Elezioni nel mondo: Egitto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
844
On Slideshare
844
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. 2.1EGITTO Elezioni nel mondo www.freefoundation.com ELEZIONI IN EGITTO Partiti, ideologie e programmi29 novembre 2011 a cura di Renato Brunetta
  • 2. Indice2  Introduzione  Guida utile alle Elezioni  La struttura parlamentare  Elezioni dell’Assemblea del Popolo  Elezioni del Consiglio della Shura  Candidati  Monitoraggio  I partiti religiosi islamici  Le forze liberali  Mappa dei Partiti Politici Egiziani  Le Alleanze  Programmi elettorali a confronto: 5 tematiche fondamentali
  • 3. Introduzione3  Il 28 novembre 2011 il popolo egiziano è stato chiamato a votare per le prime votazioni libere dopo il regime di Hosni Mubarak crollato durante le rivolte popolari lo scorso febbraio  I preparativi sono stati segnati nei giorni scorsi da una nuova ondata di manifestazioni in piazza Tahrir in cui sono morte almeno 41 persone  Gli attivisti chiedevano la destituzione del potere militare e l’ingresso di un governo civile. Le proteste hanno costretto il consiglio militare a promettere un esecutivo civile entro luglio dopo il voto per il rinnovo del Parlamento e le elezioni presidenziali  Questo voto, che porterà a scegliere 498 deputati, è solo la prima tappa di un lungo calendario elettorale che durerà fino al 2012 con le elezioni presidenziali  Sono chiamati al voto 50 milioni di elettori su una popolazione di 85 milioni. Oltre 50 partiti politici sono in lizza, insieme a migliaia di candidati che concorrono come forze indipendenti
  • 4. Guida utile alle Elezioni (1/6) La struttura parlamentare4 ASSEMBLEA DEL POPOLO CONSIGLIO DELLA SHURATotale dei membri 508 270Numero dei seggi assegnati per 498 190elezioneNumero dei seggi assegnati dal 10 80Cons. Supremo delle Forze ArmateSeggi assegnati secondo il sistema 332 da 46 circoscrizioni 130 da 30 circoscrizioniproporzionaleSeggi assegnati attraverso il 166 da 83 circoscrizioni 60 da 30 circoscrizionisistema uninominaleNumeri di candidati iscritti a 6591 per 166 seggi 2036 per 60 seggiconcorrere per i seggi uninominaliNumero di partiti iscritti a 590 liste 272 per 130 seggiconcorrere con il sistemaproporzionale
  • 5. Guida utile alle Elezioni (2/6) Elezioni dell’Assemblea del Popolo5  Elezioni dell’Assemblea del Popolo:  Prima fase: 28 novembre 2011; ballottaggio 5 dicembre 2011. Voteranno gli elettori del Cairo, Fayoum, Port Said, Damietta, Alessandria, Kafr al-Sheikh, Assiut, Luxor, e dei governatorati del Mar Rosso .  Seconda fase: 14 dicembre 2011; ballottaggio 21 dicembre 2011. Comprende i governatorati di Giza, Beni Sweif, Menoufiya, Sharqiya, Ismailia, Suez, Beheira, Sohag e Assuan.  Terza fase: 3 gennaio 2012; ballottaggio 10 gennaio 2012. Comprende Minya, Qalioubiya, Gharbiya, Daqahliya, Nord Sinai, South Sinai, Marsa Matrouh, Qena e Al- Wadi Al-Gedid  La prima riunione dellAssemblea del Popolo è prevista per il 17 marzo 2012
  • 6. Guida utile alle Elezioni (3/6) Elezioni del Consiglio della Shura6  Le elezioni del Consiglio della Shura sono divise in tre fasi (a partire dal 29 gennaio 2012 e termina l’ 11 marzo 2012):  Gli stessi tre gruppi di nove governatorati voteranno nello stesso ordine.  La prima fase innizia il 29 gennaio 2012 con ballottaggio il 5 febbraio 2012  La seconda fase inizia il 14 febbraio 2012 con ballottaggio il 21 febbraio 2012  La terza fase inizia il 4 marzo 2012 con il ballottaggio l11 marzo 2012  La prima riunione del Consiglio della Shura è previsto per il 24 marzo 2012
