• Save

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Roma_nel_Piatto_2007

on

  • 4,012 views

Questo è un estratto della guida dei ristoranti "Roma nel Piatto - ed. 2007" edita da La Pecora Nera Editore

Questo è un estratto della guida dei ristoranti "Roma nel Piatto - ed. 2007" edita da La Pecora Nera Editore

Statistics

Views

Total Views
4,012
Views on SlideShare
3,923
Embed Views
89

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 89

http://www.lapecoranera.net 89

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Roma_nel_Piatto_2007 Roma_nel_Piatto_2007 Presentation Transcript

  • Questo è un piccolo estratto della guida “Roma nel Piatto - ed. 2007”. ROMA Oltre alle pagine iniziali, abbiamo inserito nel Piatto un esempio di pagina per ogni sezione presente all’interno: - Ristoranti - Aperitivi e brunch - Itinerari golosi - Mappe del centro di Roma Potete sfogliare le pagine utilizzando gli appositi cursori e riprodurle sullo schermo nelle dimensioni originarie utilizzando il comando “full screen”. Ovviamente la qualità a video delle pagi- ne è notevolmente inferiore a quella della guida cartacea.
  • Prefazione iamo arrivati alla quarta edizione della nostra guida dei ristoranti di S Roma e provincia, notando con piacere che ci state seguendo in numero sempre maggiore. Segno che la strada intrapresa è quella giusta: nessun conflitto di interesse con i ristoratori (ci rifiutiamo di vender loro pubblicità) per poterli valutare in completa libertà e quindi raccontarvi le cose come realmente stanno, o almeno quelle che sono state le nostre esperienze. Sì, perché gli indirizzi che troverete in guida sono stati TUTTI da noi provati in forma rigorosamente anonima, pagando dunque il conto Curatore: Simone Cargiani come qualsiasi avventore. Questo ci ha permesso di “essere trattati” in modo normale, senza la corsia preferenziale spesso riservata ai critici Coordinamento editoriale: Fernanda D’Arienzo gastronomici, con tanto di episodi spiacevoli puntualmente riportati nelle Schede a cura di: Roberta Agretti, Andrea Angiolino, Gianmaria Bergantino, Simone schede. Cargiani, Fernanda D’Arienzo, Marco Loreti, Marco Picozzi, Larry Romano Progetto grafico e impaginazione: La Pecora Nera Editore s.n.c. di Cargiani Simone e C. Date queste premesse, non abbiamo stravolto la nostra pubblicazione, ma solamente apportato delle piccole modifiche (per noi migliorie…) per ren- Pubblicità dere più agevole la consultazione della stessa. E’ aumentata la foliazione La Pecora Nera Editore s.n.c. di Cargiani Simone e C. Via Bradano, 26/A - 00199 ROMA in quanto abbiamo incrementato il numero di ristoranti recensiti (ora 272) e Tel. e Fax: 06.86329583 di locali per aperitivi o brunch (40), e soprattutto perché nella sezione Email: commerciale@lapecoranera.net “Itinerari Golosi” abbiamo inserito le schede descrittive dei produttori visita- Contatto per i giornalisti ti duranti i viaggi e l’analisi qualitativa di un loro prodotto. Fasi s.r.l. Email: ufficiostampa@fasiweb.com Venendo al resoconto di un anno di mangiate in lungo e in largo per la pro- www.fasiweb.com vincia, dobbiamo dire di non aver trovato grossi sconvolgimenti nel panora- ma della ristorazione. Soliti pregi e difetti. Fra i primi annoveriamo sicura- Stampa A.T.E.L. S.p.A. mente il consolidamento della riscoperta da parte di diversi ristoratori di pre- parazioni legate alle tradizioni del territorio, con tanto di valorizzazione dei ROMA NEL PIATTO - Pubblicazione semestrale - Registrazione Tribunale di Roma n° 262/2005 del prodotti tipici, fra cui i vini, laziali. Gli aspetti negativi, purtroppo, rimangono 18/09/2005. Direttore responsabile: Aldo Fedullo - Editore: La Pecora Nera Editore s.n.c. di Cargiani ancora irrisolti; ci riferiamo innanzitutto al livello medio dei prezzi, che nel Simone e C. - Via Bradano, 26/A - 00199 ROMA - Tel. e Fax: 06.86329583 confronto con quelli di altre regioni sono stratosferici! Capiamo i maggiori Tutti i diritti di copyright sono di esclusiva proprietà de “La Pecora Nera Editore s.n.c. di Cargiani costi fissi da “spalmare” sul prezzo delle portate, ma la sensazione che si Simone e C.”. E’ vietata la riproduzione e la traduzione, anche parziale, su qualsiasi supporto, ha è quella di voler cavalcare una domanda che nella Capitale, caso pro- cartaceo e non. Ogni violazione sarà perseguita a termini di legge. babilmente unico in Italia, ancora non dà segni evidenti di flessione: conti- La guida è stata chiusa il 16 settembre 2006. La redazione non si assume alcuna responsabilità nuando di questo passo, però, sarà inevitabile un ridimensionamento delle circa variazioni e/o inesattezze nei dati di sintesi (giorno di chiusura, periodo di ferie, orario cuci- uscite per andare a mangiare fuori a favore di altre forme di fruizione del na, ecc.). tempo libero. Altra nota dolente per cui Roma è purtroppo “maglia nera” è il livello del servizio al cliente, nel migliore dei casi “trascurato” da certa ristorazione. Ve lo possiamo ben dire, in quanto provando in forma anoni- Il linguaggio utilizzato è volutamente informale, diretto e schietto per far sì che il lettore possa ma i ristoranti, più di una volta ci è capitato di vivere esperienze imbaraz- cogliere anche le più piccole sfumature dell’offerta complessiva (cucina, cantina, ambiente, corte- zanti… sia, ecc.). Vogliamo precisare che tutti i giudizi espressi sono il frutto esclusivo di una valutazione soggettiva e, pertanto, non hanno la pretesa di avere una validità assoluta. Per fortuna abbiamo anche trascorso delle bellissime serate, con diverse
