Your SlideShare is downloading. ×
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"

11,014

Published on

Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"

Nuovo giornale di classe 3 N "ultima edizione"

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
11,014
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 1VIAGGIO NELLE NOTIZIEa.s. 2012/13 anno 2 no 3 a cura della 3° N CESANO MADERNO (MB), via Cozzi 7LA S.M.S D’ACQUISTO INCONTRA EGEO MANTOVANIPRESIDENTE ONORARIO DELL’ ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANIENRICO LETTA È ILNUOVO PRESIDENTEDEL CONSIGLIOIl presidente della RepubblicaGiorgio Napolitano haconferito a Enrico Letta, vicesegretario del Partitodemocratico, lincarico per laformazione di un nuovogoverno dopo quasi 60 giornidalle elezioni a causa dellagrande incertezza politica cheè stata la conseguenza delleconsultazioni elettorali. Saràun governo di larghe intesenel tentativo di sbloccare lostallo seguito alle elezioni del24 e 25 febbraio. Continua apag.15NAPOLITANO VIENERIELETTO PRESIDENTEDELLA REPUBBLICAA pag.12GLI ALUNNI DELLA 3° NHANNO INTERVISTATOIL SINDACO DI CESANOMADERNO GIGI PONTIA pag. 8INTERVISTA A EGEOMANTOVANI , PRESIDENTEANPIContinua a pag.2L’Associazione NazionaleAlpini di Cesano Madernoincontra le classi terzeIl 18 marzo l’AssociazioneNazionale Alpini di CesanoMaderno ha incontrato leclassi terze della scuola mediaS. D’AcquistoIncontro con l’exmagistratoGherardo ColomboMercoledì 20 marzo si ètenuto un incontro all’ istitutoMajorana di Cesano Madernocon il famoso magistrato diMani pulite GherardoColombo.Continua a pag.4Intervista a GherardoColombo continua a pag.5Le terze della scuola mediaSalvo d’Acquisto di CesanoMaderno disputano iltorneo di pallavolo.La classe vincitrice è stata laIII G.A pag. 11
  • 2. 2Intervista al partigiano Egeo MantovaniCESANO MADERNO – Il giorno 18 aprile 2013, le classi terze della scuola media Salvo d’Acquisto,hanno incontrato il partigiano Egeo Mantovani, presidente onorario dell’ANPI della sezioneprovinciale di Monza e Brianza.Pensa che se ora riaccadessero gli stessi fatti, i giovani avrebbero la stessa determinazione nellalotta partigiana o gli agi di ora modificherebbero l’esito?Non so, oggi, cosa avrebbero fatto i giovani, vedo che manifestano per la pace. Devono tenere inmente che pace vuol dire ricostruire, mentre guerra distruggere e per ricostruire occorrono moltianni. Il sacrificio da parte dei giovani di allora fu enorme perché diedero tutto per la liberazionedella loro patria. Sta a noi giovani di oggi e di domani, fare una strada verso il progresso.Durante la guerra ha perso una persona a lei cara?No, non ho mai perso nessun membro della mia famiglia, anche se mio fratello ha rischiato diessere fucilato perché si era rifiutato di indossare la divisa fascista e soltanto grazie all’interventodi un suo caro amico fascista si salvò.Cosa ha provato alla notizia dell’armistizio dell’8 settembre 1943?L’8 settembre sono rientrato nella mia caserma Marconi a Bologna, dove mi occupavo diriparazioni ai motori di autoveicoli. Alle 23.00 di quello stesso giorno alla radio, fu annunciatol’armistizio con gli Alleati. Io ero in libera uscita e, preoccupato di non aver ricevuto nessun ordine,presi due soldati e andai in giro per la città; qui notai che tutta la popolazione era in festa per lacaduta della dittatura fascista, e ritornai alla caserma. In piena notte, i tedeschi occuparono lacaserma e mi svegliarono costringendomi ad alzarmi. Mi portarono fuori insieme ai miei compagnied ad un tratto decisi di scappare. Andai da mia zia e mi vestii in borghese per non farmiriconoscere dai fascisti; mentre i miei compagni furono portati con il treno al campo diconcentramento di Auschwitz.
