Viaggio urbano
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Viaggio urbano

on

  • 185 views

 

Statistics

Views

Total Views
185
Views on SlideShare
87
Embed Views
98

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 98

http://www.sisus.it 98

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Viaggio urbano Viaggio urbano Presentation Transcript

  • “Costruire un viaggio” urbano non è solo “descrivere” una città • Il viaggio è un’esperienza intenzionale di attraversamento e osservazione (anche della propria città), da cui possono nascere percorsi ulteriori • di conoscenza, • di esercizio della cittadinanza • Compito della scuola è costruire una cornice interpretativa in cui possano inserirsi diversi contributi disciplinari e diversi modi di validazione esterna Claudia Petrucci 2013
  • Il viaggio urbano può • aiutare lo sviluppo di una sensibilità positiva ambientale e estetica • attraverso attività che permettano di osservare, comprendere, e quindi poter difendere , la “Varietà Urbana” Claudia Petrucci 2013
  • la Varietà Urbana È la capacità dell’ambiente urbano di : • dare spazio a soggetti, storie, culture, risorse e ambienti culturali e naturali diversi • equilibrarli e farli interagire • ibridarli in modo produttivo Ogni città ha il suo mix distintivo, che si sviluppa nel tempo Claudia Petrucci 2013
  • La “Varietà Urbana” è importante • è la trama nascosta di quella che chiamiano “bellezza urbana” e contribuisce a creare sentimenti di familiarità e appartenenza • aumenta le capacità di resilienza e di coesione sociale • ma poggia su equilibri fragili di cui gli stessi cittadini spesso non sono consapevoli Claudia Petrucci 2013
  • Quando è che definiamo “bella” una città ? Caratteristiche percepite come fondamentali della bellezza urbana secondo Kevin Lynch (1964): • La città è fortemente visibile nel suo complesso : offre punti percorribili di veduta “dal di sopra” • Esistono elementi (architettonici o geografici) , che si impongono come punti di orientamento • I quartieri sono caratterizzati da forme precise e differenziate, che sollecitano e portano alla memoria associazioni emotive • Non è quindi solo un problema di eccellenza artistica di singoli oggetti urbani (i “monumenti”) Claudia Petrucci 2013
  • La “Varietà Urbana” è a rischio crescente di riduzione nei modelli contemporanei di metropoli Claudia Petrucci 2013 Shanghai 1990 e 2010 Milano, il centralissimo “Quartiere Isola” fine anni ‘90 e 2013 Asilo nido ai piedi del grattacielo
  • Strategie più o meno efficaci per produrre o ricreare varietà urbana in situazioni compromesse Milano 2013 Quartiere Isola luogo del previsto parco compensativo NewYork 2013 Orti sui tetti Milano 2013 Il “Bosco verticale” realizzato tra i grattacieli del quartiere Isola : alberi sulle terrazze
  • Figure e sfondi • Ci sono paesaggi urbani in cui le caratteristiche individuate da Lynch sono molto forti, e che quindi sembrano “imporsi da sé”, ma non ci sono sicurezze date. Carte e raffigurazioni storiche ci fanno capire le scelte e le logiche di sviluppo della città, e i loro cambiamenti • Leggere la bellezza urbana significa essere capaci di riconoscere e far emergere, in continui passaggi ricorsivi tra “figure” e “sfondi” (Mc Luhan, 1977) , le forme e gli elementi caratteristici nella nostra percezione della città • Se non siamo capaci di operare questi passaggi rischiamo di trattare come “sfondi” indistinti ( e sacrificabili senza conseguenze) elementi urbani che potrebbero essere invece vitali per le percezioni di orientamento, familiarità e “bellezza” • Anche città “belle” possono degradarsi nella perdita degli elementi distintivi Claudia Petrucci 2013
  • Due paesaggi urbani distintivi ? Non sempre sono stati considerati tali. Che cosa accadrebbe se smettessimo di vederli come “figure significative” ? Roma Isola Tiberina : condannata alla scomparsa nel 1875 e poi nel 1900, per favorire il deflusso delle acque Milano : Castello Sforzesco e Parco Sempione: al loro posto era prevista nel 1888 una fitta griglia di quartieri. Claudia Petrucci 2013
  • Figure nella Varietà Urbana : orti sottratti (per quanto ancora ? )alla densificazione edilizia fiume messo in sicurezza ma capace di ospitare biodiversità Genova Sturla e Centro Storico Claudia Petrucci 2013 Le percezioni arbitrarie di “degrado”, sono state spesso usate per giustificare sventramenti e distruzione di figure urbane distintive
  • Figure e sfondi nella varietà urbana : Milano, quartiere Solari Claudia Petrucci 2013
