Startup School Alpha
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Startup School Alpha

on

  • 2,016 views

La pres

La pres

Statistics

Views

Total Views
2,016
Views on SlideShare
1,708
Embed Views
308

Actions

Likes
5
Downloads
48
Comments
0

1 Embed 308

http://blog.nicolamattina.it 308

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Startup School Alpha Startup School Alpha Presentation Transcript

  • La rampa di lancio per le Internet Startup italianeStartup SchoolAlpha - 15 gennaio 2011Startup School Elastic 1
  • SommarioChe cos’è A chi si rivolge Chi la organizzaLa Startup School si propone di L’iniziativa è rivolta a team La Startup School è ideata esupportare giovani aspiranti composti da tre a cinque persone organizzata da Elastic e [partner]imprenditori che intendono avviare con competenze multidisciplinari con il sostegno di [sponsor].una Internet startup, aiutandoli a (tecniche/informatiche,sviluppare la loro idea fino alla comunicazione/marketing, Dove si svolgerealizzazione di un prototipo business) e un’ottima conoscenza L’attività didattica si svolgerà afunzionante e fornendo le dell’inglese. Roma presso [sede].conoscenze e le competenze I componenti dei team nonnecessarie a creare un’impresa di dovranno avere un lavoro fisso osuccesso. altra attività alternativa alla startup a cui stanno lavorando.Startup School Elastic 2
  • PanoramicaIl programma della Startup School si basa sul syllabus In nove settimane, i partecipanti percorreranno i 9usato da Steve Blank (autore di The Four Steps to blocchi di un modello di business, formulerannoEpiphany) per il suo corso The Lean Launch Pad alla ipotesi sulla propria idea di business e le testerannoStanford University (e245.stanford.edu). sul campo, avranno accesso a un gruppo di mentori che li guiderà concretamente nello sviluppo della startup.Startup School Elastic 3
  • PanoramicaIl corso sarà organizzato in 9 moduli. I primi due sono Ogni modulo prevede:introduttivi e sono dedicati all’illustrazione della • una lezione frontale tenuta da esperti di dominio chestruttura del modello di business e della pratica della seguiranno anche i team nelle attività di tutoring;lean startup, dalla creazione e verifica di ipotesi • una serie di attività che il team dovrà svolgere “out ofrispetto al mercato di riferimento alle tecniche base the building” nel corso di una settimana;della programmazione agile. • la consegna e l’analisi dei deliverable.I moduli successivi tratteranno aspetti specifici del I team terranno un blog pubblico della propriabusiness model: value proposition, ipotesi sui clienti e i esperienza e le lezioni saranno video registrate eloro bisogni, i canali di vendita, il modello dei ricavi, i messe online.partner, le risorse necessarie e la struttura dei costi. Al termine delle 9 settimane i team illustreranno il percorso delle loro startup, i risultati raggiunti, le difficoltà incontrate e le lezioni apprese.Startup School Elastic 4
  • Modulo 1 Business model e customer development I partecipanti impareranno cos’è un business model e le 9 parti di cui è composto, come formulare delle ipotesi di lavoro per avviare la creazione della startup e come testare la validità di ogni parte del modello di business su cui dovrà basarsi l’impresa. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • formare un team che sia formato da persone con competenze diverse; • scrivere le loro ipotesi per ciascuna delle 9 parti del business model; • trovare il modo di testare la grandezza del mercato di riferimento in cui opererà la startup e ciascuna delle ipotesi; • definire in base a quali parametri le ipotesi verranno considerate valide o da riformulare; • aprire un blog in cui raccontare i progressi del team. I team dovranno confrontarsi con i docenti per verificare preliminarmente la validità delle ipotesi del modello di business.Startup School Elastic 5
  • Modulo 2 Agile Development e startup workflow Il modulo affronterà le tematiche relative al product development e alle metodologie di sviluppo agile del software. Inoltre, i partecipanti entreranno nel merito della struttura di una lean startup, organizzata in un solution team, composto da chi è in possesso di skill tecniche e informatiche, e da un problem team, formato da chi ha competenze di marketing e di business. Saranno trattati i compiti che i due team devono affrontare durante lo sviluppo del prodotto e la crescita della startup, in particolar modo rispetto alle interazioni e al workflow tra solution e problem team. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • realizzare uno schema di riferimento che illustri il workflow delle attività tra solution e problem team, che sarà utilizzato nelle settimane successive per l’organizzazione del lavoroStartup School Elastic 6
  • Modulo 3 Verifica della value proposition Verranno affrontati i temi riguardanti la definizione del prodotto/servizio, le caratteristiche del minimum viable product, i motivi che spingeranno gli utenti a volerlo utilizzare e le peculiarità del mercato di riferimento e della sua arena competitiva. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • intervistare 10-15 potenziali clienti face to face; • utilizzare strumenti per gestire sondaggi online (ad esempio Survey Monkey) per ottenere dati aggiuntivi nella fase di follow-up; • preparare una presentazione per esporre agli altri team l’ipotesi di value proposition formulata e gli elementi scoperti attraverso le interviste agli utenti.Startup School Elastic 7
