Comunicare alle donne con figli: linguaggi, tendenze, cautele, opportunità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Comunicare alle donne con figli: linguaggi, tendenze, cautele, opportunità

on

  • 1,177 views

Com'è fatta la pubblicità che si rivolge alle madri di famiglia? E perché i padri hanno sempre una camicia azzurra? Si potrebbe fare qualcosa di più? Di diverso? Di meglio?

Com'è fatta la pubblicità che si rivolge alle madri di famiglia? E perché i padri hanno sempre una camicia azzurra? Si potrebbe fare qualcosa di più? Di diverso? Di meglio?

Statistics

Views

Total Views
1,177
Views on SlideShare
1,177
Embed Views
0

Actions

Likes
2
Downloads
27
Comments
1

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Comunicare alle donne con figli: linguaggi, tendenze, cautele, opportunità Comunicare alle donne con figli: linguaggi, tendenze, cautele, opportunità Presentation Transcript

  • KIDS Generazione 0 - 10 Milano, 6 - 7 maggio 2011 Comunicare alle donne con figli:linguaggi, tendenze, cautele, opportunità Annamaria Testa, Università Bocconi - Progetti Nuovi
  • Che modelli abbiamo in mentequando parliamo di madri?
  • Italia 2008: su 576.659 nuovi nati• 91.781 (15,91%) da madre straniera• 42.773 (7,41%) da madre over 40 o under 17• 113.025 (19,6%) da madre non sposata
  • Italia 2008: su 576.659 nuovi nati• 91.781 (15,91%) da madre straniera• 42.773 (7,41%) da madre over 40 o under 17• 113.025 (19,6%) da madre non sposata• tasso di fecondità 1.4 figli per donna• lavora il 50% delle donne 25/49 anni che hanno 1 figlio under 15 Ricerca Istat natalità e fecondità della popolazione residente: caratteristiche e tendenze recenti - 2010 (dati di riferim ento 2008) Ricerca Istat/Save the Children Rapporto Ocse Doing Better for families 2011 Ocse - Family database - Family, children and employment status
  • Madri, figli, famiglie: un universocomplesso e disorientante. In cuigli investimenti emotivi sono altissimi…
  • C’è chi ne parla con humour“…perchétanto figlio, aka il pupo,si diverte mio a sputare sul gattodei vicini, per giunta nel momentoesatto in cui i vicini escono di casa?(Paola, erounabravamamma) ”
  • …chi si fa domande…“…è vero che non ha preso niente , di grave. Solo unesentematicasolo un paio di febbroni, duecongiuntiviti e tosse cronica.Casa nostra è un percorso a ostacolitra monodosi di fisiologica efazzolettini appallottolati, ma potevaandare peggio, dice il nostropediatra. E io ne sono convinta.Ma... quando ci va al nido?E soprattutto quando io lavoro?(Caia, alezionedimammita) ”
  • …e ci sono ruoli inaspettati“Alle un bibe piccolo mugugna,vuole 6.30 il di latte… mi affretto.Scale veloci corridoio, entro incamera, non accendo la luce mi chinoe trovo due manine tese che miaspettano. Sono felice. Lo tiro fuorilo intubo, poi sulla spalla ruttinoveloce e di nuovo a nanna. Torno inbusta, sono le 6.50 ho le chiappefredde, mia moglie si attacca per ”scaldarmi, grata (e te credo!)(Rosco, professionepapà)
  • Che cosa sappiamo raccontaredi questo universo?
  • Neomamme e future mamme sono giovani, bionde,serene, bellissime…Le mamme che cucinano sono brune, magre, sorridenti,rilassate. Hanno i capelli lunghi, circa 25 anni. Sembra cheabitino tutte nella stessa casa, e nella stessa cucina, con lastessa luce perché fuori c’è sempre il sole
  • I padri hanno camicie azzurre, sono bruni, in forma,sorridono a mogli e figli, vanno o tornano dall’ufficio
  • …non vediamo mamme basse. Alte. Con gli occhiali.Over trenta. Stanche. Che lavorano. Che sono inritardo. Che ridono o sbuffano. Spettinate. In tuta…Non vediamo papà pelati. In maglietta. In pullover.Grassi. Operai. Barbuti. Over quarantacinque. O piùgiovani delle mamme…Non vediamo cucine disordinate. Piccole. Con unvecchio mobile, una piastrella o una tenda strana
  • … e quali modelli abbiamo in mentequando parliamo di bambini…
  • …che, per definizione, cambiano,e rappresentano il cambiamento?
  • I bambini si omologano per categorie merceologiche.Ghiotto e grato il bambino che mangia.Con accentuazioni di gender quello che gioca…
  • …quello della moda, piuttosto rigido… e guai se ride
  • Come evitare che tutto, e anche i prodotti,diventi uguale? Intercambiabile? Irreale?
  • Chicco Sicurezza: protagonisti diversiSanta Lucia Croccarelle: famiglie diverseIkea: dinamiche di relazione diverse
  • Peugeot 5008: ruoli diversi
  • Peugeot 5008: ruoli diversiKinder sorpresa: ruoli diversiGalbani Certosa: ambienti e bambini diversi
  • Che cosa ci può soccorrere nell’inventare altrestorie? Quali sono le opportunità da cogliere?
  • RealtàHuggies, Brasile (foto reali prese da Flikr)
  • SognoGatorade Kids - Brazil
  • Levis Kids, Singapore
  • Organic Town Baby Food - Hong Kong
  • ParadossoHot Wheels, Ungheria
  • Denim for Kids, Belgio
  • Chef Boyardee - USA
  • Evian babyinside:39 556 510 viewssu Youtube
  • EmozioneChancito Multimarket (promozione sulle verdure) - Perù
  • Lego, Germania
  • HumourWolkswagenPassat:37 523 180 viewssu Youtube
  • Folksam - ethical investments - Svezia
  • 5 domande da farsi per uscire dallostereotipo e riconoscere una comunicazionememorabile e distintiva:1 è semplice, diretta, fresca?2 trasmette un’emozione?3 racconta una piccola, grande storia?4 … e la storia è funzionale al prodotto?5 se no…
  • 5 domande da farsi per uscire dallostereotipo e riconoscere una comunicazionememorabile e distintiva:1 è semplice, diretta, fresca?2 trasmette un’emozione?3 racconta una piccola, grande storia?4 … e la storia è funzionale al prodotto?5 … l’agenzia è stata messa nelle condizioni didare il suo meglio? Il brief è chiaro sul problemae aperto a soluzioni inaspettate ed efficaci?
  • La cosa più importante è non smetteremai di domandare. Albert Einstein
  • Graziewww.annamariatesta.itwww.nuovoeutile.itwww.progettinuovi.it