La web science

694 views

Published on

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
694
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
29
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La web science

  1. 1. Scienza
del
Web
  2. 2. Wired.it • Oggi
proviamo
a
volare
per
spingerci
dove
nessuno
è
arrivato
mai.
Oggi
candidiamo
internet
al
prossimo
 Nobel
per
la
Pace.Internet
e
Pace,
lo
senPte?
Stanno
così
bene
assieme
che
verrebbe
voglia
di
non
 spiegare
nulla.
È
già
tuQo
lì.
Come
una
parola
sola.
Questa
cosa
o
la
capisci
subito
o
non
la
acceQerai
 mai,
mi
ha
deQo
una
volta
BJ
Fogg,
che
non
è
un
dj,
né
un
folle
arPsta,
ma
un
docente
di
Stanford,
 l’università
dove
questa
storia,
la
storia
di
una
rete
di
computer
che
è
in
realtà
una
rete
di
persone,
è
 iniziata,
esaQamente
quaranta
anni
fa.
BJ
è
importante
per
questa
storia.Nel
2003
a
Stanford
ha
aperto
 un
laboratorio
per
dimostrare
come
internet
porP
dentro
di
sé
una
cultura
di
pace.
AutomaPcamente,
 inesorabilmente.
Accade
in
ogni
istante,
in
rete.
Anche
se
qualcuno
la
usa
male,
anche
se
tanP
ancora
 non
lo
sanno.
Internet
è
nata
così,
aperta,
democraPca,
partecipaPva.
E
lo
è
oggi
ancora
più
di
prima,
 nonostante
i
conPnui
tentaPvi
di
imbrigliarla.Oggi
che
ha
raggiunto
ogni
angolo
del
mondo
è
la
più
 grande
piaQaforma
di
comunicazione
che
l’umanità
abbia
mai
avuto.
E
la
comunicazione
non
sono
più
 solo
i
governi,
le
aziende,
le
lobby.
Ma
siamo
noi,
noi
che
in
rete
ci
conosciamo,
condividiamo
 conoscenza,
facciamo
progeR,
alimenPamo
ricerche,
creiamo
ricchezza.
Costruiamo
ponP
invece
di
 muri.
Internet
non
è
come
il
telegrafo
o
il
frigorifero,
come
dice
chi
non
ha
capito
nulla.
Internet
è
una
 cosa
che
non
c’è
mai
stata
prima.
La
prima
arma
di
costruzione
di
massa.
Tocca
a
noi
usarla
per
il
bene.
E
 tanP
lo
fanno
ogni
giorno.Il
Nobel
è
per
loro.
Nel
manifesto
che
lancia
ufficialmente
questa
candidatura
 c’è
la
nostra
passione
per
la
rete,
la
fede
nella
gente,
lo
stupore
per
i
muri
che
cadono
ogni
volta
che
due
 persone
si
parlano.
Il
senso
profondo
di
internet
e
la
voglia
di
dirlo
a
tuR.
Give
Peace
a
Web!Aggiungi
la
 tua
firma
su
www.interneOorpeace.org
  3. 3. Perché… • Manca
disciplina
che
studia
il
web
come
 fenomeno
complessivo • Rischio
riduzionismo • Rischio
approccio
troppo
specialisWco
o
troppo
 sociologico
  4. 4. • Tenta
approccio
olisWco
al
fenomeno • Scienza
del
presente
e
del
futuro • Approccio
mulWdisciplinare:
ecologia,
diriXo,
 sociologia,
matemaWca,
informaWca,
 economia,
psicologia,
scienza
poliWca.

  5. 5. La
web
science
è • la
scienza
che
studia
i
comportamenW
e
le
 proprietà
di
sistemi
complessi
cosWtuiW
da
 persone,
agenW
e
servizi
soFware
che
operano
 sull’infrastruXura
di
comunicazione
globale,
 con
un
parWcolare
interesse
alle
direzioni
 future
di
sviluppo
del
Web
  6. 6. Guarda
al
web
come • sistema
a
grande
scala
che
 genera
proprietà
emergenW;
 • grafo,
rappresentazione
 della
rete
di
link
che
 caraXerizza
il
Web
stesso; • macchina
sociale
in
grado
di
 produrre
e
gesWre
sistemi
 sociali;
 • universo
di
daW
da
collegare
 in
maniera
sempre
più
 efficiente
e
da
uWlizzare
per
 processi
di
inferenza
 automaWci.
  7. 7. Web
come
un
set
di
straW • Livello
Micro,
con
 • Livello
Macro,
riguardo
l’uso
 collegamenW
e
protocolli che
se
ne
fa • Livello
ingegnerisWco • Livello
sociale • Funzionamento
delle
 • Dinamcihe
sociali
di
uso,
 gesgWone
e
condivisione
 macchine
e
delle
reW
di
 dell’informazione computer Web
Science
guarda
al
sistema
e
non
al
singolo
computer Guarda
ai
daW
ma
anche
ai
processi
e
quindi
al
know
how
  8. 8. Con
il
Web
nuove
forme
integraWve
 incidono
sulle
comunità • aumentando
trasparenza
(PA);
 • permeXendo
di
crescere
(facebook);
 • diversificando
possibilità
di
comunicazione.
  9. 9. Sincronia
e
diacronia • La
web
science
modella
la
forma
aXuale
del
web
ma
ne
vuole
 progeXare
anche
la
forma
futura.
 • Ad
esempio
tenta
di
ingegnerizzare
nuovi
protocolli
e
di
capire
 come
la
società
li
recepisce
e
li
usa • Lavora
per
creare
una
radicale
/
struXurale
apertura
e
libera
 circolazione
e
riuso
dell'informazione
  10. 10. Web
science
lavora
in
due
direzioni • Per
migliorare
ciò
che
 • Per
cambiare
e
rendere
 sul
web
funziona oYmale
ciò
che
non
c'è
 o
che
funziona
male.
  11. 11. La
Web
Science
dedica
parWcolare
 aXenzione
a
temaWche
come • privacy;
 • openness;
 • libera
circolazione
e
riuso
informazione; • copyright;
 • fiducia
all’interno
delle
comunità
Web;