  • I Migliori conferme ad alto livello e scoprendo altri indirizzi emergenti. Facciamo i nomi. Pur se non è il primo in lista, è il primo di cui vogliamo parlarvi: il Tordo Matto di Zagarolo del giovanissimo Adriano Baldassarre, indiscutibile astro Antonello Colonna nascente della ristorazione non solo capitolina ma italiana. Grande “mano” Labico.............................................................................pag. 135 9+ unita a materie prime eccelse, fanno dei suoi piatti delle autentiche opere La Pergola del Cavalieri Hilton d’arte; se a questo aggiungiamo la passione per il proprio lavoro che si Roma...............................................................................pag. 94 tocca con mano e lo smussamento di alcune sue “esuberanze”, non pos- siamo che consigliarvi di provarlo, non ve ne pentirete! In testa alla classifi- Il Convivio Troiani ca, si confermano invece Antonello Colonna di Labico e Heinz Beck con la Roma..............................................................................pag. 26 9- sua Pergola a Roma: due concetti diversi di ristorazione, la prima più stret- Tordo Matto tamente legata al territorio, la seconda tecnicamente perfetta, accomunate Zagarolo..........................................................................pag. 138 da un livello comunque eccelso. Subito dietro pochissimi cambiamenti, con i grandi della ristorazione romana tutti lì: il Convivio Troiani (un pelino Agata e Romeo sopra), Agata e Romeo e l’Altro Mastai. Fra le new entry in guida vi segna- Roma..............................................................................pag. 40 8½ liamo un ottimo ristorante di pesce a Collina Fleming: l’Acquolina (fra i soci L'Altro Mastai c’è anche Angelo Troiani del Convivio). Nato da pochi mesi è a nostro avvi- Roma..............................................................................pag. 29 so già il miglior ristorante di pesce della Capitale. Grandi esperienze anche quelle vissute fuori Roma da Cacciani e Vesta. Il primo a Frascati, caratte- Il Pagliaccio 8+ Roma..............................................................................pag. 26 rizzato da una cucina di tradizione che non ha paura di cimentarsi, con suc- cesso, in alcune preparazioni creative, il secondo, ugualmente abile ai for- nelli, nella splendida cornice di Tivoli. Antico Arco Roma..............................................................................pag. 107 Ormai dovreste sapere che la nostra guida non è solo alta ristorazione, ma L'Acquolina 8 che ci piace anche andare alla scoperta di trattorie di quartiere, vero asse Roma..............................................................................pag. 82 portante dell’offerta della Capitale. Ve ne segnaliamo alcune, quelle che più Pascucci al Porticciolo ci sono piaciute: Da Felice a Testaccio, Da Gnegno a Ponte Milvio, Gino a Roma..............................................................................pag. 122 Campo Marzio, Dar Moschino alla Garbatella. La lista potrebbe essere ben più lunga e per questo vi rimandiamo alla lettura delle schede, non senza Al Presidente però avervi prima fatto i nomi di due pizzerie veramente notevoli: la Gatta Roma..............................................................................pag. 12 Mangiona a Monteverde e Sforno a Cinecittà. Cacciani Prima di lasciarvi alla verifica dell’attendibilità di quello che abbiamo scrit- Frascati...........................................................................pag. 129 to, vi rinnoviamo l’invito a scriverci attraverso il nostro sito internet La Rosetta www.romanelpiatto.it tutte le vostre impressioni sulla guida: suggerimenti, Roma..............................................................................pag. 28 8- consigli e, perché no, critiche. Siamo fermamente convinti che questo sia il L'Ortica modo più efficace per migliorare ulteriormente il nostro prodotto. Roma..............................................................................pag. 83 Grazie per la fiducia che avete riposto in noi, un caloroso saluto e BUON Uno e Bino APPETITO!!! Roma..............................................................................pag. 60 Vesta Simone Cargiani Tivoli...............................................................................pag. 137
  • I Consigliati Cucina ricercata Cucina tradizionale Giudizio Pagina Giudizio Pagina Antonello Colonna 9+ 135 Al Presidente 8- 12 La Pergola del Cavalieri Hilton 9+ 94 La Locanda 7½ 68 Tordo Matto 9- 138 L’Arcangelo 7½ 89 Agata e Romeo 8½ 40 Domenico dal 1968 7+ 46 Antico Arco 8 107 Gabriele 7+ 57 Vesta 8- 137 L'Oste della Bon'Ora 7+ 131 Paris 7+ 104 Trattoria Bottiglieria Ciarla 7+ 50 Cucina creativa Renato e Luisa 7- 35 Giudizio Pagina Cacciani 8- 129 Le Trattorie Uno e Bino 8- 60 Al Bric 7½ 12 Giudizio Pagina La Grotta 7½ 130 Da Felice 7 112 Manali 7½ 119 Da Gnegno 7 80 Taverna Angelica 7½ 97 Gino 7 22 Arancia Blu 7+ 55 Dar Moschino 7- 116 Ditirambo 7+ 21 Da Ettore 6½ 65 Locanda del Gusto 7+ 134 Da Ugo 6½ 19 La Proposta 7 48 Zampagna 6½ 115 Scaramouche 7 55 Babette 7- 15 Di Tendenza Cucina regionale Giudizio Pagina Duke’s 7+ 78 Giudizio Pagina Glass 7+ 102 L’Ortica 8- 83 Lumie di Sicilia 7½ 109 Osteria della Gensola 7½ 103 Carne Osteria di San Cesario 7½ 137 Giudizio Pagina Colline Emiliane 7+ 18 Beef 7- 64 Cipriani 7- 126
  • Legenda In questo paragrafo si vuol dare una spiegazione di come deve essere letta Pesce la guida e dei simboli che in essa compaiono. Vogliamo comunque sottoli- Giudizio Pagina neare che ridurre l'analisi di un ristorante alla mera consultazione del voto, del prezzo e della convenienza sarebbe a dir poco riduttivo; è infatti nel testo L’Acquolina 8 82 che il lettore può percepire quelle sfumature che sono essenziali per avere Pascucci al Porticciolo 8 122 un'idea fedele del locale che andrà a provare. La Rosetta 8- 28 Il Tino 7½ 126 GIUDIZIO Myosotis 7+ 33 Tale parametro varia in una scala da 0 a 10 ed è espresso in multipli di 0,25 La Spiaggetta 7- 123 (il + e il - valgono appunto 0,25). Il giudizio corrispondente ai vari valori, può essere estrapolato dalla seguente scala. Le Enoteche Voto Giudizio corrispondente Fino a 4½ totalmente insufficiente Giudizio Pagina Da 5- a 5½ insufficiente Tramonti e Muffati 7½ 53 Da 6- a 6½ sufficiente, discreto Vinarium 7½ 60 Osteria dell’Arco 7 70 Da 7- a 7½ buono, molto buono Del Frate 7- 87 Da 8- a 8½ ottimo, notevole Sopra 8½ eccellente Cucina estera E' evidente che la differenza fra un ristorante posizionato nella fascia alta di Giudizio Pagina una forchetta di prezzo e uno nella parte bassa della forchetta superiore, non è così netta come apparirebbe dai giudizi corrispondenti. Vogliamo sottolinea- Charly's Saucière 7½ 45 re che nel dare il voto, non teniamo in minima considerazione il prezzo del Green T. 7½ 22 ristorante recensito. Hamasei 7+ 23 Zen Sushi 7+ 92 PREZZO Le Bistrot d'Hubert 7 75 Il prezzo riportato nella recensione, è il costo, espresso in euro, di un pranzo Blå Kongo 7- 64 così composto: Cùcara Màcara 7- 72 coperto e servizio + primo + secondo + dolce + ½ vino + ½ acqua, Hang Zhou 7- 42 Sahara 7- 62 dove i prezzi delle portate sono intesi come prezzi medi di quelli riportati nel Shanti 7- 92 menù (escludendo cibi particolari quali aragoste, tartufi bianchi, e via dicen- Thien Kim 7- 37 do), mentre per i vini si intende il prezzo di quello della casa o, in assenza, di una bottiglia base della lista. Sappiamo che così facendo abbiamo introdotto Toros y Tapas 7- 63 un elemento di arbitrarietà dovuto alla scelta del vino, ma abbiamo ugual- mente preferito usare questa convenzione in quanto riteniamo che il prezzo
