Your SlideShare is downloading. ×
Seduta Consiliare del 25 luglio 2012                                   Convocazione ore 9.00.ORDINE DEL GIORNO:1)     Dimi...
PRESIDENTESindaco, prego.Consigliere LITURRIScusa Presidente posso chiedere la norma che prevede che si saltano i prelimin...
mano, la proposta di cui sopra, che viene approvata.Il Consiglio viene sospeso.Il Consiglio riprende.PRESIDENTERifacciamo ...
soprattutto perché viene convocato un Consiglio Comunale alle nove di mattina quando tutta la gente èa lavoro e quindi se ...
sera, l’ho fatto presente ad alcuni amici, Polizia di Stato che mi hanno dato conferma delle cose cheabbiamo deliberato e ...
gestione della rete gas metano e abbiamo verificato che dovremmo recuperare e quindi inserire inBilancio un minimo di 400m...
PRESIDENTEScusa consigliere Didonna, ha chiesto di parlare il Consigliere Liturri.Consigliere LITURRICome abbiamo fatto og...
ve lo ripeto - é dovuta all’incompetenza totale che il Sindaco ha nel settore che lui ricopriva e che havoluto stringere a...
Grazie mille. Penso che tutti sono d’accordo perché queste cose la cittadinanza e i Consiglieri ledevono sapere. Completia...
Le ho già detto che la querelo per diffamazione.Consigliere DIDONNANon ha aggiornato i Consiglieri Comunali che ci sono de...
Consigliere, ma lei deve stare attento! Deve avere più rispetto di questa assise, deve avere unlinguaggio più consono.Cons...
La politica buona è una sfida per tutti, lo dico a me per primo che sono un giovane e mi sentocomunque corresponsabile anc...
supporto questa coalizione ma soprattutto lei, signor Sindaco, è e resta un mero dubbio esercizio dipotere che già di per ...
Ciavarella Giuseppe insieme al Segretario del PD, Antonello Paciolla, hanno utilizzato quell’accordosolo per mettere le ma...
carica di vice-Sindaco, così come si fà con il formaggio per catturare i topi, non sarebbe meglio che leisi prendesse una ...
portato in maggioranza tre Consiglieri eletti democraticamente dai cittadini noiani in opposizione, tuttoquesto secondo me...
PRESIDENTELa parola al Sindaco.SINDACOSignor Presidente del Consiglio, signori Consiglieri, signori Assessori, sono qui og...
bene comune, pensando con la loro testa.Il mio più grande ringraziamento va a tutti quei concittadini, uomini e donne, che...
quando si diceva che ogni sei mesi si sarebbero interfacciati con i cittadini, ma in campagna elettorale èsin troppo facil...
comportamentali, tutt’altro, le differenze ci sono, sono venute fuori e impongono precisicomportamenti di dissenso e dista...
convivenze tra i FLI e PD", smentitemi se quello che dico è falso, ma se non ricordo male proprio voi ilgiorno del 13 lugl...
impresentabile e spiegherò perché. Quello che oggi si vede sostanzialmente dai veleni che sono emersiè che è saltato il co...
non sono artefice di queste scelte, sono assolutamente contrario a quello che si sta facendo, lo vogliodire con chiarezza,...
a scuola guida o il PD ha deciso - coerentemente - di andarsi a schiantare salendo sulla macchina di chi,a detta loro, è s...
questo comune, organizzare meglio i servizi e la loro gestione, internalizzare la gestione e lariscossione dei tributi ris...
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Trascrizioni cc del 25.07.12
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Trascrizioni cc del 25.07.12

705

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
705
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Trascrizioni cc del 25.07.12"

  1. 1. Seduta Consiliare del 25 luglio 2012 Convocazione ore 9.00.ORDINE DEL GIORNO:1) Dimissioni del Sindaco presentate con nota prot. 16872 del 16/07/2012.PRESIDENTEProcediamo allappello. Prego Segretario.Il Segretario Generale procede allappello, risultano presenti nr. 15 Consiglieri Comunali.PRESIDENTEQuindici presenti, due assenti, la seduta è valida. Entra il Consigliere Tortelli. Adesso deve relazionareil Sindaco poiché allordine del giorno ci sono le comunicazioni da parte dello stesso. A norma dellostatuto non ci sono preliminari, poi ci saranno gli interventi. Prego Sindaco se vuol relazionare.Interviene il Consigliere Didonna fuori microfono.PRESIDENTEConsigliere di Didonna, quando il Sindaco farà la relazione lei...Interviene il Consigliere Didonna fuori microfono.PRESIDENTEIo la parola non gliela do, lei può fare la relazione, tenga presente che la volta precedente avrei potutonon convocare il Consiglio.Consigliere DIDONNAHa convocato il Consiglio alle 09:00 per non far partecipare i cittadini, mi vuol dare la parola percortesia? Sta facendo il padrone di che cosa?PRESIDENTECerchi di essere più educato Consigliere.Consigliere DIDONNAIo sono educato, mi dia la parola.PRESIDENTELa parola al Sindaco per la relazione.Consigliere DIDONNAIl primo ti devi dimettere tu per questo comportamento, il primo ti devi dimettere tu, non il Sindaco, epoi vedremo, non ti preoccupare. 1
  2. 2. PRESIDENTESindaco, prego.Consigliere LITURRIScusa Presidente posso chiedere la norma che prevede che si saltano i preliminari?PRESIDENTEScusi Consigliere Liturri, la volta precedente, quando lei era Presidente del Consiglio, lei non feceneanche questo passaggio.Consigliere LITURRILei é più bravo di me, ora mi dice gentilmente qual é la norma che regola il salto dei preliminariallinterno del regolamento, larticolo gentilmente. Lo chiedo al Segretario.PRESIDENTESegretario, prego.SEGRETARIO GENERALECon riferimento alla norma che disciplina lodierna seduta dobbiamo richiamare lo statuto comunale.Abbiamo due norme parzialmente confliggenti tra loro, abbiamo la parte finale del regolamento elarticolo 43 del regolamento che disciplina le dimissioni del Sindaco. Lo leggo testualmente, dice: "IlSindaco può dimettersi dalla carica mediante comunicazione orale e diretta al Consiglio Comunale,ovvero mediante comunicazione scritta inviata al Presidente del Consiglio per la conseguentepresentazione a tale organo collegiale. Il Presidente entro due giorni dalla comunicazione di cui alcomma precedente convoca il Consiglio Comunale la cui seduta deve tenersi nei due giorni successiviper dibattere sulle dimissioni presentate. Le dimissioni del Sindaco diventano irrevocabili trascorso iltermine di 20 giorni dalla loro presentazione, nel caso in cui le dimissioni del Sindaco sono divenuteirrevocabili ai sensi del comma precedente la Giunta decade e si procede allo scioglimento delConsiglio. Avvenuto lo scioglimento del Consiglio, il Consiglio e la Giunta rimangono in carica finoallelezione del nuovo Sindaco, fino alla predetta elezione le funzioni del Sindaco sono svolte dal viceSindaco", questo articolo é anche in contrasto con la successiva norma contenuta nel Testo Unico,soprattutto con riferimento al quinto e ultimo comma. Ora, per quanto riguarda invece la parte piùrecente che disciplina le dimissioni del Sindaco, dobbiamo rifarci allarticolo 26 dello statuto comunaleche é quindi parte e va ad assorbire quanto contenuto nellarticolo 43 del regolamento. Larticolo 26disciplina le dimissioni al quarto comma e recita: "Le dimissioni del Sindaco sono presentate periscritto al Presidente del Consiglio il quale ha lobbligo di riunire il Consiglio entro i successivi 10giorni". Altro non dice né lo statuto né il regolamento.Consigliere LITURRIE quindi se non dice nulla bisogna continuare come ogni assise consiliare, bisogna andare avanti con ipreliminari, non cé niente di scritto quindi si fanno i preliminari e successivamente si passa al punto eil Sindaco comunicherà le dimissioni.PRESIDENTEChiedo 5 minuti di sospensione chi é favorevole?Non essendoci ulteriori richieste di intervento, il Presidente pone in votazione palese, per alzata di 2
  3. 3. mano, la proposta di cui sopra, che viene approvata.Il Consiglio viene sospeso.Il Consiglio riprende.PRESIDENTERifacciamo l’appello, faremo i preliminari.Consigliere RIZZOChiedo scusa Presidente, chiedo scusa ai Consiglieri del Gruppo Misto, ma c’è la questione delladiretta che vorrei chiarire.PRESIDENTEProcediamo allappello.Il Segretario Generale procede all’appello. Risultano presenti nr. 17 Consiglieri Comunali.PRESIDENTELa seduta è valida. Consigliere Rizzo.Consigliere RIZZOGrazie. Solo per chiarire, Presidente, lei ha fatto - non so che cosera - un ordine di servizio, una nota,in cui ha detto che le dirette del Consiglio Comunale non si possono fare a meno che non sia achiederlo una testata giornalistica. Allora, ho chiesto a una testata giornalistica autorizzata, apagamento nostro, visto che voi non la volete fare la diretta, di venire a registrare il ConsiglioComunale e io so che è stata fatta la richiesta. Siccome nella sua comunicazione non si diceva "con unpreavviso sufficiente a permetterci di andare a mettere la faccia dove la dovreste mettere", ci diceperché questa mattina ha vietato la diretta?PRESIDENTEGlielo dico subito. Innanzitutto non le permetto di dire "la faccia dove la deve mettere", perché ognunola faccia la mette dove vuole e sono gli altri che devono giudicare, in primo luogo; in secondo luogo,non mi sembra corretto, 10 minuti prima del Consiglio Comunale far pervenire la comunicazione, ionon ho nulla da dire, però 10 minuti prima del Consiglio Comunale…Interviene il Consigliere Rizzo fuori microfono.PRESIDENTEMa anche il giorno prima, non mi sono mai opposto, ma non si può 10 minuti prima del Consiglio,Consigliere. Ma stiamo scherzando? Anche perché ho il dovere di verificare tutte le cose, è un miopreciso dovere, se poi ogni cosa è un momento speculativo, fate la politica che volete, però è undiscorso che non c’entra.Consigliere LITURRIPresidente, scusi, come si è sempre fatto, ogni volta, dovremmo mettere ai voti la presenza dellatelecamera, perché se c’è questa richiesta fatta dal Consigliere dove la cittadinanza in un momento dicrisi vuole chiarezza su quanto sta accadendo in questo comune, è necessario che ci sia una diretta web, 3
  4. 4. soprattutto perché viene convocato un Consiglio Comunale alle nove di mattina quando tutta la gente èa lavoro e quindi se si vuole vietare alla gente di non ascoltare e sapere quello che è accaduto lodiciamo e non facciamo il Consiglio. Io preferisco non andare avanti se non c’è la diretta web.PRESIDENTEConsigliere Didonna.Consigliere DIDONNAPresidente, innanzitutto vorrei che la proposta del Consigliere Rizzo venisse messa ai voti perché è unaproposta di democrazia anticensura, perché non siamo per la censura in quanto i cittadini devono sapereche cosa è successo e cosa abbiamo intenzione di fare, per cortesia mettete ai voti la proposta laproposta fatta da Rizzo. Inoltre è stata comunicata ad un’altra emittente la possibilità di nonpartecipare, arbitrariamente il Presidente l’ha fatto senza consultare nessuno nè della maggioranza nèdell’opposizione.PRESIDENTEBene, mettiamo ai voti la proposta del Consigliere Rizzo. Vengono nominati scrutatori Gerardo Decaroper la maggioranza e Vitangelo Anelli per la minoranza.Chi è favorevole alla ripresa della diretta web?Non essendoci ulteriori richieste di intervento, il Presidente pone in votazione palese, per alzata dimano, la proposta di cui sopra che viene respinta.PRESIDENTEOtto a favore, contrari nove. La proposta viene respinta.PRESIDENTEConsigliere Didonna prego.Consigliere DIDONNAInnanzitutto, vorrei evidenziare, sin dalla partenza di questo Consiglio Comunale, una situazionealquanto di parte del Presidente del Consiglio che ha asserito che c’erano nelle norme statutarie e diregolamento le possibilità di non prevedere i preliminari. Il Segretario gli ha dimostrato il contrario;come anche ha comunicato a tutti i Consiglieri di prendere posto nella situazione di maggioranza eopposizione, noi ci sentiamo eletti dai cittadini e rimarremmo qui fino a quando non ci saranno normediverse. Le sue decisioni non sono per niente accettabili.Entrando nel merito del mio preliminare vorrei pubblicamente ringraziare il Presidente della QuartaCommissione Consiliare, Antonio Tripolini, che ieri con la sua presenza ci ha consentito di raggiungereil numero legale per esaminare importanti argomenti all’ordine del giorno che io e il consigliereCocchiarale avevamo chiesto di inserire. È sicuramente un ordine del giorno che investe tutta lacollettività, di estrema importanza e ritengo che sia stata la commissione più importante degli ultimianni in cui amministriamo Noicattaro. Veniamo ai fatti. Per quanto riguarda il problema dellariduzione fiscale che il Partito Democratico - vi dico subito - a trucco ha pubblicato con chiacchierevuote, non ha partecipato un suo componente alla commissione che ho precedentemente indicato, senzamotivazione alcuna, quindi in una commissione che vedeva gli interessi dell’intera collettività eraassente il PD che entra in maggioranza, non sappiamo perché e come, e non fà - secondo il mio parere -gli interessi dellintera collettività. Abbiamo votato a maggioranza e dato il nostro parere a tutte leargomentazioni che adesso vi illustrerò, ed ho chiesto pure, anzi è il contrario, sono venuti da me ieri 4