  12. 12. La
Web
Science
dedica
parWcolare
 aXenzione
a
temaWche
come • governance
del
Web
cioè
standard
linguaggi
e
 protocolli
per
omogeneo

funzionamento
del
 web;
 • progeXazione
web
aperto
e
accessibile
per
 tuY;
 • relazioni
fra
web
e
società; • informaWon
retrivial; • apprendimento.
  13. 13. Due
importanW
sviluppi SemanPc
Web Digital
Memory
  14. 14. 1
st
Web
Science
Conference
‐
2009 • The
abstracts
in
2009
1st
web
conference
were
 quite
diverse,
covering
all
afore
menWoned
 disciplines.
I
saw
presentaWons
on
privacy,
 linked
data,
user
interfaces,
sociology,
law
and
 more.
  15. 15. Pausa Caffè 12/11/09 16
  16. 16. Il web 2.0 “Cos’è web 2.0. Design Patterns e Modelli di Business per la prossima generazione di software”. Web 2.0 è un insieme di approcci, un sistema gravitazionale Web 2.0 indica un nuovo approccio sociale alla generazione e distribuzione di contenuti via web, che siano caratterizzati da processi comunicativi aperti, con una forte decentralizzazione dell’autorità, libertà di condividere e riusare i contenuti stessi. 12/11/09 17
  17. 17. Web
2.0:
interazione
o
 partecipazione • 1.0,
2.0,
3.0
….. • Read‐only
(radio‐tv)
VS
read‐write
web
 WE,
THE
MEDIA Scalabile,
flessibile Content
user
generated 12/11/09 18
  18. 18. Il
web
2.0 • Si
riferisce
ad
una
nuova
modalità
di
comunicare
ed
 uWlizzare
la
rete
che
non
ha
più
il
pc
di
casa
o
i
propri
 disposiWvi
hardware
e
soFware
come
base
delle
 aYvità,
ma
è
web‐based.
 WEBLICATION • Internet
da
informaWon
source
a
partecipaWon
 plaVorm:
aggiungere,
comunicare,
condividere,
 aggiornare,
pubblicare,
nascondere,
linkare,
taggare,
 votare.
 • Esempi:
Zoho

 Pbwiki 12/11/09 19
  19. 19.  Nuove pratiche - condividere - assemblare - partecipare - rielaborare - commentare - aggregare - collaborare - sottoscrivere - creare - decentrare - diffondere - distribuire - classificare - trovare - commentare - farsi trovare Esempio:????? 12/11/09 20
  20. 20. Fenomeno
di
massa • Regina
d’Inghilterra • Polizia
di
Stato • PA • Obama Cambia anche intera comunicazione •Banche: Gialappa’s & San Paolo, Ale e Franz & Conto Arancio 12/11/09 21
  21. 21. Ecosistema
di
applicazioni • Convergenza
online • Una
sola
interfaccia (Gmail,
Google
Wave
e
 nuovi
cellulari) • Rich
User
Experience/ Rich
Internet
Exp. 12/11/09 22
  22. 22. Ajax • AJAX,
acronimo
di
Asynchronous
JavaScript
and
XML,
è
una
 tecnica
di
sviluppo
per
la
realizzazione
di
applicazioni
web
 interaYve
(Rich
Internet
ApplicaWon)
 • Grazie
ad
Ajax
è
possibile
inserire
il
risultato
delle
elaborazioni
 lato
server
all'interno
di
comuni
pagine
staWche
senza
bisogno
 di
alcun
refresh
di
pagina:
in
sostanza
le
operazioni
vengono
 eseguite
lato‐server
e
poi
richiamate
lato‐client!
 • Tramite
i
siW
potenziaW
con
Ajax,
gli
utenW
possono
interagire
 con
le
informazioni
nelle
singole
pagine
come
se
stessero
 usando
un'applicazione,
abbandonando
la
vecchia
metafora
 del
web
come
percorso
di
navigazione
sequenziale
in
mezzo
a
 pagine
staWche.

