Your SlideShare is downloading. ×
Giornalismo e aggregatori online: disintermediazione, intermediazione di ritorno e mashup
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Giornalismo e aggregatori online: disintermediazione, intermediazione di ritorno e mashup

1,762
views

Published on

La presenza online delle agenzie di stampa e la tendenza alla disintermediazione: i casi associated press, reuters, bloomberg e ansa. La nuova intermediazione degli aggregatori di notizie: Yahoo! …

La presenza online delle agenzie di stampa e la tendenza alla disintermediazione: i casi associated press, reuters, bloomberg e ansa. La nuova intermediazione degli aggregatori di notizie: Yahoo! News, AOL News, Google News, Digg e Propeller.

Published in: Education

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,762
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
76
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Giornalismo, informazione e opinione pubblica nell’epoca dei new media (Paolo Costa) 14a lezione (6/04/09) Giornalismo e aggregatori online: disintermediazione, intermediazione di ritorno e mashup Corso: Comunicazione Digitale e Multimediale A - a.a. 2008-09
  • 2. Agenzie di stampa: Associated Press • La più grande agenzia del mondo – 243 uffici, 3.000 giornalisti (49 premi Pulitzer), 121 paesi coperti – 1.700 giornali e 5.000 radio e televisioni serviti • Cala il peso della stampa (25% dei ricavi, contro il 55% del 1985) e aumenta quello delle televisioni e del web • Il ruolo crescente dei canali diretti, via Internet – Il canale di notizie online – Gli archivi online: AP Images (10 milioni di foto su 500 mila soggetti) e AP Archive (decine di migliaia di servizi per la TV) – Il canale video su YouTube – APNews su Twitter – Mobile News Network (accordi in corso con 1.200 quotidiani) CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 2 paolocosta.net
  • 3. Shepard Fairey (Davide) e AP (Golia) • Una controversia emblematica dei problemi che regolano il rapporto fra proprietà intellettuale e libertà di espressione in rete • Ma Fairey è davvero Davide? – La posizione dell’agenzia – La posizione di S. Fairey – L’orientamento dei giuristi: Anthony Falzone, Jane Ginsburg, Bob Clarida, Michael Madison CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 3 paolocosta.net
  • 4. Agenzie di stampa: altri esempi • Reuters – 17 edizioni internazionali, fra cui quella italiana – Feed RSS, Podcasts, Widgets, mobile, canale UGC (Your View) • Bloomberg – Bloomberg.com: un sito free-on-web (include anche servizi di streaming e podcasting di Bl. Live Radio e Bl. TV) – Bloomberg Professional: servizi a pagamento di informazioni finanziarie indirizzati ad aziende, banche e istituzioni – Bloomberg mobile: gratuito, tramite applicazione per iPhone • ANSA – Sito di news aperto a tutti – Piattaforma multimediale di servizi a pagamento CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 4 paolocosta.net
  • 5. Principali network di informazione online Visitatori unici (mln), USA, EU, BR e AUS, gennaio 2009 Note: accessi da casa e ufficio; i paesi inclusi sono Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svizzera, Brasile, Stati Uniti e Australia. Fonte: Nielsen Online, “Global Index”, gennaio 2009 CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 5 paolocosta.net
  • 6. Aggregatori di notizie • Yahoo! News • MSNBC • CNN Digital Network • AOL News • Google News • Digg • Daylife.com • Propeller (parte di AOL) CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 6 paolocosta.net
  • 7. Differenze fra gli aggregatori • Yahoo! News, MSNBC e CNN Digital Network – Vincono per numero di utenti univoci – Non sono aggregatori puri, ma licenziano anche contenuti di altri e ne producono in proprio • Google News – Offre la copertura più ampia, in termini di fonti (circa 4.500) – Aggrega le notizie intorno a topic clusters – Sfrutta il dominio di Google nell’ambito dei motori di ricerca per accrescere il proprio traffico • Digg e Propeller – I contenuti sono aggregati, votati e commentati dagli utenti CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 7 paolocosta.net
  • 8. Come indicizza Google News? • La selezione delle fonti è human-based (redazione) • Censimento e indicizzazione sono computer-based – Il crowler censisce le pagine contenenti le sintesi delle notizie, non i documenti completi: le pagine sono visitate ogni 10 minuti – Occorre che ogni sintesi (headline o sommario) rimandi a un documento contenente una sola notizia – Le notizie sono raggruppate in topic clusters – I topic clusters sono raggruppati in sezioni: US, World, Entertainment, Business ecc. • Il ranking è in base alla popolarità del cluster associato, alla freschezza e alla ricchezza testuale della notizia • Le notizie sono ricercabili per parole chiave CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 8 paolocosta.net
  • 9. Rischi e fattori di successo • Uno dei rischi principali è di produrre un sovraccarico informativo o – detto in altri termini – di non filtrare nel modo corretto • Per scongiurare tale rischio l’aggregatore deve soddisfare almeno tre requisiti che riguardano il modo in cui l’informazione è confezionata e consumata – L’audience non deve essere solo contattata: al termine del processo, deve risultare meglio informata – L’audience deve essere raggiunta nel luogo e nel momento giusti – L’audience deve ricevere una sintesi informativa, non un’aggregazione di notizie CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 9 paolocosta.net
  • 10. Di chi sono i ricavi pubblicitari? • Google, Yahoo! e altri portali consentono ai propri utenti di informarsi aggregando – via link – i contenuti dei siti di giornali e blog • In un certo senso, i ricavi pubblicitari vengono trattenuti dai primi e quindi sottratti ai secondi • “The question is, should we be allowing Google to steal all our copyright... not steal, but take?” (R. Murdoch, intervento a The Cable Show, 3 aprile 2009) CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 10 paolocosta.net
  • 11. Il nuovo ecosistema dei media Fonte: “Blogosphere: the Emerging Media Ecosystem”, John Hiler, Microcontent News, 2003 CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 11 paolocosta.net
  • 12. Il nuovo ecosistema: attori e ruoli Distribuzione Media tradizionali Aggregatori Agenti virali Cucina Media sociali Giornalisti Aggregatori Filtri Commenti Editorialisti Bloggers Studiosi Notizie Giornalisti Bloggers Giornalisti professionisti professionisti non profit Bloggers Fonti dirette Dati pubblici / API amatoriali Fonte: Steven Berlin Johnson, http://www.stevenberlinjohnson.com/, 2009 CIM | Comunicazione Digitale e Multimediale A 06/04/2009 12 paolocosta.net

×