• Like
  • Save
Nuovi servizi per l'occupazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Nuovi servizi per l'occupazione

on

  • 305 views

 

Statistics

Views

Total Views
305
Views on SlideShare
285
Embed Views
20

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

3 Embeds 20

https://twitter.com 17
https://www.linkedin.com 2
http://www.slideee.com 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Nuovi servizi per l'occupazione Nuovi servizi per l'occupazione Presentation Transcript

    • Nuovi Servizi per l’Occupazione Bene comune: nuove visioni, nuove opportunità Nicola Mezzetti, Ph.D.
    • Disoccupazione in Europa A metà del 2013 si è arrestata la crescita della disoccupazione in Europa Il problema è maggiormente accentuato nei Pae si del Su d Eu ro pa e colpisce prevalentemente la fascia dei giovani da 18 a 25 anni I NEET hanno raggiunto il 12,9%
    • Disoccupazione in Italia Nel nostro Paese la situazione occupazionale non rispetta l’andamento generale europeo A fine 2013 la disoccupazione ha oltrepassato il 12%, quella giovanile il 40%
    • Il contesto italiano Post-industrializzazione Si manifesta con la deindustrializzazione, ovvero la delocalizzazione delle unità produttive, e con il potenziamento del terziario avanzato Incertezza economica Il periodo di incertezza economica amplifica gli effett i della p o st-in du str ializzazio n e a c c e l e r a n d o n e g l i e f f e t t i s u l l a destandardizzazione del lavoro
    • Disoccupazione, Nuovo Rischio Sociale In questo contesto osserviamo quotidianamente che la disoccupazione non è più prerogativa dei giovani in attesa di stabilizzazione e che, anzi, è divenuta un nuovo rischio sociale Per la prima volta nel corso degli ultimi 60 anni, in maniera strutturale, persone con esperienza perdono la propria occupazione senza giusta causa
    • Disoccupazione di Lunga Durata La disoccupazione di lunga durata (LTU), ovvero la condizione di disoccupazione che si protrae oltre i 365 giorni, continua comunque a crescere coinvolgendo in Europa il 5% della popolazione attiva (12,5 milioni) Le persone in condizioni di LTU hanno più difficoltà ad affrontare la ricerca di lavoro con motivazione e proattività In tutti i Paesi le fasce d’età più elevata sono quelle più vulnerabili; nei paesi più avanzati colpisce fino e oltre al 70% dei disoccupati oltre ai 50 anni di età Nel nostro Paese questa forma di disoccupazione coinvolge tutte le fasce d’età più o meno allo stesso modo Circa la metà degli inoccupati soffrono questo problema E’ ragionevole ritenere che questa minaccia arriverà a coinvolgere la maggioranza dei disoccupati oltre i 45 anni
    • Numeri Circa il 25% del PIL è prodotto da agricoltura e industria, molto di più se contiamo costruzioni e attività immobiliari Il 85% dei lavoratori ha più di 30 anni, il 30% (circa 5 milioni) più di 50 Quanti sono gli occupati a rischio?
    • Inoltre... L’obiettivo fissato dal Consiglio di Lisbona del 2000 è quello di trasformare l’Europa nella “economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale” Quindi, nella prospettiva che l’Italia rimanga fra i Paesi capofila dell’Unione Europea e coi numeri attuali dobbiamo aspettarci che finanziamenti nazionali e d europei agevoleranno prevalentemente l’industria della conoscenza vi saranno nuovi cambiamenti e nuove trasformazioni nel mondo del lavoro che avranno impatto sulla disoccupazione
    • Disoccupazione: effetti collaterali Lo stato di disoccupazione per un tempo prolungato espone l’individuo a rischio di carenza di autostima problemi motivazionali o psicologici esclusione sociale L’indennità di disoccupazione percepita in assenza di attività può portare l’individuo in uno stato di passività dal quale può essere difficile risollevarsi a cercare di attivarsi alimentando forme di economia sommersa In condizioni particolari, fenomeni di disoccupazione di lunga durata possono innescare fenomeni di degrado sociale
    • Bisogni del disoccupato Non sentirsi solo, avere relazioni sociali Sentirsi utile alla società e perciò riconosciuto Provare amor proprio, aver fiducia in sé stesso Sentirsi capace di influenzare positivamente il proprio futuro Avere visibilità sulle opportunità offerte dal territorio
    • Quindi? Negli altri Paesi europei, le stesse trasformazioni sociali sono avvenute vent’anni prima, a partire dagli anni ’70, quando il contesto economico e politico ha permesso ai differenti governi di contrastare le minacce sociali ed adeguare i rispettivi sistemi di welfare Per contrastare le minacce che abbiamo di fronte è necessario intervenire tempestivamente e in maniera decisa sul nostro sistema di welfare, facendo tesoro dell’esperienza altrui
