Your SlideShare is downloading. ×
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Formazione innovativa e collaborativa - Adelaide Gallina e Simona Cavagneroero_gallina

358

Published on

Digital Experience Festival 2012 …

Digital Experience Festival 2012
Digital for People
Conferenza in collaborazione con Università degli Studi di Torino, facoltà di Scienze della Formazione

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
358
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. DIGITAL EXPERIENCE FESTIVALLuso delle tecnologie infotelematiche tra i quindicenni piemontesi. Unanalisi dei dati Ocse-Pisa 2009Simona Maria Cavagnero – Dipartimento di Filosofia e Scienze dellEducazione Università degli studi di TorinoMaria Adelaide Gallina – Dipartimento di Filosofia e Scienze dellEducazione Università degli studi di Torino Torino, 31 maggio 2012
  • 2. La ricerca• convenzione tra il Dipartimento di Filosofia e Scienzedell’Educazione dell’Università degli Studi di Torino e lIres(Istituto di Ricerche Economiche e Sociali) che ha chiesto lacollaborazione di docenti del Dipartimento per elaborare i datiOcse-Pisa 2009; i dati sono stati forniti in "esclusiva" fino amarzo 2011 alla Regione Piemonte che li ha affidati all’Ires.…in particolare• ci siamo soffermati sull’analisi dell’uso delle tecnologieinfotelematiche in riferimento sia alla tipologia di scuolafrequentata sia ai dati relativi al contesto socio-famigliare deisoggetti piemontesi partecipanti all’indagine.
  • 3. Ocse-Pisa Un’indagine comparativa• Indagine internazionale;• Si svolge ogni tre anni;•Obiettivo: valutare in che misura gli studenti che siapprossimano alla fine dell’istruzione obbligatoria (i quindicenni)abbiano acquisito alcune competenze ritenute essenziali per unaconsapevole partecipazione alla società, oltre che percontinuare ad apprendere;• Ambiti indagati: competenze in Lettura, Matematica, Scienze• Dal 2009 tutte le regioni italiane hanno un proprio campionerappresentativo, a differenza delle edizioni precedenti in cui lapartecipazione delle regioni era volontaria.
  • 4. Pisa in sintesiAlcuni dati:74 paesi indagatiCampione di 520.000 studentiPopolazione di 28 milioni di quindicenni31.000 studenti italianiGli ambiti indagati negli anni:2000: lettura2003: matematica2006: scienze2009: lettura
  • 5. Paesi partecipantiPisa 2000 Pisa 200635 paesi 58 paesiPisa 2003 Pisa 200941 paesi 74 paesi 34 paesi dell’OCSE
  • 6. Perché Pisa è importante?Consente di valutare gli esiti della formazione scolastica in termini di competenze: Non ciò che si sa, ma come si sa usare ciò che si sa
  • 7. Apprendere per competenze• Le “Competenze” indicano la comprovatacapacità di usare conoscenze, abilità ecapacità personali, sociali e/ometodologiche, in situazioni di lavoro odi studio e nello sviluppo professionalee/o personale;• Le competenze sono descritte in terminidi responsabilità e autonomia.
  • 8. Ambito di indagine 2009: LetturaComprendere e utilizzare testi scritti,riflettere su di essi e impegnarsinella loro lettura al fine di raggiungere ipropri obiettivi, di sviluppare le proprieconoscenze e le proprie potenzialità edi essere parte attiva della società.
  • 9. Studio dello sfondo socioculturale Accanto alle prove cognitive sono stati somministrati tre questionari di sfondo per studiare il contesto socio-culturale dei quindicenni: Questionario scuola Questionario genitori Questionario allievi
