Analisi delle caratteristiche degli scooter ciclo otto 4 t 125 prodotti nell'anno 2008 2009

  • 1,214 views
Uploaded on

Il presente studio è orientato ad una scelta ponderata di uno scooter di cilindrata 125 centimetri cubi tra i tanti presenti sul mercato (anno uscita 2008 e 2009), effettuato analizzando le …

Il presente studio è orientato ad una scelta ponderata di uno scooter di cilindrata 125 centimetri cubi tra i tanti presenti sul mercato (anno uscita 2008 e 2009), effettuato analizzando le caratteristiche tecniche ed economiche del prodotto. Tale analisi di prodotto risulta esser fondamentale per un acquisto intelligente da parte di un consumatore che permetta di avere risparmio, efficienza e qualità in funzione delle effettive necessità dell’utente-acquirente. Oltre a questo obiettivo risulta utile e fondamentale anche per un concessionario di motocicli per la vendita. Infatti spesso e volentieri i rivenditori di motocicli (ma non solo) non sono a conoscenza di tali informazioni riguardanti i propri prodotti. Pertanto tale analisi di prodotto sarà utile oltre che per il lato consumatore anche per il lato commerciale (punto di vista del venditore) ma anche per i singoli produttori.
(Novembre, 2011)

More in: Automotive
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,214
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TRENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 Corso LS in Net Economy: Tecnologia e Management dell’informazione e della conoscenza ANALISI DELLE CARATTERISTICHE DEGLI SCOOTER 125 CICLO OTTO 4T Corso di Statistica Aziendale: Controllo e QualitàDocente: Dott. Gabriele Stoppa Studente: Nicola Cerami Matricola 13115 1
  • 2. Sommario1. Introduzione ............................................................................................................................. 3 1.1 Piano delle Grandezze (o delle Variabili) .......................................................................... 4 1.2 Tabella delle grandezze delle caratteristiche ...................................................................... 42. Analisi singoli dati quantitativi................................................................................................. 5 2.1 Velocità Massima ............................................................................................................. 5 2.2 Consumo Urbano (km al litro)........................................................................................... 7 2.3 Potenza ( CV) ................................................................................................................... 8 2.4 Peso ................................................................................................................................ 10 2.5 Coppia (Giri al minuto) ................................................................................................... 11 2.6 Prezzo (ivato in euro) ...................................................................................................... 13 2.7 Conclusione Analisi delle singole variabili quantitative ................................................... 143. Analisi delle Variabili Multiple o Analisi di Prodotto attraverso una Cluster Analisi .............. 15 3.1 Analisi di Prodotto attraverso una Cluster grafica ............................................................ 15 3.2 Analisi della contro immagine ......................................................................................... 17 3.1 Commento all’analisi delle variabili quantitative multiple nell’insieme ........................... 194. Cluster Analisi ....................................................................................................................... 23 4.1 Cluster Analisi con il metodo Ward’s .............................................................................. 235. Analisi della matrice di correlazione parziale ......................................................................... 276. Analisi della variabile consumo urbano e velocità massima con la variabile peso e analisi dellacorrelazione tra potenza e coppia................................................................................................... 287. Studio della posizione delle varie case costruttrici in base alle variabili quantitative considerate 298. Conclusioni ............................................................................................................................ 329. Tabella delle caratteristiche .................................................................................................... 3410. Termini Tecnici .................................................................................................................. 3511. Sitografia ............................................................................................................................ 36 2
  • 3. 1. IntroduzioneIl presento studio è orientato ad una scelta ponderata di uno scooter di cilindrata 125 centimetri cubitra i tanti presenti sul mercato (anno uscita 2008 e 2009), effettuato analizzando le caratteristichetecniche ed economiche del prodotto. Tale analisi di prodotto risulta esser fondamentale per unacquisto intelligente da parte di un consumatore che permetta di avere risparmio, efficienza equalità in funzione delle effettive necessità dell’utente-acquirente. Oltre a questo obiettivo risultautile e fondamentale anche per un concessionario di motocicli per la vendita. Infatti spesso evolentieri i rivenditori di motocicli (ma non solo) non sono a conoscenza di tali informazioniriguardanti i propri prodotti. Pertanto tale analisi di prodotto sarà utile oltre che per il latoconsumatore anche per il lato commerciale (punto di vista del venditore) ma anche per i singoliproduttori.In questo studio sono stati impiegati i metodi appresi a lezione, considerando prevalentemente i datiquantitativi del prodotto poiché sono i più rappresentativi per effettuare la miglior scelta finale,ovvero una scelta ottimale a seconda del sistema di preferenze dell’acquirente. Oltre al fatto che nonvi sono presenti grandezze qualitative al di là della tipologia di freno anteriore e posteriore.Inizialmente verrà effettuata un’analisi della frequenza delle singole caratteristiche per poiapprofondire lo studio considerando i vari modelli. A tal fine è importante riconoscere le variegrandezze pertanto di seguito verranno introdotti e forniti gli elenchi delle caratteristicheidentificative, quantitative e qualitative. Ricordo che tale analisi è orientata sulle variabiliquantitative e pertanto, nella tabella, verrà evidenziato anche la “direzione” che