Edizione del Carnevale Gal- in questo. Proprio come avviene schi, nel Carnevale gallipolino. e la lavorazione della cartapesta.lipolino. negli altri carnevali. Noi lo fac- Per i primi due anni aveva Ancora ragazzo ho appreso l’arte L’anno scorso hanno conqui- ciamo per passione, ma i ragazzi collaborato con l’altro carrista, del carpentiere nei corsi di avvia-stato il secondo posto. Quest’an- hanno bisogno di un incentivo». Cosimo Perrone per la realizza- mento professionali che si svol-no, con il soggetto sempre top Mario Carrozza, l’artista; zione del carro “Mamma Sare- gevano a Gallipoli».secret. hanno intenzione di ten- all’età di 12 anni già si aggirava na”. Poi pensò di mettersi in pro- Un carro alto 16 metri, lungotare la scalata al primo posto. ll per i capannoni dei carristi e in- prio anche per sfruttare al meglio 12 e largo 7 metri e mezzo; quin-guanto della sfida è gettato. cominciava ad imbrattarsi di col- le varie esperienze. Così la sua tali di legno, tonnellate di ferro, Due fabbri Pacciolla e Fri- la e a preparare la carta pesta. Ha passione realizzò, grazie anche fiumi di colla, e giornali in quanti-senna, e uno scultore, Carrozza incominciato proprio con il duo agli amici che nel frattempo ave- tà industriale. E il soggetto? «Perlaureato all’Accademia Belle arti Pacciolla-Frisenna. Poi? «Dopo va coinvolto, le sue apprezzate adesso è segreto - dice il carristadi Lecce, tutti e tre uniti da una sono passato a lavorare con Uc- opere. Numerosi i primi premi, - e per quanto riguarda il titolosola grande cosa: la passione. cio Scarpina». E questa è una cre- con l’ultima vittoria risale al 2008 lo metteremo alla fine». Anche«Guadagni infatti non ce ne sono denziale non da poco. Di Scarpi- con il carro “Chi non risica non perché è meglio non scoprire le– dice Pacciolla – solo i giovani na manca ancora oggi la sua arte. In primo piano Frisenna, Carrozza e (dietro di lui) Pacciolla rosica”. carte. Ma questo carnevale, che
  3. 3. Gallipoli SI TORNERA’ andrà bene alla fine, ad SONTUOSI I carri preparati dai maestri NEL CENTRO STORICO “Lu Titoru” secondo le in- tenzioni dovrebbe tornare da quest’anno, se tutto animare anche il centro storico insieme alle altre maschere, come accadeva qualche tempo fa. 3 cartapestai gallipolini La foto più grande è di Mario Milano Ci sono 75mila € bloccati da una norma di dicembre Un ruolo determinante per Errico: «La Gino Cuppone e company è il so- fondazione la riuscita della 70^ edizione del Carnevale Gallipolino lo ricopri- stegno economico. Ne ha tanto bi- rà, il dott. Francesco Errico, vice- sogno, considerate le difficoltà in sindaco e soprattutto assessore al cui quest’anno sta operando e per Turismo del Comune di Gallipoli. aver fatto miracoli organizzativi per poter mettere in piedi l’appun- ci salverà» Unitamente all’Amministra- zione comunale, Errico è impe- tamento più atteso dai gallipolini gnato per riuscire a realizzare un che è quello dell’accensione della evento da ricordare per i gallipo- “focaredda” che si perpetua da se- lini e per tutti i salentini che nelle coli. Per il Comitato organizzatore giornate della manifestazione car- voglio esprimere, pubblicamente nascialesca invaderanno il corso un apprezzamento per tutti i suoi Roma. componenti con a capo il profes- Non sembrano però esserci i sore Gino Cuppone. Essi rappre- migliori auspici.; anzi poco man- sentano una garanzia di professio- ca che si dichiari clamorosamen- nalità e continuità e quest’anno ce te forfait. Finora la passione, la ne hanno dato la prova, venendo tenacia, l’amore per questa città incontro alle difficoltà oggettive ha fatto sì che gli organizzatori, nell’organizzare l’evento». nessuno escluso, si impegnassero, D’accordo, ma superare le ognuno assumendosi responsa- difficoltà? bilità