I sass i di matera di Emanuele Pasquini

840 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
840
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
556
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I sass i di matera di Emanuele Pasquini

  1. 1. Il 25 agosto, con la mia famiglia, sono stato a visitare una città, Matera, patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO “un ecosistema urbano straordinario, capace di perpetuare dal più lontano passato preistorico i modi di abitare delle caverne fino alla modernità”.
  2. 2. I SASSI DI MATERA
  3. 3.  I Sassi sono davvero un paesaggio culturale, per citare la definizione con cui sono  stati accolti nel Patrimonio mondiale dell'Unesco.  Il Sasso Barisano è il più ricco di portali scolpiti e fregi che ne nascondono il cuore  sotterraneo.  Il Sasso Caveoso, che guarda a sud, è disposto come un anfiteatro romano, con le  case-grotte che scendono a gradoni, e prende forse il nome dalle cave e dai teatri  classici.  Al centro la Civita, sperone roccioso che separa i due Sassi, sulla cui sommità si  trova la Cattedrale.  Ed infine di fronte, sul versante opposto della Gravina di Matera, l'altopiano della  Murgia con le numerose chiese rupestri sparse lungo i pendii delle gravine protette  dall'istituzione del Parco archeologico storico-naturale delle Chiese rupestri del Materano.  Un paesaggio in parte invisibile perché si perde in dedali di gallerie dentro la  collina,  una città che sembra uscita dal mistero di una fiaba orientale. "Grotte naturali, architetture ipogee, cisterne, enormi recinti trincerati, masserie, chiese e palazzi, si succedono e coesistono, scavati e costruiti nel tufo delle gravine" 
  4. 4.  Carlo Levi spedito al confino in Lucania dal regime fascista, visitò i Sassi  quando erano all'apice di un collasso demografico che era iniziato quattro  secoli prima. Gli abitanti erano aumentati in maniera esponenziale e la  pastorizia era in declino: sulle case nella roccia erano stati sopraelevati più  piani, erano spariti gli orti e i giardini pensili, e le cisterne erano state riadattate  a monolocali in cui intere famiglie convivevano con muli e pecore in condizioni  igieniche estremamente precarie. Con De Gasperi Matera divenne “la grande vergogna “d'Italia e fu così che per legge si ebbe lo sfollamento forzato dei Sassi negli anni cinquanta. Lo sfollamento avvenne a partire dal 1952 in seguito all'opera di  sensibilizzazione avviata dal libro di Carlo Levi che portò diversi uomini di  cultura e del mondo politico a visitare la città, tra cui Alcide De Gasperi che  firmò la prima Legge Speciale; tale operazione fu resa necessaria dalle cattive  condizioni di vita in cui versava la popolazione (basti pensare che la mortalità  infantile era quattro volte superiore alla media nazionale). L'abbandono forzato delle loro vecchie abitazioni da parte di molti cittadini fu  comunque doloroso, per quanto i nuovi quartieri progettati dai più grandi  architetti, sociologi ed antropologi del tempo,  fossero indubbiamente più  confortevoli. 
  5. 5. Oggi i Sassi sono tornati ad essere abitati. Le foto si riferiscono alla "Civita" … l'aspetto esterno delle case non può essere modificato perché Patrimonio dell'Umanità.
  6. 6. Anche nel Caveoso abitano ancora le persone. La roccia con cui sono fatte le case è molto particolare perché risale ai tempi del Paleolitico. E' di origine vulcanica e si chiama Arenaria , infatti sembra sabbia ricompattata.
  7. 7. Nel Barisano ci sono ancora le grotte dei cavernicoli!!!
  8. 8. LE CASE Nelle case del Caveoso anticamente per riscaldare le case si usavano animali e letamai. Il letame raccolto andava in fermentazione e la casa si riscaldava. Anche l’acqua piovana veniva raccolta nelle cisterne. Oggi le case sono dotate di tutti i comfort quali l'acqua, il gas e la luce.
  9. 9. Stiamo per entrare in una casa museo, testimonianza di tempi passati!
  10. 10. LA ABITA UNA FAMIGLIA DI DIECI PERSONE!
  11. 11. LA CUCINA Il tavolo
  12. 12. Gli utensili per coltivare UN'ARMA DA CACCIA
  13. 13. I LETTI… Questo letto era per quattro persone!!! I piccoli dormivano dentro i Cassetti o nelle culle
  14. 14. SIAMO ENTRATI DENTRO QUATTRO CHIESE Questa è una cisterna per conservare l'acqua dopo che le chiese diventarono dei magazzini a causa della sparizione dei monaci Una croce scolpita sul tetto di una chiesa
  15. 15. SANT'AGOSTINO SANT'ANTONIO ABATE
  16. 16. E NON MANCA IL TOCCO DEGLI ARTISTI DI OGGI!
  17. 17. ED ORA LE DELIZIE LUCANE!!!
  18. 18. IL CANYON
  19. 19. AL RITORNO CI SIAMO FERMATI A TRANI, PICCOLA CITTÀ DELLA PUGLIA
  20. 20. LE MIE ISTANTANEE..
  21. 21. Emanuele Pasquini Estate 2013

×