La qualità dell’e-learning per l’e-government
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

La qualità dell’e-learning per l’e-government

on

  • 1,078 views

Convegno Teramo 13 Dicembre

Convegno Teramo 13 Dicembre

Statistics

Views

Total Views
1,078
Views on SlideShare
1,039
Embed Views
39

Actions

Likes
0
Downloads
14
Comments
0

2 Embeds 39

http://paololattanzio.wordpress.com 28
http://paololattanzio.blogspot.com 11

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

La qualità dell’e-learning per l’e-government Presentation Transcript

  • 1. La qualità dell’e-learning per l’e-government Paolo Lattanzio paolo.lattanzio@gmail.com Teramo 13 Dicembre 2007 13/12/07 1
  • 2. I repositories • Sono archivi di learning object • Permettono di stoccare e rendere fruibili i LO • Rappresentano la modalità privilegiata di fruizione di contenuti (didattici) per l’e-learning 13/12/07 2
  • 3. Discrimine temporale • Classico • Post web 2.0 Docente Rapository Utente Utente Utente Situato Dislocato 13/12/07 3
  • 4. Repositories pre-web 2.0 • Raccoglievano materiale strutturato • Rigoroso rispetto di standard tecnici • Riservato ad esperti selezionati • Non partecipati, no peer review • Fruizione limitata a materiali caricati nel repository 13/12/07 4
  • 5. Ilias 13/12/07 5
  • 6. Repositories pre-web 2.0 • • Contro Pro • Accesso limitato • Accesso riservato • Struttura chiusa • Garanzia della fonte • Standard fissi • Rispetto standard • No peer review • Contenuti • No costruzione standardizzati collaborativa • Supervisione • Condivisione e riuso limitati • Scarsa personalizzazione 13/12/07 6
  • 7. Il web 2.0 “Cos’è web 2.0. Design Patterns e Modelli di Business per la prossima generazione di software”. O’Reilly Web 2.0 è un insieme di approcci, per usare la rete in modo nuovo e innovativo Web 2.0 indica un nuovo approccio sociale alla generazione e distribuzione di contenuti via web, che siano caratterizzati da processi comunicativi aperti, con una forte decentralizzazione dell’autorità, libertà di condividere e riusare i contenuti stessi. 13/12/07 7
  • 8. Repository nel 2.0 • Ampliamento base utenti & fruitori • Tagging cooperativo • Apertura dei contenuti. Peer review • Interattività • Aggiornamento continuo • Personalizzazione percorso di fruizione 13/12/07 8
  • 9. Metadata • Dato che descrive altro dato • Informazione per la corretta ricerca, indicizzazione, reperimento dei dati • Informazioni aggiuntive e fortemente identificanti • Creazione network fra oggetti correlati • Editabilità a favore degli utenti 13/12/07 9
  • 10. Merlot 13/12/07 10
  • 11. Cambiano • Base e principi di ricerca dei materiali • Possibilità di fruizione degli stessi, Forte personalizzazione nella fruizione • Possibilità generazione e condivisione dei contenuti • Spazi per la didattica • Condivisione e riuso 13/12/07 11
  • 12. Conseguenze • compresenza di repository specializzati e chiusi con repository disseminati in rete; • migliore circolazione dei contenuti e della loro riusabilità/condivisione; • uso intensivo dei metadati da parte dei fruitori/autori: gli utenti; • allargamento spazi di fruizione 13/12/07 12
  • 13. Cambia concetto di qualità • Da valutazione tutta interna a valutazione fatta dagli utenti • Da qualità nell’apprendimento in uno spazio definito a modularità e fruibilità estesa • Da qualità tecnica a qualità d’uso 13/12/07 13
  • 14. Si può parlare di • E-Learning 2.0 Stephen Downes Forma di e-learning che segue linee di sviluppo del web 2.0 13/12/07 14
  • 15. E-learning 2.0 • L'e-learning 2.0 prevede che il processo di apprendimento si svolga on line grazie al supporto di tecnologie di rete che integrano al loro interno i principi innovativi del Web 2.0. • Con Web 2.0 la rete assume sempre più le caratteristiche di uno spazio virtuale di interazione collaborativa fra utenti. Le risorse conoscitive in questo modo si trovano distribuite sul web in quanto non sono più create da un unico soggetto, ma da utenti collegati fra loro grazie ad innovative tecnologie di collaborazione e di condivisione della conoscenza. Le applicazioni tecnologiche Web 2.0 più diffuse al momento sono costituite da blog, wiki, social network, ecc. • In questo contesto risulta centrale quindi la dimensione sociale della rete, che porta alla creazione di ambienti di apprendimento virtuali nei quali hanno molto spazio le attività di costruzione collaborativa della conoscenza. • Questo modello trova la sua valenza formativa nel concetto di quot;intelligenza collettivaquot; che deriva dai processi cognitivi che si svolgono sulla rete in modo distribuito grazie al supporto delle nuove tecnologie e il paradigma teorico di riferimento è costituito dal connettivismo. 13/12/07 15
  • 16. Gli standards • Sono delle prescrizioni per la realizzazione dei contenuti • Chi li decide 1.0 2.0 Prefissati In divenire Tecnici Condivisi e definiti dagli utenti Rigidi Stabili dall’uso 13/12/07 16
  • 17. Qualità e standard per i repositories 2.0 • piena accessibilità; • reperibilità dei L.O. sia dall’interno che dall’esterno dell’ambiente di apprendimento; • possibilità di personalizzazione del percorso di apprendimento da parte dell’utente; • categorizzazione ragionata e possibilità di personalizzazione dei metadati non solo da parte dei progettisti ma anche degli utenti. 13/12/07 17
  • 18. E e-government • Allargamento base • Maggiore partecipazione • Ampia fruibilità • Apertura ai contributi • Apertura nella fruizione delle risorse 13/12/07 18
  • 19. Grazie per l’attenzione • paolo.lattanzio@gmail.com • paololattanzio.blogspot.com 13/12/07 19