    • L’esperienza europea I Paesi europei che hanno vissuto prima di noi la stessa trasformazione sociale oggi riconoscono che un sistema di welfare che contrasti la disoccupazione è costruito sui seguenti temi: occupazione istruzione servizi alla famiglia, riconosciuta come prima forma sociale di sussidiarietà, che negli ultimi 50 anni ha subito una profonda trasformazione strutturale Per approfondimenti: Il libro bianco di Delors (1993), Il trattato di Amsterdam (1997), Il vertice sull’occupazione di Lussemburgo (1997)
    • Le linee guida nazionali Le linee guida nazionali accolgono quelle definite dall’Europa Le linee guida definite nel libro bianco del mercato del lavoro (“Proposte per una società attiva e per un lavoro di qualità”, 2001), puntando sull’individuazione di nuove forme di flessibilità lavorativa, tenta di individuare delle contromisure ai rischi dovuti alla destandardizzazione del lavoro Le linee guida Europee, riprese dal libro bianco del welfare (“Proposte per una società dinamica e solidale”, 2003), identifica come principali attori nella determinazione e nella realizzazione delle politiche sociali la società, e quindi anche il cittadino, attribuendo allo Stato e agli Enti Locali la responsabilità di favorire l’iniziativa dei cittadini, singoli e associati Le linee guida del libro bianco del welfare (“La vita buona nella società attiva”, 2009) completano la definizione del welfare state del futuro delegandogli la responsabilità di intervenire in anticipo rispetto al formarsi del bisogno e di prevenire i fenomeni di esclusione sociale stimolando comportamenti e stili di vita responsabili e perciò utili alla società
    • L’attualità... I fenomeni che si osservano fanno pensare che il sistema normativo abbiano recepito parzialmente le indicazioni delle linee guida nazionali ed europee I numeri sulla disoccupazione suggeriscono che il sistema attuale ha difficoltà a contrastare le minacce che affliggono il mercato del lavoro e i rischi che si prospettano nel futuro prossimo I tradizionali percorsi di reinserimento al lavoro basati sulla formazione spesso risultano demotivanti per persone in età avanzata e con significativa esperienza professionale
    • Alcuni esempi reali Guido, mulettista disoccupato, 35 anni (16 di esperienza) Erogata formazione di Lingue (inglese), uso del computer (pacchetto Office) Renato, operaio specializzato nella produzione di materiali edili, 55 anni, 35 di esperienza nello stesso settore Erogata formazione sull’uso del computer (pacchetto Office), addetto alla segreteria e all’amministrazione d’ufficio Perché sono stati scelti quei corsi per Guido e Renato?
    • Su Guido e Renato Una volta formati Guido e Renato cercano lavoro, in competizione con molte persone più giovani e fresche di studi Quanto sentiranno propria la conoscenza acquisita con la formazione? Quanto riusciranno ad essere più convincenti di un giovane? Un’azienda privata assumerebbe loro o un giovane che costa meno ed è più motivato? Come gli consigliereste di proporsi sul mercato? A nostro avviso la formazione non basta perché queste persone si trovano comunque svantaggiate sul libero mercato e disorientate perché non hanno la sicurezza di essere adatti a nuovi ruoli E’ possibile elaborare percorsi di riposizionamento più virtuosi?
    • Il bisogno sociale Riteniamo ci sia il bisogno di individuare una modalità alternativa di reinserimento al lavoro dei disoccupati con comprovata e significativa esperienza economicamente sostenibile economicamente vantaggiosa, rispetto ai percorsi tradizionali, per la persona che vi aderisce che non disperda l’esperienza in possesso dei disoccupati che soddisfi i bisogni della persona disoccupata capace di innescare opportunità per il territorio che contribuisca a contrastare il fenomeno della disoccupazione di lunga durata e i suoi effetti sull’individuo e sulla società
    • L’idea L’idea presentata in questo documento, che intendiamo analizzare in maniera più dettagliata in un apposito tavolo di lavoro, intende dare un proprio contributo per il raggiungimento dei seguenti obiettivi: Integrare i servizi a sostegno dell’occupazione per risolvere i fenomeni di disoccupazione di persone con esperienze e capacità specifiche Contrastare la disoccupazione di lunga durata e i suoi rischi sull’individuo e sulla società Mettere a riuso l’esperienza dei disoccupati Impegnare le persone disoccupate con esperienza per innescare dinamiche di sussidiarietà a beneficio dei soggetti economici a rischio di fallimento e per rispondere a bisogni specifici del territorio Stimolare l’avvio di progetti di innovazione sul territorio Strutturare questo tipo di impegno in modo che sia vantaggioso per tutti gli azionisti (Ente Locale, individuo, realtà economiche locali)