  • Indice per quartiere che il lettore legge nella scheda, debba essere quello che poi effettivamente pagherà. Centro storico.....................................................................................pag. 12 N.B.: nel caso di ristoranti etnici, si considera il prezzo medio degli antipasti Esquilino.............................................................................................pag. 40 e quello dei "piatti principali (unici)", al posto di quello del primo e quello del San Giovanni - Appio.........................................................................pag. 44 secondo. Per i ristoranti di alto livello, abbiamo preferito indicare, vista la par- Tuscolano...........................................................................................pag. 51 ticolarità e ricercatezza dell'offerta, il prezzo medio di un pasto completo. Casilino - Prenestino..........................................................................pag. 54 San Lorenzo - Tiburtino......................................................................pag. 55 CONVENIENZA Bologna - Nomentano........................................................................pag. 61 Tale indicatore viene elaborato dal nostro database tramite un algoritmo Salario - Trieste - Africano.................................................................pag. 63 complesso che ha come input il voto e il prezzo del ristorante in esame e la Prati Fiscali - Talenti - Montesacro.....................................................pag. 71 media di questi parametri calcolata su tutti i ristoranti della guida. Per rende- Veneto - Pinciano................................................................................pag. 73 re immediata la lettura abbiamo raggruppato i ristoranti in 4 classi, contrad- Parioli..................................................................................................pag. 76 distinte dai seguenti simboli: Flaminio - Cassia................................................................................pag. 80 Prati....................................................................................................pag. 84 Balduina - Monte Mario - Trionfale.....................................................pag. 93 Eccellente Alta Media Bassa San Pietro - Gregorio VII....................................................................pag. 95 Aurelio - Boccea.................................................................................pag. 97 SIMBOLI Trastevere..........................................................................................pag. 99 Monteverde - Gianicolense - Portuense.............................................pag. 107 Carte di Credito Aventino - Testaccio - Ostiense.........................................................pag. 109 - AE American Express - DI Diners Club Garbatella - Ardeatino - Laurentino....................................................pag. 115 Tavoli all’aperto - VI Visa Marconi - EUR - Magliana..................................................................pag. 118 - MC Mastercard Accorgimenti per disabili Litorale................................................................................................pag. 120 - CS Carta Sì Castelli................................................................................................pag. 128 Presenza sale fumatori - MA Maestro Laghi...................................................................................................pag. 132 Altre Zone...........................................................................................pag. 135 Quando c’è questo simbolo nella scheda della recensione, significa che il ristorante è da noi CONSIGLIATO. Questi Altre sezioni indirizzi non sono necessariamente i migliori, ma quelli che consiglieremmo ad "occhi chiusi" ad un amico per una par- ticolare occasione o per un dato tipo di cucina. Aperitivi e Brunch...............................................................................pag. 139 Itinerari Golosi....................................................................................pag. 151 12 Identifica i ristoranti che sono presenti nelle mappe, collocate alla fine della guida. Mappe di Roma (zone centrali)..........................................................pag. 183 Indice Mappe......................................................................................pag. 206 SETTORE - ZONA Indice alfabetico Ristoranti.................................................................pag. 209 Nelle schede, dopo l’indirizzo fra parentesi, è riportata la zona in cui il risto- Indice alfabetico Aperitivi e Brunch....................................................pag. 214 rante si trova, mentre in fondo alla pagina c'è l'indicazione del settore (macro- Indice alfabetico per quartiere............................................................pag. 215 zona) di Roma. Indice alfabetico Itinerari Golosi (ristoranti e produttori).....................pag. 222
