Your SlideShare is downloading. ×
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Oracle Application Server 10g
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Oracle Application Server 10g

1,888

Published on

Published in: Technology
1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • Do you have something that is translated into English?

    Thanks!
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,888
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
29
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Oracle Application Server 10g Paolo Campegiani paolo@paolocampegiani.it http://www.paolocampegiani.it – p.
  • 2. I prodotti Oracle Oracle Database: leader di mercato nel settore medie/grandi imprese; Oracle Applications: piattaforma ERP; Oracle Collaboration Suite: piattaforma di messaggistica, mail e groupware; Oracle Application Server: application server per architetture three-tier; – p.
  • 3. Piattaforme Presente in due versioni: 10g Release 1 (versione 9.0.4.0) e 10g Release 2 (10.1.2.0); Sviluppato su Linux, portato poi sulle altre piattaforme su cui girano i prodotti Oracle; Per Linux è certificato, come gli altri prodotti, su RedHat Enterprise Linux e su SuSE Advanced Server (ex UnitedLinux); Linux è la piattaforma d’elezione di Oracle; – p.
  • 4. Architettura a tre livelli Client Tier Web Tier HTTP Listener Web Cache Oracle HTTP Server Reports Server Application Server Tier Forms Server Portal Discoverer Oracle Internet Directory Single Sign On Wireless EMS Database Tier Real Application Cluster – p.
  • 5. Scalabilità Client Tier Web Tier Web Tier AppServer AppServer AppServer Tier Tier Tier RAC RAC RAC DB – p.
  • 6. Clustering e Failover Farm Cluster Application Server Instance Application Server Instance Repository Cluster Application Server Instance Application Server Instance Application Server Instance Standalone Instance Application Server Instance – p.
  • 7. Infrastruttura E’ un database (10mila oggetti e 1800 tabelle) condiviso nella farm: Configurazioni Identità e profili utente Pagine Web E’ strettamente associata a queste componenti: Oracle Internet Directory Distributed Configuration Management Oracle Single Sign On (SSO) Wireless, Portal, OEM repository – p.
  • 8. Oracle Internet Directory E’ un server LDAP, associato all’Oracle SSO: Descrive gli utenti autorizzati ad accedere all’application Server, in termini di password, privilegi, risorse; E’ accessibile a linea di comando oppure via web con il Delegated Administration Service; Autentica verso le applicazioni presenti nell’Application Server in modo diretto o proxy (ad es. Active Directory); Con il SSO un utente autenticatosi per una applicazione è autenticato anche con tutte le altre presente nella farm; E’ il punto in cui definire politiche di sicurezza; Può autenticare verso applicazioni esterne; – p.
  • 9. Middle Tier Può essere di tre tipi diversi: J2EE e Cache: per implementare una Web Cache; Business Intelligence: in più Forms Server, Reports Server, Portal ...; Wireless Tier: in più trans-coding delle pagine per dispositivi mobili e messaggistica (SMS); – p.
  • 10. WebCache Non è basata su Apache; Reverse proxy a due vie a livello 7; Stateful Load Balancing; Cluster e Failover automatico con altre WebCache; Invalidazione tramite regole e programmatica; Front-end SSL verso un application server non SSL; – p. 1
  • 11. Oracle HTTP Server E’ Apache 1.3.28 con dei moduli aggiuntivi (e proprietari): mod_oradav: Oracle DAV mod_osso: Oracle Single Sign On mod_plsql: Pl/Sql for Web mod_oc4j: Oracle Container 4 Java ... Oracle HTTP Server supporta inoltre mod_perl e pagine in PHP. – p. 1
  • 12. Topologie DB Tier WebCache MidTier DB Tier Internet Load Balancer DB External Firewall DB Tier WebCache MidTier Firewall Infrastructure HW Cluster Infra – p. 1
  • 13. Islands Le applicazioni J2EE possono replicare lo stato su più server facenti parti della stessa island, per avere un failover a caldo: Midtier Server A Midtier Server B Island 1 OC4J−App1 OC4J−App1 OC4J−App3 OC4J−App4 Island 2 OC4J−App2 OC4J−App2 – p. 1
  • 14. Transparent Application Failover Protegge le connessioni dall’application server al database (che deve operare in modalità RAC). Richiede un client JDBC thick poichè usa funzionalità avanzate di Oracle Net. Transazioni attive: Rollback automatico di insert, update e delete se l’istanza fallisce Connessioni al DB: Connessione automatica ad un’altra istanza; Failover su select: Se l’istanza fallisce durante una select (cursore) ne viene selezionata un’altra e si ottengono le righe successive; I dati di sessione non persistenti vengono persi in caso di caduta di un’istanza. – p. 1
  • 15. OC4J OC4J si basa su Java 1.3.1, e fornisce un container per servlet e un traduttore per pagine JSP; Alcune componenti dell’Application Server scritte in Java hanno i loro container (Portal, DAS, Business Intelligence) Gli OC4J realizzano clustering e load balancing; I servizi forniti dall’OC4J includono accesso al db, supporto alle transazioni, sicurezza, caching, concorrenza, container managed persistence; – p. 1
  • 16. Configurazione OC4J La configurazione avviene tramite dei file XML, divisi in tre categorie: configurazione del server: server.xml, default-web-site.xml, http-web-site.xml, application.xml; relativi J2EE : application.xml, web.xml, ejb-jar.xml, application-client.xml; relativi a OC4J : orion-application.xml, orion-web.xml, orion-ejb-web.xml; – p. 1
  • 17. Deployment applicazioni J2EE Un’applicazione J2EE gira nell’ambito di un container; Il deployment può essere fatto via dcmctl oppure via Enterprise Manager; – p. 1
  • 18. Attivazione istanze J2EE opmnctl: l’attivazione dell’istanza di middle tier attiva i container OC4J presenti e quindi le applicazioni; dcmctl : permette di far partire/arrestare uno specifico container; Enterprise Manager Application Server Console; – p. 1
  • 19. TopLink L’accesso ad un database è una funzionalità essenziale di una applicazione J2EE. Si può realizzare tramite: JDBC: Oracle fornisce per i suoi database: Thin Driver; OCI Driver (utilizza un client Oracle); Server-Side Driver (per programmi Java che girano nel database); entity EJB; – p. 1
  • 20. JNDI Java Naming Directory Interface: usato da un EJB per localizzare altri EJB o data sources, ovvero un contesto che definisce le informazioni necessarie ad accedere ad un database. I data sources sono definiti in data-sources.xml (specifico per ogni applicazione J2EE). – p. 2
  • 21. Prestazioni e tuning Il tuning di un sistema distribuito è un compito difficile. Il database Oracle ha alcune centinaia di parametri di configurazione; Gli Application Server, OID e WebCache hanno ulteriori parametri; Capacity planning: misurare prestazioni end-to-end e fare previsioni analizzando il carico dei componenti (vmstat + dmstool + file di log); – p. 2

×