  • 7. Guida utile alle Elezioni (4/6) Candidati7  Secondo le statistiche rilasciate dalla Commissione Elettorale Suprema (CES) il 25 ottobre 2011, erano 8627 i candidati registrati come candidati indipendenti, 6591 per lAssemblea del Popolo e 2036 per il Consiglio della Shura  Inoltre, 590 liste sono state registrate per lAssemblea del Popolo e 272 per il Consiglio della Shura  Le Campagne elettorali per lAssemblea Popolare sono iniziate il 1 novembre 2011, dopo la verifica, da parte del Tribunale Amministrativo, dei ricorsi presentati contro le candidature. La CES ha posto il limite di spesa per le campagne elettorali dei i candidati indipendenti a 500.000 Lire Egiziane (62.405 euro) e a un milione di lire egiziane (124.810 euro) per le liste che concorrono al sistema proporzionale
  • 8. Guida utile alle Elezioni (5/6) Monitoraggio8  La Commissione Elettorale Suprema (CES) avrà il compito di monitorare e supervisionare le consultazioni parlamentari dal loro inizio sino alla fine  Secondo gli emendamenti più recenti della legge del 1956 sull’esercizio dei diritti politici, la CES è composta solamente da membri della magistratura per un totale di 11. L’attuale leader della CES è Abdel Moez Ibrahim (presidente della Corte d’Appello del Cairo)  La legge sui diritti politici del 1956 conferisce alla CES 16 ruoli e poteri; primo fra tutti il pieno controllo delle elezioni e la regolazione del loro svolgimento affinché esse siano completamente supervisionate solamente da membri della magistratura (un magistrato per ogni seggio)
  • 9. Guida utile alle Elezioni (6/6) Monitoraggio9  La CES è inoltre incaricata di scegliere l’ubicazione dei seggi, di preparare le liste dei votanti e di supervisionare le campagne elettorali in modo da assicurare che simboli e slogan religiosi vengano banditi dal dibattito  La legge inoltre stabilisce che coloro che attaccano e offendono le decisioni e le attività della CES possono incorrere in pene che arrivano a 15 anni di reclusione e a multe che possono arrivare fino a 200.000 lire egiziane (24700 euro)  Il presidente della CES Abdel Moez ha affermato che il monitoraggio internazionale sarà il benvenuto nel seguire (ma non nell’osservare ufficialmente) le imminenti elezioni
  • 10. I partiti religiosi islamici (1/2)10  I partiti religiosi islamici tendono chiaramente a imporre il loro concetto di un Paese islamico. Godono di una buona organizzazione e di ampi fondi per coprire le loro spese notevoli. Ecco perché gli osservatori, e fonti bene informate pensano che usciranno dai seggi circa con il 40 per cento delle preferenze, e quindi una maggioranza relativa rispetto agli altri partiti  Questi partiti religiosi islamici sono divisi principalmente fra:  i Fratelli musulmani, che hanno creato il partito “Libertà e giustizia”  i Salafiti, che chiedono un ritorno alle origini dell’islam, e hanno creato i partiti “An-Nour” (Luce) e “Al-Asala” (l’Origine genuina), e anche “Al-Fadila” (la Virtù)