  • 3. 3Qual è il momento della guerra che le è rimasto più impresso?Una delle azioni che ho fatto in guerra che mi è rimasta impressa è stata quella della liberazionedel 1945. Avevamo occupato, dopo l’ordine di insurrezione, una caserma, per recuperare dellearmi. Andammo a liberare la città e catturammo e uccidemmo alcuni tedeschi.In quale brigata partigiana ha combattuto?Io facevo parte del Fronte della Gioventù, un gruppo di giovani. Non ero iscritto ad alcun partito,quando nel 1947 si è sciolta la fondazione, ognuno di noi ha potuto fare le proprie scelte.Cosa ha provato ad uccidere?Uccidere, per me, è molto brutto soprattutto perché non sai chi ammazzi.Cosa pensò quando i tedeschi liberarono Mussolini dal Campo Imperatore, nel Gran Sasso?Non ero felice quando ho saputo che Mussolini era libero, ma soprattutto pensavo che il reVittorio Emanuele III, quando si ritirò a Brindisi, doveva portare con lui anche Mussolini.Qual era il suo nome di battaglia?Giorgio in ricordo di un piccolo bambino che faceva la staffetta partigiana.Alessandra DiottiMarianna OrsiElia Toniato
  • 4. 4Gherardo Colombo incontra gli studenti della scuolamedia Salvo d’AcquistoCESANO MADERNO- Mercoledì 20 marzo si ètenuto un incontro all’ istituto Majorana diCesano Maderno con il famoso magistrato diMani pulite Gherardo Colombo.Le classi di tutti e due i plessi hanno potutoassistere con molta attenzione e curiosità aduna prima introduzione sulla sua persona,dopo di che l’argomento si è spostato su unaserie di riflessioni estrapolate (con un po’ difatica) dagli studenti sulla CostituzioneItaliana e sull’importanza della conoscenza,del rispetto delle regole e della scuola perché“se non so, non sono libero di scegliere”.Questo discorso è stato introdotto da unasimpatica canzone rap creata e cantata dadegli alunni che hanno fatto comprendere ehanno anticipato brevemente il tema con untipo di linguaggio diretto e più vicino al mododi comunicare dei giovani.In seguito il magistrato si è aperto verso glialunni a rispondere alle numerose domande(provenienti soprattutto dalla classe 3°N diVia Cozzi) riguardanti la sua carrieralavorativa. Attenzione e interesse sono stateposte anche alla sua vita prima del lavoro dimagistrato e riguardo la decisione di questomestiere nobile, socialmente utile, ma anchemolto rischioso che ha scelto per il desideriodi aiutare gli altri.Inoltre, prima del termine di questo dibattito,ci ha presentato il suo libro “Sei stato tu? LaCostituzione attraverso le domande deibambini”.Alla conclusione dell’ incontro i ragazzi della3°N hanno chiesto a Gherardo un autografoper la loro amata prof. Viola.Dopo questa interessante ed inconsuetamattinata, le classi sono tornate nelle propriescuole con qualche conoscenza e cultura inpiù.Ivan MacalusoFrancesca Pogliani
  • 5. 5Intervista all’ex magistrato Gherardo ColomboCome considera la Costituzione?È il mio punto di riferimento, infatti la mia scala di valori è uguale a quella della Costituzione.Come si svolge una giornata tipica di un magistrato?Dipende dal tipo di magistrato che si tiene in considerazione. Ad esempio: il pubblico ministero sioccupa di fare le indagini; invece per i giudici è diverso, esistono vari tipi: i giudici penali chedecidono chi è innocente e i giudici civili che decidono chi ha ragione attraverso le prove. Inoltre igiudici, ricevono ed esaminano i casi, interrogano gli indagati, vanno in udienza e controllanol’accaduto con le prove.Qual è il processo che ha sostenuto che considera più importante rispetto agli altri?Secondo me ogni processo ha una sua storia, è diverso dagli altri; infatti i giudici sono tenuti aconsiderare tutti i casi molto importanti,Qual è il suo articolo preferito?Il mio articolo preferito è l’articolo 3, e secondo me è anche quello più importante, perché harovesciato il modo di vivere nel mondo, infatti questo articolo dice che tutti i cittadini sono egualidavanti alla legge, senza distinzioni.Cosa si prova a giudicare le persone?Io credo che giudicare è un rischio molto importante perché si può sbagliare e moralmente èmolto pesante.Perché ha deciso di scrivere un libro?Io ho deciso di scrivere un libro perché sono convinto che la Costituzione non si realizzerà con itribunali, ma trasmettendo agli altri questo pensiero, andando anche nelle scuole per spiegare airagazzi cosa significa la Costituzione.Perché ha deciso di fare il magistrato?Io ho deciso di fare il magistrato perché è un lavoro utile alle persone; quando ero piccolo vedevomio papà fare il medico, aiutare gli altri, e così decisi di aiutare anche io gli altri, facendo ilmagistrato, perché non volevo fare il medico.Alessandra DiottiMarianna Orsi
