• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
La fiscalità delle Mutue di pronto soccorso costituite in forma associativa
 

La fiscalità delle Mutue di pronto soccorso costituite in forma associativa

on

  • 605 views

 

Statistics

Views

Total Views
605
Views on SlideShare
330
Embed Views
275

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

2 Embeds 275

http://www.networkprofessionale.com 273
http://networkprofessionale.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La fiscalità delle Mutue di pronto soccorso costituite in forma associativa La fiscalità delle Mutue di pronto soccorso costituite in forma associativa Presentation Transcript

    • La fiscalità delle Mutue costituite in forma associativa Sebastiano Di Diego www.networkprofessionale.com
    • Perché la scelta del modello associativo? Art. 1 legge n. 3818 1886 Art. 2 legge n. 3818 1886 www.networkprofessionale.com Esclusivo svolgimento in favore dei soci e dei loro familiari conviventi di una o più delle seguenti attività …. Promuovere attività di carattere educativo e culturale dirette a realizzare finalità di prevenzione sanitaria e di diffusione dei valori mutualistici Ambito di attività molto specifico, non sovrapponibil e perfettamente alle attività finora svolte 2
    • Normativa di riferimento per le associazioni • Associazioni riconosciute Codice Civile (artt. 14 – 35) www.networkprofessionale.com Codice Civile (artt. 36 – 42) • Associazioni non riconosciute • D.Lgs. 917/1989 (T.U.I.R.) : artt. 143 - 150 • D.P.R. 633/72 (Iva): artt. 4, 19, 19 ter. Disciplina Fiscale 3
    • Normativa di riferimento D.Lgs. 460/1997 (da art.10 e ss. per le ONLUS) Legge 266/1991: organizzazioni di volontariato Legge 383/2000: associazioni di promozione sociale Leggi 398/1991 e 289/2002 (art. 90 modificato dalla L. 128/2004): associazioni sportive dilettantistiche Legge 398/1991 (per il rinvio ex art.9bis D.L. 417/91): associazioni senza scopo di lucro Legge n. 49/1987, art. 28: enti religiosi di altre confessioni, organizzazioni non governative Legge n. 287/1991, art. 3, comma 6: enti di promozione sociale. www.networkprofessionale.com 4
    • Disciplina fiscale IMPOSTE DIRETTE www.networkprofessionale.com 5
    • www.networkprofessionale.com 6
    • La natura fiscale (1) Le mutue costituite in forma associativa potrebbero assumere sia la qualifica di enti commerciali che di enti non commerciali rientrano nella prima categoria quando l’oggetto esclusivo o principale è rappresentato dall’esercizio di attività commerciali (art. 73, comma 1, lett. b del T.U.I.R.); rientrano nella seconda categoria quando non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali (art. 73, comma 1, lett. c del T.U.I.R.); L’elemento distintivo – che produce effetti in ordine all’individuazione delle regole di determinazione della base imponibile – è la commercialità www.networkprofessionale.com 7
    • La natura fiscale (2) I criteri per determinare se le attività esercitate sono commerciali o non commerciali devono essere desunti dall’art. 55 del T.U.I.R Tale norma individua, infatti, le attività produttive di reddito d’impresa www.networkprofessionale.com 8
    • Attività commerciale ex art. 55 TUIR (1) Produttiva di REDDITO D’IMPRESA Sono redditi d’impresa quelli che derivano dall’esercizio di imprese commerciali. Per esercizio di imprese commerciali si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, delle attività indicate nell’art. 2195 c.c., e delle attività indicate alle lettere b) e c) del comma 2 dell’art. 32 che eccedono i limiti ivi stabiliti, anche se non organizzate in forma d’impresa. Sono inoltre considerati redditi d’impresa: a) i redditi derivanti dall’esercizio di attività organizzate in forma di impresa dirette alla prestazione di servizi che non rientrano nell’art. 2195 c.c.; b) i redditi derivanti dall’attività di sfruttamento di miniere, cave, torbiere, saline, laghi, stagni e altre acque interne; c) i redditi dei terreni, per la parte derivante dall’esercizio delle attività agricole di cui all’art. 32, pur se nei limiti ivi stabiliti, ove spettino alle società in nome collettivo e in accomandita semplice, nonché alle stabili organizzazioni di persone fisiche non residenti esercenti attività d’impresa. Le disposizioni in materia di imposte sui redditi che fanno riferimento alle attività commerciali si applicano, se non risulta diversamente, a tutte le attività indicate nel presente articolo. www.networkprofessionale.com 9
    • Attività commerciale ex art. 55 TUIR (2) Un’attività è commerciale se contemporaneamente ricorrono le seguenti condizioni è abituale, cioè continuativa e non occasionale rientra tra quelle elencate nell’art. 2195 c.c. oppure non rientra tra quelle elencate nell’art. 2195 c.c. ma è svolta con adeguata organizzazione i beni e i servizi che ne derivano sono destinati al mercato (anche ristretto) è economica www.networkprofessionale.com 10