  • 11. I partiti religiosi islamici (2/2)11  Sia l’una che l’altra tendenza rigettano completamente l’idea di una società laica  I Fratelli musulmani sono piuttosto moderati, a paragone delle tendenze salafite che dichiarano apertamente che i cristiani non dovrebbero partecipate a nessuna votazione, né dovrebbero essere ammessi al servizio militare, e dovrebbero pagare la tassa di “capitazione”, o “jizia” imposta ai non musulmani nelle società islamiche  Hanno persino dichiarato che tutte le statue del passato dovrebbero essere coperte o distrutte, e di recente uno dei loro membri ha espresso il desiderio di distruggere la Biblioteca di Alessandria e di rimpiazzarla con una enorme moschea. Le donne salafite candidate mettono una rosa al posto della loro fotografia e i giornali le prendono in giro, affermando che “ci chiedono di votare per dei vegetali”
  • 12. Le forze liberali12  Solo 120 candidati cristiani sono entrati nelle liste elettorali, e rappresentano un numero infinitesimale di candidati, a fronte delle molte migliaia di nomi che lotteranno per essere eletti. La maggior parte di essi sono nella lista “al Kotla al masryia”, (il Blocco egiziano) che raggruppa il Partito liberale egiziano creato dall’uomo di affari cristiano Naguib Sawires, il “Tagammo” (l’Incontro), partito di sinistra, e il Partito democratico egiziano
  • 13. Mappa dei Partiti Politici Egiziani (1/2)13  La mappa rappresenta una semplificazione dell’orientamento politico-religioso dei partiti candidati alle elezioni  Sono 50 i Partiti, di cui 36 nuovi dopo la Rivoluzione di gennaio 2011  LEGGENDA: 14 Partiti Politici Islamici 9 Partiti di Centro 9 Former NDP members 6 Partiti Liberali 6 Partiti di centro-Sinistra 4 Partiti Socialisti-Comunisti 2 Nasserist Parties
  • 14. Mappa dei Partiti Politici Egiziani (2/2) 14 RELIGIOSI El Asala El Nour Building & Partito della Riforma El Fadila e della Rinascita Socialisti Arabi Dev. Party Egiziani ALLEANZA ISLAMICA Unificazione Equality and Partito di liberazione Chiange Partito di araba Justice Party Egiziana Partito Labourista and Dev. libertà e Islamico giustizia Partito PartitoCOMPLETING Social peace Federalista ConservatoreREVOLUTION Partito della Riforma e della Rinascita Civilization Party HR e cittadinanza Dev. and Reform Free Egyp ALLEANZA Party Perty Partito DEMOCRATICA Altyar El Wasat Partito dei Partito Nuovo El’Adl Wafd cittadini egiziani Nazionale indipen SINISTRA DESTRA Alleanza Guardie Fronte Karama El Ghad Popolare Rivoluzionarie Democr. Gioventù Socialista Egiziana Nasseris Alwa’i t Party Partito Partito Alleanza Socialista uguaglianza Egiziana You are Egyptian Egiziano e sviluppo Tagammu Savt Masr Kenana Partito social Lavoratori democratico democratici Partito libero Al-Haya costituzionale Partito Partito Egiziani Liberi Comunista Masr Alhuryya BLOCCO LAICI EGIZIANO
  • 15. Le alleanze (1/2)15 ALLEANZA ISLAMICA Annunciata alla fine di settembre 2011, è composta da 4 Partiti:  El Nour (partito leader)  El Asala  El Fadyla Partiti Salafi  Building & Development Party ALLEANZA DEMOCRATICA Annunciata nel giugno 2011, inizialmente composta da una quantità larga ed eterogenea di partiti, è condotta dal partito dei fratelli Musulmani (Freedom & Justice)
  • 16. Le alleanze (2/2)16 BLOCCO EGIZIANO La più grande Alleanza liberale composta da 3 partiti uniti in un’unica lista:  il Partito degli Egiziani Liberi prenderà il 50% dei seggi  il Partito Social-democratico prenderà il 40% dei seggi  il Partito Tagammù prenderà il 10% dei seggi COMPLETING REVOLUTION Annunciata in ottobre, è composta da partiti di sinistra e di centro
