Educazione motoria e gioco sport

217 views
153 views

Published on

Giornalino Scolastico Plesso E. Loi - IC Via Bravetta - Roma - a.s. 2012-13

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
217
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
22
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Educazione motoria e gioco sport

  1. 1. 1 Gli alunni della classe 5a C Martedì 21 maggio 2013 noi ragazzi della classe 5^ sez. C siamo andati all’istituto “A. Volta” per partecipare alle gare finali delle “Municipaliadi”. I giochi erano organizzati in quattro categorie: il gioco del tiro alla fune, la corsa con i sacchi, il percorso ad ostacoli, il gioco della palla rilanciata; noi, però, abbiamo partecipato solo a tre di queste categorie perché al gioco del tiro alla fune non Siamo arrivati in finale. Questi giochi sono stati molto emozionanti e divertenti per tutti noi perché, gareggiando insieme, abbiamo acquisito un bello spirito di squadra. Quando è stato dato l’inizio ai vari giochi, ogni squadra ha partecipato alle varie competizioni, e dopo che ogni scuola aveva gareggiato, ci siamo recati tutti insieme nell’Aula Magna per assistere alle premiazioni delle scuole vincitrici. Non potete immaginare la gioia quando la nostra classe è stata chiamata perché avevamo vinto, nientemeno che, il primo premio! Siamo tornati a scuola euforici, gridando di gioia, facendo vedere a tutti i nostri meravigliosi trofei che avevamo conquistato con tanta fatica! Infatti, oltre alle tre coppe vinte come gruppo classe, abbiamo ricevuto altre due coppe per aver vinto nella specialità della corsa con i sacchi, sia maschile che femminile; i due bambini vincitori sono stati Francesca e Davide. Dopo aver ricevuto i premi, abbiamo fatto tantissime foto per immortalare questo giorno per noi così bello, importante ed unico! FINALITÀ: perseguire una maggiore autonomia personale nel processo di formazione della personalità, favorendo le attività motorie e di gioco sport.
  2. 2. 2 … Quando ho partecipato alle finali del tiro alla fune mi sentivo molto agitata e quando ho iniziato a tirare la corda le mie mani erano tutte rosse alla fine ha vinto la squadra avversaria. Alla premiazione abbiamo vinto tre coppe: due per la corsa con i sacchi e l’altra per il tiro alla fine. Mi sono divertita tantissimo a partecipare alle Municipaliadi. Chiara Gli alunni della classe 5a A La nostra scuola ha partecipato alle Municipaliadi: un torneo tra classi sui giochi più amati dai bambini. Il primo torneo è stato quello di palla rilanciata. Quando l’abbiamo fatta mi sono divertito tantissimo: ero più energico che mai e più agile e forte come non lo ero mai stato. In questo torneo ho cercato di dare sempre il meglio di me, ma quando abbiamo perso l’ultima partita ero distrutto, anche se siamo arrivati secondi. Il torneo successivo era basato sulla corsa ad ostacoli: abbiamo perso subito (siamo stati poco veloci rispetto alla squadra avversaria), invece nel tiro alla fune, dove abbiamo vinto, sono stato felicissimo. Nella finale ci siamo divertiti molto giocando contro tutto il Municipio: abbiamo perso al tiro alla fune, ma abbiamo vinto con Davide e Rebecca nella corsa con i sacchi. La finale è stata bellissima, anche quando abbiamo ritirato le coppe alla presenza della Dirigente. Quindi posso dire che le Municipaliadi sono state un torneo bello, appassionante ed educativo. Matteo … anche se non ho fatto altro che tirare mi sono divertito lo stesso e la cosa più bella è stata vincere la coppa che ho portato dal Volta alla nostra scuola. Flavio … Appena sono arrivata avevo il cuore che batteva fortissimo, ero emozionata ma non lo facevo vedere. Dopo gare di: pallarilanciata, pallavolo e la staffetta, toccava alla gara di tiro alla fune. C’erano solo 5 bambini e 5 bambine tra cui io. Quando l’arbitro ha tetto: “Via!” ero convinta che ce la facevamo. Purtroppo abbiamo perso tutti e due i round. Anche se non abbiamo vinto ci siamo classificati 3° con una bella coppa! È stata un’esperienza veramente entusiasmante ed emozionante. Maria Io non sono una di quelle che ha partecipato, però mi sono molto emozionata come se stessi anch’io giocando, a fare il tifo per la nostra squadra. Il momento che mi ha colpito di più in tutta la giornata è stato quello della premiazione. Io pensavo che ci chiamassero uno per uno, ma invece la coppa è andata a tutta la classe… meglio così. Anche chi non ha partecipato ha dato il suo contributo. Gloria
  3. 3. 