218  www.freenewsonline.it                          i dossier                          www.freefoundation.com        DOBBI...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO2       Una democrazia non può funzionare bene e a lungo   ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO3       L’alternativa è un fossato sempre più largo tra una...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO4       Il timore è che facendo riforme difensive, domani c...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO5       Un’alternativa che è motivata dalla convinzione che...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO6       Il presidenzialismo alla francese può allineare la ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO7       In un momento in cui tutti i partiti italiani sono ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO8       Abbiamo l’opportunità di colmare quel gap tra la   ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA    COSTITUZIONALE DELLO STATO9       Una necessità fisiologica nell’evoluzione delle    ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO10        Oggi abbiamo una grande occasione. La crisi dell...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO11        Il fine settimana del 6 maggio scorso ci ha post...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO12        Nella primavera del 2013 si determinerà nel nost...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO13        La domanda che responsabilmente ci dobbiamo     ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO14        In Italia, dal 1948 ad oggi non c’è mai stato, e...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO15        Anche la legge elettorale da sola non serve a nu...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO16        Un presidente eletto dai cittadini ha il potere ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO17        Nei momenti di crisi, il presidente della Repubb...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO18        Nell’attuale assetto istituzionale i cittadini p...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO19        Potrebbero esserci due sole ragioni per evitare ...
DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA     COSTITUZIONALE DELLO STATO20        Piuttosto, nell’assenza di queste scelta, non c’...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Dobbiamo cambiare l'architettura costituzionale dello Stato

248 views
196 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
248
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dobbiamo cambiare l'architettura costituzionale dello Stato