questi datiassumono.Nel terzo capitolo verrà discussa l’analisi delle variabili multiple attraverso una cluster grafica perpoi confrontarla con l’analisi cluster tradizionale nel successivo capitolo.Da queste ultime analisi verrà poi stilata la matrice di correlazione per poi studiare e svolgere unanalisi della regressione multipla nel sesto capitolo.Infine nel settimo capitolo verrà esposta un analisi della varianza per capire come le varie casecostruttrici di scooter si distribuiscono tra loro rispetto alle variabili principali considerate.Concludendo questa breve introduzione, altra considerazione preliminare importante da sottolineareè che tra i 31 modelli totali considerati in questo caso di studio sono stati esaminati solo i modellipiù recenti, vale a dire quelli prodotti e inseriti sul mercato nel 2008 e nel 2009, non considerandopertanto i modelli “obsoleti”. Inoltre è da tener in considerazione il fatto che tutti questi modellisono composti da alcune caratteristiche identiche comuni. Tali caratteristiche riguardano il numerodi cilindri, il quale è sempre 1, la disposizione dei cilindri, la quale è sempre orizzontale, il tipo diciclomotore che è di tipo ciclo otto a 4 Tempi ed, infine, il tipo di cambio: a variatore.Infine è utile specificare che l’analisi è basata modelli di scooter di 14 case costruttrici differenti. 3
  • 4. 1.1 Piano delle Grandezze (o delle Variabili)Ora è bene stabilire il piano delle grandezze o variabili in quanto quando si ha un fenomeno daanalizzare si inizia appunto proprio da questo piano, il quale presenta molte dimensioni quindisiamo nel campo della statistica multidimensionale. Esso non è un elenco di variabili ma dicequalcosa di più, vale a dire scompone le variabili in blocchi e sottoblocchi, in modo tale dacomprendere quali variabili vengono prima e quali dopo e le variabili intermedie.Pertanto il piano delle grandezze non è semplicemente un elenco delle variabili ma anche laposizione delle variabili in blocchi e sottoblocchi. Tutto ciò dipende da una scelta dell’analistaponderata rispettando vincoli logici di ragionamento. 1. Generali 2. Varie 3. Consumo Valvole (Motore) Peso Consumo Urbano_Km/l Cilindrata Capacità Serbatoio Freni anteriori Prezzo Potenza_Kw Freni Posteriori Potenza_CV Potenza_Giri al minuto Coppia Kgm Coppia Giri al minuto Velocità max 1.2 Tabella delle grandezze delle caratteristiche Caratteristiche Identificativa Quantitativa QualitativaMarca XModello XVelocità Massima X maggior VmaxConsumoUrbano_Km al litro X minor consumoCilindrata XPotenza_KW X maggior PotenzaPotenza_CV X maggior PotenzaPotenza_Giri al minuto X maggior PotenzaCoppia_Kgm X maggior CoppiaCoppia_giri al minuto X maggior CoppiaPeso in Kg X minor PesoPrezzo normalizzato in Euro X minor prezzoCapacità Serbatoio (in litri) X maggior CapacitàValvole XFreni Anteriori XFreni Posteriori X 4
  • 5. 2. Analisi singoli dati quantitativiIniziamo l’analisi dalle singole variabili quantitative. Consideriamo le più rilevanti, vale a direquelle che influenzano maggiormente la scelta dell’utente, vale a dire la velocità, il consumourbano, la potenza, il peso, la coppia espressa in giri al minuto e, infine, il prezzo. Consideriamoinoltre che l’analisi deve esser letta focalizzando l’attenzione sulla direzione in cui va ogni variabileconsiderata, caratteristica evidenziata nella tabella delle grandezze delle caratteristiche. 2.1 Velocità Massima Count = 31 Minimum = 96,0 Average = 109,4 Maximum = 128,0 Median = 108 Coeff. of variation = 6,8% Variance = 55,7 Sum = 3391 Standard deviation = 7,5 Tabella 1. Statistiche Vmax Scatterplot for Vmax X7 Beverly 125 T Sportcity 125 one 96 106 116 126 136 Vmax Figura 1. Scatterplot VmaxAnche qui è possibile notare un caso isolato, ovvero uno scooter particolarmente lento rispetto aglialtri, vale a dire il modello Sportcity 125 one della Aprilia mentre due modelli risultano, viadecresendo, i più veloci rispetto alle 31 osservazioni totali. Tra queste due modelli vi sono ilBeverly 125 T e l’X7 della Piaggio. Ad ogni modo i vari modelli si distribuiscono tra 96 e 128Km/h con una varianza di 55,7. 5
  • 6. Box-and-Whisker Plot 96 106 116 126 136 Vmax Figura 2. Box and Whisker Plot VmaxIl diagramma “Box and Whisker Plot” è uno strumento di rappresentazione grafica che ci permettedi descrivere in modo compatto e grafico la distribuzione della variabile quantitativa velocitàmassima.Dalla distribuzione del grafico si può facilmente osservare che il primo quartile è 104, il secondoquartile è la mediana, la quale presenta un valore di 107 e, il terzo quartile, è 114. Inoltre si puònotare che non vi è alcun“outlier”, vale a dire valori abnormi rispetto alla “massa” delle rilevazionio presenza, addirittura, di “suboutlier”, vale a dire a valori ancora più enormemente discostantirispetto all’andamento generale.La media, rappresentata dal puntino rosso tra la mediana e il terzo quartile, è di 109,4. 12 10 frequency 8 6 4 2 0 94 104 114 124 134 Figura 3. Istogramma Vmax Velocita massimaSu 31 modelli si possono osservare ben 12 modelli che hanno una velocità massima che stanell’intervallo 104-109 Km/h. La metà di queste osservazioni arriva fino ad una velocità massima di104 Km/h. A scalare abbiamo un gruppo di 7 unità che arrivano fino ad una velocità di 104 km/h,un gruppo di 5 unità che arrivano fino ad una velocità di 114 km/h. Inoltre è possibile osservare treunità che arrivano fino ad una velocità massima, rispettivamente nell’ordine descritto, di 119, 124 e128 Km/h. Infine vi è solo un modello che ha una velocità massima che sta nell’intervallo 94-99km/h. 6
  • 7. 2.2 Consumo Urbano (km al litro) Count = 31 Minimum = 25 Average = 30,7 Maximum = 38 Median = 30 Coeff. of variation = 11,9% Variance = 13,4 Sum = 953 Standard deviation = 3,7 Tabella 2. Statistiche Consumo Urbano Scatterplot for Consumo Urb SH 125 I Symphony 125 disk Symphony drum 25 28 31 34 37 40 Consumo Urb Figura 4. Scatterplot Consumo UrbanoSi può notare uno scooter con alti consumi, vale a dire il modello SH 125 I della Honda mentre,dall’altra parte, due scooter con consumi particolarmente bassi: il modello Symphony drum e ilSymphony 125 disk entrambi della Sym. Box-and-Whisker Plot 25 28 31 34 37 40 Consumo Urb Figura 5. Box and Whisker Consumo Urbano 7