  • 17. PROGRAMMI ELETTORALI A CONFRONTO 5 tematiche fondamentali (1/5)17 ALLEANZE / EDUCATION POLICY PARTITI MAGGIORI (ISTRUZIONE) ALLEANZA ISLAMICA Aumentare il budget stanziato per l’educazione; incoraggiare imprese e org. di (Al-Nour) volontariato egiziane, interne ed esterne al paese, per costruire scuole ALLEANZA Garantire il diritto all’istruzione a tutti gli stadi, permettendo a finanziamenti DEMOCRATICA privati ​di supportare lincapacità dello Stato di finanziare completamente il (Freedom & Justice) settore BLOCCO EGIZIANO Raddoppiare la spesa statale per listruzione in un piano da realizzare in cinque (Free Egyptians) anni al massimo; permettere listruzione gratuita a livello universitario solo agli studenti meritevoli e che non possono permettersi di sostenere la spesa COMPLETING Garantire l’istruzione gratuita in tutte le fasi e trasformare il sistema privato REVOLUTION universitario in un modello come quello delle organizzazioni non profit (Popular Alliance Socialist Party) PARTITO AL-WASAT Istruzione gratuita in tutte le fasi, spiegando come i servizi educativi di bassa qualità non sono necessariamente causa dell’istruzione gratuita, ma causa, a volte, del fallimento delle politiche applicate; supportare il controllo esercitato dallo Stato in tutti i tipi di istruzione, soprattutto nelle scuole non-egiziane dove larabo è raramente insegnato
  • 18. PROGRAMMI ELETTORALI A CONFRONTO 5 tematiche fondamentali (2/5)18 ALLEANZE / HEALTH POLICY PARTITI MAGGIORI (SALUTE) ALLEANZA ISLAMICA Aumentare il bilancio per la salute da 1,5% al 7-10% del bilancio nazionale per (Al-Nour) aumentare il numero di istituzioni mediche e diffonderle geograficamente in tutto il paese secondo le esigenze delle aree povere; il Partito permette al settore privato di collaborare con il governo per migliorare i servizi sanitari ALLEANZA Garantire parità di accesso alle assicurazioni sanitarie per tutti i cittadini, con DEMOCRATICA più privilegi per i cittadini poveri, e gradualmente aumentare il bilancio della (Freedom & Justice) salute fino a raggiungere gli standard internazionali BLOCCO EGIZIANO Raddoppiare la spesa statale in un piano che deve essere eseguito in cinque (Free Egyptians) anni al massimo, in modo che le autorità competenti si impegnino a fornire lassicurazione sanitaria completa a tutti i cittadini; si consente inoltre al settore privato di prendere parte a programmi statali COMPLETING Fornire assistenza sanitaria gratuita per tutti i cittadini, vietando la REVOLUTION privatizzazione del sistema di assicurazione sanitaria; aumentare il bilancio del (Popular Alliance settore in conformità con il crescente bisogno di servizi sanitari nelle aree più Socialist Party) povere PARTITO AL-WASAT Applicare un sistema di assicurazione sanitario gratuito e obbligatorio per tutti gli egiziani, non consentendo alcune interferenze da parte del settore privato
  • 19. PROGRAMMI ELETTORALI A CONFRONTO 5 tematiche fondamentali (3/5)19 ALLEANZE / HOUSING POLICY PARTITI MAGGIORI (CASA) ALLEANZA ISLAMICA Fornire abitazioni a buon mercato per le coppie appena sposate, per i cittadini (Al-Nour) che vivono nelle baraccopoli e nelle zone povere di tutto il paese ALLEANZA Promuovere la gestione dei sussidi concessi alle abitazioni e i beni connessi, e DEMOCRATICA alle industrie per fornire sovvenzioni dirette ai cittadini al fine di finanziare le (Freedom & Justice) loro abitazioni. Si prevede inoltre la ristrutturazione delle baraccopoli per renderle idonee per i loro residenti BLOCCO EGIZIANO Lo stato si impegna a fornire un alloggio a tutti i cittadini attraverso: la (Free Egyptians) prevenzione dello stato dalle negoziazioni real state, che modifichi la legge per porre fine al monopolio in