I diritti umani, lademocrazia e la guerra    nell’era della   Globalizzazione                 Pro e contro
Scienze Sociali            Inglese    Matematica              Francese      Cinema                 Diritto     Tedesco    ...
Scienze Sociali          Con la disciplina Scienze Sociali abbiamo         approfondito alcuni argomenti e alcuni autori:•...
Danilo Zolo• Danilo Zolo, nato a Fiume  nel 1936, è un giurista e  filosofo del diritto italiano.• Ha insegnato Filosofia ...
Articoli di Danilo Zolo• I diritti umani, la democrazia e la pace nellera della globalizzazione• Il tramonto della democra...
Francesco Gesualdi• Conosciuto anche come  Francuccio Gesualdi;  nato a Foggia nel 1949, è  un attivista italiano.• In gio...
Serge Latouche• Serge Latouche, nato a  Vannes il 12 gennaio 1940, è un  economista e filosofo francese.• È uno degli anim...
Edgar Morin• Edgar Nahoum, detto  Edgar Morin, (Parigi, 8 luglio  1921) è un filosofo e sociologo  francese.• È noto per l...
Statistiche•   Bilancio demografico•   La dimensione multiculturale nelle scuole del Valdarno•   Alunni stranieri•   Relaz...
Inglese   • Avram Naom Chomsky     (Filadelfia, 7 dicembre 1928) è     un linguista, filosofo e teorico     della comunica...
Tedesco• Ulrich Beck è nato a Słupsk il  15 maggio 1944, è un sociologo e  scrittore tedesco.• È docente di Sociologia pre...
Italiano             Decrescita“Dove andiamo? Dritti contro un muro.Siamo a bordo di un bolide senza pilota,senza marcia i...
Articoli•   Quanti schiavi lavorano per te?•   Olio di palma, cotone e caffè: le importazioni italiane pesano troppo•   Bo...
Anna Tani• Professoressa di  Italiano, ha lavorato  presso l’Istituto  Superiore Giovanni  da San Giovanni ed è  stata per...
Microcredito  Tema affrontato con la Professoressa Anna Tani che hatenuto una lezione nella nostra classe sulla ricchezza ...
Autori su cui abbiamo lavorato•   Zygmunt Bauman•   Norberto Bobbio•   Domenico De Masi•   Luciano Gallino•   Martha C. Nu...
Incontri con•   Danilo Zolo•   Francesco Gesualdi•   Serge Latouche•   Edgar Morin•   Anna Tani              Siti Consulta...
Stage 5H                    2011-2012•   Bagiardi Viola           •   Galletti Chiara•   Baldi Elena              •   Luci...
Consiglio di classeCoordinatrice del                progetto: Grazia Ammannati •   Grazia Ammannati              •   Scien...
Allegati
Globalizzazione: pro e contro      Tema             Contro                                                                ...
Sviluppo sostenibileLo sviluppo sostenibile è un processo finalizzato al raggiungimento di obiettivi di miglioramento ambi...
Un Natale definito sotto tono, con una riduzione della spesa significativa ma non si può parlare di decrescita felice. Tro...
LA GLOBALIZZAZIONE IN CIFREAlcuni dettagli riguardanti i dati della globalizzazione risalenti al 2008:Il 20% della popolaz...
CAPITALISM: A LOVE STORYScheda:Regista: Michael MooreSceneggiatore: Michael Moore (scritto da)Data di uscita: 2 ottobre 20...
IL PRESIDENTE DELLA BANCA MONDIALE DIFENDE LA LOTTA CONTRO L’AUMENTO DEI PREZZI AGRICOLI, MA SENZA STATALISMORobert Zoelli...
LE FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALEOgni stato è sovrano ed indipendente, ma allo stesso tempo non opera in modo isolato pe...
I diritti umani, la democrazia e la pace nellera della globalizzazione (2011) - Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/ab...
Il tramonto della democrazia nellera della globalizzazione (2010) - Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/about/index.ht...
Violenza, democrazia, diritto internazionale (2010) – Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/about/index.html )Quale demo...
La crisi dello Stato democratico - intervista di Julia Netesova a Danilo Zolo (2010) (http://www.juragentium.org/about/ind...
Quale democrazia nellAfrica mediterranea? (2011) - Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/about/index.html )Una primavera...
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione

3,114

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
3,114
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Diritti umani democrazia_guerra_nella_globalizzazione

  1. 1. I diritti umani, lademocrazia e la guerra nell’era della Globalizzazione Pro e contro
  2. 2. Scienze Sociali Inglese Matematica Francese Cinema Diritto Tedesco Italiano Articoli Statistiche Microcredito Autori, Incontri, SitiImmagini, Chi siamo Consiglio di Classe Fine
  3. 3. Scienze Sociali Con la disciplina Scienze Sociali abbiamo approfondito alcuni argomenti e alcuni autori:• Danilo Zolo• Serge Latouche• Francesco Gesualdi• Sviluppo Sostenibile• Statistiche
  4. 4. Danilo Zolo• Danilo Zolo, nato a Fiume nel 1936, è un giurista e filosofo del diritto italiano.• Ha insegnato Filosofia del Diritto allUniversità di Firenze, dove ha fondato, nel 2000, il Centro per la filosofia del diritto Internazionale e delle politiche globali Jura Gentium, che tuttora Gentium dirige. Articoli Jura Gentium - http://www.juragentium.org/
  5. 5. Articoli di Danilo Zolo• I diritti umani, la democrazia e la pace nellera della globalizzazione• Il tramonto della democrazia nellera della globalizzazione• Violenza, democrazia, diritto internazionale• La crisi dello Stato democratico• Quale democrazia nellAfrica mediterranea?• L’inganno delle guerre umanitarie. Il flagello della guerra• Luci ed ombre del pacifismo giuridico di Norberto Bobbio
  6. 6. Francesco Gesualdi• Conosciuto anche come Francuccio Gesualdi; nato a Foggia nel 1949, è un attivista italiano.• In gioventù fu allievo di Don Milani alla Scuola di Barbiana. Articoli Centro Nuovo Modello di Sviluppo http://www.cnms.it/
  7. 7. Serge Latouche• Serge Latouche, nato a Vannes il 12 gennaio 1940, è un economista e filosofo francese.• È uno degli animatori de La Revue du MAUSS, presidente dellassociazione «La ligne dhorizon», Professore emerito di Scienze economiche allUniversità di Parigi XI e allInstitut détudes du devoloppement économique et social (IEDES) di Parigi. Decrescita (1) “La revue du MAUSS” Decrescita (2) “La ligne d’horizon”
  8. 8. Edgar Morin• Edgar Nahoum, detto Edgar Morin, (Parigi, 8 luglio 1921) è un filosofo e sociologo francese.• È noto per lapproccio transdisciplinare con il quale ha trattato unampia gamma di argomenti.• Conferenza tenuta dal Professor Edgar Morin a cui abbiamo partecipato. “La via. Per l’avvenire dell’umanità”
  9. 9. Statistiche• Bilancio demografico• La dimensione multiculturale nelle scuole del Valdarno• Alunni stranieri• Relazione delle attività socio-assist. del Comune di Montevarchi• La presenza di immigrati• L’imprenditoria immigrata• Alunni stranieri in Provincia di Arezzo• Immigrazione e lavoro indipendente in Provincia di Arezzo• Il mercato del lavoro in Provincia di Arezzo• Servizi alle imprese• Carta di credito formativo ILA
  10. 10. Inglese • Avram Naom Chomsky (Filadelfia, 7 dicembre 1928) è un linguista, filosofo e teorico della comunicazione statunitense. Professore emerito di linguistica al Massachusetts Institute of Technology è riconosciuto come il fondatore della grammatica generativo- trasformazionale, spesso indicata come il più rilevante contributo alla linguistica teorica del XX secolo.
  11. 11. Tedesco• Ulrich Beck è nato a Słupsk il 15 maggio 1944, è un sociologo e scrittore tedesco.• È docente di Sociologia presso la Ludwig-Maximilians- Universität München di Monaco di Baviera e la London School of economics.• Ha pubblicato diversi studi sulla modernità, problemi ecologici, individualizzazione e globalizzazione, oltre ad aver introdotto nuovi concetti nella sociologia, quali lidea di una seconda modernità e la teoria del rischio. “Die Risikogesellschaft” (la società del rischio)
  12. 12. Italiano Decrescita“Dove andiamo? Dritti contro un muro.Siamo a bordo di un bolide senza pilota,senza marcia indietro e senza freni, che staandando a fracassarsi contro i limiti delpianeta”. Serge Latouche
  13. 13. Articoli• Quanti schiavi lavorano per te?• Olio di palma, cotone e caffè: le importazioni italiane pesano troppo• Bocciata la tassa sullenergia rinnovabile• Le banche finanziano i pannelli solari• Le riflessioni e i consigli del libro "Pensare come le montagne"• Giusto il canone sulla tv spazzatura?• Pretendere un Iphone senza sfruttamento• Griffati e tossici: etossilati negli abiti sportivi• Tira una brutta aria: smog in aumento• Camminare come cura• Cè la crisi? Riprendiamoci la Cassa Depositi e Prestiti• Pulire al naturale… la lavastoviglie• Le multinazionali della cosmesi e gli ingredienti nocivi dei loro prodotti• L’INCI• Facciamo il punto• Una vita a km zero• Tessuti bio: non solo cotone...• Il Manifesto politico di Banca Etica• Il codice etico
  14. 14. Anna Tani• Professoressa di Italiano, ha lavorato presso l’Istituto Superiore Giovanni da San Giovanni ed è stata per tre anni la nostra insegnante.• Ci ha parlato del Microcredito
  15. 15. Microcredito Tema affrontato con la Professoressa Anna Tani che hatenuto una lezione nella nostra classe sulla ricchezza e sulla povertà nel mondo. Ci ha presentato la figura e il testo di:Muhammad Yunus “Il banchiere dei poveri”
  16. 16. Autori su cui abbiamo lavorato• Zygmunt Bauman• Norberto Bobbio• Domenico De Masi• Luciano Gallino• Martha C. Nussbaum• Venkatesh Seshamani• Joseph Stiglitz
  17. 17. Incontri con• Danilo Zolo• Francesco Gesualdi• Serge Latouche• Edgar Morin• Anna Tani Siti Consultati• Jura Gentium http://www.juragentium.org/• Centro Nuovo Modello di Sviluppo http://www.cnms.it/• Aam Terranuova http://www.aamterranuova.it/• Il debito pubblico http://www.cnms.it/• Wikipedia http://www.wikipedia.org/
  18. 18. Stage 5H 2011-2012• Bagiardi Viola • Galletti Chiara• Baldi Elena • Luci Anastasia• Bartolozzi Silvia • Montaghi Federica• Bevilacqua Rita • Mortelli Annalisa• Botarelli Giada • Nocentini Ester• Brancaleone Eliana • Nocentini Gabriele• Bucci Giulia • Novara Giulia• Ciarchi Elena • Olmastroni Lucia• Dal Bianco Vittoria • Regnanti Jessica• De Leo Miriam • Righi Niccolò• Ferrero Valeria Edith • Tilli Noemi
  19. 19. Consiglio di classeCoordinatrice del progetto: Grazia Ammannati • Grazia Ammannati • Scienze Sociali • Roberto Donati • Cinema • Alessandro Rosati • Italiano • Laura Borrani • Storia • Vincenzo Verna • Diritto • Lucia Brozzi • Filosofia • Caterina Moretti • Matematica • Giuseppe Tassinari • Scienze Sperimentali • Olga Ratti • Educazione Motoria • Mirella Francalanci • Inglese • Susanna Rossi • Tedesco • Beatrice Bichi • Francese • Daniele Carabot • Religione
  20. 20. Allegati