  • 6. 6L’Associazione Nazionale Alpini incontra le classiterzeCESANO MADSERNO- Il 18 marzol’Associazione Nazionale Alpini ha incontratole classi terze della scuola media S.D’Acquisto. I ragazzi hanno potuto ascoltarela testimonianza di un alpino ex combattentee hanno osservato due elmetti: il primo inacciaio, l’elmetto Adrian, che l’Italia avevacomprato dalla Francia, l’altro è statoritrovato da un alpino in montagna. L’Associazione Nazionale Alpini nasce nel 1872fondata da Giuseppe Rocchetti, conl’obiettivo di proteggere le Alpi, da qui ilnome alpini. Inizialmente furono istituite 15compagnie, formate da circa 100 persone,che combatterono per la prima volta nel1896 in Africa, contrariamente a quello percui erano stati addestrati , cioè combattere inmontagna. Seguirono altre tre guerre inAfrica. Tutt’oggi gli alpini sono attivi:partecipano a manifestazioni e intervengonoin caso di emergenza sul territorio aiutandola Protezione Civile. Il loro simbolo è ilcappello con la penna nera per i sottoufficiali,bianca per gli ufficiali superiori. Altracaratteristica sono i loro canti.A fine incontro ogni classe ha ricevuto ungagliardetto in ricordo del 50° anno dallafondazione dell’Associazione Nazionale Alpinie di tutto quello che gli alpini hanno fatto efanno per l’Italia.Simone ColuccioLuca FiorinoFrancesca Pogliani
  • 7. 7Intervista a Paolo Betti, membro dell’A.N.A. diCesano MadernoHai mai ricevuto un premio negli alpini?Sì, ho ricevuto un attestato dopo i settanta anni, firmato da Giorgio Napolitano e in più duemedaglie.Perché ti hanno assegnato le due medaglie?La prima medaglia che ho ricevuto me l’ hanno assegnata quando con la protezione civile horiparato la scuola di Furigno dopo il terremoto. La seconda mi è stata assegnata adesso per i 50anni di collaborazione con gli alpini.Raccontami un po’ del tuo passato ..…Ho fatto l’alpino come servizio militare e mi sono iscritto alla associazione degli alpini a circa 24anni poi a 50 mi sono iscritto alla protezione civile e quando ho raggiunto l’età massima di 70 annimi hanno dimesso e mi hanno dato un altro attestato per la collaborazione, che però io nonconto come premio perché per me è stato un dovere ed un piacere partecipare alla ProtezioneCivile ed aiutare chi aveva bisogno.Tu che hai vissuto il periodo di Mussolini spiega come si viveva in quel momento di guerra.Si viveva male. Era brutto e c’era la guerra. Per mangiare serviva la tessera del fascismo e la miafamiglia non l’aveva voluta prendere e così ci veniva dato metà del cibo che dovevamo avere. A 13anni andavo io in bicicletta per circa 15/20 Km a prendere il frumento ed il granturco ma a volte ametà strada mi fermavano i fascisti e mi prendevano tutto.Simone Betti
  • 8. 8Intervista al sindaco di Cesano M. GIGI PONTIIl 13 maggio scorso tre alunni della classe della classe 3° N della scuola media Salvo d’Acquisto diCesano Maderno hanno incontrato il sindaco Gigi Ponti.Quando e perché ha deciso di candidarsi alla carica di sindaco?Dovete sapere che io ho fatto il sindaco per altri tre mandati prima di svolgere quello che èattualmente in corso. Ho iniziato a fare il sindaco da giovane, difatti lo sono diventato quandoavevo circa trenta anni. Già prima avevo fatto 5 anni nel Consiglio Comunale; l’occasione nellaquale sono diventato sindaco è una situazione diversa da quella che si presenta oggi perché sinoagli anni ’90 i sindaci venivano eletti dal Consiglio Comunale, oggi invece vengono eletti daicittadini. Io la prima volta sono stato eletto dal Consiglio Comunale, quindi quando sono statoricandidato, nel 1995, con la forma di elezione attuale, mi sono candidato perché volevoconcludere un progetto su alcuni temi che amavo particolarmente, come il patrimonio artistico diCesano e lo sviluppo del territorio. Avevo in mente, insieme con altri, un progetto che recuperasseil poco verde rimasto e che salvasse i palazzi storici di Cesano.In che cosa consiste la carica di sindaco? Qual è la sua giornata tipica?