• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Giornalismo e ipertelevisione (8)
 

Giornalismo e ipertelevisione (8)

on

  • 765 views

Materiali del corso Comunicazione Digitale e Multimediale, UniPv, a.a. 2011-2012

Materiali del corso Comunicazione Digitale e Multimediale, UniPv, a.a. 2011-2012

Statistics

Views

Total Views
765
Views on SlideShare
613
Embed Views
152

Actions

Likes
0
Downloads
57
Comments
0

1 Embed 152

http://www.paolocosta.net 152

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Giornalismo e ipertelevisione (8) Giornalismo e ipertelevisione (8) Presentation Transcript

    • Università di Pavia Comunicazione Innovazione Multimedialità Giornalismo e ipertelevisioneAnno Accademico 2011-2012 Paolo Costa
    • 8a lezioneMERCATO TELEVISIVOE INFORMAZIONE IN ITALIA
    • La crisi della Rai
    • Un’istituzione da rifondare?
    • Chi tocca, muore Fabrizio Cicchitto (PDL): “Abbiamo dato la fiducia a Monti affinché intervenga su questioni economiche e non su Rai e giustizia. E la fiducia continuerà ad averla se si occuperà di questo.” (7 marzo 2012)
    • E VESPA SBAVA SUL CADAVERE ANCORA CALDO DEL GRANDE LUCIO.... #raimerda Già non guardo #raimerda in tv, secondo voi mi metto a guardarla sul computer?? #robadamatti #raimerda Circa 9000 menzioni dal 19 al 25 febbraioDovrebbero implementare un sistema tale che,se io non voglio vedere #raimerda (e quindi non pagare il canone), mi oscurano i canali. Fine. #BallandoConLeStelle -----> come sentir rovinate tutte le canzoni più belle dellumanità! #RaiMerda Meno male che ogni giorno muore qualcuno altrimenti la vita in diretta di cosa parlerebbe? #raimerda ma #Baudo non aveva un contratto inscindibile con la #raimerda?!
    • La lettera degli autori al Sole 24 Ore
    • La lettera degli autori al Sole (*)• Negli ultimi 4 anni la Rai ha ridotto di più del 40 % gli investimenti e ha perso 200 ore di prodotto originale• A dispetto del Contratto di servizio […], la Rai agisce in spregio di tutti i diritti fondamentali cui la sua missione di servizio pubblico la obbligherebbe: primo tra tutti, il diritto dei telespettatori a un’offerta ricca, varia e di qualità adeguata, capace di rispecchiare il paese in tutta la sua complessità• Occorre che il governo Monti intervenga a livello strutturale per rinnovare profondamente la Rai attuale, cambiando il suo modello di governo, garantendo la sua autonomia dai partiti, ridefinendo criteri di assoluta trasparenza nella selezione dei dirigenti e nell’assegnazione degli appalti (*) Il Sole 24 Ore – Cultura, 11 03 2012: http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2012-03- 10/lettera-autori-sole-190238.shtml?uuid=AbdCg05E
    • L’allarme dell’UPALorenzo Sassoli de Bianchi: “Oggi la Rai èindifendibile: uno scandalo nazionale percaduta di progettualità, professionalità,qualità sottovalutate, lottizzazioni dipoltrone e poltroncine, arretramento culturale.”(Prima Comunicazione, febbraio 2012)
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (1/9)• Condotta nel febbraio 2012 mediante questionario somministrato a 4.000 imprenditori, marketing manager, comunicatori, giornalisti e opinion leader (*)• Emerge una generale condivisione sulla necessità e l’urgenza di una riforma per risanare l’Azienda e salvare la maggiore industria culturale del Paese (*) Disponibile online: http://www.upa.it/static/upl/RA/RAIQUALEFUTURO.pdf
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (2/9)• Prevalgono le valutazioni critiche, che disegnano un’azienda in grave difficoltà: – Mal gestita, asservita alla politica, priva di strategia e ingovernabile – Iperburocratica: troppi livelli decisionali tutti inefficaci – Il ruolo di servizio pubblico è passato in secondo piano penalizzando la qualità a favore della quantità – Meno rappresentante il Paese nelle sue variegate esperienze, nelle culture locali e nelle diverse realtà sociali e professionali – Decaduta rispetto al passato e ai principali concorrenti