  5. 5. sera, l’ho fatto presente ad alcuni amici, Polizia di Stato che mi hanno dato conferma delle cose cheabbiamo deliberato e che sono nell’interesse di tutti. La Polizia di Stato significa i poliziotti, insostanza.Entriamo in merito agli argomenti, devo essere molto veloce, parlo a nome mio e del ConsigliereCocchiarale, quindi il Presidente mi deve dare il doppio dell’orario che mi spetta. Era inserito al primopunto all’ordine del giorno la situazione - molto probabilmente i cittadini non sanno - che deve esserecostruito nel Comune di Cellamare, a ridosso della zona industriale, la zona PIP di Noicattaro, unadelle più belle zone industriali di Noicattaro, dove - è probabile, ma ne sono anche sicuro - i fumi cheemetterà questo impianto e le sostanze tossiche cancerogene oltre a portare malattie all’interacollettività, farà scomparire la zona industriale da dove attualmente si trova; pertanto abbiamodeliberato con parere, non abbiamo potere di deliberare, abbiamo a maggioranza dato unindicazione alPresidente del Consiglio per una riunione monotematica dell’argomento da inserire a uno dei prossimiConsigli Comunali, se non al prossimo. Abbiamo anche inserito per questo stesso argomento lapossibilità dell’istituzione di una commissione speciale che approfondisca - questo fatto lo abbiamo piùvolte determinato nelle stesse commissioni - il progetto stesso, dove deve essere costruito, che fumiemetterà, che sostanze brucerà; ed abbiamo anche suggerito che è possibile, al contrario della propostafatta dalla Regione Puglia e dall’ATO, la possibilità della costruzione di un impianto diverso che non èinquinante, che produce energia elettrica per la collettività anche di Noicattaro, in quanto è confinantecon Cellamare, a costo zero e che potrebbe portare a Noicattaro un risparmio di circa 500mila euro,quanti sono gli importi che noi paghiamo per l’energia elettrica.Al secondo punto, dove abbiamo espresso anche qui parere positivo, abbiamo individuato i vari capitolicon degli emendamenti allo scopo - per cortesia, Tortelli, come ti chiami, statti zitto, fammi parlare enon provocare, poi rispondimi! Va bene o no? Non ti và bene? Mo’ ti andrà bene quando parlerò di te.Quindi questi volevano, ecco perché abbiamo sottoscritto a chiari lettere, che non volevamo per icittadini la tassazione dell’IRPEF, dell’IMU e vogliamo necessariamente ed obbligatoriamente, così mihanno confermato la Polizia di Stato, la restituzione delle somme che noi tutti abbiamo sborsato per ilpagamento della tassa dei rifiuti solidi urbani che si aggira a circa 2 milioni di euro e cheobbligatoriamente, senza prerogative, deve essere restituita ai cittadini. Abbiamo già consultato deilegali in merito alla restituzione degli importi, quasi certamente proporremo una sottoscrizione di tuttala collettività in quanto gli importi non sono pochi, immaginate per un negozio che paga un migliaio dieuro per altre attività, per le case stesse, per la seconda abitazione, eccetera, eccetera, quindi ci sono piùdi 2 milioni di euro che siamo obbligati a restituire all’intera collettività. Per quanto riguarda gliemendamenti proposti sono questi: abbiamo individuato negli introiti degli oneri di urbanizzazioneimporti in più rispetto a quelli previsti, quindi prendendo il 50% degli oneri di urbanizzazione,prendendo un altro importo che dobbiamo necessariamente recuperare dalla distribuzione della rete gasmetano che si aggira a circa 400mila euro, vi devo dire su questo uninformativa che è necessario chetutto il Consiglio sappia, stranamente io e il Consigliere Cocchiarale, non so se c’era qualche altro, nelcorridoio adiacente alla stanza del Sindaco abbiamo individuato una figura particolare, mai vista nelComune di Noicattaro, a questo punto gli chiedemmo: “Scusa hai bisogno di qualcosa?” - come disolito facciamo noi - e questo ci fa: “Sì, dobbiamo vedere un attimino di recuperare 60, 70mila euro”.“E tu chi sei?”. "Io sono un avvocato messo in supporto del Rup (questo è un altro marchingegno perfar sì che certe situazioni non avvengono in presenza del Consiglio Comunale), per recuperare 60,70mila euro per far sì di prorogare il servizio alla stessa ditta che attualmente lo ha in gestione". Iopersonalmente sono quello che và ad approfondire la situazione e insieme al vice Sindaco, ex viceSindaco, Stefano Decaro, abbiamo reperito una legge, quindi non servivano i supporti al Rup che noipagheremo con i soldi dei cittadini, non sappiamo chi fosse, non sappiamo quanto prenderà, nonsappiamo chi l’ha messo, chiaramente è sempre un cittadino non di Noicattaro, vanno a scegliere lepersone che non sono mai di Noicattaro. A questo punto abbiamo trovato la norma di riferimento della 5
  6. 6. gestione della rete gas metano e abbiamo verificato che dovremmo recuperare e quindi inserire inBilancio un minimo di 400mila euro per fare in modo che i cittadini non pagano l’addizionale IRPEF;questi sono i fatti, non servono i legali per darci queste notizie, sono normate dalla legge. Quindi tra glioneri di urbanizzazione e questi copriamo l’intero importo IRPEF che dobbiamo togliere totalmente,non parzialmente, oppure per niente, secondo il mio parere.Per quanto riguarda un atto deliberativo che dà atto di un falso in Bilancio, è l’atto deliberativo nr. 57del 12/06, falso in Bilancio, - io mi sto assumendo delle grosse responsabilità anche di carattere penale- è la delibera di Giunta Municipale nr. 57 del 12/6/2012, dove sono state determinate le aliquote, cioèle tariffe che noi dobbiamo pagare per i rifiuti solidi urbani. Mi sono fatto un conticino, siamo stati seimesi insieme agli altri Consiglieri a fare questo lavoro e abbiamo verificato una cosa incresciosa,signori miei, signori Consiglieri, che il costo per il servizio di igiene urbana è di circa 3 milioni650mila euro. Che cosa fanno con questo atto deliberativo? Determinano le tariffe, poi vado a vedere seè di competenza di Giunta, secondo me é di competenza del Consiglio perché ci sono dei TAR chehanno dato ragione ad alcuni Comuni che hanno fatto ricorso, hanno determinato il 99% dell’introitoper 4 milioni 150mila euro. Che significa? Che noi abbiamo un servizio che costa 3 milioni 650 edobbiamo introitare il 99%, cioé 450mila euro in più rispetto al costo. Ma stiamo scherzando? Doveteridurre tutti gli importi almeno del 20/25%, tutti gli importi per tutti i cittadini già da questo attodeliberativo, quindi bisogna revocarlo, portarlo in Consiglio e ridurlo di quell’importo. In casocontrario manderemo tutta la documentazione alla Procura della Repubblica della Corte dei Conti per ilcontrollo sugli atti. È scontato questo fatto qua, ve lo posso affermare analiticamente, se avete un po’ dipazienza convocheremo ad hoc un’assemblea cittadina per tale argomento. Poi... che cosa? Calma,calma, mo’ dobbiamo parlare pure di te, non mi dare fretta. Per quanto riguarda poi… ci sono statigià i primi atti che sono stati mandati alla Procura della Repubblica, cioè abbiamo proposto, quello cheindagherà e io andrò a rispondere, alla Procura della Repubblica della Corte dei Conti e ci aggiungereipure alla Procura della Repubblica della Corte dei Conti per il controllo degli atti, quest’altraproblematica che riguarda il mancato raggiungimento del 36 e rotti per cento della raccoltadifferenziata. Cioè, se noi facevamo, io l’ho sollecitato centinaia di volte all’allora, non so se adesso èancora delegato, ma purtroppo devo dire incompetente del Sindaco, incompetente sulla materia, hosollecitato più volte di fare una riunione ad hoc per il discorso della raccolta differenziata, perchéavevamo l’obbligo di raggiungere certi obiettivi, questi obiettivi non sono stati raggiunti, c’è laresponsabilità diretta per mancato introito e perché il comune ci rimette milioni di euro per non averfatto quel tipo di raccolta differenziata, adesso rispetto a altre sentenze che io ho allegato ieri allacommissione chi è responsabile deve pagare di tasca sua quanto è dovuto per fare in modo che entranonelle casse del Comune ciò che ci hanno fatto sperperare.PRESIDENTEChiedo scusa, Consigliere Didonna, l’articolo 18 al comma 2 recita: "L’esame dell’argomento di cui alprecedente comma non può avere durata superiore e gli interventi non possono superare i 5 minuti". Gliinterventi non possono superare i 5 minuti! Lei ha detto che parlava per il Consigliere Cocchiarale, leho dato un quarto d’ora di tempo.Consigliere DIDONNAScusa, non è proseguiamo o non proseguiamo, non volete fare sapere ai cittadini…PRESIDENTEConsigliere DIDONNA…un’intera collettività. 6
  7. 7. PRESIDENTEScusa consigliere Didonna, ha chiesto di parlare il Consigliere Liturri.Consigliere LITURRICome abbiamo fatto ogni volta in Consiglio Comunale, siccome si sta trattando temi di interessegenerale, è vero che il Regolamento dice "5 minuti", il Consigliere Didonna ha superatoabbondantemente i 5 minuti, però il Consiglio Comunale può tranquillamente decidere di proseguireoltre i 5 minuti trattandosi di temi di interesse generale. Stiamo spiegando ai cittadini quello che èaccaduto e quindi ci state togliendo la diretta, ora vediamo quanta gente c’è per ascoltare quanto dilosco è stato fatto finora...PRESIDENTESenta, lei non può usare questi termini.Consigliere LITURRINo, li ho usati ad hoc, sono giusti. Quindi, io preferirei, e tutti i Consiglieri Comunali possiamodecidere, di fare continuare il Consigliere Didonna e far protrarre gli interventi per qualche minuto inpiù trattandosi di temi generali. Grazie.PRESIDENTEConsigliere Didonna, ieri mi è stato chiesto l’utilizzo della sala consiliare per spiegare ai cittadini - daparte del Gruppo Misto - le problematiche, l’ho concesso senza alcun problema, per cui ieri poteva fareil suo comizio, non certo oggi, perché nel momento in cui lei và oltre, siccome deve durare un’ora, leipreclude la possibilità agli altri Consiglieri di intervenire.Consigliere RIZZOPresidente, glieli do io i miei 5 minuti.Consigliere DIDONNAGrazie.PRESIDENTEAltri cinque minuti.Consigliere DIDONNARingrazio il Consigliere Luigi Rizzo per avermi concesso ulteriori 5 minuti, purtroppo ho tanto da diree quindi probabilmente saranno insufficienti. Adesso vado a braccio, dovrei dare dei dati precisi…Consigliere Vitangelo ANELLIGiovanni, non ti preoccupare, ti do gli altri cinque io se hai tutto questo da dire.Consigliere DIDONNARitornando al manifesto che ha fatto il PD, dove ha affermato con molta chiarezza della fallimentareamministrazione precedente, ci rendiamo conto di quello che scrivono? Io, invece, voglio affermare checi sono degli Assessori che hanno lavorato, che non hanno nessuna colpa, a differenza di quelli che nonhanno lavorato, li dobbiamo individuare e li dobbiamo responsabilizzare. Secondo il mio parere trepersone hanno la responsabilità della stasi di carattere amministrativo nelle loro deleghe, in primis - e 7