    • Attività commerciale ex art. 55 TUIR (3) Abitualità e professionalità Pluralità di atti di scambio Può riguardare anche una sola operazione economica purché sia articolata in più fasi realizzative Dimensione e complessità dell’affare Rilevanza dell’organizzazione Utili indicatori Dimensione dei costi e dei proventi connessi all’operazione www.networkprofessionale.com 11
    • Attività commerciale ex art. 55 TUIR (4) Organizzazione in forma d’impresa È richiesta solo per le prestazioni di servizi non riconducibili nell’art. 2195 del c.c. Ricorre quando nella prestazione del servizio l’elemento personale dell’attività del titolare è secondario rispetto alla funzione in concreto assolta dall’insieme dei fattori produttivi www.networkprofessionale.com 12
    • Attività commerciale ex art. 55 TUIR (5) economicità L’attività deve essere programmaticamente sostenuta da entrate di natura corrispettiva Non è possibile configurare un’impresa commerciale ai fini tributari se si è in presenza di una remunerazione prevalentemente contributiva e liberale www.networkprofessionale.com 13
    • Qualificazione Fiscale Qualificazione fiscale dell’ente Ente commerciale Ente non commerciale Attività principale o esclusiva Commerciale www.networkprofessionale.com Non commerciale 14
    • www.networkprofessionale.com 15
    • Il percorso logico (1) 1. Individuare l’oggetto esclusivo o principale 4. Monitorare il mantenimento nel tempo della qualifica 2. Verificare se è commerciale o meno 3. Qualificare fiscalmente l’ente www.networkprofessionale.com 16
    • www.networkprofessionale.com 17
    • L’individuazione dell’oggetto esclusivo o principale (1) I criteri di individuazione dell’oggetto esclusivo o principale dell’attività sono indicati all’art. 73 del TUIR: Il comma 4: “L’oggetto esclusivo o principale dell’ente residente è determinato in base alla legge, all’atto costitutivo o allo statuto, se esistenti in forma di atto pubblico, scrittura privata autenticata o registrata. Per oggetto principale si intende l’attività essenziale per realizzare direttamente gli scopi primari indicati dalla legge, dall’atto costitutivo o dallo statuto.”  Il comma 5: “In mancanza dell'atto costitutivo o dello statuto nelle predette forme, l'oggetto principale dell'ente residente è determinato in base all’attività effettivamente esercitata nel territorio dello Stato; tale disposizione si applica in ogni caso agli enti non residenti”. www.networkprofessionale.com 18
    • L’individuazione dell’oggetto esclusivo o principale (2) Per stabilire la “natura fiscale” della mutua, quindi, la prima cosa che dobbiamo fare è leggere attentamente lo statuto Ovviamente lo statuto, riguardo all’oggetto di attività, dovrebbe contenere previsioni coerenti con le previsioni di legge. www.networkprofessionale.com 19
    • L’individuazione dell’oggetto esclusivo o principale (3) Mutue Atto costitutivo in forma di atto pubblico, scrittura privata autenticata o registrata L’oggetto esclusivo o principale è determinato in base all’attività effettivamente svolta (art. 73, c. 5 Tuir) L’oggetto esclusivo o principale è determinato in base al contenuto di tale documento (art. 73, c. 4 Tuir) www.networkprofessionale.com 20
    • www.networkprofessi 21
    • La verifica della natura delle attività svolte (1) INDIVIDUAZIONE OGGETTO ESCLUSIVO O PRINCIPALE www.networkprofessi DETERMINAZION E DELLA NATURA COMM.LE O MENO DELL’OGGETTO STESSO 22
    • La verifica della natura delle attività svolte (2) Criteri da utilizzare ai fini della determinazione della commercialità o meno dell’attività previsti dall’art. 55 del T.U.I.R, come in precedenza illustrato. www.networkprofessionale.com 23
    • La verifica della natura delle attività svolte (3) E’ rilevante il METODO GESTIONALE adottato per il suo svolgimento. Requisiti fondamentali www.networkprofessionale.com Economicità Destinazion e Al Mercato 24
    • La verifica della natura delle attività svolte (4) Non esiste però concordanza sul significato da attribuire al concetto di economicità della gestione: Primo orientamento: l’attività è economica se i corrispettivi semplicemente coprono i costi www.networkprofessionale.com Secondo orientamento: l’attività è economica se gestita secondo criteri programmaticamente orientati al conseguimento di un margine di profitto 25
    • www.networkprofessionale.com 26
    • La qualificazione della mutua(1) L’oggetto è non commerciale L’oggetto è commerciale → l’ente è NON COMMERCIALE →l’ente è COMMERCIALE benché dichiari finalità non lucrative, deve considerarsi ente commerciale. www.networkprofessionale.com 27
    • La qualificazione della mutua(2) Attenzione La qualificazione fiscale della mutua deve discendere da un’attenta analisi delle attività effettivamente svolte e dall’individuazione delle loro natura www.networkprofessionale.com 28
    • www.networkprofessionale.com 29
    • Monitorare nel tempo il mantenimento della qualifica (1) In base all’art. 149, comma 1, del T.U.I.R Una mutua che, indipendentemente dalle previsioni statutarie, per un intero periodo di imposta esercita prevalentemente attività commerciale perde la qualifica di ente non commerciale www.networkprofessionale.com 30