  21. 21. Globalizzazione: pro e contro  Tema Contro Pro  1Speculazione Si costruiscono grandi ricchezze e si rovinano intere nazioni tramite  Una tassa sui movimenti di capitale è suggestiva ma sostanzialmente inapplicabile. finanziaria movimenti di capitale che speculano sui cambi delle monete e sulle  oscillazioni delle Borse.La Tobin Tax tasserebbe tutte le operazioni finanziarie  e valutarie. Il gettito andrebbe destinato alle politiche nazionali per servizi  sociali e occupazione, e a politiche internazionali contro il sottosviluppo. 2Distribuzione La logica del capitalismo ha portato ad una condizione estremamente grave,  Se è vero che il distacco tra ricchissimi e poverissimi sta aumentando, questo avviene mentre la  della ricchezza per cui la ricchezza è sempre di più distribuita inegualmente.  povertà in termini assoluti (reddito, alfabetizzazione, vita media, ...) diminuisce.  3Libertà di Labbattimento delle barriere allimportazione comporta - in particolare in  È necessario eliminare tutte le barriere doganali in modo da aprire i mercati dei paesi  commercio Europa - la distruzione delle colture o delle produzioni artigianali tipiche. industrializzati alle esportazioni dei paesi poveri.  4Multinazionali Le multinazionali sfruttano i lavoratori del Terzo Mondo. Il lavoro nelle industrie è comunque una prospettiva meglio pagata rispetto al lavoro agricolo.    Altrimenti non si capisce perché venga scelto. Il livello delle retribuzioni copre appena le necessità di sussistenza. Il lavoro è  precario e si svolge in condizioni insicure. 5Lavoro minori sono costretti a lavorare nelle fabbriche del Terzo Mondo in  Questo è accaduto anche in Occidente allinizio della Rivoluzione industriale.Gli stessi governi dei  minorile condizioni disumane. paesi di recente industrializzazione che si oppongono allapplicazione globale del diritto del lavoro  vigente in Occidente. 6Concorrenza I lavoratori del Terzo mondo si pongono in concorrenza con i lavoratori del  In molte regioni dei paesi ricchi certi lavori non sono più proponibili a un giovane "indigeno". Il  lavoratori Primo mondo. livello delle aspirazioni si è alzato; il benessere - almeno relativo - permette di sopportare la    disoccupazione in attesa di trovare un lavoro desiderabile. Le fabbriche migrano verso i paesi nei quali il costo del lavoro è più basso. 7Concorrenza La logica della concorrenza tra le nazioni induce a comprimere le tutele  La competizione, elemento essenziale del suo dinamismo, è stata all’origine di uno sviluppo  tra le nazioni sociali che migliorano le condizioni di vita dei lavoratori ma anche accrescono tecnologico ed economico impensabile soltanto un secolo fa. il costo del lavoro. 8Indebolimento La globalizzazione priva gli stati del ruolo di regolatori e garanti degli  La globalizzazione riduce il ruolo degli stati ma non lo annulla. degli stati interessi dei popoli che vivono sui loro territori; essi non sono più in grado di    controllare le società multinazionali e spesso cedono alle loro esigenze  Essa chiede agli stati di trovare nuove forme di cooperazione per affrontare problemi che hanno  economiche e finanziarie al fine di conservarle sui propri territori dove sono  una scala planetaria. fonte di occupazione, di imposte, di dinamismo economico. 9Legittimità G8 Riunioni come quelle dei rappresentanti del G8 o del WTO non sono  I governanti che si incontrano rappresentano i paesi che li hanno democraticamente eletti.LONU  legittimate a prendere decisioni per conto di tutti i popoli della Terra. si è mostrato storicamente incapace di prendere decisioni impegnative, anche a sostegno dei  diritti umani sui quali si fonda. 10Debito estero Il debito estero blocca lo sviluppo dei paesi del Terzo Mondo: i ricavi delle  Il debito dipende dallimprevidenza e dalla corruzione delle élites locali. La sua revisione va  esportazioni sono destinati a finanziare gli interessi sul debito. Occorrerebbe  subordinata alla presenza di governi affidabili e di seri progetti di sviluppo. lazzeramento di tutto il debito estero dei 41 paesi più poveri del mondo. 11Digital divide La società dellinformazione sta creando nuove divisioni tra chi ha accesso  La società dellinformazione permette il superamento di antiche barriere: offre conoscenza a chi è  allinformazione e chi non ce lha. Anche le tecnologie sono oggi un fattore di  lontano dalle città e dai centri di formazione. permette che circolino idee di libertà e di  divisione planetaria. Occorrono politiche per favorire laccesso alle moderne  democrazia. tecnologie della comunicazione. 12Televisioni La televisione è un fattore di omologazione culturale. Limmaginario delle  Persone e popoli godono di possibilità di conoscenza e di divertimento prima inimmaginabili. La TV  globali popolazioni del pianeta è costruito dai programmisti di MTV o dagli  apre orizzonti mentali, fa conoscere luoghi ed esperienze che altrimenti resterebbero estranei alle  sceneggiatori di Hollywood. masse, può essere utilizzata anche con finalità educative. 13Gas serra Occorre la ratifica e applicazione del protocollo di Kyoto per la riduzione delle Alcuni scienziati non ritengono sufficientemente dimostrata la correlazione tra emissione di gas e  emissioni di anidride carbonica. riscaldamento globale. 14Biotecnologie Le multinazionali del settore spingono per introdurre sementi artificiali della  La popolazione mondiale è in rapidissimo aumento. Le biotecnologie sono una strada obbligata  cui innocuità non si è sicuri. La biotecnologia riduce la preziosa biodiversità. per aumentare le rese e per mettere a punto specie resistenti anche ai climi inospitali. 15Qualità cibi La globalizzazione fa arrivare sulle nostre tavole prodotti alimentari meno  Le regolamentazioni interne allUnione Europea sono severe e stabiliscono gli standard di qualità  sicuri. che i prodotti alimentari devono rispettare.Vi è semmai un problema di controlli
  22. 22. Sviluppo sostenibileLo sviluppo sostenibile è un processo finalizzato al raggiungimento di obiettivi di miglioramento ambientale, economico, sociale ed istituzionale, sia a livello locale che globale. Tale processo lega quindi, in un rapporto di interdipendenza, la tutela e la valorizzazione delle risorse naturali alla dimensione economica, sociale ed istituzionale, al fine di soddisfare i bisogni delle attuali generazioni, evitando di compromettere la capacità delle future di soddisfare i propri. In questo senso la sostenibilità dello sviluppo è incompatibile in primo luogo con il degrado del patrimonio e delle risorse naturali (che di fatto sono esauribili) ma anche con la violazione della dignità e della libertà umana, con la povertà ed il declino economico, con il mancato riconoscimento dei diritti e delle pari opportunità.• Le dimensioni della sostenibilità• la sostenibilità ruota attorno a quattro componenti fondamentali:• Sostenibilità economica: intesa come capacità di generare reddito e lavoro per il sostentamento della popolazione.• Sostenibilità sociale: intesa come capacità di garantire condizioni di benessere umano (sicurezza, salute, istruzione) equamente distribuite per classi e genere.• Sostenibilità ambientale: intesa come capacità di mantenere qualità e riproducibilità delle risorse naturali.• Sostenibilità istituzionale: intesa come capacità di assicurare condizioni di stabilità, democrazia, partecipazione, giustizia.• Larea risultante dallintersezione delle quattro componenti, coincide idealmente con lo sviluppo sostenibile.• Definizione condivisa di sviluppo sostenibile• La definizione di sviluppo sostenibile è quella contenuta nel rapporto Brundtland, elaborato nel 1987 dalla Commissione mondiale sullambiente e lo sviluppo e che prende il nome dallallora premier norvegese Gro Harlem Brundtland, che presiedeva tale commissione.Nel 2002 a Johannesburg si tiene il Vertice Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile in cui le novità sono sostanzialmente le seguenti:• la crescita economica non è la base dello sviluppo;• è opportuno distinguere tra crescita e sviluppo;• nella piramide dei valori, il pilastro sociale è al vertice dei pilastri economico ed ambientale; comunque nessuno dei pilastri potrà essere considerato a sé stante;• è prioritario lo sviluppo rispetto alla crescita economica;• è necessario valutare i costi sociali ed ambientali delle politiche.• Educare allo sviluppo sostenibile: il DESS• LAssemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il DESS-Decennio dellEducazione allo Sviluppo Sostenibile per il periodo 2005-2014, affidando allUNESCO il compito di coordinarne e promuoverne le attività.
  23. 23. Un Natale definito sotto tono, con una riduzione della spesa significativa ma non si può parlare di decrescita felice. Troppo cibo finito nella spazzaturadalla Vigilia a Capodanno•Un Natale e un Capodanno più moderati, con una riduzione delle spese. Ma gli sprechi sono ancora troppo elevati.Le persone devono ancora prendere le misurecon la decrescita . Dalla vigilia di Natale a Capodanno, sono finite dal tavola al bidone della spazzatura 440 mila tonnellate di cibo, della spesa degli italiani. Nellapattumiera gli italiani hanno gettato carne, latticini e uova (pari al 43% del cibo buttato), pane (22%), frutta e verdura(19%), un po meno pasta e dolci(4% e 3%).Oltre 1,3 miliardi di euro in cibo sono stati sprecati. Un vero sperpero di risorse, e uno schiaffo alla miseria, costato più di 50 euro a famiglia. I dati sugli sprechialimentari durante le festività natalizie vengono da un’indagine della Cia-Confederazione italiana agricoltori.•Gli agricoltori commentano che neanche la crisi è riuscita a contenere questo fenomeno: da un punto di vista, infatti, le famiglie sono cambiate di poco, facendoregistrare complessivamente una lieve contrazione del cibo sprecato, mentre a scendere è stata ala quantità di cibo acquistata. Tra poco: a finire nel bidonedellimmondizia è stato quasi un quinto delle portate preparate per allestire le tavole delle Feste. Tutto ciò a dispetto della recessione alle porte.•L’indagine evidenzia che gli sprechi maggiori si sono concentrati soprattutto durante le festività di Natale.•Il fenomeno dello spreco alimentare può essere analizzato da diversi punti di vista. A concorrere allo spreco possono essere un eccesso di acquisto generico, lafrenesia del comprare che porta ad approfittare di promozioni (quali il 3 per 2) col risultato di riempire le case di prodotti in eccesso, talvolta una scarsacomprensione del limite massimo di consumo del singolo prodotto – anche se durante le feste è facile ipotizzare che una delle cause sia la preparazione di cibo ineccesso rispetto alle esigenze familiari.•Se si guarda poi al dato internazionale, la portata dello spreco si fa letteralmente drammatica: secondo un recente studio della Fao, l’Organizzazione delle NazioniUnite per l’alimentazione e l’agricoltura, ogni anno vengono sprecati o perduti 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, circa un terzo degli alimenti prodotti per il consumoumano. In Europa e in Nord America lo spreco pro capite dei consumatori è calcolato intorno ai 95-115 kg all’anno, mentre in Africa sub-sahariana e nel sudestasiatico ammonta a soli 6-11 kg l’anno.•In Italia, uno studio dell’Adoc ha calcolato che nel 2011 ogni famiglia ha buttato nel cassonetto il 7% della spesa alimentare effettuata (feste escluse), pari a 335euro. Uno spreco in calo rispetto all’anno precedente, ma comunque consistente.Consumiamo 9mila miliardi di metri cubi dacqua allanno, ciascuno di noi 4mila litri al giorno se si considera lacqua impiegata anche per produrre i cibodi cui ci si alimenta e i prodotti di cui ci si serve.•Consumiamo 9mila miliardi di metri cubi dacqua allanno. . E la nostra impronta idrica, la nostra water fototprint; tanto pesiamo sul nostro pianeta. Lo studioquantifica il consumo di acqua sotto forma di pioggia ma anche di acqua prelevata dal terreno e dalle falde e quella che inquiniamo. Nel periodo dal 1996 al 2005 lamedia annuale della nostra water footprint è stata di 9.087 gigametri cubi, cioè 9.087 miliardi di metri cubi (74% pioggia, 11% da terreno e falde, 15% di acquainquinata). La produzione agricola contribuisce per il 92%. Limpronta idrica media annuale per ciascuno di noi (benchè le cifre cambino in maniera non indifferenteda nazione a nazione) prevede un consumo di 1.385 metri cubi. Un quinto di tutta limpronta idrica mondiale serve per garantire prodotti da esportare e non per ilconsumo "domestico". Per esempio, mentre un tedesco compra il caffè e la maglietta per i quali è stata usata acqua di quella nazione, altri Paesi, come gli Usa e laCina, sono entrambi grandi esportatori e importatori di acqua. E altri stati paiono destinati a voler aumentare la loro importazione di acqua. I ricercatori concludonoaffermando che "tutti questi fattori indicano che la scarsità di acqua non è solo un problema locale ma deve essere visto e valutato in una prospettiva globale.