  8. 8. ve lo ripeto - é dovuta all’incompetenza totale che il Sindaco ha nel settore che lui ricopriva e che havoluto stringere a se stesso, la pulizia urbana e igiene urbana, ha ridotto il paese a una sfacelo diimmondizia, basta vedere i cassonetti, la situazione igienico-sanitaria dei pozzetti pluviali della fognabianca, mai puliti, quando poi abbiamo dato più volte in terza commissione, presieduta daMassimiliano Antenore, il sollecito di intervenire sui pluviali con una certa celerità perché provocavanomalattie di carattere infettivo e non solo per la presenza di ratti, di insetti, di zanzare e quel fetore cheemanano in tutto il paese che non è più possibile sostenere, tant’è che la gente molto spesso chiude lefinestre per non sentirlo. Il Consigliere Antenore - non capiamo perché, c’è la testimonianza di tantialtri Consiglieri - dopo che abbiamo individuato la poco igienicità di questi pluviali ha modificato ilpensiero della maggioranza della commissione più volte dicendo che i pluviali sono estremamentepuliti, andate a verificare voi come sono puliti! Questa cosa veniva fatta prima del collaudo e la dittaappaltatrice aveva l’obbligo di andarli a pulire gratuitamente, adesso vedremo un attimino che cosa cicosterà la pulizia di quei pluviali. Pertanto, avevo proposto all’allora Sindaco di fare riunioni suriunioni per fare in modo che avevamo la possibilità di portare a termine un progetto molto, moltosemplificato, di una facilità unica, quello della raccolta differenziata porta a porta, che prevedeva ladistribuzione - così come hanno fatto a Rutigliano, ha fatto bene Isa pure a prendere informazionisull’argomento, la ringrazio per questo - con un enorme abbattimento dei costi che si aggira su circa unmilione di euro, noi attualmente paghiamo per la biostabilizzazione, circa un milione e 400mila euro,quindi questi soldi vengono recuperati con la vendita della raccolta differenziata (vetro, plastica e tuttoil resto). Analiticamente vi posso dimostrare quanto sto affermando. Un’altra cosa che mi fà veramenteribrezzo nel volantino del PD, non si capisce bene, che cosa vogliono fare della gara della N.U.? Checosa vogliono fare questi personaggi? Volete sapere che cosa vogliono fare? Vogliono raddoppiare(anziché ridurre al 50%, avete già sborsato i soldi sulle cartelle che avete pagato) con questo sistema digara, un sistema di gara che prevede l’esclusione - Presidente forse lei non lo sà ma la ditta diRutigliano non può partecipare se và in porto questo disciplinare e questo capitolato - delle ditte serie,delle ditte che hanno la possibilità di fare un servizio ottimale, ma stiamo scherzando? Come si faquesta gara? Siccome ne ho fatte tantissime, ve lo suggerisco: dovete soltanto quantificare un importoche si aggira sui 100 euro per ogni abitazione e mettere in gara l’importo totale al massimo ribasso conla media così tutte le ditte a livello europeo e a livello anche locale, anche le ditte più piccole, possonopartecipare, non escludere nessuno. Il PD dia qualche suggerimento in tal senso, confrontiamoci, é veroche verremo in Consiglio Comunale, faremo i conti. L’altra situazione che voglio far emergere è quellache oltre al Sindaco che non ha fatto niente per migliorare il servizio, abbiamo quella che ha lavoratoefficientemente per tassare, tassare, tassare la cittadinanza, l’Assessore Anita Palmieri, che ha dettodelle tasse - dopo che io personalmente ero contrario all’introduzione delle tasse - “no, sonoobbligate", "non abbiamo disponibilità”, per fortuna il Comune di Noicattaro ha una disponibilità chenon si immagina, addirittura - prendiamo gli ultimi tre anni - per tre anni non ha utilizzato 400mila europer aiutare i bisognosi, per aiutare i disoccupati, per aiutare la gente emarginata, non li ha mai utilizzati.PRESIDENTEConsigliere Didonna, anziché cinque, le ho dato sette minuti d’intervento.Consigliere DIDONNAMi ha dato gli altri cinque l’altro.Consigliere ANELLI VITANGELOConcedo i miei 5 minuti previsti per i preliminari al Consigliere Didonna.Consigliere DIDONNA 8
  9. 9. Grazie mille. Penso che tutti sono d’accordo perché queste cose la cittadinanza e i Consiglieri ledevono sapere. Completiamo con il comportamento poco corretto che il Sindaco di volta in volta mettein atto per motivi trasformistici, non coerenti con le procedure normali che la collettività ha indicato,cioè và da Destra a Sinistra a reperire personaggi, non sappiamo per quale motivo, ha umiliatoprecedentemente l’ex Sindaco Maurizio Innamorato senza motivazione, gli ha revocato le suecompetenze; ha umiliato Stefano Decaro, un vice Sindaco abbastanza attaccato alle problematiche deicittadini, non sappiamo, non c’è due senza tre, se umilierà pure l’avvocato Giovanni Benedetto. Aproposito di avvocati, voglio chiedere al Sindaco quali sono i criteri per poter individuare quando si dàun incarico esterno per legali? Mi risulta che fino adesso sono stati dati 4 o 5 incarichi di caratterelegale e i noiani sono stati completamente ignorati, noi abbiamo centinaia di lavoratori, avvocati diNoicattaro, siamo andati a reperire l’avvocato Schittulli, chi è questo Schittulli? Di Destra, di Sinistra,non ho capito! Ma non ci sono legali a Noicattaro per potergli dare questo incarico? Io penso che cisono professionisti in gamba. Un altro avvocato preso così, che non mi ricordo nemmeno il nome,l’avvocato Nitti. Chi è l’avvocato Nitti? Sì, sono dei bravi professionisti, ma a Noicattaro cédisoccupazione degli avvocati, questi professionisti che ho appena citato sono tutti nell’ambito dellaprovincia dove il signor Sozio presta la sua attività politica. Se sono questi i metodi, come potevamoapprovare e portare avanti un’amministrazione?Passiamo al terzo individuo, che secondo il mio parere non è una persona al di sopra delle parti, ilsignor dottor Pino Fonzo. Pino Fonzo deve essere cosciente e deve prendere atto che non è stato votatodall’attuale maggioranza e pertanto deve rassegnare le dimissioni perché nella sua elezione sta il miovoto, sta il voto di Cocchiarale ed è bene che si dimetta nel più breve tempo possibile.PRESIDENTEChiedo scusa, lei sa benissimo, lei dovrebbe sapere con la sua esperienza che esiste uno statuto per cuise lei ritiene che ci siano le condizioni, segua lo statuto, raccolga le firme e faccia la richiesta. Non cisono problemi!Consigliere DIDONNALei sa benissimo quali sono le procedure, per correttezza, per la moralità e tutto il resto lei devedimettersi. Lasci stare!PRESIDENTEGuardi, di moralità…Consigliere DIDONNAA questo punto lei mi sta provocando.E mo’ glielo dico pure, non è nella logica dei comportamenti di un Presidente del Consiglio che duranteil Consiglio, alle spalle dei Consiglieri, ragazze esponga dei porno Belen. Questo non é possibile!PRESIDENTELe dico subito che io la querelo per diffamazione.Consigliere DIDONNAChiedetelo a tutti i Consiglieri presenti in Consiglio. Oltre al fatto che lei doveva informare iConsiglieri Comunali delle missive della Corte dei Conti e non lha mai fatto, missive che prevedevanoe prevedono norme di trasparenza per portare avanti alcune gare dappalto.PRESIDENTE 9
  10. 10. Le ho già detto che la querelo per diffamazione.Consigliere DIDONNANon ha aggiornato i Consiglieri Comunali che ci sono delle lettere anonime nelle quali sono facilmenteindividuabili delle responsabilità, pertanto lei ha l’obbligo di aggiornare il Consiglio Comunale, se c’ènecessità di fare delle sedute senza il pubblico, le chiediamo pure, però ha l’obbligo di aggiornarli e poidi mettere in atto tutte le procedure affinché non ci sia evasione fiscale o protezione fiscale per alcunisoggetti.PRESIDENTELe lettere anonime non hanno valenza giuridica. Tra laltro le lettere anonima sono arrivate allaCaserma dei Carabinieri e alla Prefettura.Consigliere DIDONNALei ha l’obbligo di mettere su tutte le iniziative, affinché se ci sono nelle zone periferiche dei soggettiche pagano meno o pagano un decimo della tassa della N.U. o altro, lei ha l’obbligo di mandare a fare -poi hai tuo cognato lì, quindi non hai problemi - delle verifiche attraverso procedure legali…PRESIDENTENon è competenza del Presidente del Consiglio.Consigliere DIDONNANo, è tua competenza. Tu sei il Presidente del Consiglio. Noi paghiamo per gli altri, noi paghiamodecine e decine di mila euro non pagati da altri, anzi si doveva costituire una commissione ad hoc perindividuare le responsabilità.PRESIDENTEComunque, il tempo a sua disposizione è terminato.Consigliere DIDONNACi stanno altri cinque minuti.Consigliere PIGNATAROGli do i miei 5 minuti.Consigliere DIDONNAnon… Non voglio poi entrare in merito a dei personalismi, per esempio, ci hanno detto - e questo èimportante - che per l’assunzione di personale si procede per bandi pubblici, così hanno detto, sonochiacchiere, per l’assunzione di personale a ditte e cooperative che hanno in appaltato lavori o servizinon c’è nessuna selezione giuridica, sarebbe opportuno istituirla e questa è competenza a cura delPresidente del Consiglio, non è giusto che chi arriva prima si incalza e chi arriva dopo rimanedisoccupato a vita.Ho fatto riferimento al discorso dell’impianto della rete gas metano, adesso faccio riferimentoall’efficientamento energetico, quindi concluderò brevissimamente. Per l’efficientamento energetico, ilconsigliere Tortelli si era impegnato ad individuare un illustre universitario per metterlo sempre afavore di questo cazzo d Rup, non servono…PRESIDENTE 1
  11. 11. Consigliere, ma lei deve stare attento! Deve avere più rispetto di questa assise, deve avere unlinguaggio più consono.Consigliere DIDONNACosa ho detto?PRESIDENTECome cosa ha detto?Consigliere DIDONNA"Cazzo di Rup!".PRESIDENTECosa ha detto?Consigliere DIDONNA"Cazzo di Rup" e basta.PRESIDENTEConsigliere, a questo punto le tolgo la parola.Consigliere DIDONNANo, un’altra cosa ed ho finito. Scusa, ritiro il "c" e diciamo questo Rup. Ritiro il "c". Per quantoriguarda l’ultima situazione della sottoscrizione che abbiamo fatto, io credevo che quando si fannodegli accordi tra galantuomini - per questo abbiamo fatto il gruppo misto con il PD, riferito al problemadi Bilancio e riferito pure a un discorso di carattere politico - un contratto sottoscritto deve andare cosìcomè stato sottoscritto. Sapete bene, che il Partito Democratico ha disatteso l’accordo e io non mimeraviglio del Segretario che è alle prime armi, non mi meraviglio di Peppino Sozio, ma mi meravigliodi Francesco Ciavarella che ha sottoscritto dei contratti con una società, spero che questi contrattivadano sempre bene e non si comporti come sta facendo con noi, che ha sottoscritto un contratto e poiè venuto meno. Grazie.PRESIDENTELa parola al Consigliere Francesco Ciavarella.Consigliere Francesco CIAVARELLAGrazie Presidente. Signor Sindaco, Assessori, colleghi Consiglieri, una campagna elettorale fattasoprattutto di falsità e veleni nei confronti del PD e delle precedenti Amministrazioni; un annoavvilente in cui l’azione della maggioranza è stata caratterizzata soprattutto dalle continue lamentele sufantomatici problemi di bilancio, che poi si sono rivelati inesistenti. Una stressante trattativa sullaspartizione spinta degli incarichi, un inconcludente e desolante azione amministrativa. Il Sindaco si èdimesso e ha dichiarato rotta l’alleanza da cui è nato il suo governo. Di fronte a noi, quindi, lapossibilità di un nuovo e lungo commissariamento. Sappiamo bene che è un’esperienza distruttiva perla classe politica noiana ed oggi anche per i cittadini che, per esempio, si vedrebbero approvato unBilancio che noi riteniamo migliorabile. Sappiamo anche che non è detto che la gestione commissarialeavvii la gara per il nuovo servizio di raccolta rifiuti. Il Sindaco si è appellato alle forze riformiste per ilnuovo Centro-sinistra, noi non ci illudiamo, ma sentiamo la responsabilità che un momento comequesto, chiede al PD e più in generale ai Consiglieri di lavorare per questa prospettiva. 1
