La memoria

845 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
845
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
23
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La memoria

  1. 1. Arzano, 04/XI/2005 AGRIPPINUS Arzano La Memoria . Il Presente si collega al Passato dr. Francesco Montanaro Presidente dell’ Istituto Studi Atellani
  2. 2. <ul><li>La memoria : alcune definizioni </li></ul>Psicobiologia : la facoltà umana di conservare tracce delle esperienze passate e di aver accesso ad esse nel ricordo Filosofia : il luogo di una dialettica , in cui la vita che scorre comporta effetti che condizionano l’avvenire, ed in cui il presente dà forma al passato, di cui ordina , ricostruisce ed interpreta i lasciti ( D. Lowenthal, 1985) Storia: insieme delle pratiche ( di cui l’elemento più semplice è l’atto narrativo) attraverso cui determinate rappresentazioni del passato sono conservate e trasmesse all’interno di una società (Passerini, 1988)
  3. 3. <ul><li>La memoria è un fatto attivo, dinamico </li></ul><ul><li>Ognuno di noi nel ricordare eventi e accadimenti è selettivo : elimina , riprende, incasella, ordina, filtra, setaccia </li></ul><ul><li>E’ quindi un processo di catarsi , che si completa puntualmente con una operazione di “ricucitura”, e di connessione tra tutto ciò che è stato precedentemente “diviso” </li></ul>La memoria individuale : alcune caratteristiche
  4. 4. <ul><li>Essa è strettamente connessa all’identità di una comunità, di un popolo , di una nazione, la cui coesione si fonda su un patrimonio di valori comuni </li></ul><ul><li>E’ pur sempre un processo di catarsi </li></ul><ul><li>Le gioie, i dolori, i lutti, il ricordo ed il culto degli antenati producono consenso : non è assolutamente il campo d’azione dell’interesse individuale ! </li></ul><ul><li>Per la memoria di una comunità e di una nazione i dolori valgono più dei trionfi, perché essi impongono dei doveri e richiedono uno sforzo comune : solidarietà attraverso il sentimento del sacrificio passato che ci prepara al sacrificio comune attuale e futuro. </li></ul><ul><li>Ha sempre un forte nesso col potere </li></ul><ul><li>Essa ha una immagine del passato che si accorda col pensiero dominante , ma che rischia la cancellazione di un passato “scomodo”. </li></ul>La memoria collettiva : alcune caratteristiche
  5. 5. <ul><li>I greci veneravano una divinità della memoria : MNEMOSINE </li></ul><ul><li>L’attribuzione di un carattere divino alla figurazione astratta della memoria distingueva la concezione greca da quella di altre civiltà antiche </li></ul><ul><li>Ciò significava la consapevolezza della funzione fondamentale del rimembrare ,quale fattore di cultura e garanzia della storia dell’uomo che è sottoposta al volere della divinità </li></ul>La memoria nella Grecia antica
  6. 6. La memoria nella Grecia antica : la scrittura e la poesia <ul><li>La memoria era un sistema d’identità che si realizzava attraverso il divenire , la trasformazione </li></ul><ul><li>Occorreva trovare un punto d’equilibrio tra queste due forze : la memoria come persistenza, la memoria come trasformazione </li></ul><ul><li>Esiodo aveva intuito nel Poeta ( nella Scrittura ) colui che conosce i nessi arcani che dal passato si collegano al presente ed al futuro </li></ul>
  7. 7. La Memoria : Il Tempo e la Scrittura La scrittura e il tempo , frontespizio di J.F. Lafiteau, in Moeurs des sauvage amériquains comparées aux moeurs des premiers temps. Parigi, 1724
  8. 8. La Memoria : Il Tempo e la Scrittura
