Giornalismo e ipertelevisione. Il caso italiano (7a lezione)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Giornalismo e ipertelevisione. Il caso italiano (7a lezione)

on

  • 988 views

I canali all news

I canali all news
Primo caso di studio: Sky TG 24

Statistics

Views

Total Views
988
Views on SlideShare
956
Embed Views
32

Actions

Likes
0
Downloads
76
Comments
0

2 Embeds 32

http://www.paolocosta.net 31
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Giornalismo e ipertelevisione. Il caso italiano (7a lezione) Giornalismo e ipertelevisione. Il caso italiano (7a lezione) Presentation Transcript

  • Giornalismo e ipertelevisione. Il caso italiano (Paolo Costa) 7a lezione, 4 marzo 2011 I canali all news Primo caso di studio: Sky TG 24 Insegnamento: Comunicazione Digitale e Multimediale A - a.a. 2010-2011
  • Agenda• Confronto fra TG24 Mattina e altri notiziari – The CNN Daily – CBS Evening News – Rai News – TG La7 (ed. delle 7:30)• I modelli di riferimento: notiziario e approfondimento giornalistico nella TV USA e in quella europea CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 2 paolocosta.net
  • USA, l’informazione come genere• L’informazione televisiva è fin dall’inizio (anni 40) un genere della programmazione, offerto in un regime di concorrenza governato dall’obiettivo del profitto – Deve conquistare una quota di audience – A tale scopo persegue la spettacolarizzazione – Associa un intento pedagogico alla dimensione commerciale, specie durante il maccartismo – È distinto in due sottogeneri – notiziario e approfondimento – entrambi con caratteristiche diverse dai corrispondenti europei Enrico Menduni, L’influenza dell’informazione televisiva americana su quella italiana (2005) Edward R. Murrow, In search of light (1967) Dan Rather, The camera never blinks: adventures of a TV journalist (1977) CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 3 paolocosta.net View slide
  • Le fasi dell’informazione Tv in USA Dalle origini all’avvento della Tv Anni 60-70 via cavo (anni 60) Dall’avvento di CNN (1980) a oggi CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 4 paolocosta.net View slide
  • La prima fase: fino agli anni 60• Immediato consolidamento del modello spettacolarizzante, ma integrazione fra obiettivi commerciali e pedagogici (maccartismo)• Affermazione dei due sottogeneri, con caratteri distinti rispetto alla Tv europea (es.: BBC) – Notiziario – Approfondimento CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 5 paolocosta.net
  • Notiziario e approfondimento USA EuropaNotiziario • Taglio spettacolarizzante e • Il conduttore è il lettore di personalizzazione (il testi scritti da altri conduttore come amico di • La rappresentazione della famiglia) politica è sovradimensiona- • Le hard news si associano a ta, in ossequio alla funzione contenuti più leggeri: moda, pubblica della Tv (la curiosità, gossip, anticipazioni “politics” prevale sulla dei programmi Tv “policy”)Approfondimento • Si basa sulla personalità degli • Assume la forma opinionisti, che incalzano gli dell’inchiesta, sul modello ospiti sulle opzioni possibili del documentario sociale (“issues”) relative a uno cinematografico, o del specifico tema, come in un dibattito, con un confronto sportivo moderatore che non espone opinioni proprie CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 6 paolocosta.net
  • CBS Evening News: l’archetipo di notiziarioWalter Cronkite (1962–1981) Dan Rather (1981–2005) Katie Couric (2006-oggi) CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 14/03/2011 7 paolocosta.net
  • Approfondimento: evoluzione del modello• See it now (CBS, 1951-1958) – Condotta da Edward R. Murrow e diretta da Don Hewitt – Approccio radiofonico: più enfasi alle idee che alle immagini (adattamento di Hear it now) – Forte prevalenza della personalità e delle opinioni dell’anchorman• 60 Minutes (CBS, 1968-oggi) – Prodotta da Don Hewitt e condotta, fra gli altri, da Dan Rather – Ogni puntata propone l’analisi di tre notizie, condotta attraverso testimonianze, interviste e uso abbondante di immagini – Mescola il giornalismo investigativo alla Murrow con il tono del talk show CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 8 paolocosta.net
  • “We have currently a built-in allergy to unpleasant or disturbing information. Our mass media reflect this. But unless we get up off our fat surpluses and recognize that television in the main is being used to distract, delude, amuse and insulate us, then television and those who finance it, those who look at it and those who work at it, may see a totally different picture too late.” Edward R. Murrow CIM | Comunicazione Digitale e14/03/2011 9 Multimediale A paolocosta.net
  • Da See it Now a Person to Person CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 10 paolocosta.net
  • La seconda fase: fino agli anni 80• Mantenimento della coralità della platea televisiva, nonostante la nascita della Tv via cavo – L’informazione è assente dai canali a pagamento, per cui la divisione fra ceti abbienti (segmentati dalla pay Tv) e quelli subalterni (uniti dal free-on-air) non vale per le news• Definitivo spostamento della sfera pubblica nello spazio mediatico della televisione, che non è più solo il luogo di rappresentazione, ma anche quello in cui le decisioni vengono assunte CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 11 paolocosta.net
  • La terza fase: dall’avvento di CNN • La programmazione dell’informazione assume una struttura di tipo radiofonico, più adatta alla copertura degli eventi lineari che a quelli puntiformi • Rotazione di un “clock” orario: un notiziario ogni 30 min., informazioni di servizio (meteo, borsa, ecc.), brevi rubriche specializzate • Possibilità di interrompere il “clock” in ogni momento con le “breaking news” • L’ascolto diventa compatibile con un accesso casuale: in qualunque momento ci si sintonizzi, si ottiene il punto sullo stato del mondo CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 12 paolocosta.net
  • I modelli dell’informazione Tv in ItaliaPeriodo Modello concettuale EsempiDalla nascita della Informazione come parte del servizio I telegiornali RAIRAI fino agli anni offerto dalla TV pubblica (riferimento:70 BBC)Dalla seconda metà Imitazione parziale di alcuni aspetti Il Tg2 diretto da Andreadegli anni 70 formali della neotelevisione: Barbato (1976-1979) personalizzazione dei giornalisti e spettacolarizzazione della redazioneDagli anni 80 a oggi • Adeguamento progressivo al • Mixer (condotto da modello americano: evoluzione Giovanni Minoli dal 1980 verso l’infotainment e ruolo sempre al 1988) più evidente della personalità • Samarcanda (condotta dell’intervistatore da Michele Santoro dal • Subalternità crescente nei confronti 1989 al 1991) dei grandi network globali di informazione Enrico Menduni, L’influenza dell’informazione televisiva americana su quella italiana (2005) CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A14/03/2011 13 paolocosta.net