  24. 24. LA GLOBALIZZAZIONE IN CIFREAlcuni dettagli riguardanti i dati della globalizzazione risalenti al 2008:Il 20% della popolazione mondiale gode dell’80% della ricchezza (questa minima parte della popolazione si concentra principalmente in Giappone, Europa ed America settentrionale).Il 57% della popolazione mondiale condivide il 6% del reddito mondiale (circa 2$ gg.).Il numero dei poveri aumenta considerevolmente nell’Asia Meridionale (da 495.000.000 nel 1997 a 552.000.000 nel 1998) e nei paesi sub-Sahariani (in un anno aumentano circa di 48.000.000).Il 20% della popolazione più ricca possiede l’86% del PIL, mentre il 20 % della popolazione più povera possiede l’1% del PIL.Secondo la Banca Mondiale le persone costrette a sopravvivere con meno di un dollaro al giorno sono un miliardo e mezzo e arriveranno a due entro il 2025.Più di cento paesi, con una popolazione complessiva di un miliardo e seicento milioni "un quarto della popolazione mondiale" continuano quindi a vivere nella più totale miseria. Secondo lUNCTAD neipaesi imperialistici si è verificato tra il 1997 e il 1999 un incremento dei consumi di oltre 400 miliardi di dollari, mentre 35 paesi, tra cui le famose "tigri" del Sud-Est asiatico hanno conosciuto unacaduta del reddito pro-capite superiore a quella riscontrata negli USA durante la grande depressione degli anni 30 (cioè tra il 15% ed il 20%).Il 20% della popolazione mondiale, quella che gode di redditi più elevati fa suo l86% dei consumi privati, mentre il 20% più povero consuma solo il 1,3% del prodotto mondiale. Solo considerandolAfrica, una famiglia media consuma oggi il 20% in meno di quanto consumasse 25 anni fa. Ben 89 paesi si trovano oggi in condizioni economiche peggiori di quelle di dieci anni fa.Più di 600 milioni di persone non hanno una casa o vivono in ambienti domestici malsani e insicuri. La World Bank stima che nel 2010 più di 1,4 miliardi di persone vivranno in sistemazioni non dotatedi acqua potabile e servizi igienici;Nel 1998 è disoccupato o sottoccupato più di un terzo dei tre miliardi di lavoratori del mondo;Il 65% della popolazione mondiale non ha mai fatto una telefonata. Il 40% non ha accesso allenergia elettrica. Ci sono più linee telefoniche nella sola Manhattan che in tutta lAfrica Sub-sahariana.Secondo lONU i primi 258 miliardari del mondo hanno un patrimonio complessivo superiore al reddito totale della metà più povera degli abitanti della terra;I nord-americani spendono per i cosmetici (8 miliardi di dollari allanno) e gli europei per i gelati (11 miliardi) più di quanto basterebbe per offrire unistruzione elementare, acqua potabile e serviziigienici ai due miliardi di individui che, nel mondo, ancora oggi, non possono permettersi né istruzione né minime strutture sanitarie.15 milioni di persone muoiono ogni anno di malattie CURABILI (tubercolosi, malaria, ecc) solo perché il prezzo dei farmaci, stabilito dalle multinazionali farmaceutiche, è troppo elevato.http://www.racine.ra.it/curba/_static/materialeStud/globalizzazione/in_cifre.htmSe nel mondo fossimo cento personePer comprendere bene la logica dei popoli svantaggiati riflettiamo sui dati statistici di questo esempio semplice e illuminante. Se noi potessimo ridurre la popolazione del mondo intero in un villaggio di100 persone mantenendo le proporzioni di tutti i popoli esistenti al mondo, il villaggio sarebbe composto in questo modo:Ci sarebbero: 57 Asiatici, 21 Europei, 14 Americani (Nord Centro e Sud America), 8 Africani, 52 sarebbero donne, 48 uomini, 70 sarebbero non bianchi, 30 sarebbero bianchi, 70 sarebbero non cristiani,30 sarebbero cristiani, 89 sarebbero eterosessuali, 11 sarebbero omosessuali,6 persone possiederebbero il 59% della ricchezza del mondo intero e tutti e 6 sarebbero statunitensi, 80 vivrebbero in casesenza abitabilità 70 sarebbero analfabeti 50 soffrirebbero di malnutrizione. 1 starebbe per morire, 1 starebbe per nascere, 1 possiederebbe un computer, 1 (si, solo 1!) avrebbe la laurea. Se si considerail mondo da questa prospettiva, il bisogno di accettazione, comprensione e educazione diventa evidente. Prendete in considerazione anche questo. Se vi siete svegliati questa mattina con più saluteche malattia siete più fortunati del milione di persone che non vedranno la prossima settimana. Se non avete mai provato il pericolo di una battaglia, la solitudine dellimprigionamento, lagonia dellatortura, i morsi della fame, state meglio di 500 milioni di abitanti di questo mondo. Se avete cibo nel frigorifero, vestiti addosso, un tetto sopra la testa e un posto per dormire siete più ricchi del 75%degli abitanti del mondo. Se avete soldi in banca, nel vostro portafoglio e degli spiccioli da qualche parte in una ciotola siete fra l8% delle persone più benestanti al mondo. Se i vostri genitori sonoancora vivi e ancora sposati siete delle persone veramente rare, anche negli Stati Uniti e nel Canada. Se potete leggere questo messaggio, avete appena ricevuto una doppia benedizione perchéqualcuno ha pensato a voi e perché non siete fra i due miliardi di persone che non sanno leggere. Qualcuno una volta ha detto: lavora come se non avessi bisogno dei soldi. Ama come se nessuno tiabbia mai fatto soffrire. Balla come se nessuno ti stesse guardando. Canta come se nessuno ti stesse sentendo. Vivi come se il Paradiso fosse sulla Terra.http://www.globalvillage-it.com/articoli/100persone.htmMisure della globalizzazioneLa globalizzazione economica può essere misurata in vari modi, guardando ai quattro fondamentali flussi che la caratterizzano: flussi di beni e servizi, i.e. (id est) import ed export in rapporto al PIL pro-capite o totale; flussi di lavoro e persone, i.e. tassi migratori netti, verso l’interno o l’esterno, pesati con la popolazione; flussi di capitale, i.e. investimenti diretti verso l’interno o l’esterno in proporzione al PIL pro-capite o totale flussi di tecnologia, i.e. flussi internazionali di ricerca e sviluppo, in proporzione alla popolazione .Fino a che punto un paese è globalizzato in un particolare momento è stato fino ad oggi misurato utilizzando semplici approssimazioni quali i flussi commerciali, i flussi migratori, gli investimenti direttiesteri. Dal momento che la globalizzazione non è soltanto fenomeno economico, è stato anche proposto un approccio multivariato alla misurazione della globalizzazione (si veda ad es. l’Indice diGlobalizzazione calcolato dalla KOF, un centro di ricerca svizzero). L’indice misura le tre principali dimensioni della globalizzazione: economica, sociale e politica, ed è disponibile per 122 paesi (si vedail sito KOF). Secondo quest’indice, il paese più globalizzato del mondo è il Belgio, seguito da Austria, Svezia, UK e Olanda. Anche A.T. Kearney e la rivista Foreign Policy pubblicano un altro Indice diGlobalizzazione. http://www2.dse.unibo.it/ardeni/ES/Globalizzazione.htm
  25. 25. CAPITALISM: A LOVE STORYScheda:Regista: Michael MooreSceneggiatore: Michael Moore (scritto da)Data di uscita: 2 ottobre 2009 (Canada)Durata: 127 min | Canada:105 min (Toronto International Film Festival)Nazionalità: USAProduzione: Dog Eat Dog Films, Overture Films, Paramount ,VantageDistribuzione: MikadoFormato: ColoreTrama:Nel ventesimo anniversario del suo rivoluzionario capolavoro Roger & Me, Capitalism: A LoveStory riporta Michael Moore ad affrontare il problema che è al centro di tutta la sua opera:limpatto disastroso che il dominio delle corporation ha sulla vita quotidiana degli americani (e,quindi, anche del resto del mondo). Ma questa volta il colpevole è molto più grande dellaGeneral Motors e la scena del crimine ben più ampia di Flint, Michigan. Dalla Middle Americafino ad arrivare ai corridoi del potere a Washington e allepicentro finanziario globale diManhattan, Michael Moore porterà ancora una volta gli spettatori su una strada inesplorata. Conumorismo e indignazione, Capitalism: A Love Story di Michael Moore esplora una domandatabù: qual è il prezzo che lAmerica paga per il suo amore verso il capitalismo? Anni fa,quellamore sembrava assolutamente innocente. Tuttavia, oggi il sogno americano sembrasempre più un incubo, mentre le famiglie ne pagano il prezzo, vedendo andare in fumo i loroposti di lavoro, le case e i risparmi. Moore ci porta nelle abitazioni di persone comuni, le cui vitesono state stravolte, mentre cerca spiegazioni a Washington e altrove. Quello che scopre sonodei sintomi fin troppo familiari di un amore finito male: bugie, maltrattamenti, tradimenti... e14.000 posti di lavoro persi ogni giorno. Capitalism: A Love Story rappresenta una summa delleprecedenti opere di Moore, ma è anche uno sguardo su un futuro nel quale una speranza èpossibile. E il tentativo estremo di Michael Moore di rispondere alla domanda che si è posto intutta la sua carriera di regista: chi siamo e perché ci comportiamo in questo modo?
