Your SlideShare is downloading. ×
Cemento e beni comuni
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Cemento e beni comuni

345
views

Published on

CEMENTO E BENI COMUNI …

CEMENTO E BENI COMUNI
LA SITUAZIONE NELLE MARCHE
13 gennaio 2012
Olimpia Gobbi
Luoghi Comuni, movimento piceno di democrazia dal basso
Forum Paesaggio Marche
DemocraziaKmZero

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
345
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. CEMENTO E BENI COMUNI LA SITUAZIONE NELLE MARCHE 13 gennaio 2012 Olimpia Gobbi Luoghi Comuni, movimento piceno di democrazia dal basso Forum Paesaggio Marche DemocraziaKmZero
  • 2. CEMENTO TERRA, CITTA’
  • 3.
    • CONSUMO DI SUOLO NELLE MARCHE
    • 1954- 2007 = cementificati circa 2500 Kmq (= superficie provincia di Macerata);
    • 1954- 2010 la superficie cementificata cresce del 274,4% a fronte di un aumento del 15,7% della popolazione residente ;
    • 1954- 2007 = intorno agli 11 maggiori centri l’incremento demografico è stato del 37% a fronte di un incremento del suolo urbanizzato del 319% ;
    • 2001- 2008 = incremento superficie edificata = 12,5% ( media nazionale 7,8%);
    • CEMENTIFICAZIONE SPECULATIVA
    • BASSA QUALITA’ DI VITA CITTA’ ADRIATICA E CITTA’ DISPERSA
    • Fonte: Regione Marche, Servizio Ambiente, Atlante Consumo Suolo
  • 4. “ CITTA’ ADRIATICA” = CITTA’ DISPERSA Agglomerati urbani sviluppatisi per coazione, senza progetto urbanistico, architettonico, ambientale, sociale
  • 5. CITTA DISPERSA: porti turistici (nella foto Civitanova Marche) Nknn
  • 6. Città dispersa nelle Marche: la cementificazione lungo la costa vista dalla A14
  • 7. Città dispersa: particolare (San Benedetto del Tronto)
  • 8. Città dispersa: la bassa valle del Tronto
  • 9. La città dispersa: gli 11 poli urbani funzionali (fonte: A. Calafati e F. Mazzoni, La città in nuce nelle Marche)
  • 10.
    • alti costi sociali della città dispersa:
    • esposizioni degli insediamenti a rischi ambientali: 38% comuni marchigiani hanno interi quartieri in aree ad alto rischio idrogeologico;
    • alta intensità della mobilità in auto private;
    • bassa qualità ambientale ( in particolare aria);
    • molto bassa qualità del paesaggio urbano e diffuse aree di degrado (malessere individuale e sociale);
    • Pietrificazione del risparmio in case ed alto rischio di nullificazione (per implosione del mercato).
  • 11. ENERGIE GREEN ECONOMY MALINTESA RURALITA’
  • 12. WATER FRONT MARCHIGIANO= una piattaforme per la produzione di energia da combustibili fossile : Su 180 Km di coste : 9 porti turistici (+ 2 in progettazione); 1 Raffineria + 1 centrale elettrica di 280 MW (Falconara) In fase avanzata di progettazione ed autorizzazione: 3 (forse 4) megacentrali turbogas (Falconara, Corinaldo, San Severino, forse Ancona) 2 rigassificatori (Falconara, a 16 Km dalla costa, Porto Recanati a 35 Km dalla costa, quest’ultima ipotesi sembra definitivamente abbandonata) su 15 in Italia, su 21 in Europa ; 1 stoccaggio gas (x 300 milioni di metri cubi a San Benedetto del Tronto);
  • 13.
    • TERRITORIO PIEGATO AGLI INTERESSI DEI GRANDI INVESTITORI PRIVATI
    • consumi di gas metano in diminuzione in Italia :
    • 2008: 85 Miliardi di mc
    • 2009: 78 Miliardi di mc
    • 2010: 83 Miliardi di mc
    • 2011: primo trimestre – 2% ;
    • massicci investimenti in nuovi metanodotti, rigassificatori, stoccaggi : capacità attuale degli impianti autorizzati = 230Miliardi di mc;
    • garantiti agli investitori l’80% dei ricavi previsti (delibera 178, 2005 dell’Autorità per l’energia)
    • = se un impianto ha una capacità di 10 miliardi di Mc di gas, l’investitore, anche se non ne vende uno, si vede garantito un introito pari a 8 Miliardi di mc.
  • 14.
    • garantiti agli investitori l’80% dei ricavi previsti (delibera 178, 2005 dell’Autorità per l’energia)
    • = se un impianto ha una capacità di 10 miliardi di Mc di gas, l’investitore, anche se non ne vende uno, si vede garantito un introito pari a 8 Miliardi di mc.
    • i costi vengono scaricati sulle bollette
    • Aumenti del prezzo del gas (nonostante la diminuzione della domanda e l’aumento dell’offerta)
    • fatto 100 il costo a fine 2007
    • 2008 – 2011 si è arrivati a 150.
    • Dati in Carlo Brunelli, Quale Energia per le Marche?, relazione tenuta a Monteprandone (Ap), 11/12/2011 in http://www.luoghi-comuni.org/shownode.php?id=146
