3. Teoria e Tecniche dei Nuovi Media. Il senso della trasformazione.

  • 2,084 views
Uploaded on

Corso di Teoria e Tecniche dei Nuovi Media. Convergenza, ri-mediazione e multidimensionalita'

Corso di Teoria e Tecniche dei Nuovi Media. Convergenza, ri-mediazione e multidimensionalita'

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
2,084
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
213
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Corso di Teoria e Tecniche dei Nuovi Media Il senso della trasformazione Convergenza, ri-mediazione e multidimensionalità prof. Ugo Guidolin Docente di Teoria e Tecniche dei Nuovi Media Università degli Studi di Padova http://bloogo.oogo.com
  • 2. Il senso della trasformazione Motori della trasformazione All’interno di questo quadro evolutivo possiamo identi care tre principali tendenze nella trasformazione dei media: • La convergenza al digitale (dimensione tecnologica) • La ri-mediazione dei linguaggi comunicativi (dimensione semiotica) • Il passaggio dalla linearità alla multidimensionalità del pensiero (dimensione cognitiva) © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 3. Il senso della trasformazione Convergenza al digitale © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 4. Il senso della trasformazione © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 5. Il senso della trasformazione Convergenza al digitale Il bisogno dell’uomo di comunicare velocemente a distanza si ritraduce nella costruzione di una dimensione sociale all’interno di nuovi spazi connettivi virtuali e trasversali. • PRIMA FASE: Istituzione di un linguaggio universale codificato (scrittura, stampa) • SECONDA FASE: Comunicare velocemente a distanza (media elettrici) • TERZA FASE: Convergenza delle diverse forme di comunicazione all’interno di un unico sistema di codificazione e trasmissione (media digitali) © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 6. Il senso della trasformazione Ri-mediazione Il medium è costitutivamente un complesso organico, una protesi cognitiva in continua trasformazione, in grado di generare nuove tecniche intellettive e nuove forme di comunicazione. • Ogni mutazione tecnologica, sociale o culturale ridefinisce le regole che lo governano: la scrittura è rimediazione dell’oralità primaria; l’oralità secondaria è rimediazione della scrittura; la stampa è rimediazione della scrittura etc. • Il medium diventa interfaccia delle diverse forme di comunicazione che rappresenta anche nel rapporto con gli altri media • Il medium non rappresenta più una sola forma di comunicazione, ma è l’espressione di molti linguaggi anche diversificati tra loro (multimedialità del medium) © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 7. Il senso della trasformazione Ri-mediazione e feedback cognitivo Quasi sempre una tecnologia intellettiva esteriorizza, oggettivizza, virtualizza una funzione cognitiva, un’attività mentale. In tal modo essa riorganizza l’economia e l’ecologia intellettuale nel suo insieme e modi ca di rimando la funzione cognitiva che avrebbe dovuto limitarsi ad assistere o ra orzare, come attestano i rapporti tra scrittura (tecnologia intellettuale) e memoria (funzione cognitiva). P. Levy, Il virtuale, 1995 © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 8. Il senso della trasformazione Multidimensionalità La codi ca digitale scompone costitutivamente l’informazione in una molteplicità di unità informative decontestualizzate all’interno di una mappa cognitiva priva di linearità narrativa. • E’ una forma di linguaggio che si predispone all’immaginazione e induce il “lettore” a metterla in racconto. • Il pensiero è così portato a ricomporre queste unità secondo modalità nuove e molteplici percorsi di conoscenza (interattività). • Il medium diventa quindi luogo di esperienza e abilità dove vengono ridefiniti volta per volta montaggio, inquadrature, linguaggi ed equilibri • La ri-mappatura dell’informazione seguono principi di associazione che rispondono più alle logiche dei sistemi auto-organizzanti che non a quelli gerarchici. © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 9. Il senso della trasformazione Multidimensionalità Il bricoleur è capace di eseguire un gran numero di compiti di erenziati ma, a di erenza dell’ingegnere, non li subordina al possesso di materie prime e di arnesi, concepiti e procurati espressamente per la realizzazione del suo progetto: il suo universo strumentale è chiuso e per lui la regola consiste nell’adattarsi sempre all’equipaggiamento di cui dispone, un insieme nito di arnesi e materiali, peraltro eterocliti. Claude Lévy-Strauss, Il pensiero selvaggio, 1962 © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 10. Il senso della trasformazione Multidimensionalità • Principio di non sequenzialità • Principio di probabilità • Principio di variabilità © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 11. Il senso della trasformazione Principio di non sequenzialità Con ipertesto intendo scrittura non sequenziale - testo che si dirama e consente al lettore di scegliere; qualcosa che si fruisce al meglio su uno schermo interattivo. Così come è comunemente inteso, un ipertesto è una serie di brani di testo tra cui sono de niti dei collegamenti che consentono al lettore di erenti cammini Theodor Nelson © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 12. Il senso della trasformazione Principio di non sequenzialità • Elaborazione e lettura del testo: il testo non viene fissato su un supporto fisico come la carta, ma viene collocato all’interno di una mappa di bit, ossia una memoria immateriale instabile, sospesa su uno schermo e quindi evanescente, sempre modificabile. • Dualità tra elaborazione e lettura del testo nello spazio digitale viene vani cato, perchè il testo digitale si sviluppa nell’ambito di una continua e illimitata elaborazione del testo, non esiste mai un’edizione conclusa del testo come avviene, per esempio, sulla carta. © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 13. Il senso della trasformazione Il principio di probabilità Un'abduzione è un metodo per formulare una predizione generale senza alcuna assicurazione positiva che essa risulterà valida né in un determinato caso né solitamente. La sua giusti cazione è che essa è l'unica possibile speranza di regolare razionalmente la nostra condotta futura, e che l'induzione tratta dall'esperienza passata ci incoraggia fortemente a sperare che essa avrà successo nel futuro. Peirce © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano
  • 14. Il senso della trasformazione Il principio di variabilità Il contenuto dell’oggetto e la sua rappresentazione diventano entità separate ed è quindi possibile generare più metafore che integrano e gestiscono lo stesso contenuto attraverso comportamenti e proprietà diverse • In pratica, non stabiliamo quali siano esattamente le proprietà e i comportamenti, ma solo dei contenitori variabili di contenuto. • modificando il contenuto siamo in grado di creare degli oggetti, ossia istanze, che erediteranno proprietà e comportamenti da quella classe di appartenenza. • In tal senso, il fotogramma non si costituisce come l’unità narrativa di un percorso sequenziale o multisequenziale disposto lungo l’asse temporale, ma come la rappresentazione istantanea di tante possibili narrazioni variabili. © 2008, prof. Ugo Guidolin, Teoria e Tecniche dei Nuovi Media, Milano