  26. 26. IL PRESIDENTE DELLA BANCA MONDIALE DIFENDE LA LOTTA CONTRO L’AUMENTO DEI PREZZI AGRICOLI, MA SENZA STATALISMORobert Zoellick prona la creazione di scorte alimentari e laccelerazione degli investimenti.Come prevenire laumento dei prezzi agricoli non portare a nuovo focolaio di fame? In occasione della riunione dei ministri delle finanze del G20 sotto presidenza francese, 19 febbraio, aParigi,Robert Zoellick, il presidente della Banca Mondiale, aveva portatola comunità internazionale a fare di questo tema una priorità. Senza scontrarsi testa Nicolas Sarkozy,Regolarmente minacciando speculatori, ha resistito lidea di nuove regole per contenerli.Mentre a Parigi, Lunedì 28 marzo, ha detto al mondo che le soluzioni sono plurali: "Lavoriamo con la Francia per sviluppare un codice di condotta per i divieti di esportazione in alcunipaesi produttori dove i prezzi non si applicano agli acquirenti di umanità come la banca. "Bruno Lemaire, ministro francese dellAgricoltura, che ha incontrato durante la sua visita a Parigi, Mr. Zoellick ha citato la possibilità di raccogliere una migliore informazione sulle scorte", perché lincertezza nata di informazioni inadeguato può innescare una forte volatilità dei prezzi ", ha detto.Ha detto che alcuni interventi di politica può essere utile."Certo, le scorte sono costosi, dice. Ma in alcune aree come il Corno dAfrica o sono alte probabilità di disastro,sarebbe intelligente per smaltire le scorte gestite dal Programma Alimentare Mondiale. "La soluzione sta in aumento della produttività agricola. La Banca Mondiale ha sostenuto un gruppo di ricerca dedicato allo sviluppo di semi che possono resistere ai cambiamenticlimatici. ha inoltre collaborato con altre organizzazioni ha lelaborazione di un codice di condotta per gli investimenti responsabili, perché è meglio che fare lArabia Saudita coltivazionedel grano in Africa o in Asia, piuttosto che il suo suolo arido presenta rafforzamento grande sovvenzioni.A condizione che avvantaggia le popolazioni locali e non dannosi per lambiente. Secondo M.Zoellick aumenti dei prezzi delle materie prime agricole negli ultimi anni sono stati causatida eventi meteorologici estremi."E , ha aggiunto una modificazione della dieta nei paesi emergenti che mangiano di più e meglio, che è buono, si rallegra, ma che può suggerire la ricostituzione degli stock piùlentamente e la volatilità dei prezzi persistono. "Il sahariana è lAfrica sembra avere un grande potenziale agricolo, a condizione che investono in tutta la catena: "il diritto di priorità, i semi, lirrigazione, lo stoccaggio di fertilizzanti e,naturalmente, perché la metà delle colture si perde prima di raggiungere il mercato ".M.Zoellick crede nelle virtù dellintervento pubblico, che non significa più regolamenti "Quando si cerca di controllare i prezzi, gli agricoltori smettono di far crescere il cibo coinvolto",avverte. Una priorità"Assicurare che le popolazioni vulnerabili abbiano accesso ad unalimentazione adeguata.INCORAGGIARE LA TRASPARENZAIl Presidente della Banca ha sfidato lintervento dello Stato."Ricordiamo che gli eventi del mondo arabo sono state causate da un tunisino povero giardiniere perseguitati dalla polizia. Igoverni devono rimuovere le barriere che influenzano negativamente le strutture di piccole dimensioni."Ecco perché la banca promuove la trasparenza che consente ai cittadini di comprendere lazione del proprio governo economico e controllare che i soldi del petrolio non rientra nelletasche dei singoli.In questo spirito, aiuta lEgitto a scrivere una legge che garantisce la libertà di informazione.Allo stesso modo Robert Zoellick ritiene che non si deve trattare una disoccupazione causata dal modo in cui la vera "bolla" dei giovani in Medio Oriente e del Nord Africa. Certo,dobbiamo creare 40 posti di lavoro milione nei prossimi dieci anni per evitare un peggioramento della disoccupazione. Ma dobbiamo evitare due scogli.Il primo sarebbe quello di sovvenzionare tutto, è quello di evitare rivolte per il cibo. "Questo spinge verso lalto i salari e sussidi, ha detto, come in Egitto e l85% della popolazione èaiutato in un modo o nellaltro.Laltro pericolo è quello di provare, a breve termine, creando posti di lavoro ha qualche primario, in particolare nel settore pubblico ", che potrebbe portare a livelli nocivi di remunerazioneper la creazione di posti di lavoro nel settore privato di lungo periodo.M. Zoellick vuole dimostrare un altro fenomeno: l’accrescimento della durata della vita, una vera sfida per i paesi che rischiano di invecchiare prima di diventare ricchi.Il forum mondiale per la longevità, organizzato dal Lunedì Axa a Parigi, ha chiamato i paesi in via di sviluppo preoccuparsi per la loro demografia, ha di gestire e regolare i loroinvecchiamento della popolazione, da ora, le loro politiche di risparmio, salute e pensione.
  27. 27. LE FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALEOgni stato è sovrano ed indipendente, ma allo stesso tempo non opera in modo isolato perché entra in contatto anche con gli altri stati. Irapporti che sorgono tra i vari stati sono regolati dal diritto internazionale. Esso regola attraverso norme giuridiche previste dal dirittointernazionale e sono:• le consuetudini• i trattatiLE CONSUETUDINILe consuetudini internazionali corrispondono a comportamenti ripetuti e costanti da parte degli stati nel regolare i loro rapporti con laconvinzione che tali comportamenti siano obbligatori e vincolati.Esempio:Immunità diplomatica:1) ambasciatori2) consoliSoccorso dei naufraghi:Intervento degli stati contro la pirateriaI TRATTATII trattati internazionali sono degli accordi scritti tra due o più stati che vincolano solo gli stati che hanno stipulato il trattato. Ogni trattatoviene rispettato dal singolo stato aderente, in quanto vige il principio internazionale “pacta sunt servanda”.
  28. 28. I diritti umani, la democrazia e la pace nellera della globalizzazione (2011) - Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/about/index.html )I diritti umani: una ideologia occidentale in declinoLa tesi principale che intendo sostenere è la seguente: il processo storico che noi occidentali chiamiamo "globalizzazione" non favorisce il successo e la diffusione dei diritti umani fondamentali, a cominciare dal diritto alla vita. Per"globalizzazione" intendo la crescente espansione delle relazioni sociali fra gli esseri umani, dovuta anzitutto allo sviluppo tecnologico, alla rapidità dei trasporti e alla rivoluzione informatica (1). In secondo luogo intendo sostenere che stadiventando problematica anche la conservazione e la difesa delle istituzioni democratiche tuttora esistenti in Occidente. E vorrei infine richiamare lattenzione su un fenomeno ancora più allarmante: la paralisi del diritto internazionale e delleistituzioni internazionali di fronte al problema della guerra nel mondo. Aggiungo che a mio parere il diritto internazionale è sempre più condizionato a livello globale dagli interessi politici ed economico-finanziari delle grandi potenze, a cominciaredagli Stati Uniti dAmerica.Bastano pochi dati per confermare drammaticamente il tramonto dell"età dei diritti" nellera della globalizzazione. LOrganizzazione Internazionale del Lavoro ha calcolato che tre miliardi di persone oggi vivono sotto il livello della povertà, fissato indue dollari di reddito al giorno (7). John Galbraith, nella prefazione allo Human Development Report delle Nazioni Unite del 1998, aveva documentato che il 20% della popolazione mondiale più ricca si accaparrava l86% di tutti i beni e serviziuniversalmente prodotti mentre il 20% più povero ne consumava soltanto l1,3%. Oggi, dopo circa dieci anni, queste cifre sono purtroppo cambiate: il 20% della popolazione più ricca consuma il 90% dei beni prodotti, mentre il 20% più povero neconsuma l1% (8). E si è inoltre calcolato che il 40% della ricchezza del pianeta è posseduta dall1% della popolazione mondiale (9), mentre le 20 persone più ricche del mondo dispongono di risorse pari a quelle del miliardo di persone più povere(10). I dati forniti dalle Nazioni Unite mostrano inoltre che un miliardo di persone sopravvive in condizioni di "povertà assoluta" nei paesi economicamente più arretrati: circa una metà si trova in Asia meridionale, un terzo nellAfrica sub-sahariana e unaquota di rilievo anche in America Latina (11). Nellampia fascia di questi paesi un miliardo e 700.000 persone sono prive di accesso allacqua potabile e si prevede che questa cifra raddoppierà entro il 2020. Ogni anno muoiono oltre 2 milioni dibambini per mancanza dacqua o a causa dellacqua insalubre che è responsabile dell80% delle malattie epidemiche. La mancanza di acqua è inoltre la causa di una drastica diminuzione della produzione alimentare e di un aumento delle malattielegate alla denutrizione. Tra le conseguenze della fame e della sete ci sono anche i 25.000 bambini che muoiono ogni giorno per malattie che sarebbero innocue per bambini ben nutriti (12). Tutto ciò accade anche perché le grandi potenze praticano complesse strategie nelle quali si sovrappongono la competizione mercantilistica fra gli Stati, il regionalismo economico e il protezionismo settoriale. Un esempio agghiacciante è statorecentemente fornito da Luciano Gallino: le aree agricole regionali sono state cancellate dalla faccia della terra - dallIndia allAmerica Latina, dallAfrica allIndonesia e alle Filippine - e sono state sostituite da immense monoculture. I contadini e leloro famiglie, espulsi dai loro campi, si rifugiano negli sterminati slums urbani del pianeta. Molto spesso si uccidono perché non riescono a pagare i debiti che hanno fatto nel tentativo di acquistare le sementi e i fertilizzanti ai prezzi imposti dallecorporations europee e statunitensi dellagro-business. In India, tra il 1995 e il 2006, vi sono stati almeno duecentomila suicidi di piccoli coltivatori (13). Fenomeni non diversi sono presenti anche in Cina. 2. Una democrazia senza futuro Se per democrazia intendiamo un regime nel quale la maggioranza dei cittadini è in grado di controllare i meccanismi della decisione politica e di condizionare i processi decisionali, allora è legittimo pensare che oggi la democrazia è in gravecrisi. Come già nel secolo scorso Max Weber (1964-1920) e Joseph Schumpeter (1883-1950) avevano intravisto, le stesse nozioni di "rappresentanza", di "sovranità popolare" e di "interesse collettivo" sono ormai dogmi illuministici senza alcunrilievo politico e lontanissimi dalla cultura popolare (14). È inoltre molto incerto che cosa si debba intendere oggi per "partiti politici". Come Leslie Sklair ha sostenuto e Luciano Gallino ha documentato, le democrazie operano ormai come dei regimi dominati dalla cosiddetta "nuova classe capitalisticatransnazionale". Essa controlla i processi di globalizzazione dallalto delle torri di cristallo di metropoli come New York, Washington, Londra, Francoforte, Nuova Delhi, Shanghai (15). In questo contesto il sistema dei partiti politici è in notevoledifficoltà. I partiti non sono più dei veicoli della rappresentanza politica, sostenuti dai propri militanti ed elettori. Ormai al centro della vita democratica si erge trionfante lo schermo televisivo, attraverso il quale i leader politici si rivolgono ai cittadinimettendo in mostra, secondo precise strategie di marketing televisivo, i "prodotti" che intendono vendere. Attraverso circuiti occulti i partiti distribuiscono ai propri collaboratori risorse finanziarie, vantaggi e privilegi economici e politici (16).La mia opinione è che i processi di globalizzazione rendono sempre più improbabile la conservazione dei delicati meccanismi della democrazia. Essi vengono sostituiti da forme di esercizio del potere che sono concentrate nelle mani di pochiesperti senza scrupoli. Il potere esecutivo - il parlamento è ormai privo di funzioni autonome - si sostituisce a quella che un tempo era la volontà del "popolo sovrano". Di conseguenza è assente la partecipazione attiva dei cittadini e decade il lorosenso di appartenenza ad una comunità civile e democratica. Oltre a ciò, il processo di globalizzazione ha posto in crisi le strutture del Welfare state e ha favorito la nascita di regimi che, pur sventolando ancora