Emergenze, maxi e disastri...

858 views
715 views

Published on

La cultura del rischio e i sistemi di risposta nazionali

Published in: Health & Medicine

Emergenze, maxi e disastri...

  1. 1. Seminario in Medicina dei Disastri Università degli Studi di Torino Master in Infermieristica di Area Critica EMERGENZE, MAXI E DISASTRI... LA CULTURA DEL RISCHIOE I SISTEMI DI RISPOSTA NAZIONALI Francesco Barbero Infermiere di Area Critica
  2. 2. EMERGENZA ! 118
  3. 3. MAXI-EMERGENZA !!!
  4. 4. MAXI-EMERGENZA !!!
  5. 5. DISASTRO !!!!!!!!!!!
  6. 6. DISASTRO !!!!!!!!!!! La natura raggiunge il suo limite di “sopportazione”!!! geofisico idro- meterologico
  7. 7. DISASTRO !!!!!!!!!!! Tutto ciò che è connesso all’attività dell’uomo!!!
  8. 8. DISASTRO !!!!!!!!!!!
  9. 9. DISASTRO !!!!!!!!!!!Inadeguatezza rapida, ma temporanea,tra i bisogni delle persone coinvolte e i mezzi di soccorso immediatamente disponibili
  10. 10. IL MONDO...
  11. 11. DISASTRI NATURALI...
  12. 12. DISASTRI NATURALI...
  13. 13. DISASTRI NATURALI...
  14. 14. IL BEL PAESE... (correva l’anno...) T E R R E M O T O& TERREMOTO& IRPINIA& F R I U L I&
  15. 15. Natural Disaster OccurencePrime 10 catastrofi (dal 1980-2010) IL BEL PAESE... http://www.preventionweb.net/english/countries/statistics/?cid=85
  16. 16. http://www.preventionweb.net/english/countries/statistics/?cid=85 IL BEL PAESE... (dal 1980-2010) Natural Disaster Occurence Prime 10 catastrofi l 2000 I dann i provocati dall’alluvione de i umbro-supe rano il totale tra i terremot uilano! marchigiano, molisano e aq
  17. 17. PERICOLOTIPOLOGIA Antropico Naturale CHE CARATTERISTIEVIDENZA Localizzazione ORIGINI & effetti Latente Intensità Singolo Manifesto Probabilità Consequenziale Previsto Combinato
  18. 18. DISASTROCONSEQUENZIALE
  19. 19. DISASTRO CONSEQUENZIALE Fukushima: per il 60% didiretta responsabilità umana
  20. 20. RISCHIOProbabilità di conseguenze dannose come risultato dell’interazione tra Pericoli (naturali o antropici) e condizioni di VulnerabilitàRischio = Pericolo x Vulnerabilità
  21. 21. RISCHIOProbabilità di conseguenze dannose come risultato dell’interazione tra Pericoli (naturali o antropici) e condizioni di VulnerabilitàRischio = Pericolo x Vulnerabilità + incapacità n ella risposta = D ISASTRO!!!
  22. 22. I CAPISALDI DELLA PCPREVISIONE INTERVENTO PREVENZIONE SUPERAMENTO & RIPRISTINO
  23. 23. PREVENZIONE?!? =
  24. 24. PREVENZIONE?!? =Ogni euro speso in prevenzioneequivale a cinque in recupero...
  25. 25. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
  26. 26. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
  27. 27. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
  28. 28. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
  29. 29. DISASTER RISK MANAGEMENT Risk MitigationmanagementPreparedness Prevention
  30. 30. Istituzione delServizio Nazionale di Protezione Civile 1992 “Il Sistema di Protezione Civile nasce al fine di tutelare l’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivati da calamità naturali, da catastrofi e da altri grandi eventi che determinino grave rischio” Art. 1 L.225/92
  31. 31. Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione Civile A ...che possono essere fronteggiati in via ordinaria da enti o amministrazioni. Eventi ...che richiedono l’intervento coordinato di di tipo: B più enti o amministrazioni in via ordinaria. ...che devono essere fronteggiati con C mezzi e poteri straordinari. Art. 2 L.225/92
  32. 32. Nevicata Roma, 2-4 febbraio 2012
  33. 33. Nevicata Roma, 2-4 febbraio 2012
  34. 34. Istituzione delServizio Nazionale di Protezione Civile La Protezione Civile è... l’insieme delle attività volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati con singole forze ordinarie E’ un sistema, dinamico e sinergico, composto da differenti strutture!!!
  35. 35. Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione Civile Servizi Sale operative e UTG Ricerca, Regioni, Università, Provincie, Professioni Volontariato
  36. 36. Sala Situazione Italia - DPC
  37. 37. NEGLI ALTRI PAESI...Nella maggior parte dei paesi occidentali, il servizio diprotezione civile è gestito da organismi governativi, cheassumono il coordinamento delle risorse presenti(pompieri, ambulanze, etc)... ...molti paesi coivolgono il volontariato civile nella rete di organizzazioni di PC e pronto intervento!
  38. 38. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEA Attivo dal 2001, il meccanismo europeo di protezionecivile è uno dei segmenti principali di ECHO (DirezioneGenerale per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile) e coinvolge tutti i paesi aderenti all’area economica europea.
  39. 39. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico).
  40. 40. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico).
  41. 41. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico). Tra i compiti della protezione civile quello di diffondere l’esistenza del numero europeo per le emergenze:
  42. 42. LA PROTEZIONE CIVILE EUROPEAPer gli interventi, si compone di Moduli di PC organizzatia livello nazionale secondo standard comuni. Nel profilo sanitario, l’Italia partecipa con 1 unità di Ricerca e Soccorso, un Ospedale da Campo e 3 Posti Medici Avanzati (2 con modulo chirgico). Tra i compiti della protezione civile quello di diffondere l’esistenza del numero europeo per le emergenze:
  43. 43. IL CONTESTO INTERNAZIONALE... UNDAC OSSOC Donor Govt’s OCHA Affected Government Geneva ICRC UNDPNational HumanitarianRed Cross HCR Coordinator MEDIA& UNICEF USAID/ CIMIC DART MIL IFRC WFP AmbassadorsNationalmilitary PNSs NGOs ECHO NGOs IGOs
  44. 44. fbarbero@ymail.com

×