• Save
Progetto per lo sviluppo di un sistema di gestione della conoscenza per il progetto sport dell’ateneo di Trento (Unisport)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Progetto per lo sviluppo di un sistema di gestione della conoscenza per il progetto sport dell’ateneo di Trento (Unisport)

on

  • 777 views

Il presente documento tratta di un progetto universitario per lo sviluppo di un Sistema di Gestione della Conoscenza per il Progetto Sport dell’Ateneo di Trento (Unisport - Ottobre, 2010).

Il presente documento tratta di un progetto universitario per lo sviluppo di un Sistema di Gestione della Conoscenza per il Progetto Sport dell’Ateneo di Trento (Unisport - Ottobre, 2010).

Statistics

Views

Total Views
777
Views on SlideShare
777
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Progetto per lo sviluppo di un sistema di gestione della conoscenza per il progetto sport dell’ateneo di Trento (Unisport) Progetto per lo sviluppo di un sistema di gestione della conoscenza per il progetto sport dell’ateneo di Trento (Unisport) Document Transcript

  • UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TRENTO FACOLTA’ DI ECONOMIACorso di LS in Net Economy: Tecnologia e Management dell’informazione e della conoscenza Anno Accademico 2008-2009 Docenti: Dott. Paolo Bouquet Dott. Paolo Giorgini Gruppo 5: Alessandro Fedrizzi Adriano Simone Puleo Nicola Cerami 1
  • Indice dei Contenuti1   Introduzione ................................................................................................................................. 5  2   L’approccio del Capitale Intellettuale .......................................................................................... 6  3   Pianificazione ............................................................................................................................... 9   3.1   Metodologie Organizzative ................................................................................................... 9   3.2   Strumenti e Metodi ................................................................................................................ 9   3.3   Risorse e Vincoli ................................................................................................................. 11   3.4   Work Breakdown Strucutre ................................................................................................. 11  4   Analisi dei Requisiti ................................................................................................................... 14   4.1   Premessa .............................................................................................................................. 14   4.2   Descrizione generale del problema ..................................................................................... 15   4.3   Descrizione generale delle Organizzazioni coinvolte ......................................................... 16   4.3.1   Comitato Paritetico ...................................................................................................... 16   4.3.2   Università degli Studi di Trento ................................................................................... 17   4.3.3   Opera Universitaria ...................................................................................................... 17   4.3.4   CUS .............................................................................................................................. 18   4.3.5   CeBISM ....................................................................................................................... 19   4.4   Stakeholders ........................................................................................................................ 20   4.4.1   Tabella RASCI ............................................................................................................. 20   4.4.2   Tabella degli attori ....................................................................................................... 21   4.5   Obiettivi e Conoscenza ........................................................................................................ 22   4.5.1   Premessa....................................................................................................................... 22   4.5.2   Università degli Studi di Trento ................................................................................... 23   4.5.3   Opera Universitaria ...................................................................................................... 29   4.5.4   CUS .............................................................................................................................. 36   2
  • 4.5.5   CeBISM ....................................................................................................................... 41   4.5.6   Utente Finale ................................................................................................................ 44   4.6   Requisiti............................................................................................................................... 44   4.6.1   Requisiti Funzionali ..................................................................................................... 44   4.6.2   Requisiti non funzionali ............................................................................................... 50   4.6.3   Requisiti di Prestazione ................................................................................................ 52   4.6.4   Vincoli .......................................................................................................................... 53  5   Analisi e Gestione del Rischio ................................................................................................... 53   5.1   Rischi derivanti dall’approccio alla gestione della conoscenza del Capitale Intellettuale .. 53   5.1.1   Rischio di non volere condividere la conoscenza ........................................................ 53   5.1.2   Rischio non esplicitare e riconoscere la conoscenza tacita .......................................... 53   5.1.3   Rischio di asimmetria della Conoscenza ..................................................................... 54   5.2   Rischi Tecnici ...................................................................................................................... 54   5.2.1   Rischio di prestazioni non sufficienti........................................................................... 54   5.2.2   Rischio di sicurezza ..................................................................................................... 55   5.2.3   Rischio di non-compatibilità ........................................................................................ 55   5.3   Altri tipi di rischi ................................................................................................................. 55   5.3.1   Rischio Politico ............................................................................................................ 55   5.3.2   Rischio Legale.............................................................................................................. 56   5.3.3   Rischio di volatilità ...................................................................................................... 56   5.3.4   Rischi nel processo di sviluppo .................................................................................... 56   5.3.5   Rischio di incompletezza delle informazioni disponibili ............................................. 57  6   Modellazione e Rappresentazione delle Conoscenza ................................................................ 57   6.1   Ontologia di dominio........................................................................................................... 57   6.2   Rappresentazione dell’Ontologia. ....................................................................................... 62  7   Individuazione Soluzioni ........................................................................................................... 71   7.1   Descrizione dell’idea ........................................................................................................... 71   7.2   Il nome “UniSportTn” e il logo ........................................................................................... 71   3
  • 7.3   Servizi Offerti ...................................................................................................................... 72  8   Design ........................................................................................................................................ 74   8.1   La scelta ............................................................................................................................... 74   8.2   Strumenti Utilizzati ............................................................................................................. 77  9   Mock-up ..................................................................................................................................... 77   9.1   Intestazione e piè di pagina ................................................................................................. 78   9.2   Home Page .......................................................................................................................... 79   9.3   Corsi .................................................................................................................................... 80   9.4   Eventi Sportivi ..................................................................................................................... 81   9.5   Convenzioni......................................................................................................................... 82   9.6   Impianti Sportivi.................................................................................................................. 83   9.7   Utente loggato ..................................................................................................................... 85  10   Analisi dei Costi e dei Benefici.................................................................................................. 86   10.1   Costi di Progettazione ...................................................................................................... 87   10.2   Costi di Sviluppo ............................................................................................................. 87   10.3   Benefici ............................................................................................................................ 88  11   Conclusioni ................................................................................................................................ 89  12   Documenti Utilizzati .................................................................................................................. 93   4
  • 1 IntroduzioneIl presente documento tratta di un progetto per lo sviluppo di un Sistema di Gestione dellaConoscenza per il Progetto Sport dell’Ateneo di Trento. Il secondo capitolo sarà dedicato alla trattazione dell’approccio del Knowledge Management danoi scelto in base alle caratteristiche specifiche del progetto, fornendo per quest’ultimo un breveriassunto delle tematiche trattate dagli autori e le motivazioni di tale scelta da parte del gruppo. Nel terzo capitolo verrà trattata la parte di pianificazione e coordinazione di progetto, descrivendole metodologie organizzative, gli strumenti e metodi utilizzati per poi passare a descrivere le risorsea disposizione e i vincoli. Infine verrà presentata la Work Breakdown Structure del progetto (WBS). Nel quarto capitolo si tratterà della raccolta dei requisiti e della loro elicitazione in base a tecnichedette di “fact finding”. Verranno qui esposte le modalità di svolgimento dell’analisi, in particolare latrattazione del problema, la descrizione degli stakeholders coinvolti per poi passare alla descrizionedegli obiettivi e delle conoscenze nelle varie organizzazioni coinvolte nel progetto. Infine verrannoesposti i requisiti di sistema. Nel quinto capitolo verrà fornita un’analisi dei rischi, in modo tale da prevedere eventuali limiti eminacce provenienti sia dal contesto del progetto sia dalle modalità stesse di sviluppo. Nel capitolo sei verranno esposte, in base al documento dei requisiti, le modalità di modellazione erappresentazione della conoscenza, in particolar modo la costruzione dell’ontologia e la suarappresentazione. Nel settimo capitolo verrà descritto il processo di individuazione e di scelta delle soluzioniproposte in base alle esigenze del committente derivate dall’analisi dei requisiti e concordante conl’approccio del Capitale Intellettuale da noi scelto. Il capitolo otto e nove mostrerà la fasi di design del sistema e verrà illustrato il Mock-up delsistema, vale a dire un prototipo che rappresenta un modello dell’artefatto finale, generalmenteutilizzato per verificare e simulare caratteristiche fisiche e percettive legate all’uso dell’interfaccia,come ad esempio l’efficacia e il grado di soddisfazione del utente e committente. Infine, negli ultimi due capitoli, verrà esposta l’analisi dei costi e benefici e, successivamente,verranno tratte delle conclusioni finali riguardanti l’intera esperienza dello svolgimento delprogetto. 5
  • 2 L’approccio del Capitale Intellettuale L’approccio da noi scelto, relativo alla disciplina del Knowledge Management, è quello dellaconoscenza come Capitale Intellettuale. In questa sede verranno illustrati i caratteri generali diquesto approccio per meglio comprendere le motivazioni per cui lo abbiamo scelto per questoprogetto. Inoltre è doveroso precisare che tutto il presente lavoro è stato svolto tenendo contodell’approccio stesso, quindi molte scelte presentate successivamente potranno essere comprese espiegate mediante le teorie del Capitale Intellettuale (denominato brevemente anche ‘IC’). Tale approccio evolve negli anni novanta e ha le sue radici nel Nord-Europa. I suoi più grandisostenitori sono Thomas Stewart e Sveiby. Questi autori affermano che la teoria del CapitaleIntellettuale analizza assets intangibili, quali: • Capitale Umano: Rappresenta la fonte primaria dell’innovazione. Idee considerate come istruzioni che aiutano a combinare risorse fisiche limitate in assetti sempre più dotati di valore. Per accrescere tale capitale è necessario ridurre al minimo le procedure abituali e ripetitive, vale a dire promuovere occasioni che permettano al sapere tacito personale di rendersi esplicito e pubblico. Ecco quindi una prima motivazione per la quale è stato scelto tale approccio alla gestione della conoscenza. Pertanto capitale umano come “know-how”, istruzione, formazione professionali, competenze, abilità, conoscenze, ecc. • Capitale Strutturale: rappresenta ciò che appartiene all’organizzazione nel suo complesso, come ad esempio tecnologie, dati, brevetti, processi, database, networks, ecc, vale a dire le infrastrutture. • Capitale Relazionale o Clienti: relazioni tra clienti e fornitori. Il prezzo da pagare per acquistare capitale clienti è quello di scambiare conoscenza con essi, dando quindi più accesso alle informazioni dell’azienda. Vi sono vari modi per avviare processo di investimento reciproco tra organizzazione e cliente come ad esempio la creazione di conoscenza congiunta tra cliente-fornitore, o dare al cliente accesso alla conoscenza del fornitore o, infine, generando una conoscenza specifica per ogni cliente. Quindi la relazione tra capitale umano, strutturale e relazionale per creare innovazione,relazionandolo all’ambiente transazionale circostante. Il mix di queste componenti crea il verovalore dell’azienda (le core competences dell’azienda). 6