È una carica molto impegnativa che consiste nello sviluppare un progetto di città lungo almenocinque anni, ma che guarda anche oltre e che risponde ai bisogni dei cittadini. Un comune sioccupa di sicurezza, di scuola, di cultura, di opere pubbliche e di tutela del territorio. La miagiornata tipica è quella di un sindaco che continua a lavorare, cioè metà giornata, normalmente lamattina, svolgo il mio lavoro, invece, il pomeriggio e la sera li dedico alla mia attività in comune;quindi incontro persone, partecipo alle riunioni oppure preparo i progetti.Quali sono i progetti in corso di svolgimento o che sta pianificando di fare?I provvedimenti più importanti che stiamo perfezionando sono il bilancio e preventivo del comune,che dovrà essere approvato entro giugno e il nuovo piano di governo del territorio cheapproveremo tra un mese. Stiamo anche svolgendo nuovi progetti culturali e stiamo lavorandomolto anche con gli altri comuni.Ha in mente qualche provvedimento economico vista la crisi di questo periodo?Non ho in mente provvedimenti specifici perché un comune ha dei margini di libertà, ma devecomunque rispettare il progetto regionale. Sto cercando di intervenire organizzando progetti checreino possibilità per le quali ci siano più posti di lavoro.Ha in mente qualche progetto sportivo-culturale per i ragazzi?I progetti sportivi hanno un obiettivo fondamentale : favorire l’avviamento allo sport. Stiamoanche facendo un progetto di rete perché, favorendo lo sport, siamo sicuri di dare dei vantaggi achi vive a Cesano. Adesso stiamo lavorando per recuperare le palestre che si trovano nelle scuole e
  • 9. 9cercheremo di collaborare sempre di più con le associazioni sportive e con il mondo delvolontariato.Quali sono i suoi progetti di modernizzazione per Cesano?I progetti di modernizzazione per Cesano fanno parte di un’organizzazione dal punto di vistadell’utilizzo delle tecnologie moderne e quindi la possibilità di fare accedere i cittadini ai servizi chevengono dai comuni riguardanti le applicazioni via internet piuttosto che altre iniziative checercano di puntare ad un sistema di trasporto all’interno del comune più moderno ed efficiente,con piste ciclabili e con più mezzi pubblici. Ci prepariamo per il futuro cercando di sostenere ipercorsi di formazione a favore dei giovani come voi che tra pochi anni entrerete nel mondo dellavoro.Pensa di fare qualcosa per stimolare i ragazzi allo studio?Cerchiamo di offrire il meglio ai ragazzi attraverso le risorse umane rappresentate dai nostridocenti; siamo fieri di essere arrivati al terzo posto come migliori scuole della Lombardia ed ilnostro obiettivo futuro è quello di migliorarci ancora di più.Visto che Cesano ha conosciuto episodi di mafia, come li ha gestiti il comune e come pensa digestirli?Il comune ovviamente è un’istituzione che collabora con altre che, sotto il profilo della sicurezza,lavorano per contrastare questo fenomeno come la Polizia di Stato. Il loro riferimento èsicuramente la Magistratura che si impegna in questo ambito. Un comune può fare in modo che lasua attività sia regolamentata nel modo più corretto possibile. La nostra istituzione può avere unruolo fondamentale nel divulgare i rischi legati a questo fenomeno ai cittadini.Quando ha intenzione di intervenire per la manutenzione delle scuole del comune, visto cheabbiamo riscontrato che diverse necessitano di vari interventi?Stiamo facendo tutto il possibile per l istruzione e molti fondi li stiamo devolvendo in questo, mafacendo comunque una media tra le scuole d Italia, come metteva in risalto una statisticaregionale, siamo comunque il terzo miglior comune della Lombardia.Come si trova ad amministrare Cesano Maderno? Che visione si è fatto di questa città?Cesano è la città che amo, credo di conoscere tutto quello che deve essere sistemato e ma anche isuoi punti di forza, per esempio abbiamo un bellissimo parco, sto parlando del parco AreseBorromeo.
  • 10. 10Il mio progetto cerca di far crescere Cesano senza dimenticarmi di nessuno, dal più povero al piùricco, dal più esigente al meno.Jacopo Del FornoAlexandru HudisteanuIvan Macaluso
  • 11. 11Le terze della scuola media Salvo d’Acquisto diCesano Maderno disputano il torneo di pallavoloCESANO MADERNO- Sfortunatamentel’esperienza nel torneo di pallavolo della III Nnon è stata ottima. La squadra allenata dallaprof.ssa Lo Giacco con molta grinta eimpegno ha seguito i consigli dell’insegnantee ha fatto il possibile per battere le tresquadre del proprio girone. Il 22 gennaio la IIIN ha dovuto affrontare la III B. I ragazzi dellaIII N hanno subito un pesante 2-0 ma incampo la superiorità della III B era evidente.Una settimana dopo, contro la III D è statauna sconfitta per 2-0. Nel primo set la III N hatenuto testa agli avversari, anche questavolta superiori, ma nel secondo set ledistanze tra le due squadre si sono vistemaggiormente.Il 4 febbraio finalmente si sono viste lequalità della III N, contro la III C i ragazzi sisono impegnati al massimo per nonconcludere il girone ultimi e a zero punti e cisono ben riusciti, la partita è finita 2-0 per laIII NLe prime tre classificate di ogni istituto sisono incontrate per la finale. La classe che èrisultata vincitrice è stata la III G del plesso divia San Marco.Simone ColuccioSimone Betti
