I Paesi Bassi
di Nicolò Esposito

1
I Paesi Bassi
•

•

I “Paesi Bassi” si chiamano così perché il 27% del territorio si trova sotto il livello del
mare
Spess...
Territorio e clima
• Superficie: 33.939 kmq
(44.526 kmq contando i mari interni)

• Confina a Sud con il Belgio e a Est
co...
Province e città principali
•

Nazione più densamente abitata
d’Europa (388 ab/kmq)
– Popolazione (2009): 16.486.587 ab.

...
Fiumi

• Fiumi principali: il Reno e la Mosa, collegati a tutte le principali vie fluviali
dell’ Europa centrale
• Altri f...
La costa e il rapporto con il mare
•
•
•
•

La costa è lunga 451 km e bassa, tranne che nella parte orientale
In molti pun...
I polder
Terreni costieri situati sotto il livello
dell'alta marea e difesi da argini, sottratti
al mare da opere di bonif...
Le basi dello sviluppo economico
•

I Paesi Bassi sono uno dei paesi economicamente e socialmente
più sviluppati del mondo...
Risorse minerarie ed energetiche
• Poche risorse minerarie, ma importanti risorse
energetiche, scoperte negli anni ’70
• G...
Agricoltura, allevamento, pesca
• Tecniche progredite

rendimenti unitari elevatissimi

– La produttività delle coltivazio...
Industria
• Industria agroalimentare basata su lavorazione prodotti agricoli locali
(latte, carne, barbabietola da zuccher...
Dank u !!

12
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Nicolò Esposito presenta: La Geografia dei Paesi Bassi

571

Published on

Presentazione in Power Point della Geografia dei Paesi Bassi di Nicolò Esposito allievo della Scuola Svizzera di Roma, Media, classe 2a B.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
571
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Nicolò Esposito presenta: La Geografia dei Paesi Bassi