  • Questa suddivisione è l’attuale visione del capitale intellettuale (Stewart), considerato perl’appunto come “un insieme di componenti intangibili che contribuiscono alla determinazione delvalore di mercato di un’impresa” (Stewart). È possibile vedere in figura 1 la rappresentazione dellatassonomia di Stewart . Fig.1. Visione Attuale del Capitale Intellettuale (Stewart) Fondamentale è individuare e categorizzare quindi il capitale intellettuale, il quale spesso sipresenta avvolto in un involucro intangibile, quindi difficile da gestire dalle imprese che assegnanopiù importanza alla forma che alla sostanza. In tal senso quindi il sapere deve essere consideratocome una “materia” autonoma e non necessariamente collegata ai supporti materiali che laincorporano. Inoltre, un altro aspetto fondamentale, è quello di riconoscere il sapere tacito,quest’ultimo considerato come un qualcosa di locale e legato al contesto in cui si forma. Quindi i trecapitali devono interagire tra loro e non devono essere considerati come entità separate; inoltrerisulta fondamentale tra loro un continuo flusso di informazioni. Concludendo questa trattazione teorica dell’approccio dell’IC è fondamentale vederel’organizzazione divisa in questi tre capitali e considerare come caratteristica fondamentale laconoscenza vista come statica ed esplicitabile (misurazione degli assets e strategie d’impresa permigliorarli). Vediamo ora in dettaglio l’approccio del Capitale Intellettuale legato al nostro sistema di gestionedella conoscenza “UniSportTn” e le motivazione per cui abbiamo adottato tale approccio. Il modello di Knowledge management basato sul Capitale Intellettuale consta di alcunecaratteristiche dominanti che rendono abbastanza palese lo strutturarsi attorno a questa visione daparte nostra. La prima caratteristica dominante della visione di quest’approccio, come già detto, è la divisionein Capitale Umano, Capitale Relazionale e Capitale Strutturale. All’interno del progetto Sportabbiamo un Capitale Umano legato alle risorse di cui già dispone l’Università, della CommissioneParitetica adibita appositamente, dei centocinquantoristi e di personale vario a disposizione. A ciò si 7
  • aggiungono le risorse umane che l’opera destinerà a tale progetto e i già addetti del CUS. IlCapitale Relazionale è già da considerarsi in parte intrinseco al progetto, in quanto trattandosi di unservizio destinato agli studenti, l’Università detiene obbligatoriamente i contatti con i destinatari delservizio; stessa cosa è valida per l’opera che eroga servizi, seppure differenti, paralleli a quellidell’Università. Il Cus invece, oltre ad avere già degli utenti reali e non potenziali, ha relazionianche con personale istruttore o organizzatori di eventi sportivi, ottima base storica perintraprendere un nuovo servizio. Anche il Capitale Strutturale è in parte già esistente, ad esempio le strutture in possessodell’Università (sia sportive che amministrative) e dell’Opera Universitaria (ad esempio la palestradi san Bartolomeo), ed in parte verranno create strutture ex-novo oppure creati degli accordi con deisoggetti esterni in modo tale da rendere incredibilmente vasto il panorama di strutture adisposizione. Proprio come all’interno della visione dell’IC questi tre tipi di capitale si intersecanoinesorabilmente tra loro, dando vita ad una struttura più solida ed imprescindibile. D’altra parte il Framework cognitivo della visione di Knowldege Management basata sul capitaleintellettuale prevede alla base la visione che in un sistema con più persone e/o organizzazioni ilvalore finale del sistema sia maggiore della somma dei valori apportati dai singoli componentiinterni: facile intuire come l’obiettivo di “UniSportTn” sia proprio quello di fornire un serviziomigliore di quello fornito attualmente dal CUS che ha operato in solitaria, e allo stesso temposervire un servizio migliore e più organizzato di quello che potrebbe fornire lo stesso CUS ol’Opera Universitaria avendo a disposizione maggiori fondi. Altro punto di nesso tra il capitale intellettuale e il progetto “UniSportTn” è la presenza di indici ecriteri di misurazione atti a misurare in maniera non puramente economica le performance. Ilprogetto “UniSportTn” , infatti si pone un obbiettivo economico secondario rispetto ad unobbiettivo definibile di tipo “sociale” , cioè il miglioramento dei servizi sportivi e il coinvolgimentodi un numero di utenti decisamente più elevato. 8
  • 3 Pianificazione L’attività di programmazione e pianificazione ha il preciso obiettivo di rendere evidente uneventuale ritardo del progetto e quindi stimolare eventuali azioni correttive, in modo da soddisfaregli obiettivi di qualità e i tempi previsti ad inizio progetto (8 settimane). Dal punto di vistaprogrammatico il progetto è stato diviso logicamente in sei parti ed ogni ciclo quindi sarà trattatoseparatamente in modo da aiutarci ad evitare procedure troppo complesse e di difficile applicazione.Tali fasi saranno esaminate nel paragrafo relativo alla WBS.3.1 Metodologie Organizzative Il primo problema che ci siamo posti è stata l’individuazione delle capacità del team di progetto ele competenze personali di ognuno di noi, in modo tale da avere un quadro generale per inserireogni persona nel contesto più appropriato all’interno del progetto. In tal modo siamo riusciti arendere efficiente il processo di sviluppo di tale progetto. Pertanto in base alle proprie competenzeed esperienze personali abbiamo selezionato per ognuno dei tre componenti del gruppo la parte piùconsona alle proprie esigenze definendo cosi i responsabili per ogni deliverables (fasi principali). Altro decisione che ci siamo posti, relativa sempre all’organizzazione del lavoro, è stata quella diincontrarsi ogni settimana, allo scopo di controllare lo stato di avanzamento del progetto e perdelineare alcune decisioni strategiche del progetto. In tal modo è stato cosi possibile avere unaconoscenza globale sull’avanzamento del progetto evitando cosi possibili e spiacevoli sorprese.Pertanto questi incontri di gruppo, anche durante le lezioni in classe, hanno permesso un continuoscambio di conoscenze in modo tale da affrontare mano a mano i problemi che ci venivano posti inoggetto.3.2 Strumenti e Metodi Il presente paragrafo mira a presentare i metodi e gli strumenti che sono stati adottati per losvolgimento del progetto da parte del nostro gruppo. Inizialmente verranno descritti i metodi e glistrumenti di Project Management utilizzati, per poi passare a descrivere i sistemi di KnowledgeManagement utilizzati dal team di progetto. L’approccio scelto alla progettazione del sistema, essendo un progetto innovativo, è stato ilmodello di ciclo di vita a spirale. Tale modello è tipico di procedimenti di sviluppo che partono daun prototipo ( in questo caso il Mock-up). Esso inizia con l’individuazione degli utenti, dei lorocompiti che essi svolgono per raggiungere l’obiettivo finale (“UniSportTn”) e dei loro obiettivi, perpoi sviluppare l’analisi dei requisiti, compito che poi si tradurranno in funzionalità che il sistemadovrà supportare. A partire da queste ultime, iniziano una serie di cicli di 9
  • implementazione/valutazione/produzione di nuovi requisiti, fino ad arrivare al prototipo operativoattraverso l’implementazione di prototipi. Definito il modello vitale del nostro progetto, consideriamo quali saranno le procedure ed i metodiche andremo ad utilizzare di Project Management al fine di definire il piano di progetto stesso neisuoi vari aspetti. Prima di iniziare è utile specificare che nella parte di coordinazione di progetto si èdeciso dedicare non troppo tempo per minimizzare i tempi dedicati alla burocrazia, in modo tale damassimizzare i risultati del progetto. Il punto focale della nostra analisi è la Work Breakdown Structure (denominata d’ora in avantiWBS), la quale è uno strumento di scomposizione del lavoro di progetto, in modo tale da creare dei“pacchetti” di lavoro pianificabili e controllabili. Inoltre essa rappresenta uno strumento dicomunicazione e un orientamento durante le varie fasi del progetto. Da qui poi si è sviluppato ilDiagramma di Gantt, il quale è uno strumento che favorisce l’attività di pianificazione e laprogrammazione del progetto stesso. In questo diagramma vengono rappresentate le distribuzionitemporali delle varie attività di progetto. Tale diagramma è possibile visualizzarlo nel paragrafodedicato al Workplan assieme alla WBS di Progetto. In tal modo è possibile ricavare unavalutazione temporale dei task e sequencing delle attività individuate che vanno a formare ilprogetto, rendendo cosi facile l’individuazione delle attività che devono essere completate affinchèaltre possano iniziare o per visualizzare task che possono essere eseguiti parallelamente. Il presente progetto si considera concluso con il prototipo operativo, vale a dire con lo sviluppoeffettivo di un Mock-up delle principali schermate e dopo la conclusione della relazione finale epresentazione. Dopo di ciò nessun altro tipo di attività è previsto all’interno del progetto pertanto siriterrà concluso e non verranno considerati eventuali sviluppi futuri, integrazioni al sistema e la fasedi manutenzione del sistema in quanto non rientranti negli obiettivi del management. Tra i sistemi di gestione della conoscenza utilizzati nel team di progetto vi è prima di tutto googledocs, in modo tale da condividere la conoscenza tra il gruppo e renderla fruibile in ogni momento,garantendo cosi la massima trasparenza riguardo lo svolgimento del lavoro da parte di ognuno. Oltre a quest’ultimo strumento abbiamo utilizzato tecnologie di collaborazione sia asincrone siasincrone, tra cui sistemi di instant messanging, posta elettronica ed un calendario di gruppo.Pertanto abbiamo ritenuto indispensabile fissare incontri formali a scadenza settimanale e utilizzarequesti strumenti di Knowledge Management per la creazione, gestione e condivisione dellaconoscenza per aumentare la produttività del lavoro di gruppo e per evitare inutile sprechi ditempo. 10
  • Concludendo è stato fondamentale all’interno del team: • la comunicazione: per scambiare informazioni attraverso testi in forma elettronica ma anche comunicazione face to face e collegamenti video e audio; • il coordinamento: per regolare il flusso di informazioni e le attività delle persone stabilendo priorità e regole; • la collaborazione: per mettere a disposizione del team le risorse necessarie per prendere parte al lavoro di gruppo.3.3 Risorse e Vincoli Per la realizzazione di questi sistema di gestione della conoscenza dobbiamo considerare alcunivincoli imposti dal management. In particolare le risorse sono vincolate a livello di risorse umane.Infatti i responsabili del team di sviluppo hanno stabilito che le persone che lavoreranno al progettosono tre. Il team di progetto è formato quindi da un Economista, uno Psicologo Cognitivo e unIngegnere delle Telecomunicazioni. In particolare cercheremo di bilanciare l’utilizzo delle risorse inmodo da mantenere il progetto entro i tempi previsti (8 settimane) senza crashare il più possibile, inmodo da lasciare alle risorse umane periodi liberi in cui occuparsi delle proprie mansioni ordinarie.Inoltre è da sottolineare il fatto che all’interno del team di progetto non vi è un vero e proprioinformatico. Per tale motivo è stato deciso di nominare per ogni deliverables un responsabile, inmodo tale da poter lavorare indipendentemente alla creazione del proprio lavoro ed evitare inutilisprechi di tempo nelle fasi successive di progetto. A tal fine riteniamo che gli strumenti dipianificazione e gestione della conoscenza utilizzati sono stati fondamentali.3.4 Work Breakdown Strucutre Durante gli incontri di gruppo abbiamo deciso di partire, per la creazione della WBS, dal dato dibase costituito dalle 125 ore previste dall’università per l’ottenimento dei 5 crediti formativi cherappresentano il valore formativo del corso. Sottraendo ad esse le 35 ore di lezione in aula,rimangono 90 ore a testa da distribuire tra i vari deliverables (fasi principali). Come già anticipato, il lavoro è stato suddiviso in sei deliverables. Ad essi è stato assegnato unammontare di ore in base alle ore dedicate da noi. I deliverables numerati da 1 a 6 sono, nell’ordine: 1. Coordinazione (20 ore) 2. Analisi Requisiti (70 ore) 3. Modellazione e Rappresentazione della Conoscenza (60 ore) 11
  • 4. Soluzioni & Design (60 ore) 5. Analisi di Fattibilità (30 ore) 6. Presentazione & Relazione Finale (30 ore) I deliverables sono ulteriormente suddivisi in task, ma per un maggior livello di dettaglio sirimanda alla visualizzazione della Work Breakdown Strucutre (denominata d’ora in avanti WBS)pianificata nell’immagine sottostante (Fig. 2). Fig.2. WBS Pianificata Data questa WBS pianificata inizialmente è ora possibile confrontarla con la WBS reale dato che ilprogetto si ritiene oramai concluso. Tale analisi è stata permessa grazie alla compilazione da partedi ogni componente del gruppo del proprio timesheet personale. Pertanto riprendendo i deliverablessi avrà la seguente situazione reale e finale: 1. Coordinazione (20) 2. Analisi dei Requisiti (50) 3. Modellazione e Rappresentazione della Conoscenza (55) 4. Soluzioni & Design (60) 12
  • 5. Analisi di Fattibilità (20) 6. Presentazione & Relazione Finale (51) Nella figura sottostante è possibile vedere la WBS reale di fine progetto (Fig.3) e il diagramma diGantt (Fig.4). Fig. 3. WBS Reale Fig. 4. Diagramma di Gantt Analizzando quindi le ore pianificate per ogni deliverables con le ore effettivamente svolte allafine del progetto possiamo affermare che su 270 ore a disposizione ne abbiamo utilizzate 256.Questo significa che con circa il 95% delle ore a disposizione abbiamo terminato il progetto, salvoovviamente alcuni ore che potrebbero essere stati fatti nella compilazione dei timesheet individuali. 13
  • Concludendo si può affermare che la fase di programmazione e pianificazione delle attività tramiteWBS e il Diagramma di Gantt è stata molto utile per l’organizzazione del nostro lavoro, inparticolare per prevenire eventuali ritardi e che il tempo a disposizione, avendo a disposizionerisorse umane limitate, è stato sfruttato praticamente totalmente.4 Analisi dei Requisiti4.1 Premessa Prima fase di quest’analisi è la comprensione degli Stakeholder, i quali rappresentano l’elementochiave di molti approcci relativi al rilevamento dei requisiti, perché in un’organizzazione non èsemplicemente l’utente finale a essere influenzato dall’introduzione di una nuova tecnologia. Infattiil punto di partenza è l’identificazione degli Stakeholders. Uno stakeholders può essere definitocome una persona alla quale stanno a cuore il successo o il fallimento del sistema. A tale scopo puòessere utile distinguere diverse categorie di stakeholders: • Stakeholder primari: sono le persone che effettivamente andranno ad utilizzare il sistema, vale a dire gli utenti finali (in questo progetto studenti, ricercatori, dottorandi, personale docente e personale tecnico/amministrativo); • Stakeholder secondari: le persone che non usano direttamente il sistema, ma da esso ricevono l’output oppure gli forniscono l’input ( CUS, Società Sportive, Provincia Autonoma di Trento, Opera, Università); • Stakeholder terziari: le persone che non rientrano in nessuna delle prime due categorie, ma che sono direttamente influenzate dal successo o dal fallimento del sistema ( Project Manager dell’Opera ad esempio per un aumento della quantità e qualità del servizio offerto, delegato del rettore per lo Sport, Direttore Affari Generali Università, Direttore Opera,); • Stakeholder agevolanti: le persone che sono coinvolte nella progettazione e manutenzione del sistema (Ingegnere delle Telecomunicazione, Psicologo Cognitivo, Economista, Responsabili Team di Progetto). Lo scopo della progettazione è soddisfare i bisogni del maggior numero possibile di stakeholder.Nel caso in cui le esigenze degli stakeholder entrino in conflitto tra di loro, sì da priorità ai requisitidegli stakeholders di categoria più alta, in questo progetto, gli utenti finali che andranno anche loroad utilizzare il sistema e, ovviamente, il Committente. La raccolta e l’analisi dei requisiti si è sviluppata tenendo conto delle esigenze di tutti gli attoricoinvolti nel progetto: Opera Universitaria, Università degli Studi di Trento, Centro Universitario 14