  • Le motivazioni che spingono alla salvaguardia o alla creazione di paesaggi significativi • Passano attraverso la capacità di riconoscere luoghi e percorsi (con tutta la loro “varietà”) come “figure”, elementi determinanti , generatori di orientamento e di relazioni • Passano attraverso la capacità di leggere gli usi del territorio da parte degli abitanti,di percepirne priorità, spostamenti, usi imprevisti Claudia Petrucci 2013
  • Competenze in gioco Orientamento nello spazio : • leggere la “forma urbis” e le figure significative Orientamento nel tempo, cioè : riconoscere la storia sottintesa nei muri e nei monumenti, ma anche riconoscere il tempo degli spostamenti e delle visite urbane, il “quanto ci si mette a …” e il “ quanto ci si metteva a…” quando quelle strade e quegli ambienti urbani furono progettati Osservazione sociale , cioè: leggere usi, storie, relazioni Claudia Petrucci 2013
  • Strumenti • Per i percorsi e la forma urbis: Questo lavoro implica competenze generali geografiche : Localizzare (dare posizione e distribuzione di) un fenomeno . Percepire la distanza (assoluta e relativa, ma anche temporale) , tra fenomeni . Leggere e rappresentare la scala , cioè il rapporto tra le dimensioni • Strumenti utili sono:  Carta, bussola, curvimetro, segnapassi  Zoomate “piatte “ e “oblique” della città, con esercizi di individuazione dei punti di riferimento (reperibili passando da Wikipedia : clic sulle coordinate geografiche) “Indicazioni stradali ” con le distanze (reperibili passando da Google Map : indicazioni stradali modalità satellite) Claudia Petrucci 2013
  • Strumenti • Per l’osservazione sociale:  Osservare direttamente i luoghi della quotidianità e chi li frequenta, gli usi e gli spostamenti di funzione:  Identificare gli elementi di “Varietà Urbana” (le caratteristiche geografiche, le testimonianze architettoniche, la varietà sociale e gli usi imprevisti)  Costruire carte mentali  Formulare e utilizzare colloqui e interviste  Usare documentazione storica, dati e immagini Claudia Petrucci 2013
  • E adesso? Le osservazioni e le informazioni raccolte possono servire per fare proposte di cambiamento, riqualificazione, nuovi usi di parti di città. Possiamo fermarci qui, e organizzare una comunicazione finale pubblica del dossier che abbiamo costruito col nostro lavoro. Anche la preparazione di questo momento segue le regole del laboratorio Claudia Petrucci 2013
  • Ma forse si può fare di più Possiamo provare a confrontarci come cittadini con le scelte di politica urbana. Con quali strumenti? Con quali contributi di saperi e conoscenze (urbanistiche, ambientali, giuridiche)? Con quali benefici? Con quali cautele ? Claudia Petrucci 2013
  • Appendice : organizzare un Laboratorio Il laboratorio è un modo di lavorare, che può utilizzare ambienti e strumenti di diversa complessità tecnologica • ci si pongono domande • si lavora in gruppo • si utilizzano diversi materiali e fonti di informazione • ci si prende la responsabilità di una relazione finale Claudia Petrucci 2013
  • Appendice : Regole del gioco: Gruppi Metodi e Strumenti per il Laboratorio • Gruppi di 3 o di 4. Tutti relazionano. C’è una valutazione distinta tra prodotto di gruppo e esposizione individuale • E’ utile usare uno schema di Gantt per tenere sotto controllo tempi e responsabilità • Le fonti delle informazioni vanno sempre indicate in biblio e sitografia • Ogni immagine deve riferirsi a una localizzazione geografica precisa • Se c’è musica, deve essere pertinente, non solo gradevole • I siti utilizzati devono corrispondere a dati di realtà (siti di Comuni, blog di viaggiatori) , non a elaborazioni di seconda mano (ricerche o tesine di altre scuole)
  • • Saggi : Marshall McLuhan La città come aula Armando 1977 Kevin Lynch L’Immagine della città Marsilio Editori 1964-2013 Giovanni Spalla La città sostenibile del Mediterraneo Allemandi &C. 2011 Salvatore Settis Paesaggio, Costituzione, Cemento Einaudi 2013 • Guide : Tiziano Scarpa Venezia è un pesce : una guida Feltrinelli 2008 Marco Lodoli Isole : guida vagabonda di Roma Einaudi 2008 Michela Murgia Viaggio in Sardegna : Einaudi 2008 • Siti www.fiveboroughfarm.org/urban-agriculture www.salviamoilpaesaggio.it www.waldenviaggiapiedi.it • Immagini : La doppia immagine di Shanghai è tratta da www.amazingstuff.co.uk/places/ L’immagine dell’orto sul tetto a NewYork è tratta da www.brooklyngrangefarm.com La piccola immagine dall’alto di Milano anni ‘90 è tratta da www.msacerdoti.it Nel sito si trova la fotocronaca della distruzione del verde del quartiere Le piccole immagini dall’alto di Genova , Orvieto, Isola Tiberina e Castello Sforzesco sono di repertorio Tutte le altre immagini sono foto originali Biblio e Sitografia