la bandiera della democrazia, sono in realtà oligarchie elitarie, tecnocratiche e repressive. Sonoregimi orientati alla pura efficienza economico-finanziaria, al benessere della classe dominante e alla discriminazione dei cittadini non abbienti, in particolare dei migranti, trattati non di rado come "barbari invasori". In questo quadro, il processo di globalizzazione aggrava ulteriormente gli squilibri sociali non risolti dal Welfare state. La competizione globale impone la concorrenza soprattutto nei settori produttivi più deboli, a cominciare dalla forza-lavoro. Illavoro dipendente è ormai scarso, precario, segmentato, poco retribuito, anche a causa della concorrenza di paesi caratterizzati da un eccesso di forza-lavoro e da una scarsa protezione dei lavoratori (19). Ai processi di globalizzazione corrisponde nella maggioranza dei paesi occidentali una profonda trasformazione delle politiche penali e repressive: una trasformazione per la quale Loïc Wacquant (1960) ha coniato lespressione: "dallo Statosociale allo Stato penale" (20). Gli Stati occidentali accordano unimportanza crescente alla difesa poliziesca delle persone e dei loro beni. E lamministrazione penitenziaria tende a occupare spazi sempre più ampi. Si ritiene infatti che il carceresia lo strumento più efficace per far fronte agli sconvolgimenti causati- dallo smantellamento dello Stato sociale e dllinsicurezza sociale che investe sempre più i soggetti deboli ed emarginati.3. Un pacifismo al tramontoPer quanto riguarda la pace, la mia opinione è che essa non è mai stata così apertamente violata dalle istituzioni internazionali e senza alcun rispetto del diritto internazionale, scritto e consuetudinario. Nel contesto del processo di globalizzazionela guerra di aggressione è stata sempre più legalizzata e "normalizzata" come una "guerra giusta". Le grandi potenze occidentali hanno dichiarato di usare la guerra come uno strumento essenziale per diffondere i diritti umani e la democrazia intutto il mondo.Il patibolo globale offre uno spettacolo quotidiano così scontato e ripetitivo da essere ormai stucchevole per le grandi masse televisive.Si può pertanto sostenere che oggi il terrorismo è un nuovo tipo di guerra, è il cuore della "guerra globale" che è stata scatenata dal mondo occidentale. E il terrorismo è una delle ragioni del diffondersi nel mondo occidentale dellinsicurezza edella paura. Nel solco della globalizzazione il tramonto dei diritti umani e della democrazia coincide con il tramonto della solidarietà e dellapertura al dialogo con i "diversi". È un tramonto globale che oscura il nobile sogno di Norberto Bobbio: ilsogno di un mondo unificato, pacificato e governato da una sola autorità sovranazionale (24).Lerosione dei diritti umani, della democrazia e della pace è dunque lesito di un processo globale voluto dalle potenze occidentali oltre che garantito dalle istituzioni economico-finanziarie che stanno compromettendo le basi stesse dellasussistenza delluomo. 4. Conclusione Concludo chiedendo a me stesso e a chi mi legge se è possibile intravedere qualche soluzione per le tragedie che insanguinano il mondo. Non posso non pensare alle migliaia di bambini che ogni giorno muoiono perché denutriti, alle centinaia dimigliaia di piccoli coltivatori suicidi, alla discriminazione spietata fra ricchi e poveri, fra potenti e deboli, fra noi e gli "altri". Penso alla rovina delle istituzioni democratiche e alla depressione della nuove generazioni prive di solidarietà comunitaria edi futuro. E penso alla Libia devastata dai feroci bombardamenti della NATO e alla guerra decennale tuttora in corso in Afghanistan. Devo confessare, per quello che vale la mia confessione, che non sono in attesa di un mondo migliore. I diritti umani, la democrazia e la pace stanno tramontando tra le fitte nubi della globalizzazione e delle guerre terroristiche che trascina consé. Io non sono un ottimista, come non lo era Norberto Bobbio (1909-2004). Il mio pessimismo non mi consente di intravedere un filo di luce allorizzonte. E tuttavia non dimentico la massima alla quale Bobbio si era comunque ispirato: Qualche volta è accaduto che un granello di sabbia sollevato dal vento abbia fermato il motore di una macchina. Anche se ci fosse un miliardesimo di miliardesimo di probabilità che il granello sollevato dal vento vada a finire negli ingranaggi delmotore e ne arresti il movimento, la macchina che stiamo costruendo è troppo mostruosa perché non valga la pena di sfidare il destino" (25). E dunque anchio non nego che valga la pena di lottare in extremis e di sfidare il destino.
  29. 29. Il tramonto della democrazia nellera della globalizzazione (2010) - Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/about/index.html )Il declino dei modelli classici e post-classici della democraziaNegli Stati Uniti dAmerica, in particolare, i leader politici usano il termine democracy per esaltare il proprio regime e per discriminare sul piano internazionale quelli che essi chiamano "Stati canaglia" (rogue states).Oltre a tutto ciò, oggi si deve riconoscere che anche la "dottrina pluralistica" della democrazia, affermatasi in Occidente dopo la seconda guerra mondiale, è ormai in declino. Nelle società moderne - aveva sostenuto Joseph Schumpeter (1) - la democrazia si fonda su tre principi: il pluralismo delleélites in concorrenza fra loro per la conquista del potere politico; il carattere alternativo dei loro programmi; una libera e pacifica competizione elettorale per la scelta da parte del popolo dellelite che deve governare. Autori come Robert Dahl, John Plamenatz, Raymond Aron, Giovanni Sartori (2)hanno sostenuto, nella scia di Weber e di Schumpeter, che la gestione del potere deve essere necessariamente affidata ad una ristretta classe dirigente, composta di politici di mestiere, dotati di competenze specifiche. Al pubblico "incompetente" dei cittadini può essere riservata esclusivamente lafunzione di scegliere lélite alla quale affidare il potere di comando e alla quale ubbidire disciplinatamente.Il potere politico ed economico si è concentrato nelle mani di poche superpotenze e il diritto internazionale è ormai subordinato alla loro volontà assoluta. La sovranità politica degli Stati nazionali si è molto indebolita, mentre la funzione dei Parlamenti è stata limitata dal potere delle burocraziepubbliche e private, inclusa la burocrazia giudiziaria e le corti costituzionali. Nello stesso tempo il potere esecutivo ha assunto una funzione egemonica, alterando la divisione dei poteri che era stata la caratteristica del Rechtsstaat eurocontinentale e del rule of law anglo-americano.Oggi non è chiaro neppure che cosa siano i "partiti politici". Come hanno sostenuto Leslie Sklair e Luciano Gallino, le democrazie sono dominate dallegemonia di alcune élites economico-politiche al servizio di intoccabili interessi privati (3). È la cosiddetta "nuova classe capitalistica transnazionale"che domina i processi di globalizzazione dallalto nel senso che i partiti operano circolarmente come fonte della propria legittimazione e riproduzione.I partiti non sono in nessun senso dei canali della rappresentanza politica, volontariamente sostenuti dai propri militanti ed elettori. Usando sistematicamente lo strumento dalla Televisione, i leader politici si rivolgono direttamente ai cittadini-consumatori mettendo in mostra i propri "prodottipropagandistici" secondo abili strategie di marketing televisivo. La loro funzione è in sostanza quella di investire il loro potere e il loro denaro entro circuiti finanziari informali e spesso occulti vantaggi e privilegi.Come hanno sostenuto Alan Wolfe (6) e Norberto Bobbio (7), nelle democrazie contemporanee convivono le strutture di un "doppio Stato". È un doppio Stato nel senso che accanto ad uno Stato visibile esiste nelle democrazie occidentali uno "Stato invisibile", una sorta di sottofondo insondabile delleformalità democratiche. Bobbio indica un particolare ambito di invisibilità del potere: è il duplice intreccio fra la politica nazionale e leconomia mondiale.Ciò che rimane è la libertà di voto "negativa", nel senso che lelettore è libero di partecipare o di non partecipare alle elezioni e di esprimere una preferenza elettorale. Ma non sono gli elettori a decidere quali questioni politiche devono essere sottoposte al loro giudizio: qualcuno prima di loro e al loroposto stabilisce che cosa sottoporre alla loro decisione e che cosa invece riservare ad accordi segreti, eliminando ogni rischio di destabilizzazione istituzionale. Siamo dunque in presenza di un regime che a mio parere si può chiamare "tele-oligarchia post-democratica": una post-democrazia nellaquale la grande maggioranza dei cittadini non "sceglie" e non "elegge", ma ignora, tace e obbedisce (9).Lopinione pubblica allinterno di uno Stato non dispone di fonti di informazione indipendenti dal sistema telecratico nazionale e internazionale. Le Televisioni locali sono collegate alla grande struttura internazionale dellindustria multimediale. La comunicazione pubblicitaria diffonde in tutto il mondomessaggi simbolici fortemente suggestivi che esaltano la ricchezza, il consumo, lo spettacolo, la competizione, il successo, la seduzione del corpo femminile.Grazie alla Televisione lespansione della produzione industriale e del consumo non solo ispira le strategie delle élites politiche al potere, ma domina anche limmaginazione collettiva.Bobbio ha sostenuto che lo strapotere del mezzo televisivo ha causato uninversione del rapporto fra i cittadini controllori e i cittadini controllati: sono le ristrette minoranze dei funzionari di partito e degli eletti a controllare le masse degli elettori e non viceversa (11). E unulteriore causa allasubordinazione politica dei cittadini sono gli opinion polls. Sotto lapparenza del rigore scientifico i "sondaggi" vengono usati non per analizzare ma per manipolare la cosiddetta "opinione pubblica". Le agenzie demoscopiche, al servizio delle élites più influenti, registrano le risposte del pubblico ai loroquestionari e grazie alla televisione influenzano lopinione pubblica attraverso la divulgazione selettiva dei risultati dei sondaggi.Lesperienza italiana è esemplare. Il potere che da quasi un ventennio domina lopinione pubblica italiana è essenzialmente quello televisivo, sotto il monopolio di un leader - Silvio Berlusconi - che deve il suo successo alla sua straordinaria ricchezza, alla proprietà di larga parte delle emittentitelevisive private e al controllo politico della televisione pubblica.Nella democrazia moderna la volontà del potere esecutivo - il Parlamento è ormai sostanzialmente privo di funzioni autonome - si sostituisce di fatto alla presunta volontà del "popolo sovrano", mentre la sovranità popolare non è più che una "maschera totemica" (12). Le élites economico-politichesono fortemente condizionate da interessi di parte, dalle strategie internazionali e dagli obiettivi globali delle grandi potenze.Nelle analisi di Bobbio la democrazia era intesa come un complesso di regole procedurali il cui rispetto garantiva un contenuto politico minimo: la tutela giuridica delle libertà civili, la pluralità dei partiti e la periodicità delle elezioni (13). Bobbio non solo aveva rinunciato ad una difesa più ampia delleistituzioni democratiche, ma aveva redatto un severo catalogo delle "promesse non mantenute" della democrazia moderna.Il cosiddetto consenso democratico era ormai una finzione istituzionale, un formula rituale di giustificazione ideologica della politica, non certo la ricerca di un consenso effettivo, fondato sulle reali convinzioni dei cittadini (15).La mia opinione è che le analisi di Kelsen, di Bobbio e di Luhmann, nonostante il loro realismo e la loro acutezza, siano oggi teoricamente insufficienti di fronte alla sfida globale lanciata negli ultimi decenni dalla rivoluzione tele-informatica, dai processi di globalizzazione economico-finnanziaria e dallaconcentrazione del potere politico internazionale nelle mani di alcune superpotenze occidentali. E non si può trascurare il fatto che la guerra contro il global terrorism, in nome della quale viene usata la violenza e repressa la libertà, è essa stessa una guerra che diffonde il terrore facendo