Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Il blog e la comunità di pratica

on

  • 908 views

 

Statistics

Views

Total Views
908
Views on SlideShare
906
Embed Views
2

Actions

Likes
1
Downloads
7
Comments
0

1 Embed 2

http://ipsseoatic.wordpress.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Il blog e la comunità di pratica Il blog e la comunità di pratica Presentation Transcript

    • UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze della formazione TEORIE E METODOLOGIE DELL’E-LEARNING E DELLA MEDIA EDUCATION Corso Tecnologie dei media digitali “ Il Blog e la Comunità di Pratica” Corso di formazione per docenti di scuola primaria
    • Contesto
      • Il corso di formazione si terrà nel I° Circolo Didattico Statale di Castel Volturno – Caserta
      • Scheda Scuola
      • ordine di scuola : scuola dell’infanzia e scuola primaria
      • plessi scolastici: n. 6 di scuola dell’infanzia e n. 3 di scuola primaria
      • n. alunni di scuola dell’infanzia: 350
      • n. alunni di scuola primaria: 700
      • n. alunni stranieri: circa il 15 % della popolazione scolastica
      • n. alunni diversamente abili: n. 2 nella scuola dell’infanzia e n. 48 nella scuola primaria
      • n. docenti di scuola dell’infanzia: 39
      • n. docenti di scuola primaria: 76
      • Partecipanti : tutti i docenti di scuola primaria
      • Negli anni precedenti molti docenti in servizio hanno partecipato a corsi di aggiornamento/formazione sulle TIC ma nessuno ha frequentato corsi sull’utilizzazione dei nuovi ambienti del Web 2.0 in ambito educativo.
    • Perché un corso sugli ambienti del Web 2.0 I BLOG
      • Sono ancora poco conosciuti rispetto agli strumenti di comunicazione della prima generazione web (posta elettronica, chat, forum) ma offrono grandi opportunità per l’apprendimento cooperativo e collaborativo e il recupero delle potenzialità insite nell’apprendimento spontaneo e informale.
      • Permettono la costituzione di “comunità di pratica” dove gruppi di docenti si possono confrontare su problemi inerenti la loro professione per trovare comuni risposte.
      • Offrono maggiori opportunità formative utilizzando appieno scenari pedagogici di taglio socio-costruttivista.
    • Comunità di pratica e formazione
      • Formazione
      • Progettazione di iniziative per supportare lo sviluppo delle comunità e dei processi di apprendimento
      • Bilanciamento di contenuti trasmessi dall’esterno (aggiornamento) e valorizzazione degli apprendimenti dalla pratica (riflessione)
      • Oltre l’aula: uso di tecniche di Formazione-Intervento
    • Metodologia
      • Approccio costruttivista
      • Osservazione – Fase della scoperta
      • Discussione – Fase dell’interazione
      • Sviluppo – Fase della produzione
      • Distribuzione – Fase della condivisione
      • Commento – Fase della discussione dei risultati
    • Obiettivi
      • Comprendere il funzionamento e le potenziali utilizzazioni didattiche del “Blog”
      • Sviluppare la capacità di cogliere problemi, di organizzare dati utili alla loro soluzione, di produrre soluzioni possibilmente creative
      • Distribuire, raccogliere informazioni, produrre documenti in un ambiente collaborativo
    • Punti di forza dei Blog per la didattica:
      • Strumenti per l’apprendimento cooperativo e collaborativo
      • Strumenti che consentono di realizzare prodotti editoriali, multimediali e ipermediali
      • Strumenti che consentono di recuperare abilità di diversi registri di scrittura
      • Strumenti che aprono la classe ad attività di sperimentazione e di comunicazione con altre classi
      • Risorsa per aggiornarsi, confrontarsi e sperimentare nuove possibilità di comunicazione
    • Il sistema circolare dell’informazione nel Blog
      • L’informazione nell’utilizzo del blog non è unidirezionale ma circolare
      • La classe diventa luogo di costruzione di conoscenze, attività di ricerca ed approfondimento
      • Gli alunni sono protagonisti attivi e consapevoli
      • L’insegnante deve assumere un ruolo di mediatore tra ciò che viene proposto dalla Rete e la classe, con attività di discussione, di confronto, di dialogo.
      • Il prodotto finale è un prodotto collaborativo che può essere restituito in rete, all’interno del blog e continuare ad esistere quindi anche all’esterno delle mura della classe.
    • Insegnamento e blog
      • Secondo Anne Davis si distinguono cinque modi in cui l’insegnante può usare il blog:
      • Come spazio di riflessione, discussione e condivisione;
      • Come spazio dove fornire informazioni che riguardano la vita della classe e la materia del corso;
      • Come spazio personale di riflessione sulla propria vita professionale;
      • Come quaderno, portfolio e diario di formazione dei propri alunni;
      • Come spazio collettivo per progetti di apprendimento collaborativi di tutta la classe.
    • Tassonomia d’uso dei blog a scuola
      • Per sintetizzare i possibili usi didattici offerti dall’uso dei blog e le ragioni che ne possono motivare un uso in contesti di insegnamento-apprendimento, si può far riferimento ad un articolo di Monica Banzato pubblicato sulla rivista Tecnologie Didattiche 10 . Nell’articolo si prospetta una possibile tassonomia degli usi del blog a scuola suddividendo le possibili attività lungo due direttrici e quattro quadranti
    • Contenuti
    • Struttura di un blog Titolo e sottotitolo descrizione del blog post Link ai commenti e ai trackback
    • Valutazione
      • Per valutare e verificare l'efficacia e l'efficienza dell'azione formativa, è necessario considerare le seguenti caratteristiche: flessibilità, continuità, analiticità, valutazione dei processi apprenditivi, autovalutazione.
      • La valutazione degli esiti del progetto terrà conto dei seguenti parametri:
      • FLESSIBILITA’ VALUTATIVA intesa come possibilità di valutare non solo l’output come risposta in termini prestazionali all’input, ma come possibilità di intravedere possibili evoluzioni
      • POSITIVITA’ VALUTATIVA intesa come valorizzazione dei punti forti per contribuire allo sviluppo della persona e garantire la possibilità di crescita personale e sociale
      • APERTURA VALUTATIVA intesa come valorizzazione di tutti i campi di esperienza dell’alunno (anche esterni alla scuola) in un’ottica di “ecologia integrata” dello sviluppo