  • Trentino (CUS), studenti, dottorandi, ricercatori, personale tecnico/amministrativo e personaledocente. La rilevazione dei fabbisogni degli stakeholders è stata svolta attraverso l’utilizzo di diversistrumenti in modo da poter compensare le asimmetrie informative intrinseche negli stessi e poterapprendere il maggior numero di informazioni possibili ai fini dell’individuazione delle loroesigenze. Questionari forniti dai responsabili di progetto ed incontri con quest’ultimi e intervisteformali con gli stakeholder del progetto. Sono stati previsti cinque incontri “formali” in aula con il dott. Paolo Bouquet, delegato del rettoreper lo sport, un incontro con il dott. Paolo Mezzena, direttore affari generali UNITN in qualità dirappresentanti dell’ateneo di Trento. Poi altri due incontri sono stati svolti con il direttoredell’Opera Universitaria, dott. Paolo Fontana e il Project Manager del progetto Sport, il dott.Filippo Bazzanella. Infine l’ultimo incontro è stato svolto con il direttore del CUS. Le “minute” delle interviste sono disponibili in appendice ma vediamo ora in dettaglio ildocumento dei requisiti finale.4.2 Descrizione generale del problema Nell’iniziare tale progetto ci si è subito posto di fronte il problema principale concernente allagestione della conoscenza all’interno dell’Università di Trento. In particolare risultava evidente lanecessità di strumenti operativi efficaci ed efficienti per la codifica, lo scambio, la condivisione e lagestione della conoscenza all’interno delle organizzazioni coinvolte in tale progetto in quanto visono attualmente enormi problemi di organizzazione, comunicazione e cultura. Quindi il problema,risulta quello di capire come i vari tipi di conoscenza diverse che convergono tra i vari stakeholderspossano essere gestite e supportati anche da un eventuale supporto tecnologico. Pertanto uno dei problemi principale che ci viene posto riguarda la comprensione el’individuazione delle componenti fondamentali di conoscenza e il modo con cui vengono utilizzatedalle varie organizzazioni coinvolte nel progetto Sport. Tali organizzazioni saranno brevementedescritte nel paragrafo successivo. Inoltre fondamentale è capire quali tipi di conoscenza tra levarie organizzazioni sono in conflitto tra loro, ad esempio se tali conoscenze risultano allineate o sevi sono credenze opposte tra le varie organizzazioni. Un’ulteriore problema è quello di comprendereal meglio se vi sono “pezzi” significativi di conoscenza che sarebbero necessari ma che attualmentenon si dispongono oppure settori in cui la conoscenza ci sia ma non ci sia una vera e propriapossibilità di condivisione. Quindi il problema che ci si pone di risolvere è quello di estrarre laconoscenza tra le varie organizzazioni coinvolte e, soprattutto, capire quanta di questa conoscenza 15
  • estratta è adeguata supportare tramite un sistema di gestione della conoscenza al fine di raggiungeregli obiettivi prestabiliti di progetto. Tali obiettivi saranno presentati nei paragrafi successivi per ogniorganizzazione coinvolta. Ad ogni modo nello specifico, particolare attenzione dovrà essere posta al ruolo significativo dellosport nell’Ateneo di Trento per gli studenti in particolare ma anche per personaletecnico/amministrativo dell’Università degli Studi di Trento e dell’Opera Universitaria, personaledocente, ricercatori e dottorandi. È stato inoltre riscontrato una grave mancanza di un sistema dicomunicazione tra gli stakeholders coinvolti per raggiungere gli obiettivi di progetto. Pertanto tale documento mira a capire quali strumenti tecnologici possono supportare questiproblemi e fornisce un input per la modellazione e rappresentazione della conoscenza e per la fasedi Design partendo appunto dai bisogni e obiettivi degli stakeholder coinvolti. Per cercare di risolvere tali problematiche in maniera sufficientemente esaustiva abbiamo scelto didedicare particolare tempo e risorse all’analisi dei requisiti. Inoltre tali problematiche sono statediscusse ed esaminate, durante le varie fasi del progetto, a “tavolino” con il gruppo di lavoro. Talimetodi organizzativi verranno esposti nel terzo capitolo.4.3 Descrizione generale delle Organizzazioni coinvolte L’idea del progetto Sport dell’Università di Trento parte circa due anni fa e venne costruito,inizialmente, un gruppo di lavoro informale, attualmente diventato Comitato paritetico tramite lasottoscrizione di un “Protocollo d’Intesa” tra l’Università e l’Opera Universitaria. Quindi il progettoSport è composto, oltre che dal comitato paritetico, dall’Univeristà degli Studi di Trento, l’OperaUniversitaria, il Centro Universitario Sportivo (CUS) e il Centro Interuniversitario di Ricerca inBioingegneria e Scienze Motorie (CeBISM).4.3.1 Comitato  Paritetico   Tale commissione ha il compito di identificare, condividere e raggiungere gli obiettivi strategicidel Progetto lungo la dimensione della sport nella vita accademica, quindi di coordinare taleprogetto. Un altro compito fondamentale è quello di coinvolgere degli attori rilevanti nel contestolocale, come ad esempio CUS, CONI, CeBISM, A.S.I.S, SUSAT, ecc. In questo protocollo d’intesa si è deciso che l’Opera Universitaria si prenderà carico di organizzaree gestire le attività sportive per l’Università. 16
  • In questa commissione sono presenti tre dipendenti dell’Opera Universitaria più un rappresentantedegli studenti e tre dipendenti dell’Università di Trento più un rappresentante degli studenti, il tuttogestito dal presidente della commissione: il delegato del rettore per lo sport (dott. Paolo Bouquet). Tramite questa convenzione è cosi possibile prevedere due fonti di risorse, da parte dell’Universitàe da parte dell’Opera Universitaria per offrire un servizio sportivo in ateneo il più completopossibile. Quindi un’azione congiunta da parte dell’Università e dell’Opera con l’obiettivo di costruire unambito operativo unitario che consenta di realizzare proficue sinergie, anche di natura economica, edi garantire un conseguente significativo miglioramento dell’offerta sportiva.4.3.2 Università  degli  Studi  di  Trento   L’Università degli Studi di Trento (d’ora in avanti denominata “Università” o “Ateneo”) ha ilcompito istituzionale di promuovere attività culturali, sportive e ricreative, mediante l’istituzione diservizi e strutture collettive (anche in collaborazione con enti privati/pubblici) e, inoltre, disostenere attività formative autogestite per gli studenti. Ecco quindi che si propone di rilanciare iltema dello Sport nell’Ateneo di Trento con la collaborazione dell’Opera Universitaria. Attualmente l’Università ha alcune strutture a disposizione, le quali sono: • Centro Tennis • Ausburgerhof: si tratta di un terreno al lago di Caldonazzo dove vengono solitamente svolte le Facoltiadi. Attualmente vi è un “ex albergo” da ristrutturare con un pezzo di terreno di fronte. L’idea è quella di creare un centro nautico con area attrezzata con bar, solarium, ecc in cui uno studente possa andarci indipendentemente dallo sport e dalle facoltiadi. • Centro Volo a Vela Il centro nautico invece è del Comune di Pergine dove vi è attualmente una situazione legale incorso perché rivuole poterlo riutilizzare per scopi turistici (entro il 2012).4.3.3 Opera  Universitaria   L’Opera Universitaria esiste da quindici anni ed è un Ente funzionale della Provincia Autonoma diTrento che ha come unico obiettivo il diritto allo studio, previsto dall’approvazione della legge390/91 e, localmente, con la legge provinciale 9/91. Nello specifico deve rendere concreto il dirittoallo studio erogando corsi di studio, garantendo un servizio abitativo, un servizio ristorazione eattività culturali come ad esempio il servizio “presta bici”, nonché, cosa più importante, il sostegno 17
  • per i portatori di handicap. Tale organizzazione svolge comunque altri compiti sempre relativi aldiritto allo studio. Fino a pochi anni fa l’Università negava sempre all’Opera di intromettersi nella gestione e offertadello Sport in Ateneo perché vi era e vi è tutt’ora il Centro Universitario Sportivo (d’ora in avantidenominato CUS) che gestisce il tutto. Oggi , dopo brevi pubblicazioni a carattere divulgativo,l’Università ha ritenuto opportuno coinvolgere l’opera per il servizio Sport. Ecco quindi che si èarrivati alla sottoscrizione di questo “Protocollo d’Intesa”. In tale contesto essa si occuperà di razionalizzare un’offerta appropriata per lo Sport in Ateneo edi fornire a tale scopo le proprie strutture, oltre che a ricercare e sfruttare le strutture e impiantisportivi presenti già sul territorio. Tra tali strutture in possesso dell’Opera vi è lo studentato di San Bartolomeo dove vi sono dellepalestre e degli spazi per svolgere corsi sportivi (Yoga, Arti Marziali, Corsi di ballo, ecc), un campoda squash). Inoltre ha sponsorizzato un grande struttura polifunzionale coperta presso il nuovostudentato e anche una grande parete attrezzata per l’arrampicata, quest’ultima molto richiesta daparte degli utenti finali. Poi vi sono alcuni spazi coperti di piccole-medie dimensioni per l’attivitàsportiva sempre nel nuovo studentato. campi all’aperto per, ad esempio, pallavolo, calcio a cinque,ecc e, varie palestre all’interno dell’università (Scienze Cognitive, Povo e nella nuova sede diLettere quando sarà terminata). Pertanto in tale contesto l’Opera sarà sede organizzativa ed operativa di questo nuovo sistema digestione della conoscenza e gli saranno assegnate risorse finanziare, quest’ultime rappresentate dacontributi messi a disposizione dall’Ateneo e da essa stessa, da quote versate dagli utenti dei servizisportivi, da sponsorizzazioni e da contributi concessi da privati ed enti pubblici.4.3.4 CUS   Il CUS è composto da un consiglio direttivo composto da sei consiglieri, il quale decide chiorganizza e cosa fare, come ad esempio quali corsi proporre agli utenti, trovare le miglioriconvenzioni possibili, ecc, e soprattutto, propongono le varie attività a seconda delle esigenze degliutenti. Queste esigenze attualmente vengono raccolte tramite osservazione diretta o giudizi esplicitida parte degli utenti fruitori del servizio. Oltre a tale consiglio direttivo il CUS è formato da unaserie di dipendenti che si occupano di varie aree, come ad esempio per il centro nautico di Pergine,per il centro a Vela, personale di segreteria, istruttori per i corsi e attività proposte, ecc. Inoltre taleorganizzazione si avvale anche di volontari e di studenti che svolgono il lavoro delle 150 ore perl’Opera Universitaria. 18
  • Si tratta quindi di un grande club sportivo che attualmente è in condizioni di “monopolio” nellagestione dello Sport in Ateneo e che riceve ogni anno contributi da parte dell’Università (circa 160mila euro all’anno) e che svolge attività come la gestione delle iscrizioni, la raccolta di proposte daparte degli utenti ma anche da parte degli stessi istruttori, la stipulazione di contratti e convenzionicon enti esterni, la gestione delle iniziative, calendari e orari ecc. Inoltre si occupa di definire edapprovare il piano stabilito da parte del consiglio direttivo e di ricercare e reclutare il personaletecnico (istruttori, collaboratori). Infine si avvalgono degli studenti delle 150h dell’OperaUniversitaria, quindi gestione degli studenti 150h. Attualmente gestiscono il centro tennis e il centro Ausburgerhof, entrambi di proprietàdell’Università. Inoltre hanno il compito di gestire il Centro Nautico (di proprietà del Comune diPergine) e la gestione del Centro volo a vela di proprietà dell’Università (fenomeno di malgestione). Inoltre il CUS mantiene un punto di contatto con federazione e istituzioni sportive per ottenerepatentini e certificati ufficiali specifici, ad esempio per la patente nautica o per diventare istruttori diuna disciplina sportiva. Inoltre cus tessera assicurativa. Tra i suoi obiettivi attuali vi è quello di organizzare e pianificare l’attività motoria e sportiva inAteneo (regime di monopolio) e attualmente si avvalgono di circa 3000 iscritti tra cui però non solostudenti ma anche dottorandi, ricercatori e, soprattutto, persone esterne all’Università.4.3.5 CeBISM   Il CeBISM è un Centro Interuniversitario di Ricerca in Bioingegneria e Scienze Motorie il cuiobiettivo è quello di svolgere attività di formazione e di ricerca in settori delle tecnologieBiomediche, con la collaborazione di ricercatori che operano in diversi settori, come ad esempio laChimica, Ingegneria, Biologia, ecc. Tale organizzazione utilizza conoscenze “tecniche”, le qualicontribuiscono sempre più allo sviluppo di metodiche di intervento nei diversi settori della medicinaper sviluppare nuove terapie mediche e chirurgiche. Quindi il suo fine è quello di promuovere losviluppo della collaborazione scientifica tra Università ed altri organismi pubblici e privati,nazionali e internazionali che operano nei settori della Bioingegneria e delle Scienze Motorie. Nello specifico e ai fini di tale progetto il Cebism ha confermato il proprio supporto a taleprogetto. L’idea del dottore Federico Schena ( Professore ordinario di Fisiologia presso l’Universitàdi Verona) è quella di creare una forte collaborazione con l’Università per fornire un servizio dimonitoraggio dello stato fisico dell’utente, fornire programmi sportivi e, di conseguenza, la verifica 19
  • dei risultati raggiunti allo scopo di valutare l’efficacia della pratica motoria. Tali compiti edobiettivi verranno meglio trattati successivamente.4.4 StakeholdersIl sistema di gestione della conoscenza che andremo a progettare coinvolge un elevato numero distakeholders.4.4.1 Tabella  RASCI  *: autorizzazione a qualsiasi cambiamento nel documentoR: responsabile creazione documentoS: svolge un ruolo di supporto nella creazione del documentoC: fornisce input per il progettoI: deve essere informato di ogni cambiamento riguardante il progetto 20
  • 4.4.2 Tabella  degli  attori   Nel paragrafo successivo verranno esaminati gli obiettivi per ogni stakeholders coinvolto nelprogetto per poi passare all’analisi dei processi relativi agli obiettivi e all’individuazione dellaconoscenza (implicita/esplicita) di tali processi. Infine verranno presentati i requisiti di sistema.Inoltre, dato il numero elevato di Stakeholders coinvolti in tale progetto per fini semplificativi e perconcentrasi meglio sugli Stakeholders primari, si definirà d’ora in avanti “Utente” colui che andràeffettivamente a fruire del servizio di questo nuovo sistema di gestione della conoscenza. Talecategoria comprende gli attori: Studente (006), Dottorando (007), Ricercatore (008), Personaledocente (009) e Personale Tecnico/Amministrativo (010). 21
  • 4.5 Obiettivi e Conoscenza4.5.1 Premessa   Nel presente paragrafo andremo a trattare gli obiettivi del progetto che si pongono come primari alfine dell’accettazione dello stesso. Inizialmente tali obiettivi ci sono stati proposti e forniti daidocenti e dai successivi incontri con gli stakeholders. Per quanto riguarda l’Università di Trento sono stati intervistati rispettivamente due responsabili:il delegato del rettore per lo Sport (dott. Paolo Bouquet) e il Direttore Affari Generali (dott. PaoloMezzena). Dalle interviste non sono emersi conflitti tra i due attori quindi verranno riportati gliobiettivi comuni e più salienti. Ad ogni modo è possibile visionare le “minute” delle interviste neidocumenti utilizzati alla fine di tale documento. Per quanto riguarda l’Opera Universitaria sono statiintervistati anche qui due soggetti, vale a dire il Direttore Generale (dott. Paolo Fontana) e il ProjectManager di tale progetto Sport (dott. Filippo Bazzanella). Qui sono stati riscontrati obiettividivergenti e conoscenze non allineate, pertanto verranno analizzati e presentati separatamente. Perquanto riguarda il CUS invece sono stati intervistati due dipendenti, i quali fornivamo risposteallineate tra loro. Infine gli obiettivi dell’utente sono stati esplicitati in base alla documentazioni forniteci(Questionario) e, dato il nostro ruolo anche di studenti, mediante riflessioni personali e discussionicon altri colleghi durante lo svolgimento del progetto. In questa sede verranno soltanto presentati gliobiettivi principali degli utenti finali mentre per quanto riguarda i processi non verranno esaminatiperché si rimanda direttamente ai requisiti funzionali e non funzionali del progetto, dato che ilgruppo si è concentrato principalmente su di essi. Una volta individuati gli obiettivi verranno definiti successivamente, per ogni obiettivo, i processi,le dipendenze con gli attori coinvolti e le conoscenze necessarie degli stakeholders principalicoinvolti nel progetto per raggiungere tali obiettivi. Tale analisi fornirà gli input necessari percomprendere la conoscenza di dominio dei vari stakeholders coinvolti per poi passare allamodellazione e rappresentazione della conoscenza, vale a dire l’ontologia. 22