  12. 12. La politica buona è una sfida per tutti, lo dico a me per primo che sono un giovane e mi sentocomunque corresponsabile anche dall’opposizione di quest’anno di cui si è parlato poco di problemi darisolvere e molto di incarichi da attribuire. La strada da percorrere è stretta, ed è giusto che si cominci apercorrerla.Per quanto ci riguarda vorremo dare un senso ad un sostegno che non può essere incondizionato, madeve ripartire dalla ricostruzione di un rapporto tra questa classe politica e i cittadini di Noicattaro. Èsolo il caso di ribadire alcune cose da fare, non programmi generici, che il PD di Noicattaro ha giàposto all’inizio di questo percorso. Lavoreremo da subito alla modifica del Bilancio di Previsione 2012- già in approvazione - cercando di ridurre il peso fiscale per i cittadini, per esempio attraverso lariduzione dei costi della Gestione Servizi s.p.a., avvieremo subito la gara per il nuovo servizio diraccolta e smaltimento dei rifiuti con la messa in funzione del centro di raccolta differenziata e unimpegno particolare vorremmo dedicarlo alla ricucitura di un rapporto proficuo con le associazionipresenti sul territorio, iniziando della riscrittura del Regolamento di Gestione degli Immobili Comunali.Ci mettiamo la faccia e l’impegno per cominciare a fare queste e altre cose semplici e chiare in tempirapidi e certi. Anche per questo abbiamo compreso la scelta del Sindaco di non modificaresostanzialmente la composizione della Giunta per poter agire subito con concretezza e decisione.Personalmente, la scelta è ancora più sofferta, anche se ho la tranquillità di essere guidato solo esoltanto da considerazioni su quello che ritengo possa essere più utile oggi per Noicattaro.Avviamo quella che noi riteniamo una fase di transizione, cominciando dalla difficile opera diricomposizione e di rilancio, liberi da facili illusioni. Tra qualche mese vedremo i risultati del nostrooperato e capiremo se la difficile scelta che abbiamo compiuto si sarà rivelata giusta o sbagliatatraendone le conseguenze. Grazie.PRESIDENTECi sono altri interventi? La Consigliera Sportelli.Consigliere SPORTELLICercherò di essere veloce. Sono costretta a ripetere qualcosa che ho già detto nel precedente ConsiglioComunale e lo ricordo ancora oggi. “Repetita iuvant” affermavano gli antichi romani, ripetere aiuta avolta rinfrescare la memoria, per questo riprenderò una parte del mio intervento effettuato nelprecedente Consiglio Comunale, quello del 13 luglio, qualche settimana fà. In esso evidenziavo lanecessità di puntualizzare alcune situazioni, premettendo che lo stesso, riporto integralmente, "non avràin alcun caso alcuna connotazione polemica, nè una presa di distanza della maggioranza di cui faccioparte e di cui continuerò a far parte", ma qui qualcuno si è distratto o ha fatto finta di non sentire.Continuando nel riporto integrale, ho aggiunto: "L’intento è semmai quello di dare una registratagenerale, una messa a punto di questa Amministrazione", un tagliando insomma, come già acutamenteevidenziato da un noto giornalista della Gazzetta relazionando i fatti di quella breve seduta consiliare".Rilevo però con amarezza che non solo non si è proceduto ad alcun controllo e verifica dei pezzi malfunzionanti, ma si è passati direttamente alla vettura sostitutiva in totale spregio delle decisioni presedai nostri elettori quando ci hanno democraticamente votato, più o meno un anno e mezzo fà. Un mododavvero nevrotico - lasciatemelo dire - e raffazzonato di risolvere le numerose conflittualità di questamaggioranza che agli occhi dei tanti appare sempre di più tesa a risolvere solo invivibili beghe interne,non trovando inevitabilmente il tempo per anticipare, mettere mano e risolvere i numerosi, quotidiani,problemi dei concittadini. Ma questo modus operandi ha in sé qualcosa di angosciante, desta e devedestare allarme tra le tante persone oneste che alla politica e dalla politica chiedono e attendonorisposte. Tappare la bocca (vediamo oggi con quali sistemi) alle voci critiche di questa maggioranza,ritirando incarichi senza addurre motivazioni minimamente obiettive e sensate relegando tout courtall’opposizione Consiglieri che con grande fervore, passione e onestà, senza nulla chiedere, hanno 1
  13. 13. supporto questa coalizione ma soprattutto lei, signor Sindaco, è e resta un mero dubbio esercizio dipotere che già di per sè segnala ed evidenzia un fallimento. È un tirare a campare, il mercato dellevacche, la fiera del nulla in sconsolante attesa della prossima crisi. Abbiamo fallito Sindaco e occorrerendercene conto e ci corre pure l’obbligo e il coraggio di ammetterlo con la chiarezza e la lucidità cheprobabilmente cè mancata quando abbiamo messo in piedi questa coalizione così variegata daassomigliare più a un’Armata Brancaleone che ad una vera compagine di governo della città, preparata,seria, responsabile e coesa.Alla luce di quanto oggi si sta sciaguratamente delineando, rimprovero a me stessa le errate valutazioni- vorrei un po’ di silenzio, per cortesia, grazie - di quei giorni e di averle dato credito per eccesso dilealtà, quando rincorrendo il suo sogno di gloria e di vittoria rivendicava la forza dei numeri non quelladelle idee e degli ideali, gli stessi numeri alquanto risicati (in verità) che và pervicacemente epenosamente rincorrendo oggi, ritagliandosi su misura una maggioranza strabica che guarda sia aDestra che a Sinistra e che annovera tra le sue fila esponenti di FLI e del PD riuscendo a creare dalnulla, alchimia della politica, inimmaginabili, assurde e difficili convivenze, nate con l’unico intento dipuntellare ulteriormente una maggioranza che perde quotidianamente pezzi inseguendo i picci e icapricci dei propri Consiglieri o forse con l’intento non proprio velato di ricomporre un certo comitatodi cui sicuramente avremmo preferito perdere memoria.Pretestuose ed evanescenti appaiono, inoltre, lasciatemelo dire, le motivazioni addotte dal PD pergiustificare l’ingresso dei suoi Consiglieri in maggioranza e riportate sul loro manifesto affissorecentemente sui muri della nostra cittadina. Sono gli stessi temi, lasciatemelo dire, sostenuticontinuamente dalla sottoscritta: cura manutenzione del verde, vivibilità, decoro urbano, riduzione deicosti della Gestione Servizi, nuova gara della nettezza urbana, attenzione alle fasce più deboli edisagiate della nostra popolazione. Questi argomenti sono stati continuamente ribaditi dalla sottoscritta,inascoltati, e stranamente adesso le loro proposte vengono tenute nella debita considerazione; cosìcome stranamente pare debbano essere accolte, in sostituzione da quelle da me precedentementepresentate, le loro migliorie al Bilancio di questo Comune. Argomento che è stato veramente l’ultimocasus belli dell’ultimo Consiglio Comunale. Nulla ormai appare più supportato dalla logica in quelloche questa Amministrazione sta facendo, si naviga a vista incuranti del bisogni e dei drammi di questacittà, in un valzer penoso di Assessori che vanno e vengono secondo le opportunità del momento,semplici tasselli di un orrendo puzzle, ricorrendo ad una vigliacca campagna acquisti che attingenumeri (siamo a tre) dall’opposizione, in aperto contrasto con le scelte dei nostri elettori.E dunque, ieri la stampella, oggi il tripode e si ride davvero amaro aspettando l’arrivo del 118. Grazie.PRESIDENTEConsigliere Liturri.Consigliere LITURRISaluto i cittadini, il Sindaco, Assessori, colleghi Consiglieri. Questa mattina notiamo con piacere lapresenza dei due Consiglieri del PD e di qualche esponente della Segreteria nelle file dellamaggioranza. A loro chiediamo, e questa volta non per mezzo di manifesti, ma dove siete finiti? Noisiamo ancora fermi, per modo di dire, all’incontro fissato per le ore 10:00 del 13 luglio 2012, giorno incui sette Consiglieri Comunali (Giuseppe Ciavarella, Francesco Ciavarella, in forza al PD; DonatoLiturri, Isa Sportelli, Arcangelo Porrelli, Giovanni Didonna e Santino Cocchiarale, in forza al GruppoMisto) insieme ai referenti politici Sabino Morisco del Gruppo Misto e Antonello Paciolla del PDhanno sottoscritto un patto federativo di responsabilità che portava il PD e il Gruppo Misto allinizio dicondivisione di alcuni obiettivi che avrebbero avuto come primo risultato un riflesso positivo sulleimposte locali e successivamente di condivisione di un progetto politico. Che cosa è successo? Cosa viha portato ad avere ripensamenti? Pensiamo fortemente che i Consiglieri Ciavarella Francesco e 1
  14. 14. Ciavarella Giuseppe insieme al Segretario del PD, Antonello Paciolla, hanno utilizzato quell’accordosolo per mettere le mani sulla carica di vice-Sindaco, contravvenendo - tra l’altro - al parere della basedel PD e dei partiti di Centro Sinistra locali. In queste ore apprendiamo di una prevedibile rivolta daparte degli iscritti nei confronti del Segretario Antonello Paciolla e personalmente mi accodo alrisentimento che provano in questi giorni molti dei tesserati PD, esprimendo il mio più forte rammaricoin qualità di competente del direttivo provinciale del PD. Non possiamo dare la colpa solo adAntonello Paciolla, dato che anche se Segretario del partito lui non era neanche a conoscenzadell’incontro in cui sono state prese decisioni, l’unica sua colpa è stata quella di essersi affidato ai solitiaffaristi, che contraddistinguono ormai da tempo il partito, gli stessi che hanno portato alla fuoriuscitadal PD noiano di molti componenti e simpatizzanti e che hanno condotto il partito alla sconfitta nelleprecedenti competizioni elettorali, assegnandogli il ruolo di opposizione. Siete così riusciti astravolgere e privare di ogni dignità e autorevolezza il voto dei cittadini, avete accolto con piacerel’invito del Sindaco alla creazione di un Centro-sinistra a Noicattaro, ma forse avete qualche difficoltànel ricordare che in questa coalizione mista c’è il FLI, un partito di Centro-destra, l’ha dichiarato il suoSegretario a livello provinciale, a Bari, quattro giorni fà. Mi fermo altrimenti il Consigliere Decaro pertutte le dichiarazioni fatte in precedenza potrebbe stizzirsi. Abbiamo appreso, dopo aver letto e accoltocon piacere l’invito delle segreterie dei partiti di SEL e IDV, di rendersi da subito disponibili ad undialogo costruttivo con le forze di Centro-sinistra che vi é un forte distacco e disprezzo anche da parteloro per la vostra scelta. Una domanda vogliamo porre al Consigliere Giuseppe Ciavarella e al neo viceSindaco Giovanni Benedetto a cui faccio gli auguri: come preferite comportarvi d’ora in poi rispettoalle questioni delle antenne? Oltre a condividere il Bilancio, avevamo iniziato a cercare delle soluzioniper quanto concerne l’illegittima allocazione delle due antenne in Via Lenoci e in Via Carmine,ricordiamo bene la vostra forte convinzione nel richiedere la dismissione di queste e la conseguenteallocazione su siti pubblici, così come previsto dal Regolamento comunale del 2005. Chiedoall’Assessore al ramo di illuminarci su come sia stato possibile questo grave scempio ai danni deicittadini ignari, nonostante la rigida regolamentazione comunale del 2005.Domandiamo, dunque, ai nuovi Consiglieri di maggioranza e al vice Sindaco, e vorrei una risposta daparte loro, di essere coerenti e di dimostrare che una semplice poltrona non è in grado di far cambiareidee e convinzioni, sottoscrivendo la nostra richiesta di dismissione delle suddette antenne, chechiediamo al Segretario di inserire agli atti di questo Consiglio Comunale. Io questa richiestasottoscritta da cinque Consiglieri Comunali la do al Segretario e magari se i Consiglieri e l’avvocatoBenedetto, dato che sono stati anche loro i promotori di questa iniziativa, la sottoscrivono.Ci rivolgiamo ora all’Assessore al Bilancio ed evidenziamo che questo vorrebbe essere un preziososuggerimento di cui tener conto in sede di Bilancio di Previsione, sottolineando la nostra capacità diingegno nel trovare soluzioni che consentano di introitare maggiori somme che alleggeriscono il pesodelle tasse sulle spalle dei cittadini noiani. Contrariamente a quanto detto e ribadito su varie testategiornalistiche e social network queste nostre proposte sono la prova che il nostro interesse è realmentequello di trovare soluzioni a un Bilancio che gravi il meno possibile sulle tasche dei cittadini. È fintrotto facile far suonare una sola campana e soprattutto dare la propria personale intonazione, ma sicapisce che la maturità non è data dall’età anagrafica. In questo in questo mio intervento avremmopreferito non rivolgerci al Sindaco, ma leggendo l’ultimo manifesto firmato PD abbiamo riflettuto e orale poniamo una domanda: signor Sindaco ha letto la prima riga del manifesto? Lo tengo qui, magari senon lha letto, glielo faccio vedere. Come pensa di reagire? Si dimetterà nuovamente? Ha davverodichiarato il fallimento della sua Amministrazione? Se così fosse non si capisce affatto il motivo percui unAmministrazione definita fallimentare debba restare ancora in vita e mantenere le sue funzionigovernative.Sindaco, considerato che lei è politicamente un fallito - non lo dico io, riporto le parole del PD, ci sonoscritte qua - e che il suo operato è diventato la barzelletta della provincia di Bari, visto che utilizza la 1
