Guida facoltà d'ingegneria
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Guida facoltà d'ingegneria

on

  • 507 views

 

Statistics

Views

Total Views
507
Views on SlideShare
507
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Guida facoltà d'ingegneria Presentation Transcript

  • 1. Guida di orientamento Facoltà di IngegneriaAnno Accademico 2011 : : 2012
  • 2. Roberto Lagalla Lettera del Rettore dell’Università degli Studi di Palermo La pubblicazione della Guida alla Facoltà rappresenta ormai un appuntamento In questa prospettiva si sono incrementate le occasioni di stage e tirocinio, si tradizionale con gli studenti che si immatricolano presso l’Ateneo di Palermo e che sono potenziati i programmi di mobilità nazionale ed internazionale, si sono messe desiderano conoscere in modo approfondito gli ambienti di studio e di formazione a punto modalità per sostenere lo studente durante il percorso di studio, si sono in cui spenderanno un fruttuoso periodo della loro vita. razionalizzate le procedure amministrative che riguardano la carriera dello studen- La Guida assolve così al duplice compito di informare ed orientare e rappresen- te, si sono trovate forme per agevolare i meritevoli e quelli che già lavorano. ta un utile ed agevole strumento per entrare in contatto con la realtà universitaria, i Un dato che ci conforta molto nel proseguire questo progetto è dato dall’au- servizi che essa offre, i corsi di studio attivati e i relativi piani di studio. mento del numero degli studenti stranieri che scelgono l’Ateneo di Palermo come Nell’ultimo anno, l’Università di Palermo, attraverso tutte le sue componenti, ha luogo deputato alla loro formazione. profuso un notevole impegno per adeguare l’offerta formativa a criteri di maggiore E’ questo un fatto importante non solo a fini meramente statistici o didattici. organicità e per promuovere tutte quelle opportunità che concretamente possano L’incontro fra giovani di nazionalità e culture diverse offre un importante contributo mettere in rapporto col mondo del lavoro e con il contesto economico-produttivo. alla crescita personale e arricchisce l’aspetto della dimensione civile della forma- Si è voluto, per questa via, rendere la formazione che lo studente riceve più compe- zione, affermando il principio che la frequenza all’università non si esaurisce nel-2 titiva sulla scena sia italiana che europea e rassicurare le famiglie che il loro investi- l’apprendimento di saperi ma contribuisce a dare valore al senso di comunità allar- 3 mento sul nostro Ateneo è salvaguardato dagli sforzi che la comunità accademica gata dove pregiudizi e stereotipi non trovano cittadinanza. compie quotidianamente in questo senso. Auguro agli studenti che si immatricolano presso l’Ateneo di Palermo un buon lavoro!
  • 3. Fabrizio Micari Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 voli e sono a disposizione di ogni singolo studente che potrà usufruirne al fine di diventare un ingegnere competente ed altamente qualificato. Per l’anno accademico 2011-12, la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Lettera del Preside di Facoltà Studi di Palermo ha riorganizzato la sua offerta formativa – grazie alle competenze ed al lavoro di ricerca del corpo docente della Facoltà – coprendo oltre i “tradizio- nali” campi, anche le punte più avanzate dell’Ingegneria, rispondendo alle doman- de del mondo del lavoro. Il risultato è stato l’attivazione dei seguenti corsi di studi: 10 Corsi di Laurea a numero programmato della durata di tre anni, di cui 1 nella Cari studenti, benvenuti nella Facoltà di Ingegneria! sede decentrata di Caltanissetta ed 1 nella sede di Agrigento; La Facoltà di Ingegneria si è sempre caratterizzata per la serietà degli studi e per 12 Corsi di Laurea Magistrale ad accesso libero della durata di due anni; l’impegno richiesto agli studenti, ma anche per la qualità della didattica, per 1 Corso di Laurea Magistrale a numero programmato a ciclo unico quinquen- l’efficienza dell’organizzazione e per le eccellenti prospettive di collocazione sul nale. mondo del lavoro che è in grado di offrire. I nostri laureati tradizionalmente acqui- E’ utile aggiungere che la Facoltà di Ingegneria cura importanti progetti di inter- siscono una preparazione completa e variegata che permette loro di competere effi- nazionalizzazione e di ricerca, ed inoltre ha stabilito un tessuto di rapporti con cacemente con i laureati delle prestigiose Università del centro e del nord Italia e aziende e pubbliche amministrazioni per lo svolgimento di attività di stage e tiroci- di inserirsi nelle più prestigiose aziende nazionali ed internazionali o di avviare pro- nio. ficue attività professionali. Da parte mia non posso che formulare i migliori auguri di buon lavoro: sono Studiare Ingegneria richiede innanzi tutto passione per questa disciplina; chi certo che l’impegno e la dedizione che metterete nello studio saranno gratificati dai decide di dedicarsi a questi studi deve possedere una buona preparazione di base risultati e dal successo umano e professionale. di matematica, logica, fisica e chimica, condizione imprescindibile per procedere con più facilità lungo il percorso formativo. Questa preparazione viene verificata attraverso il test di ingresso, che dà l’opportunità a ciascuno di auto-valutarsi per meglio comprendere se, in base al bagaglio di conoscenze acquisito negli studi superiori, può efficacemente affrontare il percorso di studi. La Facoltà provvede inoltre ad organizzare, prima dell’inizio delle lezioni del primo anno, alcuni corsi4 integrativi gratuiti, denominati “corsi zero”, rivolti in primo luogo a coloro i quali 5 avessero lacune formative, ma anche fortemente consigliati a tutti gli altri studenti per riprendere e riordinare le conoscenze già acquisite ed affrontare gli studi con maggiore sicurezza. In tal senso l’organizzazione dei “corsi zero” si inserisce nella complessiva stra- tegia della Facoltà che mette gli studenti al centro dell’attenzione, dal momento di ingresso nell’università alla laurea ed all’inserimento nel mondo del lavoro. Altri momenti di questa strategia sono infatti il monitoraggio della qualità della didatti- ca, l’implementazione di ogni azione necessaria per assicurarne il miglioramento continuo e l’organizzazione di attività volte ad accompagnare ed aiutare gli studenti nell’inserimento nel mondo del lavoro, proponendo incontri e colloqui con impre- se di primario livello nazionale ed internazionale. La frequenza dei corsi è più che consigliata ed è agevolata dalla presenza costante dei docenti. Le risorse umane e tecnologiche presenti in Facoltà sono note-