  • 4.5.2 Università  degli  Studi  di  Trento  4.5.2.1 Tabella  Obiettivi   ID_O OBIETTIVI 001 Sensibilizzare e divulgare la cultura dello Sport in Ateneo 002 Migliorare la qualità e la quantità dei servizi sportivi offerti 003 Incrementare la partecipazione di studenti e dipendenti a iniziative di tipo sportivo (target 25-30% ) 004 Ottimizzare le risorse a disposizione e integrazione con risorse già presenti sul territorio 005 Offrire agli studenti opportunità motorie in base a uno schema scientificamente validato (successivamente estensione di tutto ciò a dipendenti/collaboratori) 006 Favorire la creazione di associazioni sportive da parte di gruppi studenteschi Oltre a questi obiettivi dovrebbero esser considerati almeno altri due obiettivi fondamentali, tracui: • Far emergere in modo chiaro e riconoscibile un’offerta didattica legata allo sport/montagna/società • Offrire un punto d’accesso unico a tutte le iniziative di ricerca legate allo Sport. Questi obiettivi non sono stati considerati nell’analisi dei processi in quanto obiettivi evoluti delprogetto, vale a dire si tratta di una forma evoluta di progettazione per la quale prima è megliovalutare l’impatto del nuovo servizio prima di procedere verso tali scopi. Tra questi, ad esempio,inserire l’attività sportiva nel curriculum dello studente mediante il diploma supplement eintegrazione con il profilo esse3 oppure la creazione di percorsi di studio coerenti al contestosportivo. Infine come obiettivo ancor più evolutivo del sistema è quello di creare una nuova formaorganizzativa per un’iniziativa di ricerca. 23
  • 4.5.2.2 Processi  relativi  agli  obiettivi     ID_O OBIETTIVI PROCESSI DIPENDENZE CON ALTRI ATTORI 001 Sensibilizzare e 1. Sviluppare adeguate Utenti finali, CUS per divulgare la cultura strategie di eventuali collaborazioni, dello Sport in Ateneo Marketing e di Opera comunicazione, sensibilizzando gli utenti circa le attività sportive offerte dal contesto del Trentino. 002 Migliorare la qualità e la 2. Creare un nuovo Opera quantità dei servizi modello CUS sportivi offerti organizzativo, vale a Enti pubblici/privati dire (Società Sportive) un sistema efficiente ed articolato di Project Manager offerta di attività sportive 3. Creare una situazione di pluralità di soggetti che offrono attività sportiva 003 Incrementare la 4. Inserire l’attività Opera Universitaria, partecipazione di fisica tra le attività Project Manager studenti e dipendenti a qualificanti dello iniziative di tipo studiare e lavorare sportivo (target 25-30% in Ateneo ) 5. Offrire opportunità concrete e 24
  • praticabili di fare attività fisica a chi studia e lavora in Ateneo 6. Promozione e sviluppo dei servizi sportivi004 Ottimizzare le risorse a 7. Analizzare il Opera Universitaria, disposizione e contesto territoriale Project Manager integrazione con risorse in cui si colloca il già presenti sul territorio progetto. 8. Studio di forme di integrazione tra attività motoria e attività di studio/lavorativa. 9. Favorire la flessibilità dell’offerta in base alla domanda effettiva, vale a dire stabilire un sistema di valutazione e di ricezione dei Feedback005 Offrire agli studenti 10. Prevedere un Utenti, CeBISM, Opera opportunità motorie in sistema di adesione base a uno schema volontaria da parte scientificamente degli utenti presso il validato CeBism (successivamente 11. Prevedere la estensione di tutto ciò a possibilità di dipendenti/collaboratori) un’attività di pianificazione, 25
  • monitoraggio e valutazione individuale dell’attività sportiva dell’utente 12. Stabilire un sistema di incentivi per gli utenti all’adesione a questo schema. 006 Favorire la creazione di 13. Incentivare Opera, CeBISM associazioni sportive da meccanismi bottom- parte di gruppi up per gli utenti studenteschi 14. Stabilire metodi e strumenti di valutazione degli incentivi4.5.2.3 Conoscenza  implicita/esplicita  relativa  ai  processi   ID_P PROCESSI RISORSA CONOSCENZA 001 Sviluppare adeguate Opera Universitaria 1. Conoscenza delle strategie di esigenze e aspettative Marketing e di degli utenti. Vale a dire comunicazione, riconoscere il sapere sensibilizzando gli tacito dei singoli utenti ai utenti circa le attività fini di aumentare il sportive offerte dal capitale umano (fonte contesto del primaria Trentino. dell’innovazione) 002 Creare un nuovo Opera Universitaria 2. Conoscenze relative agli modello impianti presenti sul organizzativo, vale a territorio (censimento 26
  • dire PAT). Rappresenta il un sistema efficiente capitale strutturale ed articolato di (cultura). offerta di attività 3. Conoscenze portafoglio sportive utenti003 Creare una Comitato Paritetico 4. Conoscenze esplicite situazione di sulla situazione attuale in pluralità di soggetti ateneo (procedure che offrono attività amministrative,attività sportiva routinarie, gestione studenti, ecc)004 Inserire l’attività Opera Universitaria 5. Conoscenze collettive fisica tra le attività degli utenti iscritti al qualificanti dello servizio (regole studiare e lavorare in condivise) Ateneo 6. Conoscenza dei rapporti tra università,opera e PAT, Società Sportive, CUS (capitale relazionale)005 Offrire opportunità Opera, Project Manager 7. Conoscenze relative agli concrete e praticabili impianti interni presenti di fare attività fisica sul territorio (capitale a chi studia e lavora strutturale) in Ateneo 8. Conoscenze relative agli impianti esterni presenti in Provincia (capitale relazionale) 9. Conoscenze sugli incentivi possibili a favore degli utenti006 Promozione e Università, Opera 10. Conoscenze relative ai sviluppo dei servizi bisogni/aspettative degli 27
  • sportivi utenti 11. Conoscenze relative all’immatricolazioni e/o rinnovi degli studenti007 Analizzare il Comitato Paritetico, 12. Conoscenze relative alla contesto territoriale Opera, Project Manager gestione passata del CUS in cui si colloca il progetto.008 Studio di forme di Opera, Project Manager 13. Conoscenze gestionali integrazione tra relative ai calendari, attività motoria e orari dei vari attività di servizi/impianti sportivi studio/lavorativa. offerti009 Favorire la Project Manager, Opera 14. Conoscenze relative allo flessibilità sfruttamento dei dell’offerta in base servizi/impianti sportivi alla domanda (monitoraggio) effettiva, vale a dire stabilire un sistema di valutazione e di ricezione dei Feedback010 Prevedere un CeBISM 15. Conoscenza degli utenti sistema di adesione che aderiscono a questo volontaria da parte supporto medico degli utenti presso il CeBism011 Prevedere la Opera, CeBISM 16. Conoscenze relative agli possibilità di incentivi disponibili per un’attività di agevolare gli utenti ad pianificazione, aderire a tale supporto 28
  • monitoraggio e valutazione individuale dell’attività sportiva dell’utente 012 Stabilire un sistema Opera, Comitato 17. Conoscenze tecniche sul di incentivi per gli Paritetico programma sportivo utenti all’adesione a questo schema. 013 Incentivare Opera, Comitato 18. Conoscenze relative alle meccanismi bottom- Paritetico richieste degli utenti up per gli utenti 19. Conoscenze sulla disponibilità delle risorse 014 Stabilire metodi e Opera 20. Conoscenza numero strumenti di utenti che praticano sport valutazione degli incentivi4.5.3 Opera  Universitaria   Per quanto riguarda l’Opera Universitaria sono state intervistate due persone, tra cui il DirettoreGenerale e il Project Manager assunto per tale progetto. I due intervistati presentano obiettividiversi anche in base ai loro rispettivi compiti. Ecco quindi che in questa sede verranno analizzatigli obiettivi, i processi e le conoscenze necessarie per i due attori.4.5.3.1 Tabella  Obiettivi  Direttore  Opera  Universitaria   ID_O OBIETTIVI 001 Rendere concreto e completo il diritto allo studio in ambito anche sportivo, quindi organizzare e pianificare lo Sport in Ateneo diventando cosi l’unico fornitore di tutti i servizi per il diritto allo studio. 002 Garantire le risorse necessarie per la realizzazione, il mantenimento e lo sviluppo del progetto 003 Avere un controllo sulla gestione dello Sport in Ateneo 29
  • 004 Incrementare il numero degli studenti che praticano Sport in Ateneo4.5.3.2 Tabella  Obiettivi  Project  Manager   ID_O OBIETTIVI 001 Comprendere lo stato attuale dello Sport in Ateneo 002 Avviare e Realizzare il Progetto Sport 003 Offrire servizi di qualità agli studenti che studiano nell’Ateneo4.5.3.3 Processi  relativi  agli  obiettivi  dell’Opera  Universitaria  (Direttore  generale)   ID_O OBIETTIVI PROCESSI DIPENDENZE CON ALTRI ATTORI 001 Rendere concreto 1. Definire il budget Università, Società Sportive, e completo il 2. Definire un piano Enti locali (privati e pubblici) diritto allo studio in ambito anche organizzativo annuale sportivo, quindi per le attività organizzare e pianificare lo agonistiche e non Sport in Ateneo agonistiche. diventando cosi l’unico fornitore 3. Valutare proposte da di tutti i servizi parte degli studenti. per il diritto allo studio. 4. Stipulare accordi per convenzioni con impianti esterni, società sportive e negozi sportivi 5. Gestione iscrizioni e rinnovi 6. Erogazione card dello sport 7. Gestione pagamenti 30
  • 002 Garantire le 8. Gestione degli Università risorse necessarie impianti interni ( per la realizzazione, il proprietà mantenimento e lo dell’Università). sviluppo del progetto 9. Gestione impianti PAT, Enti privati,/Società esterni presenti sul Sportive territorio. 10. Gestione Amministrativa 003 Avere un 11. Monitoraggio Società Sportive, Utenti controllo sulla sfruttamento impianti gestione dello Sport in Ateneo 004 Incrementare il 12. Pianificazione di piani Università, CUS,Utenti Finali numero degli di promozione e studenti che praticano Sport in marketing Ateneo 13. Pianificazione e gestione incentivi 14. Gestione marketing4.5.3.4 Processi  relativi  agli  Obiettivi  del  Project  Manager   ID_O OBIETTIVI PROCESSI DIPENDENZE CON ALTRI ATTORI 001 Comprendere lo 1. Svolgere un analisi CUS, Università,Opera stato attuale dello dello situazione Sport in Ateneo attuale dello Sport in Ateneo (fatti storici università-sport, rapporto con il CUS,ecc) 002 Avviare e 2. Concordare assieme a CUS Realizzare il CUS, Opera e 31
  • Progetto Sport Università, tramite il Opera Comitato Paritetico, Università gli obiettivi del CeBISM progetto e stabilire le linee strategiche da seguire. 3. Sviluppare le fasi d’avvio del progetto 4. Sviluppare la gestione del progetto 5. Sviluppare un piano di monitoraggio (controllo) del progetto 003 Offrire servizi di 6. Costruzione Università, Opera qualità agli portafoglio utenti per Universitaria, Società studenti che ricercare migliori Sportive, CUS, Utenti studiano convenzioni e nell’Ateneo maggiore disponibilità degli impianti sia interni sia esterni4.5.3.5 Conoscenza  implicita/esplicita  relativa  ai  processi  del  Opera  Universitaria   ID_P PROCESSI RISORSA CONOSCENZA 001 Definire il budget Opera Universitaria, 1. Analisi dei costi e ricavi Comitato Paritetico negli anni precedenti 002 Definire un piano Opera Universitaria, 2. Conoscenze riguardanti organizzativo Comitato Paritetico le preferenze, aspettative, annuale per le bisogni degli utenti. Si attività agonistiche e tratta di individuare 32
  • non agonistiche. feedback da parte dell’utente. Ad esempio attraverso questionari, interviste. 3. Conoscenze sulle esperienze passate003 Valutare proposte da Opera Universitaria, 4. Conoscenze sullo studio parte degli utenti. Comitato Paritetico di fattibilità delle attività004 Stipulare accordi per Project Manager 5. Conoscenza portafoglio convenzioni con utenti disponibili impianti, società 6. Conoscenza degli sportive e negozi impianti sportivi presenti sportivi sul territorio, nonché delle società sportive presenti (censimento PAT) 7. Conoscenza degli attori che hanno già stretto convenzioni con l’Università o il CUS.005 Gestione iscrizioni e Opera 8. Conoscenze rinnovi amministrative di gestione iscrizioni/rinnovi 9. Conoscenze procedurali006 Erogazione card Opera 10. Conoscenza numero di dello sport iscritti al servizio007 Gestione pagamenti Opera 11. Conoscenze amministrative e procedurali di gestione dei pagamenti ai servizi008 Gestione degli Opera (personale 12. Conoscenze di tipo 33
  • impianti interni ( amministrativo), CUS amministrativo e legale proprietà del personale dell’Università).009 Gestione impianti Opera (personale 13. Conoscenze di tipo esterni presenti sul amministrativo) amministrativo territorio 14. Conoscenze degli impianti presenti sul territorio (Censimento PAT)010 Gestione Opera (personale 15. Conoscenze di tipo Amministrativa amministrativo) amministrativo del personale011 Monitoraggio Opera (personale 16. Conoscenze relative allo sfruttamento amministrativo) sfruttamento degli impianti impianti, dei corsi ed eventi.012 Pianificazione di Opera Universitaria, 17. Conoscenza piani di promozione Comitato Partitetico aspettative/bisogni degli e marketing utenti (dati utenti) 18. Conoscenza sui canali di comunicazioni disponibili013 Pianificazione e Opera, CeBISM 19. Conoscenze tecniche sui gestione incentivi profili utenti come lo stato di avanzamento,ecc014 Gestione marketing Opera 20. Conoscenza aspettative/bisogni degli utenti (dati utenti) 21. Conoscenza sui canali di comunicazioni disponibili 34
  • 4.5.3.6 Conoscenza  implicita/esplicita  relativa  ai  processi  del  Project  Manager   ID_P PROCESSI RISORSA CONOSCENZA 001 Svolgere un analisi CUS, Project Manager 1. Conoscenze delle attività dello situazione svolte in passato dal attuale dello Sport CUS in Ateneo (fatti 2. Conoscenza degli storici università- impianti sportivi sport, rapporto con il convenzionati e delle CUS) convenzioni 3. Conoscenza numero di iscrizioni annuali e distinzione utenza 4. Conoscenza dei costi sostenuti 002 Concordare assieme CUS, Opera, Università, 5. Conoscenze sulle linee a CUS, Opera e Project Manager strategiche da seguire e Università, tramite il degli obiettivi da Comitato Paritetico, raggiungere gli obiettivi del progetto e stabilire le linee strategiche da seguire. 003 Sviluppare le fasi Comitato Paritetico, 6. Conoscenze relative d’avvio del progetto Project Manager all’analisi della situazione attuale in Ateneo 004 Sviluppare la Opera, Project Manager 7. Conoscenza delle attività gestione del progetto svolte nelle fasi di realizzazione del progetto 005 Sviluppare un piano Opera, Project Manager 8. Conoscenza sullo di monitoraggio sfruttamento degli 35
  • (controllo) del impianti e delle progetto convenzioni 006 Costruzione Project Manager 9. Conoscenza del numero portafoglio utenti e di iscrizioni al servizio (e ricerca accordi del rinnovo di iscrizioni successivamente) 10. Conoscenza sugli impianti interni ed esterni del territorio 11. Conoscenza sui costi delle attività programmate4.5.4 CUS  4.5.4.1 Tabella  Obiettivi     Dato il capovolgimento della situazione in base a ciò che è stato analizzato durante le interviste,dalla documentazione analizzata e dall’analisi del Protocollo d’intesa, gli obiettivi del CUS sonosenz’altro risultati divergenti rispetto agli altri attori coinvolti nel progetto, in particolare perl’Opera Universitaria e l’Università. Questi obiettivi rappresentati in tabella pertanto non verrannoconsiderati in quanto divergenti con gli obiettivi generali del Progetto Sport. ID_O OBIETTIVI 001 Migliorare la comunicazione con gli iscritti 002 Incremento delle strutture sportive a disposizione (attualmente molto noleggio) 003 Miglioramento del proprio portale web e possibilità di gestirlo 004 Concreta Gestione e Organizzazione delle attività sportive agonistiche e non agonistiche 005 Gestione di centri e impianti Sportivi 006 Aumento personale disponibile 007 Maggiore collaborazione da parte del personale docente (orari lezioni, esami, ecc) 36