in base al ruolo che ricopre «Durante la prima Ammini- all’interno dell’organizzazione, a strazione Venneri 2001–06, si portare avanti il progetto Carne- cercò di realizzare quello che da vale. tanti anni si cerca di costituire e Che però si è fermato per ora cioè la Fondazione Carnevale. alla prima giornata; quella dell’i- Allora tutto si bloccò per difficol- naugurazione con l’accensione tà burocratiche finanziarie. Ora le del falò. E poi? leggi sono cambiate in meglio. Questo sarebbe l’unico mezzo e Assessore, che edizione dob- possibilità per il Comune onde biamo aspettarci? poter trasferire risorse proprie e «Un carnevale che coniughe- impegnarle per l’organizzazione rà contemporane- TEMA RICORRENTE Un carro allegorico sui tagli del governo del Carnevale». amente tradizione Bene, ma ora e innovazione.a rischio bisogna pensare Quest’anno ricorre al presente. Che il 70° anniversario è fatto di incer- della prima edizio- tezza, e pessimi- ne della manife- smo. stazione che vide «Assicuro chei problemi che attanagliano Galli- che. Il santo è anche chiamato la prima sfilata dei stanno pensandopoli fino ai temi sociali. “Sant’Antoni te lu porcu” in carri e gruppi ma- a risolvere la que- La tradizione del Carnevale a quanto è il protettore degli anima- scherati tanti anni stione del finan-Gallipoli si perde nella notte dei li domestici e spesso, nelle varie fa. L’innovazione ziamento. Ben 75tempi. Secondo lo storico Elio edicole sacre presenti nella città riguarderà il coin- mila euro delibera-Pindinelli, in città si cominciò vecchia, viene raffigurato con un volgimento del te dalla giunta Co-a parlare di Carnevale in epoca porcellino ai piedi. Centro storico e al- munale nel meseantichissima, documentata da La leggenda narra che cune novità che per di dicembre scorsoatti e documenti settecenteschi, Sant’Antonio scese fino all’infer- ora il Comitato si è non aspettano altrooltre che da radici folcloristiche no per prendere il fuoco e portar- riservato di comu- L’assessore Errico e un’altra immagine di una recente sfilata gallipolina che sollevare gliche affondano le origini in epo- lo agli uomini, prova del grande nicarcele più avanti». umori di tutti, carristi e organz-ca medioevale. Le “focaredde”rappresentano per i gallipoliniun appuntamento fisso. Per l’oc- amore e rispetto che nutriva sia per il genere umano che per gli animali. Anche quest’anno però ci sono grosse difficoltà, enormi pare... Indiscrezioni e premi zatori». Quando si comincerà a get- tare le basi per la Fondazione?casione vengono utilizzati rami È fondamentale comunque «L’articolo 6 del Decreto leg- La 70^ edizione del Carne- rebbe far sfilare i “Titori” nel «Il giorno dopo la fine di que-di ulivo caduti dalla rimonda e che il Carnevale, così come ha ge 78/2010 stabilisce l’impossibi- vale gallipolino ancora non ha Centro storico e riservare la do- sta edizione».accatastati a mo’ di pagliara. Nel anticipato l’assessore Francesco lità per i Comuni di effettuare spe- né un programma preciso né è menica della Pentolaccia per la Assessore, quale ruolo ha se per sponsorizzazioni e quindi dato sapere l’entità dei premi. La sfilata conclusiva. il Carnevale nell’ambito dellapassato i falò ardevano ai crocic- Errico, ritorni da quest’anno, a promozione turistica della cittàchi delle strade della città vecchia impossessarsi del Centro storico. erogare un contributo a fronte del volontà è quella di organizzare Capitolo premi. L’unica nelle domeniche che precedono cosa certa, ma siamo sempre nel di Gallipoli?e intorno a essi la gente del luogo Sempre che arrivi la tanto sospi- quale lo sponsor riceve una spe- «Il Carnevale, da questa Am-si esibiva in danze scatenate al rata fumata bianca della soluzio- cifica visibilità. E comunque tali la sfilata degli