  • 8. Si può facilmente osservare che il primo quartile è 28, il secondo quartile è la mediana, la qualepresenta un valore di 29 e, infine, il terzo quartile con valore di 34. Infine si può notare la mediaaritmetica (30,7). 6 5 frequency 4 3 2 1 0 24 27 30 33 36 39 Consumo Urb Figura 6. Istogramma Consumo UrbanoDall’istogramma è possibile osservare che i 31 scooter sono raggruppati in 5 gruppi che sidistribuiscono tra i 25 ed i 38 km al litro. Inoltre la metà di questi scooter arriva a percorrere 30 kmal litro.Notiamo comunque che su 31 scooter ben 4 hanno un consumo urbano che sta tra i 25 e i 26 km/l, 6che hanno un consumo che si aggira attorno ai 28 km/l e due gruppi da 5 scooter che hanno unconsumo pari a 30 km/l nel primo caso e 32 km/l nel secondo caso. 2.3 Potenza ( CV) Count = 31 Minimum = 10 Average = 12,9 Maximum = 15 Median = 13,2 Coeff. of variation = 14,5% Variance = 3,5 Sum = 400,7 Standard deviation = 1,9 Tabella 3. Statistiche Potenza espressa in CV Scatterplot for Potenza CV Symphony drum Satelis 125 U Satelis 125 R Beverly 125 T Symphony 125 disk Geopolis 125 Nexus 125 i.e 10 11 12 13 14 15 Potenza CV Figura 7. Scatterplot Potenza espressa in CV 8
  • 9. Si possono notare due scooter con una potenza nettamente inferiore rispetto agli altri modelli, vale adire il modello Symphony Drum e Symphony disk della Sym con una potenza pari a 10 cv mentre,dall’altra parte, ben 5 modelli si distribuiscono attorno ad una potenza di circa 15 cv. Si tratta delSatelis 125 R e il modello versione U e il Geopolis della Peugeot, il Beverly 125 T della Piaggio e,infine, il Nexus 125 i.e della Gilera. Box-and-Whisker Plot 10 11 12 13 14 15 Potenza CV Figura 8. Box and Whisker Plot Potenza espressa in CVSi può facilmente osservare che il primo quartile è circa 10,9 , il secondo quartile è la mediana, laquale presenta un valore di 13,2 e, infine, il terzo quartile (14,9). Infine si può notare la mediaaritmetica (12,9). 12 10 frequency 8 6 4 2 0 10 11 12 13 14 15 Potenza CV Figura 9. Istogramma Potenza espressa in CVIn questa tipologia di motori si può facilmente notare come la potenza è abbastanza elevata. Infattisi può osservare che metà degli scooter considerati arrivano fino ad una potenza massima di 13,2 cv(a differenza di 8,8 cv per i motori a 2 valvole). Inoltre le osservazioni si distribuiscono tra i 10 e i15 cavalli. Infine si può notare come nell’istogramma le osservazioni (ben 12) con la più altafrequenza sono nell’ultimo intervallo, vale a dire con una potenza che sta tra i 14 e i 15 cv. 9
  • 10. 2.4 Peso Count = 31 Minimum = 88 Average = 132,5 Maximum = 167 Median = 127 Coeff. of variation = 15,96% Variance = 447,3 Sum = 4107 Standard deviation = 21,1 Tabella 4. Statistiche Peso espresso in Kg Scatterplot for Peso Kg Dow ntown 125i Sportcity 125 one MS3 125 Scarabeo 125 IE 88 108 128 148 168 Peso Kg Figura 10. Scatterplot PesoDal grafico si possono notare due modelli particolarmente leggeri rispetto agli altri, lo Scarabeo125 IE e lo Sportcity one dell’Aprilia. Dall’altro lato invece vi è un modello più pesante rispetto atutti gli altri, vale a dire il Downtown 125i della Kymco e il modello MS3 125 della Hyosung. Box-and-Whisker Plot 88 108 128 148 168 Peso Kg Figura 11. Box and Whisker Plot PesoDal grafico Box and Whisker si può notare il primo quartile pari a circa 120; la mediana pari a 127e, infine, il terzo quartile (150). Infine si può notare la media che presenta un valore inferiorerispetto alla mediana, vale a dire 132,5. 10
  • 11. 8 6 frequency 4 2 0 80 100 120 140 160 180 Peso Kg Figura 12. Istogramma PesoIn questo caso possiamo evidenziare che metà degli scooter a 4 tempi arrivano fino ad un pesomassimo di 127 kg e che tra loro vi è una variazione molto ampia, la quale oscilla tra gli 88 e i 167kg. L’istogramma risulta suddiviso in due blocchi. Nel primo blocco si può notare come ben duescooter hanno un peso che sta attorno ai 90 Kg mentre nel secondo blocco si può notare che ben 8scooter hanno un peso che sta nell’intervallo 120-130 kg. 2.5 Coppia (Giri al minuto) Count = 31 Minimum = 6000 Average = 7322,6 Maximum = 8500 Median = 7500 Coeff. of variation = 9,1% Variance = 446640 Sum = 227000 Standard deviation = 668,3 Tabella 5. Statistiche Coppia espressa in giri al minuto Scatterplot for Coppia_giri al min J o y rid e 1 2 5 E X7 X M o tio n 6 6,5 7 7,5 8 8,5 (X 1000) Coppia_giri al min Figura 13. Scatterplot Coppia 11
  • 12. Anche qui è possibile notare un caso isolato, ovvero due scooter con una coppia più bassa rispettoagli altri, vale a dire il modello Joyride 125 E e l’X Motion . Mentre un modello risulta avere unacoppia molto alta rispetto agli altri modelli (X7).I vari modelli si distribuiscono tra 6000 e 8500 giri al minuto con una varianza di 446640. Box-and-Whisker Plot 6 6,5 7 7,5 8 8,5 (X 1000) Coppia_giri al min Figura 14. Box and Whisker Plot CoppiaDalla distribuzione del grafico si può facilmente osservare che il primo quartile è 6,5, il secondoquartile è la mediana, la quale presenta un valore di 7,5 e, il terzo quartile, è 8. Inoltre si può notareche non vi è alcun“outlier. La media, rappresentata dal puntino rosso tra il primo quartile e lamediana, è di 7322,6. Infine metà delle osservazioni arrivano ad una coppia massima pari a 7500giri al minuto. Histogram for Coppia_giri al min 8 6 frequency 4 2 0 5800 6300 6800 7300 7800 8300 8800 Coppia_giri al min Figura 15. Istogramma coppiaSu 31 modelli si possono osservare ben 8 modelli che hanno una coppia che sta nell’intrevallo7800-8050 giri al minuto. Altre 6 modelli hanno una coppia che stà nell’intervallo 6300-6550 giri alminuto mentre altri 6 scooter nell’intervallo 7300-7550. A seguire abbiamo un’unità che comprende4 scooter con una coppia che sta nell’intervallo 7050-7300 e, infine, altre 4 unità comprensive didue scooter ciascuna. 12
  • 13. 2.6 Prezzo (ivato in euro) Count = 31 Minimum = 1740 Average = 3147 Maximum = 4600 Median = 3090 Coeff. of variation = 25,6% Variance = 647558 Sum = 97558 Standard deviation = 804,7 Tabella 6. Statistiche Prezzo ivato Scatterplot for Prezzo Nexus 125 i.e Vespa 125 GTV Symphony drum Symphony 125 disk 1700 2200 2700 3200 3700 4200 4700 Prezzo Figura 16. Scatterplot PrezzoSi può facilmente notare un valore altamente inferiore rispetto alla media, vale a dire il modelloSymphony drum della Sym e, a seguire, il Symphony disk. Dall’altra parte invece, in ordinedecrescente, si trova il modello più costoso della Piaggio (Vespa GTV) e il Nexus 125 i.e dellaGilera. Box-and-Whisker Plot 1700 2200 2700 3200 3700 4200 4700 Prezzo Figura 17. Box and Whisker Plot PrezzoIl primo quartile è di circa 2500, la mediana è 3090 e, infine, il terzo quartile è 4000. Infine si notala media la quale presenta un valore di 3147. Inoltre non vi è alcun outlier. 13
