Your SlideShare is downloading. ×
Madame Bovary ft Scarlett letter
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Madame Bovary ft Scarlett letter

1,335
views

Published on

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,335
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2. Trama Madame Bovary Il romanzo inizia con una veloce presentazione della vita di Charles: la famiglia, gli studi per diventare medico, il suo primo matrimonio. Tutte cose volute da sua madre.L'autore ci parla della morte della prima moglie di Charles come un fatto irrilevante, detto in due righe. Charles si innamora di Emma Bovary, la figlia di un suo paziente e si sposano.All'inizio i due coniugi sono felici ma ben presto Emma non è più entusiasta di suo marito, della sua vita. Un mercoledì sono invitati ad una festa in un castello, con un gran ballo e personaggi importanti. Emma balla con un visconte. Al suo ritorno a casa, il ricordo della festa la esalta. Per lei ormai esiste solo quel mondo irreale di nobili, di balli, di feste. A casa diventa sempre più attenta ai particolari della moda (eleganza, profumi, galateo). Dopo un anno non viene più invitata a nessun ballo e comincia a lasciarsi prendere dalla delusione e dalla noia. Non suona più, non legge, non ricama più. Comincia a soffrire di palpitazioni, dimagrisce, cambia umore spesso. Il marito crede che sia l'aria del paese che non le fa bene. Charles cerca casa ai confini sud della Normandia. Quando partono, a marzo, Emma è incinta.
  • 3. Vanno ad abitare a Yonville. Arrivano ad una locanda e cenano con l'oste e un giovane praticante presso il notaio, Leon. Intanto la gravidanza avanza: il marito si fa più affettuoso, desidera tantissimo un figlio, naturalmente un maschio, nasce una bambina, Berthe, che viene messa a balia da una contadina. Anche a Yonville la vita diventa noiosa per Emma. Leon si innamora di Emma che ne è lusingata e scossa. Il sentirsi innamorata, anche se di un amore impossibile, da principio le dà un entusiasmo nuovo per la vita. "Ma quanto più si accorgeva del suo amore per Leon, tanto più cercava di nasconderlo"; "Lei gli appariva tanto virtuosa e inaccessibile che ogni speranza lo abbandonò". Così Leon decide di trasferirsi a Parigi, per finire i suoi studi. Emma lo lascia partire senza dirgli nulla, ma aumentano i rimpianti. Arriva il giorno dei comizi agricoli, una cerimonia importante per il paese, con festa e premiazione dei lavoratori. Il Signor Rodolphe Boulanger incontra Emma, le si avvicina e con la scusa di portarla in un posto dove si vede meglio la piazza comincia rispettosamente a corteggiarla. Emma ne è lusingata. Charles convince la moglie ad uscire a cavallo con Rodolphe dicendole che le avrebbe solamente giovato dato che la sua salute era malferma. Diventano amanti. Intanto giunge quella che potrebbe essere la grande occasione della vita di Charles: l'operazione di uno storpio con una tecnica nuova, di recisione di un tendine. Ma l'intervento, che sembrava andato bene, ha delle complicazioni, perché la ferita si infetta ed occorre l'amputazione della gamba. Emma convince Rodolphe a fuggire lontano con lei. Ma la sera prima della partenza, Rodolphe, che in cuor suo ha sempre saputo che non sarebbe mai partito con lei, le scrive una lettera di addio e parte per Rouen. Emma si dispera e quasi si suicida. Charles è molto preoccupato per la moglie che sta sempre più male fisicamente che per le difficoltà economiche. Chiede un prestito ad altissimo interesse al merciaio Lgeureux, col quale stipula una cambiale. Durante l'inverno Emma ha anche una crisi mistica. All'inizio della primavera sta meglio. Una sera Charles la conduce ad uno spettacolo teatrale a Rouen. E qui la moglie passa la notte mentre il marito è costretto a tornare a casa.