  • 12. 12Napolitano accetta e si prepara al suo storicosecondo mandatoCESANO MADERNO- "Ho accolto linvito aprestare di nuovo giuramento perché lItalia sidesse nei prossimi giorni il governo di cui habisogno. E farò a tal fine ciò che mi compete.Eserciterò le funzioni che la Costituzione miattribuisce fino a quando la situazione delpaese e delle istituzioni me lo suggerirà ecomunque le forze me lo consentiranno".Queste le prime parole di Napolitano,affermate ricevendo i presidenti delleCamere, Pietro Grasso e Laura Boldrini, chegli hanno comunicato ufficialmente la suarielezione alla presidenza della Repubblicacon ben 738 voti contro i 217 di StefanoRodotà.“O fate il governo o darò le mie dimissioni”questo il compromesso per cui il due voltePresidente della Repubblica che succede a sestesso (mai successo nella storia italiana) èpronto a dare una mano all Italia in questoperiodo di recessione con i suoi 87 anni (88 agiugno) di esperienza.E stato eletto al sesto scrutinio dopo averaccettato la ricandidatura al Quirinale grazie aun forte pressing da parte di Pd, Pdl e Sceltacivica; quindi i tre partiti e le loro coalizioni,mettendo insieme i voti, hanno creato ipresupposti perché Napolitano fossericonfermato.Durante il suo discorso di giuramento svoltolunedì alle ore 17.00 si emoziona tre volte,per tre volte si ferma e per tre volte ilParlamento lo applaude come per sostenerlo.Le votazioni sono iniziate il 18 aprile con unnulla di fatto per Franco Marini, poi si sonosuccedute altre 5 votazioni con esito negativoe la grande sconfitta di Romano Prodi,sostenuto dal PD.Ora Napolitano dovrà portare fuori dallarecessione, assieme al futuro presidente delconsiglio, questo paese che, come detto dallUE, è sulla strada giusta.Un compito molto difficile ma che questaItalia è all altezza di affrontare.Ivan Macaluso
  • 13. 13Bombe sulla maratona di Boston, tre mortiCESANO MADERNO- Il 15 aprile scorso,allarrivo della maratona di Boston, duebombe sono esplose, facendo perdere la vitaa tre persone, tra cui un bambino di otto anniche aspettava che il papà arrivasse altraguardo, e ferendone quasi 200. Tra questipiù di 10 hanno subito amputazioni, compresialcuni podisti colpiti dallonda durto generatadallesplosione. Nel suo discorso alla nazione,Obama non ha mai pronunciato la parolaterrorismo. Ma per lFbi non ci sono dubbi,resta da capire il tipo di matrice che haispirato lattacco. Resta in piedi sia lipotesiislamica che quella del terrorismo interno. Findalle ore successive allattentato, la polizia diBoston e un gruppo di agenti federali hannoperquisito un appartamento in un sobborgo diBoston, nel quartiere di Revere. Le forze disicurezza, tra i quali anche uomini dellaHomeland Security e del servizioimmigrazione, sono scese in forze nellarea, acirca 8km dal centro della città. Una fonteanonima ha assicurato alla stampa americanache la perquisizione è da collegare alleesplosioni di poche ore prima alla maratona.Gli abitanti degli edifici hanno raccontato diesser stati lasciati al buio. Nel corso dellanotte, lallarme è stato esteso anche alle cittàdi New York e Washington. Sul cielo di Bostonlo spazio aereo è rimasto chiuso per molteore. A Londra, in vista, della maratona dellaprossima settimana, la polizia ha subitorafforzato le misure di sicurezza.Jacopo Del Forno
  • 14. 14Pioggia di meteoriti in Russia, oltre 1000 feritiCESANO MADERNO- Il 15 febbraio scorso, inRussia, circa 1200 persone sono rimasteferite in seguito allesplosione di unmeteorite nella zona dei Monti Urali.Secondo il governatore della regione i danniammontano a 1 miliardo di rubli (25 milionidi euro) e gli edifici con i vetri rotti sono circa300. Sono state danneggiate tre sottostazionidel gas, tagliando fuori dalla distribuzionecirca 2mila persone, sei ospedali e sediciscuole. I feriti, tra i quali oltre 160 bambini,sono stati colpiti dai vetri andati in frantumi acausa dellonda durto provocata dalladisintegrazione di un meteorite di qualchemetro di diametro e di circa 10 tonnellate dipeso, avvenuta tra 30 e 50 km di altezza dalsuolo. Il presidente Putin ha dichiarato diessere preoccupato per la situazione che si èverificata nella zona dei monti Urali e hachiesto di inviare sul luogo un gruppo dispecialisti della Protezione Civile per valutarei danni e dare un ulteriore aiuto alle personecolpite.Jacopo Del Forno