  • 4. Facoltà di Ingegneria UFFICIO DI PRESIDENZA Viale delle Scienze, Ed. 7 I piano - 90128 Palermo 091/23865301 presinge@unipa.it UFFICIO DI SEGRETERIA DIDATTICA Viale delle Scienze, Ed. 7 I piano - 90128 Palermo 091/23565309-05 UFFICIO DI SEGRETERIA STUDENTI Viale delle Scienze Ed. 3 90128 Palermo 091/23890775/665/639 INDIRIZZO SITO DELLA FACOLTÀ http://www.ingegneria.unipa.it POLI DIDATTICI Polo Didattico di Caltanissetta via Real Maestranza – 93100 Caltanissetta tel. 0934/20928 http://www.uni.cl.it/6 Polo Didattico di Agrigento 7 Via Filippo Quartararo – 92100 Agrigento Tel. 0922/525673/72 - Fax 0922/525672 poldidag@unipa.it http://www.poloag.it/ CONSORZIO NETTUNO Consorzio Nettuno Viale delle Scienze, Ed. 8 III piano – 90128 Palermo tel/fax 091/422550 nettunopa@tiscali.it www.nettunopalermo.it
  • 5. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ORIENTAMENTO E TUTORATO Sportello per le attività di Orientamento di Facoltà IL NUOVO ORDINAMENTO e le iniziative di Tutorato SOFT Viale delle Scienze, Ed. 7 piano seminterrato – 90128 Palermo Presentazione 091/7028906 Questa guida è rivolta agli studenti della Scuola Secondaria Superiore e alle tutoringegneria@unipa.it matricole dei Corsi di Laurea in Ingegneria. Essa presenta i Corsi di Laurea che possono essere seguiti presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo DELEGATO DELLA FACOLTÀ PER I RAPPORTI Prof. Marcella Cannarozzo sia nella sede di Palermo sia in sede decentrata, nell’anno accademico 2011- CON LE SCUOLE, L’ORIENTAMENTO 091/23896531 2012. ED IL TUTORATO mcannarozzo@unipa.it Gli studi di Ingegneria sono organizzati in armonia alle linee direttive indivi- duate dai seguenti decreti: MANAGER DIDATTICO Dott. Roberto Gambino • DM 24/10/ 2004 N. 270 (G.U. del 12/11/2004) “Modifiche al regolamento 091/23865306 roberto.gambino@unipa.it recante norme concernenti lautonomia didattica degli atenei”; • DM 16/03/2007 (S.O. n.153, G.U. del 06/06/2007, n.155) “Determinazione delle classi delle Lauree universitarie”; • DM 16/03/2007 (S.O. n.155, G.U. del 09/07/2007 n.157) “Determinazione delle classi di Laurea magistrale“. Ulteriori informazioni possono essere acquisite consultando il sito Web della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo (www.ingegneria.unipa.it). I titoli di studio Le Università, come previsto dal D.M. 270/04, rilasciano al termine dei rispet- tivi corsi i titoli di studio indicati nella tabella 1. La sequenza dei percorsi for- mativi è riportata nello schema 1. tabella 1 - Titoli di studio e relativi Corsi di studio, crediti e durata dei corsi8 Accesso al Durata Durata 9 Titolo di Studio Corso di Studio Crediti del corso totale Corso di Studio (anni) (anni) Laurea (L) Corso di Laurea Dalla Scuola 180 3 3 Secondaria Superiore Laurea Magistrale (LM) Corso di Laurea Dalla Laurea 120 2 5 Magistrale Laurea magistrale in Corso di Laurea Dalla Scuola 300 5 5 Ingegneria Edile- Magistrale a Ciclo Secondaria Architettura (ord. UE) Unico Superiore Dottorato di Corso di Dottorato Dalla Laurea 180 3 8 Ricerca (DR) di Ricerca Magistrale Master di 1° livello Corso di Master Dalla Laurea 60 1 4 di 1° livello Master di 2° livello Corso di Master Dalla Laurea 60 1 6 di 2° livello Magistrale
  • 6. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Schema 1 – Sequenza dei percorsi formativi relativi agli studi di Ingegneria Requisiti formali di iscrizione ai corsi Per essere ammessi ad un Corso di Laurea occorre essere in possesso di un diploma di Scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito Dalla Scuola secondaria superiore Dalla Scuola secondaria superiore all’estero, riconosciuto idoneo (DM 270/04, art. 6 comma 1). Accesso al Corso di Accesso diretto al Corso Per essere ammessi ad un Corso di Laurea Magistrale occorre essere in posses- Laurea scelto (v. Tab. 2) di Laurea Magistrale in so della Laurea, o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro 1° anno Ingegneria Edile - Architettura titolo di studio conseguito allestero, riconosciuto idoneo (DM 270/04, art. 6 (Ordinamento U.E.) comma 2). 2° anno 1° anno Per essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile- 3° anno 2° anno Architettura (durata quinquennale) basta essere in possesso di un diploma di Scuola secondaria superiore trattandosi di corso di studio regolato da normati- LAUREA (L) – 3 anni 3° anno Alla professione va specifica dellUnione Europea (DM 270/04, art. 6 comma 3). o al Master di 1° livello Dalla Laurea: 4° anno accesso al Corso di Laurea Crediti Formativi Universitari Magistrale 5° anno Il Credito Formativo Universitario, nel seguito denominato CFU o credito, è la 1° anno misura del volume di lavoro di apprendimento, compreso lo studio individua- LAUREA MAGISTRALE le, richiesto ad uno studente in possesso di adeguata preparazione iniziale per 2° anno (LS, Ord. U.E.) - 5 anni Accesso al corso di Alla professione l’acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dagli Alla professione o al Master di o al Master di LAUREA MAGISTRALE Dottorato di Ricerca ordinamenti didattici dei corsi di studio (DM 270/04, art. 1 comma 1, lettera l). 2° livello 2° livello (LS) - 5 anni Il nuovo ordinamento è pertanto centrato sull’apprendimento e sulla misura di Accesso al corso di 1° anno esso piuttosto che sull’insegnamento. Secondo il citato DM 270/04, art.5: Dottorato di Ricerca 2° anno • al credito formativo universitario corrispondono 25 ore di impegno comples- 1° anno sivo per studente; 3° anno • la quantità media di impegno complessivo di apprendimento svolto in un10 11 2° anno anno da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari è con- DOTTORATO DI RICERCA venzionalmente fissata in 60 crediti; 3° anno (DR) – 8 anni DOTTORATO DI RICERCA • limpegno orario che deve essere riservato allo studio personale o ad altre (DR) – 8 anni attività formative di tipo individuale non può comunque essere inferiore a metà dell’impegno orario complessivo, salvo nel caso in cui siano previste attività formative ad elevato contenuto sperimentale o pratico; (a) Corsi di Laurea (b) Corso di Laurea Magistrale (Ord. U.E.) • i crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo stu- dente con il superamento dellesame o di altra forma di verifica del profitto. La tabella 1 della pagina precedente indica, per ciascun corso di studio: Nota: la valutazione del profitto individuale dello studente deve comunque • i requisiti formali di iscrizione al corso, essere espressa mediante una votazione in trentesimi per gli esami e in cento- • i crediti formativi universitari di ciascun corso, decimi per la prova finale, con eventuale lode (DM 270/04, art. 11, comma 7, • la durata normale dei corsi. lettera e).
