• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
11 ottobre-ottolini-3 a-def2 x sito
 

11 ottobre-ottolini-3 a-def2 x sito

on

  • 229 views

11 ottobre 2012

11 ottobre 2012
SMS Ottolini-3A-Rescaldina (MI)

Statistics

Views

Total Views
229
Views on SlideShare
229
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    11 ottobre-ottolini-3 a-def2 x sito 11 ottobre-ottolini-3 a-def2 x sito Presentation Transcript

    • SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO «A. OTTOLINI» RESCALDINA (MI)Milano, 11 ottobre 2012, «Ho toccato la storia!»
    • La storia sotto chiaveDall’archivio a Facebook
    • Per la 2°A siapre una porta dinuove esperienze
    • Impegnati ad individuarenei documenti leinformazioni più esplicite, ma anche, a scoprire quelle implicite e a dare un’interpretazione ad entrambe.
    • Abbiamo riflettuto sullavoro fatto in archiviodove ci siamo occupatidi decodificare idocumenti relativi allavita di Donato Ferrario
    • Dall’analisi deidocumentiricaviamo labiografia di uno deimercanti più famosie spregiudicati dellaMilano del 1400:Donato Ferrario
    • Renderle più vicine al nostro modo diapprendere informazioni su una persona creando il profilo facebook di Donato Ferrario
    • Nell’immagine del profilo: Il ritratto di Donato Ferrario conservato nella quadreria dell’Archivio Golgi- Redaelli.
    • Dall’analisi: del ritrattodel testamentodel libro delleregole della Scuoladella Divinità da luifondata
    • la città in cui vive,_____ lavora, fa politica la città in cui è nato
    • a cui Donato èmolto legatodal punto divistaaffettivo,socialee anchefinanziario
    • Poiché facebook consente di pubblicare soloistituti attualmente esistenti, ci siamoaccontentati di indicare l’ambito diconoscenze di Donato Ferrario, scegliendoun’Università milanese.
    • Per le informazioni non direttamente reperibili suidocumenti a nostra disposizione, abbiamo chiestoaiuto agli esperti dell’Archivio per formulare delleipotesi plausibili ad esempio su come DonatoFerrario passava il suo tempo libero.
    • Abbiamocreato ungruppo«Gruppo2A»
    • Abbiamo creato uno stemma per il nostrogruppo Facebook, così come DonatoFerrario ne aveva uno per la sua famiglia
    • Se Donato Ferrario vivesse ai giorni nostri userebbeFacebook?Probabilmente sì, come i moderni «mercanti» creerebbeuna pagina facebook per: far conoscere al mondo la sua attività restare in contatto con amici e clienti
    • 1. Alcuni «campi» previsti dal profilo facebook sono risultati troppo rigidi per le nostre esigenze. Per es: facebook non accetta:  che Donato sia nato nel 1370  che parli il volgare  che abbia studiato in un luogo diverso dalle attuali facoltà universitarie2. facebook richiede informazioni che non sono disponibili nei documenti perchè relative ad attività allora sconosciute  Es: film, musica, spettacoli, libri letti
    •  L’aiuto prezioso degli esperti dell’Archivio: per tutto l’anno siamo rimasti in contatto con Mira Montanari che ci ha aiutato a completare le nostre conoscenze Internet E un po’ di fantasia
    • Sì perché: conserva dati, documenti, lettere, messaggi anche se in formato digitale accetta qualsiasi tipo di informazione (vera o falsa che sia, scritta o iconografica)No perché: non è organizzato come un archivio in senso tradizionale non appartiene a un’istituzione
    • a capire che: la storia si fa sulle fonti facebook serve per comunicare, farsi conoscere, conservare si può fare storia in un altro modo
    • Chiedi l’amicizia a Donato 
    • Questo progetto è stato realizzato nell’anno scolastico 2011-2012 dalla classe2A della scuola secondaria di primo grado «Ottolini» di Rescaldina sotto la guida delle prof.sse Paola Tizzoni e Piera Ciceri nell’ambito del percorso proposto dall’Officina dello storico «Cultura sociale e attività assistenziali a Milano - Il sogno del mercante. Solidarietà eassistenza ai bisognosi nelle pergamene milanesi dei secoli XIV-XV» con la dott.ssa Mira Montanari. Contatti: Paola Tizzoni: nedo.vignati@vodafone.it Piera Ciceri: pieraciceri@alice.it