  • 008 Miglior gestione dei vari profili iscritti (studenti, dottorandi, ricercatori, docenti) 009 Avere un medico convenzionato di riferimento (Cebism)   Gli obiettivi del CUS che verranno considerati, ai fini della realizzazione del Progetto Sport, sonorappresentati nella tabella sottostante ed avranno validità previa sottoscrizione da parte del CUS diun’apposita convenzione con l’Opera Universitaria e l’Università. ID_O OBIETTIVI 001 Concreta Gestione e Organizzazione delle attività sportive agonistiche 002 Avere un medico convenzionato di riferimento 003 Incremento delle strutture sportive a disposizione (attualmente molto noleggio) 004 Maggiore collaborazione da parte del personale docente (orari lezioni, esami, ecc) 005 Miglior gestione dei vari profili iscritti (studenti, dottorandi, ricercatori, docenti)4.5.4.2 Processi  relativi  agli  obiettivi   ID_O OBIETTIVI PROCESSI DIPENDENZE CON ALTRI ATTORI 001 Concreta Gestione e Ricezione proposte Comitato Paritetico, Opera, Organizzazione delle iniziative sportive da Società Sportive, Utenti attività sportive agonistiche parte del Comitato Paritetico: 1. Pianificare un programma relativo all’attività (evento,ecc) 2. Definire le risorse e il budget disponibili 3. Definire specifiche di qualità 37
  • 4. Fase di Valutazione del programma da parte dell’Opera e, in caso di approvazione, gestione delle attività/iniziative pianificate (calendari, orari,ecc). 5. Reclutamento personale tecnico/istruttori 6. Gestione Studenti 150h002 Avere un medico 7. Gestione CeBISM convenzionato di organizzativa riferimento (calendari, orari,ecc)003 Incremento delle 8. Presentazione Comitato Paritetico strutture sportive a progetti all’Opera disposizione 9. Coordinamento (attualmente molto noleggio)004 Maggiore 10. Sistemi di Utenti, Personale Tecnico, collaborazione da comunicazione Università, Opera, parte del personale docente (orari diretti a migliorare i Società/Federazioni Sportive, lezioni, esami, ecc) servizi offerti e maggiori collaborazione   38
  • 4.5.4.3 Conoscenza  implicita/esplicita  relativa  ai  processi   ID_P PROCESSI RISORSA CONOSCENZA 001 Pianificare un CUS 1. Conoscenze specifiche programma relativo Personale Tecnico maturate dalle esperienze all’attività maturate negli anni. (evento,ecc) Quindi promuovere occasioni che permettano al sapere tacito personale di rendersi esplicito e pubblico. Quindi Capitale Umano come “Know how” 002 Definire le risorse e CUS 2. Conoscenze sulle risorse il budget disponibili finanziarie disponibili 003 Definire specifiche CUS 3. Conoscenze gestionali: di qualità Enti Pubblici/Privati disponibilità di strutture, orari aperturaàcapitale strutturale e relazionale 4. Conoscenza sulle varie Utenti iniziative 004 Fase di Valutazione CUS 5. Conoscenze gestionali del programma da parte dell’Opera e, Federazioni Sportive in caso di approvazione, Opera, Unitn gestione delle attività/iniziative pianificate (calendari, orari,ecc). 005 Reclutamento CUS 6. Conoscenze sulle 39
  • personale richieste/bisoni/aspettativ tecnico/istruttori e utenti006 Gestione studenti CUS 7. Conoscenza relativa agli 150h Opera Universitaria studenti vincitori del Bando007 Gestione CUS 8. Conoscenze Gestionali organizzativa (capitale umano) (calendari, orari,ecc) 9. Conoscenze sulle iscrizioni (capitale relazionale)008 Presentazione CUS 10. Conoscenze relative alle progetti all’Opera specifiche richieste dall’Opera (linee guida)009 Coordinamento CUS 11. Conoscenze relative alle esperienze degli anni passati010 Sistemi di CUS, Opera 12. Conoscenze regolamenti comunicazione Ateneo diretti a migliorare i servizi offerti e maggiori collaborazioni 40
  • 4.5.5 CeBISM  4.5.5.1 Tabella  Obiettivi     ID_O OBIETTIVI 001 Fornire un servizio medico di supporto agli utenti che praticano sport in Ateneo 002 Verifica dei dati allo scopo di valutare l’efficacia della pratica motoria per studi anche di ricerca ( numero maggiore di soggetti per studi scientifici)4.5.5.2 Processi  relativi  agli  obiettivi     ID_O OBIETTIVI PROCESSI DIPENDENZE CON ALTRI ATTORI 001 Fornire un servizio 1. Gestione delle Opera, Utenti medico di supporto richieste di adesione agli utenti che al servizio (si parte praticano sport in Ateneo con un utenza campione). 2. Visita medica iniziale all’utente Utente che aderisce al servizio (test fisico) 3. Attività di supporto alla pianificazione Utente, Istruttori o allenatori individuale dell’attività sportiva in base ai risultati del test e definizione programma sportivo 4. Attività di monitoraggio nel tempo degli utenti 41
  • 5. Attività di assessment dell’attività sportiva per verificare i miglioramenti (peggioramenti) degli utenti 002 Verifica dei dati 6. Analisi dei dati Utenti, Università allo scopo di raccolti della valutare l’efficacia della pratica carriera sportiva motoria per studi degli utenti anche di ricerca ( 7. Utilizzo dei dati numero maggiore raccolti per scopi di di soggetti per studi scientifici) ricerca scientifici4.5.5.3 Conoscenza  implicita/esplicita  relativa  ai  processi     ID_P PROCESSI RISORSA CONOSCENZA 001 Gestione delle Opera, CeBISM 1. Conoscenze relative al richieste di adesione numero di persone al servizio iscritte al servizo (partenza con numero campione di utenti) 002 Visita medica Centro CeBISM 2. Conoscenze sulle iniziale all’utente (laboratori di Rovereto) tecniche e pratiche del che aderisce al test fisico e motorio servizio (test fisico) 003 Attività di supporto CeBISM, 3. Conoscenze relative ai alla pianificazione Allenatore/Istruttore dati raccolti dai test individuale iniziali agli utenti dell’attività sportiva 4. Conoscenze relative alle in base ai risultati preferenze dell’utente 42
  • del test e definizione 5. Conoscenze relative alla disponibilità dei servizi sportivi 6. Conoscenze delle attività motorie idonee al miglioramento degli indicatori da migliorare dell’utente 004 Attività di CeBISM, 7. Conoscenze sullo stato di monitoraggio nel Allenatore/Istruttore, avanzamento del tempo degli utenti Utente programma sportivo dell’utente 005 Attività di CeBISM, Utente, Opera 8. Conoscenze sull’analisi assessment dei dati raccolti dell’attività sportiva sull’utente durante lo per verificare i svolgimento del miglioramenti programma sportivo (peggioramenti) 9. Conoscenze degli utenti mediche/scientifiche sugli indicatori di salute dell’utente 006 Analisi dei dati CeBISM 10. Conoscenze scientifiche raccolti della sulle metodiche e sugli carriera sportiva approcci di analisi dei degli utenti dati (competenze) 007 Utilizzo dei dati CeBISM, Università 11. Conoscenze del dominio raccolti per scopi di di ricerca ricerca scientifici Per la modellazione e rappresentazione della conoscenza si rimanda al capitolo sei dove verrannoanalizzate le conoscenze qui esposte in modo tale da costruire l’ontologia per il sistema. 43
  • 4.5.6 Utente  Finale   ID_O OBIETTIVI 001 Accesso agevolato ad un maggior numero di impianti e maggiore integrazione con il territorio 002 Maggiori informazioni dettagliate su eventi, impianti, attività sportive e miglior comunicazione 003 Possibilità di iscriversi ad attività sportive on-line 004 Incentivi per attività conseguite (crediti formativi, scontistiche,promozioni)4.6 Requisiti4.6.1 Requisiti  Funzionali   ID REQUISITO ATTORI OBIETTIVO DESCRIZIONE 001 Iscrizione Opera Permettere agli Il sistema deve fornire agli degli Utenti al Universitaria, utenti di iscriversi utenti la possibilità di servizio Utenti Finali al Portale aderire allo sport tramite “UniSportTn” e iscrizione al portale. all’Opera L’iscrizione prevederà il Universitaria di rilascio di informazioni recuperare all’Opera da parte degli informazioni utenti. relative agli Tali informazioni studenti. dovranno essere Quindi accesso, memorizzate all’interno identificazione e del sistema e potranno recupero dati. essere aggiornate dall’Opera Universitaria o dagli utenti. 002 Informazioni Opera Fornire agli Tali informazioni agli utenti Universitaria, studenti dovranno essere accessibili finali sulle Utenti Finali informazioni sulle a tutti gli utenti. 44
  • attività attività sportive Inoltre: sportive proposti dai vari Gli studenti in entrata sono disponibili fornitori (CUS, informati dei servizi offerti CRU, associazioni tramite una prima richiesta sportive, di adesione al servizio Federazioni sportivo al momento della sportive, ecc; vale loro immatricolazione. a dire enti locali Gli studenti iscritti al pubblici/privati) servizio sono aggiornati circa i nuovi servizi al momento del rinnovo dell’iscrizione. Inoltre: Il sistema dovrà fornire informazioni: Generali sul funzionamento dei servizi offerti consultabili sul portale; Specifiche: sugli enti locali pubblici/privati che offrono il servizio; sulle modalità e scadenze di candidatura; sulla durata, orari e costi.003 Aggiornament Opera Avere tutti i dati Il sistema dovrà mantenere o Universitaria aggiornati aggiornati tutti i dati Informazioni relativi alle strutture sportive, ai corsi, agli eventi disponibili. 45
  • Inoltre il sistema dovrà mantenere aggiornati i dati relativi agli utenti finali.004 Consulenza Opera Fornire Sono previsti: Orientativa Universitaria/ informazioni e Incontri orientativi su agli utenti in CUS, Utenti consulenza agli tecniche di entrata Finali, utenti nel programmazione attività CeBISM momento della motoria (CeBISM) scelta tra corso per Supporto studenti durante attività attività. ludica/ricreativa o agonismo Il sistema dovrà fornire (percorso agli utenti iscritti sportivo). informazioni relative a giorni e luoghi un cui si tengono tali incontri. Inoltre è prevista la possibilità per studenti entranti di vedere come avanza il proprio programma sportivo individuale e per gli studenti già iscritti un sistema di rilevazione di feedback (giudizio, aspettative, bisogni)005 Rilevazione Opera, Utenti Comprendere le Vengono individuati gli obiettivi e Finali ambizioni e gli obiettivi e le aspettative aspettative obiettivi agonistici degli studenti. degli utenti e non degli utenti Il sistema dovrà tener traccia di tali rilevazioni006 Comunicazio Utenti Finali Rendere partecipi Devono essere sviluppati ne con utenti gli utenti “novizi” incentivi che inducano gli 46
  • “novizi” e e studenti già studenti a continuare le utenti già iscritti al cammino attività e ad utilizzare il iscritti al che fa o che cerca sistema anche dopo i corsi servizio di fare e attività l’Università Deve essere previsto un sistema che permetta all’opera di comunicare a studenti iscritti e ex iscritti o novizi eventuali incontri e che interagisca con associazioni esterne007 Comunicazio Opera, Utenti Facilitare la Il sistema dovrà permettere ne tra Opera e comunicazione tra di comunicare in maniera Utenti Opera semplice e immediata. Universitaria e È previsto un canale di Utenti iscritti al comunicazione tra utenti e servizio. Quindi opera per favorire il favorire lo sorgere di collaborazioni. scambio di informazioni tra Opera e Utenti008 Informazioni Società - Fornire e rendere Il sistema dovrà permettere durante e sia Sportive, possibile all’Opera di ottenere ante sia post- CUS, Opera all’Opera di informazioni riguardo le attività da reperire società sportive presenti società informazioni da sul territorio. sportive società sportive. Il sistema permette a opera - Incentivare le di ottenere feedback da società sportive a società sportive relativi: fornire -al servizio offertogli informazioni -alle collaborazioni in all’Opera generale 47
  • Il sistema permette di memorizzare le informazioni ottenute È previsto anche un sistema di valutazione del gradimento (ricezione feedback) Tale sistema di valutazione dovranno essere redatti dagli studenti alla fine del corso/evento. Inoltre: Il sistema dovrà permettere di ottenere informazioni da parte delle società sportive. Tali informazioni dovranno riguardare la disponibilità, gli orari, ecc009 Avere Utenti Finali, Esplicitazione Gli utenti dovranno avere Feedback Opera della conoscenza la possibilità di fornire dagli utenti Universitaria tacita informazioni riguardo alle proprie esperienze svolte nelle attività seguite.010 Avere Opera Controllo da parte Il sistema dovrà permettere feedback Universitaria, dell’Opera sui all’Opera di mantenere il dalle società Società servizi offerti controllo sul servizio di sportive sportive gestione sport, per cui l’azienda può accedere ad informazioni particolareggiate degli utenti e delle società sportive che offrono 48
  • servizi sportivi solo attraverso la mediazione diretta.011 Poter inserire Utenti Socializzazione, Il sistema dovrà permettere specifiche condivisione di inserire nel proprio sugli interessi interessi profilo anche le personali e informazioni riguardanti i visualizzare propri interessi, quelle altrui. aspirazioni, proposte personali o anche di gruppo e visualizzare anche quelle degli altri iscritti. Inoltre, in riferimento ai gruppi, il sistema dovrà permettere la possibilità di creare comunità di appartenenza.012 Strumento di Utenti, Opera, Socializzazione, Il sistema dovrà permettere interazione esplicitazione e di creare spazi virtuali per conoscenza. favorire la socializzazione e i contatti tra utenti.013 Sistema Opera Gestire in modo Il sistema dovrà permettere gestione corsi, efficiente ed la visualizzazione e l’invio impianti ed efficace le di informazioni da parte eventi comunicazioni tra dell’Opera relative alle organizzativi utenti iniziative e ai servizi offerti dall’Opera agli utenti.014 Necessità di Opera, Utenti, Possibilità di Il sistema dovrà permettere un sistema per CeBISM creare un proprio agli utenti di creare i la gestione profilo personale propri profili personali, di 49
  • elettronica per creare salvarli e che siano dello stato di programmi disponibili ad eventuali salute degli sportivi modifiche ed utenti individuali e aggiornamenti. personalizzati. Inoltre il Cebism deve avere la possibilità di analizzare tali profili per la pianificazione dell’attività sportiva. 015 Avere uno Opera Valutazione dello Il sistema dovrà supportare strumento che Universitaria, studente ai fini di uno strumento che permetta di Università proporre sconti permetta di valutare in avere una mirati, maniera precisa e attenta valutazione convenzioni gli utenti che praticano più accurata particolari, ecc. sport. dell’utente Quindi dovrà supportare una funzione di controllo.4.6.2 Requisiti  non  funzionali  ID REQUISITO ATTORI OBIETTIVO DESCRIZIONE001 Semplicità di Opera Universitaria, Facilità di Il sistema dovrà essere utilizzo e Utenti utilizzo e semplice ed intuitivo consultazione del consultazione del sistema sistema.002 Livello di Opera Universitaria, Possibilità di Il sistema dovrà essere automatizzazione Utenti intervento da automatizzato. del sistema parte dell’opera universitaria003 Grafica Generale Grafica uniforme L’immagine grafica dovrà con i sistemi risultare omogenea e preesistenti uniforme con quella del 50
  • dell’Ateneo portale dell’Ateneo. Prevista la possibilità anche di integrare la grafica dell’Opera con la grafica dei portali d’Ateneo.004 Facilità di Possibilità di Tutti gli attori dovranno aggiornamento aggiornare avere la possibilità di dati on-line facilmente i dati aggiornare facilmente i on-line propri dati tramite accesso on-line al sistema. I dati aggiornabili riguardano..(anagrafica dell’attore interessato e altre info???)005 Integrità dei dati Generale Integrazione con I dati contenuti nel sistema e interoperabilità i sistemi esistenti devono presentare a livello dati omogeneità e integrità con i dati presenti nei sistemi esistenti d’Ateneo.006 Recupero dati Opera Universitaria Recuperare dati Il sistema dovrà permettere gestiti da relativi a studenti di recuperare tali dati. Università007 Accesso al Utente Finale Stabilire L’accesso al sistema deve sistema lato modalità di essere effettuato tramite utente accesso al login e password previa sistema iscrizione al sistema stesso Gli utenti non iscritti al servizio potranno accedere ad una parte informativa sul servizio offerto dal sistema008 Accesso al Opera Universitaria Stabilire L’accesso al sistema deve sistema lato modalità di essere effettuato tramite operatore accesso al login e password sistema 51
