• Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
56
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. A pochi chilometri da Monte S. Angelo si trova uno dei Valloni più interessanti, il più ricco di emergenze naturalistiche e storico – culturali dell’intero Gargano: si tratta del vallone di Pulsano chenasce dall’incontro di tre bracci più piccoli Valle Campanile, Valle Piccola di Pulsano e Valle Mattina, che si uniscono in un unico grande vallone.
  • 2. Santa Maria di Pulsano  Santa Maria di Pulsano è un monastero edificato nel 591 sui ruderi di un antico tempio pagano dedicato a Calcante, si trova a sud-ovest del centro abitato di Monte SantAngelo. La parte più significativa del complesso monastico è costituita dalla chiesa in stile romanico, ricavata da una grotta naturale che funge da abside. La chiesa ha una sola navata, con volta a botte, scandita da grandi archi trasversali su semipilastri addossati alle pareti. Ha un bellissimo portale finemente decorato con rilievi zoomorfi ed antichi blasoni che presenta molte similitudini con il portale laterale dellabbazia di San Leonardo di Siponto.
  • 3.       La chiesa è dedicata a Santa Maria Madre di Dio.  Al centro dellaltare è posta licona di Santa Maria Odeghitria,  loriginale che risaliva al periodo medievale è stata purtroppo  trafugata, lateralmente le icone di Cristo Pantocratore a destra e di  San Gregorio Magno a sinistra. Si noti che labside è ricavato nella roccia.  
  • 4. Gli eremi di Pulsano, ubicati nei dintornidell’Abbazia, sono piccole celle utilizzatedai monaci come luogo di isolamento perla contemplazione, la preghiera, il lavoro. Gli eremi sorgono su luoghi impervi, spesso gli Eremiti non potevano accedere alla loro cella se non per mezzo di scale o corde legate a carrucole.
  • 5. Nella dieta dei monaci il pane era essenziale; era cotto nel luogo chiamato Eremo “Mulino”, una volta alla settimana, in quantità sufficiente per tutti i monaci che vivevano negli eremitaggi vicini. L’Eremo “Mulino” e la “Chiesa” erano gli elementi essenziali del monastero.La dieta di questi monaci eremiti, molto povera edaustera, comprendeva anche l’olio, la carne, e ilvino solo nelle feste solenni.I monaci avevano un’altra bevanda simileall’eukràtion,una bevanda calda, speziata con pepe,cannella e semi di finocchio. Gli effetti personali di un eremita comprendevano pochi utensili, indispensabili per la vita quotidiana: una stuoia su cui dormire, un’accetta e una zappa per il lavoro nei campi, una scodella e una lampada ad olio.
  • 6. Tutto attorno allAbbazia, si estende una interessante area archeologica, che si associa alla natura carsica del territorio. Esso è costituito da piccoli ripari in grotta dove sia all’interno che all’esterno, sono evidenti le profonde incisioni sulle pareti, necessarie per convogliare lacqua percolata attraverso la roccia . Pulsano è la caverna più grande dellarea che nel passato ha ospitato pastori e forse monaci. E’ distante pochi chilometri dal santuario di San Michele e dalla piana di Siponto.