L'uomo tra esigenza d'Infinito e grido spezzato

4,899 views
4,585 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,899
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
38
Actions
Shares
0
Downloads
41
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'uomo tra esigenza d'Infinito e grido spezzato

  1. 1. Elaborato finale del Laboratorio di Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento Augusto Marra Matr. 133473 Classe A052
  2. 2. Metadati Questo ciclo di lezioni è stato concepito come riepilogo e approfondimento degli argomenti svolti durante l’anno, al fine di preparare al meglio l’esame di maturità. Il lavoro è rivolto in particolare ai terzi licei classici e intende essere una panoramica sulla letteratura. L’intento è quello di offrire agli studenti una visone generale dei fenomeni letterari, al fine di far sviluppare loro una maggiore capacità critica, nella consapevolezza che quanto si studia non è suddiviso in compartimenti stagni. Le slides sono di supporto a lezioni frontali e hanno un carattere multidisciplinare, in modo da favorire l’acquisizione, da pare degli studenti, di una capacità di collegamento fra le diverse materie.
  3. 3. Il Cuore è fatto per l’Eternità
  4. 4. (1)
  5. 5. L’uomo tra esigenza d’Infinito e grido strozzato
  6. 6. Il classico ci legge più di quanto noi lo leggiamo (ascoltiamo, percepiamo). Non c’è niente di paradossale e ancora meno di mistico in questa definizione. Ogni volta che ci confrontiamo con il classico, esso ci mette in questione. Sfida le risorse della nostra consapevolezza e del nostro intelletto, della nostra mente e del nostro corpo. George Steiner Il genio è colui che coglie, in ogni epoca, che cos’è veramente l’uomo: desiderio d’Infinito. Don Luigi Giussani
  7. 7. Homo sum: nihil humani a me alienum puto. Terenzio, Heautontimorumenos , 77
  8. 8. (2)
  9. 9. <ul><li>Inno alla Vergine Vergine madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d'eterno consiglio, tu se' colei che l'umana natura nobilitasti sì, che 'l suo fattore, non disdegnò di farsi sua fattura. Nel ventre tuo si raccese l'amore per lo cui caldo ne l'eterna pace così è germinato questo fiore. Qui se' a noi meridiana face di caritate, e giuso, intra i mortali, se' di speranza fontana vivace. Donna, se' tanto grande e tanto vali, che qual vuol grazia ed a te non ricorre, sua distanza vuol volare sanz' ali. La tua benignità non pur soccorre a chi domanda, ma molte fiate liberamente al dimandar precorre. In te misericordia, in te pietate, in te magnificenza, in te s'aduna quantunque in cretura è di bontate </li></ul><ul><li>(Dante, Paradiso XXXIII) </li></ul>(3)
  10. 10. I lezione L’epoca Classica
  11. 11. Allora Paolo, alzatosi in mezzo all'Areòpago, disse: &quot;Cittadini ateniesi, vedo che in tutto siete molto timorati degli dei. Passando infatti e osservando i monumenti del vostro culto, ho trovato anche un'ara con l'iscrizione: Al Dio ignoto. Quello che voi adorate senza conoscere, io ve lo annunzio. Il Dio che ha fatto il mondo e tutto ciò che contiene, che è signore del cielo e della terra, non dimora in templi costruiti dalle mani dell'uomo né dalle mani dell'uomo si lascia servire come se avesse bisogno di qualche cosa, essendo lui che dá  a tutti la vita e il respiro e ogni cosa. Egli creò da uno solo tutte le nazioni degli uomini, perché abitassero su tutta la faccia della terra. Per essi ha stabilito l'ordine dei tempi e i confini del loro spazio, perché cercassero Dio, se mai arrivino a trovarlo andando come a tentoni, benché non sia lontano da ciascuno di noi. “ Atti, 17 ( 4)
  12. 12. Da sempre l’uomo si è posto alla ricerca di ciò che poteva soddisfare il proprio desiderio di infinito. Nell’arte e nella filosofia questa domanda è più evidente, più acuta. (5)
  13. 13. <ul><li>Nel mito possiamo rintracciare un tentativo di risposta a questo desiderio. </li></ul><ul><li>Nascono così dei racconti orali , che hanno come protagonisti le divinità, che spiegano i vari aspetti della vita che non possono essere conosciuti unicamente attraverso la ragione. (Persefone, Zeus, Apollo, Afrodite) </li></ul>
  14. 14. <ul><li>Oggetto della mitologia ( mytoi= racconti- legein= raccontare), dunque, è sempre qualcosa che sta al di sopra di tutti gli uomini, qualcosa che può essere vista, sperimentata o per lo meno colta per immagini: la realtà è misteriosa, non si può conoscere totalmente ma può essere intuita. </li></ul><ul><li>Il mito è parte integrante della cultura di un popolo: era molto diffusa l’usanza di riferirsi ai precedenti mitici in ogni tipo di discussione. </li></ul><ul><li>Essendo la mitologia un’espressione della coscienza popolare, può dar luogo a diverse versioni della stessa vicenda. (Medea) </li></ul>
  15. 15. Il mito non è una favola: quest’ultima, infatti, tenta di creare un luogo fantastico in cui potersi rifugiare, lontano dai pericoli del mondo. Il racconto mitico, invece, non nega la tragicità della vita, né il fatto che l’esistenza umana è sofferente per i suoi limiti, ma cerca di dare un senso a tutto ciò.
  16. 16. L’Eroe Incarna il senso religioso tipico dello spirito classico: siamo di fronte ad un essere mortale, che però ha in sé qualcosa di divino, qualcosa che lo spinge a desiderare l’infinito. Sente che è chiamato ad imprese epiche eppure si rende conto del proprio limite, della propria incapacità di soddisfare la sua sete di Infinito. Questo è il dramma dell’uomo di tutti i tempi, il dramma che anche Leopardi ci comunica nei suoi versi… Sento ch’ad alte imprese il cor mi chiama. A morir non son nato, eterno sono Che ‘ndarno ‘l core eternità non brama. Canto V, Appressamento della morte , G. Leopardi
  17. 17. L’Eroe In particolare, l’eroe tragico incarna la sproporzione strutturale dell’uomo: il desiderio d’Infinito, il desiderio di giustizia di bellezza di verità, non può essere saziato dalla somma di cose finite. Solo qualcosa di assolutamente altro e di pienamente rispondente a questo desiderio potrà farlo.
  18. 18. Nell’Antigone di Sofocle è ben evidente che le leggi dell’uomo non bastano: « Dike non significa soltanto “giustizia”, ma “l’ordine dell’universo”, e dal punto di vista umano un tale ordine sembra spesso imporre una legge naturale piuttosto che morale.» H. Lloyd-Jones
  19. 19. Nella Medea il dramma dell’amore, si consuma in folle tragedia: l’uomo non riesce ad essere artefice del proprio destino e allora si rivolge con violenza verso la sua vita. La realtà non è la possibilità di conoscere il Mistero, per questo ogni volta che non risponde a quanto si è progettato, la si considera crudele.
  20. 20. Nel mondo romano, troviamo numerosi autori che sfruttano il patrimonio artistico e culturale ereditato dai Greci. In particolare, Seneca si avvale, non solo delle riflessioni filosofiche elleniche ma anche dell’esperienza artistica: è lui, infatti, uno dei pochi artisti latini a riprendere e rivalutare il genere tragico.