  • 15. FOTOVOLTAICO IN BUONA PARTE SELVAGGIO E SPECULATIVO
  • 16.  
  • 17.
    • alla fine del 2010 installati nelle Marche pannelli per 184,3 MW di potenza (PEAR: entro 2015 tetto di 60 MW); Toscana 137 MW ;
    • dopo la Puglia le Marche sono la Regione con la taglia media più
    • grande : 31,9 ; Toscana 15,2; Veneto 16,2; Lombardia 16 ;
    • dopo la Puglia le Marche sono la regione con più KW per Kmq : 19,7 ; Toscana 6,0; Umbria 8,7; Veneto 17,9;
    • le Marche fra le regioni con la più alta percentuale di pannelli a terra : 50%; Toscana = 36%;
    • a luglio del 2010 l’indice di copertura della SAU nelle Marche era 0,86 ; in Toscana = 0,30; in Umbria = 0,40
    • Fonte: GSE Gestore nazionale Servizi Energetici
  • 18. L’agricoltura industrializzata: quale manutenzione per il territorio?
  • 19.  
  • 20. Non mancano i piani e gli strumenti tecnici. Essi però vengono disattesi o disapplicati per rispondere ad interessi particolari PPAR PIT città adriatica , PTCP città dispersa (= senza progetto urbanistico/architettonico); PRG PAI 68% dei Comuni hanno insediamenti in aree a rischio ambientale; 38% dei Comuni interi quartieri PEAR = disattesa completamente la parte sul risparmio energetico ; scelte concrete completamente sganciate da tutta la pianificazione in tegrata (fotovoltaico, gas) e dalle strategie delineate dal piano per raggiungere il pareggio del bilancio energetico regionale.
  • 21. OCCORRE UNA NUOVA CULTURA DEI BENI COMUNI BENE PRIVATO/ BENE PUBBLICO Sia il privato che il pubblico (Stato ed Enti locali) a partire dall’età moderna hanno sviluppato modalità uniformi di esercizio della proprietà , intesa appunto come espressione di dominio gerarchico del soggetto (persona fisica o giuridica) sull’oggetto posseduto (acqua, aria, paesaggio, suolo, territorio etc.), con la messa in campo di pratiche di sfruttamento via via nel tempo sempre più omologhe; BENE COMUNE (vitale fino a tutto il secolo XVIII) riconosce “diritti” anche all’oggetto (terra, acqua, aria, paesaggio, saperi) per cui i “soggetti” propriamente detti (persone fisiche o giuridiche), non sono liberi da ogni vincolo nella fruizione di quei beni, non sono dominatori esterni dell’oggetto, non sono proprietari ma usufruttuari che ne debbono garantire l’integrità .
  • 22.
    • I BENI COMUNI HANNO A CHE FARE CON I DIRITTI FONDAMENTALI DELLA PERSONA (BENI DELLA VITA)
    • Negarli = privazione di diritti fondamentali come diritto alla salute (cibo, acqua, aria sufficienti e salubri), alla propria cultura (tutela dell’habitat e del paesaggio intesi come sistema storico ed integrato di natura e cultura), alla conoscenza etc.
    • la loro fruizione non può :
    • dissipare il patrimonio sedimentato dalla natura e/o dalla cultura (invece deve preservare i cicli vitali e garantire la conservazione e la rigenerazione per le generazioni future);
    • avere caratteri di esclusività (invece deve avere caratteri di universalità ).
    •  
  • 23.
    • OCCORRE UNA NUOVA POLITICA
    • stop alla politica della disapplicazione della norma che opera :
    • a) non avviando i processi amministrativi esecutivi (v. comma 1-bis dell’art. 4(L) del D.P.R. 6/6 /2001 n.380 );
    • b) snaturando strumenti tecnico/amministrativi previsti, al fine di far sì che l’interesse particolare abbia comunque la meglio su quello generale: (accordi di programma; varianti);
    • c) attraverso la saldatura e il rapporto duale fra il singolo cittadino portatore d’interesse (grande o piccolo che sia) ed il decisore tecnico/politico (spesso lo stesso che ha costruito ed approvato la norma);
    • SI’ ALLA identificazione di beni non negoziabili (salute, identità locale, tenuta dell’ecosistema etc.);
    • SI’ alla partecipazione:
    • ruolo attivo delle popolazioni nei processi decisionali ;
    • diritto degli abitanti di governare i loro luoghi di vita che non possono essere in mano a decisioni che vengono dall’alto;
    • funzione strategica per incuneare nella relazione duale singolo portatore d’interesse/ decisore tecnico-politico un terzo soggetto , questa volta sociale e comunitario che in modo trasparente, pubblico ed esterno ai meccanismi ormai inceppati della democrazia rappresentativa si faccia portatore di una visione e territoriale di qualità.
  • 24. FORUM PAESAGGIO MARCHE www.paesaggiomarche.net DEMOCRAZIAKMZERO www.democraziakmzero.org Luoghi Comuni www.luoghi-comuni.org [email_address]