  • 14. 8 6 frequency 4 2 0 1500 2500 3500 4500 5500 Prezzo Figura 18. Istogramma PrezzoSi rileva una grande variabilità, le cui rilevazioni sono distribuite tra i 1740 e i 4600 euro. Notiamocomunque che su 31 osservazioni ben 8 hanno un costo che sta tra i 2000 e i 2500 euro e altri 8,invece, hanno un prezzo che sta nell’intervallo che va da 3000 a 3500 euro. 2.7 Conclusione Analisi delle singole variabili quantitativeLo studio fin qui effettuato, considerando sia i grafici che i dati statistici, ci porta ad evidenziarequali sono le variabili più significative da considerare per effettuare la scelta dell’acquisto.Considerando il coefficiente di variazione (rapporto tra scarto quadratico medio e la media) trovatoper ogni variabile quantitativa considerata siamo in grado di stilare una prima graduatoria. Infatti ilcoefficiente di variazione misura la variabilità relativa, vale a dire la variabile maggiore. Dove vi èla maggiore variabilità c’è anche la maggior informazione. Nella tabella sottostante è rappresentatauna graduatoria considerando il coefficiente di variazione dal più elevato al più basso. n Variabile Quantitativa 1 Prezzo 2 Peso 3 Potenza in CV 4 Consumo Urbano 5 Coppia 6 Velocità Massima 14
  • 15. 3. Analisi delle Variabili Multiple o Analisi di Prodotto attraverso una Cluster AnalisiAnalizzeremo ora le variabili con il metodo dell’analisi delle variabili multiple attraverso unacluster analisi per evidenziare come le grandezze si relazionano tra loro.Come già menzionato più volte, è importante considerare le “direzioni” delle variabili per vedere lecaratteristiche tutte nella stessa direzione. A tale scopo è stato inserito il Consumo Urbano consegno negativo, cosi per il peso. Le altre variabili considerate sono la Vmax, la Potenza in cv e lacoppia espressa in giri al minuto.Il prodotto migliore da questa analisi sarà rappresentato dal prodotto con l’area più grande, infattil’area ideale dovrebbe avere 6 punte. Ciò nonostante è utile eseguire un’analisi anche della controimmagine in modo tale da valutare se vi sono modelli equivalenti e modelli equivalenti concorrenti,vale a dire cambiare la direzione delle variabili. Oltre a ciò serve per vedere quali sono i trattimigliorabili dei vari scooter considerati. 3.1 Analisi di Prodotto attraverso una Cluster grafica Sportcity 125 one Scarabeo 125 IE Sportcity 125 Cube S1 Rambla Nexus 125 i.e Runner 125 ST H64 Sweet Years Must Sweet Years H64 R16 R16 Coupè Coupè A-Style SH 125 I MS3 125 Dow ntown 125i Satelis 125 R Geopolis 125 Satelis 125 U X7 Beverly 125 T Vespa 125 GTV UX Sixteen HD 125 Evo di Joyride 125 E Symphony drum Figura 19. Sunray Plot_Parte A 15
  • 16. Symphony 125 disk VS 125 HD 125 Evo drum X Motion SH 125 I Spec SH 125 I Spor Figura 20. Sunray Plot_Parte B -Consum Urbano_kmal litro o -Peso in Kg Velocita massima Coppia_giri al min Potenza in CV Figura 21. Key Glyph Tabella 7. Tabella riepilogativa analisi multiple-variableDalla tabella riepilogativa possiamo vedere che due modelli, l’X7 e il Beverly 125 T hanno quattrocaratteristiche ottimali rispetto agli altri modelli mentre nessun modello risulta avere 5caratteristiche ottimali. Seguono altri otto modelli con tre caratteristiche ottimali e sono:Scarabeo 125 IE, Nexus 125 ie e il Runner 125 ST. Questi tre modelli hanno anche le stessecaratteristiche ottimali pertanto sono equivalenti-concorrenti. Gli altri modelli con 3 caratteristicheottimali sono il Satelis 125 R, Geopolis 125, Satelis 125 U e la Vespa 125 GTV. Anche questi 16
  • 17. quattro modelli sono equivalenti-concorrenti tra loro. Infine, l’ultimo modello con tre caratteristicheottimali èil Downtown 125 i.Con 2 caratteristiche ottimali vi sono, invece, ben nove modelli equivalenti da come si puòosservare nelle tabelle soprastanti. Tra questi vi sono i modelli Sportcity 125 Cube e Ramblaequivalenti-concorrenti. A seguire i modelli, sempre equivalenti-concorrenti, H64 Sweet Years,Must Sweet Years, H64 R16, R16 Coupè, Coupè A-Style. Infine vi sono gli ultimi modelli con duecaratteristiche ottimali, vale a dire l’UX Sixteen e l’HD 125 Evo drum, i quali sono concorrenti traloro ma non equivalenti in quanto presentano caratteristiche ottimali differenti.Proseguendo nell’analisi si individuano, infine, ben dieci modelli con una caratteristicheottimale. Fra questi vi sono modelli equivalenti-concorrenti, tra cui: X Motion, VS 125, S1,Symphony drum e Symphony 125 disk e, infine, lo Sportcity 125 one. Analogamente anche i modelliSH 125 I, MS3 125 e l’Ux Sixteen sono equivalenti-concorrenti. Infine l’ultimo modello con unacaratteristica ottimale è l’HD 125 Evo disk.Concludendo si può notare che vi sono due modelli con nessuna caratteristica ottimale rilevata 3.2 Analisi della contro immagine Sportcity 125 one Scarabeo 125 IE Sportcity 125 Cube S1 Rambla Nexus 125 i.e Runner 125 ST H64 Sweet Years Must Sweet Years H64 R16 R16 Coupè Coupè A-Style SH 125 I MS3 125 Dow ntown 125i Satelis 125 R Geopolis 125 Satelis 125 U X7 Beverly 125 T Vespa 125 GTV UX Sixteen HD 125 Evo di Joyride 125 E Symphony drum Figura 22. Sunray Plot Controimmagine_Parte A 17
  • 18. Symphony 125 disk VS 125 HD 125 Evo drum X Motion SH 125 I Spec SH 125 I Spor Figura 23. Sunray Plot Controimmagine_Parte B Consum Urbano_kmal litro o Peso in Kg -Velocita massima -Coppia_giri al min -Potenza in CV Figura 24. Key Glyph controimmagine Tabella 8. Tabella riepilogativa analisi controimmagineL’analisi mira ad evidenziare i punti di debolezza maggiori su cui sarebbe utile che i produttoriintervenissero per rendere i loro modelli competitivi rispetto agli altri. Si può notare come gliscooter che dovrebbero necessariamente apportare delle migliorie sono soprattutto il modelloSportcity 125 one, S1, Symphony drum e il Symphony 125 disk, i quali presentano ben quattrocaratteristiche migliorabili equivalenti-concorrenti, e il modello Joyride 125 Evo. Proseguendovi sono soltanto due modelli con 3 caratteristiche migliorabili: l’S1 e il VS 125. 18