  15. 15. carica di vice-Sindaco, così come si fà con il formaggio per catturare i topi, non sarebbe meglio che leisi prendesse una bella vacanza a tempo indeterminato? Ci pensi! Grazie.PRESIDENTEConsigliere Porrelli, prego.Consigliere PORRELLIGrazie Presidente. Vorrei iniziare questa seduta di Consiglio Comunale chiedendo al Sindaco: ma cosasta succedendo? Noi nello scorso Consiglio Comunale, insieme ai consiglieri del PD PeppinoCiavarella e Francesco Ciavarella, insieme ai loro segretari dei rispettivi gruppi, Sabino Morisco per ilgruppo misto e Antonello Paciolla per il PD, con anche il placet della sua segreteria, di GiovanniDifino e Ciccio Santamaria, abbiamo sottoscritto un accordo politico-federativo che vi vado a rileggere:“Siamo riuniti per esaminare ed approvare il Bilancio di Previsione 2012. Nel perenne dilemma dicome fare a quadrare le entrate e le uscite, in questi giorni si susseguono a livello nazionale decreti dilegge, cosiddetti provvedimenti spending review, che crediamo impongano una nuova riflessione sullacomposizione delle voci di Bilancio. La crisi economica pone in evidenza il dramma delle famiglie chenon riescono più a garantirsi una vita dignitosa, ci si rende conto che incidere ulteriormente sul lororeddito potrebbe significare mettere a rischio la tenuta sociale, quindi invitiamo tutti i Consiglieri aduna considerazione del Bilancio non esclusivamente contabile. Quello presentato dall’AssessorePalmieri è un Bilancio che introduce nuove imposte e che in maniera irragionevole mantiene in esserela società Servizi S.p.A. che costa annualmente 500mila euro, di cui si può fare sicuramente a meno.Preso atto che il Bilancio previsionale 2012 consentirà di raggiungere obiettivi di interesse collettivo,tuttavia alla luce della proroga al 31/8/2012 del termine ultimo per l’approvazione proponiamo dirinviare l’approvazione per garantire alla cittadinanza un Bilancio meno oneroso. Inoltre, in un quadropolitico nazionale in continua evoluzione che ormai non offre riferimenti ideologici chiari i sottoscrittiConsiglieri Comunali Isa Sportelli, Arcangelo Porrelli, Donato Liturri, Giovanni Didonna, SantinoCocchiarale, Giuseppe Ciavarella e Francesco Ciavarella con il presente documento intendonosottoscrivere un patto federativo di responsabilità che porti il PD e il Gruppo Misto ad iniziare acondividere alcuni obiettivi che avranno come primo risultato un riflesso positivo sulla pressione delleimposte locali", questo era sottoscritto il 13/7/2012 da tutti i Consiglieri del Gruppo Misto, dai dueConsiglieri del PD, dalle segreterie PD Antonello Paciolla e Gruppo Misto Sabino Morisco. Poi, adistanza di qualche ora, i due Consiglieri del PD Peppino Ciavarella, Francesco Ciavarella e ilsegretario Antonello Paciolla non rispondevano più al telefono e non si presentavano agli appuntamentifissati in quanto erano già firmatari di un altro accordo con Laboratorio Civico e il Sindaco, a quantopare, anche perché due giorni dopo il Sindaco rassegna le dimissioni ammettendo di aver fallito conquesta Amministrazione e fà valere l’accordo già assodato prima del Consiglio scorso, accogliendo abraccia aperte i due Consiglieri eletti in opposizione, uno nel PD e l’altro in Liberi per Noicattaro, poientrato qualche mese fa nel PD, ora trasportati in maggioranza al posto di 5 Consiglieri eletti inmaggioranza dai cittadini con un totale di voti di 1.500; i quali cittadini si sentono traditi rispetto la loroopinione di voto espressa solo 14 mesi fà. Infatti, in poco più di un anno, questa Amministrazione hacambiato volto diverse volte, ha cambiato la figura di vice-Sindaco…PRESIDENTEChiedo scusa, Consigliere Porrelli, poi di che cosa parleremo dopo nel dibattito sulle comunicazioni delSindaco? State parlando tutti quanti del punto all’ordine del giorno.Consigliere PORRELLIHa cambiato al figura di vice-Sindaco per ben tre volte, ha cambiato atri due Assessori e soprattutto ha 1
  16. 16. portato in maggioranza tre Consiglieri eletti democraticamente dai cittadini noiani in opposizione, tuttoquesto secondo me ha dell’incredibile e del ridicolo, è una vergogna. Insomma, questaAmministrazione “dopo il ciambotto al tortellino" ha fatto anche un minestrone vero e proprio, con inseno PD e FLI, Sinistra e Destra insieme, mi meraviglio dei Consiglieri Monti, Antenore e l’AssessoreDi Serio che hanno sempre disprezzato il PD e i loro componenti.Poveri cittadini noiani, non so cos’altro si potrà combinare in quest’altro periodo di tempo che si andràavanti e non so fino a quando si andrà avanti. Certamente di qui Consiglieri non ne sono avanzati più,tranne due Consiglieri di Destra, Pignataro, il quale ha già dichiarato di non voler mai entrare inmaggioranza in quanto eletto in opposizione, e sono fiero di sapere che ci sono questi tipi di persone aNoicattaro, dei veri signori, galantuomini come dice il Consigliere, della politica…PPRESIDENTEConsigliere la invito a concludere. Grazie.Consigliere PORRELLIHo finito! ...Coerenti e leali soprattutto e non come i due Consiglieri del PD, Ciavarella, che ci hannoteso una trappola vile e indegna. Poi c’è il Consigliere Anelli che ha sempre preso le distanze da questamaggioranza e infine il Consigliere Rizzo già rivale di Sozio nelle amministrative e quindi per laprossima volta che si presenterà una crisi dovrebbe essere di definitiva condanna lo scioglimento diquesta brutta Amministrazione multicolore. Da tutto questo si deduce che nessuno di loro vuolelasciare le poltrone, altro che nessun interesse, vedremo di cosa saranno capaci di fare in un altro anno,penso.Ora, parlando di buoni propositi che questa Amministrazione potrebbe ottenere, và rivista qualcosavisto che fino ad ora non si è visto nulla di concreto e di buono. Abbiamo la casa della salute che èpronta dopo 29 anni ma non si riesce ad aprirla; c’è l’asilo nido pronto da tempo e mi dicono che toccaal dirigente ai lavori pubblici dare il nullaosta per l’apertura; chiediamo a gran voce che parta ilservizio di raccolta differenziata porta a porta integrale; poi meno tasse per i cittadini noiani, noall’introduzione dell’addizionale comunale IRPEF, no all’aumento della TARSU, no all’aumentodell’IMU dal 7,6 all’8,8. Invece per quanto riguarda le strade di Noicattaro urbane ed extraurbane sonotutte da riasfaltare; per quanto riguarda la fogna bianca vorrei sapere perché non si procede ancora dopoun anno di pulizia integrale a tutte le cavitoie presenti, di competenza come da contratto della dittaappaltatrice dell’opera, della vecchia fogna bianca di competenza della ditta appaltatrice della N.U.come da contratto, così come già evidenziato nella terza commissione un anno fà.Concludendo, vorrei fare i complimenti all’ex vice-Sindaco, Stefano Decaro, il quale con amore,professionalità e trasparenza ha condotto il ruolo di Assessore ai Servizi Sociali facendosi voler beneda tutti i cittadini bisognosi di Noicattaro che si recavano da lui stando sempre a disposizione per tuttal’intera giornata. A me Stefano Decaro è piaciuto molto e lo ricorderò come migliore Assessore e vice-Sindaco di Noicattaro, lo ringrazio e mi scuso a nome del gruppo misto per l’inconveniente accaduto.Grazie.PRESIDENTEPassiamo al punto all’ordine del giorno.PUNTO NR. 1: Dimissioni del Sindaco presentate con nota protocollo nr. 16872 del 16/7/2012". 1
  17. 17. PRESIDENTELa parola al Sindaco.SINDACOSignor Presidente del Consiglio, signori Consiglieri, signori Assessori, sono qui oggi per prendere attoche la maggioranza dei Consiglieri uscita vittoriosa alle elezioni comunali dello scorso anno non esistepiù; esiste una nuova maggioranza formata dai Consiglieri di quelle forze politiche cheresponsabilmente e nel solo interesse della nostra comunità hanno voluto scongiurare per la secondavolta, nel giro di pochi anni, la venuta del commissario e concentrarsi sulla risoluzione dei problemiurgenti nel nostro paese.Vedete, tutti noi siamo convinti e riteniamo che specie per il drammatico periodo che stiamoattraversando, unAmministrazione politica per quanto risicata nei numeri è da preferire sempre ad unpur bravo commissario prefettizio. Questa convinzione, condivisa da tutte le forze politiche che hannodeciso di sostenermi ed incitato a proseguire nell’azione amministrativa, mi ha spinto in data 21 luglioscorso a ritirare le dimissioni e nominare una nuova Giunta che mi accingo a comunicare a questoconsesso: avvocato Giovanni Benedetto, vice Sindaco, con delega polizia locale, poliziaamministrativa, ecologia, ambiente, protezione civile, attività produttive e agricoltura; avvocato AlidaPalmieri con delega programmazione, bilancio, finanze, tributi, contenzioso; architetto Sergio Arditocon delega cultura, sport, pubblica istruzione, scuole e servizi sociali; ragionier Nicola Tranchitella condelega lavori pubblici, verde pubblico, manutenzioni, patrimonio, demanio, efficientamento energetico,parco, arredo urbano; avvocato Fabio Di Serio con delega urbanistica, edilizia pubblica e privata,centro storico, rapporti con le zone residenziali. Dopo questa doverosa comunicazione, permettetemi unbreve excursus dei fatti che hanno portato alla costituzione della nuova maggioranza. Lo spartiacque èrappresentato dalla seduta di Consiglio del 13 luglio scorso, quel venerdì in Consiglio è stato messo inatto un vile tentativo di ricatto e condizionamento nei confronti della mia persona e dell’interacomunità noiana, allorquando mascherato dalla richiesta di rinvio del Consiglio si è volutocondizionare l’approvazione del Bilancio, già approvato in Giunta anche dal rappresentante del GruppoMisto, con la ripresa delle trattative per un nuovo riassetto delle poltrone di sottogoverno, in quantoquelle assegnate erano venute meno con il cosiddetto decreto spending review del 6 luglio scorso.Dopo l’entrata in vigore del decreto Monti ho capito meglio quale fosse la distanza che separava duemondi completamente opposti di operare, da una parte c’era chi voleva il cambiamento nell’interesseesclusivo del paese e delle sue istituzioni, dall’altra c’era chi, con il manuale Cencelli, era ancoraimpaludato nelle logiche da prima repubblica, dal sapore clientelare e familistico. A questultimomondo ho voluto dare un taglio netto, in quel momento la decisione di presentare le dimissioni (cosache ho fatto il 16 luglio scorso) convinto che era doveroso rassegnarle non avendo più i numeri pergovernare. Quello delle dimissioni è stato un passaggio inevitabile provocato dalla gravissimairresponsabilità di 5 Consiglieri di maggioranza, che dopo aver sottoscritto e votato il programma dimandato lo hanno più volte tradito, voltando le spalle a chi credeva in quel progetto e in quel processodi rinnovamento. Ascoltando il pensiero di moltissimi concittadini che mi incitavano ad andare avanti,a non mollare, ho voluto verificare se vi fossero ancora le condizioni per un rinnovato vigorenell’impegno politico-amministrativo, allora ho voluto lanciare un ultimo appello diretto a quelle forzedi Centro-sinistra disponibili ad operare a prescindere per il bene di Noicattaro. Devo ringraziare il PDper aver accolto l’appello dimostrando con quel gesto di essere forza responsabile di governo e di averea cuore le sorti del nostro paese, non altro. Sono convinto che insieme sapremo superare anche questodelicato momento di difficoltà.Prima di concludere voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto ed incitato a non abdicare.Un grazie di cuore và a tutti gli Assessori e a tutti i Consiglieri che sono stati leali con me, con ilComune, con il paese, sono persone serie di cui ci si può fidare perché hanno sempre lavorato per il 1