  • 15. 15Enrico Letta è il nuovo presidente del consiglio deiministri italianoCESANO MADERNO- Il presidente dellaRepubblica Giorgio Napolitano ha conferito aEnrico Letta, vice segretario del Partitodemocratico, lincarico per la formazione diun nuovo governo dopo quasi 60 giorni dalleelezioni a causa della grande incertezzapolitica che è stata la conseguenza delleconsultazioni elettorali. Sarà un governo dilarghe intese nel tentativo di sbloccare lostallo seguito alle elezioni del 24 e 25febbraio.Ha scelto lui perché “appartiene a unagenerazione giovane, ma ha già accumulatoimportanti esperienze” come affermato dallostesso Capo dello Stato. “Si è aperta la solaprospettiva possibile, di larga convergenza traforze politiche che possono assicurare algoverno la maggioranza in entrambe leCamere”, ha detto ai giornalisti al Quirinale.Hanno assicurato il proprio appoggio oltre alPd anche il Pdl di Silvio Berlusconi, Sceltacivica di Mario Monti, Lega Nord e FratellidItalia. Contrari il Movimento 5 stelle e S.E.L.Letta ha ammesso che “si tratta di un compitodifficile e complesso da svolgere in unasituazione fragile e inedita, la politica haperso tutta la sua credibilità, dobbiamoritrovarla tutti e insieme”“Il primo impegno è dare risposteallemergenza del lavoro e della povertà”, hadetto Letta al Quirinale.Il popolo italiano augura con tutto il cuoreche questo nuovo Presidente del ConsiglioEnrico Letta riesca a cambiare la situazionepolitica ed economica dell’Italia, ormai indeclino.Ma il nuovo Presidente del Consiglio deiministri avverte "il governo non nascerà atutti i costi ma solo se ci saranno lecondizioni".Ivan Macaluso
  • 16. 16Habemus Papam!CESANO MADERNO- Il 13 marzo 2013 versole ore 19.00 il conclave ha eletto un ponteficeargentino di origini italiane: Jorge MarioBergoglio, dopo le inaspettate dimissioni diPapa Ratzinger annunciate l 11 febbraio2013. Papa Francesco (così si chiamerà inonore di San Francesco d Assisi) è l unicogesuita del Conclave, arcivescovo di BuenosAires. Era stato contendente di JosephRatzinger al Conclave del 2005. È il primopontefice extraeuropeo della storia. È stato ilcardinale protodiacono, Jean-Louis Tauran adannunciare al mondo il 265° successore diPietro. Obama ha detto che «è un giornostorico, perché Francesco è il paladino deipoveri». Napolitano emozionato e colpitodalla semplicità del Papa, come del resto unpo tutti noi. Prima di parlare però del suoruolo di Papa, parliamo di come vi è arrivato:Bergoglio è professore di letteratura epsicologia. È nato a Buenos Aires il 17dicembre del 1936, ha studiato e si èdiplomato come tecnico chimico, ma poi hascelto il sacerdozio ed è entrato nelseminario di Villa Devoto. L11 marzo 1958 èpassato al noviziato della Compagnia di Gesù,ha compiuto studi umanistici in Cile e nel1963, di ritorno a Buenos Aires, haconseguito la laurea in filosofia. È statoordinato sacerdote nel dicembre 69.Maestro di novizi a Villa Barillari, San Miguel,nel 73 è stato eletto ProvincialedellArgentina, incarico che ha esercitato persei anni. Inoltre ha scritto diversi libri che,dopo la carica di pontefice, sono diventatipiuttosto noti. Giovanni Paolo II lo nominòvescovo titolare di Auca e ausiliare di BuenosAires nel maggio del 92. Il 27 giugno dellostesso anno ricevette nella cattedrale diBuenos Aires lordinazione episcopale. Unacuriosità: quando fu ordinato cardinale nel2001, obbligò i suoi compatrioti che avevanoorganizzato raccolte fondi per presenziarealla cerimonia di Roma, a restare in Argentinae a donare i soldi ai poveri. Si è preparato alConclave rimanendo in silenzio e inpreghiera. E sempre stato un cardinaleumile, riservato e attento ai poveri.“Bisognava dare un vescovo a Roma. I fratellicardinali sono andati a prenderlo quasi allafine del mondo - sono state le sue primeparole dal balcone di San Pietro - ci vuolefratellanza, amore e fiducia tra noi, anche trail vescovo e il suo popolo”. E da queste frasi siintuisce che sarà un Papa aperto al dialogocon tutti, fedeli e non. E anche un Papa checercherà di riavvicinare la Chiesa alla gente. Ifedeli in piazza San Pietro sono rimasti colpitidalla sua sicurezza e dalla sua semplicità.Oppositore del lusso e degli sprechi, harifiutato l anello d oro e si è pagato lalbergo in cui pernottava con i suoi soldi enon con quelli della Chiesa, ciò la dice lungasul suo stile di vita e fa ben pensare in unarivoluzione per la Chiesa.Ivan Macaluso