  21. 21. Sin dall’inizio della sua produzione artistica, Seneca è molto attento al dramma dell’uomo. Utilizza spesso il genere della Consolatio, al quale si faceva ricorso per fornire argomenti filosofici per lenire il dolore.
  22. 22. Nelle lettere a Lucilio indica la strada per un cammino verso la virtù: attraverso il dialogo si può raggiungere la libertà e il dominio di sé ( otium come conquista della libertà interiore e meditazione filosofica come preparazione alla morte).
  23. 23. Nella produzione tragica le domande vengono poste in maniera più drammatica. Seneca si ispira molto ad Euripide, per la sua insistente attenzione per l’umano. È molto interessante anche il riferimento ad Ercole: secondo la filosofia stoica, questa figura rappresentava l’uomo in lotta con le proprie passioni.
  24. 24. Le tragedie senecane si caratterizzano per le sfrenate passioni che travolgono i protagonisti e provocano tragiche conseguenze. Non c’è alcun intervento del coro a scopo moralistico e didascalico. L’ammaestramento del pubblico avviene per contrasto: ad una rappresentazione degradata dell’uomo, l’autore affida la sua condanna alla società contemporanea.
  25. 25. II Lezione Il Medioevo e L’umanesimo
  26. 26. (6)
  27. 27. Editto di Milano 313 d. C. 391 impone il cristianesimo come religione di stato (7)
  28. 28. San Benedetto da Norcia (Norcia 480 circa – monastero di Montecassino, 547 circa) (8) (9) (10)
  29. 29. Nei monasteri benedettini tutta la vita è orientata a Cristo, dalla preghiera del mattutino fino alla compieta. La risposta al desiderio dell’uomo si è resa incontrabile e conoscibile: il problema, adesso, è come rimanere con Lui, è come approfondire il rapporto con Lui.
  30. 30. La realtà diventa segno di Cristo: ogni circostanza è l’occasione per incontrarlo. Ecco perché nei monasteri c’è una grande attenzione a tutto: dalla bonifica delle paludi all’invenzione della birra, dalla creazione di scriptoria all’accoglienza dei pellegrini. Addirittura inventano lo Champagne: Dom Pierre Pérignon era un monaco benedettino francese che Si occupava delle proprietà terriere del monastero e dei prodotti lì coltivati e lavorati, ed in particolar modo delle vigne, dei torchi e delle cantine. Grazie a questo incarico, attorno ai quarant'anni, &quot;inventò&quot; (anche se l'attribuzione è controversa) la bevanda che lo ha reso celebre: lo Champagne.
  31. 31. È significativo, inoltre, l’interesse per l’educazione del popolo, per la catechesi del popolo, che non veniva lasciato da solo in balia della sua ignoranza. È così che nascono i cicli di affreschi che adornano le navate delle chiese o gli exultet . Tutti i credenti devono essere educati: il modo più efficace per farlo è attraverso le immagini.
  32. 32. (11)
  33. 33. (12) (13) (15) (14)
  34. 34. C’è una forte valorizzazione della tradizione: dal punto di vista letterario pullulano le opere che vogliono approfondire le conoscenze fin allora ottenute. C’è un tentativo di porsi in maniera più attenta di fronte al reale, quasi a tentare di scorgere in ogni sfaccettatura il volto di Cristo. È in questo ambito che si sviluppa l’opera di Isidoro di Siviglia, Vescovo e dottore della Chiesa: vissuto tra il 590 e il 636 Ebbe un ruolo di primo piano nelle vicende politico-religiose della Spagna dominata dai Visigoti, pare da lui convertiti al cristianesimo, e come promotore e massimo rappresentante di un risveglio della cultura e delle lettere in quei tempi. Il suo capolavoro, che influenzò in larga misura la cultura del Medioevo, sono le Etymologiae in venti libri, enciclopedia di tutto lo scibile del tempo, composta prendendo come spunto le etimologie dei vari termini. La mole dell'opera è imponente e i temi sono i più svariati: arti liberali, religione, medicina, diritto, lingue e popoli, l'uomo e gli animali, la geografia, l'architettura, l'agricoltura, la geologia, la guerra, le armi, l'abbigliamento e i mezzi di trasporto. Tutti questi temi hanno in comune il modo in cui vengono introdotti nell'opera ovvero attraverso una piccola introduzione e l'etimologia della parola . Per Isidoro, infatti, Coesiste, quindi, uno stretto legame tra la res e il nomen , che fa sì che non si possa conoscere l'una senza conoscere l'altro.
  35. 35. (16)
  36. 36. Si incomincia a dare molta attenzione alla scuola, basti pensare alle riforme di Carlo Magno, e alla cultura: molti, infatti, sono gli uomini colti che vivono presso la corte di Aquisgrana. Alcuino di York : fu invitato da Carlo Magno, che ammirava grandemente, a trasferirsi in Francia e stabilirsi a corte come &quot;Maestro della Scuola Palatina&quot;. La scuola rimase ad Aachen per la maggior parte del tempo, ma si mosse di luogo in luogo, seguendo la residenza reale. Fu un grande erudito e teologo e partecipò al C oncilio di Francoforte, dove ebbe una parte molto importante nella definizione dei decreti di condanna dell'Adozionismo nonché negli sforzi compiuti successivamente per la sottomissione dei recalcitranti prelati spagnoli. Proprio per approfondire il rapporto con il Mistero, c’è una forte rinascita degli studi, all’interno della quale spiccano figure autorevoli come: Paolo Diacono : Nel 774 visse il crollo del regno longobardo e per evitare rischi di prigionia si fece monaco nel Monastero di Montecassino. Nel 782 entrò a far parte della corte di Carlo Magno per cinque anni, dove fu apprezzato maestro di grammatica. In quei cinque anni operò al fine di ottenere la libertà dei suoi parenti prigionieri, in particolare il fratello Arichis, fatto prigioniero e condotto in Francia nel 776. Nel 787 tornò a Montecassino, dove fra l'altro scrisse l'Historia Langobardorum, la sua opera più famosa in cui narra fra mito e storia le vicende del suo popolo dalla partenza dalla Scandinavia all'arrivo in Italia. La scrittura del testo impegnò Diacono per due anni, dal 787 al 789.
  37. 37. <ul><li>Proprio per approfondire il rapporto con il Mistero, cresce lo studio </li></ul>
  38. 38. (17)
  39. 39. Poco dopo questo periodo, intorno al 1200, nascono nuovi ordini monastici, in particolare i cosiddetti frati minori, fondati da San Francesco d’Assisi. È sempre un’attenzione al reale che muove l’opera dei cristiani: Francesco, di fronte alla dilagante povertà e miseria decide di seguire Cristo dedicando la vita ad accudire gli ultimi. Tutta la realtà è segno di Cristo: l’uomo adesso sa bene dove andare, sa dove trovare quanto gli corrisponde e allora lo cerca in ogni circostanza.