strage dipersone innocenti con mezzi di distruzione di massa (16).Levoluzione si è interrotta definitivamente nel corso degli ultimi decenni. La globalizzazione ha posto bruscamente in crisi il Welfare state e ha favorito il costituirsi di regimi che, pur sventolando ancora la bandiera della "democrazia", sono in realtà oligarchie elitarie, tecnocratiche e repressive. Sonoregimi orientati alla pura efficienza economico-politica, al benessere delle classi dominanti e alla discriminazione dei cittadini non abbienti e, in modo tutto particolare, dei migranti extracomunitari, trattati e sfruttati non di rado come servi o come schiavi.2. Il crepuscolo dello Stato sociale e le due nozioni di "sicurezza"In aggiunta a tutto quanto ho sinora sostenuto, non si può non riconoscere che anche il modello democratico dello Stato sociale o Welfare State è oggi in crisi nei principali paesi occidentali. Il livello più alto raggiunto in Occidente da un sistema politico nel tentativo di regolare democraticamente irapporti economico-sociali e di ridurre linsicurezza è stato senza dubbio il Welfare state (17). Le libertà fondamentali, lhabeas corpus, la proprietà privata, lautonomia negoziale, il suffragio universale e in genere i diritti politici erano già stati formalmente garantiti dallo Stato di dirittoliberaldemocratico. Ma lo Stato sociale, a partire dagli anni trenta del Novecento, aveva tentato di andare oltre lo Stato di diritto liberaldemocratico tutelando i cosiddetti "diritti sociali": il diritto al lavoro, il diritto allistruzione e il diritto alla salute, oltre a una serie di prestazioni pubbliche di carattereassicurativo, assistenziale e previdenziale. Si può dire che lo Stato sociale si è fatto carico dei rischi - e quindi dellinsicurezza e della paura - strettamente legati alleconomia di mercato, fondata su una logica contrattuale e concorrenziale che suppone la diseguaglianza economico-sociale degliindividui e la riproduce senza limiti.Oggi è largamente condivisa lidea che lo Stato sociale attraversi una grave crisi a causa dei processi di trasformazione economica e politica che vanno sotto il nome di globalizzazione. Autori come Ulrick Beck, Loïc Wacquant, Luciano Gallino, Joseph Stiglitz, Robert Castel (18) hanno riconosciutoche la globalizzazione ha segnato il trionfo delleconomia di mercato moltiplicando in pochi decenni la quantità globale dei beni prodotti e quindi la ricchezza complessiva. Oggi le 20 persone più ricche del mondo dispongono di una ricchezza complessiva pari a quella del miliardo più povero (19).Per quanto riguarda la crisi del Welfare state, lonere di unampia serie di rischi sociali è stato posto sempre più a carico dei singoli cittadini, anziché della comunità, secondo un approccio orientato a privatizzare la responsabilità del rischio e dellincertezza.La competizione globale impone criteri di concorrenza soprattutto nellarea dei fattori produttivi più deboli, a cominciare dalla forza-lavoro. In presenza di una accresciuta concorrenza, le imprese tendono a liberarsi della quasi totalità dei tradizionali lavoratori dipendenti a favore di prestazioni lavorative"flessibili.La crescente "flessibilità" del lavoro sta portando a un indebolimento dellintero apparato delle tutele democratiche garantite sinora ai lavoratori e alle loro famiglie.Le nuove parole dordine sono ovunque: privatizzazione, subordinazione di tutti i lavoratori, pubblici e privati, alle regole del rapporto di lavoro subordinato, contrazione di ogni erogazione pubblica che non sia motivata da unassoluta emergenza, abbandono delle politiche di pieno impiego e comunquedi sostegno del diritto al lavoro, attenuazione delle difese sociali predisposte a favore degli anziani e dei disabili.3. Dallo Stato democratico alla società penitenziariaIl termine "sicurezza" è sempre meno associato ai legami di appartenenza sociale, alla solidarietà, alla prevenzione, allassistenza, in una parola alla sicurezza intesa come garanzia democratica per tutti di trascorrere la vita al riparo dallindigenza, dalle malattie, dallo spettro di una vecchiaiainvalidante e miserabile, da una morte precoce.Zygmunt Bauman, nel suo Liquid Fear, ha sostenuto che in tempi di globalizzazione la sicurezza allinterno degli Stati è sempre più concepita come "incolumità individuale" sulla base dellassunzione che ci troviamo di fronte ad un costante aumento della criminalità (22). Ai processi di globalizzazionecorrisponde nella maggioranza dei paesi occidentali una profonda trasformazione delle politiche penali e repressive: una trasformazione per la quale Loïc Wacquant ha coniato lespressione "dallo Stato sociale allo Stato penale" (24).Un caso esemplare è rappresentato dalle politiche penali e penitenziarie praticate negli Stati Uniti nellultimo trentennio. La superpotenza americana occupa il primo posto sia nella lotta contro la criminalità, sia nellincarcerazione di un numero crescente di detenuti (solo la Federazione russa si avvicinaalle quote statunitensi). A questo primato si aggiunge, come è noto, lostinata applicazione della pena di morte. Dal 1980 ad oggi negli Stati Uniti la popolazione penitenziaria si è più che triplicata, raggiungendo nel 2007 la cifra di oltre 2.300.000 detenuti. Il tasso di detenzione è il più alto del mondo:753 cittadini incarcerati ogni 100.000 (26), sette volte più che in Italia.4. Sicurezza, libertà, autonomia cognitivaDirò semplicemente che a mio parere il primo compito di un movimento progressista che sia in sintonia con i problemi posti dai processi di globalizzazione è quello di lasciarsi alle spalle il codice delle certezze marxiste, ma senza abbandonare la visione generale del mondo che il marxismo ci halasciato in eredità. Come ha scritto Norberto Bobbio (30), il marxismo ci ha insegnato a vedere la storia umana dal punto di vista degli oppressi e a mettere da parte il moralismo politico per una scelta realista e conflittualistica.Lidea classica di "eguaglianza sociale" è difficilmente proponibile entro le moderne società postindustriali. Stretti fra il bisogno di identità e una crescente pressione omologatrice, prodotta dai mezzi di comunicazione e dal mercato, gli individui sembrano attratti da una sorta di "bisogno didiseguaglianza", dallaspirazione a realizzare e proclamare la propria differenza. E lo fanno non necessariamente per raggiungere posizioni di privilegio, ma per realizzare in qualche modo la propria libertà di fronte alla muraglia del conformismo. Soprattutto fra i più giovani la paura fondamentale è dinon essere se stessi, di non essere nessuno, di fallire come esseri umani. Ciò di cui le nuove generazioni sentono bisogno non è però semplicemente la libertà "negativa", la libertà di non essere impediti da costrizioni esterne, secondo la formulateorizzata da Isaiah Berlin (32). Si aspira a qualcosa dipiù e di diverso: ciascuno vorrebbe disegnare il profilo della propria vita. Ciascuno vorrebbe che il suo destino fosse il risultato di un suo progetto su se stesso, non di un disegno altrui. Vorrebbe controllare i suoi processi cognitivi, i suoi sentimenti e le sue emozioni: in poche parole, aspira alla sua"autonomia cognitiva".Per autonomia cognitiva, come essenza stessa della libertà individuale, si può intendere la capacità del soggetto di controllare, filtrare e interpretare razionalmente le comunicazioni che riceve. In presenza di una crescente efficacia persuasiva dei mezzi di comunicazione di massa il destino delleistituzioni politiche occidentali sembra dipendere dallesito della battaglia a favore di questo fondamentale "diritto umano", l"autonomia cognitiva", che potrebbe essere anche chiamato habeas mentem.Solo chi dispone di solide radici identitarie riconosce lidentità altrui, rispetta la differenza, cerca il dialogo con gli altri, rifugge da ogni fondamentalismo e dogmatismo, è sicuro che lincontro fra le diverse culture e civiltà del pianeta non è soltanto la condizione della pace ma è anche un patrimonioevolutivo irrinunciabile per la specie umana.
  30. 30. Violenza, democrazia, diritto internazionale (2010) – Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/about/index.html )Quale democrazia?Un regime è democratico se le autorità politiche rispondono alle aspettative dei cittadini rispettandone e promuovendone i diritti fondamentali, e se sono responsabili: se cioè devono rendere conto delle loro decisioni di fronte ad un elettoratocapace di valutazioni sufficientemente autonome e competenti.Oggi si sta diffondendo nel mondo una diffidenza crescente nei confronti delle democrazie occidentali - e della democrazia tout court -, ciò accade molto probabilmente perché la potenza democratica per antonomasia, gli Stati Uniti dAmerica,tende ad assumere funzioni che non rientrano nella logica vestfaliana del pluralismo degli Stati, dellequilibrio di potenza e della ritualizzazione giuridica della guerra. Luso sistematico della forza militare cui ricorrono oggi gli Stati Uniti sembracorrispondere ad un disegno di egemonia globale che a mio parere è corretto interpretare alla luce di un modello neo-imperiale, legibus solutus. Alcuni intellettuali statunitensi - fra questi Robert Kagan e Michael Ignatieff - hanno sostenuto che gli Stati Uniti sono costretti ad una politica estera imperiale per difendere la loro democrazia interna e, in generale, la democrazia. In realtà la lorodemocrazia interna è ormai poco più che una finzione procedurale, assai lontana dagli standard anche di una nozione minima di democrazia. 2. Guerra democratica? Guerra umanitaria?Con buona pace di John Rawls e del suo seguace italiano, Salvatore Veca, gli interventi umanitari dellOccidente hanno violato non solo le regole dello jus ad bellum, ma anche quelle dello jus in bello: nessuna limitazione umanitaria deglistrumenti bellici è stata praticata (e, rebus sic stantibus, è praticabile, considerato lo strapotere degli aggressori). Anzi, è vero il contrario: le guerre umanitarie sono servite, soprattutto agli Stati Uniti, per sperimentare nuove armi, sempre piùsofisticate e devastanti. Basti pensare alluso delle cluster bombs, dei proiettili alluranio impoverito (DU), degli ordigni quasi-nucleari come i fuel-air explosives e come le micidiali bombe taglia-margherite (daisy-cutter), per non dire deibombardamenti, in larga parte intenzionali, degli ospedali, delle carceri, delle stazioni televisive, delle fabbriche e delle ambasciate. Il fatto che in Occidente ci sia qualcuno che definisce queste guerre democratiche e che per di più le giustificacome strumenti umanitari, idonei per esportare i diritti umani e la democrazia - fra costoro cè stato purtroppo in questi anni anche Jürgen Habermas - getta luce su un particolare non trascurabile: chiarisce perché il global terrorism, anzichéessere sconfitto, si diffonde sempre più in tutto il mondo sino a diventare la sola risposta, tragica e impotente, dei popoli oppressi allo strapotere degli Stati Uniti e dei loro più stretti alleati, lItalia compresa. Gli italiani non dovranno stupirsi sesaranno sempre più oggetto, in Iraq e non solo in Iraq, non di gratitudine servile, come il governo italiano pretenderebbe, ma di odio terroristico. 