spettacoli musica- campo delle indiscrezioni più o li in piazza. meno attendibili, è che rimarran- ministrazione e da me in parti-suono della “pizzaca”, che con ne dei problemi economici. spese non potranno superare il tet- colare è considerato uno deglila sua simbolica mimica presa- È importante ritornare ai pe- to del 20 per cento delle analoghe Comunque qualche indi- no come l’anno scorso. E cioè: al screzione è trapelata circa il pro- primo premiato dei carri andreb- eventi più straordinari che con-giva il sicuro nascere di amori e riodi in cui “lu Titoru” girava per spese sostenute per l’anno 2009. sentirà la vera destagionalizza-fidanzamenti. La cenere poi era le stradine della città vecchia, ri- Mi preme sottolineare, comunque gramma, ma niente di definito bero 11.mila euro, al secondo anche perché l’Associazione 10.000. al terzo 9.000, al quarto zione. Quest’anno poi le giornateritenuta benefica e veniva sparsa pristinare i festini nelle “curti” al che l’Amministrazione comunale finali coincidono con i primi dial vento dall’alto delle mura, per ritmo della “pizzaca-pizzaca”. è determinata ad assicurare al Co- ha per ora le mani legate. La 8.500, al quinto classificato an- Giunta comunale a dicembre drebbero 8 mila euro. marzo, periodo in cui si avvicinaplacare l’ira del mare e consentire Insomma, un ritorno all’anti- mitato organizzatore del Carneva- la primavera. E comunque quan-ai pescatori un tranquillo ritorno co per conquistare il mercato turi- le piena collaborazione, disponi- aveva deliberato una somma di Per quanto riguarda i gruppi 75.000 euro da destinare all’as- mascherati dipende tutto dalla do i gallipolini cominceranno adin porto. stico del terzo millennio. E maga- bilità e sostegno». apprezzare di più il valore che Il rito anticamente era anche ri ritornare a quando, a Ma sicuramente ciò non ba- sociazione per l’organizzazione partecipazione. Si sa solamente hanno, solo allora Gallipoli potràdedicato a San Antonio Abate, mezzanotte in punto, il campano- sterà. dell’evento. Ma come chiarisce che componenti dell’Associa- diventare una città turistica».detto “Sant’Antoni te lu focu”, e ne di San Francesco d’Assisi rin- «Certamente, l’Associazione l’assessore Errico nell’intervista zione del Carnevale si stanno Nel caso contrario, se tuttoogni famiglia offriva per il falò un toccava i 12 colpi e tutti si toglie- del Carnevale di sostegno ne ha qui sopra, la somma per motivi adoperando per convincere e dovesse andare male (ma nessunofascio di rami con grande sacrifi- vano la maschera a simboleggiare tanto bisogno, ma non solo soste- burocratico-legali non può esse- sensibilizzare associazioni, par- se lo augura), anche il Carnevalecio, viste le ristrettezze economi- la fine del carnevale. gno morale. Quello che ora serve a re utilizzata. Non resta che spe- rocchie e scuole per far parteci- rimarrà solo un sogno. CP rare in una soluzione. pare alla sfilata. Intanto quest’anno la sfila- Come sempre per i gruppi ciMonterosso cresce il timore del flop ta si dovrebbe articolare in due saranno due categorie, adulti e giorni, domenica 6 e martedì 8 bambini. Si partirà da 2mila eurocosì non va» marzo. In questo giorno si vor- fino a 300 euro. - risponde il carrista – il Carne- vale di Gallipoli non aveva ri- vali nel Salento.C’è bisogno di programmazione, di organizzare Episodi curiosi, avvenuti du- rante il periodo del carnevale ne accadono e se ne raccontano chis- sà quante. Si era negli anni Cin- Con la Lollobrigida pesta di Gina Lollobrigida, con un seno molto prosperoso, in parte scoperto e con un bambolotto di cartapesta in posizione di lattante. la manifestazione, non 15 giorni prima che inizi la festa, ma al- meno incominciare a settembre. Per esempio, per quanto riguarda quanta, per la precisione edizione 