  • Modulo 4 Verifica delle ipotesi sui clienti/utenti Nel quarto modulo i team capiranno chi sono gli utenti/clienti di un prodotto o servizio, quali sono gli elementi che li differenziano, come possono essere raggiunti e le peculiarità che caratterizzano un business customer rispetto ad un consumer. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • intervistare 10-15 potenziali clienti face to face; • utilizzare strumenti per gestire sondaggi online (ad esempio Survey Monkey) per ottenere dati aggiuntivi nella fase di follow-up; • modificare le ipotesi iniziali sui clienti/utenti in base ai risultati delle interviste; • formulare ipotesi sul costo di acquisizione dei clienti; • preparare una presentazione per esporre agli altri team cosa i potenziali clienti hanno compreso del prodotto e quali sono state le modifiche apportate alle ipotesi iniziali; • cominciare a sviluppare il codice del prodotto e avviare la propria infrastruttura di servizi cloud.Startup School Elastic 8
  • Modulo 5 Verifica delle ipotesi sulla creazione del bisogno del servizio negli utenti Il quinto modulo affronterà le tematiche relative alla creazione del bisogno del servizio negli utenti finali, attraverso l’analisi delle tecniche di marketing più utilizzate. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • realizzare e rendere operativa online una prima versione del sito web del servizio; • avviare un’attività di search engine marketing, investendo 20 euro per team per testare i costi di acquisizione dei clienti; • chiedere agli utenti di realizzare un’azione sul proprio sito, come ad esempio iscriversi alla newsletter; • usare Google Analytics per misurare il successo della propria campagna • provare ad abbassare i costi della propria campagna durante la settimana, senza perdere utenti; • preparare una presentazione per spiegare agli altri team le attività intraprese e le eventuali modifiche apportate alle ipotesi iniziali sulla value proposition e sui potenziali clienti.Startup School Elastic 9
  • Modulo 6 Verifica delle ipotesi sui canali di mercato I team impareranno cos’è un canale di diffusione del proprio prodotto/servizio e le differenze tra canali diretti, indiretti, OEM, B2B e B2C. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • completare il sito web del servizio in ogni sua parte e renderlo operativo online; • preparare una demo del sito completa delle analytics, per illustrare i risultati delle visite al sito, individuando le fonti di traffico più importanti e come i diversi utenti utilizzano in modi differenti il servizio; • elaborare un’ipotesi di customer lifetime value; • raccogliere e strutturare i feedback ricevuti dagli utenti che hanno provato il servizio.Startup School Elastic 10
  • Modulo 7 Verifica del modelli dei ricavi I team apprenderanno in cosa consiste un revenue model e quali sono i possibili flussi di revenue a cui può generalmente puntare una Internet startup. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • formulare diverse offerte per la vendita del servizio e verificare l’atteggiamento di 100 potenziali utenti verso i modelli di pricing ipotizzati, valutando i livelli di rischio; • stabilire i parametri finanziari alla base del business model utilizzato; • analizzare le offerte e i modelli di pricing utilizzati dai competitor. • realizzare un documento di analisi dei flussi di ricavo previsti dal business model scelto, compreso il calcolo del customer lifetime value; • documentare le eventuali modifiche apportate alle ipotesi iniziali sulla value proposition, sui potenziali clienti, sulla creazione del bisogno del servizio negli utenti, sui canali di mercato e sul revenue model;Startup School Elastic 11
  • Modulo 8 Verifica dei potenziali partner Nell’ottavo modulo verranno trattati i temi relativi ai potenziali partner con cui una Internet startup può stringere accordi per crescere più rapidamente. Verranno analizzati diversi tipi di partnership: dalle alleanze strategiche alle joint ventures, dalla scelta dei fornitori all’acquisizione di licenze. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • identificare i partner di cui la startup può avere bisogno, i rischi che eventuali accordi potrebbero comportare e i loro costi, i possibili vantaggi di partnership esclusive; • preparare una presentazione per illustrare i motivi per cui un’altra azienda dovrebbe instaurare una partnership con la startup, e quelli che invece potrebbero impedire il raggiungimento di un accordo, • prendere contatto con potenziali partner; • aggiornare il documento di analisi dei flussi di revenue previsti dal business model scelto; • documentare le eventuali modifiche apportate alle ipotesi iniziali sulla value proposition, sui potenziali clienti, sulla creazione del bisogno del servizio negli utenti e sui canali di mercato.Startup School Elastic 12
  • Modulo 9 Verifica delle risorse necessarie e della struttura dei costi Nell’ultimo modulo saranno analizzate le necessità di una Internet startup in termini di risorse umane coinvolte (quante e di che tipo), di hardware o software richiesti per svolgere le attività di sviluppo e di proprietà intellettuali da acquistare in licenza da terzi. Saranno inoltre analizzati il fabbisogno economico, il flusso di cassa e i momenti e i modi giusti per accedere a round di finanziamento da parte di venture capitalist. Nel corso della settimana, i partecipanti dovranno: • elaborare i parametri finanziari relativi alla struttura dei costi alla base del business model utilizzato; • stabilire il modo migliore in cui la startup può accedere alle risorse di cui ha bisogno; • determinare il break-even point; • realizzare un documento excel che riporti le ipotesi sulle risorse richieste dalla startup (dipendenti, hardware, software, finanziamenti); • documentare le eventuali modifiche apportate alle ipotesi iniziali sulla value proposition, sui potenziali clienti, sulla creazione del bisogno del servizio negli utenti, sui canali di mercato e sui potenziali partner.Startup School Elastic 13