    • Monitorare nel tempo il mantenimento della qualifica (2) Perdita della qualifica di ente non commerciale Qualora venga esercitata prevalentemente attività commerciale Per un intero periodo d’imposta INDICATORI DI COMMERCIALITA’ (art. 149, c. 2 Tuir) 1. prevalenza delle immobilizzazioni relative all’attività commerciale (materiali immateriali e finanziarie), al netto degli ammortamenti, rispetto agli investimenti relativi alle attività istituzionali e decommercializzate dal legislatore fiscale. 2. prevalenza dei ricavi derivanti da attività commerciali rispetto al valore normale delle cessioni o prestazioni afferenti le attività istituzionali; 3. prevalenza dei redditi derivanti da attività commerciali rispetto alle entrate istituzionali (contributi, sovvenzioni, liberalità e quote associative). Dal raffronto vanno esclusi i contributi percepiti per lo svolgimento di attività aventi finalità sociale in regime di convenzione o accreditamento; detti contributi, infatti, non concorrono alla formazione del reddito degli enti non commerciali ai sensi dell’art. 143, comma 3, del Tuir; 4. prevalenza delle componenti negative inerenti all’attività commerciale rispetto alle restanti spese. Il verificarsi di una o più delle suddette ipotesi NON comporta l’automatico mutamento della qualifica, ma è significativo ai fini della formulazione di un giudizio sulla natura dell’attività effettivamente esercitata. www.networkprofessionale.com 31
    • “Il mutamento di qualifica opera a partire dal periodo d’imposta in cui vengono meno le condizioni che legittimano le agevolazioni e comporta l’obbligo di comprendere tutti i beni facenti parte del patrimonio dell’ente nell’inventario di cui all’art. 15 del d.P.R. del 29 settembre 1973, n. 600. L’iscrizione nell’inventario deve essere effettuata entro sessanta giorni dall’inizio del periodo d’imposta in cui ha effetto il mutamento di qualifica secondo i criteri di cui al d.P.R. 23 dicembre 1974, n. 689”. (art. 149 c. 3 Tuir) La norma vuole costringere ogni ente ad operare fin dall’inizio del periodo d’imposta una accurata valutazione prospettica della propria attività, ai fini della corretta qualificazione tributaria www.networkprofessionale.com 32
    • www.networkprofessionale.com 33
    • La determinazione del reddito (1) Le mutue, a seconda della loro qualificazione fiscale, determinano il reddito da assoggettare ad IRES con modalità diverse. www.networkprofessionale.com 34
    • La determinazione del reddito (2) Enti non commerciali →il reddito imponibile deve essere determinato sulla base degli artt. 143 e ss del T.U.I.R. Enti commerciali → il reddito imponibile deve essere determinato sulla base degli artt. 81 e ss del T.U.I.R. www.networkprofessionale.com 35
    • La determinazione del reddito (3) Ente commerciale Ente non commerciale Determinazione reddito complessivo Il reddito, da qualunque fonte provenga, è considerato reddito d’impresa e si determina apportando al risultato economico le variazioni in aumento e in diminuzione previste dalla normativa fiscale (art. 81 e ss. Tuir) www.networkprofessionale.com Il reddito complessivo è costituito dalla somma delle singole categorie di reddito (redditi d’impresa, di capitale, fondiari e diversi) determinate secondo la normativa Irpef (art. 143 e ss. Tuir) 36
    • Il reddito complessivo, da assoggettare ad IRES, è dato dalla somma tra: redditi fondiari redditi da capitale redditi d’impresa e redditi diversi www.networkprofessionale.com determinati secondo le norme previste dalla disciplina dell’IRPEF. 37
    • La determinazione del reddito (5) (art. 143 Tuir) I proventi (plusvalenze non riconducibili a redditi diversi, ecc.) che non sono riconducibili alle categorie reddituali previste dal citato art. 143 non sono tassabili • Ai fini dell’imposizione diretta non rilevano né il luogo di produzione, né la destinazione dei redditi, secondo quanto disposto dalla norma. www.networkprofessionale.com 38
    • La determinazione del reddito (6) (art. 143 Tuir) NON si considerano attività commerciali le prestazioni di servizi non rientranti nell’articolo 2195 del codice civile:  rese in conformità alle finalità istituzionali dell’ente  senza specifica organizzazione  e verso pagamento di corrispettivi che non eccedono i costi di diretta imputazione. www.networkprofessionale.com 39
    • La determinazione del reddito (7) (art. 143 Tuir) In assenza dell’art. 143, comma 1, tali attività verrebbero considerate commerciali Organizzazione in forma d’impresa Economicità Art. 55 Tuir www.networkprofessionale.com 40
    • La determinazione del reddito (8) (art. 143 Tuir) C.M. 124/E del 12 maggio 1998: COSTI DI DIRETTA IMPUTAZIONE Soli costi operativi ritenuti direttamente necessari per la realizzazione del servizio. www.networkprofessionale.com 41