  • 5 6- 7 6 106 Tav. 17 B-2 107 Tav. 16 B-1 Osteria Antichi Sapori da Leo Postodivino Da Augusto Asinocotto Via Aurelia, 366 (Piazza Irnerio) Via Aurelia, 528/A (Ergife) Via dei Vascellari, 48 (Lungotevere Ripa) Piazza de' Renzi, 15 (S. Maria in Trastevere) € 17 € 31 € 61 € 19 Tel. 06/6627014 Tel. 06/66410456 Tel. 06/5898985 Tel. 06/5803798 www.asinocotto.com Cucina: tradizionale Cucina: tradizionale Cucina: ricercata Cucina: romana - tradizionale Chiuso: Domenica Chiuso: Martedì Chiuso: Lunedì Chiuso: Sabato sera e Domenica Chiusura cucina: 23.00 Chiusura cucina: 23.30 Chiusura cucina: 23.00 Chiusura cucina: 23.00 Ed. 2006 Ed. 2006 Ed. 2006 Ed. 2006 Ferie: tutto Agosto/Festivi Ferie: variabili Ferie: 15gg in Gennaio Ferie: tutto Agosto novità novità 7½ 6+ Carte di credito: nessuna Carte di credito: tutte tranne AE Carte di credito: tutte Carte di credito: nessuna Per una serata all'insegna della tranquillità, Al posto del Gustodivino, da noi ben recensito in Dopo diverse visite nelle quali a servire ai tavoli era Da Augusto annida le sue due piccole sale abbiamo scelto questa Osteria rinomata tra gli passato, abbiamo trovato questo Postodivino il proprietario Giuliano Brenna, questa volta siamo all'angolo di una delle piazzette più tipiche di abitanti della zona. L'ambiente non è dei più che conserva il precedente locale, il gusto per la capitati in una giornata in cui non c'era, ed il servi- Trastevere, nel cuore della parte più turistica e accoglienti, con le pareti ricoperte di quadri e sciarada nel nome e gli adesivi delle guide fuori zio ne ha risentito! Certo, la professionalità c'è vivace. Vi si danno convegno nottambuli e cop- quadretti e i pochi tavoli molto ravvicinati. Non dalla porta, ma che ha cambiato decisamente sempre e la si nota nel servizio del vino e in altri piette, stranieri di passaggio e vecchi residenti abbiamo tratto delle conclusioni affrettate, fidu- proposta culinaria. Il menù, meritoriamente accorgimenti, ma alcune sbavature non sono man- del quartiere che tra i fitti tavolini coperti da tova- ciosi che questo, come molti luoghi della ristora- esposto anche all'esterno, si basa ora su piatti cate. Ci riferiamo in particolare al fatto che in pre- glie di carta, spesso simbolicamente staccati zione romana, puntasse alla qualità del mangia- tradizionali, romani e non solo, e su secondi di senza di due secondi mal riusciti e quindi lasciati l'uno dall'altro di pochi millimetri, finiscono spes- re e ai prezzi popolari più che all'aspetto del gran semplicità; vi si affianca inoltre un reparto nel piatto, ci siamo sentiti dire con tono fra lo scoc- so per intrecciare conversazioni tra sconosciuti locale. Il proprietario ci ha fatto accomodare pizzeria. La carta dei vini è limitata e mal scritta ciato e il supponente "E' la prima volta che ci capi- dalle pieghe imprevedibili. A completare il folklo- nella saletta di sotto, a cui si accede tramite una (anche il menù non è esente da refusi); contiene ta", e poi, rivolgendosi al sottoscritto "Ma lei man- re, inevitabile la piccola processione di suonato- ripida scala e che risulta piuttosto angusta. Il comunque varie bottiglie a prezzi onesti. Il vero gia spesso l'anatra?". Che il cuoco abbia sbagliato ri, venditori di roselline e altri ambulanti. Il servi- servizio è arrivato puntuale, ma alle prime punto debole è il servizio, pur se simpatico e cor- le preparazioni, sembra non rientrare nella gamma zio è rapido, efficace e tutt'altro che privo di una domande ha mostrato qualche incertezza (non tese: nella prima delle nostre visite la gentile delle ipotesi plausibili... Se a questo aggiungiamo sua rude simpatia. Dalla cucina a vista escono essendo in grado di spiegarci cosa fosse la ricot- cameriera non ha potuto evitare che i piatti ci una cucina che in quei due piatti ha mostrato un piatti tra i più classici della ristorazione romane- ta pugliese). La cucina è di stampo tradizionale arrivassero con lentezza immane, mentre nella cedimento, il ridimensionamento di voto ci pare sca, con un'aria casalinga che non guasta affat- e sforna piatti piuttosto semplici che, a nostro seconda occasione dopo che ci è stato chiesto doveroso. Intendiamoci, qui si mangia bene in un to. Apprezzabile che il menù sia esposto all'e- avviso, sono lontani dal raggiungere la sufficien- come coordinare gli ordini dei due commensali ambiente confortevole e con un servizio in genere sterno per uno studio preventivo della gamma di za. ci sono giunti inizialmente un primo, poi un anti- professionale, ma a questi prezzi, certi episodi non pietanze e dei prezzi, mentre la carta dei vini è In Cucina pasto per la stessa persona, senza pane per sono tollerabili. Per onor di cronaca, i due secondi inesistente e le poche bottiglie disponibili vanno Data l'estate trascorsa lontana dalla mia terra giunta, infine la pietanza dell'altro commensa- non sono stati inclusi nel conto. sbirciate su mensole e scaffali. d'origine, ho deciso di gustarne i sapori assag- le... Urge una riorganizzazione. In Cucina In Cucina giando la bruschetta con la ricotta pugliese che In Cucina Partiamo dalla lista dei vini, molto completa, com- Non sono previsti antipasti di alcun genere: si ho apprezzato per la sua corposità e per l'aroma Tra gli antipasti abbiamo provato un profumo di prese 7-8 etichette alla mescita. A voler trovare un ordina subito il primo, che consiste in rigatoni o deciso. I primi sono stati piuttosto deludenti: le mare, gradevole insalata di polpo e strisce di difetto, mancano alcune bottiglie nella fascia di gnocchi da abbinare a piacere con pomodoro e farfalle al pesto, scotte e sciape ed un risotto al calamaro su abbondante lattuga. Ci siamo poi prezzo più abbordabile. Venendo alla cena, molto basilico, cacio e pepe, amatriciana oppure sugo radicchio (un po' troppo al dente) che sembrava diretti su delle gustose mezze maniche alla gri- buoni gli antipasti: la terrina di cinghiale con gela- alla carne. Nella combinatoria possibile, abbia- semplicemente condito con del pomodoro. Gli cia, ma con la pancetta al posto del guanciale, tina di Picolit, con quest'ultima a dare un perfetto mo scelto dei rigatoni con cacio e pepe, non cre- involtini di melanzane sarebbero stati più appro- tra l'altro troppo sottile, e degli gnocchi di patate equilibrio al piatto, e i fiori di zucca ripieni di robio- mosi, ma saporiti al punto giusto, forse un pochi- priati se fossero stati proposti come contorno, al sugo di coda, anch'essi saporiti. Tra i secondi la ed olive, giustamente serviti con dei pomodorini no troppo al dente, e degli gnocchi all'amatricia- visto che il ripieno era praticamente assente, abbiamo preso il filetto alla "Cesare", in salsa di a pezzetti