  • 4.6.3 Requisiti  di  Prestazione  ID REQUISITO ATTORI OBIETTIVO DESCRIZIONE001 Accessi Opera Garantire un Il sistema dovrà essere contemporanei Universitaria, numero minimo di dimensionato per un numero Utenti, Società accessi sufficiente di accessi giornalieri Sportive contemporanei al contemporanei. sistema Si prevede un accesso giornaliero di circa 100 utenti distribuite lungo tutto l’arco di una giornata.002 Tempi di risposta Opera Garantire tempi di Il sistema dovrà essere rapido e del sistema Universitaria, risposta rapidi da accessibile ad ogni utente Utenti, Società parte del sistema indipendentemente dal tipo di Sportive connessione utilizzata003 Usabilità Opera Rispetto delle linee Il sistema dovrà essere semplice, Universitaria, guida di usabilità intuitivo e dovrà rispettare le linee Utenti guida di usabilità004 Accessibilità Rispetto delle linee Il sistema dovrà essere coerente guida di con le normative vigenti riguardo accessibilità l’accessibilità.005 Sicurezza Protezione dei dati Il sistema dovrà trattare in modo e delle adeguato i dati sensibili (secondo informazioni rese normativa del codice della disponibili dal privacy) sistema006 Compatibilità Garantire un buon Il sistema deve poter essere reso livello di disponibile in una versione che si compatibilità adatti a più piattaforme. 52
  • 4.6.4 Vincoli   • Sistema disponibile 24 ore su 24 ore per 365 giorni all’anno • Il sistema dovrà tener traccia del numero minimo per le iscrizioni ad un corso/attività/evento e del numero massimo di iscrizione (fino ad esaurimento posti).5 Analisi e Gestione del Rischio Nella realizzazione di questo progetto è possibile incorrere in una serie di rischi che potrebberocompromettere l’intera o parziale riuscita del progetto stesso. Per questo motivo è importanteidentificare i fattori di rischio ed attuare manovre di prevenzione. Pertanto, in questa parte del documento verranno elencati i rischi che potrebbero verificarsi nellosviluppo del sistema, esplicitando le nostre scelte. In particolare verranno analizzati i rischi: • Teorici: derivanti dall’approccio del Capitale Intellettuale • Tecnici: vale a dire i fattori che abbiano a che vedere con la parte tecnica del sistema • Altri tipi: ad esempio rischi di prestazione, di sicurezza o di carattere politico, legale e legati all’utilizzo o non del sistema da parte dell’utente finale.5.1 Rischi derivanti dall’approccio alla gestione della conoscenza del Capitale Intellettuale Le minacce che possono provenire da un ipotetico Capitale Intellettuale per condividere esoprattutto creare nuova conoscenza sono molteplici; tuttavia ne verranno presi in esame alcuni.5.1.1 Rischio  di  non  volere  condividere  la  conoscenza  Spesso gli individui presentano forme di titubanza e di resistenza nel condividere la propriaconoscenza di dominio. Da alcuni infatti la conoscenza è considerata come potere e può causarecomportamenti di “possessività”. Le cause che inducono ciò potrebbero essere la mancanza difiducia o la mancanza di incentivi adeguati. Ad esempio nel nostro progetto non fornire tra le partile informazioni relative agli studenti (CUS, Opera).Una possibile soluzione potrebbe essere lo sviluppo di un adeguato sistema di incentivi, in modotale da stimolare l’utente e/o l’organizzazione, in modo tale da rendere la conoscenza condivisibilee lo sviluppo di strumenti di comunicazione adeguati.5.1.2 Rischio  non  esplicitare  e  riconoscere  la  conoscenza  tacita   Un possibile fattore di rischio è rappresentato dal non esplicitare e riconoscere la conoscenzatacita, il quale rappresenta si un compito arduo ma allo stesso tempo fondamentale vista l’influenzache esercita sui valori dell’IC. Oltre a tale rischio vi è la problematica legata alla possibilità che taleconoscenza sia errata e/o confusa poiché essendo inespressa non può venire vagliata o giudicata. 53
  • Inoltre potrebbe risultare difficile modificarlo piuttosto che nel comunicarlo rendendo il saperetacito un qualcosa di locale e legata al contesto in cui si forma (localismi). Pertanto si dovrebbe cercare di procedere attraverso un ciclo continuo che arrivi al riconoscimentodella conoscenza tacita ed alla sua esplicitazione e formalizzazione, allo scopo di utilizzarlo perfavorire l’assorbimento di nuovo sapere (Stewart). Per fare ciò bisogna individuare “luoghi”all’interno dell’organizzazione: i membri dell’organizzazione, la sua struttura ed i suoi utenti quindidividere il capitale in base al “luogo” che lo detiene. Quindi è risultata fondamentale un’analisidegli stakeholders coinvolti e la comprensione dei loro obiettivi e conoscenze di dominio per evitaretale rischio e per creare un’interazione fra le categorie di capitale considerate.5.1.3 Rischio  di  asimmetria  della  Conoscenza   Tale rischio potrebbe verificarsi nel caso in cui, ad esempio, il CUS, o l’Opera posseggano unpatrimonio di conoscenza più ricco rispetto all’altro, rendendo quindi squilibrato il sistema. Quindirisulta fondamentale favorire uno scambio di conoscenza, stimolando l’esplicitazione econdivisione della conoscenza in modo tale da raggiungere un “equilibrio” di conoscenze e, diconseguenza, aumentare il valore dell’IC.5.2 Rischi Tecnici La creazione si un sistema di gestione della conoscenza potrebbe presentare alcuni rischi legati allatecnologia che c’è alla base, pertanto verrà fornita una breve analisi dei fattori possibili di rischioper garantire una progettazione del sistema completo sotto tutti i punti di vista. Sono stati individuati quattro voci di rischi tecnici, i quali verranno ora analizzati.5.2.1 Rischio  di  prestazioni  non  sufficienti   Un possibile fattore di rischio è la realizzazione di un sistema non idoneo o a capacità limitatarispetto alle esigenze dell’utente finale e/o del Committente, impedendo cosi un utilizzo ottimale. Cisi riferisce a rischi che potrebbero esser causati dai tempi di risposta del sistema, dall’usabilità eaccessibilità dell’interfaccia grafica, dal numero di accessi contemporanei al sistema, ecc. Perevitare tali rischi nella progettazione del sistema, in particolare nell’analisi dei requisiti, sono statiprevisti requisiti specifici rispettivamente per seguire le linee guide dell’usabilità e dell’accessibilitàin modo tale da evitare errori di progettazione iniziali, avendo cosi un’interfaccia semplice edintuitiva da utilizzare. Inoltre sono stati previsti tempi di risposta rapidi del sistema e un numero diaccessi contemporanei. In quest’ultimo caso è stato previsto, previa analisi dello sfruttamento deisistemi già esistenti in Ateneo (in particolare Comunità Online), un numero totale di accessi inizialedi 100 utenti al giorno, estendibili nel breve periodo (2/3 anni) fino a 1000 utenti al giorno, unavolta che il sistema sarà avviato in modo propositivo. 54
  • 5.2.2 Rischio  di  sicurezza   Il sistema potrebbe esser oggetto di attacchi alla sicurezza per tentare, ad esempio, di ottenereinformazioni riservate o per tentare di mandare in crash il sistema. Si tratta di rischi provenientiall’esterno dell’Ateneo di Trento e sono legati alla rete dell’organizzazione, la quale quest’ultima ècollegata alla rete pubblica di Internet. In tal senso si possono individuare attacchi da programmiindesiderati come ad esempio i virus, i quali possono risultare devastanti per i dati dell’intera reteorganizzativa oppure attacchi da parte di personale non autorizzato ad accedere a certi tipi di dati, iquali possono recare danni all’organizzazione. Per prevenire tali rischi quindi devono essereadottate delle misure minime di sicurezza al sistema. Nella progettazione di questo sistema infattiprima di tutto sono state previste modalità d’accesso al sistema, quindi si tratta di un accessolimitato perché per accedere al sistema, a seconda delle proprie credenzialità (studente, dottorando,ricercatore, personale tecnico/amministrativo, personale docente), si dovrà utilizzare un sistema diautentificazione tramite login e password. Per quanto riguarda invece gli utenti visitatori avrannoaccesso alle sole informazioni disponibili per la consultazione delle offerte delle attività sportivedisponibili. Un altro livello di sicurezza è rappresentato dall’adozione di un sistema antivirus, ilquale dovrà esser continuamente aggiornato per salvaguardare i dati presenti, in particolare i datisensibili degli utenti. In tal senso sarà utile disporre di un sistema antivirus, nonché di un suoaggiornamento continuo nel tempo, allo scopo di proteggere i dati e le informazioni presenti, vale adire la conoscenza. Infine dovrebbe esser previsto un eventuale sistema di ripristino che permettaun veloce ripristino del sistema in caso di anomalie e/o attacchi esterni e operazioni di backup,eseguendo cosi copie periodiche dei dati del sistema.5.2.3 Rischio  di  non-­‐compatibilità   Potrebbero verificarsi problemi di compatibilità tra le piattaforme e i programmi esistenti, i qualipotrebbero esser previsti tramite un processo di revisione dell’intero sistema dal punto di vista dellacompatibilità ed interoperabilità (specificato nei requisiti non funzionali).5.3 Altri tipi di rischi In questa sezione verranno esposti alcuni tipi di rischio indipendenti dai precedenti esposti ma checomunque vanno esaminati ed analizzati al fine di prevedere i rischi sotto ogni punto di vista.Verranno esposti rischi legati al contesto legale e politico, al processo di sviluppo del sistema.5.3.1 Rischio  Politico   Si tratta di una tipologia di rischio legato in particolar modo al territorio in cui si colloca ilProgetto, vale a dire le Società Sportive detentrici di impianti sportivi(CUS, CONI, A.S.I.S, ecc) nelquale possono essere imposte alcuni restrizioni per quanto riguarda la cessione e gestione delle 55
  • attività. In questo senso è stato assunto un apposito Project Manager che avrà il compito diinteragire con queste società ai fini di aumentare la qualità e quantità dei servizi sportivi offerti. Inseguito verrà ricercato anche un Consulente.5.3.2 Rischio  Legale   Ulteriore fattore di rischio è rappresentato dalla possibilità di violare le leggi nella gestione deidati, in particolare per quanto riguarda eventuali dati sensibili presenti oppure dati coperti dacopyright o dal codice della privacy. Tale rischio può essere risolto stilando il “Documento Programmatico sulla Sicurezza”(denominato DPS), il quale rappresenta un documento in cui vengono definite le politiche disicurezza adottate dall’organizzazione in materia di trattamento dei dati personali. Tale documentorappresenta un obbligo del D.Lgs 30 Giugno 2003, numero 196. Tale decreto oltre alla redazione ditale documento obbliga a prevedere nuovi adempimenti in merito alla protezione dei dati personali.Pertanto tale rischio, nel rispetto della legge, non dovrebbe essere rilevante all’internodell’organizzazione perché previsto da legg e. L’Ufficio del Garante della Privacy mette adisposizione delle organizzazioni una guida per redigere e aggiornare il DPS.5.3.3 Rischio  di  volatilità   Questa tipologia di rischio è associato all’ipotetico non utilizzo del sistema rispetto alle previsioniiniziali. Una possibile soluzione, peraltro già prevista, è quella di efficaci strumenti di promozione ecomunicazione (strategie di Marketing), proponendo sempre novità, incentivi, scontistiche mirateper incentivare gli utenti all’utilizzo del sistema. Inoltre in tale progetto è stato previsto un sistemalegato all’immatricolazione dello studente o al rinnovo dell’iscrizione per studenti iscritti ad annisuccessivi al primo, quindi non dovrebbe esser probabile il verificarsi di tale rischio.5.3.4 Rischi  nel  processo  di  sviluppo   Tra gli altri possibili rischi in questa tipologia di progetto ci sono senz’altro le scadenze, i costi(stime e previsioni irragionevoli), e in particolare i requisiti che possono essere non corretti,incompleti, incoerenti e volatili. A tal proposito è opportuno scegliere, come nel nostro caso, findalla fase iniziale del progetto un’ottima forma di pianificazione per il ciclo di vita dello stesso(modello a spirale), in modo tale da effettuare un processo iterativo fino a stilare requisiti via viasempre più precisi e definiti e che rispondano soprattutto alle esigenze dell’utente finale nonché delcommittente. Tale analisi è fondamentale per assistere la pianificazione nella realizzazione delbudget e nella programmazione delle attività (tempi). In questo progetto viene infatti pianificataun’analisi preliminare, in modo tale da coinvolgere l’intero team di progetto in questo processo. 56
  • Tramite le tecniche di Brainstorming, interviste e soprattutto tramite una valutazione ciclica da partedi un Psicologo Cognitivo si cerca di monitorare e controllare i fattori di rischio. Quindi elevatomonitoraggio e comunicazione pianificato dal management tra gli stakeholder coinvolti. Un’altra tipologia di rischio può essere rappresentata dal numero di risorse umane inadeguato alprogetto. Nello specifico il numero di risorse umane coinvolte sono tre e ai fini pratici e reali sonosicuramente scarse.5.3.5 Rischio  di  incompletezza  delle  informazioni  disponibili   Rischio rappresentato dagli utenti finali che usufruiscono del sistema o dagli operatori che hanno ilcompito di gestire il sistema, i quali potrebbero non mantenere aggiornati i propri dati o leinformazioni nel sistema, ad esempio le informazioni riguardanti l’iscrizione ad un corso sportivo ose il numero di posti è esaurito ad un corso. A tal fine è utile incentivare l’utente a segnalareeventuali anomalie o ritardi.6 Modellazione e Rappresentazione delle Conoscenza6.1 Ontologia di dominio L’ontologia inerente il progetto UniSportTn si basa soprattutto sull’esigenza di essere duttile,modificabile ed aggiornabile. Redatta ad alto livello permette di identificare facilmente quali siano iruoli e le funzioni all’interno del futuro sistema, nonostante non sia identificabile al suo interno unagerarchia forte. L’ontologia redatta permette facilmente l’integrazione con eventuali altri attori ealtri gestori, non unicamente di conoscenza e non necessariamente “interni” al sistema universitariodi Trento.L’ontologia si compone delle seguenti classi: • Università, al momento il progetto è destinato all’università di Trento, ma non si esclude successivamente la possibilità di lavorare insieme ad altre università, o che il progetto venga attivato in altre università d’Italia seguendo le stesse linee guida. • Enti, ovvero gli enti a supporto del progetto. Nel nostro caso specifico si tratta dell’opera universitaria che lavora già a stretto contatto di studenti e università. Non si esclude neanche qui una futura collaborazione con altri enti locali, magari mirati alla valorizzazione del territorio. Properties: 57
  • - appalta: relazione generica per l’out-sourcing à soggetti esterni, società sportiva- organizza àcorsi, tornei and co. • Commissioni paritetiche, sostanzialmente la commissione sport creata ad hoc percoordinare l’intero progettoProperties:- è composto da àpersone- ha presidente àpersone • Persone, la classe di tutte le persone che possono far parte del sistema. A titolopuramente esemplificativo sono state create le sottoclassi di:- dipendente- professore- ricercatore- studenteProperties:- è iscritto: studente àuniversità- esegue visita medica àvisita medica (inversa di è eseguita da)- lavora per: dipendente àuniversità, soggetti esterni, società sportive, strutture, enti, centrimedici. • Centri medici, seppur in fase di definizione, all’interno del progetto sport dovrebberientrare anche il CeBism, al fine di monitorare i cambiamenti reali dettati dall’attivitàsportiva.Properties:- esegue visita medica àvisita medica (inversa di è eseguita da)- ha valutazione relativa in àindici di valutazione • Visita medica, è la classe che raccoglie tutte le visite effettuate ad un iscritto alsistema. E’ prevista una visita iniziale di controllo, e possono essere previste delle visiteintermedie per alcuni tipi di sport, oppure “automonitoraggio” da parte degli utenti stessi.Properties:- è eseguita da à centri medici, persone.- ha valutazione relativa inà indici di valutazione 58