    • La determinazione del reddito (9) (art. 143 Tuir) NON sono tassabili:  i fondi pervenuti ai predetti enti a seguito di raccolte pubbliche* effettuate occasionalmente, anche mediante offerte di beni di modico valore o di servizi ai sovventori, in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione;  i contributi corrisposti da Amministrazioni pubbliche ai predetti enti per lo svolgimento convenzionato o in regime di accreditamento di cui all’art. 8, c. 7, d.lgs. 30/12/1992, n. 502, come sostituito dall’art. 9, c. 1, lettera g), d.lgs. 7/12/1993, n. 517, di attività aventi finalità sociali esercitate in conformità ai fini istituzionali degli enti stessi. www.networkprofessionale.com 42
    • *Raccolte pubbliche di fondi Raccolte pubbliche di fondi senza cessione di beni Raccolte pubbliche di fondi con cessione di beni L’attività è non economica e quindi, in ogni caso, non commerciale. L’attività non è commerciale solo alle seguenti condizioni: •si tratta di iniziative occasionali; •la raccolta dei fondi è effettuata in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione; •i beni ceduti per la raccolta dei fondi sono di modico valore. N.b. Nell’ aprile 2010 sono state emanate dall’Agenzia per le Onlus (recentemente soppressa) le linee guida per la raccolta pubblica di fondi www.networkprofessionale.com 43
    • www.networkprofessionale.com 44
    • Agevolazioni enti associativi (1) Nell’ambito degli enti non commerciali, Art. 148, commi 1 e 2, del T.U.I.R www.networkprofessionale.com particolari disposizioni sono previste per gli enti di tipo associativo e quindi anche per le mutue in forma di associazione considera non commerciale, a certe condizioni, l’attività interna, cioè quella rivolta agli associati 45
    • Agevolazioni enti associativi (2) Comma 1, Art. 148 Tuir Esclusione dall’ambito della commercialità, dell’attività svolta nei confronti degli associati o partecipanti, sempreché la stessa sia esercitata in conformità alle finalità istituzionali e in assenza di una specifica corrispettività Conseguente non tassabilità delle somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di quote o contributi associativi. www.networkprofessionale.com 46
    • Agevolazioni enti associativi (3) Comma 2, Art. 148 Tuir delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese agli associati o partecipanti verso pagamento di corrispettivi specifici Conferma la natura commerciale compresi i contributi e le quote supplementari determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto. ancorché in conformità alle finalità istituzionali www.networkprofessionale.com 47
    • Agevolazioni enti associativi (4) CORRISPETTIVI SPECIFICI non sono ordinati alla sopravvivenza dell’ente e all’attuazione degli oggetti sociali, ma piuttosto ad ottenere specifiche prestazioni di servizi. www.networkprofessionale.com 48
    • Agevolazioni enti associativi (5) I corrispettivi specifici resi per cessioni di beni e prestazioni di servizi ad associati o partecipanti si considerano: Reddito d'impresa Redditi diversi Operazioni con carattere di abitualità operazioni con carattere di occasionalità www.networkprofessionale.com 49
    • Agevolazioni enti associativi (6) L’attività svolta nei confronti degli associati o partecipanti, in conformità alle finalità istituzionali, non è considerata commerciale . Le somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di quote o contributi associativi non concorrono a formare il reddito complessivo Deroga Si considerano effettuate nell’esercizio di attività commerciali le cessioni di beni e le prestazioni di servizi (salvo il disposto del c. 1 dell’art. 143) agli associati o partecipanti verso pagamento di corrispettivi specifici Si considerano corrispettivi specifici anche i contributi e le quote supplementari determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto. www.networkprofessi 50
    • Agevolazioni enti associativi (7) I corrispettivi specifici non rilevano esclusivamente nel seguente caso ricorrendo le condizioni previste dall’art. 143, comma 1 (prestazioni di servizi non rientranti nell’art. 2195 C.c., assenza di specifica organizzazione e corrispettivi specifici che non eccedono i costi di diretta imputazione), l’attività svolta a favore dei soci è qualificata come non commerciale. www.networkprofessionale.com 51
    • Esclusione del carattere commerciale delle attività rese nei confronti degli iscritti, associati o partecipanti verso pagamento di corrispettivi specifici in diretta attuazione degli scopi istituzionali, ATTIVITA’ DECOMMERCIALIZZATE - Associazioni politiche, sindacali e di categoria -Associazioni religiose - Associazioni sportive dilettantistiche - Associazioni assistenziali - Associazioni culturali - Associazioni di promozione sociale - Associazioni di formazione extra scolastica della persona www.networkprofessionale.com 1. Attività svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali, effettuate verso pagamento di corrispettivi specifici nei confronti: - degli associati; - di altre associazioni che svolgono la stessa attività e che per legge, regolamento, atto costitutivo o statuto fanno parte di un’unica organizzazione locale o nazionale; - dei tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali 2. Cessioni di proprie pubblicazioni prevalentemente ad associati 52