  • 17. 17Raccolta di testimonianze sulla seconda guerramondialeIncontro con Maria LocatiPer avere delle testimonianze dal fascismo alla fine della seconda guerra mondiale, ho intervistatomia nonna, nata nel 1937, e le ho chiesto cosa si ricordava di questo argomento. Ecco alcune delleinformazione che ho ricavato:1) Mia nonna frequentava la seconda elementare, all’intervallo della scuola, giocando in cortile, incaso arrivassero dei Balilla (organizzazione giovanile comprendente giovani fascisti a partire daidiciassette anni) nel cortile, ci si radunava tutti in fila e si faceva il saluta fascista (mano destraalzata in alto).2) Finita la guerra il nonno della mia nonna gli ha raccontato un episodio che è successo al papà dimia nonna, cioè il mio bisnonno, lui era ad una festa con i suoi amici in un salone (chiamatocircolino), ed avendo bevuto un po’ troppo vino, uscendo dal salone, nel ritornare a casa si sonomessi a cantare in gruppo “Bandiera Rossa” (inno del partito comunista), ma non si sono accortiche dietro di loro c’era un gruppo di fascisti, cosi loro sono scappati, ma i fascisti riconoscendoli,hanno chiamato i loro papà. Cosi i fascisti chiamarono in sede fascista (a Villasanta) i papà di questiragazzi, compreso il papà del mio bisnonno e gli hanno rimproverati e picchiati, poi li hannorilasciati. Alla fine, non hanno cantato più l’inno dei comunisti per la paura.3) I partigiani (gruppo di giovani) scappavano e si nascondevano nelle campagne, in mezzo algrano turco, per paura di essere presi dai fascisti, cosi quando mia nonna era piccolina, gli portavainsieme alle mamme dei partigiani e ad altri bambini, il cibo cucinato dalle loro mamme. In caso ifascisti avessero visti i bambini con in mano da mangiare, essi facevano finta di mangiare,altrimenti i fascisti si sarebbero insospettiti, mentre le mamme facendo finta di tagliare il grano,lasciavano un contenitore per il cibo con dentro da mangiare per terra per i loro figli, i partigiani,senza farsi vedere dai fascisti, quindi trovando il momento migliore.4) Una cosa molto bella che si ricorda mia nonna: finita la guerra, suo papà è tornato dal fronte(arrivava dal Piemonte e la maggior parte dei soldati, andava piedi), bussò alla porta di casa dinotte, e mia nonna e sua mamma si trovarono davanti a suo papà, è stata una sorpresa moltobellaAlessandra Diotti
  • 18. 18Incontro con Germano Baglivi (il mio bis nonno)sulla seconda guerra mondialeBaglivi Germano, nato il 9/9/1915 a Perito in provincia di Salerno. Mio nonno durante la guerrafaceva l’attendente al colonnello Galletti, ossia era una specie di tutto fare agli ordini delcolonnello.Nonno in che anno sei andato al fronte?Io sono andato al fronte il all’età di 24 anni. Sono partito da Napoli, a seguito delle truppe, sempresvolgendo il compito di attendente del colonnello.Dove sei stato durante la guerra?Io sono stato trasferito da Napoli, dove avevo fatto l’addestramento a Torino, dove, durante uncombattimento ,in località Punta Nera sopra Torino (nel 1940) mentre stavo attraversando unospiazzo, con un mio compagno è caduta una bomba, che ci è esplosa a pochi metri di distanza, ilmio compagno è rimasto ucciso dalla forte esplosione della bomba, mentre io a seguito del fortespostamento d’aria, provocato dall’ esplosione, mi sono ritrovato con la mandibolacompletamente a pezzi, sono stato soccorso dai barellieri sul campo, che pensavano che non misarei ripreso, ma dopo il ricovero, durato un anno e 7 giorni fra: l’ ospedale maggiore di Novara(dove Mussolini è venuto a trovare tutti i feriti) l’ospedale di Baggio a Milano e l’ospedaleSant’Anna di Como dove mi sono ripreso completamente, prima di essere riportato a Torino, dadove poi sono stato dimesso definitivamente e rimandato a combattere al fronte, contro le truppeFrancesiHai mai visto Hitler?Certo, una volta Hitler era venuto a Napoli, durante il periodo in cui io mi trovavo la perl’addestramento militare e fu in quella occasione, che lo vidi perché Mussolini a Napoli , avevapochissime truppe, ma per far vedere a Hitler che disponeva di un grande esercito, diede ordinedi far distribuire quattro divise, di quattro reparti diversi ad ogni militare, in modo che durante levarie parate per le strade di Napoli, Hitler vedeva soldati di diversi reparti schierati al suopassaggio, si complimento con Mussolini, per la quantità di truppe schierate, non sapendo che inrealtà, si trattava solo di pochi soldati sistemati a dovere durante le sfilate in piazza .Ti ricordi qualche avvenimento divertente che ti è capitato durante la guerra ?Si me ne ricordo uno molto divertente , quando facevo l’attendente al colonnello Galletti, cheaveva moglie e figlia, che erano rimaste al sicuro dai combattimenti a Napoli, un giorno, mi chiamonel suo studio è mi fece una domanda che mi lascio un attimo senza parole, mi chiese “Germano
