Storia nei Lager
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Storia nei Lager

on

  • 254 views

 

Statistics

Views

Total Views
254
Views on SlideShare
149
Embed Views
105

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 105

http://www.scuolaborsilivorno.gov.it 105

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Storia nei Lager Storia nei Lager Document Transcript

  • Io N° 409782 ! Mi chiamo David Striets e quest'incubo è iniziato nell'Aprile del 1944; ero l'ultimo ancora in vita, ed ero anche l'ultimo a dover raggiungere una meta precisa, l’ultimo perché i miei cari ed amati genitori si erano già spenti nel fuoco dei forni crematori. Quel giorno ci misero o meglio scaraventarono in quel furgone che era diretto in un carcere… carcere a noi sconosciuto com'era sconosciuta la città in cui ci avevano portati. In camerate: fredde, buie e piene di ricordi di coloro che ci hanno trascorso giorni, mesi o addirittura anni; eravamo in sette ed uno per uno venivamo chiamati per interrogatori, botte e visite mediche: se non eravamo in ottima forma ci avrebbero uccisi… lì… al momento senza portarci tanto lontano. Il giorno dopo eravamo già in viaggio per Auschwitz, nel treno c'era terrore, abbiamo trascorso ore e ore stando zitti ma nella nostra mente urlavamo, e la seconda e ultima tappa era raggiunta. Scesi dal treno ci fecero indossare dei pigiama a righe e al posto delle scarpe delle miserabili ciabatte e subito fecero la selezione di chi doveva morire subito e di chi doveva invece morire lentamente. A noi, pochi, che per ironia della sorte eravamo costretti a morire in un lungo e massacrante arco di tempo, ci furono incisi sul braccio un insieme di numeri che avrebbero dovuto accompagnarci per il resto dei nostri giorni, ci dissero che erano i numeri al posto del nome. Un nome inciso con l'inchiostro sul braccio destro. La prima sera che ho trascorso ad Auschwitz ho visto e sentito cose che mi impressionarono: gente che programmava la propria morte perché ormai desiderosa di raggiungere in Paradiso la gente che amava. Ma la cosa più brutta era quel fumo che ogni sera usciva dai camini di quell'edificio che loro chiamavano forno della morte; era evidente che c'era chi si inventava che bruciavano della legna, chi indumenti ma la verità era raccontata da chi diceva che lì dentro bruciavano corpi di persone. A lungo andare diminuivamo sempre di più… e sinceramente l'unico pensiero che avevo nella testa era che prima o poi toccasse anche a me, ma non so perché non succedeva mai. Passati tre giorni di massacro puro ci scaraventarono per l'ennesima volta a terra perché avevano deciso di darci il colpo di grazia e ci dissero <<ora si fa la doccia>> ed ero contento perché sapevo che “doccia” voleva dire morte… ed ero felice di morire perché finalmente avrei raggiunto la mia pace. Io nato con un nome e morto con dei numeri incisi sulla pelle. ! Io N° 407982 ! ! ! ! Erik Vitiello 3°E Scuola “G.Borsi”