  40. 40. Cantico di Frate Sole Altissimu, onnipotente bon Signore, Tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione. Ad Te solo, Altissimo, se konfano, et nullu homo ène dignu te mentovare. Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature, spetialmente messor lo frate Sole, lo qual è iorna, et allumeni noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: de Te, Altissimo, porta significatione. Laudato si', mi Signore, per sora Luna e le stelle: in celu l'ài formate clarite et pretiose et belle. Laudato si', mi' Signore, per frate Vento et per aere et nubilo et sereno et onne tempo, per lo quale, a le Tue creature dài sustentamento. Laudato si', mi' Signore, per sor Aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta. Laudato si', mi Signore, per frate Focu, per lo quale ennallumini la nocte: ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte. Laudato si', mi' Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba. Laudato si', mi Signore, per quelli che perdonano per lo Tuo amore et sostengono infirmitate et tribulatione. Beati quelli ke 'l sosterranno in pace, ka da Te, Altissimo, sirano incoronati. Laudato si' mi Signore, per sora nostra Morte corporale, da la quale nullu homo vivente po' skappare: guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali; beati quelli ke trovarà ne le Tue sanctissime voluntati, ka la morte secunda no 'l farrà male. Laudate et benedicete mi Signore et rengratiate e serviateli cum grande humilitate
  41. 41. Nell’arte e nella letteratura l’immagine dominante è quella dell’ Homo viator : l’uomo in viaggio verso una meta precisa, attraverso una strada sicura. Questo è quello che traspare, ad esempio, dall’opera di Dante: la Commedia è un’allegoria della vita di ognuno, è un viaggio nel quale il protagonista sa sempre dove andare ed è sempre guidato alla scoperta di sé da una autorità. Che differenza notiamo con i grandi romanzi dell’epoca tardoantica, nei quali l’uomo è in balia di sé stesso e di un’ambiguità sordida e crudele. (Apuleio e Petronio). (18)
  42. 42. Tutto, dunque, si ordina a Dio, unico principio di conoscenza e di azione. Il rapporto con il Mistero è l’unica cosa che permette la vita, è l’unico punto in cui tutto ciò che accade trova un senso. Insomma le parole di San Pietro: “Signore da chi andremo, solo tu hai parole che spiegano la vita” erano il paradigma per affrontare la quotidianità. La ragione è sempre di più adaequatio rei et intellectus La proposta cristiana era vissuta e verificata fino in fondo. Proprio per la certezza de l valore di Cristo nella propria vita il popolo, afflitto da miseria e malattia, poteva privarsi del denaro per costruire le cattedrali, nella certezza che nulla vale se non è vissuto per Dio.
  43. 43. (19) (20) (21) (22)
  44. 44. (23)
  45. 45. Ma questa certezza, questa concretezza del rapporto con il Mistero inizia venire meno. Già dalla metà del 300 inizia ad imporsi una nuova mentalità che intende il fatto di Cristo come qualcosa di lontano, di astratto. Dio comincia ad essere relegato sugli altari come qualcosa a cui essere devoti ma che non c’entra con la vita. Un esempio di questo è l’opera del Petrarca: grande erudito, figlio di una cultura che voleva la ragione come misura
  46. 46. Vergine bella, che di sol vestita, coronata di stelle, al sommo Sole piacesti sì, che 'n te Sua luce ascose, amor mi spinge a dir di te parole: ma non so 'ncominciar senza tu' aita, et di Colui ch'amando in te si pose. Invoco lei che ben sempre rispose, chi la chiamò con fede: Vergine, s'a mercede miseria extrema de l'humane cose già mai ti volse, al mio prego t'inchina, soccorri a la mia guerra, bench'i' sia terra, et tu del ciel regina.   Vergine saggia, et del bel numero una de le beate vergini prudenti, anzi la prima, et con piú chiara lampa; o saldo scudo de l'afflicte genti contra colpi di Morte et di Fortuna, sotto 'l qual si trïumpha, non pur scampa; o refrigerio al cieco ardor ch'avampa qui fra i mortali sciocchi: Vergine, que' belli occhi che vider tristi la spietata stampa ne' dolci membri del tuo caro figlio, volgi al mio dubbio stato, che sconsigliato a te vèn per consiglio.   Alla vergine Vergine pura, d'ogni parte intera, del tuo parto gentil figliola et madre, ch'allumi questa vita, et l'altra adorni, per te il tuo figlio, et quel del sommo Padre, o fenestra del ciel lucente altera, venne a salvarne in su li extremi giorni; et fra tutt'i terreni altri soggiorni sola tu fosti electa, Vergine benedetta, che 'l pianto d'Eva in allegrezza torni. Fammi, ché puoi, de la Sua gratia degno, senza fine o beata, già coronata nel superno regno.   Vergine santa d'ogni gratia piena, che per vera et altissima humiltate salisti al ciel onde miei preghi ascolti, tu partoristi il fonte di pietate, et di giustitia il sol, che rasserena il secol pien d'errori oscuri et folti; tre dolci et cari nomi ài in te raccolti, madre, figliuola et sposa: Vergina glorïosa, donna del Re che nostri lacci à sciolti et fatto 'l mondo libero et felice, ne le cui sante piaghe prego ch'appaghe il cor, vera beatrice.
  47. 47. Vergine sola al mondo senza exempio, che 'l ciel di tue bellezze innamorasti, cui né prima fu simil né seconda, santi penseri, atti pietosi et casti al vero Dio sacrato et vivo tempio fecero in tua verginità feconda. Per te pò la mia vita esser ioconda, s'a' tuoi preghi, o Maria, Vergine dolce et pia, ove 'l fallo abondò, la gratia abonda. Con le ginocchia de la mente inchine, prego che sia mia scorta, et la mia torta via drizzi a buon fine.   Vergine chiara et stabile in eterno, di questo tempestoso mare stella, d'ogni fedel nocchier fidata guida, pon' mente in che terribile procella i' mi ritrovo sol, senza governo, et ò già da vicin l'ultime strida. Ma pur in te l'anima mia si fida, peccatrice, i' no 'l nego, Vergine; ma ti prego che 'l tuo nemico del mio mal non rida: ricorditi che fece il peccar nostro, prender Dio per scamparne, humana carne al tuo virginal chiostro.   Vergine, quante lagrime ò già sparte, quante lusinghe et quanti preghi indarno, pur per mia pena et per mio grave danno! Da poi ch'i' nacqui in su la riva d'Arno, cercando or questa et or quel'altra parte, non è stata mia vita altro ch'affanno. Mortal bellezza, atti et parole m'ànno tutta ingombrata l'alma.   Vergine sacra et alma, non tardar, ch'i' son forse a l'ultimo anno. I dí miei piú correnti che saetta fra miserie et peccati sonsen' andati, et sol Morte n'aspetta.   Vergine, tale è terra, et posto à in doglia lo mio cor, che vivendo in pianto il tenne et de mille miei mali un non sapea: et per saperlo, pur quel che n'avenne fôra avenuto, ch'ogni altra sua voglia era a me morte, et a lei fama rea. Or tu donna del ciel, tu nostra dea (se dir lice, e convensi), Vergine d'alti sensi, tu vedi il tutto; e quel che non potea far altri, è nulla a la tua gran vertute, por fine al mio dolore; ch'a te honore, et a me fia salute.