    • Associazioni di promozione sociale ex Legge 7 dicembre 2000, n. 383 Le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti dei familiari conviventi degli associati www.networkprofessionale.com sono equiparate, ai fini fiscali, a quelle rese agli associati 53
    • le associazioni destinatarie abbiano redatto l'atto costitutivo o lo statuto nella forma dell'atto pubblico o della scrittura privata autenticata o registrata; l'atto costitutivo o lo statuto siano conformi alle clausole indicate nel comma 8 dell'art.148, dirette a garantire la non lucratività dell'associazione e ad evitare fenomeni elusivi 1. 2. divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge; obbligo di devolvere il patrimonio dell'ente, in caso di suo scioglimento per qualunque causa, ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità e salvo diversa destinazione imposta dalla legge; a tal fine dovrà essere sentita l’Authority di cui all'articolo 3, comma 190, della legge n. 662/96; (segue) www.networkprofessionale.com N.b. le funzioni dell’Authoity sono state trasferite al Ministero del lavoro 54
    • Agevolazioni enti associativi (9) 3. 4. 5. 6. disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative volte a garantire l'effettività del rapporto medesimo, escludendo espressamente la temporaneità della partecipazione alla vita associativa e prevedendo per gli associati o partecipanti maggiori d'età il diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell'associazione; obbligo di redigere e di approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario secondo le disposizioni statutarie; eleggibilità libera degli organi amministrativi, principio del voto singolo di cui all'articolo 2532, secondo comma, del codice civile, sovranità dell'assemblea dei soci, associati o partecipanti e i criteri di loro ammissione ed esclusione, criteri e idonee forme di pubblicità delle convocazioni assembleari, delle relative deliberazioni, dei bilanci o rendiconti; intrasmissibilità della quota o contributo associativo ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non rivalutabilità della stessa. www.networkprofessionale.com 55
    • www.networkprofessionale.com 56
    • L’art. 148 c. 4 individua le attività considerate sempre commerciali cessioni di beni nuovi prodotti per la vendita; somministrazione di pasti; erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore; prestazioni alberghiere, di alloggio, di trasporto e di deposito; prestazioni di servizi portuali e aeroportuali; gestione di spacci aziendali e di mense; organizzazione di viaggi e soggiorni turistici; gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale; pubblicità commerciale; telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari. www.networkprofessionale.com 57
    • www.networkprofessionale.com 58
    • Associazioni di promozione sociale Ricomprese tra gli enti di cui all’art. 3, c. 6, l. n.287/91 Finalità assistenziali riconosciute dal Ministero dell’interno Non commerciale (anche se corrispettivi specifici) Somministrazione di alimenti e bevande effettuata presso la sede da bar ed esercizi similari Attività strettamente complementari a quelle svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali www.networkprofessionale.com Organizzazione di viaggi e soggiorni turistici Iscritti Associati Partecipanti …… 59
    • Associazioni politiche e associazioni confessionali con le quali lo Stato ha stipulato accordi Non commerciale (anche se corrispettivi specifici) Organizzazione di viaggi e soggiorni turistici Iscritti Associati Partecipanti …… www.networkprofessionale.com 60
    • Associazioni sindacali e di categoria Non commerciale (anche se corrispettivi specifici) Organizzazione di viaggi e soggiorni turistici Esclusivamente a Iscritti, Associati,Partecipanti …… Cessioni di pubblicazioni anche in prevalenza a non soci riguardanti i contratti collettivi Anche non in prevalenza a a Iscritti, Associati,Partecipanti …… Assistenza in tema di contratti collettivi in prevalenza a a Iscritti, Associati,Partecipanti …… Corrispettivi che non eccedono i costi di diretta imputazione www.networkprofessionale.com 61
    • www.networkprofessionale.com 62
    • Il godimento di tutte le agevolazioni previste dall’art. 148, ai sensi dell’art. 30 del DL 185/2008, è subordinato all’effettuazione di una specifica comunicazione (modello EAS), con la quale devono essere forniti all’Agenzia delle Entrate dati e notizie fiscali. L’inadempimento dell’obbligo comporta la non applicazione del regime agevolato di cui all’art. 148 del tuir, con la conseguenza di considerare i contributi associativi come ricavi commerciali. www.networkprofessionale.com 63