3. Violenza umanitaria e guerra di aggressione Alcuni autori - fra questi Michael Ignatieff - hanno sottolineato che in Europa ci sono state reazioni molto diverse alla guerra per il Kosovo e alla guerra contro lIraq, pur essendosi trattato in entrambi i casi di un uso della forza internazionaleformalmente illegittimo. Personalmente non dispongo di argomenti significativi per spiegare la diversità delle reazioni del grande pubblico - in Europa e in particolare in Italia - di fronte a due eventi in larga parte simili. In Italia ha sicuramenteinfluito, nel caso della guerra per il Kosovo, il fatto che in prima linea, nel volere e nel giustificare la guerra, cera un governo di centro-sinistra, guidato da un ex-comunista bellicista come Massimo DAlema. E forse ha influito anche il sostanzialesilenzio del pontefice romano, che non ha mai nascosto le sue simpatie per la cattolicissima e un tempo clerico-fascista Croazia e le sue antipatie per la Serbia ortodossa ed ex comunista. Come è noto, a guerra umanitaria appena conclusa, ilpontefice non ha esitato a benedirla pubblicamente, in occasione del Giubileo dei militari celebrato a Roma, in San Pietro, nel 2000. Nel caso della guerra contro lIraq la sinistra riformista, trovandosi allopposizione, ha ritenuto di doversi opporrealla guerra, pur con molte esitazioni e tentazioni bipartisan e con argomenti spesso goffi e confusi. E in questo caso il Pontefice romano si è schierato più chiaramente per una soluzione pacifica e i cattolici lo hanno seguito in massa, impugnandole bandiere multicolori della pace. Ma molto probabilmente la ragione principale del diverso atteggiamento sta nelleffetto simbolico dell11 settembre. Soprattutto i giovani - i giovani del nuovo pacifismo, di un pacifismo realista e politico e nonspiritualisticamente evanescente - hanno avvertito il profondo disagio di un mondo sempre più globalizzato e nello stesso tempo dominato dalla competizione, dalla guerra e dal terrorismo: un mondo carico di rischi e quindi fonte di insicurezza, diangoscia e di paura. Un pacifismo che nasce dalla paura di fronte al diffondersi della violenza nel mondo è più serio e concreto di un pacifismo motivato da elevate aspirazioni moralistiche e irenistiche.4. Guerra e diritto internazionaleAutori come Stephen Krasner e Robert Keohane hanno mostrato che vaste aree normative possono emergere da trattati multilaterali e stabilizzarsi nel tempo: si pensi alla protezione dei cittadini allestero, ai rapporti diplomatici e consolari, alsistema dei cambi, alla disciplina delle attività umane nellAntartico, allaccordo postale mondiale e a quello sulle previsioni meteorologiche.Ciò a cui sicuramente mi oppongo è quello che ho chiamato il modello cosmopolitico della Santa Alleanza, e cioè lidea che una pace stabile e universale possa venire da una concentrazione politico-militare planetaria impegnata a soffocare egestire i conflitti sovrapponendo ad essi una forza militare soverchiante. E mi oppongo allidea che la costituzione di un forte Leviatano sovranazionale sia la soluzione di quasi tutti i problemi dellumanità.Ovviamente, perché la negoziazione e la cooperazione politica siano efficaci ci sono complesse precondizioni economiche, tecnologico-informatiche, culturali, religiose, condizioni che rendano possibile un confronto interculturale fra le grandiciviltà del pianeta. Certo, la sfera pubblica internazionale oggi è occupata - e vanificata nelle sue potenzialità equilibratrici e moderatrici - dagli eserciti imperiali anglo-americani. Per questo, ogni tentativo di contrastare il monismo e il monoteismodelloccidente angloamericano deve essere guardato a mio parere con simpatia.Cina, la cui ambizione a porsi come la grande variabile degli equilibri mondiali dei prossimi decenni è sempre più evidente e credibile. Penso alle strategie che in paesi come lArgentina e il Brasile si stanno faticosamente mettendo a punto perresistere alloffensiva panamericana (lAlca) contro lautonomia economica e politica dellarea del Mercosur e dellintero subcontinente latino-americano. E penso ai processi di polarizzazione delleconomia e della politica africana attorno a centriattrattori come la Nigeria e il Sud-Africa. Per questo trovo di grandissimo interesse lidea, lanciata dallattuale governo brasiliano, di una alleanza strategica fra paesi come la Cina, lIndia, il Sud-Africa e il Brasile contro lunilateralismo egemonicoche oggi domina i processi di globalizzazione. Ma resta anche, non lo nego, il tema delicatissimo delle controindicazioni ai processi di integrazione regionale, non solo in Europa: quale funzione devono conservare le autonomie e le differenzenazionali e soprattutto sub-nazionali entro linevitabile spinta verso lomologazione dei valori, degli stili di vita, delle tradizioni normative che ogni processo di integrazione comporta? 5. Violenza terroristica e guerra globale Il diritto internazionale è concepito e praticato dalla maggioranza dei giuristi internazionalisti occidentali come una disciplina che registra gli orientamenti normativi di volta in volta emergenti dalle strategie delle grandi potenze. Sono le grandipotenze che fanno il diritto internazionale e la scienza del diritto internazionale ha il compito di razionalizzare e formalizzare come nuove regole le decisioni via via assunte dalle grandi potenze. Il diritto internazionale perde quasi totalmente la suafunzione normativa per assumere un ruolo meramente adattivo di generalizzazione e legittimazione ex post del fatto compiuto.Nel caso dell11 settembre la scienza del diritto internazionale ha operato, salvo alcune eccezioni - quella di Antonio Cassese, ad esempio - secondo la stessa vocazione adattiva. Ha equiparato lattentato compiuto da una organizzazioneterroristica ad un attacco armato di uno Stato contro un altro Stato, invocando quindi il diritto di difesa (in realtà di aggressione) dello Stato vittima dellattentato nei termini dellart. 51 della Carta delle Nazioni Unite. In questi termini è statalegalizzata la guerra degli Stati Uniti contro lAfghanistan. Questa disinvolta operazione esegetica è stata avallata in Italia dalle massime autorità dello Stato - dai Presidenti delle Camere al Presidente della Repubblica - che hanno di fatto svuotatolart. 11 della Costituzione italiana - "LItalia ripudia la guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali" - come ormai superato dal fenomeno del terrorismo internazionale.In questi ultimi quindici anni, si è sviluppato un processo di transizione dalla guerra moderna alla guerra globale. Questa transizione non riguarda soltanto la morfologia della nuova guerra, e cioè la sua dimensione strategica e la suapotenzialità distruttiva, che hanno assunto entrambe una misura globale. Strettamente connessa, come ho accennato, è una vera e propria eversione del diritto internazionale moderno e una regressione alle retoriche antiche di giustificazione dellaguerra, inclusi importanti elementi della dottrina monoteistica del bellum justum e del suo nocciolo teologico-sacrificale di ascendenza biblica: la guerra santa contro i barbari e gli infedeli. Queste retoriche sono diventate oggi, nel contesto dellaglobalizzazione dei mezzi di comunicazione di massa, uno strumento bellico di eccezionale rilievo.
  31. 31. La crisi dello Stato democratico - intervista di Julia Netesova a Danilo Zolo (2010) (http://www.juragentium.org/about/index.html )Julia Netesova. Gli Stati contemporanei devono affrontare numerose sfide che modificano il loro rapporto con la società: linterferenza dello Stato è in aumento, gli apparati di sicurezza tendono a divenire più influentie importanti e, soprattutto, la gente è sempre più preoccupata per la propria sicurezza. Pensa che questi trend influenzeranno la democrazia? In che modo?Danilo Zolo. Due sono a mio parere i fenomeni più evidenti e più rilevanti. Il primo è il processo di sfaldamento degli istituti della rappresentanza politica che erano alla base del tradizionale modello "democratico",anche nelle sue forme più moderate e realiste à la Schumpeter. I suoi principali assiomi - il pluralismo dei partiti, la competizione fra programmi politici alternativi, la libera scelta elettorale fra élites concorrenziali -sono ormai degli enunciati sfuggenti, puramente formali. Anche il parlamento non svolge più alcuna funzione rappresentativa e legiferante, sostituito dal "governo" che tende a concentrare in sé tutti i poteri dello Statodi diritto (o rule of law) e a praticare una permanente ignorantia legis. Il secondo fenomeno è la pressione crescente che il potere esecutivo esercita sui cittadini. In questo contesto il sistema dei partiti è un ristrettoapparato "autoreferenziale", che opera circolarmente come fonte della propria legittimazione e della promozione degli interessi delle grandi imprese produttive e degli enti finanziari, come le banche daffari, gliinvestitori istituzionali, i fondi pensione, le compagnie di assicurazione. In questa veste il potere "post-democratico" svolge un ruolo di controllo e di repressione dei comportamenti privati. Nei paesi occidentali - USAed Europa occidentale in particolare - il Welfare State sta scomparendo mentre avanzano sempre più il controllo poliziesco pubblico e privato, la segregazione degli strati più poveri della cittadinanza (la Zerotolerance newyorkese), lincontenibile espansione della popolazione carceraria, in particolare in paesi come gli Stati Uniti, lItalia, la Francia, lInghilterra. Stiamo passando, ha scritto Loïc Wacquant, dallo Stato socialeallo Stato penale. Mosca oggi J.N. La globalizzazione porterà alla scomparsa dei modelli alternativi o i movimenti di resistenza alla globalizzazione rilanceranno la ricerca di alternative adattabili ai contesti etno-culturali? D.Z. A mia conoscenza il solo tentativo di dar vita a forme politiche alternative al modello liberaldemocratico nellambito di paesi non occidentali è quello che si è affermato sotto il nome di Asian values nellareadellOceano indiano e del Pacifico. J.N. Stiamo assistendo al mutamento dellinterazione tra le elite e la società. Alcuni esperti dicono che questa interazione è in via di scomparsa, sta diventando meno intensa e meno frequente. È daccordo? Qualistrumenti potrebbero invertire la tendenza? D.Z. Personalmente non vedo alcuna possibilità di recupero nel breve periodo di un rapporto fra cittadini ed "élites democratiche" che operino come veicoli delle aspettative popolari e siano sostenute dai proprimilitanti ed elettori. La globalizzazione ha favorito il costituirsi di regimi che, pur sventolando ancora, opportunisticamente, la bandiera della democrazia, sono in realtà oligarchie elitarie, tecnocratiche e repressive chevivono allombra del mercato globale.J.N. La società civile è nata dal conflitto con lo Stato che tentava di espandere la propria autorità. Oggi gli Stati stanno diventando globali, stanno cedendo il loro potere a una sorta di Stato mondiale. Anche la societàcivile sta diventando globale. Che correlazioni esistono fra questi due processi? In che modo lo Stato mondiale e la società civile globale si influenzeranno reciprocamente nel corso di questa trasformazione? D.Z. La mia opinione è che oggi non esiste e non ci sarà mai uno Stato globale se per "Stato globale" (World state) si intenda una struttura di potere mondiale centralizzato e concentrato in un unico governo, inqualche modo rappresentativo delle aspettative e degli interessi della popolazione mondiale.J.N. Pensa che internet e i social networks diventeranno un nuovo fattore della democrazia contemporanea, che ne modificherà le caratteristiche? Si creerà un nuovo modello di "uomo sociale"? D.Z. Ci sono autori - ed io sono fra questi - che sottolineano la crescente specializzazione delle funzioni politiche entro le società minimamente industrializzate e la scarsità delle risorse di tempo, di attenzione e dicompetenza socialmente disponibili per la partecipazione politica anche sul terreno semplicemente informatico. Ci sono molti dubbi che le tecnologie informatiche possano contribuire ad una diffusione nazionale etanto meno transnazionale dei valori e delle istituzioni democratiche. La possibilità di prendere decisioni politiche pertinenti dipende assai meno dalla disponibilità di tecniche di comunicazione rapida che non dallacapacità degli attori sociali di controllare e selezionare criticamente le proprie fonti cognitive, in un contesto di generale trasparenza sia dei meccanismi di di emissione delle notizie, sia dei processi decisionali. Non vadimenticato che le nuove tecnologie della comunicazione hanno notevolmente accentuato le diseguaglianze su scala mondiale. Il cosiddetto global digital divide taglia in due il mondo "globalizzato". Nei trenta, ricchipaesi dellOCSE, nei quali risiede meno di un quinto della popolazione mondiale, risulta presente il 95% delle utenze stabili di Internet mentre lEuropa sorpassa di 41 volte lAfrica, che pure ha una popolazione piùnumerosa di quasi 100 milioni. Complessivamente meno del 6% della popolazione mondiale è connesso alla rete: circa 4 miliardi di persone oggi ne sono escluse. Mentre gli Stati Uniti e il Canada contano assiemecirca il 60% dei "navigatori", lAfrica e il Medio Oriente raggiungono assieme il 2%. J.N. Che genere di sfide le società