  48. 48. Vergine, in cui ò tutta mia speranza che possi et vogli al gran bisogno aitarme, non mi lasciare in su l'extremo passo. Non guardar me, ma Chi degnò crearme; no 'l mio valor, ma l'alta Sua sembianza, ch'è in me, ti mova a curar d'uom sí basso. Medusa et l'error mio m'àn fatto un sasso d'umor vano stillante: Vergine, tu di sante lagrime et pïe adempi 'l meo cor lasso, ch'almen l'ultimo pianto sia devoto, senza terrestro limo, come fu 'l primo non d'insania vòto.   Vergine humana, et nemica d'orgoglio, del comune principio amor t'induca: miserere d'un cor contrito humile. Che se poca mortal terra caduca amar con sí mirabil fede soglio, che devrò far di te, cosa gentile? Se dal mio stato assai misero et vile per le tue man' resurgo, Vergine, i' sacro et purgo al tuo nome et penseri e 'ngegno et stile, la lingua e 'l cor, le lagrime e i sospiri. Scorgimi al miglior guado, et prendi in grado i cangiati desiri. Il dí s'appressa, et non pòte esser lunge, sí corre il tempo et vola, Vergine unica et sola, e 'l cor or coscïentia or morte punge. Raccomandami al tuo figliuol, verace homo et verace Dio, ch'accolga 'l mïo spirto ultimo in pace.
  49. 49. III Lezione Il Rinascimento e l’Epoca Moderna
  50. 50. (24)
  51. 51. Nel periodo rinascimentale crolla totalmente l’ideale cristiano e inizia ad affermarsi un nuovo modo di approcciarsi alla realtà che vede l’uomo misura di tutte le cose. La ragione non è più capax dei , non è più capace di percepire e riconoscere l’Infinito: viene ridotta a semplice strumento di misurazione. Dio viene completamente esiliato dalla vita quotidiana e, al suo posto, si prendono a modello le civiltà classiche, come esempio di civiltà e valorizzazione dell’umano.
  52. 52. Le nuove correnti di pensiero si scagliano contro il periodo medioevale, considerandolo un’epoca buia, teatro di superstizioni e violenze. Questo modo di porsi pregiudizievole nei confronti della chiesa e del suo messaggio, caratterizzerà i secoli a venire e trova le sue radici nell’impossibilità di restare indifferenti alla Presenza di Cristo Proprio perché la chiesa era stata così viva e presente nella vita del popolo, bisognava distruggerla o quanto meno demonizzare quanto aveva fatto.
  53. 53. Un esempio di tale violenza possiamo ravvisarlo nell’opera di Lutero. Costui, infatti, non opera una riforma, ma fonda una nuova religione prendendo come pretesto i problemi della chiesa di Roma. L’unico obiettivo è quello di sdoganarsi dal controllo della città eterna: non c’è alcun intento riformistico, ma solo una volontà distruttiva. La vera riforma ci sarà solo in seguito con il Concilio di Trento (1545 – 1563) quando, senza demonizzare gli atteggiamenti finora tenuti e riconoscendosi formata da peccatori, la chiesa decise di cambiare, in alcune forme e non nella sostanza.
  54. 54. Certo non dobbiamo dimenticare che in questo periodo c’è una forte fioritura dell’arte; le diverse signorie investivano sui giovani artisti, ma Roma continuava ad essere il centro culturale più importante. Inoltre, assistiamo ad una significativa riscoperta dei classici, che si erano conservati, come abbiamo visto, grazie all’opera dei monaci, e che per la prima volta vengono letti e apprezzati dai laici. (per questo parliamo di una riscoperta) Assistiamo allo sviluppo delle corti, all’interno delle quali nasce una cultura sempre più elitaria, sempre più rivolta a piccoli gruppi di colti, sempre più rivolta a soddisfare i piaceri dei committenti. In questo ambiente nascono i poemi cavallereschi, che intendono esaltare i valori della nuova classe dirigente.
  55. 55. La realtà non è più interessante, non è più segno. Gli autori si rifugiano nella fantasia e nel pensiero. Signori e cavallier che ve adunati Per odir cose dilettose e nove, Stati attenti e quieti, ed ascoltati La bella istoria che 'l mio canto muove; E vedereti i gesti smisurati, L'alta fatica e le mirabil prove Che fece il franco Orlando per amore Nel tempo del re Carlo imperatore. Orlando Innamorato I, 1.
  56. 56. Sembra che l’uomo si sia come svilito: infatti, ha ridotto la sua natura, ha ridotto la domanda lasciandosi andare alla autocelebrazione. L’opera d’arte nasce solo quando l’autore vive un dramma quando vive fino in fondo la sua umanità
  57. 57. Le più grandi opere di questo periodo hanno, infatti, a tema tutto ciò che induce l’uomo ad un interrogativo, tutto ciò che porta l’uomo ad accorgersi del suo desiderio L’Ariosto ci parla dell’amore non corrisposto che conduce orlando alla follia. Machiavelli e Guicciardini si interessano della storia e della possibilità della nascita di uno stato nazionale in Italia, che garantisca la pace. Il Tasso parte dal suo rapporto conflittuale con la religione.
  58. 58. In definitiva, possiamo affermare che, anche se c’è una spropositata fiducia nell’uomo e nelle sue capacità, alla fine ci si riscopre sempre bisognosi di qualcuno che compia il proprio desiderio di felicità . (25)
  59. 59. Cartesio ritiene che criterio basilare della verità sia l'evidenza, cioè appare semplicemente e indiscutibilmente certo, mediante l'intuito. Il problema nasce nell'individuazione dell'evidenza, che si traduce nella ricerca di ciò che non può essere soggetto al dubbio. Pertanto, dacché la realtà tangibile può essere ingannevole in quanto soggetta alla percezione sensibile (dubbio metodico) e al contempo anche la matematica e la geometria (discipline che esulano dal mondo sensibile) si rivelano fasulle nel momento in cui si ammette la possibilità che un'entità superiore (colui che Cartesio soprannomina genio maligno) faccia apparire come reale ciò che non lo è (dubbio iperbolico), l'unica certezza che resta all'uomo è che, per lo meno, dubitando, l'uomo è sicuro di esistere. L'uomo riscopre la sua esistenza nell'esercizio del dubbio. Cogito ergo sum: dal momento che è propria dell'uomo la facoltà di dubitare, l'uomo esiste. Nel 77 Pascal afferma: “ Non posso perdonarla a Cartesio, il quale in tutta la sua filosofia avrebbe voluto poter fare a meno di Dio, ma non ha potuto evitare di fargli dare un colpetto al mondo per metterlo in moto; dopodichè non sa più che farne di Dio.” (26)
  60. 61. L'Illuminismo è l'uscita dell'uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso. Minorità è l'incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stesso è questa minorità se la causa di esso non dipende da difetto di intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di far uso del proprio intelletto senza essere guidati da un altro. Sapere aude! abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza. E' questo il motto dell'Illuminismo... Sennonché a questo Illuminismo non occorre altro che la libertà, e la più inoffensiva di tutte le libertà, quella cioè di fare pubblico uso della propria ragione in tutti i campi.