  • • Corsi, sono i veri e propri corsi di attività fisica che verranno creati con il progettosport.Properties:- è organizzato da à società sportive, enti.- ha valutazione relativa in à indici di valutazione- si svolge presso à strutture. • Società sportive, sono quelle società che forniranno servizi all’interno del progetto.Allo stato attuale troviamo solo il cus e i suoi servizi, ma l’idea portante è di estendere ilprogetto attraverso convenzioni anche ad altre società, magari specializzate.Properties:- ha valutazione relativa in à indici di valutazione- organizza à corsi, tornei and co. • Soggetti esterni, sono tutti quei soggetti fornitori di convenzioni o servizi o struttureal di fuori dell’università.Properties:- ha valutazione relativa in à indici di valutazione- organizza à corsi, tornei and co. • Squadre, esemplificazione all’interno dell’ontologia per lo svolgimento di eventualitornei e manifestazioni.Properties:- ha come componenti à persone- partecipa à tornei and co • Tornei and co. , classe di altissimo livello per includere tutte quelle attività che nonrientrano all’interno dei corsi e che ad esempio si svolgono a squadre create ad hoc; unesempio su tutti sno le facoltiadi.Properties:- ha come partecipanti à squadre- ha valutazione relativa in à indici di valutazione • Indici di valutazione, è la classe che raccoglie tutti i dati non solo economici relativiai corsi, quali ad esempio valutazione da parte degli utenti, grado di fruizione del servizio,attitudini varie etc. 59
  • Properties: - Relativo a à centri medici, tornei,strutture, corsi, società sportiva, strumenti di comunicazione, soggetti esterni, visite mediche. • Strumenti di comunicazione, include tutti gli strumenti attraverso i quali si invieranno e riceveranno informazioni all’interno del sistema, nell’ontologia è stata inserita l’istanza portale che sarà il perno principale di comunicazione con gli utenti. Una volta definita potrà essere anche inserita la tessera (ad esempio con RFID) per la fruizione dei servizi da parte degli utenti. Properties: - è gestito da à società sportiva, enti, soggetti esterni, commissioni paritetiche, persone - ha valutazione relativa in -> indici di valutazione • Strutture, è la classe che racchiude tutte le strutture a disposizione del progetto, sia quelle adibite ad uso sportivo sia di quelle ad uso amministrativo. Per questo motivo è stata modellata in possibilità che una struttura venga messa a disposizione da parte di chiunque sia nel progetto. Properties: - appartiene a à soggetti esterni, centri medici, enti,società sportiva, università. - ha valutazione relativa in à indici di valutazione Ora verrà fornita la tabella relativa alle classi, alle proprietà, ai datatype e alle istanze per lacostruzione dell’ontologia. Tale tabella segue le specifiche del documento dei requisiti(disponibile in appendice). CLASSI PROPRIETA’ DATATYPE ISTANZE Centri_medici Esegue_visita_medica Codice_fiscale cebism Partita_iva Indirizzo Ragione_socialeCommisioni_pari E_composta_Da Commissione sport tetiche Ha presidente Corsi E_organizzato_Da Denominazione_corso Body_power Si_svolge presso Ha_valutazione_in 60
  • Enti Appalta Codice_fiscale Opera universitaria organizza Partita_iva Indirizzo Ragione_sociale Persone E_iscritto Codice_fiscale Esegue_visita_medica Cognome Lavora_per Nome Indirizzo matricolaSocietà_sportive Organizza Codice_fiscale CUS Ha_valutazione_in Partita_iva Indirizzo Ragione_socialeSoggetti_esterni Organizza Codice_fiscale Ha_valutazione_in Partita_iva Indirizzo Ragione_socialeStrumenti_di_co E_gestito_Da Portale municazione Ha_valutazione_in Strutture Appartiene_A Indirizzo San bartolomeo Ha_valutazione_in Università Codice_fiscale Università Trento Partita_iva Indirizzo Ragione_sociale Visita_medica E_eseguita_da DataTornei_and_co Ha_valutazione_in Nome_torneo Ha_come_partecipanti Squadre Ha_come_componenti partecipa Indici di Relativo_a Valore indice valutazione descrizione_indice tipo_indice 61
  • 6.2 Rappresentazione dell’Ontologia. 62
  • Fig. 5. Fig. 6. Dettaglio delle visite mediche eseguite dai centri medici e contemporaneamente da una “persona”,identificabile come un medico o come l’utente stesso in caso di automonitoraggio. Fig. 6. 63
  • La commissione paritetica ha due relazioni con le classe delle persone: una per i membri e una per il presidente. Fig. 7. Come precedentemente accennato i corsi potranno essere organizzati da società sportive (nonunicamente il cus) e in potenza anche da enti (nel nostro caso l’opera) che potrebbero cooperare un domani. Ogni corso ovviamente si svolge presso una struttura ben specifica. 64
  • Fig. 8. Attraverso questa visione è possibile vedere come i tornei e altri eventi possano essere organizzatianche da soggetti esterni, magari specializzati, e che l’ente, ovviamente l’opera, coordinerà il tutto. 65
  • Fig. 9. La classe persone ha al suo interno dipendenti, che è importante identificare presso cui svolgono laloro attività, gli studenti che sono necessariamente collegati all’università 66
  • Fig. 10. In relazione agli strumenti di comunicazione previsti in questo progetto o non, era necessarioall’interno dell’ontologia che fosse specificato che la gestione di quello strumento è assegnato eveicolato attraverso un tramite e non conflittuale (vecchio portale del cus) 67
  • Fig.11. Il progetto sport prevede l’istaurarsi di una serie di accordi o convenzioni presso le diversestrutture presenti sul territorio, alcune delle quali già in possesso dell’università, altre invece fruibilisolo grazie ad accordi futuri. 68
  • Fig.12. Semplice visione della relazione torneo -> squadra -> persone 69
  • Fig.13. Il sistema di feedback e di indici di valutazione era indispensabile sia sotto il punto di vista dellavalutazione economica dei risultati sia, come da teoria del capitale intellettuale, per misurareattraverso adeguati strumenti ad hoc, il successo sociale dell’intero sistema. 70
  • 7 Individuazione Soluzioni7.1 Descrizione dell’idea Lidea consiste nella progettazione di un portale sportivo che sia di supporto alla sensibilizzazioneverso lo sport di tutti coloro che sono coinvolti nellambiente universitario: professori, dottorandi,studenti ecc.. Si spera che il portale, una volta lanciato, possa aiutare ad incrementare la partecipazione distudenti e dipendenti a iniziative di tipo sportivo e che nel corso degli anni possa divenire unostrumento necessario ed indispensabile, a pari livello dei vari Esse3,Comunità Online ecc.. Quandociò accadrà, significherà che nella mentalità degli studenti e dei dipendenti dellateneo di Trento laparola “Università” non sarà più solo associata al concetto di “studiare”(per gli studenti) e di“lavorare” (per dottorandi, professori ecc..) ma anche a quello di praticare attività sportiva.7.2 Il nome “UniSportTn” e il logo Il nome scelto per il portale nasce dalla fusione di tre parole: Uni (abbreviazione di università),Sport e Tn (acronimo di Trento). La scelta di inserire la parola Sport nel mezzo e non nel fondo (UnitnSport), indica come si vogliasottolineare limportanza dellattività sportiva nella vita di ogni studente e di come lo Sport nellaprovincia di Trento possa essere inserito in una realtà che sta esattamente nel mezzo tra lUniversità(studenti, staff universitario, professori ecc..) e la regione Trentino che dispone di molte strutturesportive ad oggi non sfruttate pienamente. La scelta deriva, inoltre, da una ricerca online riguardo ad una possibile registrazione dei dominiwww.unisporttn.it e www.unitn-sport.it che risultano liberi. Da alcune considerazioni sembrerebbepiù logico chiamare il portale Unitn-sport, poichè dal punto di vista degli standard web risulterebbepiù conforme.Si è optato per UniSportTn per motivi di design del logo. Il logo è stato scelto prendendo spunto dal portale dellUniversità di Trento (www.unitn.it)scegliendo un carattere più dinamico e fantasioso rispetto al Serif Font del portale di ateneo,reputato troppo “serio” per un portale di supporto per lo sport e per attività di socializzazione. 71
  • Fig.14. Logo progetto Sport - Fig.15. Logo portale università di Trento7.3 Servizi Offerti Il portale si occupa di offrire differenti tipi di servizi correlati allattività sportiva. I servizi si suddividono in: - offerti esclusivamente alla comunità di utenti iscritti al portale sportivo - offerti anche a coloro che non sono iscritti.I servizi offerti a coloro che non fanno parte della comunità sono chiaramente offerti anche agliappartenenti alla comunità ma ovviamente non è vero il contrario. I Servizi principali disponibili sono: • Iscrizione: dopo avere compilato un rapido form richiedente informazioni di tipo anagrafico, lutente diverrà membro della comunità sportiva, avrà diritto a la sua SportCard identificativa e potrà accedere a servizi personalizzati sul portale. Al momento dellimmissione dei dati anagrafici il sistema si prospetta essere in grado di ricavare in automatico tutti i “dati universitari” (matricola, corso di studio, pagamento tasse ecc...) utili per futuri possibili servizi non ancora implementati al momento. • Informazioni: tutti gli utenti hanno la possibilità di visualizzare informazioni inerenti ai corsi, eventi, impianti e convenzioni relative allintero progetto sportivo. Queste informazioni non sono visualizzabili solo da coloro che sono iscritti, è perché si vuole invogliare gli utenti ad iscriversi al portale. • Webmail: considerato che tutti gli utenti iscritti posseggono un indirizzo e-mail fornitogli dalluniversità sul quale ricevono le comunicazioni ad esempio riguardo nuovi corsi ed eventi sportivi, il link alla Webmail è sembrato un link doveroso e funzionale. • Uni-Informa: considerato che il portale dovrà essere affiancato al portale di ateneo universitario già preesistente, si è deciso di mantenere la parte che fornisce aggiornamenti agli eventi, avvisi e news riguardanti luniversità in modo da mantenere coerenza e fruibilità. 72
  • • Cambio lingua: considerando la sempre maggiore affluenza di studenti/dottorandi stranieri allinterno dellAteneo di Trento, esiste la possibilità di cambiare lingua al portale. Le lingue supportate sono lInglese e lItaliano.I Servizi specifici per i membri UniSportTn sono: • Comunicazione tra utenti: viene offerto un servizio di comunicazione di istant- messaging tra i vari utenti, con la possibilità di ricercare e aggiungere nuovi amici alla propria lista personale. Inoltre dato che ogni utente sarà obbligatoriamente iscritto allAteneo Universitario, tramite la propria e-mail universitaria (@studenti.unitn.it o @unitn.it) potrà comunicare con gli altri utenti scambiandosi pareri ed informazioni. Il servizio offerto si pone come obiettivo la socializzazione tra gli utenti al fine di creare gruppi sportivi che siano di stimolo ai singoli utenti che non praticano sport. • Newsletter: gli utenti verranno informati tramite la propria casella e-mail riguardo a corsi ed eventi di interesse attinenti a quelle che sono le attività svolte, i corsi frequentati e i dati forniti al momento della registrazione. Verranno inoltre comunicati cambiamenti di orari, spostamento delle lezioni, aggiornamenti inerenti alle strutture sportive a disposizione ecc. • Calendario personale: nella pagina personale lutente registrato avrà la possibilità di visionare le date e gli orari dei corsi a cui è iscritto, gli eventi sportivi prossimi ecc.. • Visita medica Cebism: gli utenti posso prendere appuntamento per usufruire della visita medio-sportiva offertagli dal Cebism di Rovereto. • Proporre: con questo servizio l’utente può proporre corsi, eventi o altre iniziative allorganizzazione in modo da migliorare ed ampliare lintero servizio. Viene data così la possibilità a tutti gli utenti di esprimere un parere e divenire così parte del progetto sport non solo come utente “sterile” ma anche organizzatore. • Commenti-Feedback: ogni qual volta un corso o un evento termina, gli utenti che hanno partecipato, sono obbligati a rilasciare, in forma del tutto anonima, una valutazione su una scala da 0 a 5 per la struttura ospitante il corso, linsegnante e il corso nel suo totale. Gli utenti avranno anche la possibilità di rilasciare un commento. Tutto ciò fa si che il sistema sia maggiormente credibile e che gli studenti abbiano maggior fiducia nellintera struttura sportiva. 73
  • 8 Design8.1 La scelta Per la progettazione del portale UniSportTn è stata data molta importanza alla grafica e al layoutdellintero sito. Si è infatti deciso di utilizzare una struttura funzionale e grafica più simile possibileai siti che lo studente ad oggi maggiormente frequenta durante lo svolgimento della sua carrierauniversitaria (iscrizione esami, ricerca professori, ricerca congressi ecc..). I siti presi in analisi sono: 1. Opera Universitaria www.operauni.tn.it 2. Portale di Ateneo www.unitn.it 3. Portale Esse3 www.esse3.unitn.it 4. Comunità Online https://comunitaonline.unitn.it/ -1- -2- 74
  • -3- -4- Dopo aver analizzato ciascuna delle quattro differenti interfacce è stata fatta una prima scrematurache ha portato allesclusione del Portale di Esse3 e di Comunità Online, risultanti troppo antiquatidal punto di vista grafico e troppo complicati per quanto riguarda la loro funzionalità (entrambirequisiti funzionali fondamentali). Successivamente, considerando i soli due portali rimasti, quello di Ateneo e quello dellOperaUniversitaria, si è optato per il primo. Il motivo della scelta è strettamente legato a fattorifunzionali: gli studenti sono più abituati alla struttura del portale di Ateneo che è mediamente piùfrequentato rispetto a quello dellOpera universitaria. Questo permetterà allutente finale, giàabituato alla navigazione allinterno del portale di Ateneo, di giostrarsi in maniera semplice eimmediata allinterno del nuovo portale sportivo. Dallimmagine qui sotto si può notare come il portale UniSportTn richiami volutamente quello diAteneo, con alcune piccole differenze: • Colore: è stato scelto un colore arancione che rende più vivace e dinamico il portale, dato che la dinamicità intesa come movimento è una delle caratteristiche più rappresentative dello Sport. 75
  • • Immagini: non sono state inserite immagini in prima pagina al fine di mantenere piùomogenea e sobria la grafica della pagina. • Lingue: il pulsante per il cambio della lingua da inglese ad italiano è stato spostatonel fondo e rappresentato attraverso una veste grafica (le due bandiere) piuttosto che in vestetestuale. • Ricerca: la barra della ricerca è stata spostata dal corpo centrale allintestazione.Questo perché nel caso del portale sportivo, a differenza di quello di Ateneo, si crede chelutilizzo della funzione di ricerca sarà meno necessaria dato che lintero portale sarà di tipofunzionale piuttosto che puramente informativo. - Portale Ateneo - - Portale UniSportTn - 76
  • 8.2 Strumenti Utilizzati Per quanto riguarda limplementazione del portale sono stati utilizzati i seguenti strumenti: l Adobe Photoshop CS3 l Adobe Fireworks CS3 Il progetto del portale si presenta in forma statica, non è infatti possibile interagire con esso. Si èsolo voluto fare una bozza delle principali aree che renda lidea dei servizi proposti e della graficadellintera struttura.9 Mock-up Al fine di rendere meglio l’idea sulla futura operatività, sono state rappresentate le principalipagine dellintero portale UniSportTn. Le pagine sono state scelte in modo da mostrare i servizi piùimportanti offerti dal portale e gli aspetti più cruciali dellimplementazione. Le pagine presentano tutte, eccezion fatta per la Home Page e quella dell’utente loggato, unmedesimo layout con il menù a sinistra e i contenuti a destra. La pagine implementate sono le seguenti: • Home Page • Pagina Corsi • Pagina Eventi sportivi • Pagina Convenzioni • Impianti sportivi suddivisi per disciplina • Informazioni inerenti al singolo impianto sportivo • Pagina dell’ utente loggato 77
  • 9.1 Intestazione e piè di pagina Al fine di ottimizzare laccessibilità e la facilità di utilizzo del sito, lintestazione (header) e il piè dipagina (footer) sono rimasti invariati per tutte le “bozze” del mock-up, rispettando così una dellelinee guida principali della progettazione di interfacce: la consistenza interna. - Intestazione (Header) - - Piè di pagina (Footer) -Nellintestazione gli “oggetti” presenti sono: • Il titolo del portale: “UniSportTn” • Il logo dellUniversità di Trento: committente dellintero progetto • Il menù di ricerca rapida: facilita e velocizza la ricerche di informazioni • I bottoni Corsi, Eventi, Impianti e Convenzioni: posti nel centro della header per limportanza delle pagine cui questi bottoni puntano • Il menù Login, Webmail, Persone, Help: posto in alto a destra come nel sito dellAteneo da cui si è preso spunto Nel piè di pagina invece lunica cosa presente è il selettore della lingua che permette di passaredallitaliano allinglese e viceversa. 78