multiculturali pongono alla democrazia? Come si trasformano le forme e le procedure democratiche nelle società divise da identità culturali, etniche e religiose differenti? In chemodo la democrazia può armonizzarsi con il pluralismo e il multiculturalismo?D.Z. La lotta per lacquisto delle cittadinanze pregiate dellOccidente è condotta da parte di masse sterminate di soggetti appartenenti ad aree continentali senza sviluppo e con un elevato tasso demografico. Questalotta assume la forma della migrazione di massa di soggetti molto deboli ma che esercitano, grazie alla loro infiltrazione capillare negli interstizi delle cittadinanze occidentali, una forte pressione per leguaglianza. Lareplica da parte delle cittadinanze minacciate da questa pressione "cosmopolitica" - in termini sia di espulsione violenta degli immigrati, sia di negazione della loro qualità di soggetti civili - sta scrivendo e sembradestinata a scrivere nei prossimi decenni le pagine più luttuose e più squallide della storia politica dei paesi occidentali.J.N. Lo scorso settembre la Russia ha ospitato un importante World Global Policy Forum a Yaroslav - uniniziativa del Presidente Medvedev che ha raccolto alcuni dei più importanti politici ed esperti a livellomondiale. Largomento principale in discussione era: "Modern State: Standards of Democracy". Può suggerire un altro tema da discutere a Yaroslav nel 2011? Quali eventi dovrebbero essere trattati nel programmadel convegno? D.Z. Ci sono tre temi che mi stanno particolarmente a cuore e che ho trattato in un mio recente volume: 1. la crisi della dottrina dei diritti umani come ideologia occidentale in declino, a cominciare dalla costante,tragica violazione del diritto alla vita; 2. la trasformazione in corso dei paesi occidentali dalla forma dello Stato democratico a quella di una società repressiva e penitenziaria; 3. il fallimento dellobiettivo di una paceuniversale, compito inutilmente attribuito alle Nazioni Unite dalle potenze vincitrici della seconda guerra mondiale, lUnione Sovietica compresa. Mi permetto di segnalare in particolare il tema dellurgente necessità diuna riforma delle istituzioni internazionali che includa anzitutto le Nazioni Unite, il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale, che fra laltro sono tutte insediate nel continente americano senza alcunaragione. (Russian Journal, November 19, 2010)
  32. 32. Quale democrazia nellAfrica mediterranea? (2011) - Danilo Zolo (http://www.juragentium.org/about/index.html )Una primavera arabaCiò che purtroppo sembra possibile affermare con sicurezza è soltanto che il Mediterraneo orientale è destinato ad essere ancora per molto tempo lepicentro incandescente di una lotta feroce: la tragedia del popolo palestinese e la violenza delloStato di Israele dureranno a lungo, coinvolgendo nel loro conflitto il Mediterraneo intero, e non solo. La pace nel mondo islamico è lontana e penso che sia prudente non essere ottimisti (2).Un povero venditore di frutta e verduraNon è facile tentare di ricostruire le origini, le motivazioni e gli obiettivi della rivolta alla quale hanno dato vita migliaia di giovani in Tunisia e in Egitto. Ciò che si può sostenere con certezza è che in entrambi i casi si è trattato di un eventospontaneo, assolutamente non previsto. A prendere liniziativa e a guidare la rivolta non è stata unorganizzazione politica, ideologica o religiosa. Si è trattato piuttosto di una protesta che è corretto definire "morale": un rifiuto intransigentedellautoritarismo, della corruzione, della speculazione, del nepotismo e, non ultimo, della tortura.È chiaro che sia in Tunisia sia in Egitto la rivolta contro i regimi dominanti è stata una coraggiosa manifestazione giovanile: centinaia di migliaia di giovani di età fra i venti e i trentanni hanno rivendicato con intensa emotività il diritto a viveredignitosamente, come Mohamed Buazizi avrebbe voluto. Hanno chiesto ad alta voce che il loro avvenire non fosse più il nulla che da anni li opprimeva: un nulla non lontano dallinfelicità, dalla disperazione, dal suicidio. Il futuro prometteva lorosoltanto disoccupazione, povertà, solitudine, tristezza, abbandono. Si potrebbe dire che è stata la paura del futuro ad animare una rivolta popolare del tutto spontanea, non armata, nata dal basso. I giovani hanno posto al centro delle lororivendicazioni la possibilità di una vita onesta e dignitosa, non discriminata da una minoranza di ricchi egoisti e prepotenti. Al centro di ogni altro valore - come vedremo - doveva emergere un principio irrinunciabile: la struttura politica alternativa aldispotismo doveva chiamarsi ed essere "democrazia".Lattivismo femminile e i social network Altri due elementi hanno caratterizzato la rivolta giovanile tunisina ed egiziana: lampia partecipazione femminile e lintensa comunicazione via Internet. In un suo saggio molto documentato Renata Pepicelli ha mostrato il notevole contributo chesia in Tunisia che in Egitto migliaia di giovani donne hanno dato alla battaglia contro il dispotismo politico, mettendo spesso a repentaglio la loro vita (7). È noto che per anni il presidente tunisino Ben Ali si era esibito come un convinto tutore deidiritti delle donne contro i movimenti islamisti. Ma mentre si esibiva come difensore della democrazia, del laicismo e delleguaglianza sociale, il suo regime reprimeva spietatamente chi si batteva per la causa delluguaglianza di genere, come era ilcasodella Association tunisienne des femmes démocrates (Atdf) (8).Emblema di questultima, coraggiosa battaglia può essere considerata la giovane Asmaa Mahfouz, in qualche modo lombra egiziana di Mohamed Buazizi. Con il suo coraggioso video-appello, registrato il 18 gennaio con un telefono cellulare e poidiffuso da YouTube, è stata la prima persona a stimolare i suoi connazionali perché si riunissero in piazza Tahrir (12). Indimenticabili sono le sue parole, trasmesse con un atteggiamento audace ed entusiasta ed ascoltate da oltre 180mila personein Egitto e allestero.Questo appello rovescia limmagine di un regime che si fregiava di essere laico e democratico e che invece opprimeva, impoveriva, umiliava in particolare le donne, negando il loro diritto ad essere cittadine. Queste donne sono scese nelle piazzee hanno sfidato la violenta repressione in corso, in alcuni casi muorendo sotto il fuoco della polizia. E si deve a loro se la rivolta si è servita di uno strumento prezioso - il Web - e ha ottenuto un imprevedibile successo come simbolo dellinterarivendicazione democratica maghrebina. I principali social network quali Facebook, Twitter, Flickr, YouTube sono diventati strumenti fondamentali di critica e di protesta (14). La loro idoneità a diffondere civilmente e legalmente le immagini dellarivolta - sia di quella egiziana che di quella tunisina - ne ha fatto unarma pericolosa per i leaders in carica, al punto da costringerli ad oscurare per giorni interi le reti telefoniche e Internet.Quanto alle donne tunisine, esse sono riuscite ad ottenere qualcosa: alle future elezioni dellAssemblea costituente, che si terranno il 23 ottobre, le liste saranno composte di un numero uguale di donne e di uomini, cosicché almeno un quarto deideputati della futura Assemblea costituente saranno donne. Elaborare la nuova costituzione escludendo le donne sarebbe stata una pericolosa violazione delleguaglianza fra i sessi. E tuttavia il rischio che esse vengano escluse è comunque moltoalto e loro lo sanno e non si illudono. La primavera arabo-islamica può diventare rapidamente un grigio autunno.Quale democrazia?. Per "democrazia" si può intendere, una partecipazione responsabile dei cittadini e delle cittadine ai processi decisionali in modo che, con periodicità regolare, essi possano scegliere liberamente fra soluzioni alternative (18). È dunque inevitabilericonoscere che la nozione di "democrazia" - costantemente evocata dai giovani tunisini ed egiziani - non appartiene al lessico musulmano e non presenta alcuna connessione con i valori tramandati dalla tradizione coranica"Democrazia" resta comunque un concetto del tutto estraneo alla cultura islamica: il mondo musulmano non può servirsene se non come espressione di una realtà politica che si è affermata in Occidente, e solo in Occidente, con lo sviluppo della"modernità". E si tratta di una realtà politica anchessa investita dal processo di globalizzazione e che tende quindi a trasformarsi, pur conservando il proprio nome, in un regime subordinato allo strapotere dei padroni delleconomia di mercato, oggidiffusa nel mondo intero (25). E questi padroni sono in larga parte anche i signori del Mediterraneo. A mio parere questo è un tema decisivo per chi intenda in qualche modo essere utile a un movimento giovanile che dopo aver svolto un ruolo diprotagonista nella battaglia antitirannica in Tunisia e in Egitto oggi vorrebbe - e forse dovrebbe - dar vita a un vero e proprio "fronte democratico" (26).Nei paesi musulmani è insopportabile lo spreco di talento, in particolare quando si incontrano giovani uomini e giovani donne delle classi povere: "Ana daya" (la mia vita è sprecata) è il Leitmotiv che viene ripetuto. Questi lamenti dovrebberoessere presi in considerazione se si vuole capire perché i giovani musulmani delle classi più basse, dolorosamente minacciati da un alto tasso di disoccupazione, si mobilitano per vincere il contrasto fra lislam e la democrazia (30).La democrazia nelle mani dei potenti È vero che la "democrazia" è lobiettivo fondamentale delle nuove generazioni tunisine ed egiziane, allora non si può chiudere questa riflessione senza tentare di capire se oggi esiste un rapporto positivo fra i paesi islamici dellAfricasettentrionale e le potenze occidentali che controllano manu militari il Mediterraneo e si considerano per eccellenza "democratiche" e portatrici di democrazia. "Democrazia" avrà sostanzialmente il significato che gli Stati Uniti hanno attribuito a questo termine quando hanno deciso di porre sotto il proprio controllo militare il Mediterraneo, il Medio oriente e lAsia centro-meridonale, moltiplicando le lorocentinaia di basi militari. Hanno iniziato con linvio di 500mila soldati in Medio oriente e la vittoriosa guerra del Golfo del 1991. E hanno proseguito con le guerre dei Balcani degli anni novanta, con laggressione allAfghanistan e allIraq nei primianni del Duemila, e hanno infine concluso, almeno per ora, con la sconfitta di Muammar Gheddafi e loccupazione di fatto della Libia. Per i paesi islamici del Mediterraneo il termine "democrazia" avrà dunque un duplice significato. Per un verso sarà ancora una volta lemblema della "modernità" occidentale e del potere economico, politico e culturale dellOccidente, infinitamentesuperiore a quello dei paesi nord-africani. Come hanno sostenuto Târiq al-Bishrî (31) e Hamadi Redissi (32), il "trauma della modernità" (sadmat alhadâha) continuerà a lungo a "destrutturare" e a lacerare il mondo islamico.Per un altro verso "democrazia" avrà nuovamente, e con particolare intensità, la funzione che le aveva attribuito nei primi anni del Duemila il penultimo presidente degli Stati Uniti, George Bush Junior e che lattuale presidente degli Stati Uniti,Barack Obama, ha ripreso e fatto sua. Si tratta del progetto del Grande Medio Oriente (Broader Middle East (35)) il cui obiettivo dichiarato era usare la forza per "abbattere le dittature ed esportare la democrazia" allinterno mondo islamico, dalMarocco e dalla Mauritania allAfghanistan e al Pakistan, naturalmente passando per il Medio oriente con lovvia solidarietà dello Stato di Israele. E non si può escludere che il celebre discorso di riconciliazione con il mondo musulmano tenuto alCairo da Barack Obama nel giugno del 2009 fosse in realtà una manovra diplomatica per rilanciare e fare accettare ai paesi islamici la strategia "democratica" del Grande Medio Oriente.Tutto questo non esclude che nellAfrica mediterranea nuove generazioni di uomini e di donne coraggiosi riescano in un prossimo futuro a liberare i loro paesi dal dispotismo e dai privilegi dei ricchi e dei potenti, incluse le potenze occidentali. Adattenderli ci sarà lombra di Mohamed Buazizi, un povero venditore di frutta e verdura.
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×