• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Omeopatia unicista psorica hahnemanniana - Prova
 

Omeopatia unicista psorica hahnemanniana - Prova

on

  • 857 views

Caricamento di prova per Dott.Garavini

Caricamento di prova per Dott.Garavini

Statistics

Views

Total Views
857
Views on SlideShare
857
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Omeopatia unicista psorica hahnemanniana - Prova Omeopatia unicista psorica hahnemanniana - Prova Presentation Transcript

    • Omeopatia Unicista Psor la struttura della malattia il disegno del Benessere
    • • Concetti Base della MedicinaLa Malattia «cattiva» Omeopatica PsoricaChristian Friedrich Samuel Hahnemanniana:Hahnemann 1. Tutte le malattie nascono da una sola infezione (streptococco) 2. Tutte si concludono con lo(Meißen, 10 o 11 aprile 1755 – Parigi, stesso batterio2 luglio 1843) 3. Vi sono sintomi comuni cheè stato un medico tedesco, fondatoredella medicina omeopatica. possiamo «leggere» per apprendere a che «punto» siamo della malattia.
    • La Malattia «cattiva»• Oggi, e così come ai tempi di Hahnemann, la MALATTIA è un qualcosa di cattivo che va estirpato, eliminato, buttato via.• Il medico fornisce il bonum, la medicina, che elimina il malum.• La realtà è, però, più complessa
    • la Malattia• Essa rappresenta la soluzione migliore, tra le migliaia contenute nelle nostre memorie cellulari, che un organismo attua per superare un problema.• Questa malattia, o infezione, ha in realtà già aggredito TUTTO il corpo, nella sua interezza.• Con la sintomatologia, il corpo cerca di «concentrarla» in un organo, o funzione, ed eliminarla!
    • • Il concetto di “Forza Vitale” introdotto da Hahnemann indica una sorta di intelligenza fusa all’istinto, che ha l’unico scopo: mantenere in armonia un organismo continuamente sottoposto ad insulti.• Tale Forza Vitale è in grado di scegliere, come un disco dal juke box, il programma giusto per combattere tale insulto, e tale programma è la malattia.
    • • Tale programma non è scelto a caso, ma l’esperienza di migliaia di anni ha permesso a tale intelligenza di scegliere il programma più redditizio, ovvero capace di ottenere il miglior risultato col minimo spreco di energia.• Lo scopo è quello di ritornare ad uno stato simile a quello precedente al trauma, all’insulto. Ma questo non è mai possibile.• Dopo qualsiasi informazione, siamo sempre cambiati, non saremo mai più come quelli di prima: un piccolo cambiamento c’è sempre, una piccola trasformazione, anche se non ce ne accorgiamo
    • • Tale insulto non è solo un agente patogeno esterno, come un batterio, un virus, un inquinante: può anche essere un odore piacevole, un sapore, una parola appena sussurrata, ma che ferisce, un emozione, un vecchio ricordo, una nostalgia.
    • Gottfried Wilhelm von Leibniz(matematico, filosofo, scienziato, logico,glottoteta, diplomatico, giurista, storico,magistrato e bibliotecario tedesco.)“viviamo nei migliori dei mondi possibili, enel migliore dei modi”
    • Come avanza la malattia?• avanza per gradi e per compartimenti stagni• Passando come da un “compartimento stagno”, da un livello di gravità, all’altro, la persona perde i sintomi precedenti per acquisirne dei completamente nuovi, apparentemente meno gravi perché più sfumati.
    • Il paziente sano• Ha una sintomatologia CHIARA, ben descrivibile, tipica con modalità di aggravamento o miglioramento nette (es. un dolore acuto che migliora con lo sforzo fisico; una macchia che brucia ma migliora con l’acqua calda; non una febbricola di 30 giorni o un dolore che permette di svolgere le mansioni quotidiane) un paziente malato accusa sempre sintomi sfumati, di cattiva lettura e localizzazione
    • Il paziente malato• un paziente malato accusa sempre sintomi sfumati, di cattiva lettura e localizzazione.• Dolori difficili da definire, che non si ripresentano sempre nello stesso punto.• Problemi che spesso vengono definiti «psicosomatici», poiché non riconducibili direttamente a patologie esclusivamente fisiche.
    • I Livelli di progressione della Malattia
    • I livelli della malattia• 1° livello malattie di pelle, polmoni e intestino, ovvero gli organi “fuori dal corpo” poiché a prolungato contatto con l’esterno. Sono i primi che si ammalano perché sono gli organi che NON FUNZIONANO alla nascita, ma si attivano solo al momento del distacco dalla madre (escissione del cordone ombelicale)• 2° gastrite• 3° cistite enterite• 4° bronchite• 5° polmonite• 6° infarti• 7° cirrosi• 8° tumori• 9° leucemia
    • Per comprendere meglio il concetto di «cancellazione dei sintomi»…• Un paziente con cirrosi digerisce il latte, beve bibite gasate senza problemi, può abbuffarsi di crema spalmabile industriale alla nocciola (e non ci fate dire il nome…), non ha la febbre… ma ha la cirrosi! Un alcolizzato, beve il latte, mangia la crema spalmabile e dorme tranquillamente.
    • Come nasce la malattia?• Tutte le malattie hanno una genesi comune: partono tutte da un eritema pruriginoso della pelle: un prurito voluttuoso, ovvero una persona prova un forte piacere nel grattarsi. Il colpevole è lo Streptococco o Stafilococco.• Essa agisce come “cavallo di troia” permettendo ad altre patologie di entrare nel corpo umano.• La via di trasporto e “immagazzinamento” dei patogeni sono i nervi, ovvero il tessuto umano con il maggior numero di recettori per il maggior numero di patogeno.