a "sgrassare" la bocca. Ben eseguiti na buoni, ma con un sugo un pochino troppo mentre i bocconcini di carne con carote e piselli vino, che ci ha soddisfatto, oltre a dei buoni spie- pure i primi, gli stracci all'arancia ed erbe al ragù blando. Siamo poi passati a un brasato sempli- hanno raggiunto la sufficienza. L'offerta dei dolci dini di manzo su un letto di rucola e pomodorini. d'anatra (piacevolissimo l'apporto dell'agrume) e ce, ma efficace, che abbiamo decisamente gra- non brilla per varietà: la nostra scelta è caduta La misticanza del contadino era a posto, le ver- le pappardelle verdi con gamberi e pesto alla men- dito, e ad un abbacchio alla cacciatora piuttosto sulla torta al cioccolato, che ci è stata servita tie- dure grigliate oneste e non troppo unte, il car- tuccia. Poi il calo con i secondi, entrambi comple- saporito che ci ha abbastanza convinto. Per pida e coperta dal cioccolato fuso. Non male ciofo alla romana gradevole e abbondante (ne tamente sbilanciati. Il petto d'anatra al fegato gras- accompagnarli un'onesta cicoria e delle passa- come apostrofo rosa su questa assai poco entu- sono stati portati due) anche se con foglie ester- so con barbabietola e zenzero aveva la nota pic- bili patate al forno. Per finire, abbiamo preso una siasmante cena. ne più dure ancora da togliere. Per il reparto piz- cante di quest'ultimo che copriva il tutto, mentre il torta di crema e pinoli piuttosto deludente, in Caffè zeria, abbiamo assaggiato una focaccia al pro- pomodoro di salmone con crema di carote al realtà una base di pan di Spagna su cui era Triste conclusione della serata con un caffè sciutto semplice quanto efficace. Tra i dessert, cumino aveva il ripieno troppo "pasticciato" nei stata versata un po' di crema pasticcera con decisamente "annacquato". approvati il crème caramel e il tiramisù, buono il sapori, che a loro volta mal legavano con il pomo- un'abbondante spolverata di pinoli: certo non profiterol e appena sufficiente la torta della doro appena scottato. Molto buona in chiusura la cattiva, ma una torta è un'altra cosa. nonna. bavarese di caffè con mascarpone. Caffè Caffè Caffè Ebbene sì, non lo fanno! In tazza grande, piuttosto acquoso. Migliorato: crema persistente e buon aroma. pag. 98 pag. 99 AURELIO - BOCCEA TRASTEVERE
  • 124 Tav. 10 A-3 125 Tav. 14 B-3 Prefazione Acqua Negra Arco degli Aurunci Largo del Teatro Valle, 9 (Piazza Navona) Via degli Aurunci, 42 (San Lorenzo) buffet buffet Tel. 06/68136830 Tel. 06/49382372 libero libero www.arcoaurunci.it o scorso anno abbiamo introdotto questa sezione sotto la spinta delle L Chiuso: mai Chiuso: Dom mattina e Lun pomeriggio numerosissime vostre richieste e il riscontro è stato immediato; molti Ferie: variabili in Ago/25 Dic Ferie: variabili in Agosto Orario aperitivo: 19.00-21.15 Orario aperitivo: 18.30-21.00 di voi ci hanno scritto per esprimere opinioni sui locali testati o per Giorni brunch: Domenica 11.00-16.00 Giorni brunch: assente suggerircene di nuovi. Viste queste premesse, per questa edizione abbia- BUFFET RIDOTTO, MA DI QUALITA' TRENDY NEL QUARTIERE "ALTERNATIVO" mo aumentato il numero di locali, passando da 32 a 40. L'anno scorso provammo questo locale per il San Lorenzo sembrava uno degli ultimi quartieri brunch e memori dell'esperienza, in tutta since- rimasti in cui i locali modaioli avevano difficoltà Purtroppo, parlando degli aperitivi, il panorama rimane desolante. rità, ci saremmo aspettati per l'aperitivo un buf- ad attecchire: l'Arco degli Aurunci sembra aver Pochissimi i posti che propongono il classico aperitivo “alla milanese” con fet più ricco. Peccato, perché le pietanze offerte sfatato questa tendenza, e con gusto, aggiun- un buffet ricco e soprattutto con un offerta di vino adeguata. Quasi sempre erano di qualità più che buona, eccezion fatta giamo noi. Molto belli gli interni con gli archi a alla richiesta di quale vino fosse disponibile al bicchiere, ci siamo sentiti per i due tipi di salame abbastanza banali. Ci è mattoncini in bella vista. Riguardo l'aperitivo, piaciuto il rotolo di sfoglia con verdure cotte, così segnaliamo la presenza di una quindicina di vini rispondere “uno chardonnay, un sauvignon, un cabernet” e via dicendo, come l'insalata di riso, ben sgranata, e, su tutti, alla mescita con indicati i vitigni, i produttori e le segno di una scarsa professionalità ed attenzione al cliente. Ci vuole tanto, l'ottimo riso al latte. Stesso problema di abbon- annate: bravi! Peccato però che il rosso ordina- ci chiediamo retoricamente, a tenere una lavagnetta o a stampare un foglio danza lo abbiamo riscontrato nell'offerta del vino to sia giunto già versato nel bicchiere... Non con una lista giornaliera di etichette alla mescita con indicato nome del vino, alla mescita: solamente 2 rossi e 3 bianchi in male il buffet: buona la pasta fredda con pachini occasione della nostra visita, elencati per giunta e tonno, un po' salata la frittata, discreta la torta del produttore, annata e prezzo?!? L’invito che vi rivolgiamo è di essere con il vitigno (senza produttore): un peccato, rustica e freschi i tramezzini disponibili in diver- molto pretenziosi in questo senso, non accontentandovi delle informazioni perché le etichette non erano per nulla commer- se versioni. insufficienti, date spesso in modo svogliato, dal personale. Che possa ser- ciali. vire a cambiare questo malcostume non lo sappiamo, ma comunque eser- citereste un vostro sacrosanto diritto. Diverso il discorso per i brunch. Sicuramente sono pochissimi gli indirizzi in cui lo fanno in modo aderente 126 Tav. 17 A-2 alle tradizioni esterofile; qui da noi spesso si tratta di un pranzo a buffet con Bar Euclide Bibli Caffé molti alimenti mediterranei, ma per come sta prendendo piede sembra sia Piazza Euclide, 45 (Parioli) 16 euro + Via dei Fienaroli, 28 (Trastevere) 7 euro, la strada giusta. Anche se chi vi scrive di domenica preferisce trascorrere drink alc. Tel. 06/8078017 Tel. 06/5814534 bibite www.bibli.it tre ore in trattoria, non possiamo non ammettere che il brunch è una valida compreso Chiuso: mai Chiuso: Lunedì a pranzo alternativa al pranzo domenicale se poi si vuole godere dell’immensa bel- Ferie: variabili in Agosto Ferie: mai lezza della Città Eterna e delle