  • 10. Principali risultati medi in Lettura a livello internazionale •Shanghai‐Cina ha ottenuto in assoluto il punteggio piùelevato (556), mentre tra i paesi Ocse la Corea (539) e laFinlandia (536) si pongono a livelli di eccellenza, seguiti daCanada (524), Nuova Zelanda (521), Giappone (520) eAustralia (515). • L’Italia ha conseguito un punteggio medio di 486,leggermente ma significativamente al di sotto della mediaOcse, che pure si è abbassata passando da 500 del 2000 a493 del 2009.
  • 11. Campione piemontese52 scuole e 1.518 studenti, che rappresentanouna popolazione totale di oltre 30 mila studenti Scuole Studenti Studenti testati rappresentati n. % n. % n. % Licei 21 40 665 43,8 11.127 36,5 Ist. tecnici 15 29 469 30,9 9.406 30,9 Ist. prof. 10 19 295 19,4 7.486 24,6 Form. prof. 4 7,7 75 4,9 1.573 5,2 Secondarie I° 2 3,8 14 0,9 862 2,8 Totale 52 1.518 30.454
  • 12. Approccio alla letturaCirca un 11% legge libri di narrativa alcune volte allasettimana e il 23% legge con la stessa frequenza iquotidiani, contro un 14% che dichiara di non leggerlimai. Solo un 7% legge i fumetti alcune volte asettimana e un 49% dichiara di non leggerli mai.
  • 13. Allievi piemontesi e TIC• Il 94,5% possiede un computer• Il 33% due computer• L’ 87,8% ha un collegamento a Internet• Il 74,4% utilizza il computer a scuola• Il 33,8% degli studenti dei licei e il 35% dicoloro che frequentano gli istituti tecnicihanno a disposizione nell’istituzionescolastica il collegamento alla Rete.
  • 14. Risorse on-line utilizzatelettura di notizie il 23,2% alcune volte al giorno,il 26,2% invece alcune volte a settimana,il 34,4% utilizza qualche volta al mese idizionari on‐line,un 55% partecipa mai o quasi mai a gruppi didiscussione ma ben il 51,9% utilizza più volte algiorno la chat e il 26,1% legge l’email una o piùvolte al giorno
  • 15. Tipo di scuola e uso della Rete- tipologia di scuola e uso della Chat: 35 % di coloro chefrequentano il liceo utilizza la chat on‐line contro il25% di coloro che frequentano gli istituti professionali.- tipologia di scuola e l’uso dei dizionari: 42% deiquindicenni piemontesi utilizza i dizionari on‐line piùvolte al giorno contro un 19% di coloro chefrequentano l’istituto professionale.
  • 16. Dotazione infotelematica a casa‐ 94,5% possiede un computer e l’87,8% è connesso aInternet, il 60,9% possiede un computer portatile;- 54,3% possiede una consolle per videogames, 18,5 %pur possedendola dichiara di non utilizzarla, la quasitotalità possiede un telefono cellulare (99%), e il 90,6%dichiara anche il possesso e l’utilizzo di un lettore mp3o mp4. Infine l’88,8 possiede una stampante a casa e il92,9% una memoria usb personale.
  • 17. Dotazione infotelematica a scuola‐ 64,6 dichiara di avere a disposizione una postazionefissa, si registra però un 20,8% di studenti che dichiaral’esistenza a scuola di tale dotazione informatica, madi non utilizzarla.- 12,9% presenza di computer portatili nella scuola,ma un 8,6% dichiara di non utilizzarlo. Il 46,6% hainoltre a disposizione una stampante e il 23,4 unamemoria usb disponibile a scuola.
  • 18. Tipo di scuola e dotazione informaticaEmerge una relazione significativa tra il tipo di scuola eil possesso di computer fissi nella scuola, con unadiffusione maggiore negli istituti tecnici (78,5%) e nellaformazione professionale (79,9%), dato questo chesottolinea la forte applicazione professionalizzantedegli strumenti infotelematici a scuola.
  • 19. In conclusione…Questa visione sottolinea dunque l’importanza di unacontinua attenzione nell’utilizzo delle tecnologieinfotelematiche in ambito educativo, affinchè sianomirate allo sviluppo di strategie di insegnamento eapprendimento dirette alla formazione di unacittadinanza consapevole delle future generazioni.

×