  9. 9. <ul><li>[...] Il mio presente è ciò che mi interessa, ciò che vive per me, e, in breve, ciò che mi provoca all’azione, mentre il mio passato è essenzialmente impotente. [...]…. </li></ul><ul><li>Cos’è per me il momento presente? La caratteristica del tempo è di scorrere; il tempo già trascorso è il passato, e chiamiamo presente l’istante in cui scorre. Ma qui non si può trattare di un istante matematico. [...] ….. il nostro presente è la materialità stessa della nostra esistenza, cioè un insieme di sensazioni e di movimenti, e nient’altro che questo. </li></ul><ul><li>E questo insieme è determinato, unico per ciascun momento della durata, proprio perché sensazioni e movimenti occupano i luoghi dello spazio e perché, nello stesso luogo, non ci possono essere più cose contemporaneamente. [....] </li></ul><ul><li>H. Bergson, Materia e memoria , 1996 </li></ul>Presente e Passato
  10. 10. Il Passato Il passato sono io. Il passato è la storia, il seme dei miei pensieri attuali, la matrice della mia attuale disposizione. Robert Louis Stevenson
  11. 11. PRESENTE PASSATO MEMORIA Idealizzazione Nostalgia Distacco Autoironia Illusione Mitizzazione Oppressione La Memoria : il Presente si collega al Passato
  12. 12. <ul><li>La Memoria e la Storiografia </li></ul>I processi di selezione, conservazione e ricostruzione del passato operati dalla Memoria individuale e collettiva, sono ispirati dall’esigenza 1) di guidare pragmaticamente l’azione quotidiana 2) di preservare l’identità <ul><li>I processi si selezione operati dalla Storiografia sono tesi </li></ul><ul><li>conoscere “obiettivamente” l’accaduto </li></ul><ul><li>2) esplicitare e controllare i criteri di interpretazione delle fonti </li></ul><ul><li>3) rispettare regole dettate dalla comunità scientifica </li></ul>
  13. 13. <ul><li>Abbiamo città, tradizioni, cultura, costumi che reclamano a gran voce una storia </li></ul><ul><li>Lavoriamo prima col tempo e poi con la scrittura : scriviamo la storia del nostro territorio e della nostra cultura </li></ul><ul><li>Dentro questa storia i lettori devono avere la possibilità di entrare e trovare lo spazio per sentirsi anche attori </li></ul><ul><li>Questo servirà a credere nel Presente e nel Futuro </li></ul>Istituto di Studi Atellani e Agrippinus : Il ruolo-ponte tra il passato e il presente-futuro
  14. 14. “… La storia data per morta e residuale riemerge, fuori dagli ambiti specialistici, nello spazio sociale e comunicativo, dai media tradizionali a quelli visivi e digitali, come uno dei territori privilegiati del conflitto politico e sociale. Una storia che trionfa proprio là dove le forme consuete del sapere scientificamente accreditato non riescono a passare, se non in dosi minime e destinate a essere velocemente neutralizzate e banalizzate. …” Presentazione della rivista ZAPRUDER : dal Manifesto di Storie in Movimento Il passato per il presente: riscrittura e (ab)uso pubblico della storia
  15. 15. “ … un laboratorio storiografico che intende rompere i confini e le distinzioni tra storia militante e pratica scientifica, tra sapere alto e divulgazione e rimettere in comunicazione luoghi e soggetti diversi attraverso cui si articola la produzione del sapere storico. Intende essere prefigurazione di una storia che nasca non solo dalla riflessione sul presente ma anche dal desiderio di essere presenti, di esercitare qualche forma di azione e di iniziativa nel presente ….” Presentazione della rivista ZAPRUDER : dal Manifesto di Storie in Movimento Il passato per il presente: riscrittura e (ab)uso pubblico della storia
  16. 16. Il territorio atellano
  17. 17. Istituto di Studi Atellani
  18. 18. Istituto di Studi Atellani
  19. 19. Rassegna Storica dei Comuni
  20. 20. Rassegna Storica dei Comuni
  21. 21. Rassegna Storica dei Comuni
  22. 22. Rassegna Storica dei Comuni

×