1956; presentatore era il com- pianto prof. Oliviero Cataldini. In quell’anno i cartapestai erano scoppiò lo scandalo Altri tempi, evidentemente, per il “comune senso del pudore”. Un’altra curiosità, era “Il Concorso Cartolina Carnevale l’aspetto economico, da qualche Aldino De Vittorio, Uccio Scar- andò dritto verso il carro e bene Pubblica sicurezza in servizio alla 1965” organizzato dall’EPT – anno dobbiamo anticipare noi le pina, Boro Scorrano, Giorgio Fe- in vista esclamò: “ Uscite…fiji te sfilata. Mi prese sottobraccio, mi Associazione Turistica di Galli- spese. Qualche anno fa’ a Natale rilli, Nino Prete, Lelio Sciuscio. Troia”, e lì scoppiò un fragoroso allontanò dalla folla e facendo un poli, notizia che abbiamo rinve-carnevale sarà? «Speriamo che ci davano invece già un primo ac- Quest’ultimo aveva realizzato un applauso. cenno con la testa, mi indicò un nuto sul periodico indipendentealla fine si faccia. - spiega Monte- conto e il saldo avveniva il giorno enorme cavallo di legno che gi- Un altro aneddoto lo raccon- punto tra la folla e mi fece capire di Alezio “18° Meridiano” di do-rosso - noi carristi, abbiamo pau- della premiazione». ganteggiava, su di un rimorchio, tava spesso Aldino De Vittorio, che così proprio non andava per menica 28 febbraio 1965. Venivara che tutto il nostro lavoro possa Eppure, pur tra tante difficol- raffigurando il Cavallo di Troia. uno dei fondatori del Carnevale niente bene e che bisognava por- distribuita al pubblico una carto-andare perso. Solo giorno 13 gen- tà si continua a partecipare: «Sì, Sciuscio, al posto dei soldati, ci gallipolino ed egli stesso valente re rimedio». Aldino De Vittorio, lina, con la quale si poteva votarenaio ci hanno detto che potevamo il sacrificio però è grande – assi- infilò dentro una moltitudine di maestro cartapestaio, scultore e non avendo afferrato bene a che il miglior carro. Ogni trenta pre-cominciare a lavorare». cura Franco Monterosso – Il gior- ragazzini. Giunti di fronte alla poeta gallipolino. «Durante una cosa il funzionario di polizia si ferenze veniva assegnato un voto Ma cosa manca a questo Car- no di Natale noi stavamo qui, a giuria, che occupava il palco a sfilata, - raccontava Aldino, con riferisse, girò lo sguardo a sua nella graduatoria. In questo modonevale perché decolli del tutto? lavorare. C’è rimasta la passione, ridosso dei portici, si sentì una l’entusiasmo che lo distingueva – volta e vide, seduta in mezzo al la partecipazione al Carnevale era«Fino a qualche anno addietro ma l’entusiasmo va a diminuire». fragorosa risata. Sciuscio allora fui avvicinato dal Commissario di corso Roma la maschera di carta- in effetti più diretta.
  4. 4. Gallipoli gennaio 2011 DISPERSIONE SCOLASTICA compagnia di Gallipoli, guidati dal nei Comuni di Gallipoli, di Alezio di Alezio, 22 DENUNCE4 Sono in totale 22 i genitori de- nunciati nel corso di un’azione ad ampio raggio portata avanti nei giorni scorsi dai carabinieri della capitano Stefano Tosi. La denuncia è scattata perché da alcune segnala- zioni è risultato che i 22 genitori non mandavano i figli a scuola. Nello specifico, si tratta di genitori residenti Nardò, di Copertino e di Galatone. L’accusa che pende adesso nei loro confronti, è quella di inosservanza dell’obbligo dell’istruzione nei con- fronti dei propri figli minorenni. Pronto in febbraio; l’assessore rassicura Stando al manifesto affissosul recinto dell’impianto, a Galli- Con l’Ecocentro gli inerti, una struttura che verrà realizzata con fondi propri. Inol-poli l’Ecocentro sarà funzionantea metà febbraio. E visto comestanno andando i lavori si presu-me che i tempi potrebbero essererispettatati. L’opera è per conto rifiuti in gabbia tre – conclude Alemanno - si sta considerando anche l’opportunità di realizzare altri