  • 19. Con due caratteristiche migliorabili vi sono ben 17 modelli: Must Sweet Years , H64 Sweet Years,H64 R16, R16 Coupè, Coupè A-Style (equivalenti-concorrenti); l’SH 125 I Spec e SH 125 I Sport(equivalenti-concorrenti); il Satelis 125 R, Geopolis 125, Satelis 125 U, Vespa 125 GTV(equivalenti-concorrenti); il Downtown 125i, l’HD 125 Evo Disk e l’HD 125 Evo Drum(equivalenti-concorrenti) e, infine, l’MS3 125, Sportcity 125 Cube (equivalenti-concorrenti) e l’XMotion.Con una sola caratteristica migliorabile vi sono 6 modelli: l’X7, il Beverly 125 e il Rambla(equivalenti-concorrenti); lo Scarabeo 125 IE e il Nexus 125 ie (equivalenti-concorrenti) e, infine, ilRunner 125 ST.Infine un ultimo gruppo che non ha nessuna caratteristica migliorabile rilevata e comprende duemodelli: l’SH 125 I e l’Ux Sixteen. 3.1 Commento all’analisi delle variabili quantitative multiple nell’insiemeOsservando l’immagine e la sua contro immagine possiamo chiaramente vedere che i due modellidella Piaggio (l’X7 e il Beverly 125 T) hanno le caratteristiche tecniche migliori, anche se adentrambi i modelli dovrebbe esser migliorato il peso. Infatti hanno raggiunto il punteggiocomplessivo di 3.Modelli con punteggio finale pari a 2I modelli Nexus 125 i.e, Runner 125 ST, Scarabeo 125 IE e l’UX Sixteen. Rispettivamentenell’ordine descritto i primi tre modelli sono modelli equivalenti in quanto tutti hanno una buonapotenza, un elevata coppia e sono tendenzialmente più leggeri rispetto agli altri. Ciò nonostante ilNexus 125 ie e lo Scarabeo 125 IE dovrebbero entrambi migliorare la variabili Vmax (equivalenti-concorrenti) mentre il Runner 125 ST dovrebbe ridurre notevolmente il consumo urbano. Infine ilmodello UX Sixteen non presenta tratti migliorabili ma raggiunge un’elevata coppia ed un’ottimavelocità massima.Modelli con punteggio finale pari a 1I modelli Satelis 125 R, Geopolis 125, Satelis 125 U e la Vespa 125 GTV , i quali hanno trecaratteristiche ottimali e due migliorabili identiche. Infatti essi hanno un’elevata coppia e potenza eraggiungo una velocità massima elevata. Dall’altro lato però dovrebbero migliorare nel proprio pesoe, di conseguenza, ridurre il consumo urbano.Altro modello è il Downtown 125i il quale presenta anch’esso tre caratteristiche ottimali e duemigliorabili. Ha un basso consumo urbano, un elevata potenza e raggiunge una velocità elevata madovrebbe migliorare nella coppia e nel proprio peso.Modelli con punteggio finale pari a 0I modelli H64 R16, R16 Coupè, Coupè A-Style, H64 Sweet Years e il Must Sweet Years sono tuttimodelli equivalenti-concorrenti in quanto hanno sia le stesse caratteristiche ottimale sia le stessecaratteristiche da migliorare. Infatti questi modelli sono tendenzialmente più leggeri rispetto allamedia e, infatti, sono caratterizzati anche da un basso consumo urbano. Dall’alto lato peròdovrebbero migliorare nella potenza e nella velocità massima.Poi vi sono altri due modelli equivalenti-concorrenti: il Rambla e lo Sportcity 125 Cube i qualihanno una elevata potenza e coppia. Per quanto riguarda, invece, i caratteri migliorabili sonodifferenti. Il primo modello dovrebbe migliorare soltanto nel peso mentre il secondo nel peso maanche nella velocità massima. 19
  • 20. Infine vi è l’ultimo modello che è l’HD 125 Evo Drum con due caratteristiche ottimali (consumourbano e velocità massima) e due da migliorare (coppia e peso).Modelli con punteggio finale pari a -1L’SH 125 I e l’MS3 125I sono caratterizzati entrambi da un basso consumo urbano. Il primomodello però non evidenzia tratti migliorabili mentre il secondo dovrebbe migliorare nel propriopeso e nella velocità massima.L’HD 125 Evo disk raggiunge una buona velocità massima ma ha una bassa coppia ed un elevatopeso.Infine l’X Motion che presenta un basso consumo urbano nonostante sia molto pesante. Infattidovrebbe migliorare anche la velocità massima.Modelli con punteggio finale pari a -2L’SH 125 I Spec e l’SH 125 I Sport non presentano alcun tratto ottimale. Ciò nonostante essidovrebbero migliorare il proprio consumo urbano e la velocità massima.Il modello VS 125 è caratterizzato da un basso peso e dovrebbe però migliorare su ben tre variabili(consumo urbano, potenza e coppia).Modelli con punteggio finale pari a -3I modelli S1, Symphony drum, Symphony 125 disk e lo Sportcity 125 one sono modelli equivalenti-concorrenti in quanto hanno tutti la stessa caratteristica ottimale (peso) e tutte le stessecaratteristiche da migliorare (consumo urbano, velocità massima, potenza e coppia).Infine vi è il modello Joyride 125 Evo caratterizzato anch’esso da una caratteristica ottimale(consumo urbano) e quattro da migliorare (velocità massima, potenza, coppia e peso). 20
  • 21. Tabella 9. Graduatoria ScooterOra però non abbiamo considerato, in quest’analisi, una variabile quantitativa molto importante: ilprezzo. A tale scopo, ritengo fondamentale, stilare una nuova graduatoria degli scooter in base alleloro caratteristiche tecniche migliori e migliorabili e in base al loro prezzo in commercio. 21
  • 22. Tabella 10. Graduatoria Scooter con PrezzoDiscutendo brevemente questa tabella uno degli aspetti che più emergono è rappresentato da alcunimodelli che nonostante siano equivalenti-concorrenti si differenziano parecchio rispetto allavariabile prezzo.In particolare il Rambla e lo Sportcity 125 Cube con una differenza di 340 euro a favore del primomodello.Poi è possibile osservare i modelli equivalenti-concorrenti della Sym (H64 R16, R16 Coupè, CoupèA-Style, H64 Sweet Years e il Must Sweet Years) con i loro differenti prezzi che variano da unminimo di 2.090 euro ad un massimo di 2.490 euro.I modelli S1, Symphony drum, Symphony 125 disk e lo Sportcity 125 one, i quali variano da unprezzo minimo di 1.740 euro ad uno massimo di 2.560 euro. Qui infatti la differenza risulta ancorapiù significativa, in particolare per quanto riguarda il modello della casa Daelim rispetto ai modellidella Sym.Infine gli due modelli, i quali sono risultati i più discostanti tra loro. Essi hanno le stessecaratteristiche ottimali e le stesse da migliorare. Il Nexus 125 ie della Gilera e lo Scarabeo 125 IEdell’Aprilia. Il modello dell’Aprilia costa 3.090 euro mentre quello della Gilera 4.570 euro. Si trattadi una differenza di ben 1.480 euro. 22
  • 23. 4. Cluster AnalisiAnalizzeremo ora le variabili con il metodo della cluster analisi per evidenziare come le grandezzesi relazionano tra loro e in particolare per avere una risposta scientifica rispetto all’analisiprecedente attraverso una Cluster grafica.Per tale analisi ho scelto un criterio, vale a dire il metodo Ward Square Eculidean poiché risultaessere il più significativo. Il criterio del più vicino (Nearest Neighbor) e del più lontano (FurthestNeighbor) sono stati scartati in quando il loro risultato non risulta esser utile. Sono stati considerati idati tecnici analizzando cosi variabili eterogenee che sono: Vmax, Consumo Urbano, Potenzaespressa in CV, Coppia e Peso. Infine, prima di passare all’analisi ho scelto di suddividere l’analisiin 4 cluster. Tali scelta deriva dall’analisi precedente (analisi attraverso una cluster grafica). 4.1 Cluster Analisi con il metodo Ward’s Dendrogram Wards Method,Squared Euclidean 30 25 Distance 20 15 10 5 0 1 4 30 31 2 6 7 3 5 13 14 15 8 10 11 12 9 16 17 18 21 22 19 20 23 28 24 25 26 27 29 Tabella 11. Analisi ClusterCome si può vedere dalla tabella la cluster numero 1 comprende quattro modelli con caratteristichecomuni: Sportcity 125 one, S1, SH 125 I Spec e l’SH 125 I Sport. 23