  • 4. A Roan incontra Leon che non è più il ragazzino timoroso che era partito per evitarla, e diventano amanti. Quando ritorna, il suo più grande problema diventa quello di trovare una scusa valida per potersi recare regolarmente a Rouen: riesce a convincere il marito a farle prendere lezioni di piano, e così tutti i giovedì si incontra con l'amante. Ma presto qualcuno la riconosce in città, il marito incontra la sua maestra di piano che dice di non conoscerla. Della situazione approfitta Lgeureux, che avendola riconosciuta con Leon, la inganna facendole firmare delle cambiali. Il loro rapporto comincia a guastarsi. Intanto Emma si lascia convincere da Lgeureux a firmare altre cambiali, finché Lgeureux arriva ad avere un credito di 8000 franchi e le fa mandare una ingiunzione del tribunale con il pignoramento dei mobili e di tutto quanto possiede. Emma chiede aiuto a tutti ed arriva a prostituirsi. Emma, non sapendo più che fare per uscirne, ingoia una manciata di arsenico. Poi torna a casa ad aspettare la morte dopo aver scritto una lettera d'addio al marito. Dopo la morte di Emma, Charles per un po' vive nel ricordo nostalgico di lei, fino a che trova per caso tutte le lettere d'amore di Rodolphe e di Leon. Allora impazzisce quasi di dolore, si lascia andare, beve. Un giorno la figlia lo trova morto su di una panchina, con in mano una ciocca di capelli di Emma.
  • 5. Trama Scarlet Letter Precedendo Roger, il marito medico, giunge in una comunità puritana di Salem, nel New England, Hester Prynne, donna decisa e volitiva, la quale, respinte le avance del capitano Brewster, si innamora del giovane reverendo Arthur Dimmesdale, che ha convertito numerosi nativi e che sta traducendo la Bibbia in algonquin. I due, dopo aver lottato invano con la passione, credendo alla notizia della morte di Roger hanno un rapporto d'amore. Hester, che ha fatto amicizia con le donne meno sottomesse alle ferre regole della colonia, tra cui spicca Harriet Hibbons, viene citata in giudizio per osservazioni sull'interpretazione delle Scritture, ma il suo stato di gravidanza, resosi evidente, fa sì che venga imprigionata, rifiutandosi di rivelare il nome del padre del nascituro. Invano Arthur e le amiche perorano la causa di lei, che partorisce una bimba, Pearl.
  • 6. Mentre la moglie del governatore Edward Hardwicke suggerisce di appuntare sul vestito di Hester una A scarlatta ecco sorprendentemente riapparire Roger, che non è stato ucciso dai nativi, il quale reclama di conoscere il nome del padre di Pearl. Invano Arthur, avvisato dalla donna, le consiglia di scappare. Roger, che offre i suoi servigi di medico, si fa ospitare dal perplesso Arthur col nome di Chillingworth, mentre Hester viene addirittura additata al pubblico dileggio e la schiava Mituba, incalzata da Roger e dai notabili, si uccide. Harriet viene accusata di stregoneria e di aver contaminato, facendola nascere, Pearl, la quale ha una "voglia" sul ventre. Arthur supplica Hester di fuggire, ma lei vuole stare accanto all'amica. Brewster, che introdottosi furtivamente tenta di violentarla, scopre il segreto di lei, ma viene ucciso da Roger. Hester viene arrestata come strega e condannata mentre Roger si impicca. Arthur finalmente svela il segreto e mentre sta per essere impiccato una rivolta dei nativi lo salva. Insieme alla donna e alla figlia, Arthur si allontana per iniziare una nuova vita in Carolina.