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (3/9)• Prevalgono le valutazioni critiche, che disegnano un’azienda in grave difficoltà: – In progressivo calo di reputazione, meno attrattiva per ascoltatori, meno interessante per investitori – Depressa con molti talenti non o mal utilizzati, con un sempre minor orgoglio aziendale, con un futuro incerto, illeggibile e con poche speranze – Non adeguatamente trainante, senza più innovazione, con totale rinuncia alla sperimentazione di format, programmi, linguaggi, stili ed eccessivo outsourcing
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (4/9)• Non mancano però i giudizi positivi su punti di forza ancora attuali: – Storica: è la memoria del Paese – Esperta, con un grande patrimonio di competenze e know how – Radicata nelle vicende del Paese, nella cultura nazionale e in quelle locali, con copertura universale e presenza capillare in tutt’Italia – Istituzionale: davvero e sempre la “televisione di Stato” con un persistente orgoglio aziendale e professionale
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (5/9)• Non mancano però i giudizi positivi su punti di forza ancora attuali: – Ricca di know-how, talenti, giacimenti immensi (Rai Teche ecc.), impianti, attrezzature e risorse professionali rimotivabili – Colta per la vocazione “storica” (non del tutto dispersa) all’acculturazione e all’incivilimento del Paese – Con buone potenzialità di rilancio sul terreno della innovazione e della creatività cultural-professionale e tecnologica
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (6/9)• La riforma auspicata: – La RAI deve restare pubblica, ma gestita con criteri di efficienza, perché un servizio pubblico è una garanzia democratica ed è uno dei migliori veicoli per animare un certo pluralismo – La RAI deve essere allontanata il più possibile dalla politica e protetta dalla lottizzazione creando “filtri” per contenere le istanze della politica in ambiti ben definiti
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (7/9)• La riforma auspicata: – Conferimento ad una Fondazione che diviene proprietaria dell’ente pubblico, con uno statuto che riflette l’attuale contratto di servizio. Ha l’obbligo del pareggio di bilancio e gestisce attraverso due livelli decisionali – Consiglio di Indirizzo, Controllo e Garanzia che definisce le strategie e ne controlla il rispetto. Composto da persone di specchiata onestà, serietà, impegno professionale e civile, nominate da soggetti istituzionali quali ad esempio: Presidenti delle due Camere, Corte Costituzionale, Authority, Regioni, Comuni, Associazione Consumatori, Università, CNEL ecc.
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (8/9)• La riforma auspicata: – Consiglio di Amministrazione deputato alla gestione, 5/7 membri con chiara professionalità, indipendenza e competenza specifica nominati dal Consiglio di Indirizzo. Al suo interno viene nominato un Amministratore Delegato responsabile della gestione nel rispetto degli indirizzi generali ricevuti dal Consiglio di Indirizzo – Presidente nominato dal Consiglio di Indirizzo presiede entrambi i Consigli fungendo da raccordo tra essi
    • L’indagine AstraRicerche per UPA (9/9)• La riforma auspicata: – Recuperare l’evasione del canone: 16 milioni di abbonati su 22 milioni di famiglie. – Una rete generalista senza pubblicità (per giustificare il canone) che ricerchi la qualità, persegua la sperimentazione e la missione di “servizio pubblico” – Perseguimento di un modello “multi-multi” cioè “multi- canale “multi-piattaforma” , “multi-contenuto” “multi- target” traducentesi in un inedito pluralismo di contenuti/stili/target, passando dall’offerta rigida al consumo personale e su misura: “quel che voglio, dove voglio, quando voglio”
