Leggere e scrivere letteratura con Twitter - 02
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Leggere e scrivere letteratura con Twitter - 02

on

  • 377 views

Materiali del corso di Comunicazione Digitale e Multimediale (CIM, Università di Pavia, a.a. 2013-2014) a cura di Paolo Costa. L'estetica della ricezione e il lettore: ermeneutica, strutturalismo e ...

Materiali del corso di Comunicazione Digitale e Multimediale (CIM, Università di Pavia, a.a. 2013-2014) a cura di Paolo Costa. L'estetica della ricezione e il lettore: ermeneutica, strutturalismo e teorie della ricezione.

Statistics

Views

Total Views
377
Views on SlideShare
304
Embed Views
73

Actions

Likes
1
Downloads
16
Comments
0

2 Embeds 73

http://www.paolocosta.net 72
https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Leggere e scrivere letteratura con Twitter - 02 Leggere e scrivere letteratura con Twitter - 02 Presentation Transcript

  • LEGGERE E SCRIVERE LETTERATURA CON TWITTER @paolocosta marzo-aprile 2014 Università di Pavia Comunicazione Innovazione Multimedialità Comunicazione digitale e multimediale
  • Seconda lezione 1. ESERCITAZIONE (30 MINUTI) 2
  • Zaira(*) Inutilmente, magnanimo Kublai, tenterò di descriverti la città di Zaira dagli alti bastioni. Potrei dirti di quanti gradini sono le vie fatte a scale, di che sesto gli archi dei porticati, di quali lamine di zinco sono ricoperti i tetti; ma so già che sarebbe come non dirti nulla. Non di questo è fatta la città, ma di relazioni tra le misure del suo spazio e gli avvenimenti del suo passato: la distanza dal suolo d'un lampione e i piedi penzolanti d'un usurpatore impiccato; il filo teso dal lampione alla ringhiera di fronte e i festoni che impavesano il percorso del corteo nuziale della regina; l'altezza di quella ringhiera e il salto dell'adultero che la scavalca all'alba; l'inclinazione d'una grondaia e l'incedervi d'un gatto che si infila nella stessa finestra; la linea di tiro della nave cannoniera apparsa all'improvviso dietro il capo e la bomba che distrugge la grondaia; gli strappi delle reti da pesca e i tre vecchi che seduti sul molo a rammendare le reti si raccontano per la centesima volta la storia della cannoniera dell'usurpatore, che si dice fosse un figlio adulterino della regina, abbandonato in fasce lì sul molo. Di quest'onda che rifluisce dai ricordi la città s'imbeve come una spugna e si dilata. Una descrizione di Zaira quale è oggi dovrebbe contenere tutto il passato di Zaira. Ma la città non dice il suo passato, lo contiene come le linee d'una mano, scritto negli spigoli delle vie, nelle griglie delle finestre, negli scorrimano delle scale, nelle antenne dei parafulmini, nelle aste delle bandiere, ogni segmento rigato a sua volta di graffi, seghettature, intagli, svirgole. (*) Italo Calvino, Le città invisibili, Einaudi, Torino, 1972 3
  • Riscriviamo Zaira in 140 caratteri  Tempo a disposizione: quindici minuti  Input: il testo di Calvino appena letto  Output: una trascrizione di 140 caratteri (compresi spazi e hashtag #Zaira), basata su una fra le quindici regole di riscrittura di seguito proposte.  La riscrittura può essere parafrasi, variazione, commento, libera interpretazione. 4
  • Le regole di riscrittura  Sogno: riscrivi come se fosse un sogno  Olfattivo: riscrivi usando gli odori e l'olfatto  Arcobaleno: riscrivi usando più colori che puoi  Gustativo: riscrivi usando la lingua e il gusto  Tattile: riscrivi usando le dita e il tatto  Visivo: riscrivi usando gli occhi e la vista  Auditivo: riscrivi usando le orecchie e l'udito  Lipogramma in a: riscrivi senza usare la lettera "a"  Botanico: riscrivi usando nomi di piante  Gastronomico: riscrivi usando nomi di cibo  Svolgimento: riscrivi come i pensierini di un bimbo  Lettera ufficiale: riscrivi con uno stile burocratico  Passato remoto: riscrivi usando il passato remoto  Esclamazioni: riscrivi usando molte esclamazioni  Interrogatorio: riscrivi come un interrogatorio di polizia Liberamente ispirate agli Exercices de style di Raymond Queneau (Paris, Gallimard, 1947) 5