  • 7. Il personaggio principale è EMMA ROUAULT, che l'autore cita , non casualmente, già nel titolo "MadameBovary'~se in epoca romantica "Emma"sarebbe stato un titolo adatto, perché avrebbe fatto riferimento ad un'eroina femminile e ad un destino individuale, ora, nell'ambito del realismo l'individuo non può essere rappresentato se non nelle sue relazioni con l'ambiente di provenienza e con quello in cui vive. Emma , dunque, già dal titolo appare nella sua situazione sociale di donna maritata e, in un certo qual modo, estraniata da quel cognome che non le appartiene. L'intero romanzo si sviluppa a partire da questo personaggio e dall'evoluzione dei suoi sentimenti. Emma è un personaggio ricco, dalla psicologia complessa, che, proprio per queste ragioni, vive come una costrizione insopportabile, la condizione sociale comune alle donne del XIX secolo: dipendenza economica dal marito, assenza di identità sociale al di fuori del matrimonio, nessuna possibilità di indipendenza e emancipazione personale. Emma Bovary
  • 8. L'autore ne descrive e ne rappresenta minutamente la lenta e dolorosa evoluzione che passa da un primo stato di insoddisfazione alla ricerca di soluzioni e di evasione dalla realtà, prima attraverso i sogni e le aspirazioni velleitarie, poi attraverso azioni precise, fino alla tragica conclusione della Sua vita e della storia. L'autore ne descrive e ne rappresenta minutamente la lenta e dolorosa evoluzione che passa da un primo stato di insoddisfazione alla ricerca di soluzioni e di evasione dalla realtà, prima attraverso i sogni e le aspirazioni velleitarie, poi attraverso azioni precise fino alla tragica conclusione della Sua vita e della storia. Inizialmente insoddisfatta della vita noiosa in casa con il padre vedovo, poi delusa e insofferente del grigiore e della monotonia della vita coniugale con Charles ,infastidita dalla propria condizione sociale, la protagonista ha le velleità della persona mediocre, che coltiva sogni impossibili e ambizioni che, però ,ha ricavato dalla lettura di libri che si degradano in lei a livello della mediocrità piccolo-borghese, si irrigidiscono in luoghi comuni, angusti e ridicoli. Nutritasi nell'adolescenza di letture sentimentali e di romanzi melodrammatici, aspira ad un amore e a una vita eccezionali, tra salotti e ambienti mondani e lussuosi , come quelli delle eroine romantiche di cui ha letto.
  • 9. Essa viene così a rappresentare quello che dal suo nome è stato, appunto, definito "BOVARISMO"; l'atteggiamento di chi ha un'immagine di sé diversa da quella reale e trasferisce sul piano dell'immaginazione l'aspirazione ad una vita intensa e appassionata. L'insoddisfazione , il fastidio per la propria condizione la portano a coltivare sogni impossibili e a attribuire fascino e attrattiva ad un mondo fittizio nel quale cerca di evadere dalle proprie aspirazioni frustrate. "Madame Bovary sono io" :questa famosa frase attribuita a Gustave Flaubert è densa di significato. Nei sogni romantici della protagonista piccolo-borghesedi provincia, Flaubert proietta le componenti romantiche che sono presenti nella sua personalità , come nella società culturale e letteraria del suo -' tempo; vuole annientare il carattere velleitario, fantastico e sognante del Romanticismo (proiettando lo nella figura della protagonista) ,prendere le distanze da esso e, allo stesso tempo, criticare una parte di sé.
  • 10. Il personaggio di Hester nel film “La lettera scarlatta” è molto diverso per quanto riguarda l’atteggiamento e il modo di porsi di fronte ad una situazione che è simile a quella di Madame Bovary. Hester appare molto più legata agli affetti e ai propri valori morali infatti nonostante venga marchiata con la lettera A di adulterio, continua a mantenere vivi i propri rapporti con le persone a lei fidate. Inoltre si dimostra sicura e forte nelle decisioni che prende sia che possano esser sbagliate (adulterio) sia giuste (nascita della figlia), e non si lascia né condizionare da nessuno, né si arrende alle avversità. La protagonista si dimostra una donna di sani principi anche nel momento in cui parteggia per l’amica condannata, consapevole di cosa avrebbe potuto causare ciò. Non si lascia condizionare dalla società e mantiene vivo il proprio amore per il reverendo nonostante ciò l’abbia portata ai margini della società. Tutte queste caratteristiche positive sminuiscono la colpa di Hester rendendola più un personaggio amato dagli spettatori (nonostante la colpa) che la povera Madame Bovary e la sua tragica fine. Hester Prynne
  • 11. Scarlet Letter
  • 12.  