    • Il modello doveva essere presentato all’Agenzia delle entrate in via telematica direttamente dai soggetti interessati o dagli intermediari abilitati entro il 31 dicembre 2009 per gli enti costituiti alla data di entrata in vigore del d.l. (29 novembre 2009) Per gli enti costituitisi successivamente va presentato entro 60 giorni dalla data di costituzione (d. Ag. 21 dicembre 09) www.networkprofessionale.com 64
    • La variazione dei dati precedentemente comunicati va comunicata entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la variazione. La perdita dei requisiti per poter godere del regime di favore va comunicata entro 60 giorni dalla data in cui si è verificata tale circostanza, compilando l’apposita sezione. www.networkprofessionale.com 65
    • L’omessa presentazione del modello nei termini previsti comporta l’inapplicabilità dei benefici fiscali. Non è chiaro però se la violazione debba essere specificatamente contestata dall’ufficio e il momento dal quale iniziano a venir meno gli effetti del regime agevolato. www.networkprofessionale.com 66
    • www.networkprofessionale.com 67
    • SCHEMA DI SINTESI Tipo di attività Regime fiscale L’attività non è commerciale se svolta: Prestazioni di servizi non rientranti in conformità alle finalità istituzionali dell’ente; nell’art. 2195 c.c. a favore dei soci e senza specifica organizzazione ; dei terzi. dietro pagamento di corrispettivi che non eccedano i costi di diretta imputazione Le raccolte pubbliche di fondi L’attività non è commerciale se:  si tratta di iniziative occasionali; la raccolta dei fondi è effettuata in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione;  i beni eventualmente ceduti per la raccolta dei fondi sono di modico valore. L’attività non è commerciale se: Attività in regime di convenzione o di  ha finalità sociali; accreditamento  è svolta in conformità alle finalità istituzionali dell'ente. Attività nei confronti dei soci dietro pagamento di quote associative L’attività non è commerciale se conforme alle finalità istituzionali generiche L’attività non è commerciale alle seguenti condizioni: Attività nei confronti dei soci dietro  l’attività deve essere svolta in diretta attuazione degli scopi istituzionali, pagamento di quote associative e  lo statuto dell’associazione deve essere: corrispettivi specifici redatto nella forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata o registrata; conforme alle clausole indicate nell’art. 148. www.networkprofessionale.com 68
    • Tipo di attività Cessioni di proprie pubblicazioni Regime fiscale L’attività non è commerciale se:  le pubblicazioni sono cedute prevalentemente ai soci  lo statuto dell’associazione è: redatto nella forma dell'atto pubblico o della scrittura privata autenticata o registrata; conforme alle clausole indicate nell’art. 148.  cessioni di beni nuovi prodotti per la vendita; Queste attività sono sempre commerciali  somministrazione di pasti;  erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore;  prestazioni alberghiere, di alloggio, di trasporto e di deposito;  prestazioni di servizi portuali e aeroportuali  gestione di spacci aziendali e di mense;  organizzazione di viaggi e soggiorni turistici;  gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale;  pubblicità commerciale;  telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari. www.networkprofessionale.com 69
    • www.networkprofessionale.com 70
    • Determinazione dell’Ires (1) REDDITO COMPLESSIVO Reddito d’impresa + Redditi da fabbricati + Redditi dei terreni + Redditi da capitale + Redditi diversi - ONERI DEDUCIBILI = REDDITO IMPONIBILE x ALIQUOTA D’IMPOSTA IRES 27,5% = TOTALE IMPOSTA - DETRAZIONI D’IMPOSTA = IMPOSTA www.networkprofessionale.com DA VERSARE: non si versano importi fino a euro 10,33 A CREDITO: che può essere chiesta a rimborso o riportata al successivo periodo d’imposta per compensarla con i debiti successivi 71
    • Determinazione dell’Ires (1) DEDUCIBILITA’ DEI COSTI PROMISCUI (art. 144 c. 4 Tuir) In presenza di spese e altri componenti negativi relativi a beni e servizi utilizzati promiscuamente per l’esercizio di attività commerciale e istituzionale è prevista una detrazione in misura percentuale determinata in base al seguente rapporto: Ricavi commerciali Ricavi commerciali + Ricavi istituzionali N.B.: la ripartizione degli acquisti utilizzati promiscuamente interessa anche la disciplina Iva. www.networkprofessionale.com 72
    • Determinazione dell’Ires (1) DETERMINAZIONE FORFETARIA DEL REDDITO D’IMPRESA Solo per gli enti non commerciali ammessi alla tenuta della contabilità semplificata ai sensi dell’art. 18 del d.P.R. 600/1973, il reddito d’impresa può essere determinato forfetariamente (art. 145 Tuir) come segue. Ricavi x Coefficiente di redditività + Plusvalenze patrimoniali (art. 86 Tuir) + Sopravvenienze attive (art. 88 Tuir) + Dividendi e interessi (art. 89 Tuir) + Proventi immobiliari (art. 90 Tuir) = Reddito d’impresa Attività di prestazione di servizi Ricavi Coefficiente (1) Altre attività Ricavi Fino a € 15.493,71 15% Fino a € 25.822,84 Da € 15.493,71 a € 309.874,14 25% Da € 25.822,84 a € 516.456,90 Coefficiente (1) 10% 15% (1) Se l’ente svolge contemporaneamente i due tipi di attività, il coefficiente si determina con riferimento all’ammontare dei ricavi relativi all’attività prevalente. In mancanza della distinta annotazione dei ricavi si considerano prevalenti le attività di prestazione di servizi www.networkprofessionale.com 73