  18. 18. bene comune, pensando con la loro testa.Il mio più grande ringraziamento va a tutti quei concittadini, uomini e donne, che mai mi hanno fattomancare il loro affetto, ma soprattutto l’entusiasmo per affrontare anche i momenti più difficili. Ancoragrazie a tutti.PRESIDENTELa parola al Consigliere Pignataro.Consigliere PIGNATAROGrazie Presidente. Chiedo scusa, faccio questo intervento in piedi considerata la criticità dellamaggioranza potrebbe essere l’ultimo e voglio salutare il paese in piedi. Se un giorno avete bisogno diun portavoce credo che scelta migliore non potreste fare che chiamare Pappalardo e fargli ripetere ilsuo successo migliore: “Ricominciamo”. Vedete, quando il legislatore tanti anni fà ha scelto dicambiare la legge elettorale nei Comuni optando per questo sistema elettorale lo fece per dare stabilitàe più peso al voto dell’elettore. Infatti, a differenza di prima che si eleggeva un Consiglio Comunaleall’interno del quale si sceglieva il capo dell’amministrazione e quindi gli Assessori, il legislatore vollefare delle scelte diverse e distinte, oggi il cittadino si sceglie il suo Sindaco e si sceglie la suamaggioranza. Secondo me, e questa è una mia analisi personale, la madre di tutti i mali è stata la sceltadi voler vincere a tutti costi, riunirsi nel potere, ma divisi nella politica, laddove tutti i candidatisindaci, ricordo 4 candidati sindaci l’anno scorso, abbiamo scelto di aderire ad una proposta diun’associazione locale che si chiamava “noiati”, che ci chiedeva di essere trasparenti, onestiintellettualmente, di non candidare presidenti di cooperative, Consiglieri che poi si sarebbero dimessiper fare gli Assessori, Consiglieri che già avevano avuto più di tre mandati e quant’altro. Tutti abbiamoaderito, una sola coalizione l’ha fatto, di questo mi prendo il merito, il candidato Sindaco ha volutoquesto tipo di schieramento, ha perso, è arrivato terzo, è il sottoscritto. Bene, da allora sono iniziati tuttiquesti teatrini della politica. Guardate finquando una crisi politica è determinata da un’opposizione cipuò stare, ma fino ad oggi tutte le crisi politiche di questa Amministrazione sono state determinatedalla maggioranza eletta, da quello che il popolo noiano ha voluto come guida per i futuri 5 anni, sindall’insediamento è stato un continuo andare in crisi. Ora, per fortuna, non avete bisogno di adrenalinaperché i costi sarebbero esorbitanti per i cittadini noiani, a furia di iniezioni di adrenalina. Fin dal primoConsiglio Comunale vi è stato un tranello - qualcuno l’ha chiamato così - da parte dell’opposizione,l’opposizione non ha fatto nessun tranello, vorrei ricordare che in opposizione erano seioriginariamente, se non vi fosse qualcuno della maggioranza che votava per un altro candidatoprobabilmente quel risultato non si sarebbe avuto, quindi di tranello dell’opposizione non si puòparlare. Prima crisi, prime dimissioni del Sindaco, primo rimpasto. Si riparte, l’ho detto anche inun’intervista, ripartenza, via! Si è andati a prendere qualcuno dalle file dell’opposizione, eletti inopposizione, per carità divina, non c’è vincolo di mandato, la legge lo dice, però c’è una parola che sichiama vincolo morale, il vincolo morale con i propri elettori, con la propria coalizione e il propriopaese, nessuno è tenuto a rispettarlo, ognuno fà le scelte che vuole, io non sono qui a giudicare, nonsono né giudice né pubblico ministero, può darsi che la storia vi darà ragione, io non lo concepisco. Si èrifatta una nuova amministrazione, si è ripartiti finché qualcuno che aveva deciso (pur essendo statoeletto in maggioranza) di andare all’opposizione, ha deciso di ritornare, si rifà un nuovo rimpasto e siriparte fino al 13 luglio scorso - l’ha ricordato il Sindaco - laddove devo ammettere l’onestà delSindaco, dove ammette il fallimento politico di quella coalizione originaria, ma Sindaco è un po’troppo tardi ammetterlo dopo un anno, il fallimento originario di quellamministrazione eletta daiconcittadini noiani è avvenuta sin dal primo Consiglio Comunale. Va bene, lo avete ammesso adesso,meglio tardi che mai! In tutto questo excursus di vicende politiche, crisi e quant’altro, sfidol’amministrazione a proporre un atto che ha deliberato. Io ricordo i proclami in campagna elettorale, 1
  19. 19. quando si diceva che ogni sei mesi si sarebbero interfacciati con i cittadini, ma in campagna elettorale èsin troppo facile fare i proclami per convincere la gente a votare, poi è difficile mantenere le promesse,ogni sei mesi non vi siete interfacciati, avevate detto - l’ho sentito dal primo vice Sindaco di questaamministrazione - che il Bilancio di Previsione 2012 sarebbe stato fatto in tempo reale, quindi i primimesi del 2012, cosa che puntualmente non avete fatto; avete detto (la cosa più importante e sarebbestato bello farlo) che il comune di Noicattaro avrebbe realizzato per il 2012 un bilancio partecipatorivolto ai cittadini per sentire le loro istanze e le loro esigenze; beh, avete mascherato un incontro dipresentazione del bilancio 2012 in un luogo pubblico, lo avete fatto passare quasi per un incontro dibilancio partecipato. Questa è l’onestà!Allora, oggi, che cosa ci venite a dire? Ringraziamo la parte del PD che legittimamente,autonomamente decide di aderire dove vuole non rispettando la volontà dei propri elettori, questa è unacosa loro che avranno discusso internamente, ci venite a dire “il senso di responsabilità”. Guardate, mail senso di responsabilità è anche ammettere che le condizioni per cui questa maggioranza è stata votatanon esistono più, senso di responsabilità è dire “guardate, noi in un anno non siamo stati capaci diprodurre niente per il paese e quindi è giusto che gli elettori ritornano a esprimere la loro volontà".Senso di responsabilità non è per forza scongiurare l’arrivo del commissario, neanche fosse il maleassoluto, certo in condizioni di ingovernabilità la legge prevede il commissariamento del Comuneproprio per questo, perché non si può andare oltre, non si può andare avanti senza produrre nessun atto,senza produrre nessuna cosa utile al paese, continuando a discutere internamente ad una maggioranzache non esiste più, che è sempre stata litigiosa, che non ha nessun obiettivo futuro. Quindi senso diresponsabilità sarebbe oggi ridare la parola ai cittadini noiani. Grazie.PRESIDENTEConsigliere Tortelli, prego.Consigliere TORTELLIGrazie Presidente. Saluto tutti, cercherò per oggi di fare un intervento solo politico, dal punto diamministrativo mi riservo di dare le dovute risposte ai colleghi Consiglieri ma in un’altra occasione.Il Laboratorio Civico ritiene di aver dato il suo contributo determinante alla conclusione di una crisipolitica aperta in maniera irrituale e pretestuosa, e conclusa invece nel modo migliore possibile traforze politiche che si scelgono senza pensare all’immediato, ma avendo a cuore il futuro prossimo delnostro paese.Il Laboratorio Civico ha palesemente, e senza paracadute, affermato che esigeva chiarezza sullacompagine amministrativa che guidava il paese, l’abbiamo avuta. Il Sindaco e la sua coalizione haconsumato una netta e chiara rottura con il Gruppo Misto, con il suo modo becero di fare politica, con isuoi toni alti e strillati, con le trattative sempre in corso e con il cappello sempre in mano. Stupisce lasuperficialità e l’incongruenza delle motivazioni portate da chi lamenta il mancato coinvolgimentosulle decisioni importanti oggi, compreso il Bilancio di Previsione 2012, dimenticando però di diredella sistematica partecipazione alle riunioni dei gruppi consiliari e di maggioranza dove si è discusso esi sono assunte le decisioni sia per la stesura del Bilancio 2012 che per altri atti amministrativi.Abbiamo la brutta impressione che il nuovo che avanza in politica a Noicattaro, che si presenta con ilvolto giovane e serioso, non sia molto diverso dalla vecchia e consumata politica fatta di ricatti eimboscate alla ricerca di qualche poltrona in più per sè stessi o per gli amici. Non ci piace e non siamoabituati a fare la politica così! L’appello colto dal PD di Noicattaro ci ridà la voglia di continuare aimpegnarci con i nostri Assessori e Consiglieri respirando aria nuova, l’aria delle cose da fare e non dachiedere, le cose da fare presto e bene, non mettiamo la testa sotto la sabbia. A chiare lettere và dettoche il risultato delle urne non ha prodotto una coalizione che si è ritrovata non tanto con lecomunicazioni ideologiche, con le comunanze ideologiche, ma con le stesse affinità culturali e 1
  20. 20. comportamentali, tutt’altro, le differenze ci sono, sono venute fuori e impongono precisicomportamenti di dissenso e distacco, non ci sono migliori o peggiori, ci sono simili e dissimili, nonesiste mai un modo giusto per fare una cosa sbagliata, di questo dovevamo accorgercene un po’ prima.Sentiamo forte la responsabilità, il carico di avviare adesso, da subito, una fase nuova per il Centro-sinistra a Noicattaro, appannato negli ultimi tempi da diatribe di posizione e non mai da frattureideologiche. Tocca a noi lavorare per il cambiamento unendo le forze progressiste e democratiche, noisiamo l’area moderata e civica che vuole spendersi per il paese, condividendo assieme a noiani e FLIun percorso politico di lungo respiro con il PD noiano che ringraziamo per essersi fidato, al qualechiediamo di alzare insieme a noi l’asticella alla Giunta Sozio. Alziamo l’asticella del rigore morale,dell’efficienza dei servizi pubblici, del welfare municipale, della trasparenza amministrativa, del moltoa chi ha molto poco pur nelle ristrettezze dei tempi che viviamo, avendo come fine il bene comune ediffuso, non l’accumulo di preferenze personali.La coalizione senza PD e senza PDL non esiste più, è stata cancellata da alcuni suoi protagonisti, che èvero hanno contribuito a crearli, a far vincere le elezioni, ma è altrettanto vero che dopo la vittoriahanno solo accresciuto e curato il proprio ego e null’altro, abbiamo l’occasione per dimostrare cheesiste un’altra politica fatta di confronti, di solidarietà, di profilo umano che prende le distanze dallacongiura da vili documenti che affermano tutto e il contrario di tutto, dallo sberleffo verso lalleato, daitoni offensivi spiattellati in piazza senza alcun rispetto verso l’avversario politico. Dopo vent’anni diberlusconismo, di Santanchè, di La Russa, di Bossi, tutto questo un po’ dovevamo aspettarcelo, maabbiamo il dovere di dare altri esempi e noi per primi di essere all’altezza del cambiamento chevogliamo rappresentare; esempi di comunità che si unisce e tende al sociale, al pre-politico e alpolitico. Oggi salutiamo una stagione nuova che il Laboratorio Civico ha fortemente voluto e che perquello che ci riguarda chiude definitivamente la scena politica locale agli sfascia carrozze della primaora e ai demolitori della seconda. Ci hanno insegnato che la storia accoglie chi disegna e costruisce nonchi cancella e distrugge, la storia è degli innovatori senza retorica, non dei comunicatori senzacontenuti, proviamo a scrivere insieme delle pagine di microstoria che facciano fare a Noicattaropiccoli, possibili, efficaci passi avanti.Al Sindaco, alla nuova Giunta, alla maggioranza il Laboratorio Civico chiedo una connotazione alBilancio di Previsione: sia solidale, condiviso e soprattutto strategico, si avvii immediatamente il nuovoservizio dell’igiene urbana, si razionalizzino i costi della macchina amministrativa, si riducano i costidei servizi pubblici locali, si riscriva - alla luce del nuovo quadro politico - un programma per il paeseche delinei una linea di comunità che vogliamo. Accettiamo la sfida con chi ha colto il nostro appello eaccetteremo il giudizio dei cittadini sul nostro operato. Recuperiamo il tempo trascorso con laconvinzione di poter dare molto al paese. Indichiamo a sei mesi il tempo del rendiconto e delle analisisul già fatto. Noi non possiamo mai sapere di cosa siamo capaci di fare se non ci alziamo e lo facciamo.Grazie.PRESIDENTELa parola al Consigliere Decaro.Consigliere DECAROGrazie Presidente. Sindaco, Assessori, colleghi Consiglieri, voglio approfittare dell’occasione pubblicaper fare i complimenti al Sindaco in prima persona, a tutti i partiti di maggioranza, al mio segretarioVittorio Rossi per questa gestione rapida di questa, spero ultima, crisi amministrativa che ha colpito ilComune. Faccio anche gli auguri di buon lavoro al nuovo vice Sindaco, l’avvocato Benedetto, faccioanche gli auguri all’Assessore Di Serio che ha ben lavorato con le sue precedenti deleghe e ora sonosicuro che con le nuove riuscirà a dimostrare ancora una volta la sua serietà e la sua professionalità.Mi meraviglia che oggi il Consigliere Liturri, Sportelli e Porrelli parlino "di assurde e difficili 2