ecocentri, di pro- prietà comunale, con la possibilità di attivare il riutilizzo del rifiuto.dell’Ato Lecce 2 (Ambito territo- lamentava il fatto che la struttura sgradevoli; inoltre sarà circondato Ciò consentirebbe l’abbattimentoriale ottimale), con finanziamento sorgeva in prossimità delle abita- da piante d’alto fusto». dei costi per lo smaltimento deidella Provincia di Lecce delibera- zioni, ma proprio perchè è punto L’Ecocentro serve per dare ai rifiuti».to il 27 febbraio 2007. Per l’Eco- di recapito di rifiuti, l’Ecocentro cittadini la possibilità di disfarsi In questo modo tutti i rifiuti,centro stanziati 800mila euro che, deve essere facilmente raggiun- gratuitamente di vari oggetti vec- raccolti separatamente, posso-dopo il ribasso d’asta, scenderà to da chiunque. A tranquillizzare chi, esausti o in disuso ed evitare, no essere destinati al recupero.a circa 451mila euro. L’impianto i residenti della zona Peep ci ha pertanto, che essi siano abbando- E magari si potrebbe attivare unsta sorgendo su una traversa di via pensato Cosimo Alemanno, asses- nati per strada. «Principalmente Operai al lavoro all’ecocentro mercatino dell’usato, nel qualePier Paolo Pasolini, zona Peep 3. sore all’Ambiente: «Il Centro di – aggiunge l’Assessore – si evite- siano messi in vendita gli oggetti Qualche protesta poco tempo raccolta - assicura - sarà realizzato rà che si formino discariche sel- portare tutti quei rifiuti che posso- attività artigianali/commerciali/ ottenuti recuperando cose ancorafa era emersa al momento della nel pieno rispetto della normativa vagge sul territorio», fenomeno no essere recuperati oppure quelli industriali – spiega ancora l’as- in buono stato. Ma questo è unindividuazione del sito, da parte vigente; sarà videosorvegliato e purtroppo molto presente pratica- che possono costituire un pericolo sessore comunale - stiamo pen- altro discorso. Prima che l’Eco-dei residenti in quella zona piutto- presidiato. L’impianto non ar- mente nell’intero Salento. per l’ambiente. sando alla individuazione di un centro entri in funzione verrannosto popolosa; portavoce era stata recherà danno al decoro urbano L’Ecocentro infatti è un luogo «Per quanto riguarda lo smal- sito per la realizzazione di una rese note le norme generali per ill’associazione “Città Nuova”. Si né ci saranno esalazioni di odori custodito dove il cittadino deve timento dei rifiuti provenienti da struttura per lo smaltimento de- conferimento dei rifiuti. CPTra le opere date come prioritarie del piano triennale spicca la marina dai tanti problemi di Cosimo Perrone Dei Piani triennali delle opere Primo, Baia verde che tale somma per un campo di calcio di una squadra che milita in Promozione sia esagerata, ab- e centro sportivopubbliche dei Comuni spesso si biamo sottratto 2 milioni da lì eddice, ma certamente è un luogo aggiunto 1 milione 600mila eurocomune, che essi sono solo un per la costruzione di un Centrolibro dei sogni. Altrettanto spesso sportivo polivalente con palestra,infatti si realizzano le opere previ- piscina coperta, campi per attivi-ste giusto nel primo anno; il resto tà all’ aperto per un investimentosi perde in un labirinto di buro- complessivo di € 3.600.000». Ilcrazia, mancati finanzia- sito dove verrà costruito il centromenti, ritardi e incapacità sportivo è stato già individuato,amministrative. Cure per la costa a metà con Sannicola ma per adesso è top-secret. L’assessore all’Urba- Ma le cure per lo stadio “Bian-nistica, Lavori pubblici ePersonale, Biagio BiagioPalumbo (fdoto a destra)però non ci sta e contro- Vie, scuole, luci co” non mancheranno: «A comin- ciare dalla tribuna coperta e dalla sala stampa per finire al terreno di gioco. – aggiunge l’assessorebatte: «Il mio impegno equello di tutta l’Ammini-strazione è quello di