  61. 62. La ragione, però, viene intesa come misura: bisogna catalogare tutto, incasellare tutto, avere tutto sotto controllo. È l’apice del razionalismo. Kant stesso pensa che il mondo conoscibile si riduca a ciò che si vede e si tocca: il resto deve essere postulato, immaginato. In tal modo il trascendente non è altro che qualcosa di posticcio che non ha nulla da dire alla vita. Anche la morale diventa uno sforzo titanico dell’uomo che non può essere sostenuto:  ” due cose in vita mi furono sommamente care: il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me” Immanuel Kant
  62. 63. (27)
  63. 64. Il moralismo pervade l’azione dell’uomo: la rivoluzione francese nasce con l’impeto di costruire lo stato perfetto, senza però la consapevolezza dei limiti umani. Questo porterà al tracollo e al “terrore”: ciò che era nato per soddisfare il desiderio di giustizia si consuma in violenza. È il trionfo della ghigliottina. Non c’è più la capacità di affidarsi, si vuole rispondere autonomamente al proprio desiderio, ma ogni tentativo è vano.
  64. 65. (28)
  65. 66. L’uomo continua ad essere sempre più al centro del mondo: si ritiene artefice della propria fortuna, in grado di cambiare le sorti del mondo. Si rivolge, nuovamente, alle epoche, del passato, che pone come modelli della vita quotidiana e dell’arte. Questa operazione risulta, però, abbastanza astratta: non si cerca di recuperare il vero spirito dell’epoca classica, caratterizzato da uno spiccato senso religioso. Piuttosto si cerca di recuperare una forma, una ossessione per la bellezza, per la perfezione, ossessione che diventa sterile.
  66. 67. Bisogna sottolineare, però, che l’interesse dell’uomo nasce sempre a partire dalla realtà: l’interesse per i classici rifiorisce quando vengono scoperti gli scavi di Pompei ed Ercolano. Poi tutto questo impeto di scoperta si perde nel tentativo di manipolare la realtà, di ordinarla alla propria misura. Nasce così il Neoclassicismo, movimento culturale nel quale è il formalismo a farla da padrone. La bellezza perde di consistenza perché non rimanda più a nulla, ma è lo stanco ripetersi di vecchi modelli.
  67. 68. Quanto appena detto, si può comprendere dalla scarsa produzione artistica prodotta da questo movimento culturale. Nell’arte figurativa abbiamo una maggiore creatività: si tentano di applicare i canoni classici alle opere contemporanee. Questo era facilitato dal fatto che cerano stati nuovi ritrovamenti archeologici. In ambito letterario c’è una stanca riproposizione di modelli antichi, senza alcun tentativo di immedesimazione. Vedono la luce numerose traduzioni di testi classici, tra le quali spicca quella dell’Iliade ad opera di Vincenzo Monti.
  68. 69. Tutto il problema del movimento neoclassico è una ripresa erudita dei classici, senza nessun tentativo di immedesimazione: non ci si lascia interrogare da quanto si ha di fronte, ma lo si riproduce in maniera disincantata. Quando, invece, si paragonano i modelli classici con la propria esperienza nasce l’opera d’arte.
  69. 70. Foscolo In morte del fratello Giovanni Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo di gente in gente, me vedrai seduto su la tua pietra, o fratel mio, gemendo il fior de' tuoi gentili anni caduto. La Madre or sol suo dì tardo traendo parla di me col tuo cenere muto, ma io deluse a voi le palme tendo e sol da lunge i miei tetti saluto. Sento gli avversi numi, e le secrete cure che al viver tuo furon tempesta, e prego anch'io nel tuo porto qu ïete. Questo di tanta speme oggi mi resta! Straniere genti, almen le ossa rendete allora al petto della madre mesta. Catul. 101 Multas per gentes et multa per aequora uectus aduenio has miseras, frater, ad inferias, ut te postremo donarem munere mortis et mutam nequiquam alloquerer cinerem. quandoquidem fortuna mihi tete abstulit ipsum. heu miser indigne frater adempte mihi, nunc tamen interea haec, prisco quae more parentum tradita sunt tristi munere ad inferias, accipe fraterno multum manantia fletu, atque in perpetuum, frater, aue atque uale. Di mare in mare, da un popolo all'altro vengo a queste tue misere esequie, fratello, per donarti l'ultima offerta che si deve ai morti e invano parlare alle tue ceneri mute: ora che la sorte a me ti ha strappato, cosí crudelmente strappato, fratello infelice. Pure, amaro dono per un rito estremo, nell'uso antico dei padri accogli l'offerta che ora ti affido: cosí intrisa del mio pianto. E in eterno riposa, fratello mio, addio.
  70. 71. Un uomo impegnato con la realtà come il Foscolo non può fermarsi al semplice scimmiottamento dei classici. Ha bisogno di qualcosa che risponda al suo desiderio, non sa che farsene di forme vuote da riempire con inutili arabeschi. Vuole sapere chi soddisferà il suo desiderio di giustizia, il suo desiderio deluso di avere una patria, il suo desiderio di amore, il suo desiderio di vita.
  71. 72. Di se stesso Non son chi fui; perì di noi gran parte: questo che avvanza è sol languore e pianto. E secco è il mirto, e son le foglie sparte del lauro, speme al giovenil mio canto. Perché dal dì ch'empia licenza e Marte vestivan me del lor sanguineo manto, cieca e la mente e guasto il core, ed arte la fame d'oro, arte e in me fatta, e vanto. Che se pur sorge di morir consiglio, a mia fiera ragion chiudon le porte furor di gloria, e carità di figlio. Tal di me schiavo, e d'altri, e della sorte, conosco il meglio ed al peggior mi appiglio, e so invocare e non darmi la morte.   
  72. 73. Il desiderio d’infinito fa luce su di una sproporzione propria dell’uomo: essere finito, ma desiderare tutto. A questa domanda, che troverà il suo apice nella poesia leopardiana, Foscolo vuole trovare una risposta, una risposta che gli dia pace. Ciascun confusamente un bene apprende  nel qual si queti l'animo, e disira;  per che di giugner lui ciascun contende. Dante, Purgatorio XVI, vv.127-129
  73. 74. Forse perché della fatal quïete tu sei l'immago a me sì cara vieni o Sera! E quando ti corteggian liete le nubi estive e i zeffiri sereni, e quando dal nevoso aere inquïete tenebre e lunghe all'universo meni sempre scendi invocata, e le secrete vie del mio cor soavemente tieni. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme delle cure onde meco egli si strugge; e mentre io guardo la tua pace, dorme quello spirto guerrier ch'entro mi rugge. Alla sera
  74. 75. IV Lezione Romanticismo
  75. 76. (29)
  76. 77. L’uomo, dunque, si accorge che non si basta, si accorge della menzogna illuminista e cerca qualcosa che possa soddisfarlo. L’uomo diventa Wanderer, viandante alla ricerca dell’Infinito. Nasce così il movimento romantico.