  • 7. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Durata normale dei corsi per interpretare e descrivere i problemi dell’ingegneria; La durata normale dei corsi è di 3 anni per la Laurea, di 2 anni per la Laurea • conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze Magistrale (durata totale 3+2 anni) e di 3 anni per il Dottorato di ricerca (dura- dell’ingegneria, sia in generale, sia in modo approfondito relativamente a quel- ta totale 8 anni). La durata normale della Laurea Magistrale in Ingegneria Edile- li di una specifica area dell’ingegneria [civile, ambientale e del territorio per la Architettura è di 5 anni, a ciclo unico, con accesso diretto dalla Scuola secon- classe L-7, dellinformazione per la classe L-8, industriale per la classe L-9], daria superiore. nella quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere i problemi, utiliz- zando metodi, tecniche e strumenti aggiornati; A partire dall’Anno Accademico 2010/2011 gli studenti possono scegliere di • essere capaci di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di com- immatricolarsi ai corsi di studio secondo una modalità a tempo pieno o a ponenti, sistemi e processi; tempo parziale (con un numero di CFU maggiore di 30 e minore di 60). • essere capaci di condurre esperimenti e di analizzarne e interpretarne i dati; Lo studente annualmente, all’atto dell’immatricolazione e dell’iscrizione, pre- • essere capaci di comprendere l’impatto delle soluzioni ingegneristiche nel senta il piano di studi, facendo riferimento a quello previsto dal Manifesto nel- contesto sociale e fisico-ambientale; l’anno di immatricolazione, e indica, tramite apposita procedura, gli insegnamen- • conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche; ti che intende frequentare nell’anno accademico, fatte salve le propedeuticità. • conoscere i contesti aziendali e la cultura dimpresa nei suoi aspetti econo- mici, gestionali e organizzativi; Il solo Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile-Architettura non prevede • conoscere i contesti contemporanei; immatricolazione o iscrizione a tempo parziale. • avere capacità relazionali e decisionali; • essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in alme- Le Classi di corso di studio e i Corsi di studio no una lingua dellUnione Europea, oltre litaliano; • possedere gli strumenti cognitivi di base per laggiornamento continuo delle Classi di corso di studio proprie conoscenze. Secondo il citato DM 270/04, art.4: • i corsi di studio dello stesso livello, comunque denominati dagli atenei, aven- Classe L-23 Scienze e tecniche delledilizia ti gli stessi obiettivi formativi qualificanti e le conseguenti attività formative I laureati nei corsi di laurea della classe devono:12 13 indispensabili, sono raggruppati in Classi di appartenenza, nel seguito deno- • conoscere adeguatamente gli aspetti analitici e conoscitivi relativi agli ambi- minate Classi; ti disciplinari del corso di studio seguito; • i titoli conseguiti al termine dei corsi di studio dello stesso livello, apparte- • conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi relativi agli nenti alla stessa Classe, hanno identico valore legale. ambiti disciplinari del corso di studio seguito ed essere in grado di utilizzarne gli specifici metodi, tecniche e strumenti; Obiettivi formativi qualificanti delle Classi di laurea in Ingegneria • conoscere adeguatamente gli aspetti riguardanti la fattibilità tecnica ed eco- Classe L-7 – Ingegneria Civile e Ambientale nomica, il calcolo dei costi e il processo di produzione e di realizzazione dei Classe L-8 – Ingegneria dell’Informazione manufatti edilizi e delle trasformazioni ambientali; Classe L-9 – Ingegneria Industriale • essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in alme- I laureati nei corsi di laurea delle classi devono: no una lingua dellUnione Europea, oltre litaliano. • conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della matemati- ca e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza
  • 8. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Obiettivi caratterizzanti dei singoli corsi di laurea Tabella 3 - Corsi di Laurea Magistrale senza numero programmato Gli obiettivi caratterizzanti i diversi corsi di laurea previsti dalla Facoltà di Denominazione Modalità Ingegneria di Palermo sono descritti sotto la voce “Obiettivi formativi” dei cor- Classe Sede Corso di Laurea di immatricolazione rispondenti corsi. LM-20 Ingegneria Aerospaziale Palermo --- LM-35 Ingegneria per l’Ambiente Palermo Corsi di studio e il Territorio --- Presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo è prevista LM-25 Ingegneria dell’Automazione Palermo --- l’attivazione di n. 10 Corsi di Laurea triennali con numero programmato (tabel- LM-22 Ingegneria Chimica Palermo --- LM-23 Ingegneria Civile Palermo --- la 2), di n. 12 Corsi di Laurea Magistrale senza numero programmato con LM-28 Ingegneria Elettrica Palermo --- accesso diretto dalla Laurea (tabella 3) e di n.1 Corso di Laurea Magistrale LM-30 Ingegneria Energetica e Nucleare Palermo --- quinquennale a ciclo unico, con numero programmato e accesso diretto dalla LM-31 Ingegneria Gestionale Palermo --- scuola secondaria superiore (tabella 4). LM-32 Ingegneria Informatica Palermo LM-33 Ingegneria Meccanica Palermo --- LM-24 Ingegneria dei Sistemi edilizi Palermo LM-27 Ingegneria delle Palermo --- Tabella 2 - Corsi di Laurea triennali con numero programmato Telecomunicazioni Denominazione Modalità Classe Sede Corso di Laurea di immatricolazione Tabella 4 - Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico, con numero programmato L-7 Ingegneria per l’Ambiente e il Palermo Concorso 06.09.2011 Territorio Denominazione Modalità L-9 Ingegneria Chimica Palermo Concorso 06.09.2011 Classe Sede Corso di Laurea di immatricolazione L-7/L-23 Ingegneria Civile ed Edile Palermo Concorso 06.09.2011 L-9 Ingegneria Elettrica Caltanissetta Concorso 06.09.2011 LM-4 Ingegneria Edile-Architettura Palermo Concorso 07.09.2011 L-8 Ingegneria Elettronica Palermo Concorso 06.09.2011 L-9 Ingegneria dell’Energia Palermo Concorso 06.09.201114 L-9 Ingegneria Gestionale Palermo Concorso 06.09.2011 15 L-8 Ingegneria Gestionale e Agrigento Concorso 06.09.2011 Informatica L-8 Ingegneria Informatica e delle Palermo Concorso 06.09.2011 Telecomunicazioni L-9 Ingegneria Meccanica Palermo Concorso 06.09.2011