    • Di cosa si parla? La visione è quella di un’organizzazione no-profit che agisca innescando dinamiche di sussidiarietà tra le persone disoccupate e le aziende/organizzazioni locali facendo leva sui bisogni e sulle opportunità di investimento offerte dal tessuto economico locale dando priorità ad azioni di innovazione o di supporto alle aziende in evidente difficoltà economico/finanziaria
    • Cosa fa? Offre supporto organizzativo e assicurativo permettendo a coloro che devono reinserirsi nel mondo del lavoro di prestare opera nelle realtà locali: a sostegno delle aziende che sono in stato di difficoltà economico/finanziaria a sostegno di giovani imprese (<2 anni di vita) Svolgendo formazione presso le aziende del territorio, attività di affiancamento di giovani lavoratori o apprendisti, cooperazione in materia di salute e sicurezza (servizio prevenzione e protezione, L. 81/2008) di organizzarsi in autonomia, sotto forma di impresa, per sopperire a specifici fabbisogni del tessuto economico locale: fornendo supporto per accedere a forme di finanziamento pubbliche (locali, nazionali o europee) o private
    • Come fa? Costruita attorno ad un nucleo di competenze specifiche (alcune di queste attualmente hanno difficoltà a collocarsi sul lavoro), fra cui Diritto del lavoro Economia e organizzazione aziendale Fundraising ed europrogettazione Psicologia Scienze della formazione Raccoglie, mantiene e studia informazioni su: Composizione del tessuto economico locale Specificità e fabbisogno delle aziende locali Aziende locali in stato di difficoltà economica Opportunità di innovazione di interesse per il territorio Organizza e distribuisce l’effort dei soggetti aderenti sulla base delle informazioni raccolte, dei bisogni e delle opportunità sul territorio Fa rete con il tessuto economico locale e con le organizzazioni dello stesso tipo sul territorio
    • Accesso del soggetto alla struttura Il disoccupato che soddisfa i criteri di selezione richiede l’accesso alla struttura al momento stesso in cui domanda l’indennità di disoccupazione o di mobilità La domanda verrà accettata presso la struttura in grado di mettere a riuso le competenze del soggetto o di integrarle/completarle/adeguarle ai bisogni mediante attività di formazione da parte dei collaboratori già presenti Tra il soggetto e la struttura vige un rapporto di collaborazione non onerosa Svolgendo le attività individuate dalla struttura il soggetto potrà integrare l’indennità percepita, mantenersi occupato e adoperarsi in prima persona per guadagnare nuove opportunità La struttura promuoverà la cooperazione tra più soggetti e svolgerà una funzione di facilitazione delle attività del soggetto verso terze parti Quando il soggetto non presta opera presso aziende del territorio, questi potrà impegnarsi in attività di volontariato interno alla struttura, di fundraising, oppure di sviluppo di valore
    • Accesso ai servizi della struttura L’azienda che accede ai servizi di uno o più collaboratori della struttura corrisponde per ogni giorno di servizio prestato una quota dipendente dal proprio stato di salute finanziaria e che deve almeno compensare: l’incremento dell’indennità percepita dal collaboratore e le relative imposte parte dei costi operativi della struttura
    • Sostenibilità economica La struttura organizzativa sarà mantenuta con una quota del compenso corrisposto dalle imprese per i servizi o la manodopera erogati i fondi ottenuti dalla struttura attraverso le attività di fundraising sul territorio partecipazione a bandi per il finanziamento di progetti nell’area del welfare i servizi amministrativi prestati ai collaboratori nell’ambito dell’esecuzione di progetti finanziati che sono stati vinti col supporto organizzativo e di competenze della struttura stessa Forme di crowdfunding (p.e., 5 per mille) La struttura stessa potrà essere mantenuta anche attraverso forme di crowdsourcing (p.e., attività volontaria, oppure con l’aiuto degli stessi individui in cerca di occupazione) individuazione di nuovi canali di finanziamento per le attività della struttura (fundraising, partecipazione a bandi) parte dell’effort potrebbe essere impiegato per innovare la struttura o creare nuove opportunità, p.e. proposizione di nuovi servizi da integrare nella struttura (e del relativo modello di sostenibilità)
