L'attore nel mondo economico
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

L'attore nel mondo economico

on

  • 400 views

Gli appunti per le lezioni del seminario "L'attore nel mondo economico" tenuto da N. Camurri presso l' Istituto Teatrale Europeo il 23 - 24 novembre 2013, Roma.

Gli appunti per le lezioni del seminario "L'attore nel mondo economico" tenuto da N. Camurri presso l' Istituto Teatrale Europeo il 23 - 24 novembre 2013, Roma.

Statistics

Views

Total Views
400
Views on SlideShare
399
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

L'attore nel mondo economico L'attore nel mondo economico Presentation Transcript

  • L'attore nel mondo economico per non soccombere alla crisi
  • INTRODUZIONE Sempre di più il mondo della cultura deve fare i conti con aspetti economici che un tempo le sembravano del tutto estranei. Il modello anglosassone, analitico e pratico, ha avuto il sopravvento sul modello che prevedeva l'intervento assistenziale a difesa della cultura. Sempre di più gli operatori culturali devono strutturarsi come dei veri e proprio operatori economici. In questa fase di grande cambiamento, che prende il nome di crisi, viene il momento di affrontare i propri limiti e di rispondere con la forza di cambiare se stessi cercando, invece di capire cosa accade oggi, di prepararsi per ciò che accadrà domani. Il nostro lavoro di artisti non è in fondo un tentativo di comunicare le nostre intuizioni e visioni del mondo? Il concetto di azione che sta alla base della parola “attore” non prevede proprio l'atteggiamento propositivo? Anche il mondo dell'economia e dell'amministrazione ha le sue regole ed i suoi linguaggi: è il momento di agire come “attori economici”. Insomma cerchiamo di studiare un modo per facilitare le nostre possibilità operative nel nuovo contesto. La mentalità analitica dei processi prenderà il sopravvento su quella intuitiva degli eventi. La creatività non è finita, è evoluta. L'arte non è propria la capacità di dare una Forma ad un'Idea?
  • FINALITA' L'obbiettivo ultimo di questo seminario è di conferire gli strumenti cognitivi di base per permettere di leggere, gestire e compilare in bando in maniera serena e sistematica. In primis ha delle finalità cognitive. Essendo il mondo della creatività caratterizzato da intuizioni e da estri che hanno più la loro naturale evoluzione in eventi, si vogliono fornire strumenti affinché si crei anche un piccolo “salvagente analitico” che permetta di comprendere ed utilizzare lo strumento dell'analisi per processi a cui i bandi e il sistema economico amministrativo vorrebbero rispondere. L'allievo dovrà diventare in grado di operare una sintesi tre le sue esigenze artistiche ed economiche non viste più come un limite ma come una delle “circostanze date”. Da un punto di vista strettamente pratico si metteranno in condizione i partecipanti di trovare, comprendere e mettersi in condizione di concorrere ai bandi pubblici.
  • DESTINATARI Sono destinatari di questo progetto tutti gli operatori del Terzo Settore, soprattutto il mondo dell'Associazionismo Culturale, i giovani artisti o appassionati di cultura, gli allievi di scuole di teatro che vogliano colmare una lacuna formativa in questa direzione.
  • DOCENTE Il corso sarà tenuto dal Dott. Nicola Camurri, Fondatore e Presidente di “Sophia Dalla Notte” - progetto di ricerca la cui missione è la sperimentazione condivisa di nuovi linguaggi e tecnologie digitali per la comunicazione, volta a sfruttare le opportunità dell’ambiente/mercato nei quali i suoi componenti operano -, Fondatore della rivista MAGult, Socio di “Vivere con Filosofia”, direttore di produzione di “Copernico” - trasmissione Sky – e per mARTE del musical “Solo Tu!” il pop musical con le canzoni dei Matia Bazar, Docente di Tecniche Teatrali, Regista, blogger, impegnato nella ricerca e nella divulgazione di nuovi modelli economici da applicare all'arte e alla cultura.
  • IL CORSO
  • Il mattino del sabato del seminario sarà sfruttata per tutta la parte teorica che prevede: Il processo (ripetibile, verificabile, consequenziale) e l'evento (unitario, casuale, potenzialmente sporadico) La fase creativa (brain storming e caos creativo) La fase processuale ovvero La Formalizzazione (ordine e disciplina): definire il team operativo e la divisione dei ruoli, procedere per elenchi, definire le scadenze, definire le compenze e le responsabilità, individuare le potenziali criticità.
  • Nozioni base di economia Attività commerciale (quella che deve produrre ritorno economico) Attività promozionale (quella che serve a creare reti ed immagine) Beni e Servizi Immobili Costi fissi (tutto ciò che pago indipendentemete dalla mia attività) Costi variabili (tutto ciò che pago proporzionalmente alla mia attività) Break even Punto di pareggio (quantità di venduto che copre i costi)
  • Nozioni base di comunicazione La comunicazione è un costo Eventi promozionali e show case Pubblicità Stampa Web Social Network Omaggi Promozioni
  • definizione degli obbiettivi Artistici Economici Sociali Procedurali Relazionali
  • Bilancio preventivo (analisi dei costi – presunzione dei ricavi) Tecnica: scenografie, service audio e luci, Logistica: alloggi/diarie, trasporti (persone e attrezzature), Compensi: personale tecnico, fornitori/consulenti, dipendenti a giornata, dipendenti fissi, direzione artistica, direzione commericiale, direzione di produzione/evento, direzione comunicazione, direzione tecnica. Comunicazione: vedi apposita sezione Assicurazione Standard di sicurezza SIAE
  • Bilancio consuntivo È il documento che alla fine dell’anno finanziario indica le entrate e le spese realizzate da una amministrazione, un ente, un'impresa. Si conclude indicando se la struttura ha raggiunto un risultato contabile di avanzo, cioè se le entrate sono superiori alle uscite, pareggio, cioè se le entrate e le uscite si equivalgono, o disavanzo, cioè se le uscite sono superiori alle entrate. Il bilancio consuntivo indica inoltre se ci sono state variazioni di spesa rispetto al bilancio preventivo.
  • Il pomeriggio invece si passerà alle esercitazioni pratiche e nello specifico: Esempi di bandi Come leggere un bando Dove trovare i bandi Applicazione pratica dei concetti del mattino Impostare un bando
  • La domenica mattina invece ci eserciteremo simulando un bando che poi vedrà nel pomeriggio la sua verifica e le conclusioni.