  • 9. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Classe L-7 Ingegneria civile e ambientale rie caratterizzanti il Corso di Laurea. In particolare, nel primo anno gli studenti acquisiscono le cono- Corso di laurea in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio scenze fondamentali negli ambiti disciplinari di base, in particolare la matematica, la fisica e la chimica, e approfondiscono le conoscenze di base della lingua Inglese. Durante il secondo anno si approfondisco- Codice corso: 2098 no invece le conoscenze relative ad ambiti disciplinari caratterizzanti quali, ad es., lIdraulica, la Scienza delle Costruzioni, la Geotecnica. Nel secondo anno, inoltre, si prevede vengano svolte le attività formati- Durata: 3 anni ve ulteriori previste dallart. 10, comma 5, lettera d del DM 270. Infine, il percorso si conclude con il terzo Crediti: 180 anno, durante il quale si focalizza lattenzione su metodi e tecniche specifici dellattività dellingegnere Sede: Palermo per l’ambiente e il territorio, distinguendo le attività in relazione ai due diversi percorsi formativi. Numero programmato: SI E previsto, in ogni caso, laccesso alla Laurea Magistrale in Ingegneria per lAmbiente e il Territorio. Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO ¬ caratteristiche della prova finale Informazioni generali sullo specifico corso: http://portale.unipa.it/ingambterr La prova finale consiste nella discussione di un elaborato redatto con lausilio di docenti del Corso di Vedansi regole per Test di accesso su Laurea, anche affiancati da esperti esterni provenienti dal mondo del lavoro, tendente ad accertare la pre- parazione tecnico-scientifica e professionale del candidato. www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Il tema della tesi è scelto dallo studente, con lausilio del relatore, e approvato dal Consiglio di Corso di Laurea. ¬ sbocchi occupazionali I laureati in Ingegneria per lAmbiente e il Territorio potranno svolgere attività professionali in diversi ambi- PIANO DI STUDI ti: imprese, enti pubblici e privati e studi professionali. Le attività a cui essi potranno partecipare sono quel- le di progettazione, pianificazione, realizzazione e gestione di opere e sistemi per il controllo e il moni- ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu toraggio dellambiente e del territorio, la difesa del suolo, il trattamento delle acque, la gestione dei rifiu- ti, luso delle materie prime e delle risorse ambientali, geologiche ed energetiche, la valutazione degli Analisi matematica I 13711 MAT/05 9 impatti e della compatibilità ambientale di piani ed opere. Analisi matematica II + Meccanica razionale (C.I.) 13286 MAT/05 9 In particolare il laureato in Ingegneria per lAmbiente e il Territorio è in grado di: Chimica Generale ed Inorg. con elem. Org. 07844 CHIM/07 9 -partecipare al progetto di opere mirate al trattamento delle acque e alla gestione dei rifiuti; Disegno 02600 ICAR/17 9 -partecipare al progetto di interventi per la difesa del suolo; Fisica I 03295 FIS/01 9 -partecipare al progetto di impianti per luso e il risparmio delle risorse energetiche, con particolare riferi- Fisica II 07870 FIS/01 6 mento a quelle rinnovabili e alternative; Geometria 03675 MAT/03 6 -valutare la compatibilità ambientale dei progetti, anche in termini di sostenibilità, in relazione alle nor- mative vigenti; Chimica Applicata 01814 ING-IND/22 616 -individuare le aree di rischio (chimico, industriale, geologico) sul territorio in relazione alla sua difesa da Lingua Inglese 04677 3 17 eventi naturali e da attività antropiche; -condurre esperimenti, analizzare e interpretare dati di pertinenza ambientale; -adoperare tecniche e metodi per contribuire alla progettazione di componenti, sistemi e processi in armo- nia con i requisiti ambientali; -partecipare alla formazione e gestione di piani urbanistici, territoriali ed ambientali. ¬ obiettivi formativi Gli obiettivi formativi della Laurea in Ingegneria per lAmbiente e il Territorio sono mirati alla conoscenza e alla soluzione di tutti i problemi progettuali e di pianificazione riguardanti lambiente e il territorio. Per una migliore specificità delle conoscenza dei problemi affrontati, il Corso di Laurea prevede due per- corsi formativi, di cui il primo mirato a un maggiore approfondimento di temi inerenti la conoscenza del territorio (tecniche di monitoraggio, protezione e controllo), il secondo mirato allapprofondimento delle tematiche inerenti linquinamento dei comparti ambientali (monitoraggio, prevenzione, risanamento). I due percorsi formativi prevedono unampia preparazione comune nelle materie di base e in alcune mate-
  • 10. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Classe L-9 Ingegneria industriale Geologia Applicata 03657 GEO/05 6 Corso di laurea in Ingegneria Chimica Idraulica 03769 ICAR/01 9 Topografia 07626 ICAR/06 6 Codice corso: 2087 Scienza delle Costruzioni 06313 ICAR/08 9 Durata: 3 anni Fisica Tecnica Ambientale 03324 ING-IND/11 9 Crediti: 180 Geotecnica 03699 ICAR/07 9 Sede: Palermo Ingegneria Sanitaria-Ambientale 03981 ICAR/03 9 Numero programmato: SI Altre attività 07620 9 Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO Informazioni generali sullo specifico corso: www.ingegneriachimica.unipa.it/ Vedansi regole per Test di accesso su www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu ¬ sbocchi occupazionali Tecnica del controllo ambientale 07173 ING-IND/11 6 Gli sbocchi occupazionali della Laurea in Ingegneria Chimica si caratterizzano per la loro molteplicità. Idrologia 03787 ICAR/02 9 Lofferta formativa è stata infatti articolata in modo da garantire una ampia flessibilità del laureato ai fini 1 insegnamento da 9 cfu e un insegnamento dellinserimento nel mercato del lavoro. In particolare lattività del laureato è finalizzata allo sviluppo di da 6 cfu tra i seguenti nuovi prodotti o processi, alla gestione di attività produttive nellambito dellindustria di processo in un Impianti di trattamento sanitario-ambientale 03859 ICAR/03 9 contesto di sostenibilità ambientale, economica e di sicurezza. Stabilità dei pendii 06633 ICAR/07 9 I laureati in Ingegneria Chimica applicano le conoscenze esistenti nel campo della chimica e dellinge- gneria industriale per progettare, realizzare e manutenere impianti e sistemi per la produzione di sostan- Sistemi informativi territoriali per la difesa del suolo 13611 ICAR/02 6 ze chimiche, di derivati dal petrolio, farmaci, prodotti alimentari; conducono ricerche e studi per ottimiz- Pianificazione territoriale 05694 ICAR/20 6 zare i sistemi di produzione di manufatti tipici dellindustria di processo e sovraintendono a tali attività. Materia a Scelta 12 I principali sbocchi occupazionali dellingegnere chimico sono quindi le industrie chimiche, alimentari, Prova Finale 05917 6 farmaceutiche; aziende di produzione e trasformazione di materiali, laboratori industriali; strutture tecni- che della pubblica amministrazione.18 ¬ obiettivi formativi 19 Il corso di laurea in Ingegneria Chimica si propone di formare una figura professionale caratterizzata dalle conoscenze fondamentali sia dellingegneria industriale in generale che dellingegneria chimica in parti- colare, in modo da fornirgli il massimo di flessibilità per un inserimento efficace nel mondo del lavoro. In questo spirito è previsto linsegnamento di 60 CFU comuni alla classe industriale, comprensivi di discipli- ne di base (matematica, chimica e fisica) e discipline caratterizzanti la classe (disegno industriale, mac- chine, scienza delle costruzioni). Il necessario completamento delle competenze di ingegneria industriale è fornito dallinsegnamento di elettrotecnica. Il percorso formativo prevede inoltre 54 CFU che forniscono le competenze specifiche dellambito dellIngegneria Chimica, quali i fondamenti di termodinamica, le proprietà e prestazioni fondamentali delle tipologie più comuni dei materiali di interesse tecnologico, i fenomeni di trasporto, le operazioni unitarie, la progettazione di apparecchiature ed i più importanti pro- cessi chimici di interesse industriale. In particolare, nellambito della progettazione delle apparecchiature e dello studio dei processi chimici verrà data attenzione agli aspetti economici, di sicurezza, di sostenibi- lità ambientale, e di etica professionale. Tali problematiche potranno essere ulteriormente sviluppate con attività seminariali impartite nellambito delle "altre attività formative".
