399 ineleggibilità-cosa-dice-la-legge-2
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

399 ineleggibilità-cosa-dice-la-legge-2

on

  • 368 views

 

Statistics

Views

Total Views
368
Views on SlideShare
368
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

399 ineleggibilità-cosa-dice-la-legge-2 399 ineleggibilità-cosa-dice-la-legge-2 Presentation Transcript

  • a cura di Renato Brunettai dossierwww.freefoundation.comINELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2)17 maggio 2013399www.freenewsonline.it
  • 2INELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2) Nei mesi scorsi “Micromega”, rivista del gruppo l’Espresso diretta daPaolo Flores D’Arcais, aveva lanciato un appello contro il presidenteSilvio Berlusconi. Ma le tesi di chi sostiene l’ineleggibilità del leader delPdl si basano su presupposti giuridici totalmente errati.1. Lart. 10, comma 1 n.1 dPR 361/57 prevede lineleggibilità deisoggetti che "in proprio o in qualita di rappresentanti legali disocieta o imprese private risultano vincolati con lo Stato ... perconcessioni o autorizzazioni di notevole entità economica checomportino lobbligo di adempimenti specifici o losservanza di normegenerali o speciali protettive del pubblico interesse, alle quali laconcessione o autorizzazione e sottoposta". Come chiarito sin dal 1994, la norma riguarda il solo soggetto che, inproprio, ovvero come persona fisica, od agendo quale legalerappresentante di ente giuridico, e parte di un rapporto concessoriocon lo Stato.2
  • 3INELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2) Viceversa, la norma non considera affatto la posizione dellazionista,anche di controllo, della societa concessionaria. La distinzione tra persona fisica contraente in proprio, legalerappresentante di ente giuridico ed azionista, che "Micromega" liquidacome "espediente da azzeccagarbugli" e una nozione basilare deldiritto privato. Lo schema di ricorso proposto da "Micromega" definisce il PresidenteBerlusconi "referente economico di societa concessionaria di frequenze":si tratta di formula del tutto priva di significato giuridico, che non puosuperare la distinzione basilare tra azionista e legale rappresentante disocietà.3 View slide
  • 4INELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2)2. Lo stesso appello di "Micromega", nella consapevolezza, purformalmente negata, del significato testuale della norma, tenta diampliarne la portata in base ad un vago ragionamento teleologico. In realta, la norma non puo che essere interpretata in modo letterale,in quanto limitativa del diritto costituzionalmente garantito di elettoratopassivo, e quindi del diritto di concorrere alla vita politica e civile delPaese, oltre che delle stesse liberta di manifestazione del pensiero e diiniziativa economica.3. Difetta, comunque, anche lulteriore requisito dellesistenza di unrapporto concessorio che lega il soggetto eletto allo Stato. Contrariamente a quanto si legge nellappello "Micromega" e nelloschema di ricorso, oggi il Presidente Berlusconi non controlla, comeazionista, alcuna società concessionaria di alcunchè.4 View slide
  • 5INELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2) La disciplina della radiotelevisione, articolata nei d.lgs. 177/05 e259/03, ha infatti da anni superato listituto concessorio. Le trasmissioni televisive hanno luogo, oggi, in base ad autorizzazionegenerale, mentre il diritto duso delle radiofrequenze e conferito condistinto provvedimento accrescitivo, che non comporta linstaurazione dialcun vincolo contrattuale tra lassegnatario e lo Stato (a differenzadella concessione). Il completamento della digitalizzazione del sistema ha condottoallestinzione delle concessioni analogiche, tra cui quelle rilasciate algruppo Mediaset.5
  • 6INELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2) La distinzione tra concessione, da un lato, ed autorizzazionegenerale/assegnazione di diritti duso sulle frequenze, dallaltro, non emeramente formale: il superamento dellistituto concessorio, e delvincolo contrattuale esclusivo tra Stato e concessionario, e uno dei trattiqualificanti delle direttive europee di liberalizzazione delle tlc prima, edi tutto il settore delle comunicazioni elettroniche, inclusa la televisione,a partire dalla seconda generazione di direttive in materia. Non a caso, fu proprio il superamento dellistituto concessorio nei servizidi telefonia a consentire al gruppo Telecom di entrare nel mercatotelevisivo, nel 1999, mediante lacquisizione delle emittenti del gruppoCecchi Gori. Oggi, non esiste più il rapporto concessorio da cui "Micromega"vorrebbe far discendere la conclusione dellineleggibilita delPresidente Berlusconi.6
  • 7INELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2) Non conduce a conclusione opposta il fatto che lart. 10, dPR 361/57menzioni, accanto alle concessioni, le autorizzazioni amministrative:lautorizzazione generale per operatore di rete televisiva, infatti, noncomporta di per se laccesso ad alcuna risorsa di trasmissione, nelassunzione di specifici obblighi verso lo Stato. Lassegnazione dei diritti duso sulle radiofrequenze ha luogo conprovvedimento distinto ed autonomo, che non ha natura diautorizzazione, ne di concessione, ed e, quindi, del tutto al di fuoridellambito di applicazione dellart. 10, comma 1 citato.4. I riferimenti dellappello alla disciplina di trasparenza degli assettiproprietari delle imprese di comunicazione, attraverso lappositoRegistro tenuto dallAGCom, sono del tutto fuori luogo.7
  • 8INELEGGIBILITÀ: COSA DICE LA LEGGE (2) Lobbligo di individuare e comunicare al Registro i soggetti controllantilimpresa di comunicazione non ha alcun legame con temi elettorali, nonvale a mutare la qualifica del soggetto controllante, attribuendogli latitolarità di rapporti concessori, o la legale rappresentanza di societàconcessionarie, ne vale, infine, a resuscitare concessioni estinte, comequelle televisive, od a mutare la natura degli attuali titoli abilitativi alletrasmissioni televisive (autorizzazioni generali).8