    • Le risorse della Rai
    • Le due declinazioni dell’offerta TV GENERALISTA SPECIALIZZATA
    • TivùSat• Piattaforma satellitare gratuita e aperta a tutte le emittenti, partecipata da Rai (al 48,25%), Mediaset e Telecom Italia Media• Replica in versione integrale l’offerta generalista e i nuovi canali televisivi nazionali• Offre numerosi altri canali italiani e internazionali
    • L’offerta multimediale• Portali web (Rai.it e Rai.tv): 8,1 milioni di utenti unici mensili e 126 milioni di pagine viste mensili nel 2011• Applicazioni mobili per iOS e Android: La prova del cuoco, Televideo, Un medico in famiglia, Rai 5, Rai Storia, Italia 150, Community, TG1, Rai Sport e Rai News• Applicazioni per connected TV
    • Composizione dell’offerta generalista Programmi e Film e fiction rubriche di extraeuropei 9,8% promozione culturale 9,7% Produzioni audiovisive Programmi e italiane ed rubriche di europee 11,8% servizio 10,6% 72,5% Programmi per di generi da minori 8,6% Contratto di servizio Informazione e programmi Informazione e sportivi 4,7% approfondimento generale 27,1% Intrattenimento 17,7% Fonte: Auditel
    • Le scelte del pubblico SHARE TOTALE INDIVIDUI (%) – INTERA GIORNATA (02.00-02.00) (*) -1,12 -1,30 40,20 36,34 +2,42 23,46 Rai Mediaset Altre TV (*) Fonte: Auditel / Differenze rispetto all’anno auditel 2010
    • Le scelte del pubblico SHARE TOTALE INDIVIDUI (%) – PRIMA SERATA (20.30-22.30) (*) -2,43 -0,67 41,29 36,76 +3,10 21,92 Rai Mediaset Altre TV (*) Fonte: Auditel / Differenze rispetto all’anno auditel 2010
    • I programmi più visti nel 2011 Data Programma Ora Ascolto Share (.000) (%)1 05/12 Il più grande spettacolo dopo il weekend 21.28 13.566 50,382 17/02 61° Festival di Sanremo – Terza serata 20.40 12.364 50,903 14/03 Il commissario Montalbano – Il campo del … 21.16 9.561 32,604 28/02 Atelier Fontana – Le sorelle della moda 21.19 8.894 29,925 09/02 Calcio: Italia-Germania (amichevole) 20.49 8.544 29,006 29/05 Gran Premio di F1 di Monaco 13.55 8.477 49,297 08/12 Don Matteo 8 21.33 8.279 30,608 30/11 Sarò sempre tuo padre 21.21 8.195 29,229 29/05 Calcio: Inter-Palermo (Coppa Italia) 21.00 8.083 32,1510 25/03 Calcio: Slovenia-Italia (qual. Campionato Eu) 20.47 8.039 28,62 Fonte: Auditel
    • I programmi più visti nel 2011 Data Programma Ora Ascolto Share (.000) (%)1 09/06 Annozero 21.19 8.427 32,182 27/04 Calcio: Real Madrid – Barcellona (Ch. League) 20.45 6.065 20,223 29/03 L’isola dei famosi 8 21.11 5.157 20,314 28/05 Prove del Gran Premio di F1 di Monaco 13.51 4.022 24,375 17/04 Gran Premio di F1 della Cina 8.55 4.018 40,656 08/12 Calcio: Juventus-Bologna (Coppa Italia) 21.00 3.676 14,057 17/03 TG2 – Costume e società 13.31 3.620 15,718 06/11 N.C.I.S. Unità anticrimine 21.00 3.563 11,629 20/03 Hawaii Five-0 21.45 3.507 12,2510 09/01 Novantesimo minuto 18.28 3.218 17,24 Fonte: Auditel
    • I programmi più visti nel 2011 Data Programma Ora Ascolto Share (.000) (%)1 06/12 Ballarò 21.20 6.390 23,972 06/03 Che tempo che fa 20.28 5.563 19,133 12/11 Ballarò Speciale 21.38 4.860 20,174 22/06 Chi l’ha visto? 21.07 4.583 20,305 11/12 Report 21.41 4.520 18,196 02/01 Che tempo che fa – Serata speciale 20.33 4.140 16,537 22/05 Ciclismo: 94° Giro d’Italia (giro all’arrivo) 16.47 3.453 25,718 13/01 Calcio: Juventus-Catania (Coppa Italia) 21.02 3.371 12,409 08/06 Famosi per 15 minuti 14.07 3.224 18,9910 09/10 Presa diretta 21.36 3.089 12,86 Fonte: Auditel