Nuovo file di vieste e peschici di annalisa calò e fanel coppola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Nuovo file di vieste e peschici di annalisa calò e fanel coppola

on

  • 153 views

 

Statistics

Views

Total Views
153
Views on SlideShare
125
Embed Views
28

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 28

http://www.scienzesocialiweb.it 28

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Nuovo file di vieste e peschici di annalisa calò e fanel coppola Presentation Transcript

  • 1. E’ la scienza che studia le civiltà e le culture umane delpassato e le loro relazioni con lambiente circostante,mediante la raccolta, la documentazione e lanalisi delletracce materiali che hanno lasciato (architetture,manufatti, resti biologici e umani).
  • 2. SANT’EUFEMIANECROPOLI LA SALATA
  • 3. SANT’ EUFEMIALo scoglio di SantEufemia, chiude verso il largo il porto diVieste. Sullo scoglio è anche situato il caratteristico faro con ottica rotante attivo dal tramonto al sorgere del Sole. Il faro è attivo dal 1868. Lo scoglio di Sant’Eufemia risulta frequentato sin dallapreistoria. In epoca classica, Sant’Eufemia è stata la sede diun santuario dedicato a Venere Sosandra e nel periodo tardo antico, il suo settore ipogeo è stato trasformato in luogo di culto cristiano. La grotta fu riscoperta nel 1987.
  • 4. NECROPOLI LA SALATAQuesta necropoli ricopre una straordinariaimportanza nell’ambito archeologico. Lesue origini sono infatti antichissime.Questo maestoso complesso cimiteriale èdislocato all’interno di grotte, dove sipossono osservare le tombe sia a terrache nelle pareti. In tempi remoti questestrutture furono anche utilizzate dall’uomocome rifugio, o anche come riparo peranimali. La Necropoli è costituita da setteipogei, di cui alcuni sono postipraticamente a strapiombo sul mare.
  • 5. GROTTONE DI MANACCORA VALLE SBERNIA
  • 6. GROTTONE DI MANACCORALa Grotta degli Dei, autentico caposaldo italianodelletà del Bronzo, situato a pochi Km da PeschiciIl Grottone Manaccora è una cavità naturale allinternodella quale è stata accertata la presenza di un nucleoumano databile tra il XII e l’XI sec. a.C. Dagli oggettirinvenuti nel grottone è stato possibile avere un’ideadelle attività domestiche tradizionali: tessitura,lavorazione dei derivati del latte, fusione di oggettimetallici. Sulle pareti e sul fondo della grotta sonorealizzate strutture ipogeiche connesse a ritipropiziatori della fertilità.
  • 7. VALLE SBERNIASi tratta di un vasto impianto estrattivo, profondo articolatoin comodi spazi entro i quali svolgere attività differenziatedi estrazione e prima sbozzatura della selce. La ricchezza diselce del Gargano ha sempre garantito durante la preistoriaabbondante materia prima per fabbricare strumenti dilavoro e di caccia. Nel Neolitico è iniziata l’attività diestrazione dal suolo. La selce garganica, veniva estratta elavorata non solo per le esigenze connesse alleconomialocale agricolo - forestale, ma anche per lesportazioneindustriale.
  • 8. ORME DI DINOSAUROSu un blocco del molo di Peschici , fu ritrovata la prova del passaggio dei dinosauri. Il blocco con limpronta, non proviene da Peschici, ma è stato trasportato dalla zona estrattiva di Apricena. Dalle caratteristiche sedimentologiche riscontrate nel blocco dellimpronta di Peschici , e dal tipo di impronta, si può ipotizzare che questi sedimenti risalgano al Cretaceo inferiore (120,130 milioni di anni fa).
  • 9. LA SELCELa selce è una roccia sedimentaria composta quasi esclusivamente di silice. Questa roccia si forma in due modi: per accumulo di resti di organismi a guscio o scheletro siliceo quali radiolari, diatomee e spugne, prendendo il nome di radiolarite o diatomite; per segregazione e accumulo di silice, proveniente da rocce terrigene e rocce carbonatiche.
  • 10. Le selci lavorate sono una testimonianza fondamentale dei primi insediamenti umani, le tecniche lavorative utilizzate per crearle (scheggiatura) consentono di individuare diversi periodi della preistoria. Luso è continuato, poi, fino a periodi relativamente recenti. Nel XVII secolo erano ancora adoperati, specialmente presso i popoli delle Americhe, coltelli con la lama di questo materiale che veniva usato anche per le punte delle frecce.
  • 11. Realizzato daFANEL COPPOLAANNALISA CALO’