  • 24. Nella cluster numero 2 abbiamo soltanto tre modelli (Scarabeo 125 IE, Nexus 125 i.e, Runner 125ST).Nel terzo cluster vi sono cinque modelli tra cui: Sportcity 125 Cube, Rambla, SH 125 I, MS3 125 eil Downtown 125i.Anche nel quarto cluster vi sono cinque modelli: H64 Sweet Years, Must Sweet Years, H64 R16,R16 Coupè e il Coupè A-Style.Il quinto cluster è formato da ben sette modelli: Satelis 125 R e Satelis 125 U, Geopolis 125, Vespa125 GTV, UX Sixteen, X7 e il Beverly 125 T.Il sesto cluster è composto da tre modelli (HD 125 Evo disk, HD 125 Evo drum e Joyride 125 E).Infine l’ultimo cluster è formato da quattro modelli: Symphony drum e il modello disk, VS 125 e l’XMotion.Ora verranno mostrati i vari grafici cluster scatterplot dei tratti che più ritengo importanti perl’analisi, vale a dire per la variabile Consumo Urbano, Velocità Massima, Potenza in CV, Coppia ingiri al minuto e, infine, il peso in Kg. Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot Consumo Urbano_km al litro Wards Method,Squared Euclidean Wards Method,Squared Euclidean 40 Cluster Velocita massima 136 Cluster 1 1 37 2 2 126 3 3 34 4 4 5 116 5 31 6 6 7 7 106 28 Centroids Centroids 25 96 96 106 116 126 136 25 28 31 34 37 40 Velocita massima Consumo Urbano_km al litro Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot Consumo Urbano_km al litro Wards Method,Squared Euclidean Wards Method,Squared Euclidean 40 Cluster 15 Cluster 1 1 Potenza in CV 37 2 14 2 3 3 34 4 13 4 5 5 31 6 12 6 7 7 28 Centroids 11 Centroids 25 10 10 11 12 13 14 15 25 28 31 34 37 40 Potenza in CV Consumo Urbano_km al litro Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot Consumo Urbano_km al litro Wards Method,Squared Euclidean (X 1000) Wards Method,Squared Euclidean 40 Cluster 8,5 Cluster Coppia_giri al min 1 1 37 2 8 2 3 3 34 4 7,5 4 5 5 31 6 7 6 7 7 28 Centroids 6,5 Centroids 25 6 6 6,5 7 7,5 8 8,5 25 28 31 34 37 40 (X 1000) Coppia_giri al min Consumo Urbano_km al litro 24
  • 25. Consumo Urbano_km al litro Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot Wards Method,Squared Euclidean Wards Method,Squared Euclidean 40 Cluster 168 Cluster 1 1 37 2 2 148 Peso in Kg 3 3 34 4 4 5 128 5 31 6 6 7 7 108 28 Centroids Centroids 25 88 88 108 128 148 168 25 28 31 34 37 40 Peso in Kg Consumo Urbano_km al litro Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot Wards Method,Squared Euclidean Wards Method,Squared Euclidean 136 Cluster 15 ClusterVelocita massima 1 1 Potenza in CV 2 14 2 126 3 3 4 13 4 116 5 5 6 12 6 7 7 106 Centroids 11 Centroids 96 10 10 11 12 13 14 15 96 106 116 126 136 Potenza in CV Velocita massima Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot Wards Method,Squared Euclidean (X 1000) Wards Method,Squared Euclidean 136 Cluster 8,5 Cluster Coppia_giri al minVelocita massima 1 1 2 8 2 126 3 3 4 7,5 4 116 5 5 6 7 6 7 7 106 Centroids 6,5 Centroids 96 6 6 6,5 7 7,5 8 8,5 96 106 116 126 136 (X 1000) Coppia_giri al min Velocita massima Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot (X 1000) Wards Method,Squared Euclidean Wards Method,Squared Euclidean 8,5 Cluster 15 ClusterCoppia_giri al min 1 1 Potenza in CV 8 2 14 2 3 3 7,5 4 13 4 5 5 7 6 12 6 7 7 6,5 Centroids 11 Centroids 6 10 10 11 12 13 14 15 6 6,5 7 7,5 8 8,5 (X 1000) Potenza in CV Coppia_giri al min 25
  • 26. Cluster Scatterplot Cluster Scatterplot Wards Method,Squared Euclidean Wards Method,Squared Euclidean 15 Cluster 168 Cluster 1 1 Potenza in CV 14 2 2 148 Peso in Kg 3 3 13 4 4 5 128 5 12 6 6 7 7 108 11 Centroids Centroids 10 88 88 108 128 148 168 10 11 12 13 14 15 Peso in Kg Potenza in CVUn altro modo o meglio un’altra analisi aggiuntiva possibile in questo senso è la tabella sottostante,la quale esplica i valori medi delle rispettive variabili considerati all’interno del cluster diriferimento. Tabella 12. Valori variabili nei ClusterDa questa tabella è possibile svolgere un’ulteriore graduatoria per i sette cluster a seconda dei valoridi ognuno nelle rispettive variabili quantitative considerate. Tabella 13. Valutazione ClusterLegenda:  basso  abbastanza alto:D altoSi può facilmente notare come il cluster numero cinque risulta esser il migliore rispetto agli altri.Infatti a riportato tre punteggi alti in tre variabili considerate su cinque, vale a dire Potenza, Coppiae Vmax e un valore abbastanza alto (consumo urbano). Unica variabile “negativa” è il peso.Successivamente troviamo il cluster numero due caratterizzato da due variabili con valori alti(Potenza e Peso). Inoltre ha un valore abbastanza alto nel consumo urbano, nel senso che consumapoco e un elevata coppia. Infine ha un valore abbastanza basso rispetto agli altri cluster consideratiper quanto riguarda la velocità massima.Proseguendo nella graduatoria si individua il cluster numero uno che ha tre variabili abbastanzaalte (potenza, coppia e peso), un ottimo consumo urbano ma raggiunge una velocità massima ridottarispetto agli altri modelli. 26
  • 27. Al quarto posto troviamo il settimo cluster con ottimo consumo urbano, una buona velocitàmassima e tendenzialmente sono più leggeri rispetto agli altri. Potenza e coppia risultano essereinferiori rispetto alla media dei casi osservati.Al quinto posto troviamo il cluster numero 3 con due variabili che rilevano valori elevati, vale adire la potenza e la coppia. Nonostante ciò presenta valori medi molto bassi nelle altre variabiliconsiderate.Infine al sesto posto, a pari merito, troviamo il quarto e sesto cluster. Entrambi infatti presentanosoltanto una variabile con valori medi elevati (coppia) mentre tutte le altre variabili presentanovalori medi bassi.Concludendo tale analisi risulta esser significativa per individuare dove i vari modelli considerati sicollocano rispetto alle caratteristiche tecniche considerate e a tutti i modelli considerati. Da taleanalisi si evince inoltre che il cluster che contiene più modelli rispetto al totale dei modelli osservatiè il cluster numero cinque con una percentuale di 22,58% mentre il cluster contenente il numero piùbasso di osservazioni sono il secondo e sesto cluster (9,68%). 5. Analisi della matrice di correlazione parzialeLa presente analisi è volta a verificare la dipendenza tra le variabili coinvolte nel loro complesso edho scelto un valore del 40/50 perché mi sembrava più indicativo per lo studio in questione. -Cons.Urb Vmax (km/h) Potenza(CV) Coppia -Peso (km/l) (Giri al min) (Kg) -Cons Urb -0,2298 -0,0728 0,3402 -0,4667 Vmax -0,2298 0,2601 0,2189 -0,4497 Potenza -0,0728 0,2601 0,4352 -0,2469 Coppia 0,3402 0,2189 0,4352 0,2671 -Peso -0,4667 -0,4497 -0,2469 0,2671 Tabella 14. Matrice di correlazione Vmax -44,97% Peso - 46,67% Cons. Urb. 26,01% -24,69% 34,02% Potenza  43,52%  CoppiaDalla tabella si può facilmente costruire il modello delle variabili. Si nota in particolare che ilconsumo urbano e la velocità massima sono correlate alla variabile peso. Inoltre si mette inevidenza anche la correlazione tra potenza e coppia (43,52%). 27
