Giornalismo e ipertelevisione (13)

963 views

Published on

Materiali del corso Comunicazione Digitale e Multimediale, UniPv, a.a. 2011-2012

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
963
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
137
Actions
Shares
0
Downloads
54
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Giornalismo e ipertelevisione (13)

  1. 1. Università di Pavia Comunicazione Innovazione Multimedialità Giornalismo e ipertelevisioneAnno Accademico 2011-2012 Paolo Costa
  2. 2. 13a lezioneSEMIOTICA DEL TESTO TELEVISIVO
  3. 3. Un due tre stellaPuntate del 14 e del 21 marzo 2012
  4. 4. L’ibridazione dei generi• La trasmissione integra tre forme televisive: satira politica, approfondimento giornalistico e talk show• Ciò riflette la tendenza all’ibridazione tipica di molta nuova televisione• La mancanza di una unique viewing proposition, però, non è sempre un vantaggio: lo spettatore è costretto a uno sforzo di focalizzazione eccessivo• Perché si guarda “Un due tre stella”? Per ridere? Per approfondire? Per voyeurismo?
  5. 5. I moduli della trasmissione• Prologo monologante• Sigla di apertura• Sketch di satira affidati alla conduttrice e ad altri (Nino Frassica, Caterina Guzzanti, i protagonisti della serie TV “Romanzo criminale”)• Approfondimenti sul tema di attualità della puntata• Interviste a ospiti (Rodotà, Fassina)
  6. 6. La prossemica dell’intervista• Come è organizzato lo spazio fra intervistatrice e ospite? Stabilisce una gerarchia fra gli attori?• Quali elementi architettonici lo delimitano?• Lo spazio è pubblico o privato? Intimo o aperto?• Che ruolo ricopre il pubblico in sala?
  7. 7. L’intervista sul divanodi Serena Dandini Parla con me / The show must go off
  8. 8. Le invasioni barbariche Il tavolo di Daria Bignardi
  9. 9. RobinsonLo stile “aggressivo” diLuisella Costamagna
  10. 10. Lo studio televisivo come teatro• L’allestimento si fonda sulla metafora del teatro di impegno civile (archetipo: Dario Fo) – Palcoscenico di legno grezzo – Quinte con strutture a vista (la figura retorica della macchina teatrale svelata) – Scenografia caratterizzata da elementi poveri (materiali di recupero che rimandano al mondo storico) – Assenza di una vera e propria platea: il pubblico, disposto in assemblea intorno alla Guzzanti, appare politicamente complice – Illuminazione di taglio espressionista
  11. 11. Marco Paolini
  12. 12. Ulderico Pesce
  13. 13. Laura Curino
  14. 14. Una performance deludente• Prima puntata (14 marzo): ascolto medio pari a 1.037.000 telespettatori e share del 4,43%, con un picco di 6,62%• Seconda puntata: 3,53% di share media e 827.698 telespettatori (quasi 6 milioni di contatti complessivi)
  15. 15. La “crisi” di ascolti di La7 (1/2) SHARE (%), INTERA GIORNATA (*) 2011-2012 2010-2011 4,22 4,254,15 3,87 3,63 3,463,70 3,44 3,39 3,24 3,39 3,39 SET OTT NOV DIC GEN FEB (*) Fonte: Elaborazioni Tv Talk Rai su dati Auditel, marzo 2012
  16. 16. La “crisi” di ascolti di La7 (2/2) SHARE (%), PRIME TIME (*) 2011-2012 5,35 5,39 2010-20115,05 5,20 4,23 3,713,89 3,60 3,45 3,39 3,53 3,45 SET OTT NOV DIC GEN FEB (*) Fonte: Elaborazioni Tv Talk Rai su dati Auditel, marzo 2012
  17. 17. Aldo Grasso: “Un comizietto lento” ( *)• Una trasmissione mal costruita: sembra che gli autori non sappiano decidersi su che tipo programma fare e come farlo• Procede tra noia e tristezza, tra comizietti e saccenterie: propaganda infida• Il tutto è molto primi anni 2000: gli stessi feticci, le stesse ossessioni, da Berlusconi a Bush, aggiornate ai tempi della crisi• Peggio dei giovani satiristi cè solo il pubblico in sala (*) Corriere della Sera, 15 marzo 2012
  18. 18. Giampaolo Pansa: “La7 nana” (*)• Perde ascolti persino Santoro e vuoi che non ne perdano i piccoli Santorini messi in orbita da Stella?• “Mitraglia” faceva un tigì d’assalto, impresa persino troppo facile contro un avversario sempre più alle corde. L’avvento del governo tecnico di Monti lo ha messo nei guai. A quali “nuove forme di narrazione” aggrapparsi? Essere pro o contro i professori?• È quel che sta accadendo a tanti dei talk show di La7 (*) Libero, 21 marzo 2012

×