    • IVA IVA www.networkprofessionale.com 74
    • Le attività nei confronti degli associati (art. 4, c.4 d.P.R. 633/72) Per gli enti che non hanno come oggetto l’esercizio esclusivo o prevalente di attività commerciali o agricole si considerano effettuate nell’esercizio di imprese soltanto le cessioni di beni e le prestazioni di servizi fatte nell’esercizio di attività commerciali o agricole. Si considerano fatte nell’esercizio di attività commerciali anche le cessioni di beni e le prestazioni di servizi ai soci, associati o partecipanti verso il pagamento di corrispettivi specifici, o di contributi supplementari determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto, ad esclusione delle: 1. Attività svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali, effettuate verso pagamento di corrispettivi specifici nei confronti: - degli associati; - di altre associazioni che svolgono la stessa attività e che per legge, regolamento, atto costitutivo o statuto fanno parte di un’unica organizzazione locale o nazionale; - dei tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali www.networkprofessionale.com - Associazioni politiche, sindacali e di categoria - Associazioni religiose - Associazioni sportive dilettantistiche - Associazioni assistenziali - Associazioni culturali - Associazioni di promozione sociale - Associazioni di formazione scolastica della persona 75 extra
    • Attività con presunzione di commercialità (art. 4, c. 5 d.D.R. 633/72) Cessioni di beni nuovi prodotti per la vendita, escluse le pubblicazioni delle associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extrascolastica della persona cedute prevalentemente ai propri associati; erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore; gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale; gestione di spacci aziendali, gestione di mense e somministrazione di pasti; trasporto e deposito di merci; trasporto di persone; organizzazione di viaggi e soggiorni turistici; prestazioni alberghiere o di alloggio; servizi portuali e aeroportuali; pubblicità commerciale; telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari. www.networkprofessionale.com 76
    • Enti non commerciali e recepimento della Direttiva Servizi (Direttiva n. 2008/8/CE) – D.lgs. 18/2010 Art. 7 ter Dpr 633/72 Prestazioni di servizi generiche a soggetti passivi Iva: imponibilità nel luogo ove è stabilito il committente Prestazioni a soggetti privati: imponibilità nel luogo del prestatore www.networkprofessionale.com 77
    • Enti non commerciali e recepimento della Direttiva Servizi (Direttiva n. 2008/8/CE) – D.lgs. 18/2010 ENTE NON COMMERCIALE CON PARTITA IVA Un Enc ha la partita iva se: - Svolge contestualmente attività istituzionale e commerciale - svolge solo attività istituzionale, ma ha effettuato acquisti intra di beni per più di 10.000 euro (obbligo di richiedere la p.iva) - svolge solo attività istituzionale, ha effettuato acquisti intra di beni per non più di 10.000 euro ma ha optato per l’applicazione dell’Iva sugli acquisti in Italia (art. 38 c.6 d.l. 331/93) Circolare Agenzia Entrate 58/E del 31/12/2009 Il possesso della partita Iva da parte di un Enc comporta la sua qualificazione quale soggetto passivo ai fini della territorialità Iva, a prescindere che agisca nell’ambito dell’attività istituzionale o commerciale www.networkprofessionale.com 78
    • Enti non commerciali e recepimento della Direttiva Servizi (Direttiva n. 2008/8/CE) – D.lgs. 18/2010 ENTE NON COMMERCIALE CON PARTITA IVA Committente della prestazione è Enc italiano con partita iva, anche se acquista per l’attività istituzionale -Prestazione assoggettata ad Iva in Italia - NO DETRAZIONE se l’acquisto è per l’attività istituzionale ADEMPIMENTI PER ACQUISTI NELL’AMBITO DELL’ATTIVITA’ ISTITUZIONALE 1. Emissione autofattura e annotazione della stessa in apposito registro 2. Versamento mensile dell’iva dovuta 3. Presentazione del modello Intra 12 4. Presentazione del modello Intra 2-quater per i servizi UE generici ADEMPIMENTI PER ACQUISTI NELL’AMBITO DELL’ATTIVITA’ COMMERCIALE 1. Emissione autofattura e annotazione della stessa nel registro delle fatture emesse e in quello degli acquisti (reverse charge) 2. Presentazione del modello Intra 2-quater per i servizi UE generici 3. In caso di applicazione della 398/91 non c’è detrazione forfetaria ma l’Iva è intermente versata www.networkprofessionale.com 79