non copertura dei binari Qui di seguito altri interventi - senza cozzare con la vicinanza al mare ed i vincoli naturalistici. Rimangono perciò 500mila eurofarlo diventare il libro dei restauro delle mura della città da impiegare nei lavori di manu-sogni. Abbiamo eliminato pubblici con la prevista data di antica, 2012-13 - Completamen- tenzione straordinaria».le cose che per vari moti- realizzazione: - Riqualificazio- to del basolato della città antica, Problemi rondò e sicurezzavi sembravano irrealizza- ne del lungomare Galilei, 2012 2012-13 - Intervento generale stradale, come per l’incrocio tra - Ristrutturazione della viabili- di restauro del Castello, 2011-bili. Per quanto riguarda tà in zona Lido S. Giovanni per viale Berlinguer e la Provincialele priorità di vitale impor- 13 - Completamen- per Alezio, causa di tanti inciden- il collegamento tra to degli impiantitanza – continua l’asses- lungomare, litoranea di illuminazione ti. «Purtroppo lì il rondò non sisore - cominceremo dal- e bretella di collega- comprese le vie d’ potrà realizzare – dice l’assesso-la riqualificazione della mento con la tangen- accesso alla città, re – la Regione non ci ha dato ilBaia Verde. Saranno indi- Uno scorcio della Baia Verde ziale; 2011 - Messa 2013 - Ristruttura- nullaosta. La pineta non si tocca,viduate e realizzate aree in sicurezza delle ca- zione dell’impianto hanno detto. Oltretutto avremmoa parcheggio lungo la litoranea, vità tra le vie Firenze d’ illuminazione dovuto espropriare terreni di pri-facendo in modo di decongestio- Struttura multiuso Palumbo: «Non è e Acquedotto; 2011 - votiva del cimite- vati. Intanto a marzo inizierannonare il traffico estivo. I parcheg- Valorizzazione della ro, 2013 - Realiz- i lavori per il rifacimento del pa-gi saranno realizzati, nel tratto di con i fondi destinati il libro dei sogni fascia costiera tra i zazione del nuovo vimento di piazza Tellini». Ci sistrada che va dalla Baia Verde allo stadio “Bianco” e lo dimostreremo» Comuni di Gallipo- cimitero comunale, attende che quanto prima vengaall’hotel Costa Brada, tenendo li e Sannicola, con 2013 - Manuten- rifatto il pavimento del Parco del-conto dell’impatto ambientale e interventi sulle aree zione straordinaria la Rimembranza e quello del Mo-senza l’uso di cemento, entro que- le cicliche alluvioni, da realizzarsi Ecco poi la costruzione dell’a- di Lido Conchiglie, ed adeguamento numento ai Caduti: «Per quelle ai-sta estate». « dal 2011 al 2012, con un investi- rea fieristica, già individuata nella Padula Bianca, Rivabella; 2011 strade vicinali da realizzarsi nel uole e per le altre ho ottenuto che Sempre alla Baia Verde verrà mento complessivo di € 700.000. zona dell’area mercatale. Altra - Intervento di tutela e valorizza- 2013 - Manutenzione e messa un operaio comunale si occupi diadeguata ed ampliata la viabilità Si tratta di interventi da accele- priorità, la costruzione di un cen- zione dell’ area a Sud tra il Lido in sicurezza delle scuole di via questa incombenza». S. Giovanni e Torre Pizzo per Galatone, viale Europa, via Mi-d’accesso dalla Statale e rivista rare al massimo, poichè è notorio tro sportivo: in città i giovani lo la valorizzazione dell’ambiente Restano sullo sfondo le tanteanche la viabilità carraia, pedona- quanto disagio d’estate si crea, reclamano da anni. «Dalla passata lano, palestra per la scuola di via opere pubbliche pensate ed ap- marino costiero; 2012 - Inter- Milano, 2012-13 - Realizzazionele e delle aree pubbliche. Inoltre non solo ai residenti della zona, amministrazione erano stati desti- vento di copertura dei trinceroni di ascensore nella sede comunale provate in passato da altre am-si prevede la realizzazione di un essendo l’intera fascia costiera ad nati 2 milioni e 500mila euro, per ferroviari per