3 … è stato difficile vincere il tiro alla fune perché c’erano due squadre molto forti, però ci siamo guadagnati il terzo posto e per questo siamo comunque felici… …è stata un’esperienza molto divertente ed è servita anche ad aumentare la nostra muscolatura. Raffaele … durante la gara sentivo il sudore scendermi sulla fronte, il cuore battermi forte, le mani rosse, ma ero lì a tirare senza lasciare la corda. I nostri compagni gridavano incoraggiandoci, speranzosi. Michela … per la corsa con i sacchi fremevo dalla voglia di vedere quella grande sfida, l’ultima. …Tutti erano emozionatissimi, quando sono arrivati primi, tutti hanno urlato all’impazzata. È stata un’esperienza pieno si emozioni. Arianna Penso che il progetto delle Municipaliadi sia stato molto divertente e molto istruttivo allo stesso tempo. … È stata un’esperienza molto emozionante per chi ha gareggiato, ma so che per tutti i componenti della classe è stata una giornata molto importante. Durante la gara ho sostenuto i compagni con un gran tifo e lo stesso hanno fatto loro quando ho gareggiato io per la corsa coni sacchi che ho vinto. Questo è il bello della nostra classe. Davide … è stato un peccato avere perso al tiro alla fune perché nella squadra c’erano tanti molto forti che non avevano spazio per tirare abbastanza. Per fortuna Rebecca e Davide sono riusciti a vincere. Le due “schegge hanno vinto la coppa del 1° posto e noi tutti un’altra coppa del 3° posto. Beatrice … ero molto emozionato perché ero stato scelto per il tiro alla fune. Anche se abbiamo perso, comunque siamo arrivati terzi e inoltre due miei compagni hanno vinto la corsa coni sacchi. Dario … la cosa più divertente è stata la corsa con i sacchi alla quale abbiamo partecipato io e Davide. All’inizio della corsa mi tremavano le gambe, ero emozionatissima e al fischio dell’arbitro sono partita. Dopo un po’ di salti finalmente sono arrivata al traguardo. Io e Davide abbiamo vinto. È stata una giornata fantastica. Rebecca Quando siamo arrivati mi sono un po’ annoiato, ma poi abbiamo giocato al tiro alla fune a cui siamo arrivati terzi. Io non ha giocato, però i miei compagni si sono impegnati molto. … Infine ci sono state le premiazioni che non finivano mai. I banchi erano pieni di cope e medaglie; noi in tutto abbiamo vinto tre coppe: due per la corsa con i sacchi e una per il tiro alla fune. Flavio
  4. 4. 4 Gli alunni delle classi 1a C e F hanno partecipato al PROGETTO DI CALCETTO L’esperienza per la Municipaliadi è stata molto faticosa, perché abbiamo affrontato molte prove… però tutte con grandi emozioni. Faticoso, ma emozionante. Andrea Da quando sono iniziate, le Municipaliadi hanno vivacizzato il secondo quadrimestre. Questa esperienza, secondo me, è stata molto utile perché ha fatto divertire molti alunni di diverse scuole. Nella finale mi è piaciuto molto quando l’arbitro ha parlato della regola d’oro: tifare solo a favore. Matteo B. L’ultimo giorno delle Municipaliadi ero molto ansiosa. … Davide e Rebecca, due miei compagni, hanno partecipato alla corsa coi sacchi e hanno vinto e mentre stavano fermi ad aspettare il via, mi tremavano le gambe e il cuore mi batteva fortissimo. Poi l’arbitro ha fischiato e loro sono stati come due fulmini, velocissimi. Ludovica … Le Municipaliadi sono un’opportunità per migliorare lo sport, imparare a vincere e anche a perdere. È stata un’esperienza educativa. Comunque l’importante è partecipare! Veronica … c’erano varie sfide e quando è toccato a noi per il tiro alla fune i miei compagni ce l’hanno messa tutta, ma purtroppo ci hanno battuto. Invece nella corsa coi sacchi, quando l’arbitro ha fischiato, Davide e Rebecca hanno guadagnato i primo posto. Sofia … È stata un’esperienza nuova! Faticosa…, ma devo dire che mi sono divertita tantissimo!!! Noemi Io, anche se non ho partecipato, ho sostenuto la mia squadra con il tifo. Al tiro alla fune… non importa se non siamo attivati primi, perché la nostra squadra comunque a vinto. E ci siamo comunque divertiti. Martina
  5. 5. 5 PROGETTO DI EDUCAZIONE MOTORIA E SPORT JUDO CLASSE II F I principi del Judo si riassumono brevemente in queste tre formule :  rei-no-Kokoro : “Spirito del rispetto”(rispetto di sé, rispetto degli altri, rispetto dell’universo: sono tre livelli di comprensione che portano al riconoscimento della propria identità fisica, morale e spirituale. ) .  jita kyoei : “Tutti insieme per crescere e progredire”(“amicizia e mutua prosperità” realizzando se stessi).  seiryoku zenyo: “Il miglior impiego dell’energia”(l’energia indirizzata a perseguire il fine). Indossato il GI (costume Bianco), il Judo comincia con il Rei (saluto) e con il Rei-no-kokoro (Spirito del rispetto) e prosegue gioioso alla ricerca della VIA (DO) e cioè “ la migliore applicazione della forza mentale e fisica “. Per sconfiggere la gravità ed imparare a cadere è necessario avere a disposizione un TATAMI (materassina) dove il Judoka inizia a comprendere che per fare Judo serve l’impegno costante di : “CORPO - MENTE – CUORE “ uniti nell’azione. Il judo si pratica all’insegna della massima sincerità e lealtà, si cerca di comprendere pregi e difetti dell’altro, insieme si studia come prendere dall’esperienza le cose buone (il coraggio, l’attenzione, la concentrazione, l’abilità di sopravvivenza, la meditazione, la filosofia del dovere) per essere pronti ad affrontare le emozioni e le prove della vita, nello stesso tempo si cerca invece di combattere non il nostro prossimo ma le negatività che la vita ci riserva come : L’IGNORANZA, L’INVIDIA, L’ABITUDINE e LA NOIA. Il Judo è una disciplina motivata dall’interesse di crescere come persone e NON per arrivare ai premi o ai record; le gare vengono affrontate non per vincere o conquistare, ma per costruire noi stessi, aiutati da avversari che saranno poi nostri amici nella vita. Tutto ciò ci è stato insegnato dal maestro di judo Giovanni Campitelli. Faremo tesoro dei suoi insegnamenti! E' stata per noi un'esperienza bellissima, da ripetere! Ecco le foto del nostro saggio conclusivo! La classe II F

×