  • 13. Bovarismo Per Bovarismo intendiamo un atteggiamento carico di vaghe aspirazioni sentimentali e mondane in riferimento al tipico personaggio di Emma indeato da Flauber. Il Bovarismo è originario della seconda metà dell’800, in pieno Romanticismo e nacque come corrente di pensiero che proiettava la mente dei poeti artisti o scrittori in un mondo di sogni e desideri non solo sentimentali, invani e irrealizzabili. Il Bovarismo è tipico della società borghese e ci permette di evidenziare la superficialità di questo ceto sociale nell’ambito prettamente sentimentale come avviene nel romanzo di Madame Bovary. Tutto questo si identifica nel personaggio di Emma, che annoiata dalla realtà, non si rende conto di ciò che le accade intorno, vivendo in un costante sogno. Nell’ultimo secolo il Bovarismo è stato considerato più volte anche una malattia ed in una società consumistica e ricca di possibilità e di modelli come quello di Emma, questo fenomeno interessa una grande quantità di donne al mondo (basti pensare a personaggi come le casalinghe del celebre telefilm Desperated Housewives).
  • 14. CONFRONTO ADULTERIO : è una relazione sentimentale, carnale tra due persone delle quali almeno una già coniugata con un’altra persona, consistendo quindi in una violazione della fedeltà coniugale.
  • 15. ADULTERIO BOVARY  Si manifesta in Madame Bovary nel costatne desiderio di amore e di incapacità di controllare le proprie emozioni. Vive come in un costante sogno tra realtà e finzione senza rendersi conto di ciò che le accade intorno. Il suo amore non è tanto sentimentale o maturato nel tempo, consiste in colpi di fulmine che la strappano da una vita altrimenti ritenuta monotona e priva di significato. Nell’amore di Emma assume molto significato anche il livello carnale.
  • 16. ADULTERIO HESTER  Nonostante l’adulterio nella Lettera Scarlatta sia molto più simbolico a causa della presenza della lettera A posta sulla vestaglia della protagonista, ha anche un significato più profondo. L’amore provato da Hester non è un modo di sfuggire alla monotonia della vita, o alla semplicità come Emma ma bensì rappresenta un amore vero puro e maturato nel tempo. L’amore tra Hester e il reverendo è l’amore di un marito e di una moglie, mentre quello di Emma e i suoi spasimanti è quello di amanti desiderosi di avventure e relazioni passionali.
  • 17. EMMA E HESTER DUE SITUAZIONI PARALLELE
    • Le situazioni delle due donne sono molto simili viste esternamente, poiché entrambe hanno una relazione la di fuori del matrimonio, ma se le analizziamo in modo dettagliato, notiamo due modi di porsi ad una stessa situazione. Madame Bovary ama le feste,la bella vita, le cose lussuose e soprattutto gli abiti costosi, e spende quantità esorbitanti di denaro per soddisfare ogni proprio desiderio, mentre Hester svolge una vita semplice basata sulle relazioni familiari e sul proprio amore. Questo desiderio costante di emozioni forti per scacciare la monotonia della vita di Bovary, la porta ad avere molte relazioni con più uomini dei quali si dice innamorata, mentre Hester ama solo il reverendo del quale è anche incinta. Ciò che le distingue deriva non solo da un fattore psicologico, ma anche dalla società da cui vengono, ovvero:
    • Emma appartiene all’alta borghesia e si dedica ai lussi e agli intrighi di essa a causa dei suoi sogni.
    • Hester appartiene ad un ceto più basso e ad una vita più semplice, lontana dai lussi.
  • 18.
    • Un ultimo elemento che mette su uno stesso piano Emma ed Hester, ma le fa comunque divergere per carattere, è la solitudine:
    • Hester reagisce chiudendosi negli affetti famigliari, nonostante sia costantemente infamata ed insultata.
    • Emma, investita da malinconia, si sfoga manifestando e riportando all’estremo ogni desiderio ed ogni passione, vivendo un sogno irreale.
    SOLITUDINE
  • 19. Frasi celebri
    • L’universo per lui finiva sull’orlo di seta della sua sottana.
    • Come i marinai in pericolo volgeva gli occhi disperata sulla solitudine della sua vita e cercava lontano una vela bianca, tra le brume dell’orizzonte, non sapeva cosa l’aspettasse, quale evento avrebbe spinto quelle vele fino a lei, su quale riva l’avrebbe portata.
    • MADAME BOVARY
    • Meglio restare così separati da tanta gente che incontrarlo a tu per tu, loro due da soli.
    • Non è amore, ma istinto.
    • HESTER PYNNE
  • 20.  
  • 21. SOCCER AND GOLF REQUIRE ONLY ONE BALL !!! m/
  • 22. FINE