  • 28. 6. Analisi della variabile consumo urbano e velocità massima con la variabile peso e analisi della correlazione tra potenza e coppiaUn ulteriore analisi è quella dell’analisi della regressione semplice in base al modello stabilito nellamatrice di correlazione delle variabili. Un’analisi della regressione multipla è stata fin da subitoscartata per la scarsa correlazione tra le altre variabili considerate. In tale analisi, quindi, le variabiliconsiderati sono quelle del Peso in relazione al Consumo urbano e alla Velocità massima per poiapprofondire la correlazione esistente tra potenza e coppia.In particolare ho scelto di considerare la variabile dipendente Consumo Urbano per studiare il suocomportamento rispetto al Peso espresso in kilogrammi. Successivamente sempre la variabiledipendente Velocità Max rispetto sempre alla variabile peso. Infine lo studio delle variabili potenzae coppia, quest’ultima espressa in giri al minuto. Plot of Fitted Model Plot of Fitted Model Consumo Urbano_km al litro 40 168 37 Peso in Kg 148 34 128 31 108 28 25 88 88 108 128 148 168 25 28 31 34 37 40 Peso in Kg Consumo Urbano_km al litro Plot of Fitted Model Plot of Fitted Model 136 168 Velocita massima 126 148 Peso in Kg 116 128 106 108 96 88 88 108 128 148 168 96 106 116 126 136 Peso in Kg Velocita massima 28
  • 29. Plot of Fitted Model Plot of Fitted Model (X 1000) 15 8,5 Coppia_giri al min Potenza in CV 14 8 13 7,5 12 7 11 6,5 10 6 6 6,5 7 7,5 8 8,5 10 11 12 13 14 15 (X 1000) Coppia_giri al min Potenza in CVDall’andamento delle rette si evince che le variabili quantitative consumo urbano e velocitàmassima sono correlati alla variabile peso. Infatti dal grafico Plot of Fitted Model è possibile notareche all’aumentare del peso il consumo urbano diminuisce e lo stesso vale per quanto riguarda lavelocità massima (inversamente proporzionali).Per quanto riguarda invece lo studio della potenza e della coppia si può facilmente osservare cheall’aumentare della coppia tendenzialmente aumenta anche la potenza. Si può dire che sonodirettamente proporzionali. 7. Studio della posizione delle varie case costruttrici in base alle variabili quantitative considerateConcludendo ho deciso di svolgere un analisi della varianza, in particolare il metodo One WayAnova per vedere la relazione tra una variabile qualitativa (marca) ed una variabile quantitativa(prezzo, consumo urbano, velocità massima, potenza, coppia e, infine, il peso).Tale analisi deriva da una semplice curiosità personale (lato consumatore) per vedere dove sicollocano le varie case costruttrici rispetto alle variabili quantitative più rilevanti considerate. Ciònonostante tale analisi potrebbe risultare molto utile anche per i venditori/concessionari di motocicliper avere una panoramica generale sui propri modelli e su quali case costruttrici sono migliori e/opeggiori rispetto alle variabili quantitative principali ma anche rispetto agli altri modelli. Scatterplot by Level Code 4700 4200 3700 Prezzo 3200 2700 2200 1700 G ilera TG B D aelim Sym H DM D erbi K ymco Piaggio A prilia H onda Suzuki Peugeot honda H yos ung 29
  • 30. Dal grafico si può facilmente notare come le varie case costruttrici si distribuiscono tra loro aseconda del loro prezzo ivato medio. Si può facilmente notare che la marca più economica risultaesser la Sym. A seguire, in ordine crescente, troviamo poi troviamo la casa HDM, Aprilia, Derbi,TGB, ecc. Infine notiamo le case costruttrici più costose, vale a dire Gilera, Peugeot e Piaggio. Scatterplot by Level Code Consumo Urbano_km al litro 40 37 34 31 28 25 G ilera TG B D aelim Sym H DM D erbi K ymco Piaggio A prilia H onda Suzuki Peugeot honda H yos ungSi può facilmente osservare che la casa costruttrice che produce gli scooter 125 a più bassoconsumo urbano sono la Daelim, la TGB e la Sym con due modelli su cinque. Al contrario, le casecostruttrici che producono scooter con un elevato consumo sono la Honda e la Kymco. Scatterplot by Level Code 136 Velocita massima 126 116 106 96 G ilera TG B D aelim Sym H DM D erbi K ymco Piaggio A prilia H onda Suzuki Peugeot honda H yos ungSi può facilmente notare che i modelli che raggiungono una velocità media tendenzialmente piùbassa rispetto la media sono quelli dell’Aprilia e della Daelim. Dall’altro lato invece i modelli piùveloci tra tutti sono quelli della Piaggio e, a seguire, quelli della Peugeot. 30
  • 31. Scatterplot by Level Code 15 Potenza in CV 14 13 12 11 10 G ilera TG B D aelim Sym H DM D erbi K ymco Piaggio A prilia H onda Suzuki Peugeot honda H yos ungSi può osservare che le case costruttrici che producono i modelli con la più bassa potenza rispettoalle altre case costruttrici considerate sono la HDM e la Daelim. Si può osservare anche un modellodella Sym con una potenza bassa rispetto alla media. Dall’altro lato invece le case che producono imodelli con la più alta potenza sono abbastanza lineari (Aprilia con 2 modelli, Derbi, Gilera,Kymco, la Piaggio e, infine, la Peugeot). Scatterplot by Level Code (X 1000) 8,5 Coppia_giri al min 8 7,5 7 6,5 6 G ilera TG B D aelim Sym H DM D erbi K ymco Piaggio A prilia H onda Suzuki Peugeot honda H yos ungIn questo grafico invece si possono notare come i vari modelli prodotti delle varia case costruttricisi distribuiscono tra loro in base al numero di giri al minuto della coppia. Si può osservare che imodelli che hanno la coppia più bassa sono della casa TGB e, a seguire, della Sym. Tali casecostruttrici si differenziano rispetto alla media delle osservazioni in quanto presentano una coppiasignificativamente più bassa rispetto alle altre case. Dall’altro lato si può notare che vi sono più caseche producono scooter con un elevata coppia (Piaggio, Suzuki, Peugeot, Gilera e Derbi). 31