attrattive che offre! Orario aperitivo: 18.30-21.00 Orario aperitivo: 19.00-20.30 Giorni brunch: assente Giorni brunch: Sab e Dom 12.30-15.30 Ovviamente vi consigliamo di leggere tutte le schede, qui vi riportiamo sin- BELLA LOCATION, APERITIVO DA MIGLIORARE BRUNCH "CULTURALE" A TRASTEVERE teticamente quelli che sono gli indirizzi che più ci hanno convinto. Per l’a- Affacciato su Piazza Euclide, l'omonimo bar - Questa libreria nel cuore di Trastevere si carat- peritivo Doppiozeroo, Fluid, La Barrique, La Mescita e Riccioli Café, per il ristorante è caratterizzato da un'architettura terizza da sempre per l’organizzazione di eventi brunch Bibli, Fabrica e Obikà. squadrata e gli interni arredati in stile minimal letterari accompagnati da preparazioni culinarie. con vasto uso di legno scuro. Qui non viene ser- Nel brunch domenicale questo connubio rag- vito un aperitivo a buffet, ma ordinando da bere, giunge il suo apice. Il locale è frequentatissimo Simone Cargiani arriva al tavolo un piattino con diversi sfizi, tutto (senza prenotazione la lista di attesa è avvilen- sommato discreti. Panzerottini ripieni di mozza- te), con un servizio informale e un po' superfi- rella e prosciutto cotto, mini crostini con formag- ciale. Ricco il buffet: l’offerta prevede diverse gio e con gamberi e olive, un panino con wurstel portate, partendo dalla pasta fredda fino ad arri- Legenda e insalata e un altro con zucchine tagliate sottili. vare al cous cous, passando per le quiches. Buona volontà nel proporre i drink della casa, Presenti anche pasticci di carne, sformati di ver- ma richiedendo il vino viene snocciolata la solita dure, zuppe di stagione e piatti vegetariani. sequela "chardonnay, sauvignon, ecc.". Alla Molto fornita anche la sezione dei desserts. La Provato per l’aperitivo Provato per il brunch richiesta del produttore, ci viene risposto: "Sono qualità è mediamente buona. buoni, siamo al Bar Euclide!". Sciocchi noi che lo abbiamo chiesto... pag. 141 APERITIVI E BRUNCH
  • Itinerari golosi Indice LATINA - CIRCEO - TERRACINA - SPERLONGA - GAETA Questo nostro itinerario parte idealmente dalla città di PRINCIPALI PRODOTTI Latina per arrivare a quella di Gaeta attraversando la zona TIPICI nota coma Agro-Pontino. Essa si estende a sud della Capitale ed è compresa tra i Monti Lepini ed i Colli Albani Vino ad est ed il Mar Tirreno ad Ovest. Anticamente questi erano DOC Aprilia ITINERARIO LAZIALE Limitata ai comuni di Aprilia, terreni paludosi (già all’epoca dei romani si era cercato di Latina - Circeo - Terracina - Sperlonga - Gaeta..............................pag. 153 Cisterna di Latina, Latina e avviare un’opera di bonifica), ma solo nel XX secolo, duran- Nettuno, è riservata ai vini prodotti te il periodo fascista, si è attuata la vera e definitiva bonifica con almeno il 95% dei seguenti viti- con la nascita e lo sviluppo di un’architettura di regime, che gni: trebbiano, sangiovese, merlot. trova nella città Latina la sua massima esemplificazione. Da ITINERARIO UMBRO DOC Circeo un punto di vista enogastronomico, questi territori sono ric- I comuni sono quelli di Latina, Lago di Corbara - Orvieto - Ficulle - Monteleone d’Orvieto............pag. 163 chi di vino, olio e mozzarelle (si veda box a lato). Partendo Sabaudia, San Felice Circeo e dal capoluogo di provincia, Latina, si può constatare come Terracina. Il Bianco (secco, amabi- la sua storia sia piuttosto recente, considerato il fatto che è le e frizzante) deve contenere almeno il 60% di trebbiano toscano stata fondata nel 1932 con il nome originario di Littoria. ITINERARIO CAMPANO e un massimo del 30% di malvasia Sorta in quella che sin dall’antichità era una zona paludosa, di Candia. Il Rosso e il Rosato non deve la sua nascita alla grande opera di bonifica avvenuta Giffoni Valle Piana - Paestum - Agropoli - Palinuro........................pag. 173 meno dell’85% di merlot. Il durante il ventennio, che lasciò la propria impronta in tutta Trebbiano e il Sangiovese non la città anche attraverso l’utilizzo di un’architettura fatta di meno dell’85% dei vitigni omonimi. edifici squadrati, razionali e con precise funzioni civili. In ori- DOC Cori gine, il nucleo urbano di Littoria era chiamato il Quadrato La DOC è limitata ai comuni di Cori (oggi, ad esso è dedicata una piazza in ricordo della prima e Cisterna di Latina. Il Bianco è cellula della città) e fu eretto dai coloni e tecnici idraulici che composto da malvasia di Candia (max. 70%) e trebbiano toscano operarono per la bonifica. Siccome il centro cittadino era (max. 40%); possono concorrere indissolubilmente legato a tutta l’area produttiva, si decise di alla produzione, fino ad un massi- creare dei collegamenti con i diversi agglomerati abitativi (i mo del 30%, anche i vitigni bellone borghi), nati per ospitare la manodopera bracciantile ed e trebbiano giallo. Il Rosso deve agricola. Da semplice borgo di servizio, nel giro di due anni essere un blend delle seguenti uve: divenne capoluogo di provincia, modificando il nome in montepulciano (dal 40 al 60%), Latina e conservando nei propri monumenti i tratti tipici del- nero buono di Cori (dal 20 al 40%), cesanese (dal 10 al 30%). l’epoca in cui sorse. Piazza del Popolo è caratterizzata dal- l’imponente Palazzo del Comune, che con le sue linee Olio razionali e pulite (torre alta e squadrata) si contrappone al DOP Colline Pontine (in via di Monumento all’Acqua (una sfera in travertino), simbolo del riconoscimento) nucleo ideale della città. Tutto intorno, un alto porticato che Questo olio è ottenuto dalla molitu- si collega con l’altro palazzo del potere, il Palazzo ra della varietà di olive itrana dal 50 al 100%; ci possono essere anche dell’Intendenza di Finanza. Piazza della Libertà, fu creata frantoio e leccino fino ad un massi- quando la città divenne Capoluogo di Provincia, come l’al- mo del 50% o altre varietà fino ad lora Palazzo del Governo (oggi della Prefettura) sta a testi- un massimo del 10%. moniare. La grande facciata in travertino riporta stemmi e sculture che celebrano le vittorie della seconda guerra mon- Olive da tavola diale e l’imponente opera di bonifica; molto bello il dipinto di DOP Oliva di Gaeta (in via di riconoscimento) Duilio Cambellotti nella stanza della Consulta che rievoca E’ riservata alla trasformazione “La conquista della Terra”. La chiesa di San Marco, che da delle olive di varietà itrana. il nome alla piazza su cui si affaccia, era il centro religioso ed è preceduta da un ampio portico con tre arcate decora- te con le statue degli evangelisti. Poco distante vi è il palaz- pag. 153 Latina - Circeo - Terracina - Sperlonga - Gaeta