  • 11. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Classe L-9L-7 Ingegneria civile e ambientale – L-23 Scienze e tecniche delledilizia Per la prova finale è previsto un impegno limitato a 6 CFU che consiste nella preparazione di un elabora- to sotto la guida di docenti del corso, che può essere anche il completamento di attività di tirocinio pres- Corso di laurea in Ingegneria Civile ed Edile so aziende o presso laboratori di ricerca. Codice corso: PIANO DI STUDI Durata: 3 anni ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Crediti: 180 Sede: Palermo Analisi Matematica 01238 MAT/05 12 Geometria 03675 MAT/03 6 Numero programmato: SI Fisica I 03295 FIS/03 9 Posti riservati per stranieri: 5 Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 Curricula (eventuali): SI Fisica II 07870 FIS/01 6 Informazioni generali sullo specifico corso: Chimica 01788 CHIM/07 9 Vedansi regole per Test di accesso su Altre attività 6 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it ¬ sbocchi occupazionali ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Meccanica Razionale 04954 MAT/07 6 Il primo ambito di attività in cui sembra naturale collocare un ingegnere civile-edile è quello della libera professione, che presuppone, dopo la laurea, il superamento dellesame di Stato per labilitazione alle- Fisica Matematica 03299 MAT/07 6 sercizio della professione e liscrizione allAlbo professionale nella sezione civile- ambientale. Altrettante Chimica organica 01933 CHIM/06 9 possibilità di occupazione possono peraltro essere individuate nel lavoro dipendente (nel cui ambito Termodinamica dell’Ingegneria Chimica 07536 ING-IND/24 12 lingegnere tende comunque a qualifiche di alto livello), svolto sia presso aziende e strutture produttive di Principi di Ingegneria Chimica 05761 ING-IND/24 12 varie dimensioni, sia presso strutture pubbliche e assimilabili, sia nei cantieri edili e infrastrutturali, non- Chimica Applicata e Tecnologia dei Materiali 07845 ING-IND/22 9 ché presso enti di ricerca (di base o applicata) dove la preparazione dellingegnere, che alle basi teoriche Scienza delle Costruzioni 06313 ICAR/08 9 unisce indiscutibili capacità pragmatiche e manageriali, può essere notevolmente valorizzata. A scelta 1 corso da 6 CFU 6 Gli sbocchi professionali attesi sono i seguenti: Attività di ingegnere junior presso enti pubblici territoriali e privati, aziende pubbliche e private, società di inge- gneria, industrie del settore delle costruzioni, uffici e organismi della Protezione Civile, territoriali e nazionali. ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu Attività di direttore operativo dei lavori, ispettore di cantiere, coordinatore della sicurezza in fase di pro- Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 9 gettazione ed in fase di esecuzione dei lavori, direttore tecnico e direttore di cantiere nelle imprese di20 costruzioni. 21 Macchine 07871 ING-IND/08 9 Attività di concorso e di supporto alla progettazione, pianificazione, gestione e controllo di infrastrutture Impianti Chimici 03849 ING-IND/25 12 civili e di reti di servizi territoriali. Fondamenti di Chimica Industriale 03467 ING-IND/27 9 I laureati nella classe L7 e nella classe L23 potranno iscriversi ai rispettivi albi professionali secondo la nor- A scelta 1 corso da 6 CFU 6 mativa vigente. Prova finale 05917 6 ¬ obiettivi formativi Il Corso di Laurea interclasse L-7 (Ingegneria civile e ambientale) e L-23 (Scienze e tecniche delledilizia) si pone lobiettivo specifico di formare figure professionali in grado di ricoprire ruoli tecnici e tecnico-orga- nizzativi in contesti che richiedono la conoscenza degli aspetti metodologico-operativi delle scienze di base e dellingegneria civile ed edile. A tal fine sono particolarmente curate la preparazione fisico-mate- matica di base e la formazione scientifico-tecnica adeguate per interpretare, descrivere e risolvere i pro- blemi di interesse, rendendo lallievo capace di apprendere anche attraverso lo studio individuale e di Altre attività formative (ex art. 10 comma 5 lettera d DM 270/04) 6 CFU ed Inglese 3 CFU possono essere aggiornare le proprie conoscenze in modo autonomo o seguendo corsi specifici. acquisiti lungo tutto il corso di studi.
  • 12. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Lobiettivo è quello di consentire al laureato lingresso nel mondo del lavoro con una capacità autonoma La prova finale, in quanto importante occasione formativa individuale a completamento del percorso, con- di conversione e di adattamento alle diverse funzioni (tecnici preposti al rilascio di permessi, nulla-osta e siste nella preparazione e discussione, sotto la guida di un docente di riferimento, di un elaborato di carat- simili nellambito di enti e amministrazioni pubbliche, tecnici di cantiere, collaboratori alla progettazio- tere prevalentemente applicativo, sviluppato nellambito delle discipline del corso di laurea. Il tema sarà ne, etc.) senza essere vincolato ad ambiti ristretti da una preparazione eccessivamente settoriale. scelto dallo studente e approvato dal Consiglio di Corso degli Studi. In particolare, si impartiranno le conoscenze fondamentali su: Lelaborato è corredato da una presentazione, anche multimediale, discussa dal candidato durante lo svol- - i principi, le metodologie e gli strumenti per la modellazione ed il calcolo delle strutture, nonché sui cri- gimento della prova finale. teri per la progettazione di elementi strutturali e strutture di media complessità in calcestruzzo armato ed in acciaio, mediante lapplicazione di schemi ricorrenti. - i principi, le metodologie e gli strumenti per il calcolo delle variabili di progetto e la progettazione di PIANO DI STUDI - CURRICULUM CIVILE opere idrauliche di media complessità in ambito urbano e extraurbano, mediante lapplicazione di meto- di di calcolo ricorrenti e consolidati. ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu - i criteri ed i metodi per la progettazione geometrica delle infrastrutture stradali e della loro sicurezza, la Analisi Matematica I 13711 MAT/05 9 loro gestione e costruzione, nonché le nozioni di base per la progettazione dei relativi elementi struttura- Geometria 03675 MAT/03 6 li (muri di sostegno, pavimentazioni, etc.) e per la scelta dei materiali da costruzione. Fisica I 03295 FIS/01 FIS/03 9 - lingegneria dei sistemi di trasporto (collettivo urbano, ferroviario, individuale stradale), con riferimento allanalisi della domanda e dellofferta di trasporto. Chimica e tecnologia dei materiali (C.I.) 10050 CHIM/07 12 - lingegneria del rilevamento e sui criteri, le problematiche e le metodologie per il rilievo, il controllo, il ING-IND/22 monitoraggio e la rappresentazione delle strutture e del territorio, nonché i metodi di base nel trattamen- Disegno 02600 ICAR/17 9 to dei dati relativi allimpianto ed alla realizzazione di rilievi topo-cartografici di media complessità a varia Geologia applicata 03657 GEO/5 6 scala ed estensione. Lingua Inglese 04677 3 - i principi riguardanti la caratterizzazione fisico-meccanica delle terre e le principali metodologie speri- mentali per la determinazione dei relativi parametri. - i metodi per la conduzione di prove sperimentali di media difficoltà e linterpretazione dei dati in vari ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu settori dellIngegneria Civile. Fisica II 07870 FIS/01 6 - lingegnerizzazione del progetto di architettura, per quanto riguarda agli aspetti tecnologici, impiantisti- Topografia 07626 ICAR/06 6 ci, strutturali, ambientali, di sicurezza, operativi e cantieristici. - lingegnerizzazione del processo edilizio che, a partire dal progetto, si sviluppa attraverso lappalto, la Idraulica 03769 ICAR/01 9 costruzione, il collaudo, la gestione, la manutenzione, il recupero. Fisica Tecnica 03318 ING-IND/09 9 Liter formativo è così articolato: ING-IND/11 - nel primo anno vengono trasmesse le conoscenze di base atte a conseguire un linguaggio scientifico nel Architettura Tecnica 01463 ICAR/10 9 campo matematico, chimico, fisico e della rappresentazione, ritenute propedeutiche agli studi successivi, Analisi Matematica II 13712 MAT/05 6 oltre alla prova di conoscenza di almeno una lingua straniera. Meccanica Razionale 04954 MAT/07 922 - al secondo anno trovano collocazione alcune discipline dellambito matematico, fisico ed altre discipli- 23 Scienza delle Costruzioni 06313 ICAR/08 9 ne dellingegneria civile ed edile, utili per approfondire la formazione scientifico-tecnica necessaria per interpretare, descrivere e risolvere i problemi di interesse del percorso formativo. Completano il secondo anno discipline ricadenti nei settori affini. ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu - nel terzo anno vengono trasmesse le conoscenze applicative proprie della classe L-7 e della classe L-23, Tecnica ed economia dei trasporti e Estimo civile (C.I.) 13658 ICAR/05 12 finalizzate alla formazione dellallievo nei vari ambiti disciplinari caratteristici del percorso formativo ed Geotecnica 03699 ICAR/22 9 al raggiungimento degli obiettivi specifici prima elencati. Progetto di strade 09128 ICAR/07 9 Le modalità e gli strumenti didattici con cui i risultati di apprendimento attesi vengono conseguiti sono principalmente le lezioni ed esercitazioni in aula, cui vengono affiancate attività di laboratorio, visite tec- Idrologia 03787 ICAR/04 6 niche, stage presso aziende, enti pubblici, studi professionali e società di ingegneria, seminari, partecipa- Tecnica delle Costruzioni 07189 ICAR/02 9 zione a Convegni. Materie a scelta ICAR/09 12 Completano il quadro le materie a scelta (almeno 12 CFU), le altre attività formative utili per linserimento Altre attività previste dall’art.10 comma 5 lettera d 01192 3 nel mondo del lavoro (almeno 3 CFU) e la prova finale (almeno 3 CFU) al fine di verificare il raggiungi- Lavoro finale (art.10 c.5 lett.c) 05917 3 mento dei risultati di apprendimento degli allievi e della loro autonomia di giudizio e abilità comunicativa.
