Slide Business Meeting

707 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
707
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
15
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slide Business Meeting

  1. 1. IL NETWORKING: IL RUOLO DELLE ALLEANZE STRATEGICHE NEXUS SRL – Strada Vic.le Torretta, PESCARA – www.uditemi.it Pina Basti Direttore generale Nexus Srl
  2. 2. LA SCELTA DEI TEMI <ul><li>Per i Business Meeting sono stati scelti i temi che maggiormente incidono sulle COMPETENZE LAVORATIVE: </li></ul>Il Change Management Il Networking L’Open Learning
  3. 3. OLTRE <ul><li>I BUSINESS MEETING rappresentano una attivita’ di Mainstreaming sviluppata all’interno del progetto OLTRE – “ Ottimizzazione lavorativa tramite Rete di eccellenza” PROGRAMMA EQUAL Azione </li></ul>
  4. 4. NETWORK <ul><li>NET + WORK= Lavorare in rete </li></ul><ul><li>RETE: Attrezzo costituito da fili piu’ o meno grossi di fibre tessili intrecciati a maglia, usato per catturare uccelli, pesci... </li></ul>
  5. 5. RETE <ul><li>FILI INTRECCIATI A MAGLIA </li></ul><ul><li>La forza della rete non sta tanto nella consistenza dei fili quanto negli intrecci a maglia che fortificano la rete </li></ul>
  6. 6. COS’E’ UN NETWORK? <ul><li>Il NETWORK e’ una struttura dove ogni singolo puo’ trarre grande utilita’ dall’altro senza depauperarlo ne’ sfruttarlo, anzi quanto piu’ sapra’ essere disponibile, tanto piu’ si arricchira’ di: </li></ul>CONTATTI SOLUZIONI DATI
  7. 7. STRUTTURA DEL NETWORK <ul><li>Il Network predilige le relazioni orizzontali e non verticali </li></ul><ul><li>Il Network non ha una forma piramidale ma “reticolare” e quindi vive di RELAZIONI piuttosto che di IMPOSIZIONI </li></ul>
  8. 8. DI QUALI NETWORK PARLIAMO? <ul><li>I Social Network </li></ul><ul><li>Le Network Enterprise </li></ul><ul><li>Le Reti di eccellenza </li></ul><ul><li>I GEIE </li></ul><ul><li>????altro </li></ul>
  9. 9. SOCIAL NETWORK <ul><li>Una rete sociale (spesso si usa il termine inglese social network ) consiste di un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali, che vanno dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari. </li></ul><ul><li>La versione di Internet delle reti sociali è una delle forme più evolute di comunicazione in rete. </li></ul>
  10. 10. Network Enterprise (Reti di imprese) <ul><li>Imprese che lavorano in modo decentrato ma coordinate tra loro e ognuna stabilisce alleanze strategiche con altre su: </li></ul><ul><li>Prodotti specifici </li></ul><ul><li>Tempi definiti </li></ul><ul><li>Mercati definiti </li></ul>
  11. 11. Vantaggi delle R.I. <ul><li>In un territorio dove la struttura imprenditoriale e’ soprattutto formata da PMI la RETE e’ necessaria per superare i vincoli dimensionali mantenendo inalterate le qualita’ tipiche: </li></ul><ul><ul><ul><li>FLESSIBILITA’ </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>SPECIALIZZAZIONE </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>ADATTAMENTO </li></ul></ul></ul>
  12. 12. Tipologia delle R.I. <ul><li>RETI ORIZZONTALI : tutti i componenti hanno pari dignita’ </li></ul><ul><li>RETI VERTICALI: un’azienda leader e’ chiamata a fungere da guida per le altre </li></ul><ul><li>RETE IBRIDA : con centri gravitazionali che si costituiscono a seconda del progetto </li></ul>
  13. 13. Le RETI DI ECCELLENZA <ul><li>Le &quot;reti di eccellenza&quot; sono uno strumento nuovo, predisposto nel VI Programma Quadro per rafforzare l'eccellenza in particolari settori della ricerca , attraverso il superamento della frammentazione della ricerca europea e l'integrazione della massa critica e delle expertise necessarie per creare una leadership europea nel settore &quot;ricerca&quot;. </li></ul><ul><li>Lo scopo delle RdE è la creazione di una struttura durevole per la conduzione di attività di ricerca in un dato settore. </li></ul><ul><li>Considerando l'impiego di risorse materiali e umane previste nelle reti, esse potranno generare anche nuove conoscenze, sebbene questo non sia il loro scopo prioritario. É importante che queste reti non agiscano come &quot; clubs ristretti &quot; rinforzando l'eccellenza solo all'interno della rete . </li></ul>
  14. 14. GEIE - GE <ul><li>Un GEIE è un Gruppo Europeo di Interesse Economico, figura creata nell'ordinamento europeo nel 1985 </li></ul><ul><li>Si tratta di una figura giuridica proposta dall' UE avendo come riferimento il francese GIE (Group d'Interet Economique) con lo scopo di unire le conoscenze e le risorse di attori economici di almeno due paesi appartenenti all'Unione. </li></ul><ul><li>Nelle intenzioni dei legislatori europei, questo dovrebbe permettere a piccole e medie aziende di poter partecipare a progetti più grandi di quanto le loro dimensioni permetterebbero. </li></ul>
  15. 15. ASSE V DEL POR <ul><li>ASSE V DEL POR: INTERREGIONALITA’ E TRANSNAIONALITA’ 2007-2013 </li></ul><ul><li>Obiettivo specifico: Promuovere la realizzazione e lo sviluppo di iniziative e di reti su base interregionale e transnazionale, con particolare attenzione allo scambio delle buone pratiche </li></ul>
  16. 16. Priorita’ dell’intervento <ul><li>Promuovere intese e accordi per realizzare progetti comuni volti a rafforzare la dimensione europea dei sistemi di istruzione, formazione e valorizzazione delle risorse umane </li></ul><ul><li>Promozione dello scambio di esperienze e sviluppo di reti transnazionali per il perseguimento di obiettivi comuni nel campo della formazione, dell’istruzione e della RST </li></ul><ul><li>Promozione di progetti a sostegno degli obiettivi di internazionalizzazione del sistema produttivo regionale </li></ul>
  17. 17. BUDGET DISPONIBILE PER 2007-2013 6.385.950 15.875.609 V POR FSE IN € TOTALE BUDGET IN € ASSE

×