  • Itinerari golosi - I Ristoranti Itinerari golosi - I Ristoranti 7½ € 52 6+ € 53 Il Focarile Gli Archi Via Pontina, km. 46,500 - Aprilia (LT) - Tel. 06/9282549 - www.ilfocarile.it Via Ottaviano, 17 - Sperlonga (LT) - Tel. 0771/548300 - www.gliarchi.com Ecco un indirizzo sicuro per dei gourmet esigenti. Trovarlo è semplice, basta percorrere la Pontina Caratteristico l’ambiente con gli archi a vista di questo ristorante sito nel centro storico di verso sud e stare attenti al chilometraggio. L'ambiente è elegante anche se la grande sala la si Sperlonga, anche se alcuni particolari risultano un po' pesanti come le tovaglie a fiori sulle tona- associa immediatamente alle feste matrimoniali... Servizio da applausi: competente, cordiale, lità del verde. Preciso e cordiale il servizio, ben fornita e concepita la lista dei vini, che però non appassionato! La cucina è di ottimo livello anche se in qualche piatto non mantiene le aspettati- prevede l'offerta al bicchiere ed annovera solo una mezza bottiglia commerciale. Non mi ha ve. Abbiamo iniziato con il gran piatto di pesci crostacei e marinati: gamberi, scampi, gamberoni, invece entusiasmato la cucina. Per partire un consistente (per quantità) antipasto misto, in cui ostrica, alici con balsamico e pinoli, carpaccio di spigola, filetto di triglia. Tutto freschissimo e deli- però l'insalata di polipo era gommosa e carica d'olio, il salmone eccessivamente sapido, il cock- cato. Deludente invece la calamarata con scorfano, olive nere e pinoli per via della pasta troppo tail di gamberi in salsa rosa troppo ricco di quest'ultima; buone le alici con il peperoncino e la al dente e dell'invadenza della cipolla. Strepitosi gli involtini di pesce spada con mozzarella di mazzancolla gratinata con pomodorini. I tagliolini "Tre Archi" (con pomodorini, cozze, vongole e bufala, pomodoretti e capperi, con gli ingredienti in un fantastico quanto difficile equilibrio. Dolce telline) non sarebbero stati male, se non si fosse deciso di abbondare con l'aglio, e pure il fra- chiusura con una cialda con gelato al rhum e cioccolato fondente di buona fattura. Bella la lista golino cotto al forno con il vino era gustoso, ma con il difetto di una cottura eccessiva. dei vini, con ricarichi onesti e disponibilità di aprire bottiglie per l'offerta alla mescita. Dimenticabile in chiusura il tiramisù. In relazione a quanto offerto, i prezzi ci sembrano elevati. Cucina: tradizionale - ricercata - Chiuso: Domenica sera e Lunedì - Chiusura cucina: 22.30 - Ferie: variabili Cucina: pesce - Chiuso: Mercoledì - Chiusura cucina: 23.00 - Ferie: dal 2 Gennaio al 2 Febbraio/24 e 25 in Estate - C.C.: tutte Dicembre - C.C.: tutte 7 - € 43 8- € 50 Chinappi Bottega Sarra 1932 Via Anfiteatro, 8 - Formia (LT) - Tel. 0771/790002 - www.chinappi.it Via San Francesco, 54 - Terracina (LT) - Tel. 0773/702045 Sensazioni contrastanti nel corso della nostra visita a questo celebre indirizzo di Formia. In positi- La Bottega Sarra di Via Villafranca si è trasferita, dal mese di giugno, in questa nuova sede vo da segnalare sicuramente la freschezza della materia prima e le preparazioni che escono dalla nella parte alta del centro storico. Il locale, su due livelli, è arredato con raffinatezza ed ele- cucina, semplici, ma ben equilibrate. Abbiamo assaggiato una buona pizza pomodoro (un pelino ganza, offrendo una vista spettacolare sull'isola di Ponza. La cucina, prettamente di mare acido) e pecorino gentilmente offerta, per proseguire con degli ottimi gamberoni crudi con olio e (con poche portate destinate ai carnivori), propone piatti ben realizzati rispettando la fre- limone, una buona calamarata con ragout di polipetti veraci, un fritto di mare che sarebbe stato per- schezza della materia prima. Il servizio è professionale e cortese, e la lista dei vini è ben fatta fetto se più croccante, una gustosa mollica di cefalo con cipolle di Tropea e peperoni (questi non e presenta ricarichi giusti. Dopo una flûte di prosecco gentilmente offerta, abbiamo provato li avremmo messi…) e una fantastica impepata di cozze, per chiudere con una sfoglia croccante dei deliziosi tronchetti di pesce bandiera con verdure scottate, condite con un olio della con crema chantilly troppo carica di panna. Lista dei vini con presenze interessanti. Cosa non ci Sabina strepitoso, e una buona corolla di zucchine con cuore di pesce. Eccezionali i vermi- ha convinto? L'ambiente chiassoso, con bambini lasciati correre impunemente fra i tavoli e, soprat- celli con alici, pistacchi di Bronte e bottarga di muggine; gustosa la parmigiana di pesce, in tutto, un paio di episodi poco "carini": senza richiesta alcuna da parte nostra ci viene "offerto" un un perfetto equilibrio di sapori tra l'ortaggio, il formaggio e il merluzzo. Come dessert, un deli- bicchiere di bollicine e un piatto di cozze, per poi vederli impattare nel conto per 16 euro! cato biancomangiare a base di ricotta di bufala e pistacchi di Bronte, su salsa di arance. Cucina: principalmente pesce - pizzeria - Chiuso: Giovedì - Chiusura cucina: 23.30 - Ferie: mai - C.C.: tutte Cucina: pesce - Chiuso: Lunedì e Martedì - Chiusura cucina: 22.30 - Ferie: variabili in Inverno - C.C.: tutte tranne AE e DI 7½ € 39 Enoteca dell'Orologio Piazza del Popolo, 20 - Latina - Tel. 0773/473684 - www.enotecadellorologio.it L'Enoteca dell'Orologio, situata nella centralissima Piazza del Popolo accanto al Palazzo Comunale, si sviluppa su due piani, con un ampio spazio all'aperto durante la bella stagio- ne. Gli arredi, moderni ed eleganti al tempo stesso, creano una piacevole atmosfera, coadiu- vata anche dall'ottimo livello della cucina. Il menù propone piatti sia a base di carne che di pesce, eseguiti con grande cura e attenzione verso le materie prime. Fiori di zucca ripieni di alici e mozzarella, buoni, ma avvolti da troppa pastella e leggermente unti. Semplicemente perfetti i paccheri polpo e pecorino; gustosa la ricciola con caponata di melanzane e una dol- cissima cipolla rossa di Tropea in agrodolce. Conclusione alla grande con un tris di dolci, tutti molto buoni: tiramisù scomposto, cannolo aperto e semifreddo al torroncino su salsa all'a- rancia. Lista dei vini ben fatta (di nuova apertura l'adiacente wine bar), con ricarichi nella media e un bel focus sui vini francesi. Servizio molto professionale e cortese. Cucina: creativa - Chiuso: Domenica e Lunedì a pranzo - Chiusura cucina: 22.45 - Ferie: 2 sett dopo Ferragosto/Festivi - C.C.: tutte tranne DI pag. 156 pag. 157 Latina - Circeo - Terracina - Sperlonga - Gaeta Latina - Circeo - Terracina - Sperlonga - Gaeta