  • 19. 19sai andare in bicicletta?” io rimasi un istante in silenzio, poi scattai sugli attenti e risposi signorsìsignor colonnello, lui si alzo in piedi, apri un cassetto della scrivania, prese una busta e mi disse chedovevo portarla alla signorina Cristina che era la sua amante, e che viveva in un paesino fuoriTorino, domattina di buon ora prendi la mia bicicletta e vai da lei consegna la lettera aspetta larisposta e torna , certo signor colonnello risposi io mi girai salutai ed uscii dalla stanza c’era unproblema però, io non sapevo andare in bici, ma per non fare brutta figura avevo detto che erocapace, cosi la sera, dopo che il colonnello era uscito, presi la bici dalla rimessa e cominciai aprovare se mi riusciva di andarci senza cadere e cosi, a furia di insistere dopo più di tre ore ditentativi terminati con molte cadute e le ginocchia sbucciate, avevo imparato ad andarcidiscretamente, rimisi la bici nella rimessa ed andai a dormire, la mattina seguente di buon oracome mi aveva detto il colonnello, presi la bici e mi misi in viaggio perché per raggiungere il paesedella signorina Cristina ci volevano quasi due ore, il viaggio d’andata andò bene, consegnai lalettera, attesi la risposta, ripresi la bici e mi rimisi in viaggio, solo che sulla strada del ritorno ad uncerto punto, sentii il rumore degli aerei che si avvicinavano allora per non farmi sorprendere alloscoperto mi misi a pedalare più veloce per raggiungere una macchia di vegetazione che era pocodistante, ma nel fare questo, forse per la paura e per la velocità cominciai a perdere il controllodella bicicletta fino che finii in un fosso che costeggiava la strada li mi nascosi in un cespuglio pocoprima che passassero gli aerei, però, durante la caduta, avevo rotto la bici del colonnello e avevostrappato tutta la divisa e mi ero fatto male alle gambe e alle mani, quando potei uscire dal fosso emi resi conto di come mi ero conciato, mi misi a ridere perché tutto sommato mi ero salvato,malconcio ma salvo, quando tornai a Torino il colonnello, si arrabbio molto per la sua bici nuovadistrutta, ma gli passo subito non appena ebbe letto la lettera che gli aveva mandato la signorinaCristina.In che anno sei tornato a Perito?Sono tornato a Perito nel 1945,dopo la fine della guerra , dopo un lungo viaggio durato moltissimigiorni, perché dopo la fine della guerra, tutto era distrutto le strade erano quasi inesistenti, laferrovia non funzionava più e non c’erano molti mezzi con cui ci si poteva muovere, per cui lamaggior parte del viaggio, si faceva a piedi e bisognava arrangiarsi come si poteva, per mangiare,per dormire e per sopravvivere.Samuele Chirico
  • 20. 20Racconti di Antonia Musolino, nata a Benestare (RC)il 24 agosto 1941<<Gli italiani erano presi come ostaggi. Erano presi a frustate e venivano fucilati. Per non esserecatturati andavano nei rifugi. Molti sono morti. I campi di battaglia erano talmente pieni dicadaveri che ogni passo che si faceva, si schiacciavano. I sopravvissuti hanno fatto la fame. Pur dimangiare, mangiavano patate crude con la buccia e erba. Gli italiani non potevano mandareproprie notizie. All’epoca molti erano analfabeti. Ogni tanto però qualcuno mandava lettere. Chinon sapeva scrivere si faceva aiutare dal suo compagno. La maggior parte delle volte le lettere nonraggiungevano il destinatario. Perciò si rimase per molto senza notizie dei soldati. Nel 1945 isopravvissuti tornarono a casa ma nessuno sperava nel loro ritorno.>><<Anche chi non andava in guerra viveva male. Quando un contadino raccoglieva il grano, nonpoteva macinarlo perché se fosse stato scoperto, gli sarebbe stato sequestrato. Bisognava andareal mulino solo di notte. Non c’era niente da mangiare. Bisognava comprare solo una piccolaquantità di cibo in proporzione al numero dei familiari con una tessera.Se si sentivano gli aerei o i bombardamenti bisognava andare subito nei ricoveri>>Simone Coluccio
  • 21. 21La classe 3° N ringrazia i benigni lettori…Un in bocca al lupo a tutti i compagni di terza…BUONE VACANZE A TUTTI!

×