  • 9.2 Home Page - Home Page www.unisporttn.it - E la pagina a cui punterà lindirizzo www.unisporttn.it e quindi la pagina maggiormente visitata. Il layout del corpo della pagina si suddivide in 3 frame principali: 1. MyUniSport: dove lutente registrato al portale dovrà inserire il suo nome utente e la sua password per accedere ai servizi personalizzati e a lui dedicati. Nel caso lutente non fosse registrato potrà iscriversi cliccando su “Iscriviti” e compilando successivamente il form. 2. Uni Informa: in questo spazio lutente potrà visualizzare eventi,news ecc.. inerenti allAteneo di Trento e non solo al progetto sport. 3. Selettore profilo: lutente potrà scegliere il profilo che meglio lo rappresenta tra Visitatore, Studente, Dottorando, Docente e Staff-Unitn in modo da capire meglio quelli che saranno i servizi a lui offerti successivamente alla sua iscrizione. 79
  • 9.3 Corsi - Pagina con la lista dei corsi - Questa, è la pagina dove lutente, sia registrato che non, potrà visualizzare i corsi disponibili e leinformazioni ad esso correlate come: • nome del corso • numero di iscritti e disponibilità di posti: se al corso è associata un icona in verde vuole dire che è ancora possibile liscrizione, se invece è associata licona in rosso significa che non è più possibile iscriversi, causa esaurimento posti o corso già iniziato • data di inizio del corso: è possibile ottenere informazioni ancora più dettagliate cliccando sullicona in rosso dopo la data. Si potrà conoscere così la durata del corso, listruttore a supporto, una breve descrizione delle attività svolte ecc.. • codice identificativo del corso: non di interesse per lutente finale 80
  • 9.4 Eventi Sportivi - Pagine con la lista degli eventi sportivi proposti - Questa pagina ha come obiettivo quello di informare lutente riguardo agli eventi sportividisponibili. Potrà infatti conoscere gli eventi nel breve periodo oppure effettuare una ricerca mirata per tipo,periodo e/o impianto ospitante. 81
  • 9.5 Convenzioni - Pagina con le convenzioni offerte – In questa pagina lutente potrà trovare informazioni riguardo ai negozi e le strutture/impianticonvenzionati con il progetto UniSportTn. Per quanto riguarda i negozi viene fornito lindirizzo e ilrecapito telefonico mentre per quanto riguarda le strutture/impianti, cliccando sul logodelliniziativa, si viene reindirizzati alla Home Page della struttura convenzionata. 82
  • 9.6 Impianti Sportivi Gli impianti proposti sono stati implementati attraverso due pagine: 1. Scelta impianto in base alla disciplina sportiva: In questa pagina l’utente potrà visualizzare gli impianti sportivi disponibili per l’attività sportiva che vuole svolgere. 83
  • 2. Informazioni riguardo al singolo impianto In questa pagina vengono fornite informazioni relative agli impianti, quali ad esempio la posizionegeografica, gli orari di apertura e numeri di telefono utili, il tutto coadiuvato con una mappainterattiva offerta dal servizio GoogleMaps. L’utente potrà inoltre visualizzare un riquadro di feedback della struttura e i commenti rilasciatidagli utenti che hanno usufruito della struttura. 84
  • 9.7 Utente loggatoIn questa pagina l’utente, una volta loggato, potrà usufruire di tutti i servizi dedicati ai membri delportale UniSportTn (menzionati in più dettaglio al capitolo 7.3).La struttura della pagina è composta da quattro aree: 1. I tuoi dati: immagine utente, dati anagrafici e universitari 2. I tuoi impegni: elenco corsi-eventi sportivi a cui l’utente partecipa e calendario 3. I tuoi amici: servizio di chat per la comunicazione con gli altri utenti del portale 4. I tuoi servizi: ulteriori servizi a cui l’utente può accedere (rinnovo certificato medico, informazioni inerenti all’organizzazione, visualizzazione del calendario didattico di Ateneo ecc..). 85
  • 10 Analisi dei Costi e dei Benefici In questo capitolo verrà esposta un’analisi dei costi preliminare in quanto i dati a disposizione e itempi erano ristretti per un analisi dettagliata. Ad ogni modo tale analisi risulta utile per capire laconvenienza o meno per la realizzazione di tale sistema di gestione della conoscenza per il ProgettoSport. Verranno considerati i costi di Progettazione e di Sviluppo del Sistema di Gestione dellaConoscenza per poi passare ai benefici che tale sistema potrebbe apportare all’Ateneo di Trento. Dato il numero abbastanza elevato ma gestibile di attività che risultano dalla WBS e la bontà diqueste a livello di fattibilità di un’analisi dei costi tramite approccio bottom-up, si propende perquesto tipo di analisi, in modo tale da determinare il costo totale del progetto per aggregazione deivari work package, pur mantenendo tempi diversi rispetto ai nostri effettivi e ai tempi disponibili inquanto si ritiene che ci vorrebbe più tempo per progettare e sviluppare realmente il sistema nonchémaggiori risorse umane. Un’analisi dei costi secondo l’approccio top-down è stata scartata data la complessità deideliverables presenti all’interno dello stesso progetto, oltre alla difficoltà a reperire dati storici diquesto tipo per effettuare stime previsionali corrette. Tale analisi è divisa in due sezioni, quella riguardante i costi fissi e quella riguardante i costivariabili. I costi fissi sono solitamente suddivisi in tre grandi categorie in base alla portata del progetto, valea dire risorse umane, materiali e altre risorse. Essa viene valutata studiando il profilo temporale chedovrebbe occupare per la realizzazione. E’opportuno specificare che i costi fissi relativi ai materiali e altre risorse non vengono considerati,in particolare i costi generali riguardanti le spese di affitto, di amministrazione, di manutenzionedegli strumenti informatici e non solo, di consumo di rete e comunicazione, di servizi accessori e dirisorse condivise (ad esempio di cancelleria, biblioteca, sale riunioni, ecc). Tali costi fissi non vengono considerati per il fatto che si prevede siano già presenti e già statisostenuti all’interno dell’organizzazione, quindi non considerati in questo progetto. Fra i costi fissi per un progetto della durata di quello in esame fanno parte, come già anticipato,anche i costi variabili, i quali riguardano invece solo e unicamente i costi diretti delle risorseumane, ovvero le ore di lavoro del team di progetto non considerando gli oneri sociali edassicurativi. Anche nei costi variabili andrebbero considerati i costi dell’hardware e dei softwareeventuali acquisiti, i costi di logistica e formazione (non pianificati in questo contesto perché nonritenuto necessario dai responsabili del team di progetto e perché non vi è disponibilità di dati cheportino a previsioni corrette e che rispecchiano la realtà) ma per le stesse motivazioni dei costi fissi 86
  • menzionati precedentemente non verranno considerati in questo progetto. Pertanto l’idea è quella diconsiderare unicamente i costi diretti del personale, il quale è sicuramente il fattore unicodominante. Tale analisi è stata scomposta in due parti, vale a dire i costi di progettazione e i costi disviluppo del sistema di gestione della conoscenza per il Progetto Sport.10.1 Costi di Progettazione Tale fase riteniamo possa richiedere all’incirca due mesi di lavoro. Prima di svolgere tale analisi è utile definire le figure professionali coinvolte alla progettazione,vale a dire l’Analista e il Responsabile dell’Analisi dei Requisiti. Figura Professionale Costi medi orari ( Euro) Responsabile Analisi dei requisiti 26 Analista 24 Pertanto considerando 8 ore lavorative al giorno per 5 giorni settimanali si avrà un totale di 40 oresettimanali. Tale fase si prevede durerà due mesi pertanto si prevedono un totale di 8 settimane perun totale di 320 ore lavorative. Quindi è possibile ora calcolare il costo per le due figure professionali coinvolte: • Responsabile Analisi dei requisiti: 320x26 = 8.320 quindi il costo medio per il lavoro al progetto per tale figura è in media di 8.320 euro per 2 mesi di lavoro. • Analista: 320x24 = 7.680 quindi il costo medio per il lavoro al progetto per tale figura è in media di 7.680euro per 2 mesi. Concludendo questa prima breve analisi, si può assumere che in media il costo totale della fase diprogettazione a tale progetto è di 16.000 euro per 2 mesi di lavoro.10.2 Costi di Sviluppo Lo sviluppo di un sistema di gestione della conoscenza riteniamo possa richiedere all’incircaquattro mesi di lavoro. Figura Professionale Costi medi orari in euro Programmatore 14 Web designer/Grafico 20 Tecnico/Sistemista 24 Responsabile Testing 18 Responsabile documentazione 18 87
  • Considerando quindi quattro mesi di lavoro per questa fase si avranno un totale di 16 settimane per40 ore settimanali, vale a dire 640 ore totali. Quindi i costi medi per il lavoro di ogni figuraprofessionale saranno rispettivamente: • Programmatore: 14 x 640 = 8.960 • Web designer/Grafico: 20 x 640 = 12.800 • Tecnico/Sistemista: 24 x 640 = 15.360 • Responsabile Testing: 18 x 640 = 11.520 • Responsabile Documentazione: 18 x 640 = 11.520 Pertanto si può assumere che in media il costo totale della fase di sviluppo di tale progetto è di60.160 euro per quattro mesi di lavoro. In questa sede, come anticipato precedentemente, non verranno considerati i costi di manutenzioneanche se si prevede, a grandi linee, costi per l’adozione di strumenti apposti, come ad esempio tooldi pulizia, sistemi di protezione antivirus, di aggiornamento dei dati, ecc. Pertanto considerando sia la fase di progettazione (16.000 euro) sia la fase di sviluppo (60.160euro) si ottiene un costo totale di 76.160 Euro. Nel paragrafo successivo verranno analizzati i benefici che porterà tale sistema.10.3 Benefici Vi sono svariati benefici che andiamo a considerare, in particolare per il lato dell’organizzazione ei servizi per il lato utente. Università degli Studi di Trento Utenti FinaliAumento esponenziale del numero di utenti e Aumento della qualità di vita dello studente (inmiglioramento della varietà della attività e generale dell’utente) con l’accesso agevolato adservizi offerti un maggior numero di impianti e attività sportiveOttimizzazione dei costi relativi alle strutture e Nuovi tipi di informazioni rese disponibili aglial personale (economie di scala) utentiValorizzazione del territorio Riduzione dei tempi di iscrizione al servizio o reperimento delle informazioni necessarieIntegrazione del servizio universitario Maggior facilità d’accesso alle informazioniAumento del prestigio dell’Università sia a Maggior scambio di conoscenzalivello nazionale che internazionale. 88
  • Ottimizzazione delle risorse disponibili perl’attività sportiva nell’Ateneo ( anzichésituazioni di mala gestione dei finanziamentiuniversitari. In particolare ci si riferisce aicontributi per il CUS di circa 170 mila euroall’anno).Possibilità di creare alleanze di immagine consocietà sportive di alto livello (ad esempio laTrentino Volley)Creare nuove opportunità di ricerca e difinanziamento esterno fornite dalle nuovestrutture e iniziative.11 Conclusioni Seppur ancora in fase iniziale, il “progetto Sport” denota delle caratteristiche salienti attraverso lequali è stato possibile redigere una serie di requisiti funzionali, una (seppur di alto livello ontologia)e un mock-up funzionale. Tuttavia la neonatalità del progetto ha reso difficile individuareperfettamente gli attori ed il ruolo cui loro sarà precisamente assegnato all’interno di questa nuovastruttura.Per questo motivo, in fase di sviluppo del progetto si è deciso di enfatizzare quelle che potrebberoessere delle “micro-strutture” volte all’utente finale più che all’ambiente organizzativo generale.La composizione dell’intero progetto che prevede l’integrazione di soggetti non storicamentecooperanti tra loro, o quanto meno non cooperanti per la realizzazione del servizio sportivo hannolasciato inoltre alcune incognite, risolte in modo “propositivo” durante lo sviluppo. L’approccio e l’accostamento al Capitale Intellettuale è risultato quasi spontaneo e resto fortedall’eterogeneità delle parti coinvolte che portavano in dote fattori di conoscenza del tutto differentie a prima vista in condivisibili. Inoltre, la tematica vicina ai nostri interessi quotidiani, coadiuvata da una buona base di passionepersonale per lo sport di tutti i componenti, ha reso gradevole l’ipotizzare un sistema completo efunzionale. Infine, sulla base di quanto descritto fin’ora, è stato quindi possibile ipotizzare un modesto ebanale sistema di condivisione della conoscenza tra i principali attori del sistema: un “knowledgeflow” che spiega come attraverso la conoscenza derivante dagli attori singoli è possibile ottenere un 89
  • vero valore aggiunto (sullo stampo del capitale intellettuale). Tale modello è visualizzato nellapagina sotostante. Knowledge  Flow Restituisce  valori  sull’uso  delle  risorse   messe  a  disposizione  e  sui  valori  da   inserire  a  bilancio  ad  esempio  sui   università costi  di  manutenzione  delle  proprie   strutture Gestisce  tutte  le  informazioni   degli  studenti  e  tutte  le   informazioni   di  carattere   amministrativo/economico   di   più  alto  livello. Condivide  informazioni  ad   esempio  sui  corsi  di   successo  e  sulle  richieste   insoddisfatte  degli  anni   opera precedenti Ha  notevole  esperienza  nel  gestire  le   convenzioni  con  terze  parti  (mense,  alloggi   etc)  e  dispone   di  strumenti  atti  a  calcolare  le   ottimizzazioni   di  servizio. cus Ha  conoscenza  ed  esperienza  pratica   nell’organizzazione  di  corsi  sportivi,   conoscenza  diretta  di  dati  storici,   di  feedback   e  conoscenze   “umane”  del  settore. 90
  • Capitale Capitaleumano relazionale Valore   aggiunto Progetto università sport cus opera Capitale strutturale 91
  • Esempio di un possibile flusso di conoscenzauniversità Identifica l’intero bacino di destinatari del servizio CUS Effettua operazione di data mining in base alla propria esperienza, definisce un probabile target e lo quantifica opera Definisce la struttura utilizzabile, o provvede a stipulare accordi appositi, effettua lo stanziamento economico CUS Organizza “praticamente” il corso opera Effettua una analisi sulla fruizione del servizio a livello sociale ed a livello economico (costi) università Ottiene un report dettagliato sui fruitori del servizio e sui relativi costi 92
  • 12 Documenti Utilizzati • Presentazione Progetto Sport • Analisi questionario fornitoci a lezione • Slide presentate dai docenti in classe • Dispensa del corso di Knowledge Management 93
  • RELAZIONE DELLE ATTIVITA’Brevemente verranno discusse le parti del progetto da ognuno di noi svolte. Per semplicità verrannorappresentate e quantificate le attività svolte tramite tabella. Ad ogni modo, per ogni attività, siconsidera il lavoro svolto e il tempo impiegato alla stesura della relazione finale. Inoltre in questabreve analisi delle attività non verranno considerate le 35 ore di lezione in classe.Per maggiori dettagli si rimanda alla relazione finale del progetto.Nicola CeramiID FASI DEL PROGETTO Ore di Lavoro 1 Stesura Introduzione relazione (cap.1) 2 2 Stesura capitolo relativo all’approccio di KM (cap.2) 3 3 Pianificazione e Coordinamento e relativa stesura nella relazione finale 20 (cap.3) 4 Analisi dei requisiti e redazione documento dei requisiti più relativa 50 appendice (cap 4) 5 Analisi dei Rischi e stesura capitolo (cap 5) 10 6 Analisi dei Costi e dei Benefici e redazione capitolo di riferimento (cap 10) 10 7 Assemblaggio relazione finale, Bibliografia, Appendice, Relazione Attività 6Tot ore di Lavoro: 101 oreAdriano Simone PuleoID FASI DEL PROGETTO Ore di Lavoro 1 Modellazione e Rappresentazione della Conoscenza (costruzione e 45 rappresentazione dell’ontologia e stesura capitolo 7 relazione finale) 2 Stesura conclusioni finali nella relazione (cap 12) 15 3 Revisione Complessiva 15Totale ore di Lavoro: 75 oreAlessandro FedrizziID FASI DEL PROGETTO Ore di Lavoro1 Individuazione Soluzioni (cap 8) 52 Design (cap 9)&Mock-up (cap 10) 603 Revisione Complessiva 15Totale ore di Lavoro: 80 oreQuindi in totale il progetto è stato svolto in 256 ore rispetto alle 270 ore disponibili. 94