    • • Quest’ultima intuizione, confermata dalla medicina moderna, Hanhemann l’ha avuta 200 anni fa.• I batteri tipo “Cocchi” fungono da “cavallo di troia”, o vettori, per introdurre gli altri patogeni, batteri o virus, quali:  EBV  HPV  CMV  Clamidya  Mycoplasma (questi ultimi legati all’atero-sclerosi) Lo Streptococco è il primo patogeno, ma anche l’ultimo a colpirci
    • Molte malattie, Molte Medicine?Enanziopatia Allopatia• faccio l’esatto contrario di • faccio un qualcosa di quello che sta facendo diverso da ciò che sta l’organismo. Creo una facendo l’organismo, creo malattia esattamente una malattia diversa, o con contraria (antiacido, un organo bersaglio diverso antidiarroico, ecc.) (l’intestino non funziona• nell’acuto ha una funzione bene, e allora prendi un utile, ma non nel cronico, purgante; ho le gambe perché in genere il nemico gonfie, e le sgonfio col con che si vuol combattere non un diuretico che affatica il c’è più! rene.)
    • Molte malattie, Molte Medicine?Isoterapia Omeopatia• uso la stessa sostanza, la medesima • solo chi segue la legge dei che mi ha provocato la malattia, ovvero un nosode, per curare la simili fa omeopatia. malattia che ho adesso (l’urinoterapia per una cistite, o il morbillo iniettandosi il virus del morbillo). Anche se talvolta è molto efficace, Hahnemann la ritiene pericolosa poiché spesso si producono anticorpi che distruggono il nostro stesso organismo: è questo che Hahnemann chiama Simillimum che, a torto, è diventata la massima aspirazione per molti omeopati
    • Molte malattie, Molte Medicine?Allopatia Omeopatia• Malattie Acute • Malattie Acute• Malattie croniche come ripetizione di un evento acutoL’allopatia non riconosce la malattia cronica Un paziente cronico è • Malattie croniche semplicemente trattato come un paziente con tante malattie acute
    • la malattia cronicaLa grande sfida degli omeopati, oggi, è proprio la malattia cronica che è completamente diversa dall’acuta: ogni paziente va considerato come un opera d’arte, unica ed irripetibile; ne consegue che la malattia di quella persona non può essere rinchiusa, inscatolata, etichettata con un nome ben preciso.Anche la medicina ufficiale, oggi, comincia a parlare di malattia simil-alzhaimer, simil lupus, etc
    • • In medicina tradizionale non esiste la malattia cronica: in omeopatia c’è una netta distinzione tra malattia acuta (che implica che il soggetto è sano e quindi guarirebbe anche da solo) e la malattia cronica è un concetto completamente diverso dalla malattia acuta.• In allopatia la malattia cronica è semplicemente un quadro acuto che sta durando da molto tempo oppure tanti episodi acuti messi assieme, ne consegue che la terapia è la stessa. Nel cronico si sommano più terapie acute.• Da qui deriva la povertà nel numero di medicinali, la povertà terapeutica della medicina allopatica.
    • Acuto e CronicoAcuto Cronico
    • • Se anche elimino gli episodi acuti senza trattare la malattia sottostante, essi si ripresenteranno sempre più fastidiosi ed invalidanti.• Esempio: cos’è un effetto collaterale di un farmaco? È come un masso lanciato in una piscina: se il paziente sta bene, andrà in fondo e non creerà nessun disturbo, se tanti massi hanno riempito la piscina questo resterà fuori e lo percepiremo come sintomo.• Quindi, dobbiamo curare ciò che vediamo, ma assicurarci anche di svuotare la piscina dai massi (ovvero dalle malattie) che da tempo la riempiono.
    • Quindi, dobbiamo curare ciò che vediamo, ma assicurarci anche di svuotare la piscina. Acuto Cronico
    • • Una puntura di insetto in un sano non provoca niente, in un bimbo un po’ ammalato provoca un ponfo rosso, in un adulto malato grave uno shock anafilattico. Ma è sempre lo stesso becco.• In base alla grandezza della malattia Psorica, alla quantità di “massi” che ostruiscono la “Piscina”, allora una persona evidenzierà sintomi maggiori o minori.
    • • Tendenzialmente, i sintomi colpiranno sempre il punto debole, l’organo bersaglio, quindi il masso che cade in acqua colpirà sempre il nostro punto dolente (chi soffre di gastrite, se mangia male, se prendo cortisone od antibiotico, se si arrabbia, se gli muore il gatto, svilupperà una gastrite)
    • L’informazione NON è segreta!• Ogni cosa che accade nell’organismo, ogni informazione, è risaputa e trasmessa attraverso ogni singola cella!• L’organismo, in quanto sistema, non cela nulla: continuamente fa del “gossip”, non può fare a meno di fare “pettegolezzi”.
    • La Malattia è una Risposta• I batteri sono sempre d’innanzi a noi, ma il paziente sano nemmeno li considera. L’ammalato impazzisce alla loro vista, ma assolutamente non viene attaccato dagli agenti patogeni, ed in particolare “viene a patti” col nemico, sacrifica qualcosa di sé, pur di salvare la vita, e da quì inizia la malattia.• Si mette il maglione pesante, ma non chiude la finestra.• Ci ammaliamo non perché veniamo attaccati dai batteri, ma perché ci “impauriamo”, iniziamo a scappare e ci comportiamo senza senso.
    • Il concetto di P.N.E.I.• Anche il concetto di P.N.E.I. (psico-neuro- endocrino-immunologia, è riduttivo.• Per renderlo completo ed efficace, dovremmo considerare una psico-neuro-endocrinp- immunologo-gastro-epato-otorino-ecc…