  21. 21. convivenze tra i FLI e PD", smentitemi se quello che dico è falso, ma se non ricordo male proprio voi ilgiorno del 13 luglio, in riferimento a quel documento che avete prima citato di patto federativo tra PD eGruppo Misto, ci chiedevate di sottoscrivere il documento dicendo anche che, a parer vostro, nonc’erano incompatibilità tra PD e FLI, oggi ci sono. Non capisco le motivazioni. Come rappresentantedei tesserati del circolo di “Futuro e Libertà a Noicattaro” ritengo che oggi più che mai, in seguito allacrisi amministrativa che ha interessato il Comune, occorreva scongiurare un’ulteriore ipotesi di nuovocommissariamento, questo avrebbe portato ancora una volta a bloccare l’economia e lo svilupponoiano, compreso il bilancio che ci apprestiamo ad approvare. Per questo abbiamo manifestato pienafiducia al Sindaco Sozio, aprendo una nuova fase politica, visto il delicato momento che ha interessatol’amministrazione purtroppo ingessata - e questo è da riconoscere - a causa di problemi interni allastessa maggioranza si è ritenuto opportuno aprire un confronto con forze politiche che hanno comeunico obiettivo l’interesse del paese; ecco quest’area moderata che è nata darà vita ad una nuova fasepolitica e dovrà riannodare quello che è il rapporto di fiducia con i noiani, che purtroppo abbiamoperso, e con l’intero territorio avanzando proposte coerenti sulla base di una piattaforma programmaticacondivisa. Attenzione, una piattaforma condivisa che deve superare quelle che sono le logicheideologiche, pensare esclusivamente al territorio e non cedere alle tentazioni di alleanze deleterie conchi oggi non ha dimostrato di avere senso di responsabilità verso il paese. In questa ottica Futuro eLibertà responsabilmente ha deciso di ridare equilibrio e stabilità all’azione amministrativa,condividendo con il Partito Democratico, con il Laboratorio Civico e il Gruppo Noiani, un nuovopercorso riformatore nei fatti.La crisi amministrativa che per ben due volte ha coinvolto il Sindaco Sozio ci impone di imboccarequesta nuova via della responsabilità, riteniamo sia arrivato il momento di portare in ConsiglioComunale tutte le delibere necessarie per risollevare Noicattaro, auspichiamo un’approvazione rapidadel bilancio di previsione 2012 poichè subito dopo occorrerà fare una programmazione seria sui pochipunti da realizzare in breve tempo. Adesso tocca a noi dimostrare quello che sappiamo fare, tocca anoi approvare un nuovo servizio di raccolta di rifiuti, pensare poi alla manutenzione ordinaria di strade,marciapiedi e verde pubblico. Con l’approvazione del nuovo bilancio sono sicuro che questo saràrealizzato. Adesso non ci sono più ostacoli, l’amministrazione deve andare avanti, deve realizzareconcretamente quello di cui il paese ha bisogno. I noiani ci hanno affidato questo compito di governaree quindi abbiamo l’obbligo morale di farlo nell’esclusivo interesse di Noicattaro. Grazie.PRESIDENTEHa chiesto di intervenire il Consigliere Rizzo. Prego.Consigliere RIZZOGrazie Presidente. Presidente, Consiglieri, voglio fare innanzitutto una considerazione sull’interventoche ha fatto Tommaso Tortelli. Ha fatto un intervento - come dire - bellissimo e apprezzabile, ma chedistingue la sua posizione da quella del Gruppo Misto, l’unica cosa che distingue la sua posizione daquella del Gruppo Misto è che lui ha portato a casa il frutto del ricatto, il Gruppo Misto è rimasto abocca asciutta. Allora, è chiaro che chi è riuscito a fare il ricatto deve capire il gioco di chi invece, puressendo in 5, non è riuscito a fare il ricatto, quindi un po’ è stizzito verso il Sindaco, per cui i proclami,le parole, i principi sono molto belli, ma da chi ha lo scalpo del nemico in mano non mi sembraesattamente una grande operazione. Il Sindaco ha detto che lui, per senso di responsabilità, per altriprincipi belli, ha dato le dismissioni una prima volta perché non cede ai ricatti, ma cede al ricatto peracquisire Tortelli in maggioranza; ha dato le dimissioni una seconda volta per non cedere al ricatto, maha ceduto al ricatto del PD, per non cedere e andare a casa; ha ceduto il posto del vice Sindaco. Io devodire che sul piano personale sono anche soddisfatto di questa cosa, a parte l’amicizia e la stima, siamoanche parenti con Giovanni Benedetto a cui faccio gli auguri, però l’operazione è davvero 2
  22. 22. impresentabile e spiegherò perché. Quello che oggi si vede sostanzialmente dai veleni che sono emersiè che è saltato il coperchio di questa pattumiera in cui abbiamo portato il Consiglio Comunale diNoicattaro, lo dico senza offendere nessuno perché nella pattumiera mi sento io. Voi avete fatto diquesto Consiglio Comunale una pattumiera e la presenza di tanto pubblico questa mattina nonostantel’orario infelice e giorno lavorativo che avete scelto per cercare di nascondervi, così come cercate dinascondervi non facendo fare le dirette senza motivo, anzi contrariamente all’ordine dato stesso che civoleva una testata iscritta, la testata iscritta stamattina c’era e non è stato permesso perché il senso dellavergogna per fortuna ancora prevale, però i cittadini ci sono, i cittadini parlano, i cittadini sapranno esaranno informati di quello che accade nel Comune. Quello che è positivo tutto sommato in questoschifo in cui abbiamo portato il comune di Noicattaro è che è saltato il coperchio, la gente presentevuole sapere, vuole vedere cosa abbiamo da dire. Io avevo preso un impegno quando mi sono candidatoa Sindaco, quando sono stato invitato a candidarmi, dovevo essere l’artefice (essendo una personavenuta dall’esterno non dalla politica attiva in quel momento) a ricostruire il Centro-sinistra. Inquest’anno non mi sono occupato delle crisi di Peppino Sozio, mi sono occupato di ricostruire ilCentro-sinistra, ci ho provato in ogni modo per quello che si poteva, considerando che oggi posso direche forse proprio all’interno del PD non tutti erano d’accordo a ricostruire il Centro-sinistra e lopotremo affrontare dopo il tema. Adesso voglio fare l’ultimo appello da persona incaricata di occupareil ruolo di ricostruttore del Centro-sinistra: se il PD (parlo al PD e parlo anche alla cupola che governaquesto paese e che muove le fila dietro il Sindaco) non vuole che si crei una frattura tra le personepresenti in questo Consiglio Comunale (prima di dire delle cose sicuramente sgradevoli, io sento ildovere di fare unultima volta l’appello alle persone, perché sono convinto che il PD si è spaccato suquesta decisione assurda e impresentabile; il PD non starà a lungo con questa maggioranza perché nonha nessun senso stare con i propri sicari mi sembra una cosa talmente folle che neanche il PD attualepuò sostenere, nel PD c’è una spaccatura, allora, io faccio l’ultimo appello, dopodiché ci confronteremoe chiedo una risposta prima di proseguire il mio intervento), se il PD veramente è mosso dall’interessedi fare un gesto di responsabilità, il gesto di responsabilità lo voglio fare anch’io, se questo ConsiglioComunale vuole ridurre le tasse e approvare un bilancio migliore io ci sto, perché non dovrei farlo, manon facciamo operazioni che vadano a spaccare e a mettere fine ad un progetto che con fatica stavamoprovando a portare avanti. Se oggi non c’è la volontà del PD, dei Consiglieri, dei Segretari, di fare soloed esclusivamente un’azione di responsabilità che si può fare benissimo senza entrare in maggioranza,io posso firmare un impegno, resto all’opposizione, non chiedo posti in Giunta, non ricatto nessuno,non tradisco l’elettorato perché nell’interesse dei Comuni, dei cittadini ci siamo tutti, tutti ci vorremmomuovere nell’interesse dei cittadini, ma se chiedo un posto in Giunta è chiaro che l’interesse non è deicittadini, allora noi possiamo prendere un impegno in tal senso e tenere ancora in piedi un progetto diCentro-sinistra per cercare almeno nel medio e lungo periodo di prepararci alle prossime campagneelettorali che ci aspettano e che sono quelle delle politiche dell’anno prossimo e delle regionali. Se oggiil PD mantiene fermo quanto sta facendo - ufficialmente, ripeto, chiedo una risposta su questo - noidovremmo essere chiari e dovremmo cercare insieme alla presenza dei cittadini di capire i motivi delperché queste cose succedono nel nostro Comune e quindi ognuno deciderà di prendersi le sueresponsabilità e di andare avanti. Certo è che io mi rivolgo, ripeto, alla "cupola" che ha gestito questacosa, perché è una "cupola" che ha fatto questa operazione. Con il clima di veleni che c’è non credo chefarete affari, io non penso che chi pensava di fare affari con questa operazioni, di mettere le mani susettori come ledilizia, interessi, appalti, gare, incarichi, non avrà più terreno facile perché i veleni sonoemersi, perché ci saremo noi a controllare, ma ci sono anche i rappresentanti del Gruppo Misto, ci sonole forze dell’ordine a cui più volte mi sono rivolto, anche pubblicamente, nel Consiglio Comunale dimaggio, quello sulla sicurezza e la legalità dicendo di fare attenzione a questo Comune, perché io noncredo che le scelte che sono state fatte fino ad oggi sono scelte oneste, cioè qua sono impazziti tutti, lepersone che stavano intorno a me sono impazzite tutte, non lo so, a me pare strano, io in tutto questo 2
