Your SlideShare is downloading. ×
0
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
La società delle relazioni
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La società delle relazioni

3,321

Published on

La società delle relazioni è un nuovo modello per interpretare i meccanismi che in modo funzionale si avvicendano nella società contemporanea. Un sistema efficace per valutarne i risultati. In questa …

La società delle relazioni è un nuovo modello per interpretare i meccanismi che in modo funzionale si avvicendano nella società contemporanea. Un sistema efficace per valutarne i risultati. In questa sede espongo la parte introduttiva al modello quantitativo.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
3,321
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Modello Sociale con metodologia relazionale Introduzione Dr. Nicolò Guaita Diani
  • 2. A Cosa Serve? • Valutare in modo sociologico il grado di efficienza di un processo relazionale e quindi di un rapporto sociale • Fare scelte strategiche di investimento sociale • Scegliere la relazione migliore per una più efficacia distributiva dei benefici delle attività sociali • Studiare il ritorno generale di un intervento sociale ad ampio spettro
  • 3. A Cosa Serve? • Rappresentazione delle Relazioni Personali e Interpersonali • Rappresentare l’efficacia delle iniziative Sociali • Rappresentare il tasso di elasticità (capacità di reagire) del tessuto sociale • Rappresentare la rapidità con cui un’iniziativa sociale si può diffondere
  • 4. Introduzione Sezione Introduttiva alle logiche di diffusione delle relazioni nel tessuto sociale Introduzione alle meccaniche quantitative (approccio semplificato)
  • 5. Soggetti e Relazioni • Presupposti metodologici • Modello del micromondo • Teoria delle relazioni diffuse • Attività Sociali • Le relazioni sono definite dal soddisfacimento di bisogni • Le relazioni non possono essere unidirezionali e sono rilevate in modo bidirezionale • Attività non Sociali • Le relazioni sono definite dal presupposto manifesto di bisogni • La relazione può essere unidirezionale ma sono rilevate solo con un costrutto teorico bidirezionale
  • 6. Ipotesi di un effetto doppler • Ciascun osservatore può influenzare il risultato dell’osservazione e quindi il fenomeno • Il costrutto dell’osservazione è quindi una proiezione bidimensionale teorica • Nelle scienze sociali il problema dell’interferenza è molto elevato • Il rischio di deviare il risultato può essere compensato dalla scala di valutazione del sistema • Il limitato campo osservabile rende obbligatorio un osservazione collaborativa o storicizzata
  • 7. Contesto Dinamico • Il contesto dinamico non può essere rappresentato • Il contesto dinamico può rappresentare debolezze o forze nei nodi relazionali • Il contesto dinamico può essere ipotizzato come una maggiore o minore frequenza di relazione • Il contesto dinamico caratterizza solo le relazioni multilaterali • Il contesto dinamico non è valutabile se non bidirezionale
  • 8. Modello Base: Relazione Singola • Soggetti: 1 • Osservatore: 1 • Visibilità Omnia • Relazione Universale
  • 9. Modello Base: Relazione Singola L’osservatore(2) si relaziona con il soggetto individuato(1) creando un sistema di relazione unidirezionale non rappresentativo.
  • 10. Modello Base: Relazione Reale • Soggetti: 2 • Osservatore: 1 • Visibilità Omnia • Relazione Reale
  • 11. Modello Base: Relazione Reale L’osservatore(2) si relaziona con il soggetto(1) il quale ha instaurato una relazione con un altro soggetto(3). La relazione in oggetto è la 1-3 che è bidirezionale.
  • 12. Modello Base: Relazione Reale Luigi(1) racconta all’osservatore (2) dell’amicizia con Maria (3).
  • 13. Modello Base: Relazione Disequilibrata L’osservatore(2) si relaziona con il soggetto(1) il quale ha instaurato una relazione con un altro soggetto(3). La relazione 13 è più affidabile e frequente rispetto alla relazione 31.
  • 14. Modello Base: Relazione Disequilibrata Luigi (1) racconta all’osservatore (2) che scrive spesso a Maria (3) ma lei non risponde mai ai suoi messaggi.
  • 15. Modello Base: Relazione Bidirezionale Luigi (1) racconta all’osservatore (2) che scrive spesso a Maria (3) ma lei non risponde mai ai suoi messaggi. Maria (2) racconta all’osservatore (2) che Luigi (3) gli scrive spesso ma lei non risponde mai ai messaggi.
  • 16. Modello Base: Relazione Bidirezionale Luigi (1) racconta all’osservatore (2) che scrive spesso a Maria (3) ma lei non risponde mai ai suoi messaggi. Maria (2) racconta all’osservatore (2) che Luigi (3) gli scrive spesso ma lei non risponde mai ai messaggi. RELAZIONE VERIFICATA
  • 17. Modello Tematico • Passaggio da Soggetti ad Elementi: • Nodi • Vettori • Raccolta degli elementi comuni • Topic • Diffusione (sperimentale) • Relazioni dirette (deduzione o black box) • Interazione tra soggetti ed elementi • Relazione passiva • Relazione orientata
  • 18. Modello Tematico: semplificato Luigi (2) spedisce spesso e-mail(3) a Maria (4). Maria (4) utilizza la posta elettronica (3) per lavoro. Luigi (2) è quindi in contatto con Maria (4) attraverso la posta elettronica (3).
  • 19. Modello Tematico: semplificato ruolo dell’osservatore L’osservatore (1) ha parlato solo con Luigi (2). L’osservatore non conosce la posta elettronica per esperienza personale.
  • 20. Modello Tematico: semplificato ruolo dell’osservatore L’osservatore (1) ha parlato con Luigi (2). L’osservatore (1) ha parlato con Maria (4). L’osservatore non conosce la posta elettronica per esperienza personale.
  • 21. Modello Tematico: semplificato ruolo dell’osservatore L’osservatore (1) ha parlato con Luigi (2). L’osservatore (1) ha parlato con Maria (4). L’osservatore (1) conosce la posta elettronica (3) per esperienza personale.
  • 22. Osservatore Conoscenza Diretta Conoscenza Mediata
  • 23. Il paradosso dell’universalità • L’osservatore non può conoscere tutto • L’osservatore deve essere portato a conoscenza • L’osservatore se inserito in un contesto relazionale ne diventerà il fulcro • La rimozione dell’osservatore deve essere validata • L’osservatore non è un elemento di congiunzione in fase di studio • L’osservatore ha limitati poteri relazionali (es. non è un familiare o un amico) • L’osservatore non ha inserito elementi forzati di analisi (es. messaggi virali) • L’osservatore deve giustificare ciascun nodo e le sue radici socializzanti
  • 24. Osservatore universale
  • 25. Rimozione dell’Osservatore
  • 26. Campione preso in esame • Registrazione dei Soci all’associazione Amici Animali Osimo ONLUS • Calcolo sulle relazioni dirette (400+) • Inferenza con peso variabile (0-6) • Peso non rappresentato graficamente
  • 27. Dott. Nicolò Guaita Diani Sociologia delle Relazioni Come valutare le iniziative in ambito sociale Un approccio metodologico quantitativo

×