  • 13. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI - CURRICULUM EDILE Classe L-9 Ingegneria industriale ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea in Ingegneria Elettrica Analisi Matematica I 13711 MAT/05 9 Codice corso: 2091 Geometria 03675 MAT/03 6 Durata: 3 anni Fisica I 03295 FIS/01 FIS/03 9 Crediti: 180 Chimica e tecnologia dei materiali (C.I.) 10050 CHIM/07 12 Sede: Caltanissetta ING-IND/22 Disegno 02600 ICAR/17 9 Numero programmato: SI Geologia applicata 03657 GEO/5 6 Posti riservati per stranieri: 5 Lingua Inglese 04677 3 Curricula (eventuali): NO Informazioni generali sullo specifico corso: ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu http://portale.unipa.it/Ingegneria/cdl/elettricacl/ Vedansi regole per Test di accesso su Economia ed estimo 10647 ICAR/22 6 http://portale.unipa.it/ e http://portale.unipa.it/Ingegneria/ Topografia 07626 ICAR/06 6 Idraulica 03769 ICAR/01 9 Fisica Tecnica 03318 ING-IND/09 9 ¬ sbocchi occupazionali 01463 ING-IND/11 Lampio valore culturale del corso di laurea ha come obbiettivo la formazione di figure professionali alta- Architettura Tecnica 13712 ICAR/10 9 mente qualificate nel campo dellingegneria elettrica, capaci di intervenire, con competenze trasversali, Analisi Matematica II 04954 MAT/05 6 nella realtà produttiva sia in ambito civile che industriale. Larticolazione del quadro delle attività forma- Meccanica Razionale 06313 MAT/07 9 tive consente di ottenere una preparazione differenziata e fortemente legata alle esigenze di sviluppo del Scienza delle Costruzioni ICAR/08 9 tessuto economico nazionale ed in particolare di quello siciliano. Il panorama occupazionale spazia quin- di in diversi ambiti quali, ad esempio, le industrie di ogni tipo, le strutture tecniche pubbliche e private, la libera professione. In particolare tra gli sbocchi occupazionali possibili si evidenziano: ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu aziende per la produzione di apparecchiature, macchinari elettrici e sistemi elettronici per lautomazione Geotecnica 03699 ICAR/07 6 industriale e la robotica; Tecnica delle costruzioni edili 16000 ICAR/09 9 aziende ed enti per la progettazione, la pianificazione, lesercizio, il controllo e la gestione di sistemi, di Gestione del processo edilizio 13481 ICAR/11 6 beni e di servizi automatizzati;24 strutture tecniche degli enti locali e delle aziende di servizi pubblici; 25 Tecniche e cantiere del recupero edilizio 15999 ICAR/11 12 attività libero professionale di progettazione e consulenza ingegneristica con particolare riferimento allo C.I. di Urbanistica e Valutazione Ambientale 15998 ICAR/21-BIO/07 12 sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili e alle attività volte ad uno sviluppo sostenibile; Materia a scelta 12 insegnamento nella scuola. altre att. formative ex art. 10 3 Lacquisizione da parte dello studente di 39 CFU attraverso insegnamenti a scelta da individuare prima- Lavoro finale 3 riamente in seno a due gruppi di discipline dal carattere fortemente professionalizzante, suggeriti dal con- siglio del corso di laurea, consente da un lato una solida preparazione ingegneristica immediatamente spendibile nel mondo del lavoro, dall’altro la eventuale prosecuzione degli studi, senza debito di CFU, verso il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica o verso il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica dell’Ateneo.
  • 14. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ obiettivi formativi PIANO DI STUDI Il corso di Laurea in Ingegneria Elettrica ha come obbiettivo quello di fornire una conoscenza adeguata di metodi e contenuti scientifico-professionali e un livello formativo che consenta linserimento immediato ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu nel mercato del lavoro, con specifico riferimento alle aree della realizzazione, esercizio e controllo degli impianti elettrici, della realizzazione e gestione di sistemi industriali automatizzati, della utilizzazione del- Analisi Matematica 01238 MAT/05 12 lenergia elettrica in ambito civile ed industriale, della trasformazione delle fonti energetiche rinnovabili Fisica I 03295 FIS/03 9 in energia elettrica e dell’applicazione dellelettronica industriale ai sistemi di potenza. Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 Gli obiettivi formativi del corso di laurea sono rivolti alla soluzione di tutti i problemi tipici dellIngegneria Geometria 03675 MAT/03 6 elettrica: Fisica II 07870 FIS/01 6 progettazione e realizzazione di apparecchiature, installazioni e sistemi elettrici con limpiego di metodi, Fisica tecnica 03318 ING-IND/11 6 tecniche e strumenti aggiornati; progettazione e realizzazione di sistemi e apparecchiature elettroniche di supporto allautomazione indu- Chimica 01788 CHIM/07 9 striale con limpiego di metodi, tecniche e strumenti aggiornati; Lingua Inglese 04677 3 conduzione di prove su sistemi ed apparecchiature elettriche ed elettroniche e di analisi ed interpretazio- ne dei relativi risultati; gestione di impianti, di beni e servizi automatizzati e controllo in qualità della produzione nei settori della ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu automazione e dellelettronica industriale; Principi di ingegneria elettrica 05767 ING-IND/31 12 verifica della rispondenza di installazioni e sistemi elettrici ed elettronici alla regola dellarte; Scienza delle costruzioni 06313 ICAR/08 9 conversione di fonti energetiche rinnovabili in energia elettrica; utilizzazione dellenergia elettrica. Misure elettriche ed elettroniche 05262 ING-INF/07 9 Elettronica I 13886 ING-INF/01 6 ¬ caratteristiche della prova finale Elettronica industriale di potenza e convertitori 15058 ING-IND/32 9 Macchine elettriche 04812 ING-IND/32 9 La prova finale consiste nella discussione di un elaborato redatto sotto la guida di docenti e con leventuale Controlli automatici 02190 ING-INF/04 6 contributo di esperti provenienti dal mondo del lavoro. La prova finale tende ad accertare la preparazione tecnico-professionale maturata dal candidato. Il tema è scelto dallo studente, eventualmente su proposte elaborate dai docenti, e approvato preventivamente dal Consiglio di Corso di Laurea. ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu Impianti elettrici 03862 ING-IND/33 11 Sistemi intelligenti per l’ingegneria elettrica 15059 ING-IND/33 6 Materie a scelta 39 Altre attività formative 01192 126 Prova finale 05917 3 27