  23. 23. • Importanza
della
modularità
e
del
conceXo
di
 estensione
(Extensible). • In
informaWca
un
mash‐up
è
un
sito
o
 un'applicazione
web
di
Wpo
ibrido,
cioè
tale
da
 includere
dinamicamente
informazioni
o
 contenuW
provenienW
da
più
fonW. 12/11/09 24
  24. 24. Googlemaps Mashup,
modularità,
 estendibilità Elenco
partecipanW Del.icio.us Flickr TechnoraW 12/11/09 25
  25. 25. 12/11/09 26
  26. 26. Il
web
2.0
come
insieme
di
principi
e
 procedure: • Tagging
e
folksonomia

invece
della
tassonomia. • Rich
user
(on
internet)
experience
(gmail,
google
maps). • Partecipazione
aYva
(ebay
e
commenW
su
amazon).
 • Innovazione
comunicaWva,
non
tecnica. • Fiducia
radicale
(wikipedia). • DiriXo
a
remixare
(CreaWveCommons).
 • Perpetual
beta
&
data
inside. • DaW
liberi,
ricombinabili,
esportabili,
modulari.
 • Coda
lunga. • Abbiamo
a

che
fare
con
una
piaXaforma
(il
web),
che
vince
sempre
 rispeXo
ad
una
singola
applicazione.
 12/11/09 27
  27. 27. Web incrementale 12/11/09 28
  28. 28. Il Time ha eletto noi, chi ha un blog, chi li commenta, chi carica le proprio foto su Flickr, i filmati su Youtube come personaggi dell’anno 2006 29
  29. 29. RSS
(Really
Simple
Syndica/on) • è
uno
dei
più
popolari
formaW
per
la
distribuzione
di
 contenuW
Web,
basato
su
XML. • PermeXe
la
visualizzazione
su
portali,
siW
web
e
reader
 di
headline
e
link
relaWvi
a
noWzie
pubblicate
su
altri
 siW. • StruXura
che
conWene
arWcoli
con
campi
predefiniW. • ArWcoli
vengono
esportaW
in
RSS
e
poi
inseriW
in
feed,
 che
sono
unità
di
informazione
formaXata.
 • I
progenitori
erano
le
newsleXer
(Push,
ora
PULL) 12/11/09 30
  30. 30. 12/11/09 31
  31. 31. FREE
YOUR
DATA
 • Embedding • Apertura
daW • Alto
grado
di
 personalizzazione 12/11/09 32
  32. 32. Dal
partecipare
al
fare
il
2.0 12/11/09 33
  33. 33. Oggi • NaWvi
digitali
(Marc
Prensky).
 • Giovani
usano
internet
per
tuXo. • Web
come
piaXaforma • Don’t
read
but
scan Tutto ciò permette usi più massivi della rete, anche in campi nei quali mai avremmo azzardato. È cambiato modo di fruire la rete e i rapporti umani, ma anche gli strumenti e il diritto alla connessione. 12/11/09 34
  34. 34. Insegnare
e
apprendere
con
2.0? • A
che
condizioni
Facebook
è
anche
un
ambiente
formaWvo
e
creaWvo? • Insegnare
e
apprendere
con
Wiki/Wikipedia? • Insegnare
e
apprendere
con
YouTube? • Perché
ascoltare
una
voce
sola
quando
si
può
imparare
da
tante
voci
diverse? • Come
rendere
più
vivace
e
interessante
una
lezione
con
slide? • Si
possono
valutare
gli
studenW
partendo
dalle
cose
che
sanno
fare,
raccogliendone
le
 tracce
online?
 • E
sei
i
ragazzi
facessero
i
compiW
elaborando
tesW,
grafici,
immagini,
video,
meXendoli
 in
rete
sul
loro
sito? • E’
possibile
costruire
e
comunicare
la
conoscenza
aXaverso
l’immersione
nei
mondi
 virtuali? • Insegnare
e
apprendere
con
i
Blog
e
RSS • In
che
modo
un
ambiente
collaboraWvo
online
può
potenziare
la
didaYca?
 12/11/09 35
  35. 35. Il
futuro……
o
il
3.0 Second Life Second Life è un mondo virtuale tridimensionale multi- utente online inventato nel 2003 dalla società americana Linden Lab. Il sistema fornisce ai suoi utenti (definiti "residenti") gli strumenti per aggiungere e creare nel "mondo virtuale" di Second Life nuovi contenuti grafici: oggetti, fondali, fisionomie dei personaggi, contenuti audiovisivi, ecc. 12/11/09 36
  36. 36. 12/11/09 37
  37. 37. ContaY Email: paolo.lattanzio@gmail.com Blog: www.paololattanzio.it 12/11/09 38

×