    • Il compenso degli aderenti Come programma di riposizionamento sul lavoro, gli aderenti percepiscono indennità di disoccupazione o di mobilità una maggiorazione rispetto all’indennità percepita sulla base delle giornate lavorate presso un’azienda del territorio Infine gli aderenti rimangono attivi sul mercato del lavoro e possono reinserirsi nel mercato del lavoro durante l’esperienza di collaborazione con la struttura possono fare rete fra loro e con le realtà locali, guadagnando la possibilità di scoprire opportunità di investimento riposizionarsi nel mondo del lavoro attraverso la costituzione di realtà imprenditoriali o associative (crowdsourcing)
    • Domande Come gestire l’integrazione economica mantenendo lo status di disoccupato? Attraverso voucher INPS fino ad un massimo di circa 3000 €/anno Attraverso un adeguamento normativo In questo modo non si rischia che non assumano più i giovani? Soltanto le aziende in stato di crisi economica, che quindi non possono assumere, possono accedere ai servizi di prestazione di manodopera Come fanno le aziende in stato di crisi a generare lavoro? Attivando progetti di innovazione (R&D) che in genere sono i progetti che per primi subiscono contrazioni quando l’azienda entra in stato di crisi
    • Scenari: ipotesi 1 Un’azienda è in cassa integrazione C’è copertura finanziaria per il 50% del tempo lavorato, i dipendenti lavorano comunque full-time Ritmi produttivi incalzanti, le risorse disponibili sono impegnate almeno per il 100% del tempo Non si rinnova, si tagliano le attività di formazione e di innovazione Spesso queste dinamiche amplificano gli effetti di una situazione di crisi Come potrebbe l’azienda beneficiare della struttura? Per liberare risorse chiave da impegnare in attività strategiche per la ripresa Acquisendo risorse parzialmente da formare a cui delegare attività a basso contenuto professionale
    • Scenari: ipotesi 2 Startup e spinoff universitari, forti dal punto di vista tecnico, spesso mancano di conoscenza del mercato e della capacità di maturare un’idea precisa del valore per il cliente tipo Gli aderenti alla struttura possono intervenire come collaboratori oppure come formatori o consulenti Permettendo di perfezionare un prodotto Attivando nuovi canali e contatti per la vendita
    • Scenari: ipotesi 3 Piattaforma di Crowdsourcing La struttura raccoglie e valuta proposte di progetti innovativi o di interesse per l’Ente o il territorio La struttura organizza le risorse disponibili offre un servizio di networking per individuare potenziali partner o azionisti (anche incubatori) forma le risorse per procurarsi i fondi (finanziamenti pubblici o privati) offre supporto gestionale per la realizzazione dei progetti
    • Conclusioni Questa prima analisi permette di affermare che ci sono le basi per ritenere gli obiettivi raggiungibili E’ possibile prevedere percorsi virtuosi, vantaggiosi per tutti gli azionisti Mantenere attivo il disoccupato permette di scongiurare i rischi della disoccupazione di lunga durata Sostenibilità economica, è economicamente vantaggioso per tutte le parti Il modello previsto, agendo per sussidiarietà in aiuto dei soggetti economici a rischio, interviene per risollevare situazioni di precarietà economico/finanziaria Inoltre, esperienza a parte, i criteri di accesso al servizio sono i medesimi che regolano gli accessi alle indennità di mobilità/disoccupazione e pertanto le metriche di accesso rimangono invariate rispetto a quelle previste dallo Stato
    • Altre opportunità Attorno ad una realtà no-profit come questa possono orbitare diverse aziende for-profit per fornire servizi complementari, per esempio: servizio di consulenza per aiutare le aziende in stato di crisi economica affinché possano beneficiare al meglio dei servizi della struttura Alcune di queste possono essere il risultato dell’associazione, spontanea o incubata, degli aderenti alla struttura
    • Che fine hanno fatto Guido e Renato? Guido e Renato hanno trascorso il periodo di disoccupazione formandosi e acquisendo nuova esperienza presso realtà economiche bisognose La nuova esperienza gli ha permesso di acquisire una rinnovata consapevolezza di loro stessi, delle loro abilità, e della loro capacità di adattarsi a nuovi contesti e ruoli aziendali nuove competenze nuove relazioni maggiore autostima e fiducia nel futuro maggiore possibilità di ricollocamento Ora: Guido è operatore logistico nel magazzino di un venditore al dettaglio Renato svolge controlli di qualità in un’azienda che produce materiali per pavimentazioni
    • Le prossime attività Consolidamento di un tavolo di lavoro allo scopo di raffinare l’idea ed elaborare nuovi scenari di attività coordinare e svolgere attività di networking per facilitare la realizzazione del progetto
    • Grazie! nicola.mezzetti@gmail.com