  77. 78. Scendo dalla montagna, la valle è nebbiosa, il mare ribolle, cammino in silenzio, scontento, e sempre sospirando chiedo: dove? Sempre: dove? qui il sole mi sembra tanto freddo, il fiore appassito, la vita ormai passata, e ciò ch’essi dicono mi sembra vuoto rumore, io sono straniero ovunque Dove sei, amata terra mia? Cercata, presagita, e mai conosciuta! La terra, la terra verde di speranze, la terra dove fioriscono le mie rose, Dove i miei amici vanno girovagando, dove i miei morti risorgono, la terra che parla la mia lingua, terra mia, dove sei tu? Cammino in silenzio, scontento, e sempre sospirando chiedo: dove? Sempre: dove? Un Sussurro di spiriti mi risponde: «Là dove tu non sei, là è la felicità» Wanderer, F. Schubert
  78. 79. La negazione in Leopardi, ad una attenta lettura della sua opera, sembra essere posticcia, sovrapposta malamente ad un grido umano desideroso di risposta, ad un cuore così autentico da non poter non riaffermare la positività del destino. Soprattutto nei canti leopardiani sembra essere descritta, in maniera profetica, tutta la traiettoria dell’esistenza umana.
  79. 80. C’è un primo fattore con cui l’uomo osserva se stesso vivere e che Leopardi chiama “la sublimità nel sentire”. Si tratta dello struggimento, dell’emozione, del timore enigmatico che si generano di fronte alla sproporzione tra l’uomo e la realtà. Da una parte l’uomo sembra essere limitato da una realtà cinica (dialogo tra la natura ed un islandese), d’altra parte, di fronte alla vastità del creato l’uomo prende coscienza del suo desiderio.
  80. 81. L’inno che meglio dice di questa sproporzione è Sopra il ritratto di una bella donna scolpito nel monumento sepolcrale della medesima. Tal fosti: or qui sotterra Polve e scheletro sei. Su l'ossa e il fango Immobilmente collocato invano, Muto, mirando dell'etadi il volo, Sta, di memoria solo E di dolor custode, il simulacro Della scorsa beltà. Quel dolce sguardo, Che tremar fe', se, come or sembra, immoto In altrui s'affisò; quel labbro, ond'alto Par, come d'urna piena, Traboccare il piacer; quel collo, cinto Già di desio; quell'amorosa mano, Che spesso, ove fu porta, Sentì gelida far la man che strinse; E il seno, onde la gente Visibilmente di pallor si tinse, Furo alcun tempo: or fango Ed ossa sei: la vista Vituperosa e trista un sasso asconde. Così riduce il fato Qual sembianza fra noi parve più viva Immagine del ciel. Misterio eterno Dell'esser nostro. Oggi d'eccelsi, immensi Pensieri e sensi inenarrabil fonte, Beltà grandeggia, e pare, Quale splendor vibrato Da natura immortal su queste arene, Di sovrumani fati, Di fortunati regni e d'aurei mondi Segno e sicura spene Dare al mortale stato: Diman, per lieve forza, Sozzo a vedere, abominoso, abbietto Divien quel che fu dianzi Quasi angelico aspetto, E dalle menti insieme Quel che da lui moveva Ammirabil concetto, si dilegua. (L’immagine dell’essere, l’immagine della vita) Desiderii infiniti E visioni altere Crea nel vago pensiere, Per natural virtù, dotto concento; Onde per mar delizioso, arcano Erra lo spirto umano, Quasi come a diporto Ardito notator per l'Oceano: Ma se un discorde accento Fere l'orecchio, in nulla Torna quel paradiso in un momento. Natura umana, or come, Se frale in tutto e vile, Se polve ed ombra sei, tant'alto senti? Se in parte anco gentile, Come i più degni tuoi moti e pensieri Son così di leggeri Da sì basse cagioni e desti e spenti?
  81. 82. La realtà è un fattore che ci costituisce ed è grande come sorgente di emozioni, eppure è così fragile di fronte alla finitezza delle cose. La verità di Leopardi non può essere una negazione, ma è il riconoscimento di quel Mistero eterno / dell’esser nostro Vediamo come il genio sia espressione di ciò a cui l’uomo è destinato e il suo grido non può che affermare l’attesa per cui l’uomo è fatto.
  82. 83. Eppure Leopardi stesso descriverà la vita dell’uomo come: Vecchierel bianco, infermo, / mezzo vestito e scalzo, / con gravissimo fascio in su le spalle ( Canto notturno di un pastore errante dell’Asia vv. 21-23) che va a finire nel nulla: Abisso orrido, immanso / ov’ei precipitando, il tutto oblia ( Canto notturno… vv. 35-36) Ma il poeta non riesce a fermarsi alla constatazione del limite, il suo cuore è evidentemente fatto per cose grandi e rivolge i suoi interrogativi alla Luna, certo che una risposta ci debba essere.
  83. 84. Vecchierel bianco, infermo, Mezzo vestito e scalzo, Con gravissimo fascio in su le spalle, Per montagna e per valle, Per sassi acuti, ed alta rena, e fratte, Al vento, alla tempesta, e quando avvampa L'ora, e quando poi gela, Corre via, corre, anela, Varca torrenti e stagni, Cade, risorge, e più e più s'affretta, Senza posa o ristoro, Lacero, sanguinoso; infin ch'arriva Colà dove la via E dove il tanto affaticar fu volto: Abisso orrido, immenso, Ov'ei precipitando, il tutto obblia. Vergine luna, tale È la vita mortale. vv. 21-38 Pur tu, solinga, eterna peregrina, Che sì pensosa sei, tu forse intendi, Questo viver terreno, Il patir nostro, il sospirar, che sia; Che sia questo morir, questo supremo Scolorar del sembiante, E perir dalla terra, e venir meno Ad ogni usata, amante compagnia. E tu certo comprendi Il perché delle cose, e vedi il frutto Del mattin, della sera, Del tacito, infinito andar del tempo. Tu sai, tu certo, a qual suo dolce amore Rida la primavera, A chi giovi l'ardore, e che procacci Il verno co' suoi ghiacci. Mille cose sai tu, mille discopri, Che son celate al semplice pastore. Spesso quand'io ti miro Star così muta in sul deserto piano, Che, in suo giro lontano, al ciel confina; Ovver con la mia greggia Seguirmi viaggiando a mano a mano; E quando miro in cielo arder le stelle; Dico fra me pensando: A che tante facelle? Che fa l'aria infinita, e quel profondo Infinito seren? che vuol dir questa Solitudine immensa? ed io che sono? vv. 61-89 Canto notturno di un pastore errante dell’Asia
  84. 85. La vita dell’uomo è dominata da una tensione ultima, dalla tensione ad una risposta ultima. C’è come un “pensiero dominante”, che acquista in ogni uomo un’immagine definita che è proprio l’immagine che lo fa vivere Per ognuno c’è questa identificazione della felicità e del destino. Così si vive ed esiste.