  • Seconda lezione 2. L’ESTETICA DELLA RICEZIONE E IL LETTORE 6
  • Il testo come potenzialità  Il testo letterario procedere da un autore a un pubblico: il primo ha un’identità generalmente certa, il secondo è una pluralità indefinita di persone.  Tuttavia il fatto che l’autore sia responsabile del testo, per come esso ci viene consegnato, non implica che egli ne sia l’interprete migliore e più fedele.  Prospettiva ermeneutica, strutturalismo e teoria della ricezione partono da una visione comune: il testo come potenzialità attualizzata attraverso il processo della lettura. 7
  • La prospettiva ermeneutica  La lettura è un dialogo con il testo, un percorso di avvicinamento al suo segreto.  Il dialogo muove dalla domanda che il testo rivolge al lettore: comprendere un testo significa comprendere la domanda che esso pone. (*)  Le letture non sono tutte ammissibili: non si può far dire al testo ciò che si vuole; si deve fargli dire ciò che esso cela. (**) (*) Hans Georg Gadamer, Verità e metodo, Bompiani, Milano, 2004. (**) Guido Paduano, Il testo e il mondo. Elementi di teoria della letteratura, Bollati Boringhieri, Torino, 2013. 8
  • «Non imporre al testo la propria limitata capacità di comprendere, ma esporsi al testo e ricevere dal testo un io più vasto. […] Allora la comprensione è esattamente il contrario di una costituzione nella quale il soggetto funga da chiave di volta. A tale riguardo sarebbe più corretto parlare di un io costituito dalla “cosa” del testo.» Paul Ricoeur, Dal testo all'azione. Saggi di ermeneutica, 1986 9
  • La morte dell’autore  In una prospettiva ermeneutica, dunque, «ciò che dice il testo importa di più di ciò che ha voluto dire l’autore.» (*)  Ma nel contesto della ribellione antiautoritaria, fra il 1960 e il 1970, altri avevano decretato la morte dell’autore per via ideologica: Roland Barthes (**) e Michel Foucault (***). (*) Paul Ricoeur, Dal testo all’azione. Saggi di ermeneutica (1986), trad it. Jaca Book, Milano, 1989, 187. (**) Roland Barthes, La morte dell’autore (1968), in Il brusio della lingua. Saggi critici IV, trad it. Einaudi, Torino, 1988. (***) Michel Foucault, Che cos’è un autore? (1969), trad it. In Scritti letterari, Feltrinelli, Milano, 1971. 10
  • La teoria della ricezione di Iser (*)  C’è una asimmetria fra la realtà del testo – il quale è un prodotto della finzione – e la realtà del mondo.  Questa asimmetria produce indeterminatezza, che spetta al lettore colmare: per questo il processo della lettura fa emergere di volta in volta nuovi significati.  L’interpretazione non è la verità del testo, ma una tra le molte possibili: essa è di volta in volta modificata in base alle inclinazioni del lettore e all’epoca in cui il testo è letto. (*) Wolfgang Iser, L’atto della lettura. Una teoria della risposta estetica, Il Mulino, Bologna, 1987. 11
  • La prospettiva strutturalista  Il meccanismo delle interpretazioni è ordinato dalla struttura del testo: quest’ultimo è «è una catena di artifici espressivi che debbono essere attualizzati dal destinatario.» (*)  Il testo è «un meccanismo pigro (…) che vive sul plusvalore di senso introdottovi dal destinatario. […] Vuole lasciare al lettore l’iniziativa interpretativa, anche se di solito desidera essere interpretato con un margine sufficiente di univocità. Un testo vuole che qualcuno lo aiuti a funzionare .» (**) (*) Umberto Eco, Lector in fabula: la cooperazione interpretativa nei testi narrativi, Bompiani, Milano, 2002(7), 50. (**) Ivi, 52 (corsivi miei). 12
  • La visione estrema di Fisch  Ogni interpretazione è legittima: il testo non esiste, se non come prodotto delle sue letture.  La lettura ha carattere collettivo: le comunità interpretative sono «formate da quanti condividono strategie interpretative non per leggere ma per scrivere testi, per costruirne le proprietà. In altri termini, queste strategie preesistono all’atto della lettura e di conseguenza determinano la forma di ciò che si legge.» (*) (*) Stanley Fish, C’è un testo in questa classe? L’interpretazione nella critica e nell’insegnamento (1980), trad it. Einaudi, Torino, 1987. 13