Your SlideShare is downloading. ×
Le Biblioteche Fiorentine
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Le Biblioteche Fiorentine

1,670
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,670
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Le Biblioteche Fiorentine Novembre 2006 Luca Brogioni Coordinamento Sistema Documentario SDIAF
  • 2. Firenze città di Libri e di Lettori
    • Ministero Beni Culturali – Istituto per il catalogo unico ICCU - censisce un grande tessuto di Istituti Bibliotecari:
    • Comune di Firenze 325 Biblioteche
    • Provincia di Firenze 429 Biblioteche
  • 3. Patrimonio
    • Patrimonio bibliografico
    • Area fiorentina 11.000.000
    • Rapporto Libri per abitante 15,7
    • Standard minimo IFLA lib/ab 3
    • (Federazione internazione delle Associazioni dei bibliotecari)
  • 4. UNA SITUAZIONE INVIDIABILE PER I CITTADINI LETTORI?
    • L’accorta conservazione, le attività culturali in corso e la presenza di un vasto tessuto di istituti di valenza nazionale tra i quali risalta la BNCF e l’Università hanno fino ad ora garantito la conservazione e l’aggiornamento del grande patrimonio bibliografico cittadino e nazionale.
    • Gli investimenti passati non hanno però garantito la FRUIZIONE A TUTTI I CITTADINI
    • e le politiche di valorizzazione che è stato possibile attivare hanno incontrato solo in parte il grande pubblico di potenziali lettori
  • 5. LA FRUIZIONE Le Biblioteche Pubbliche aperte a tutti i lettori sono in realtà un numero molto inferiore: 14 Comunali 1 Statale con regole che limitano anche in queste, in alcuni casi (3), l’ingresso per età ai superiori a 14 o 16 anni
  • 6. Quanti leggono in biblioteca a FIRENZE?
    • Difficile dirlo per la presenza di tante biblioteche, di studenti, di acceso ai servizi di abitanti in un’area vasta o fuori sede
    • Iscritti bib. Comunali
    • 2004 41.790
    • Iscritti bib. Statali Universitarie
    • 2004 20.000 circa …….
    • tra il 15% e 20%
    Un numero superiore al 3% della media regionale
  • 7. AZIONI POSITIVE PER ALLARGARE FRUITORI
    • Estensione delle collaborazioni, della condivisione dei patrimoni e delle informazioni tra istituti, reti e sistemi bibliotecari che così buoni frutti hanno dato in questi anni con l’aumento generalizzato degli indicatori numerici.
    • Realizzazione di una GUIDA ai SERVIZI BIBLIOTECARI di area promossa già da Comune FI, BNCF, UNIVERSITA’, AIB in vista di una Conferenza cittadina sulla lettura / sulle Biblioteche
    • Nuovi servizi Bibliotecari (UNIFI, Comuni: CAMPI, FIRENZE, SCANDICCI, SESTO, CALENZANO, BARBERINO V.P. … )
  • 8. LA CONSERVAZIONE
    • Le Biblioteche che, accanto a funzioni di ricerca, specializzazione, servizio , valorizzazione, apertura e condivisione del patrimonio, pubblica lettura e altro, effettuano politiche di conservazione o hanno nei propri fini la conservazione del patrimonio bibliografico sono nella città
    • 315
  • 9. UNA SITUAZIONE INVIDIABILE PER LA RICERCA?
    • Una situazione con grandi luci e ombre
    • Grandi sforzi e passione del personale professionale impiegato
    • Mancanza di …………………….
    • In ogni Istituto si può elencare una o più carenze che rendono difficoltoso fornire il servizio al pubblico, accedere da parte del pubblico o addirittura mettono in pericolo l’esistenza stessa del patrimonio e della possibilità di espansione
    • Mancanza di una completa catalogazione informatizzata
  • 10. Come affrontare la conservazione in 315 Biblioteche?
    • Parole magiche del management di moda sono sinergia, rete, interconnessione, razionalizzazione …
    • Non vorrei essere confuso con i primi, ma per un rappresentate di una rete è obbligatorio fare pubblicità ai propri ”colori”
    • Un modo positivo di affrontare il problema può essere condividere:
    • dei processi
    • dei metodi
    • e in prospettiva degli spazi
  • 11. PROCESSI
    • Fruizione conservazione PERIODICI
    • Microfilmatura / digitalizzazione dei periodici
    • Se ogni istituto bibliotecario di conservazione microflmasse un periodico (suddivisi per possibilità economica per es.) e ne fornisse copia agli altri con investimenti contenuti per ognuno avremmo alcune centinaia di periodici microfilmati e/o digitalizzati liberando gli scaffali da molte copie cartacee e favorendo in molti più punti la consultazione Obiettivo 2008 = 100 p.