  85. 86. Dolcissimo, possente Dominator di mia profonda mente; Terribile, ma caro Dono del ciel; consorte Ai lùgubri miei giorni, Pensier che innanzi a me sì spesso torni. Di tua natura arcana Chi non favella? il suo poter fra noi Chi non sentì? Pur sempre Che in dir gli effetti suoi Le umane lingue il sentir proprio sprona, Par novo ad ascoltar ciò ch'ei ragiona. Come solinga è fatta La mente mia d'allora Che tu quivi prendesti a far dimora! Ratto d'intorno intorno al par del lampo Gli altri pensieri miei Tutti si dileguàr. Siccome torre In solitario campo, Tu stai solo, gigante, in mezzo a lei. Il pensiero dominante , vv. 1-20
  86. 87. Ma tutto quello che sorge di attraente di esaltante nello scontro tra io e realtà ha la consistenza di un sogno … Che mondo mai, che nova Immensità, che paradiso è quello Là dove spesso il tuo stupendo incanto Parmi innalzar! dov'io, Sott'altra luce che l'usata errando, Il mio terreno stato E tutto quanto il ver pongo in obblio! Tali son, credo, i sogni Degl'immortali. Ahi finalmente un sogno In molta parte onde s'abbella il vero Sei tu, dolce pensiero; Sogno e palese error. vv. 100-111
  87. 88. Tutto sembra svanire, l’ultima parola sembra il dolore. La bellezza della natura non è un estremo richiamo positivo, ma l’accusa verso il cinismo della matrigna. Forse s'avess'io l'ale Da volar su le nubi, E noverar le stelle ad una ad una, O come il tuono errar di giogo in giogo, Più felice sarei, dolce mia greggia, Più felice sarei, candida luna. O forse erra dal vero, Mirando all'altrui sorte, il mio pensiero: Forse in qual forma, in quale Stato che sia, dentro covile o cuna, È funesto a chi nasce il dì natale. vv. 133-144
  88. 89. Ma la poesia di Leopardi sembra andare oltre lo scetticismo, oltre il no oltre la negazione. Raggio divino al mio pensiero apparve, Donna, la tua beltà. Simile effetto Fan la bellezza e i musicali accordi, Ch'alto mistero d'ignorati Elisi Paion sovente rivelar. vv. 33-37 La bellezza della donna è richiamo a qualcosa di oltre , “raggio divino”, sembra custodire un mistero di felicità, qualcosa d’oltre, di più felice: la bellezza della donna richiama a tutto questo. Vagheggia Il piagato mortal quindi la figlia Della sua mente, l'amorosa idea, Che gran parte d'Olimpo in sé racchiude, vv. 37-40 L’uomo si innamora dell’immagine che sta dietro la figura della donna. Questa immagine è figlia della sua mente perché questo riconoscimento avviene nella sua coscienza. Aspasia
  89. 90. Aspasia Tutta al volto ai costumi alla favella Pari alla donna che il rapito amante Vagheggiare ed amar confuso estima. vv. 41-43 L’uomo crede di amare e di vagheggiare, confondendo la donna con quello a cui la donna stessa lo richiama e che proprio quella donna gli ha suscitato. Or questa egli non già, ma quella, ancora Nei corporali amplessi, inchina ed ama. Alfin l'errore e gli scambiati oggetti Conoscendo, s'adira; e spesso incolpa La donna a torto. A quella eccelsa imago Sorge di rado il femminile ingegno; E ciò che inspira ai generosi amanti La sua stessa beltà, donna non pensa, Né comprender potria. Non cape in quelle Anguste fronti ugual concetto. vv. 44-53 Ad un certo punto la donna si rivela impari a sostenere il paragone con l’immagine che ha suscitato e l’uomo si adira.
  90. 91. Questo canto che abbiamo appena letto, afferma che c’è qualcosa d’altro che richiama l’uomo oltre le cose, qualcosa che è ben più grande della realtà che lo suscita. Nonostante il limite dell’uomo, che Leopardi stesso contemplava, la realtà è percepita come segno . Quando un uomo non è definito dal proprio limite significa che grida e afferma la presenza di qualcosa d’altro. Il giudizio di negatività del poeta è una scelta non è una ragione.
  91. 92. C’e stato però un istante in cui Leopardi ha riconosciuto questa presenza, un istante in cui l’ha riconosciuta e l’ha chiamata palesemente. Compone, allora, il suo inno non a una delle tante donne di cui si era innamorato, ma alla Donna con la D maiuscola, alla Bellezza con la B maiuscola. È l’inno a quella amorosa idea che è intuita come una presenza reale.
  92. 93. Cara beltà che amore Lunge m'inspiri o nascondendo il viso, Fuor se nel sonno il core Ombra diva mi scuoti, O ne' campi ove splenda vv. 1-5 O bellezza che ti nascondi dietro il volto di una donna, o che “nascondendo il viso”, mi appari nel sogno notturno, che mi desti l’attrattiva attraverso l’ombra della notte, oppure che ti nascondi dietro uno spettacolo della natura. Alla sua donna Più vago il giorno e di natura il riso; Forse tu l'innocente Secol beasti che dall'oro ha nome, Or leve intra la gente Anima voli? o te la sorte avara Ch'a noi t'asconde, agli avvenir prepara? vv. 6-11 Dove sei Bellezza, Bellezza con la B maiuscola, che ti nascondi dietro il fascino di un sogno notturno, o dietro uno spettacolo della natura? Forse tu sei vissuta nell’età dell’oro, di cui le fiabe narrano o forse tu verrai nelle età future.
  93. 94. <ul><li>Alla sua donna </li></ul>Viva mirarti omai Nulla spene m'avanza; S'allor non fosse, allor che ignudo e solo Per novo calle a peregrina stanza Verrà lo spirto mio. vv. 12-16 Altro che negazione! Di vederti viva in quest’arido suolo non c’è più nessuna speranza né di incontrarti, o Bellezza, a meno che io t’incontri quando, per uno strano “novo calle”, per uno strano sentiero, “a peregrina stanza”, a una dimora ignota, il mio spirito verrà. Già sul novello Aprir di mia giornata incerta e bruna, Te viatrice in questo arido suolo Io mi pensai. Da ragazzo credevo di trovarti un giorno o l’altro fra le strade del mondo. Ma non è cosa in terra Che ti somigli; e s'anco pari alcuna Ti fosse al volto, agli atti, alla favella, Saria, così conforme, assai men bella. Fra cotanto dolore Quanto all'umana età propose il fato, Se vera e quale il mio pensier ti pinge, Alcun t'amasse in terra, a lui pur fora Questo viver beato: vv. 16-27 Se io, che cerco di immaginarti, riuscissi a trattenere questa immagine che nella mia fantasia avviene, se io riuscissi a trattenerla sempre, sarei felice già in questo tentativo di immaginazione.
  94. 95. <ul><li>Alla sua donna </li></ul>E ben chiaro vegg'io siccome ancora Seguir loda e virtù qual ne' prim'anni L'amor tuo mi farebbe. Se io tenessi desto l’amore a te, seguirei ancora lode e virtù e come quando ero ragazzo cercherei ancora la nobiltà della vita. Or non aggiunse Il ciel nullo conforto ai nostri affanni; E teco la mortal vita saria Simile a quella che nel cielo india. vv. 28-33 Ma il destino, il cielo, non ci permette, in mezzo ai nostri affanni, di tener desta e viva questa immagine. Per le valli, ove suona Del faticoso agricoltore il canto, Ed io seggo e mi lagno Del giovanile error che m'abbandona; E per li poggi, ov'io rimembro e piagno I perduti desiri, e la perduta Speme de' giorni miei; di te pensando, A palpitar mi sveglio. E potess'io, Nel secol tetro e in questo aer nefando, L'alta specie serbar; che dell'imago, Poi che del ver m'è tolto, assai m'appago. vv. 34-44
  95. 96. <ul><li>Alla sua donna </li></ul>Se dell'eterne idee L'una sei tu, cui di sensibil forma Sdegni l'eterno senno esser vestita, E fra caduche spoglie Provar gli affanni di funerea vita; Se tu bellezza sei uno degli abitanti dell’iperuranio di Platone, del mondo ideale dove tutte le cose sono perfette, se sdegni che l’eterno senno sia rivestito di carne, se sdegni di portare gli affanni della nostra vita mortale e perciò te ne stai nel tuo limbo lassù. O s'altra terra ne' supremi giri Fra' mondi innumerabili t'accoglie, E più vaga del Sol prossima stella T'irraggia, e più benigno etere spiri; Di qua dove son gli anni infausti e brevi, Questo d'ignoto amante inno ricevi. vv. 45-55 Questo è il grido naturale dell’uomo, è il grido dell’uomo che la natura ispira, è il grido, la preghiera dell’uomo a che Dio gli diventi compagno ed esperienza, milleottocento anni dopo che ciò era accaduto.