  • 32. Scatterplot by Level Code 168 148 Peso in Kg 128 108 88 G ilera TG B D aelim Sym H DM D erbi K ymco Piaggio A prilia H onda Suzuki Peugeot honda H yos ungAnalogamente in questo grafico si può osservare le case costruttrici che producono gli scootertendenzialmente più leggeri e pesanti rispetto alla media delle osservazioni. Si può notare che laGilera e poi l’Aprilia con un modello producono modelli tendenzialmente più leggeri rispetto allamedia mentre i modelli più pesanti sono principalmente della casa Kymco, Hyousung e Peugeot. 8. ConclusioniAlla luce delle varie analisi svolte possiamo senz’altro concludere che lo scooter migliore è anche ilpiù costoso, anche se non è sempre cosi. Nel nostro caso scegliamo quindi il modello X7 dellaPiaggio e, a seguire, il Beverly 125 T. Mentre dall’altro lato gli scooter risultati peggiori da taleanalisi sono, in ordine decrescente, il Joyride 125 Evo della Sym, l’S1della Daelim, lo Sportcity 125one dell’Aprilia e altri due modelli della Sym (Symphony drum e Symphony 125 disk).Ciò nonostante nell’analisi cluster, a differenza dell’analisi delle variabili multiple tramite clustergrafica, si evince che gli scooter migliori sono quelli appartenenti al cluster numero 5, il qualecomprende i modelli: Satelis 125 R, Geopolis 125, Satelis 125 U, Vespa 125 GTV, l’UX Sixteen e,infine, i modelli X7 e Beverly 125T. Dall’altro lato, invece, gli scooter peggiori appartengono alprimo cluster. Ciò nonostante tale analisi non tiene conto di una variabile quantitativa moltoimportante, vale a dire il Prezzo.Analizzando poi una variabile quantitativa (la marca) ed una quantitativa (rispettivamente consumourbano, velocità massima, potenza, coppia e peso), vale a dire l’analisi ANOVA, è possibile stilareuna graduatoria delle marche che sono tendenzialmente migliori e peggiori per le grandezzeconsiderate.Infatti si può facilmente osservare che per quanto riguarda la variabile Prezzo le case costruttrici piùcare sono senza dubbio la Piaggio, la Peugeot e la Gilera. Dall’altro lato invece si evidenziano imodelli delle case tendenzialmente più economici (Sym, HDM, Aprilia, Derbi, TGC).Per quanto riguarda il consumo urbano invece i migliori modelli sono quelli prodotti dalla Daelim edalla TGB. Mentre quelli che consumano tendenzialmente di più sono quelli della Honda e dellaKymco.In relazione alla potenza, espressa in cavalli, le case costruttrici che producono gli scootertendenzialmente più potenti sono, più o meno sullo stesso livello, della Derbi, Gilera, Kymco ePiaggio. Mentre dall’altro lato gli scooter meno potenti sono quelli della casa HDM e Daelim. 32
  • 33. Per quanto riguarda la variabile coppia, espressa in giri al minuto, si evidenziano le case costruttriciPiaggio, Suzuki, Peugeot, Gilera e Derbi, le quali presentano modelli con la più alta coppia.Dall’altro lato i modelli con la coppia più bassa sono prodotti sempre della casa TGB e, a seguire,della Sym.Infine la variabile peso, espressa in kilogrammi, ci permette di capire quali case costruttriciproducono i modelli più leggeri e più pesanti rispetto alla media delle osservazioni. Tra i modellipiù leggeri troviamo le case costruttrici Gilera e Aprilia, mentre tra i più pesanti quelli della Kymco,Hyousung e Peugeot.Oltre a queste osservazioni finali ritengo utile spiegare un ulteriore aspetto del progetto fino ad oranon considerato.Inizialmente in quest’analisi di prodotto erano stati considerati anche i modelli prodotti nell’anno2008 e 2009 con motori a 2 valvole anziché 4 valvole come il presente studio. Tali modelli erano 44a differenza dei 31 modelli con motore a 4 valvole per un totale di 75 modelli.Tale analisi è stata fin da subito scartata in quanto, oltre al fatto che è pienamente risaputo ericonosciuto il fatto che i motori a 4 valvole sono migliori rispetto ai motori a 2 valvole (in terminidi consumi, potenza, velocità e coppia), anche perché già dalla prima analisi delle singole variabiliquantitative i motori a 2 valvole risultavano avere valori significativamente più bassi rispetto aimotori con 4 valvole.Tale risultato è stato evidenziato anche dall’analisi della varianza o meglio tramite il metodo One-Way Anova il quale mostrava la seguente situazione in base alle variabili quantitative piùsignificative. Means and 95,0 Percent LSD Intervals Means and 95,0 Percent LSD Intervals 32 111 Consumo Urb 107 31 103 Vmax 30 99 95 29 91 28 87 2 4 2 4 Valvole Valvole Means and 95,0 Percent LSD Intervals Means and 95,0 Percent LSD Intervals 13,7 140 12,7 135 Potenza CV Peso Kg 130 11,7 125 10,7 120 9,7 115 8,7 110 2 4 2 4 Valvole Valvole 33
  • 34. Means and 95,0 Percent LSD Intervals Means and 95,0 Percent LSD Intervals 3400 10,1 Capacita Serb 3100 9,1 Prezzo 2800 8,1 2500 7,1 2200 1900 6,1 2 4 2 4 Valvole ValvoleCome si può notare dai seguenti grafici ogni variabili considerata nei motori a 2 valvole, perfino lacapacità del serbatoio, è tendenzialmente minore rispetto ai motori a 4 valvole.Concludendo i modelli con motori a 2 valvole hanno prestazioni ridotte rispetto ai motori a 4valvole ma tale osservazione motiva e spiega il fatto che sono anche i modelli più economici incommercio. 9. Tabella delle caratteristiche 34
  • 35. 10. Termini TecniciIn riferimento alle caratteristiche delle dimensioni dell’oggetto di studio, vale a dire i dati tecnicirelativi allo scooterMarca: è la casa produttrice dello scooter;Modello: è il nome dello scooter;Prezzo: prezzo ivato dello scooter su Dueruote;Anno costruzione: anno di inizio distribuzione scooter sul mercato italiano;Consumo Urbano: sono i km che si percorrono con un litro di carburante andando a 50Km/h;Velocità massima: è la massima velocità che lo scooter riesce a raggiungere dopo che è statoprovato da “Dueruote”;Potenza: sono i KW di potenza massima che il motore esprime oppure può essere espressa in CV oin giri al minuto;Coppia: kgm, Nm e giri al minuto;Lunghezza: dello scooter espressa in millimetri (mm)Larghezza: dello scooter espressa in millimetri (mm)Altezza sella: espressa in millimetri (mm)Passo: distanza tra l’epicentro del raggio posteriore con l’epicentro del raggio anteriore;Massa: sono i kg di peso dello scooter;Capacità Serbatoio: è la capacità in litri del serbatorio;Cilindrata: sono i centimetri cubici del motore;Freni: tipologia di freni anteriori o posteriori i quali possono essere a tamburo, a disco e a disco conabs;Pneumatici: misura del pneumatico sia anteriore sia posteriore;Valvole: numero di valvole presenti nel motore;Motore: è il tipo di refrigerazione installato sullo scooter. Può essere ad aria o a liquido; 35
  • 36. 11. Sitografiahttp://www.dueruote.it/nuovo/lista.cfm?&cat=SC15&f=2&tipo=s&cilda=51&cila=125http://www.aspess.it/Content/home.htmhttp://www.dadomotors.it/http://www.garelli.it/http://www.hupper.it/index.asphttp://www.keeway.it/keeway_products/products/result-product.asp?model=SCOOTERhttp://www.kymco.ithttp://www.lingben.it/rete_vendita/rete_vendita.htmlhttp://www.pumaautomotive.com/main.php?rid=items&fld__tbl_cat=4http://www.steeditalia.com/http://www.it.piaggio.com/it_IT/http://www.pgo-scooter.com/http://www.it.aprilia.it/http://www.derbi.com/http://www.it.gilera.com/it_IT/http://www.hdmmotor.com/http://www.honda.it/html/it1/Honda_intro.phphttp://www.peugeotmotocycles.it/http://www.sym-italia.it/it/prodotti/modelli/HDEVO.asphttp://www.suzuki.it/ita/index.htm 36