METTERSI IN PROPRIO
Il percorso per diventare imprenditori
Cinzia Tonin
Punto Nuova Impresa
Formaper – Azienda Speciale
Ca...
soci

finanziamenti

concorrenti
mercato

l’imprenditore e
l’Idea

VOGLIO METTERMI IN
PROPRIO!

profitto
COSA DEVO FARE??
...
L’IDEA
•Una delle prime attività in qualsiasi esercizio di pianificazione è quella di
considerare attentamente la propria ...
I
IL BUSINESS PLAN

Il Business Plan è un documento che:

 Descrive il progetto imprenditoriale in termini di strategia ...
PERCHE’ REALIZZARE UN BUSINESS PLAN
• Analizzare e verificare la fattibilità

• Determinare una strategia
• Comprendere il...
A chi è rivolto il BUSINESS PLAN

Soggetto imprenditore

Potenziali clienti e/o fornitori

Potenziali finanziatori
 Banca...
LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN
PARTE
INTRODUTTIVA

PARTE ANALISI
DEL MERCATO

PARTE
TECNICO
OPERATIVA

PARTE
MONETARIA

De...
Scegliere la forma giuridica
La scelta della forma giuridica dipende da una serie di fattori che devono
essere analizzati ...
Le Forme giuridiche
da solo

con altri
Un primo confronto….
DITTA INDIVIDUALE

SOCIETA’

Forma più semplice ed economica

Permette di condividere con altri la
re...
Come finanzio lo start up
Mezzi propri

Banca
Finanziamenti pubblici/contributi fondo perduto
Altro (es. ricerca soci, bus...
I Finanziamenti pubblici
L’approccio all’aiuto pubblico risulta spesso errato. E’ diffusa infatti l’idea per
cui l’ente pu...
Un modo semplice per monitorare i bandi di finanziamento e
trovare quello più adatto alle nostre esigenze…
Focalizziamo da...
Alcune opportunità aperte
Dote Unica Lavoro
www.dote.regione.lombardia.it
Start Up e Re – Startup
www.re.startup.regione.l...
IL FORMAPER
Formaper è un'azienda speciale della Camera di Commercio di Milano, nata nel 1987. Il suo
scopo istituzionale ...
IL Punto Nuova Impresa
Punto Nuova Impresa è un servizio gratuito mirato e pratico di supporto agli aspiranti
imprenditori...
IL Punto Nuova Impresa
Gli sportelli Punto Nuova Impresa sono presso le sedi Formaper di:
MILANO
Via Santa Marta, 18
Tel. ...
Grazie per l’attenzione!

www.formaper.com
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Mettersi in proprio. A cura di Cinzia Tonin

415

Published on

"Mettersi in proprio" tematica affrontata nella conferenza dedicata all'Autoimprenditorialià e nuova impresa di Job Matching, svoltosi il 24 ottobre 2013. Speech a cura di Cinzia Tonin

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
415
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Mettersi in proprio. A cura di Cinzia Tonin"