    • Enti non commerciali e recepimento della Direttiva Servizi (Direttiva n. 2008/8/CE) – D.lgs. 18/2010 ENTE NON COMMERCIALE SENZA PARTITA IVA Committente della prestazione è Enc italiano SENZA p.iva Iva assolta dal PRESTATORE del servizio nello Stato UE di residenza Per acquisti di beni UE fino al raggiungimento di 10.000 euro, senza opzione per imponibilità in Italia Presentazione del modello Intra13 PRIMA di ciascun acquisto (comunicazione dell’ammontare dell’acquisto e degli acquisti di beni effettuati fino a quella data, per valutare il superamento del limite). www.networkprofessionale.com 80
    • Agevolazioni ex legge 398/1991(1) CENNI www.networkprofessionale.com 81
    • Agevolazioni ex legge 398/1991 (1) Regime agevolato sia ai fini Ires, sia ai fini Iva Esistenza di requisiti ai fini dell’applicabilità: Oggettivi: ricavi dell’esercizio precedente non superiori a 250.000 euro (ai fini del computo del limite vale il criterio di cassa; per gli enti di nuova costituzione l’ammontare va commisurato ai giorni intercorrenti tra l’apertura e il 31/12) + esercizio di idonea opzione Soggettivi: Società sportive Asd riconosciute dal Coni o dalle Federazioni sportive nazionali Asd non riconosciute dal Coni o dalle Federazioni sportive nazionali, ma da enti di promozione sportiva Associazioni senza scopo di lucro e pro loco www.networkprofessionale.com 82
    • Agevolazioni ex legge 398/1991 (2) Opzione e revoca. L’opzione o la revoca per il regime agevolato, vincolante per 5 anni, va comunicata: alla SIAE, all’ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate. Il superamento del limite di 250.000 euro nel corso del periodo d’imposta fa sì che gli effetti del regime cessino dal mese successivo a quello di superamento. Da questa data si applicano le disposizioni ordinarie in tema di Iva. In ogni caso, il comportamento concludente del contribuente fa desumere l’opzione per il regime agevolato. Il reddito deve essere dichiarato nel quadro RG del Modello Unico Enti non commerciali. www.networkprofessionale.com 83
    • Agevolazioni ex legge 398/1991 (3) Adempimenti: tenuta del registro di cui al D.M.11/2/1997 in cui vanno annotate tutte le operazioni relative al mese precedente entro il 15 di ogni mese Annotazione separata nel registro delle attività istituzionali, commerciali, plusvalenze patrimoniali e operazioni intracomunitarie conservazione e numerazione delle fatture emesse e di acquisto versamento trimestrale dell’Iva presentazione del Modello Unico Enc , Modello 770s (se necessario), Modello Intra (se necessario) Esoneri: Tenuta delle scritture contabili Presentazione della Dichiarazione Iva Emissione di scontrini e ricevute fiscali www.networkprofessionale.com 84
    • Agevolazioni ex legge 398/1991 (4) Condizione. Tutte le entrate e le uscite dell’associazione quando superano 516,46 euro devono transitare tramite un conto corrente bancario o postale. Il transito è effettuato regolarmente se sono espressamente indicati l’erogante e il percipiente, e pertanto quando i pagamenti sono effettuati tramite: bancomat o carta di credito; assegno non trasferibile; bonifico bancario; bollettino di conto corrente postale. Sono quindi esclusi gli assegni ordinari, la cui destinazione finale non è certa e trasparente. In caso contrario l’ente decade dai benefici previsti dalla legge 398/91. Per tale motivo gli enti che vogliono optare per il regime agevolato deliberano l’apertura di un conto corrente. www.networkprofessionale.com 85
    • Agevolazioni ex legge 398/1991 (5) Imposte dirette Imponibilità ai fini Ires del 3% dei ricavi commerciali, derivanti da sponsorizzazioni, pubblicità, diritti radio, televisivi o altro. L’attività istituzionale non è tassata. www.networkprofessionale.com 86
    • Agevolazioni ex legge 398/1991(6): Iva Il versamento deve essere effettuato, senza maggiorazione degli interessi dell’1%: entro il 16 maggio (I° trimestre); entro il 16 agosto (II° trimestre); entro il 16 novembre (III° trimestre); entro il 16 febbraio (IV° trimestre). I codici tributo da utilizzare per il modello F24 sono i seguenti: 6031, 6032, 6033 e 6034. www.networkprofessionale.com 87
    • Agevolazioni ex legge 398/1991(7): Iva - forfetizzazioni Attività Detrazione forfetaria Diritti tv o trasmissioni radio 1/3 Sponsorizzazioni 10% Pubblicità 50% Altro 50% Attività istituzionale www.networkprofessionale.com Nessuna imposizione 88
    • SEBASTIANO DI DIEGO Come Fondatore ed Equity Partner dirige e coordina tutte le attività di consulenza del Networkprofessionale. Dottore commercialista e Revisore legale dei conti ha maturato una notevole esperienza nei seguenti ambiti: corporate finance, M&A, business planning e corporate strategy. È sindaco di società di capitali ed enti e, su incarico del Ministero dello Sviluppo Economico, è Commissario liquidatore di alcune cooperative. È inoltre docente di Economia e gestione delle imprese presso l'Università degli Studi di Camerino. Relatore in numerosi convegni di aggiornamento professionale, è autore per WKI, Il Sole 24 Ore, Franco Angeli, Giuffrè editore, Maggioli editore, Sistemi Editoriali Esselibri e Cesi Multimedia, di numerose pubblicazioni in materia aziendale e societaria che hanno riscosso un notevole successo presso il pubblico. E-mail: didiego@studiofdz.com