  • 15. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Classe L-8 Ingegneria dell’informazione PIANO DI STUDI Corso di laurea in Ingegneria Elettronica ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Codice corso: 2092 Geometria 03675 MAT/03 6 Durata: 3 anni Chimica 01788 CHIM/07 6 Crediti: 180 Matematica I 04900 MAT/05 12 Sede: Palermo Fisica I 03295 FIS/03 12 Numero programmato: SI Calcolatori elettronici 01727 ING-INF/05 12 Lingua Inglese 04677 3 Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO Informazioni generali sullo specifico corso: www.unipa.it/elettronica ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Vedansi regole per Test di accesso su www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Matematica II 04875 MAT/05 6 Fisica II 07811 FIS/01 6 Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 9 ¬ sbocchi occupazionali Fisica matematica 03299 MAT/07 9 Il profilo formativo della Laurea in Ingegneria Elettronica consente di trovare sbocchi professionali in tutti Fondamenti di comunicazioni elettriche 09180 ING-INF/03 9 i campi tipici dellIngegneria elettronica ed in particolare nella: Dispositivi elettronici 02647 ING-INF/01 9 - progettazione e produzione di componenti, sottosistemi e sistemi elettronici; Controlli automatici 02190 ING-INF/04 12 - ingegnerizzazione, esercizio e manutenzione di sistemi elettronici; Insegnamenti a scelta dello studente 12 - valutazione ed installazione di apparati e componenti elettronici per reti di comunicazioni; - controllo elettronico di apparati, macchine, catene di produzione; - gestione di sistemi elettronici di misura, di laboratori e di linee di produzione. ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu ¬ obiettivi formativi Elettronica 1 13886 ING-INF/01 9 Campi elettromagnetici 01751 ING-INF/02 9 Il corso di Laurea in Ingegneria Elettronica forma studenti che, alla fine dello stesso, divengono esperti nel- lambito della progettazione e produzione di componenti, circuiti e sistemi elettronici, per applicazioni nei Misure elettriche ed elettroniche 05262 ING-INF/07 9 settori delle comunicazioni, dellinformatica, dei controlli industriali, dellautonica etc.. Ricadono nella Economia applicata allingegneria 02702 ING-IND/35 928 sfera dinteresse dellingegnere elettronico anche lesercizio e manutenzione dei sistemi elettronici. Elettronica 2 02945 ING-INF/01 6 29 Elettronica dei sistemi digitali 02954 ING-INF/01 9 Ulteriori conoscenze linguistiche, 01192 3 ¬ caratteristiche della prova finale abilità informatiche e relazionali, tirocini, etc. La laurea in Ingegneria Elettronica si consegue dopo aver superato una prova finale, consistente nella dis- Prova finale 05917 3 cussione di una relazione scritta, elaborata dallo studente sotto la guida di un relatore ed il cui argomen- to, di pertinenza elettronica ed approvato preventivamente dal Consiglio di Corso di Laurea, approfondi- sce tematiche relative allambito di uno o più insegnamenti del corso stesso.
  • 16. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Classe L-9 Ingegneria industriale b) Ingegneria energetica e Nucleare: impianti energetici, gestione dellenergia, controllo ambientale, impianti nucleari, strumenti e misure nucleari, radioprotezione, sicurezza degli impianti. Corso di laurea in Ingegneria dell’Energia La formazione è integrata, allinterno degli insegnamenti previsti o tramite seminari, da nozioni di infor- matica e relative applicazioni, di statistica, di cultura economico-aziendale, con specifico riferimento alle Codice corso: 2089 applicazioni di interesse. Durata: 3 anni Crediti: 180 ¬ caratteristiche della prova finale Sede: Palermo La prova finale consiste nella stesura, esposizione e discussione di un elaborato redatto con la guida di Numero programmato: SI docenti e/o esperti provenienti dal mondo del lavoro. Il tema è scelto dallo studente, eventualmente su Posti riservati per stranieri: 5 proposte dei docenti, e sottoposto ad approvazione. Curricula (eventuali): SI Informazioni generali sullo specifico corso: PIANO DI STUDI - CURRICULUM ELETTRICA Vedansi regole per Test di accesso su www.unipa.it/segunipa e ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu www.ingegneria.unipa.it Analisi matematica 01238 MAT/05 12 ¬ sbocchi occupazionali Fisica I 03295 FIS/03 9 Chimica 01788 CHIM/07 9 Il laureato in Ingegneria dell’Energia potrà svolgere la sua attività in ambiti applicativi multidisciplinari ed Geometria 03675 MAT/03 6 in particolare negli ambiti dei due curricula previsti dell’ingegneria elettrica ed energetica e nucleare, con Fisica II 07870 FIS/01 6 particolare riferimento alla progettazione, alla produzione, alla gestione ed organizzazione, allassistenza delle strutture tecnico-commerciali, allanalisi del rischio, alla gestione della sicurezza, sia nella libera pro- Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 fessione che nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle amministrazioni pubbliche. Tecnologie Generali dei Materiali 07322 ING-IND/22 6 I principali sbocchi occupazionali per l’Ingegnere dellEnergia sono nelle imprese ed enti pubblici e priva- e Chimica applicata ti che si occupano della produzione di energia da fonti fossili, nucleari e rinnovabili, della relativa distri- Lingua Inglese 04677 3 buzione, gestione e utilizzazione, nelle industrie che realizzano i relativi impianti e producono i relativi componenti ed apparecchiature, in enti ed organismi che forniscono servizi di misure e prove, negli studi ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu di ingegneria che si occupano di progettazione impiantistica civile ed industriale o di valutazioni di impat- Scienza delle Costruzioni 06313 ICAR/08 9 to ambientale o di sicurezza, nelle aziende municipali di servizi, enti pubblici e privati operanti nel setto- re dellapprovvigionamento energetico, nelle aziende ed enti ove è richiesta la figura dellenergy manager. Fisica Tecnica 03318 ING-IND/10 9 Principi di Ingegneria elettrica 05767 ING-IND/31 930 ¬ obiettivi formativi Principi di Ingegneria nucleare 05771 ING-IND/19 9 31 Sicurezza ed analisi di rischio 06427 ING-IND/19 9 Il corso di laurea in Ingegneria dellEnergia intende formare un ingegnere con competenze che gli con- sentano di operare adeguatamente negli ambiti dell’Ingegneria elettrica, energetica e nucleare con cono- Componenti e sistemi elettroenergetici 15044 ING-IND/33 9 scenze approfondite sui principi che sono alla base dei processi di produzione, distribuzione, gestione ed Materia a scelta 6 utilizzazione dellenergia nelle sue diverse forme meccanica, elettrica, termica, nucleare, sui relativi com- ponenti e sistemi, sulle relative implicazioni ambientali, economiche, normative e sulla sicurezza. ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu Il percorso formativo previsto condivide con le altre lauree in ingegneria industriale della sede le materie Strumentazione e misure elettriche 07120 ING-INF/07 9 di base e alcune caratterizzanti comuni, ma dà una maggiore rilevanza alla formazione su discipline (tec- Sistemi di distribuzione dell’energia elettrica 15046 ING-IND/33 9 nologie dei materiali, fisica tecnica, energetica, macchine a fluido, principi di ingegneria elettrica, misu- re, macchine e impianti elettrici, principi di impianti nucleari, sicurezza ed analisi di rischio) caratteriz- Energetica 03003 ING-IND/10 9 zanti degli ambiti dellingegneria elettrica, dellingegneria energetica, dellingegneria nucleare e Macchine 04798 ING-IND/08 9 dellIngegneria della sicurezza e protezione industriale. Macchine Elettriche 04812 ING-IND/32 9 Il corso prevede 2 curricula che approfondiscono ulteriori aspetti specifici dei singoli ambiti applicativi Materia a scelta 6 caratterizzanti: Altre attività 3 a) Ingegneria elettrica: elettrotecnica, macchine elettriche, misure elettriche ed elettroniche, sistemi elettrici; Prova finale 05917 6