  1. 1. METTERSI IN PROPRIO Il percorso per diventare imprenditori Cinzia Tonin Punto Nuova Impresa Formaper – Azienda Speciale Camera di Commercio di Milano
  2. 2. soci finanziamenti concorrenti mercato l’imprenditore e l’Idea VOGLIO METTERMI IN PROPRIO! profitto COSA DEVO FARE?? organizzazione capitali clienti
  3. 3. L’IDEA •Una delle prime attività in qualsiasi esercizio di pianificazione è quella di considerare attentamente la propria situazione attuale. • Le core competence: ovvero ciò che si sa far meglio, laddove si possiedono skill, conoscenze ed esperienze specifiche. Identificarle significa focalizzare la forza dominante che guiderà l’attività.  VISION: Verso cosa si va MISSION: Cosa si cerca di raggiungere adesso. FILOSOFIA: Come ci si comporterà lungo la strada.
  4. 4. I IL BUSINESS PLAN Il Business Plan è un documento che:  Descrive il progetto imprenditoriale in termini di strategia competitiva e risultati attesi;  Descrive in modo efficace le caratteristiche dell’impresa;  Favorisce l’analisi di mercato evidenziando le opportunità e le minacce;  Permette di focalizzare al meglio gli obiettivi e le strategie di impresa;  Evidenzia i punti di forza e di debolezza dell’impresa;  Consente una valutazione di fattibilità del piano, componendosi di una parte qualitativa ed una quantitativa.  Il Business Plan definisce il metodo per condurre un’attività specifica in un determinato periodo di tempo ed è uno strumento di presentazione, analisi ed apprendimento. 4
  5. 5. PERCHE’ REALIZZARE UN BUSINESS PLAN • Analizzare e verificare la fattibilità • Determinare una strategia • Comprendere il rischio • Costruire una guida a supporto dell’impresa; • Creare una documentazione dettagliata da fornire ad un finanziatore sulla realtà aziendale attuale e le prospettive future. Cosa vogliono sapere i finanziatori? 1. La validità del progetto (prodotti/servizi che si intende offrire al mercato-target); 2. Il rendimento, inteso come remunerazione del capitale di rischio; 3. Il piano di rientro, cioè la capacità dell’azienda di rifondare il capitale prestato maggiorato degli interessi in tempi prestabiliti; 4. Eventuali garanzie collaterali che si è in grado di fornire.
  6. 6. A chi è rivolto il BUSINESS PLAN Soggetto imprenditore Potenziali clienti e/o fornitori Potenziali finanziatori  Banca  Finanziamenti pubblici  Altri soci 6
  7. 7. LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN PARTE INTRODUTTIVA PARTE ANALISI DEL MERCATO PARTE TECNICO OPERATIVA PARTE MONETARIA Descrizione dell’idea Analisi di fattibilità Analisi organizzazione Previsione economico finanziaria Attitudini Aspirazioni Motivazioni Creatività Studi esperienze Macroambiente Mercato Settore Concorrenza Clienti Prodotti Punti di forza e debolezza Attività organizzativa Logistica Localizzazione Procedure burocratiche Forma giuridica Contabilità Bilancio preventivo Tutte le informazioni su www.start.lombardia.it
  8. 8. Scegliere la forma giuridica La scelta della forma giuridica dipende da una serie di fattori che devono essere analizzati per effettuare una scelta conveniente: 1. 2. 3. 4. 5. conoscenza delle caratteristiche di ogni specifica forma giuridica; considerazione della dimensione probabile che caratterizzerà l’impresa nei suoi primi 3 – 5 anni di vita (in ogni caso è possibile in qualsiasi momento cambiare ma ciò può comportare spese evitabili se si effettua una opportuna scelta iniziale); considerazione dell’effettivo grado di rischio legato all’attività imprenditoriale: prevale il rischio di perdere molto denaro o quello di perdere tempo con un limitato impiego di capitali più è alto il rischio di perdere denaro e più è preferibile la forma di società di capitali; considerazione del numero di persone che saranno coinvolte in qualità di socio nel progetto imprenditoriale: in linea di principio più è alto e più è preferibile la forma di società di capitali; considerazione dei costi di costituzione (da sostenere “una tantum”) e dei costi di gestione annuale: per entrambe le categorie di costi l’ammontare complessivo aumenta col crescere della complessità della forma giuridica e pertanto la ditta individuale è quella più economica mentre le società di capitali sono le più onerose. 8
  9. 9. Le Forme giuridiche da solo con altri
  10. 10. Un primo confronto…. DITTA INDIVIDUALE SOCIETA’ Forma più semplice ed economica Permette di condividere con altri la responsabilità e il rischio Fa capo ad una sola persona Permette di condividere con altri le decisioni Tutta la responsabilità è illimitatamente a carico del solo imprenditore Permette di reperire maggior denaro attraverso i soci..nonché competenze e lavoro.. Permette di prendere decisioni più rapidamente.. E’ più costosa,sia per costituirla sia per gestirla contabilmente