  23. 23. non sono artefice di queste scelte, sono assolutamente contrario a quello che si sta facendo, lo vogliodire con chiarezza, per cui se c’è un gruppo di potere in questo paese, non l’ho detto io, non lo dico io,lo dissero nei manifesti quando lei, Presidente, mi tolse la parola perché io stavo parlano di mafia, iConsiglieri del Gruppo Misto hanno detto che a Noicattaro c’è una massoneria, che ci sono poteri fortiche guidano il Sindaco, ora lo sanno tutti a Noicattaro che questo Sindaco non conta nulla ed è solo unburattino nelle mani di altri. Allora io così mi spiego perché le persone a me vicine improvvisamentecambiano posizione e vanno da un’altra parte, tra l’altro Francesco Ciavarella senza portare a casaalcuna utilità, ma perché dovrebbe fare una cosa del genere Francesco Ciavarella? Per fare il volere diuna segreteria del PD che ha spaccato il partito? Perché c’è un futuro in questo? Io non credo. Allora,se il problema è il gesto di responsabilità verso i cittadini ci sto pure io, prendo formalmente l’impegnodi votare un bilancio migliore di quello che è stato presentato dall’Assessore Palmieri; se invece dietroquesta scusa, questa bugia, questa falsità - che tutti qua capiscono - c’è dell’altro, beh buona fortuna,tanti auguri, ci vediamo nelle sedi competenti perché io penso che verrà fuori tutto il marciume chequalcuno sta cercando di coprire in questo Comune.Quindi, io chiedo una risposta al PD perché altrimenti farò una lettura ancora più chiara di quello chesta succedendo.PRESIDENTEIl Consigliere Vitangelo Anelli.Consigliere Vitangelo ANELLIGrazie Presidente, buongiorno a tutti. Di considerazioni questoggi ne abbiamo sentite tante, di diversafattura, quello che secondo me invece và registrato è che c’è un fallimento della politica fatta negliultimi ventanni. Una politica che ha visto come primo attore il PD con le sue varie maggioranze, anchel’ultima coalizione che doveva essere, a detta di qualcuno, alternativa al PD e al PDL celava appuntodelle oscurità politiche che tuttoggi praticamente stanno emergendo. Faccio un appello ai cittadiniperché si rendano conto effettivamente di come sono stati governati in questi ultimi anni e se sonoeffettivamente soddisfatti di come sono stati governati perché noi che siamo all’opposizione, maabbiamo cercato fino ad oggi, da quando ci siamo insediati, con delle proposte concrete di pungolarequesta maggioranza, di confrontarci con questa maggioranza, non siamo mai stati ascoltati, anzistrumentalizzati quando qualcosa la maggioranza non l’ha fatta. Ritengo che abbiamo sicuramente lanostra responsabilità, ma la responsabilità più grande a questo punto ce l’ha questa maggioranza.Pertanto, dico che siamo ormai alla resa dei conti, in tutti questi mesi non avete fatto altro che perdereimportanti occasioni per rilanciare il nostro paese, siamo partiti un anno fà con le dimissioni delSindaco, durante il primo Consiglio per questioni di poltrone, ricorderete tutti la Presidenza delConsiglio a Liturri piuttosto che a Fonzo, ci ritroviamo ancora oggi a sprecare un Consiglio Comunaleper discutere le dimissioni del Sindaco sempre per questioni di poltrone. Verrebbe da chiedersi se tuttoquesto tempo per cercare un assetto, che doveva già esistere all’indomani della vittoria elettorale, èservito effettivamente a qualcosa. Infatti di scuse, per non far nulla, questa maggioranza ne ha trovatetante, ma ora le ha esaurite. Il licenziamento degli assessori Petruzzellis, Rossi e Innamorato, l’elezionedel Presidente Fonzo, la revoca delle deleghe ai Consiglieri non hanno ad oggi portato ad un cambio diprospettive per il nostro paese, ma sono solo servite a consentire al Sindaco di restare seduto alla suapoltrona nonostante l’atteggiamento poco coerente di presentare per ben due volte le dimissioni eritirarle dopo poco facendo credere ai noiani che a lui la poltrona non interessa. A questo puntoverrebbe da chiedersi come mai il PD, da sempre avverso a questa maggioranza - infatti sostenneRizzo durante la scorsa competizione elettorale - ha deciso di sostenere Sozio? Ricordo ancora gliinsulti durante la campagna elettorale al Sindaco Sozio da parte di qualche loro esponente che lo accusòdi non avere la patente per guidare l’amministrazione. Che cosa è cambiato da allora? O Sozio è andato 2
  24. 24. a scuola guida o il PD ha deciso - coerentemente - di andarsi a schiantare salendo sulla macchina di chi,a detta loro, è senza patente. Ma il PD, che ritiene di essere furbo, si giustifica dicendo: “Lo facciamoper il bene del paese, per scongiurare il commissario, ci siamo dati dei punti programmatici ed unascadenza per raggiungerli”, insomma frasi e concetti riciclati da vecchi politicanti, altro che da giovani.Secondo i bene informati è vero quel detto che dice: “Il potere logora chi non ce l’ha”. Il PD è rimastoal palo fino ad oggi e forse non sopportava più di dover aspettare, magari la prossima competizioneelettorale, per dimostrare al paese le sue ragioni politiche ed attendere che gli elettori gli conferissero ilmandato per governare, ammesso che ciò sarebbe accaduto. Ma perché andare a votare si sono detti,perché organizzare un’altra campagna elettorale? Meglio fare il salto della quaglia ed entrare inmaggioranza, minimo sforzo, massimo rendimento. E pensare che un senatore del PD ha presentatol’altro giorno un emendamento per impedire i trasformismi, ma questa è la contraddizione di semprenel PD, dove la mano destra non sa cosa fà la sinistra. Mi chiedo allora cosa centra questo con il benedel paese? Il paese ha eletto la sua coalizione per farsi governare, ma questa puntualmente fino ad oggiè stata snaturata, a questo punto perché votare per una coalizione se poi questa cambierà? È accadutoprima con l’entrata in maggioranza del consigliere UDC Tortelli, eletto nella coalizione di Sinistra conRizzo Sindaco, accade oggi per il PD sconfitto alle scorse elezioni. Ma scusate, lo stesso PD non avevaprima condiviso un programma elettorale con la coalizione di Rizzo? Non ha fatto una campagnaelettorale avversa al candidato Sozio? Qualche giorno fà non ha firmato un documento con il GruppoMisto per stipulare un patto federativo? Questo è l’esempio di coloro che dicono “fate come io dico, manon fate come io faccio”, è l’ennesima riprova di come la politica, arte nobilissima a mio avviso, vieneridotta ad un colabrodo da qualche politicante smanioso di ascendere la china della ribalta. Almeno siabbia la decenza di dire: “Lo faccio per me e per i miei interessi e non per il paese”. Saper governarecome il buon padre di famiglia è il principio con cui il Sindaco dovrebbe confrontarsi ogni giorno,invece, al contrario, cerca attraverso i sotterfugi di farla franca, evitando il confronto con il Consiglio,le associazioni e quel che è più grave con i cittadini. Basti pensare al fatto che con atto sconsiderato haimpedito le dirette web, cosa hanno di sbagliato? A chi danno fastidio? Non è invece questa una formademocratica di partecipazione, addirittura senza alcun onere per il Comune? Però agli amici di partito,a quelli non li delude mai. Sì, perché il nostro Sindaco mentre deposita le sue dimissioni, il 13.07.2012approva una delibera di Giunta aderendo come Comune, formalmente, con la partecipazione sua odell’Assessore alla Cultura ed economicamente, destinando alla Fondazione “Giuseppe Di Vagno”mille euro all’anno a partire da questo. Questa sì che è una prova di estrema coerenza! Mi chiedoquanto interessa ai noiani questa adesione? E soprattutto quale beneficio ne comporterà?All’immobilismo si aggiungono poche, inutili e pericolose azioni del Sindaco che con le unghie e con identi resta incollato alla poltrona. Rifletti, Sindaco, è ora di bilanci, ma non quelli approvati a botta dinumeri, con la logica dei numeri, ma quelli con la propria coscienza. Si deve saper anche ammettere diaver sbagliato, daltronde non fu lei che disse al Consigliere Rizzo: “Non hai ancora mandato giù lasconfitta, perciò ti accanisci contro di me”, persona che pur senza appartenere ad alcun censo èdiventato Sindaco di questo paese. Ma ora è sotto gli occhi di tutti: il Sindaco Sozzo ha fallito. Haavuto fin troppe occasioni per farci ricredere, ma purtroppo ha deluso tutti: la maggioranza, ilConsiglio, le associazioni e soprattutto i noiani. A questo punto bisogna fare un esame con la propriacoscienza e coerentemente, non certo però con la stessa coerenza con cui prima si attribuisce al PD laresponsabilità di averci lasciato il comune indebitato e poi per restare in sella lo si fà entrare inmaggioranza riconoscendogli per ora il vice Sindaco, poi non sappiamo cos’altro; concedendogliinoltre l’ardire di raggiungere taluni obiettivi, che hanno poi esplicitato all’interno di un manifesto, ilprimo: la riduzione del carico fiscale 2012. Non si comprende perché, ora rispetto a prima, il caricofiscale sarà ridotto. Mi viene da pensare a questo punto che o l’Assessore Palmieri non si è impegnataper trovare questa economia o il PD ci prende in giro. Anche perché di soluzioni per ridurre lapressione fiscale ne parlai in commissione proponendo quanto segue: ridurre la spesa improduttiva di 2
  25. 25. questo comune, organizzare meglio i servizi e la loro gestione, internalizzare la gestione e lariscossione dei tributi risparmieremmo 500mila euro, attivando la raccolta differenziata risparmieremocirca 60mila euro di biostabilizzazione al mese, recuperando TOSAP e TARSU dalla Vigeura edannullando la transazione che non và assolutamente fatta recupereremmo circa 60mila euro, aderendoal patto antievasione con l’Agenzia delle Entrate riscuoteremo interamente quanto accertato. In questomodo potremmo recuperare quel milione evitando di introdurre l’IRPEF.Il secondo punto del manifesto del PD dice: "L’obiettivo è quello di avviare la gara del servizio diraccolta differenziata", ma scusatemi, questa maggioranza ha prima sospeso in autotutela il bandoproposto dal PD e poi lha annullato, e oggi che fà? Lo approva! Questo atteggiamento a me sà propriodi ordinaria follia.Il terzo punto è la riscrittura del Regolamento per la gestione degli immobili. A questo punto, caroAssessore Palmieri, devo proprio pensare che il PD ce l’abbia con lei, visto che si è molto spesa perprodurlo questo documento, prima ancora di iniziare a lavorare riscontriamo le prime frizioni, speronon le tolgano la delega - ah, ho appena appreso che gliel’hanno tolta la delega -.Il quarto punto all’interno del manifesto dice: "Lmmediata riduzione dei costi della Gestione Servizi",eh, qui sono stati previdenti, perché la trattativa è ancora aperta. Non fù il Consigliere CiavarellaFrancesco del PD a dichiarare “penso sia arrivato il momento che il Comune di Noicattaro siriorganizzi l’ufficio tributi”, forse chi ha scritto il manifesto non si è consultato con il ConsigliereCiavarella.Il quinto punto che loro, appunto, hanno inserito all’interno del manifesto dice: "La definizione delleproblematiche dell’area PIP", insomma, Assessore Palmieri, questo è un attacco alle sue deleghe,stanno mettendo tutto il suo operato fino ad oggi profuso in discussione e pensare che io la ritengo fra ipochi che si impegnano. Ma cosa ci vuole fare? Questo è il modo in cui la vogliono ripagare, ma leitenga duro e non demorda.Infine, dicono: "Presteremo particolare attenzione alla qualità della vita", mi chiedo come farà il PDd’ora in poi a stare attento alla qualità della vita del nostro territorio visto che non c’è riuscito negliultimi vent’anni? Poi concludono, vi dicono: "Vi terranno d’occhio e quand’anche le cose nondovessero funzionare sarà colpa vostra", ecco, queste sono le parole di chi ci ha governato negli ultimivent’anni.La cosa più grave è che siamo in tempo di crisi, sono tempi duri per l’Europa, l’Italia e soprattutto per inoiani che si giocano tutto, ma proprio tutto in questo periodo, mentre lei, Sindaco, si occupa dellatenuta della sua coalizione, cosa giusta per carità, se l’obiettivo fosse quello di rilanciare attraversopolitiche serie Noicattaro, ma non è così. Infatti, nonostante l’ottima performance dei cittadini noianinel pagare i tributi, voi sprecate tempo non per aumentare i servizi, ma per aumentare le tasse, perchécosì è più facile. Noi stiamo sentendo in questi giorni, in televisione, di dissesti finanziari nel Comunedi Palermo, del Comune di Napoli, noi non abbiamo questo problema per fortuna, però questo nonsignifica abbassare il grado di attenzione. Invece, la maggioranza che fà? Continua a perdere tempo, acercare di trovare gli assetti e gli equilibri interni.Vi sembra questo, appunto, un atteggiamento responsabile? Non è un voler fare polemica, ma è unvoler valutare un dato in maniera oggettiva. Sbagliare - dico io - è umano, ma perseverare è diabolico,Sindaco. Infatti, questa è la seconda volta che ritira le dimissioni. Ormai per lei è unabitudine, solo chequesto atteggiamento fà bene lei ma non al paese, ieri vittima del Gruppo Misto, oggi del PD, mispieghi come può pensare in questo modo di fare il bene del paese, le scelte giuste per il migliorfunzionamento della macchina amministrativa e non per tirare a campare? Per dirla con un proverbio dicasa nostra: “La cera si consuma, ma la processione non cammina”. Guardi al paese con serietà elungimiranza, lontano dai compromessi beceri a cui state abituando Noicattaro, ne và dell’esempio chediamo ai giovani di questo paese che crescono pensando che la furbizia sia un valore a scapito delmerito. Grazie. 2

×