  1. 1. 218 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO26 novembre 2012 a cura di Renato Brunetta
  2. 2. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO2  Una democrazia non può funzionare bene e a lungo senza possibilità di ricambio, senza competizione tra alternative, senza che i cittadini possano dire la loro sulla cosa che conta di più: quale leader, quale governo e quale maggioranza debba governarli. Nei Paesi che contano succede così. E non è un caso.
  3. 3. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO3  L’alternativa è un fossato sempre più largo tra una politica asserragliata nella paura e cittadini arrabbiati, una miscela esplosiva. Per non parlare di quanto potrebbe succedere in Parlamento: instabilità, veti, contrattazione paralizzante.  Ci illudiamo se pensiamo che il ricorso a soluzioni eccezionali, come governi tecnici, possano compensare questi effetti. I governi hanno bisogno di un sostegno diretto dei cittadini: di cittadini che li scelgano, non che li subiscano.
  4. 4. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO4  Il timore è che facendo riforme difensive, domani ci ritroviamo con istituzioni persino più deboli, in cui nessuno può vincere, in cui nessuno può veramente decidere. E cambiarle, a quel punto, potrebbe divenire impossibile. Per questo occorre offrire ai cittadini una alternativa possibile: il modello semipresidenziale.
  5. 5. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO5  Un’alternativa che è motivata dalla convinzione che questa sia la soluzione più adatta all’Italia. Certo non l’unica, ma oggi la più adatta. Per ragioni storiche, per ragioni politiche, per il modo in cui si è venuta evolvendo la Costituzione vivente.  In questa direzione andava la scelta fatta nella Bicamerale presieduta da Massimo D’Alema, in questa direzione è andata l’interpretazione del ruolo del Capo dello Stato nei momenti di crisi.
  6. 6. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO6  Il presidenzialismo alla francese può allineare la Costituzione formale alle tendenze della costituzione vivente. È un sistema che ha dato buona prova di sé, aiutando, in Francia, partiti in precedenza frammentati e litigiosi ad orientarsi verso un assetto e comportamenti più virtuosi.
  7. 7. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO7  In un momento in cui tutti i partiti italiani sono in fase di ristrutturazione, avere un punto fermo nella guida responsabile di un Capo dello Stato legittimato dai cittadini può aiutare quel processo, evitando il rischio dell’anarchia e di involuzioni autoritarie.  Infine il presidenzialismo è un grande fattore di unità nazionale. La competizione attraversa l’intero Paese. Esso può pertanto rappresentare un ottimo contrappeso per un federalismo equilibrato e responsabile.
  8. 8. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO8  Abbiamo l’opportunità di colmare quel gap tra la nostra e le altre democrazie avanzate. Ciò che i costituenti stessi avrebbero voluto fare, ma ai quali fu impedito dalle condizioni storiche. E se fu saggio che allora non l’abbiano fatto, sarebbe colpevole non farlo oggi. Perché tanta acqua è passata sotto i ponti e l’applicazione della seconda parte della Costituzione si è avvitata in distorsioni e manipolazioni imposte dalla necessità del tempo.
  9. 9. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO9  Una necessità fisiologica nell’evoluzione delle democrazie. Ma che noi abbiamo dovuto drammatizzare, chiamandola sempre più di frequente “emergenza”, proprio per giustificare forzature senza le quali la Costituzione sarebbe saltata.
  10. 10. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO10  Oggi abbiamo una grande occasione. La crisi della nostra economia, ma anche della nostra democrazia, paradossalmente, ci dà almeno questa opportunità. Di guardare i nostri mali con spietata lucidità e di assumerci le nostre responsabilità. Perché il modello italiano che alterna democrazia a basso rendimento e “stati di eccezione” a direzione presidenziale, non può essere un modello permanente.
  11. 11. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO11  Il fine settimana del 6 maggio scorso ci ha posti davanti a un grande bivio: se somigliare di più alla Grecia, dove non si è riusciti a costituire una maggioranza parlamentare che sostenesse il governo e si son dovute indire nuove elezioni, oppure alla Francia, dove il presidente François Hollande si è insediato il giorno dopo le elezioni ed è subito volato in Germania in visita ufficiale dalla cancelliera Angela Merkel e si è subito messo alla guida del suo Paese.
  12. 12. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO12  Nella primavera del 2013 si determinerà nel nostro Paese una straordinaria coincidenza: la scadenza della legislatura e la scadenza del mandato del presidente della Repubblica.  È un’occasione storica per mettere i cittadini nelle condizioni di poter scegliere direttamente chi li governa: i parlamentari, il governo e il presidente della Repubblica.
  13. 13. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO13  La domanda che responsabilmente ci dobbiamo porre tutti è questa: vogliamo che siano i partiti, con accordi oscuri e incontrollati, a scegliere il prossimo Capo dello Stato, o vogliamo che siano gli elettori alla luce del sole, con un voto libero e democratico? E sulla base di una proposta programmatica, un’agenda chiara e inequivocabile?
  14. 14. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO14  In Italia, dal 1948 ad oggi non c’è mai stato, e non c’è tuttora, alcun sistema per punire chi fa cadere i governi. Nella prima Repubblica questa situazione è stata tollerata perché i governi erano fatti dai partiti; ma dal 1994 non è più così e sono i cittadini a decidere da chi vogliono essere governati. Ribaltoni e ribaltini sono perciò un tradimento politico della volontà popolare, senza sanzione per i traditori. Nessuna riforma costituzionale ha senso se non scongiura questo rischio.
  15. 15. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO15  Anche la legge elettorale da sola non serve a nulla. Perché il problema non è avere un governo la sera delle elezioni: il problema è evitare che una minoranza lo faccia cadere a proprio piacimento qualche mese dopo.
  16. 16. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO16  Un presidente eletto dai cittadini ha il potere e la legittimazione di sanzionare chi, nel parlamento, lavora per creare instabilità e trarne vantaggi politici. Un presidente eletto ha la legittimazione politica di sciogliere le camere e costringere chi ordisce imboscate a darne conto agli elettori. Un presidente eletto ha la legittimazione politica per progettare il futuro.
  17. 17. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO17  Nei momenti di crisi, il presidente della Repubblica non è più solo un notaio, ma il garante della continuità istituzionale e della stabilità dell’indirizzo politico-democratico.  Perché i partiti dovrebbero essere più bravi dei cittadini a scegliere il capo dello Stato? È questa la domanda cui deve rispondere chi è contrario al presidenzialismo.
  18. 18. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO18  Nell’attuale assetto istituzionale i cittadini possono scegliere il proprio sindaco, il proprio presidente di Provincia e il proprio presidente della Regione. Non c’è motivo per cui non abbiano diritto di scegliere il proprio presidente della Repubblica.
  19. 19. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO19  Potrebbero esserci due sole ragioni per evitare questo sbocco:  la prima è quella del conservatorismo costituzionale;  l’altra potrebbe essere quella che i partiti vogliano conservare il potere di nominare il Capo dello Stato.  A nostro avviso non esistono più le ragioni dell’una o dell’altra cosa.
  20. 20. DOBBIAMO CAMBIARE L’ARCHITETTURA COSTITUZIONALE DELLO STATO20  Piuttosto, nell’assenza di queste scelta, non c’è da stupirsi allora dell’aumento dell’astensione e del voto di protesta. È quando le istituzioni sono deboli e instabili che vince l’antipolitica, mentre ciò non accade quando le istituzioni sono democraticamente legittimate e hanno un effettivo potere di realizzare le promesse elettorali. Da quale parte vogliamo stare?

×