Comunicato Stampa Imaginary Sound
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Comunicato Stampa Imaginary Sound

on

  • 204 views

Nur Moo\'s art Expo in Parma Italy

Nur Moo\'s art Expo in Parma Italy

Statistics

Views

Total Views
204
Views on SlideShare
204
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Comunicato Stampa Imaginary Sound Comunicato Stampa Imaginary Sound Document Transcript

  • 5(–1)imaginary sound5(–1) imaginary Sound è il titolo della mostra curata da Marco Mirabile e Giada Lusardi cheinaugura sabato 26 novembre 2011 alle ore 18 nello SPAZIO AUDIOMEDICA di Via Repubblica.Per la prima volta a Parma l’artista e fotografa Nur Moo*, riconosciuta dal caporedattore di“AD Architectural Digest” Mario Gerosa tra le più interessanti artiste digitali internazionalioperanti in Second Life, espone un progetto fotografico site specific che nasce dallariflessione estetica dell’artista sulla condizione dei non-udenti. La specificità dello spazio, chenon è luogo della contemplazione bensì ambiente di lavoro medico-scientifico, ha sollecitatol’artista a ragionare sul “problema invisibile” della sordità, e a compiere una ricerca visiva nonscontata sul rapporto tra arte e silenzio, tra immaginazione e suono. Il lavoro di Nur Moo* siconcentra sull’attività percettiva del non-udente, quindi 5(-1) è un codice numerico che indical’assenza di uno dei cinque sensi.Ci racconta l’artista: «Ho immaginato tutto, come se dentro di me avessi solo il silenzio, comese non avessi avuto esperienza del mondo sonoro; in un articolo ho letto che i sordomutiimmaginano solo visivamente, perché per loro i suoni non esistono, non ne hanno mai fattoesperienza e quindi non ne hanno memoria». La persona sordomuta infatti non haconoscenza dei suoni, vive una realtà fortemente visiva, in cui ad esempio una lite è costruitasulla base di un linguaggio che esclude quello che agli udenti sembra più ovvio, ossia le urla.Per il non-udente il litigio è pura immagine. Tutto è immagine, parte dalle immagini perimmaginare quello che non percepisce, ossia il suono.
  • Elaborando un discorso di estrema raffinatezza, mai didascalico, la modella (e figlia) Asya neiventi scatti interpreta non senza tendenze allegoriche alcuni elementi di questa “realtàimmaginaria”: l’urlo, il vento, il suono, l’acqua, la libertà, l’ansia, il colore, il bianco e nero, lamorte, la realtà, il movimento, etc. Fino ad arrivare all’opera interattiva (“Your imagination”),una foto nella quale il visitatore può intervenire con l’aggiunta di un’idea qualsiasi permezzo di un pennarello specifico.Integra la mostra il progetto videoartistico di Ali Salati "im(aginary) human", con lacollaborazione di Jami Salati, in cui la performer Asya Salati è chiamata a esprimere la propriapersonale interpretazione del tema proposto, in un’evidente tensione tra fragilità e forza.Nur Moo* non è certo un nome nuovo per chi si occupa di arte e mondi virtuali. La sua famainternazionale in Second Life è confermata dai numerosi attestati ricevuti, dalla citazionesulla rivista di visual art online “Daydreaming Magazine” alla partecipazione alla mostraRinascimento Virtuale, presso la Fortezza da Basso a Firenze, curata nel 2008 da Mario Gerosa,aka Frank Koolhaas, caporedattore di “AD - Architectural Digest”. Di lei ha scritto ancheBeverly Millson, aka Bettina Tizzy, sul noto blog “Not possibile in Real Life”. Cinque dei suoivideo realizzati in Second Life sono stati esposti al Padiglione Madrid del Shangai WorldExpo 2010, in un contesto ricco di personalità artistiche del calibro di Peter Greenaway eSaskia Boddeke.Nella sua vita reale è artista, fotografa e graphic designer residente a Parma. La sua ricercavisiva è orientata verso il ritratto, il nudo e la fotografia glamour. Si è diplomata all’Istitutod’arte “Paolo Toschi” di Parma. Dopo aver frequentato un corso di fotografia all’Istituto d’artedi Urbino, ha svolto uno stage sulla “Fotografia di Moda” con la fotografa americanaDeborah Turbeville e uno stage sul “Nudo” con il fotografo francese Lucien Clergue.L’evento è realizzato in collaborazione con Centro audioprotesico Audiomedica e Hello! Foodstore (viale Mentana 106/A, Parma - prodotti alimentari di qualità da tutto il mondo).SPAZIO AUDIOMEDICA è un centro audioprotesico specializzato nellapplicazione degliapparecchi acustici. Grazie alla lungimiranza e alla passione per l’arte di Fabrizio e IsabellaSolari gli spazi di Via Repubblica si trasformano in ambienti a metà strada tra galleria d’artecontemporanea e centro di promozione di cultura a disposizione della città di Parma. L’ideanasce dalla volontà di concedere una libera piattaforma dove artisti e curatori a livellonazionale e internazionale possono incontrarsi e si prefigge di promuoverne l’opera.UFFICIO STAMPAMarco Mirabile, email: marco.mirabile@virgilio.it;Giada Lusardi, email: lusardi1@hotmail.it.5(–1)imaginary soundFotografie di Nur Moo*A cura di Marco Mirabile e Giada LusardiSPAZIO AUDIOMEDICAVia Repubblica 49, PARMA - Ingresso da B.go Collegio Maria LuigiaInaugurazione sabato 26 novembre ore 1826 novembre 2011 - 25 febbraio 2012Da lunedì a venerdì 9 - 12:30 / 15 - 19Sabato 9 - 12:30. Domenica chiusoFree entrance