settori legati alla casa come il cemento e l’acciaio, fornendo unità abitative per i poveri con risorse limitate COMPLETING Il partito propone progetti di grandi dimensioni, nazionali e non-profit per REVOLUTION fornire alloggi per i giovani e i poveri, con prezzi accessibili. Propone inoltre la (Popular Alliance ristrutturazione di baraccopoli e la prevenzione dalle evacuazioni forzate nel Socialist Party) caso in cui il governo non fornisca le alternative immediate PARTITO AL-WASAT Il programma del partito non ha delineato la sua visione in questo settore
  • 20. PROGRAMMI ELETTORALI A CONFRONTO 5 tematiche fondamentali (4/5)20 ALLEANZE / ADMINISTRATION POLICY PARTITI MAGGIORI (AMMINISTRAZIONE) ALLEANZA ISLAMICA Riformare le istituzioni statali, modificando le leggi anti-corruzione e migliorare (Al-Nour) il controllo esercitato dallo Stato sulle istituzioni governative ALLEANZA Promuovere il decentramento dei consigli comunali; i Consigli comunali DEMOCRATICA devono essere eletti direttamente dai cittadini, dando loro l’autorità di (Freedom & Justice) modificare le leggi ed eseguire i bilanci dei governatorati BLOCCO EGIZIANO Riformare le istituzioni statali attraverso la promozione di decentramento e (Free Egyptians) modificando le leggi anti-corruzione COMPLETING Richiede il trasferimento di consigli comunali per le istituzioni statali REVOLUTION decentrate; leggi anti-corruzione per aumentare le competenze allinterno (Popular Alliance delle istituzioni statali Socialist Party) PARTITO AL-WASAT Promuovere leggi anticorruzione, la separazione completa tra le istituzioni statali, e la completa indipendenza della magistratura
  • 21. PROGRAMMI ELETTORALI A CONFRONTO 5 tematiche fondamentali (5/5)21 ALLEANZE / POLITICAL DEVELOPMENT POLICY PARTITI MAGGIORI (SISTEMA POLITICO) ALLEANZA ISLAMICA Si rifiuta sia uno stato teocratico che uno stato agnostico che voglia sbarazzarsi delle radici (Al-Nour) storiche e religiose del popolo egiziano. Inoltre si richiede uno stato moderno, con la totale separazione delle istituzioni statali, in particolare promuovendo la completa indipendenza del potere giudiziario. Si crede nella democrazia inserita nella cornice della sharia islamica ALLEANZA Si ritiene che i principi della Sharia islamica siano la fonte principale della legislazione pur DEMOCRATICA riconoscendo ai non-musulmani il diritto di professare la propria fede. Al tempo stesso si (Freedom & Justice) ritiene che lo Stato debba essere civile, non militare e non teocratico, in grado di garantire i diritti civili per tutti i cittadini BLOCCO EGIZIANO Riformare un’insieme di leggi per migliorare il sistema politico, come le leggi contro la (Free Egyptians) discriminazione e le leggi relative alla tutela dei diritti civili, tra cui il diritto di espressione, di libertà religiosa, e di porre fine ai processi militari per i civili. Si prevede anche la completa indipendenza della magistratura COMPLETING Sistema politico parlamentare che permetta al parlamento eletto di formare il governo e REVOLUTION controllarne il suo rendimento (Popular Alliance Socialist Party) PARTITO AL-WASAT Proteggere le libertà civili, tra cui la prevenzione delle discriminazioni di ogni genere, dando pari opportunità a tutti i cittadini, anche nel concorrere per alte cariche dello stato. Il partito richiede inoltre l’annullamento di tutte le leggi relative alle limitazioni delle libertà. Si propone inoltre di ridurre i poteri conferiti al presidente