realizzare aree a della città antica, 2012. ministrazioni, prima di esseresistema di raccolta e smaltimento alta densità di popolazione per la l’ampliamento dello stadio. Ora - parcheggio; 2012 - Interventi di CP silenziosamente riposte nel dimen-delle acque piovane per impedire presenza delle spiagge attrezzate. dice Palumbo - siccome riteniamo ticatoio. L‘elenco sarebbe lungo. Non è stato facile per Gallipo- Proveniente dal settore giovanile del Lecce, il baby jolly è ottimista sul futuro nile del Lecce, Malcore prediligeli ricominciare a fare calcio, dopoil traumatico salto all’indietro chedalla serie B ha fatto precipita-re i giallorossi in un baratro, dalquale appunto è stato difficile ri- Malcore: «Il Gallipoli risale» IL CAMPIONE quattro partite di seguito, il che ha giocare sulle corsie laterali, dove gli riesce meglio dare sfogo al proprio talento e alle proprie doti tecniche. «Per me è una stagione im-sollevarsi e costruire qualcosa dicredibile. Ma la forza di reazionec’è stata e l’imprenditore Attilio «Perseguitati»: Dalla serie B alla promozio- ne, il Gallipoli consentito di arricchire una classi- fica decisamente povera nel finale portante - dichiara il baby giallo- rosso - e devo ringraziare il Galli- poli che mi sta dando la possibilitàCaputo, dopo un’estate eccezio-nalmente “calda”, è riuscito a Curva in sciopero è riuscito ad attutire il colpo dell’anno appena chiuso. Maglie e Galatina sono lonta- ne, il Gallipoli è a quota 34 punti di giocare in un campionato im- portante come quello di Promo-compiere l’impresa e con la socie- e a riguada- zione, una vetrina di livello per i Niente slogan e niente striscioni. La de- gnare la fiducia ed è logico a questo punto dovertà Gallipoli Football 1909 ha ga- cisione è del gruppo di ultras “Caddhipulini” giovani della mia età».rantito l’iscrizione al campionato dei tifosi anche rivolgere l’attenzione ai play off e Circa le proprie prestazioni e della Curva Sud, che in questo modo intende grazie alla forza lì giocarsi le possibilità di conqui-di Promozione. protestare contro le leggi ritenute troppo per- dell’imprendito- gli obiettivi dela squadra aggiun- Ed è questo un campionato stare il salto in Eccellenza. ge: «Sono contento anche delle secutorie ai danni dei tifosi. re Attilio Caputo La formazione del presiden-che con la disputa della terza gior- La forma plateale di protesta giunge a se- e al grande mie ultime prestazioni e delle trenata del girone di ritorno, è ormai talento ai alcuni te Caputo deve ovviamente dare reti sin qui messe a segno, spe- guito delle ultime diffide - ben 15 - recapitate continuità alle vittorie così comeentrato nel vivo della stagione. In ai tifosi gallipolini nelle scorse settimane per giocatori come rando che questo bottino possavetta al girone B di Promozione il jolly d’attac- sta facendo in questo ultimo pe- essere migliorato ulteriormente. i fatti risalenti alla partita tra Gallipoli e Bo- co Giancarlo riodo, nel corso del quale tra i idomina il Maglie a quota 48 punti trugno, disputata a Poggiardo e valevole per Ora finalmente il Gallipoli - con-seguito dal Galatina che di punti Malcore (foto a giovani lanciati nella mischia dal clude Malcore - è salito di rendi- il campionato di Promozione. In conseguen- destra) tecnico Favonio un posto di rilie-ne ha 43. Il Gallipoli, superato za dei provvedimenti adottati, otto tifosi sono mento ed anche la classifica ci staun periodo di crisi, nel 2011 si è vo è riuscito a ritagliarselo il jolly premiando per tutti gli sforzi che stati sottoposti a Daspo per un anno e altri d’attacco Giancarlo Malcore.ritrovato ed ha ripreso a correre sette a Daspo per tre anni. stiamo facendo, dopo un periodospeditamente, riuscendo a vincere Proveniente dal settore giova- non proprio brillante». RS

×