Your SlideShare is downloading. ×
0
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Giornalismo e ipertelevisione (11)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Giornalismo e ipertelevisione (11)

633

Published on

Materiali del corso Comunicazione Digitale e Multimediale, UniPv, a.a. 2011-2012

Materiali del corso Comunicazione Digitale e Multimediale, UniPv, a.a. 2011-2012

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
633
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
48
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Università di Pavia Comunicazione Innovazione Multimedialità Giornalismo e ipertelevisioneAnno Accademico 2011-2012 Paolo Costa
  • 2. 11a lezioneSEMIOTICA DEL TESTO TELEVISIVO
  • 3. L’immagine della guerra
  • 4. Postcards from hell www.raffaeleciriello.it
  • 5. Baghdad bombing
  • 6. Collateral Murder
  • 7. Il discorso della televisione
  • 8. Occorre prendere la TV seriamente “ Television provides meanings, many meanings, as it entertains. ” Jeremy G. Butler, Television. Critical Methods and Applications, 20114
  • 9. Polisemicità, discorso e struttura• La struttura fondamentale del medium televisivo è costituita dal flusso, ovvero dalla sequenza dei diversi segmenti (narrativi, informativi, pubblicitari)• Tale flusso genera una molteplicità di significati• La polisemia televisiva è strutturata: il sistema culturale dominante condiziona la gerarchia dei significati, ciò in cui credere e ciò in cui non credere• Guardare la televisione significa confrontare il proprio discorso (= sistema di credenze) con il discorso della televisione stessa
  • 10. Frammentazione del flusso• La televisione interrompe continuamente se stessa, passando da un testo all’altro• A queste interruzioni si sommano quelle che lo spettatore determina con il telecomando e con continui cambiamenti nel contesto di fruizione (da solo, in compagnia, mangiando, con un libro in mano)• Ciò induce la televisione ad adottare una struttura segmentata, fatta di piccole porzioni (packages) che incoraggiano la concentrazione dello spettatore
  • 11. Televisione non-finzionale• I testi televisivi non-finzionali, per esempio un telegiornale, non possono rappresentare la realtà as it is (“per come essa è”), a causa delle limitazioni imposte dalla struttura del mezzo• D’altra parte ci è spesso difficile separare la realtà per come essa è dalla realtà rappresentata, in quanto non abbiamo conoscenza diretta della prima: dobbiamo relazionarci con le descrizioni della realtà incomplete e parziali fornite dalla TV
  • 12. Mondo storico e realtà mediata• La televisione non-finzionale presenta allo spettatore l’interazione degli attori sociali nel mondo storico• Mondo storico = l’insieme degli eventi che possono essere rappresentati in televisione, ovvero gli aspetti del mondo reale che possono essere usati per raccontare delle storie• Attore sociale = l’individuo che rappresenta se stesso agli altri, che performa nella scena sociale
  • 13. Modi di rappresentazione della realtà• Esibizione: selezione e organizzazione dei fatti e loro presentazione allo spettatore in modo diretto• Interazione: commistione fra mondo storico e realtà del video (l’attore sociale viene portato nello studio televisivo, oppure un rappresentante della TV va nel mondo storico e incontra l’attore sociale)• Osservazione: registrazione, senza interventi apparenti di selezione e organizzazione, della performance degli attori sociali• Riflessione: rappresentazione della realtà attraverso la sua trasformazione in una narrazione
  • 14. News e categoria esibitiva• Le news e i reportage televisivi tradizionali rientrano nella categoria esibitiva: il giornalista seleziona i fatti dal mondo storico e li organizza in una rappresentazione coerente• Attraverso la messa in scena dei fatti il giornalista suggerisce implicitamente che i suoi criteri di selezione e rappresentazione siano validi (“And Thats the Way It Is”)• Il fatto che il giornalista volga il proprio sguardo verso il pubblico rafforza la strategia esibitiva
  • 15. Talk show e categoria interattiva• In 1/2 Ora, condotto da Lucia Annunziata, è riconducibile al modello interattivo• Porta a Porta e Ballarò adottano la strategia interattiva, integrandola con la strategia esibitiva • Ruolo dell’anchor-demiurgo, che si pone al di sopra della relazione fra realtà televisiva e mondo storico • Uso della piazza (funzione interattiva) durante i reportage (funzione esibitiva)• Blu notte (Caro Lucarelli) recupera infine elementi della categoria riflessiva

×