  1. 1. I Paesi Bassi di Nicolò Esposito 1
  2. 2. I Paesi Bassi • • I “Paesi Bassi” si chiamano così perché il 27% del territorio si trova sotto il livello del mare Spesso chiamati “Olanda” – Dal nome della regione più importante (Holland), fatta di terra strappata al mare • Capitale: Amsterdam – La sede del Governo è però a L’Aja (Den Haag) • Forma di Governo: monarchia costituzionale – Casa di Orange-Nassau, • I colori della bandiera del Principe d’Orange (difensore dell’indipendenza olandese) erano l’arancione, il bianco e il blu e così l’arancione è diventato il colore simbolo dell’Olanda • • • Membro fondatore della CEE Lingua: olandese, frisone Religione: non religiosi/atei 38%, cattolici 31,9%, protestanti 23%, musulmani 4,3%, altre religioni 2,8%. • Indice di sviluppo umano 2009: 0,958 (6° posto). 2
  3. 3. Territorio e clima • Superficie: 33.939 kmq (44.526 kmq contando i mari interni) • Confina a Sud con il Belgio e a Est con la Germania • A Nord e a Ovest è bagnata dal Mare del Nord • Il territorio è pianeggiante • Il 27% è sotto il livello del mare – Zone blu scuro nella cartina • Punto più alto: il Vaalserberg (321 m) – nel Sud-Est del paese, dove si trovano le ultime propaggini delle Ardenne • Clima: atlantico-continentale – inverni rigidi con frequenti gelate, estati fresche e piovose – temperatura media 9-10 °C 3
  4. 4. Province e città principali • Nazione più densamente abitata d’Europa (388 ab/kmq) – Popolazione (2009): 16.486.587 ab. • Territorio diviso in 12 province Città principali: • Amsterdam, L’Aia • Rotterdam (sul Reno (ramo Waal), uno dei porti più importanti del mondo) • Utrecht (centro culturale e religioso) • Eindhoven (polo industriale) • Groningen (centro culturale, commerciale e industriale) • Maastricht • Arnhem • Leeuwarden (mercato agricolo) 4
  5. 5. Fiumi • Fiumi principali: il Reno e la Mosa, collegati a tutte le principali vie fluviali dell’ Europa centrale • Altri fiumi: Schelda (solo la foce in territorio olandese), il Vecht e l'Hunse • Numero elevatissimo di canali, utilizzati per la bonifica, per il drenaggio e per la navigazione. • Il Reno forma in Olanda un complicato delta insieme alla Mosa – Il Reno non appena entra in territorio olandese si divide in due rami principali (Waal e Nederrhin-Lek) e uno secondario (IJssel) • I due bracci principali terminano nel Mare del Nord con un enorme delta presso Rotterdam • Il Waal si unisce con la Mosa • L’IJssel si dirige a N e sfocia nell'IJsselmeer. • La Mosa, dopo aver segnato il confine con il Belgio, entra in territorio olandese e mantiene il suo corso quasi parallelo a quello del Reno, per poi gettarsi nel Waal 5
  6. 6. La costa e il rapporto con il mare • • • • La costa è lunga 451 km e bassa, tranne che nella parte orientale In molti punti vi sono caratteristiche dune sabbiose formate dalle correnti marine e dal vento A poca distanza dalla costa settentrionale vi sono le Isole Frisone Occidentali, che delimitano il Waddenzee – Il Waddenzee è un bassofondo fangoso, soggetto alle maree – Esso è parte di una zona umida che si estende fino alla Danimarca, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco – Il Waddenzee olandese è il residuo di antiche torbiere, invase dal mare durante le violente tempeste dei secc. XII-XIV, che formarono la vasta insenatura dello Zuiderzee • la costa olandese ha subito nel corso del tempo grosse trasformazioni per mano dell’uomo – Con la costruzione della grande diga dell’Afsluitdijk (1932, lunga 32 km e larga 90 m), lo Zuidersee è stato trasformato nel lago artificiale dell’IJsselmeer – Attraverso la costruzione di dighe, canali e polders, parte del fondo marino è stato trasformato in terra coltivabile e abitabile e la linea di costa è stata avanzata 6
  7. 7. I polder Terreni costieri situati sotto il livello dell'alta marea e difesi da argini, sottratti al mare da opere di bonifica; tipici dei Paesi Bassi. •Originariamente le pompe idrovore erano azionate dai mulini a vento Ecco perché i mulini sono una parte ineliminabile del paesaggio olandese !! • Con la costruzione di una diga si isola una superficie più o meno ampia di terreno costiero, poi suddivisa per mezzo di argini e sbarramenti in bacini minori • attraverso un complesso sistema di chiuse e per mezzo di pompe idrovore l'acqua viene drenata in un canale laterale e da qui (attraverso un canale che scarica l’acqua durante la bassa marea) nel mare • Una volta asciutti, i terreni così sottratti al mare vengono resi coltivabili con concimi ecc. e dissalandoli - un tempo si piantavano cavoli cappucci, che assorbivano il sale dal terreno 7
  8. 8. Le basi dello sviluppo economico • I Paesi Bassi sono uno dei paesi economicamente e socialmente più sviluppati del mondo • Sviluppo fondato non su risorse naturali (i giacimenti di petrolio e gas sono stati scoperti solo recentemente), ma su:  una collettività efficiente e ottimamente organizzata. – Sforzi continui per salvaguardare il territorio dal mare hanno rafforzato la coesione sociale  agricoltura intensiva commercio e nella finanza surplus agricolo investito nel  Nel ‘600 gli Olandesi entrarono nel commercio delle spezie, rompendo il monopolio portoghese e creando proprie colonie • Fondazione della Compagnia Olandese Indie Orientali (1602) • Creazione di colonie in Indonesia e nelle Molucche  Sfruttamento posizione geografica favorevole agli scambi – i Paesi Bassi sono il naturale sbocco dei prodotti tedeschi – Facile accesso alle vie fluviali verso l’interno dell’Europa (Reno e Mosa) – Possibilità di commercializzare i prodotti delle Fiandre 8
  9. 9. Risorse minerarie ed energetiche • Poche risorse minerarie, ma importanti risorse energetiche, scoperte negli anni ’70 • GAS NATURALE – i vasti giacimenti presso Groningen fanno dei Paesi Bassi uno dei maggiori fornitori del mondo – Gas esportato in Germania, Francia, Belgio • Carbone (bacino di Limburgo), • Petrolio (Coevorden e Rijswijk) – Rotterdam è da decenni la più importante piattaforma europea di scambio di prodotti petroliferi 9
  10. 10. Agricoltura, allevamento, pesca • Tecniche progredite rendimenti unitari elevatissimi – La produttività delle coltivazioni di frumento, avena e patate è la più alta del mondo e quella della barbabietola da zucchero è la più alta d’Europa • Larga diffusione delle serre riscaldate – fiori – tulipani, giacinti, crisantemi, rose da serra – primizie ortofrutticole, destinate all’esportazione • Bulbi da fiore, esportati in tutto il mondo • Allevamento bovino: razze selezionate (frisona da latte, 23 l/g) – Industria lattiero-casearia (burro, formaggi (Gouda ecc.)) • Allevamento di suini, anche esportati • Pesca delle aringhe e industria conserviera – gli olandesi scoprirono per primi il processo di affumicatura necessario per la loro conservazione 10
  11. 11. Industria • Industria agroalimentare basata su lavorazione prodotti agricoli locali (latte, carne, barbabietola da zucchero, ecc.) e prodotti coloniali (tabacco, spezie, frutta tropicale, cacao) • Maggiori produttori mondiali di sigari e sigarette • La famiglia Van Houten ha inventato (1828) il processo per fare il cacao in polvere !! • Industria petrolchimica – Royal Dutch Shell è la più grande compagnia del settore nel mondo • Dominio del mercato della gomma fino alla seconda guerra mondiale grazie alle piantagioni di caucciù nelle Indie Olandesi • Costruzioni navali e aeronautiche – La Fokker: una delle protagoniste della storia dell’aviazione • Il triplano del Barone Rosso era un Fokker • Industria elettrotecnica ed elettronica – La Philips di Eindhoven è un gigante mondiale • ha inventato il primo tubo a raggi X, il rasoio elettrico, le musicassette, il circuito integrato e il CD (con Sony) • Ha perfezionato gli apparecchi radiofonici, i televisori e le lampadine • Lavorazione delle gemme (diamanti, ecc.) (Amsterdam) 11
  12. 12. Dank u !! 12
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×