  • Itinerari golosi - I Produttori Itinerari golosi - I Produttori Cincinnato Tenuta Pietra Pinta Via Cori - Cisterna, km 2 La Cooperativa Agricola Cincinnato, nata nel S.P. Pastine, km 20,200 La Tenuta Pietra Pinta è situata nella zona di 04010 Cori (LT) 1974, è situata sulle colline della campagna di 04011 Cori (LT) Cori e i suoi vigneti sono disposti sulle colline Tel.: 06/9679380 Cori, a pochi chilometri a sud di Roma. Si svi- Tel.: 06/9678001 dei Monti Lepini. Beneficiando di un clima idea- Fax: 06/9677473 luppa su 450 ettari compresi nel territorio della Fax: 06/9678795 le per la coltura della vite, l'azienda coltiva Email: info@cantinacincinnato.it Doc Cori e Castelli Romani. La Cooperativa ha Email: pietrapinta@pietrapinta.com numerosi vitigni di pregio insieme a numerose www.cantinacincinnato.it intrapreso la via della qualità pur mantenendo www.pietrapinta.com varietà tradizionali quasi totalmente scompar- Visite: Lun/Ven 8.00-13.00 e 15.00-17.00 ancora dei prezzi accessibili. Visite: Lun/Ven 9.00-12.00 e 15.00-18.00 se. Degustazione: gratuite Degustazione: gratuita, a pagamento con “Colle Amato” Rosso Lazio IGT, 2001 Vendita diretta: sì assaggi di prodottti tipici Nero Buono Rosso Lazio IGT, 2003 Blend di uve Cabernet Sauvignon e Carte di credito: VI e MC Vendita diretta: sì Il Nero Buono è un antico vitigno autocto- Shiraz, viene affianato per 12 mesi in pic- Ettari vitati: 450 Carte di credito: tutte no coltivato sulle terre laviche delle colline cole botti di rovere francese e per un altro Vitigni coltivati: montepulciano, cesanese, Ettari vitati: 115 coresi. Le rese per ettaro sono basse anno in bottiglia. Alla vista è di un bel nero buono, bellone, greco, malvasia e trebbia- Vitigni coltivati: merlot, shiraz, petit verdot, (60/80 q); dopo 6 mesi dalla vendemmia, rosso rubino carico, all'olfatto è sicuramente no nero buono, montepulciano, falanghina, char- viene sottoposto ad un lungo affinamento in persistente con sentori floreali e di frutta matu- Etichette: Nero Buono Rosso Lazio IGT, donnay e malvasia barrique (12 mesi) e successivamente lasciato ra; al gusto evidenzia un buon tannino e una Bellone Bianco Lazio IGT, "Raverosse" Rosso Etichette: "Colle Amato" Rosso Lazio IGT, maturare in bottiglia per altri 6 mesi. Alla vista è spiccata sapidità. DOC Cori, "Illirio" Bianco DOC Cori, "Rosso dei "Costa Vecchia" Rosso Lazio IGT, Shiraz di un colore rosso rubino intenso; all'olfatto è Dioscuri" Rosso Lazio IGT e "Bianco dei Rosso Lazio IGT, Chardonnay Bianco Lazio persistente e con sentori di sottobosco; al gusto Dioscuri" Bianco Lazio IGT IGT, "La Pietraia" Bianco e Rosso Lazio IGT e è di buona struttura, con tannini non invadenti e Petit Verdot abbastanza persistente. Marco Carpineti Azienda Agricola Biologica Maggiarra Impero S.P. Velletri - Anzio, Km 14,300 L'azienda biologica Marco Carpineti appartiene Via Cap. V. Pellegrini, 10 Gli oliveti dell'azienda Maggiarra sono coltivati 04010 Cori (LT) alla famiglia omonima da moltissime generazio- 04010 Sonnino (LT) in un territorio tradizionalmente vocato alla col- Tel.: 06/9679860 - Fax: 06/9679860 ni. Dal 1994 ha cominciato a produrre con i Tel.: 0773/98019 tura dell'olio. Gli olivi secolari della tradiziona- Email: info@marcocarpineti.it metodi dell'agricoltura biologica, nel pieno Fax: 0773/98974 le varietà Itrana (denominata Gaeta), si svilup- www.marcocarpineti.it rispetto delle piante evitando di utilizzare diser- Email: maggiarra.impero@libero.it pano sulle pendici delle colline ausonee e Visite: Lun/Ven 9.00-19.00. Su appuntamento banti, concimi chimici e prodotti di sintesi. Visite: Lun/Ven 8.00-12.00 e 13.00-17.00 sono coltivati con il metodo dell'agricoltura bio- Degustazione: gratuite, assaggi a pagamento Vendita diretta: sì logica. Vendita diretta: sì Carte di credito: nessuna “Ludum” Vendemmia Tardiva Lazio Carte di credito: tutte Ettari coltivati: 14 IGT, 2004 Impero Biol Serie Oro olio extra- Ettari vitati: 16 Cultivar: itrana Da un clone del Bellone, l'Arciprete vergine da agricoltura biologica Vitigni coltivati: arciprete bianco, bellone, Prodotti: "Impero" Serie Oro olio extravergine Bianco, si produce questo vino dolce. I Questo olio è prodotto senza l'utiliz- greco moro, greco giallo, malvasia puntinata, di oliva monovarietale Itrana, "Impero" Biol migliori grappoli vengono fatti appassire zo di diserbanti e pesticidi chimici e trebbiano, nero buono di Cori, motepulciano e Serie Oro olio extravergine da agricoltura biolo- sulla pianta, aumentando così la concentrazio- le olive che lo compongono vengono raccolte a cesanese gica ne degli zuccheri. Segue una fermentazione mano e spremuto a freddo lo stesso giorno Etichette: "Capolemole" Bianco DOC Cori, lunga 12 mesi in botti di rovere di varie gran- della raccolta. Alla vista si presenta di un bel "Collesanti" Bianco Lazio IGT, "Moro" Bianco dezze e dopo un affinamento in bottiglia. Alla colore verde brillante; all'olfatto è caratterizzato Lazio IGT, "Tufaliccio" Rosso lazio IGT, vista si presenta con un giallo oro intenso; all'ol- da leggeri sentori vegetali (un bel profumo di "Capolemole" Rosso DOC Cori, "Dithyrambus" fatto sprigiona aromi intensi, di frutta a polpa oliva fresca) e fruttati; al gusto è dolce e delica- Rosso Lazio IGT, "Criatura" Rosso Lazio gialla matura e di miele; al gusto è caldo, dolce to. Novello IGT e "Ludum" vendemmia tardiva e avvolgente. Lazio IGT pag. 160 pag. 161 Latina - Circeo - Terracina - Sperlonga - Gaeta Latina - Circeo - Terracina - Sperlonga - Gaeta