  • 12. La Collaborazione è possibile PROGETTO EMEROTECA DELLA CITTA’
    • In occasione d una forte crisi
    • La chiusura dell’Emeroteca del Vieusseux
    • il V., Palagio di Parte Guelfa, la Comunale Centrale, la BNCF e la Marucelliana con il sostegno della Regione Toscana
    • hanno collaborato per la reintegrazione della collezioni di conservazione prima dello scarto e per la fornitura sul territorio di microfilmature ….
  • 13. Ce la facciamo a riprenderla e a espanderla?
    • Grande soddisfazione dei colleghi coinvolti
    • Conservazione di alcune raccolte complete (o più complete)
    • Suddivisione dei compiti
    • - Pubblica lettura e prima informazione
    • - Conservazione e ricerca
    • - Offerta di livelli di ricerca sul territorio attraverso le copie delle microfilmatura
  • 14. Progetto 2007-2008
    • Sapere quali periodici sono posseduti catalogazione partecipata catalogazione derivata CONSERVAZIONE DIFFUSA UN PERIODICO PER ISTITUTO MICROFILMATO E/O DIGITALIZZATO DISTRIBUITO ALLE ALTRE
  • 15. Obiettivi
    • Individuare 20 soggetti e 20 testate
    • fattibili con le forze a disposizione
    • Produrre i microfilm e/o le digitalizzazioni distribuirle in tutte le Biblioteche partecipanti in interscambio
    • Razionalizzare lo scarto
    • Moltiplicare il servizio e l’informazione al pubblico.
    • Messa in rete varierà secondi i problemi del ©
  • 16. Catalogazione
    • Attualmente le procedure si moltiplicano per un numero impressionante di Istituti
    • ancora incompleta diffusione tecniche di derivazione e partecipazione della catalogazione
    • Ritardo nella messa a disposizione delle nuove edizioni (legato anche ai fondi di acquisizione, ai tempi del deposito obbligatorio ecc.)
  • 17. Alcuni dati sul deposito obbligatorio
  • 18. Conservazione doni e patrimoni in dispersione
    • Biblioteche d’autore
    • di personalità
    • di soggetti giuridici
    • Biblioteche associazionismo
    • PROBLEMA CARENZE DEI SINGOLI ISTITUTI PREPOSTI
    • PROBLEMA MOLTIPLICARSI ISTITUTI
    • PREPOSTI E CONSEGUENTE ULTERIORE SUDIVISIONE DELLE RISORSE A DISPOSIZIONE (anche in presenza di un aumento globale)
    • IMPOSSIBILITA’ DI TRATTAMENTO DI NUOVE ACQUISIZIONI DI FONDI
  • 19. Scarto coordinato
    • Esiste un problema di completamento delle collezioni monografiche e multimediali come per i periodici?
    • Se la risposta è Si,
    • Potremmo creare una “camera di compensazione virtuale” nella quale controllare le liste di scarto prima della definitiva eliminazione, immissione nei circuiti del bookcrossing ecc.
    • Valutazione costi/benefici
    • Individuazione soggetti – normalizzazione liste
  • 20. Cosa si Scarta?
    • Lo scarto dovrebbe essere una pratica ordinaria per le biblioteche non strettamente di conservazione
    • I tempi di scarto, gli atti amministrativi,
    • il timore di creare lacune scartando alcune tipologie di materiali hanno fino ad ora frenato molto queste attività.
    • Collaborazione/Convenzione di area tra più istituti può semplificare la “vita” e incentivare questa pratica in termini positivi di conservazione e non solo di eliminazione
  • 21. DEPOSITI COLLETTIVI
    • 1) Rafforzare in una ottica di rete e di
    • collaborazione i depositi esistenti
    • Es. DEPOSITO MARUCELLIANA
    • a Reggello
    • Realizzare / Sostenere
    • - servizio corriere
    • - servizio movimentazione materiali nel deposito (nel/i giorno/i del corriere)
  • 22. DEPOSITI COLLETTIVI
    • 2) PROGETTARE IN MODALITA’ COOPERATIVA LA REALIZZAZIONE DI NUOVI DEPOSITI E LA LORO GESTIONE PER LA CONSERVAZIONE E IL SERVIZIO COLLETTIVO
    • RINUNCIA ALLA ESCUSIVITA’
    • ELIMINAZIONE SOVVENZIONI DIFFUSE
    • PER LA CONSERVAZIONE
    • Es. a livello Archivistico sono già iniziati i colloqui e gli studi preliminari per un ipotetico deposito collettivo