  96. 97. (30)
  97. 98. Nel panorama descritto, l’esperienza di Alessandro Manzoni, rappresenta un’eccezione considerevole. La prospettiva che abbraccia il Manzoni, inizialmente, è più vicina all’ideale illuminista che a quello romantico. Per un periodo della sua giovinezza, soggiorna a Parigi. Qui entra in contatto con l’ enturage colta della capitale francese: intellettuali ispirati dai principi che erano stati il cardine della Rivoluzione Francese e del Neoclassicismo.
  98. 99. Successivamente, in particolare dopo la conversione, si lascerà coinvolgere dal clima patriottico, che caratterizzava la sua epoca: la sue opere tenteranno di inculcare nel popolo una coscienza nazionale, esaltando la libertà e l’auto determinazione dei popoli. A questo proposito sono significativi l’Adelchi o il 5 maggio. Influenzato da queste amicizie e da questo ambiente, compone operette di ispirazione neoclassica (Urania e A Partenide). Anche politicamente subisce il fasciono delle ideologie transalpine: è fermamente convinto della possibilità dell’uomo di cambiare il mondo, della possibilità di creare entità statali e sociali in cui fosse applicato l’ideale di giustizia e di bene.
  99. 100. Come già accennato, l’evento decisivo, che segnò tutta la sua produzione artistica, fu l’incontro con il cristianesimo: questo fatto, che irrompe nella sua vita, diventa il punto d’ordine di tutta la sua esistenza. Non può più vivere e, dunque, non può più scrivere senza tenere presente ciò che gli è accaduto. Tanto è vero che il primo componimento che realizza dopo la conversione, sono gli Inni Sacri: carmi nei quali cerca di esaltare gli aspetti decisivi del culto cristiano, tentando un paragone con la quotidianità.
  100. 101. Questa è la cosa interessante dell’opera manzoniana: il fatto cristiano investe ogni aspetto del reale. Possiamo dunque affermare che il Manzoni è passato da una visione del mondo razionalista ed illuminista ad una visione del mondo cristiana. È passato da uomo immobile a Homo Viator.
  101. 102. A questo proposito è interessante un paragone tra I Promessi Sposi e la Commedia di Dante: entrambi gli autori si pongono il problema della lingua, proprio perché l’arte cristiana ha un respiro universale, il messaggio di Cristo deve essere comunicato nel modo più comprensibile possibile. Entrambi ci raccontano di un viaggio, un viaggio che vede davanti a sé una meta chiara, che verrà raggiunta grazie al volere divino.
  102. 103. Il fatto che Manzoni decida di scrivere un romanzo storico, non è una scelta casuale: il suo tentativo è quello di proporre una testimonianza di vita cristiana oggettiva, realmente vissuta. Insomma, siamo davanti ad un paradigma. La vita dei protagonisti è drammatica, spesso sembra volta alla tragedia, ma anche nei momenti più difficili c’è il sostegno di una fede popolare, di una fede vera. Tutto quanto accade è occasione per la scoperta si sé e per il compimento del proprio Destino.
  103. 104. Il cristianesimo, per Manzoni, non è un’ideologia capace di risolvere magicamente i problemi della vita, ma l’incontro che realmente risponde a ciò che ogni uomo desidera, non prescindendo dalla drammaticità della vita. Cristo ci raggiunge là dove siamo.
  104. 105. Fonti iconografiche (1) E. Matisse, Icaro , serigrafia da gouache ritagliata, Greg Kucera Gallery, Seattle. (2) Caravaggio, Sette opere di Misericordia , olio su tela, Pio Monte della Misericordia, Napoli. (3) Antonello da Messina, L’Annunciata , tempera e olio su tavola, Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis, Palermo. (4) T. Shilippoteaux, San Paolo che predica all'Areopago , incisione. The Provincial Museum of Alberta. (5) Anonimo della scuola di Rodi, Laocoonte e i suoi due figli lottano coi serpenti , scultura greca, Museo Pio-Clementino, Roma. (6) Piero della Francesca, Resurrezione , affresco, Museo Civico, Sanspolcro. (7) Anonimo, Testa colossale di Costantino , statua in marmo, Musei Capitolini, Roma. (8) Anonimo, L'abate Desiderio offre la Regola a san Benedetto , miniatura, Biblioteca di Montecassino.
  105. 106. Fonti iconografiche (9) Anonimo, Monaci amanuensi , miniatura, Biblioteca di Montecassino. (10) F. Napoletano, Totila e San Benedetto , olio su tela, Chiesa di S. Benedetto, Norcia. (11) Giotto, Storie di S. Francesco, affreschi, Basilica Superiore, Assisi. (12) Anoniomo, Exultet, Archivio Capitolare di Bari. (13) Anonimo, Exultet, Archivio Capitolare di Troia (FG). (14) Anonimo, Exultet, Archivio della Cattedrale, Bari. (15) Anonimo, Exultet Barberini, Biblioteca Apostolica Vaticana, Roma. (16) B. E. Murillo, Isidoro di Siviglia , Cattedrale di Siviglia. (17) Anonimo, Paolo Diacono, miniatura, Biblioteca Laurentiana, Firenze. (18) S. Botticelli, Ritratto di Dante , tempera su tela, collezione privata, Ginevra. (19) Duomo di Siena. (20) Chiesa di S. Fortunato, Todi (PG).
  106. 107. Fonti iconografiche (21) Duomo di Gubbio (PG). (22) Duomo di Arezzo. (23) Michelangelo, Madonna della scala , bassorilievo marmoreo, Casa Buonarroti, Firenze. (24) Leonardo da Vinci, Uomo Vitruviano, disegno, Galleria dell’Accademia, Venezia. (25) Caravaggio, Cena in Emmaus , olio su tela, National Gallery, Londra. (26) Frans Hals, Ritratto di René Descartes , Statens Museum for Kunst, Copenhagen. (27) E. Delacroix, La libertà che guida il popolo , olio su tela, Museo del Louvre, Parigi. (28) A. Canova, Paolina Borghese , statua in marmo, Galleria Borghese, Roma. (29) C. D. Friedrich, Viandante sul mare di nebbia , olio su tela, Kunsthalle, Amburgo. (30) Pietro da Cortona, Trionfo della Divina Provvidenza , affresco, Palazzo Barberini, Roma.

×