Your SlideShare is downloading. ×
0
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Emergenze, maxi e disastri...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Emergenze, maxi e disastri...

593

Published on

La cultura del rischio e i sistemi di risposta nazionali

La cultura del rischio e i sistemi di risposta nazionali

Published in: Health & Medicine
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
593
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • Transcript

    • 1. Seminario in Medicina dei Disastri Università degli Studi di Torino Master in Infermieristica di Area Critica EMERGENZE, MAXI E DISASTRI... LA CULTURA DEL RISCHIOE I SISTEMI DI RISPOSTA NAZIONALI Francesco Barbero Infermiere di Area Critica
    • 2. EMERGENZA ! 118
    • 3. MAXI-EMERGENZA !!!
    • 4. MAXI-EMERGENZA !!!
    • 5. DISASTRO !!!!!!!!!!!
    • 6. DISASTRO !!!!!!!!!!! La natura raggiunge il suo limite di “sopportazione”!!! geofisico idro- meterologico
    • 7. DISASTRO !!!!!!!!!!! Tutto ciò che è connesso all’attività dell’uomo!!!
    • 8. DISASTRO !!!!!!!!!!!
    • 9. DISASTRO !!!!!!!!!!!Inadeguatezza rapida, ma temporanea,tra i bisogni delle persone coinvolte e i mezzi di soccorso immediatamente disponibili
    • 10. IL MONDO...
    • 11. DISASTRI NATURALI...
    • 12. DISASTRI NATURALI...
    • 13. DISASTRI NATURALI...
    • 14. IL BEL PAESE... (correva l’anno...) T E R R E M O T O& TERREMOTO& IRPINIA& F R I U L I&
    • 15. Natural Disaster OccurencePrime 10 catastrofi (dal 1980-2010) IL BEL PAESE... http://www.preventionweb.net/english/countries/statistics/?cid=85
    • 16. http://www.preventionweb.net/english/countries/statistics/?cid=85 IL BEL PAESE... (dal 1980-2010) Natural Disaster Occurence Prime 10 catastrofi l 2000 I dann i provocati dall’alluvione de i umbro-supe rano il totale tra i terremot uilano! marchigiano, molisano e aq
    • 17. PERICOLOTIPOLOGIA Antropico Naturale CHE CARATTERISTIEVIDENZA Localizzazione ORIGINI & effetti Latente Intensità Singolo Manifesto Probabilità Consequenziale Previsto Combinato
    • 18. DISASTROCONSEQUENZIALE
    • 19. DISASTRO CONSEQUENZIALE Fukushima: per il 60% didiretta responsabilità umana
    • 20. RISCHIOProbabilità di conseguenze dannose come risultato dell’interazione tra Pericoli (naturali o antropici) e condizioni di VulnerabilitàRischio = Pericolo x Vulnerabilità
    • 21. RISCHIOProbabilità di conseguenze dannose come risultato dell’interazione tra Pericoli (naturali o antropici) e condizioni di VulnerabilitàRischio = Pericolo x Vulnerabilità + incapacità n ella risposta = D ISASTRO!!!
    • 22. I CAPISALDI DELLA PCPREVISIONE INTERVENTO PREVENZIONE SUPERAMENTO & RIPRISTINO
    • 23. PREVENZIONE?!? =
    • 24. PREVENZIONE?!? =Ogni euro speso in prevenzioneequivale a cinque in recupero...
    • 25. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
    • 26. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
    • 27. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
    • 28. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
    • 29. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
    • 30. Istituzione delServizio Nazionale di Protezione Civile 1992 “Il Sistema di Protezione Civile nasce al fine di tutelare l’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivati da calamità naturali, da catastrofi e da altri grandi eventi che determinino grave rischio” Art. 1 L.225/92
    • 31. Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione Civile A ...che possono essere fronteggiati in via ordinaria da enti o amministrazioni. Eventi ...che richiedono l’intervento coordinato di di tipo: B più enti o amministrazioni in via ordinaria. ...che devono essere fronteggiati con C mezzi e poteri straordinari. Art. 2 L.225/92
    • 32. Nevicata Roma, 2-4 febbraio 2012
    • 33. Nevicata Roma, 2-4 febbraio 2012
    • 34. Istituzione delServizio Nazionale di Protezione Civile La Protezione Civile è... l’insieme delle attività volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati con singole forze ordinarie E’ un sistema, dinamico e sinergico, composto da differenti strutture!!!
    • 35. Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione Civile Servizi Sale operative e UTG Ricerca, Regioni, Università, Provincie, Professioni Volontariato
    • 36. Sala Situazione Italia - DPC
    • 37. NEGLI ALTRI PAESI...Nella maggior parte dei paesi occidentali, il servizio diprotezione civile è gestito da organismi governativi, cheassumono il coordinamento delle risorse presenti(pompieri, ambulanze, etc)... ...molti paesi coivolgono il volontariato civile nella rete di organizzazioni di PC e pronto intervento!
    • 38. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEA Attivo dal 2001, il meccanismo europeo di protezionecivile è uno dei segmenti principali di ECHO (DirezioneGenerale per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile) e coinvolge tutti i paesi aderenti all’area economica europea.
    • 39. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico).
    • 40. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico).
    • 41. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico). Tra i compiti della protezione civile quello di diffondere l’esistenza del numero europeo per le emergenze:
    • 42. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico). Tra i compiti della protezione civile quello di diffondere l’esistenza del numero europeo per le emergenze:
    • 43. IL CONTESTO INTERNAZIONALE... UNDAC OSSOC Donor Govt’s OCHA Affected Government Geneva ICRC UNDPNational HumanitarianRed Cross HCR Coordinator MEDIA& UNICEF USAID/ CIMIC DART MIL IFRC WFP AmbassadorsNationalmilitary PNSs NGOs ECHO NGOs IGOs
    • 44. fbarbero@ymail.com

    ×