  11. 11. Come finanzio lo start up Mezzi propri Banca Finanziamenti pubblici/contributi fondo perduto Altro (es. ricerca soci, business angels, ecc.) 11
  12. 12. I Finanziamenti pubblici L’approccio all’aiuto pubblico risulta spesso errato. E’ diffusa infatti l’idea per cui l’ente pubblico “regala” soldi agli aspiranti imprenditori solo per il fatto che questi decidano di avviare un’attività. Ma non è così. E’ bene ricordare che il finanziamento pubblico deve essere considerato come un “di più”, un aiuto a prescindere dal quale l’impresa deve comunque svolgere la propria attività contando solo ed unicamente sulle proprie forze. Subordinare l’avvio della propria attività o la realizzazione di un investimento mirato all’ottenimento di un contributo pubblico può infatti voler dire attendere diversi mesi prima di poter mettere in pratica il proprio progetto d’impresa, se non addirittura non riuscire a partire mai, precludendosi così l’opportunità di realizzare la propria business idea nei tempi e nei modi desiderati. 12
  13. 13. Un modo semplice per monitorare i bandi di finanziamento e trovare quello più adatto alle nostre esigenze… Focalizziamo da subito la nostra attenzione sui seguenti 3 articoli Soggetti beneficiari Spese ammissibili Tipologia di aiuto 13
  14. 14. Alcune opportunità aperte Dote Unica Lavoro www.dote.regione.lombardia.it Start Up e Re – Startup www.re.startup.regione.lombardia.it Bando Speed Mi Up www.speedmiup.it
  15. 15. IL FORMAPER Formaper è un'azienda speciale della Camera di Commercio di Milano, nata nel 1987. Il suo scopo istituzionale è quello di contribuire allo sviluppo dell'imprenditorialità attraverso l'orientamento, l'informazione, la formazione, la ricerca, l'assistenza. Si tratta di un'azienda a capitale pubblico, regolata dal diritto privato, in grado di coniugare strategie sociali in partnership con istituzioni pubbliche e iniziative sul libero mercato con i mprenditori ed associazioni d'imprese. Formaper si rivolge a: Aspiranti imprenditori, con servizi e seminari di informazione e orientamento, con l'obiettivo di fornire un valido approccio a mettersi in proprio Creatori di impresa e lavoratori autonomi, con la possibilità di valutare la propria businessidea in termini di fattibilità e supportarli nella redazione del piano d'impresa attraverso percorsi formativi e assistenza personalizzata Nuovi imprenditori, con un supporto formativo e di assistenza personalizzata, per ridurre le cause di mortalità e fallimento nei primi anni di vita dell'impresa Imprenditori di piccole imprese, figli di imprenditori, collaboratori, manager della piccola impresa e formatori, con proposte di soluzioni concrete e innovative per lo sviluppo aziendale Giovani, con programmi formativi, specifici per l'avvio di un'attività imprenditoriale e l'inserimento in piccole imprese 15
  16. 16. IL Punto Nuova Impresa Punto Nuova Impresa è un servizio gratuito mirato e pratico di supporto agli aspiranti imprenditori e lavoratori autonomi nel compiere scelte meditate e consapevoli per avviare attività competitive in grado di reggere sul mercato. I SERVIZI OFFERTI Punto Nuova Impresa offre INFORMAZIONI su: PROCEDURE – si forniscono tutte le informazioni burocratiche e amministrative e sulle spese sostenere necessarie per avviare una nuova iniziativa imprenditoriale o di lavoro autonomo, indicando tutti gli adempimenti da soddisfare per ogni tipo di attività, gli atti autorizzativi richiesti, gli enti abilitati al rilascio, i riferimenti di legge. FINANZIAMENTI – si forniscono informazioni sulle possibilità di finanziamento a livello regionale e nazionale per avviare nuove attività in proprio SCELTA DELLA FORMA GIURIDICA – si illustrano vantaggi e svantaggi delle varie tipologie giuridiche al fine di orientare l’aspirante imprenditore nella scelta della forma giuridica più adatta all’attività che si intende avviare PIANO D’IMPRESA (BUSINESS PLAN) – si forniscono le prime essenziale indicazioni utili per la redazione del proprio piano d’impresa, strumento indispensabile per accedere alle agevolazioni finanziarie, ma soprattutto per pianificare adeguatamente una nuova attività che possa nascere e crescere “sana” e competitiva. 16
  17. 17. IL Punto Nuova Impresa Gli sportelli Punto Nuova Impresa sono presso le sedi Formaper di: MILANO Via Santa Marta, 18 Tel. 02/8515.4342 - Fax 02/8515.5331 formaper.pni@mi.camcom.it MONZA Piazza Cambiaghi, 5 Tel. 039/2807.445 - Fax 039/2807.449 formaper@mb.camcom.it
  18. 18. Grazie per l’attenzione! www.formaper.com
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×