  • 17. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI - ENERGETICA E NUCLEARE Classe L-9 Ingegneria industriale ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea in Ingegneria Gestionale Analisi matematica 01238 MAT/05 12 Codice corso: 2094 Fisica I 03295 FIS/03 9 Durata: 3 anni Chimica 01788 CHIM/07 9 Crediti: 180 Geometria 03675 MAT/03 6 Sede: Palermo Fisica II 07870 FIS/01 6 Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 Numero programmato: SI Tecnologie Generali dei Materiali 07322 ING-IND/22 6 Posti riservati per stranieri: 5 e Chimica applicata Curricula (eventuali): NO Lingua Inglese 04677 3 Informazioni generali sullo specifico corso: www.ingegneriagestionalepalermo.it Vedansi regole per Test di accesso su ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Scienza delle Costruzioni 06313 ICAR/08 9 Fisica Tecnica 03318 ING-IND/10 9 ¬ sbocchi occupazionali Principi di Ingegneria elettrica 05767 ING-IND/31 9 La crescente complessità e dinamicità del sistema competitivo nell’era della globalizzazione e della cono- Principi di Ingegneria nucleare 05771 ING-IND/19 9 scenza richiede nuove professionalità capaci di affrontare i problemi in maniera interdisciplinare, flessibi- Sicurezza ed analisi di rischio 06427 ING-IND/19 9 le ed innovativa. La figura dell’Ingegnere Gestionale risponde alle esigenze degli attuali mercati ed è que- Componenti e sistemi elettroenergetici ING-IND/33 9 sta la ragione per cui l’Ingegnere Gestionale è sempre più apprezzato e richiesto sia nel mondo delle Materia a scelta 6 imprese che in quello della pubblica amministrazione. L’Ingegnere Gestionale fornisce una risposta ai bisogni di competenze trasversali oggi sempre più richieste. Rappresenta una figura professionale polie- drica, dalle solide fondamenta tecniche e metodologiche che grazie all’ approccio ingegneristico ai pro- ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu blemi gestionali ed organizzativi ha una profonda comprensione dei fenomeni aziendali. Pertanto, la col- locazione nel mercato del lavoro dei laureati in Ingegneria Gestionale risulta di ampio respiro: dalle azien- Termoidraulica 07544 ING-IND/19 6 de industriali a quelle di servizi, dalla pubblica amministrazione al mondo finanziario. Gli Ingegneri Impianti Nucleari 03877 ING-IND/19 6 Gestionali sono fortemente apprezzati nel campo della consulenza in cui operano anche come liberi pro- Energetica 03003 ING-IND/10 9 fessionisti e possiedono le giuste basi per intraprendere con successo l’attività imprenditoriale. Macchine 04798 ING-IND/08 932 Gestione dell’energia 03722 ING-IND/10 9 33 Misure Nucleari e Radioprotezione ING-IND/20 6 ¬ obiettivi formativi Materia a scelta 6 LIngegnere Gestionale si occupa della soluzione di problemi di natura tecnica, economica, gestionale ed Altre attività 3 organizzativa nei processi di produzione e consumo di beni e/o servizi utilizzando metodi e capacità riso- Prova finale 05917 6 lutive caratteristiche dellingegneria. Egli utilizza strumenti quantitativi, supporti decisionali e rigore meto- dologico tipici della ingegneria per pervenire a soluzioni ottimizzanti. La visione ed il metodo ingegneri- stici applicati a problemi gestionali ed organizzativi consentono il raggiungimento di più alti livelli di effi- cienza ed efficacia delle soluzioni, contribuiscono ad una migliore comprensione dei fenomeni azienda- li, facilitano la individuazione ed il controllo delle variabili decisionali più significative nei vari processi aziendali, pongono le basi per il miglioramento continuo dei risultati su parametri misurabili e si prestano alla costruzione di relazioni strutturate tra le diverse funzioni dellimpresa e tra le imprese. La preparazio- ne prevede una solida formazione di base (discipline come matematica, fisica, economia, statistica, ricer- ca operativa, informatica) e capacità progettuali mutuate dalle principali discipline ingegneristiche (con particolare rilievo alle discipline dei settori delle tecnologie e dei sistemi di lavorazione, degli impianti industriali e dellingegneria economico-gestionale).
  • 18. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Classe L-8 Ingegneria dell’Informazione E’ prevista una tesi di laurea con discussione dei risultati generalmente svolta in collaborazione con le aziende. Nello svolgimento della tesi di laurea il candidato deve mostrare il raggiungimento degli obietti- Corso di laurea in Ingegneria Gestionale e Informatica vi qualificanti che caratterizzano la formazione dell’ingegnere gestionale. Codice corso: PIANO DI STUDI Durata: 3 anni Crediti: 180 ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Sede: Agrigento Analisi Matematica 01238 MAT/05 12 Numero programmato: SI Chimica 01788 CHIM/07 9 Posti riservati per stranieri: 5 Fisica I 03295 FIS/03 9 Curricula (eventuali): SI Geometria 03675 MAT/03 6 Informazioni generali sullo specifico corso: www.ingegneria.unipa.it Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 Vedansi regole per Test di accesso su Sistemi informativi aziendali 06502 ING-INF/05 6 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Fisica II 07870 FIS/01 6 Lingua Inglese 04677 3 ¬ sbocchi occupazionali Il laureato che avrà seguito il curriculum gestionale è un Ingegnere con alte competenze tecniche e pro- ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu fessionali, in grado di spendere la propria competenza in imprese industriali e di servizi o di offrirsi sul Tecnologie generali dei materiali 07353 ING-IND/16 6 mercato come consulente aziendale di livello. Egli fornisce una risposta ai bisogni di competenze trasver- Economia per ingegneri 02795 ING-IND/35 9 sali oggi sempre più richieste. Rappresenta una figura professionale poliedrica, dalle solide fondamenta tecniche e metodologiche che Statistica 06644 SECS-S/02 9 grazie all approccio ingegneristico ai problemi gestionali ed organizzativi ha una profonda comprensio- Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 6 ne dei fenomeni aziendali. Pertanto, la collocazione nel mercato del lavoro dei laureati risulta di ampio Scienza delle costruzioni 06313 ICAR/08 9 respiro: dalle aziende industriali a quelle di servizi, dalla pubblica amministrazione al mondo finanziario, Fisica tecnica 03318 ING-IND/10 6 dalla consulenza allattività imprenditoriale. Insegnamento a scelta dello studente 12 Gli sbocchi professionali attesi per il laureato che avrà seguito il curriculum informatico sono la libera pro- fessione come analista, progettista o collaudatore di sistemi informatici e di reti di calcolatori, progettista di applicativi software o parti di essi, il lavoro dipendente presso Enti Pubblici o privati, quali imprese di ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu produzione hardware e software, industrie per lautomazione, imprese operanti nellarea dei sistemi infor-34 Ricerca Operativa 06263 MAT/09 9 mativi e della progettazione e produzione di apparati per lelaborazione e la trasmissione dei dati, forni- 35 Tecnologia meccanica 07324 ING-IND/16 9 tori di servizi informatici e, in generale, in tutte le strutture che si avvalgono di reti ed apparati per la gestio- Economia aziendale 02704 ING-IND/35 9 ne delle informazioni. Gestione della qualità e sviluppo prodotto 12690 ING-IND/16 12 ¬ obiettivi formativi Gestione della produzione industriale 03724 ING-IND/17 9 Impianti industriali 03867 ING-IND/17 9 Gli obiettivi formativi del Corso di Laurea sono rivolti alla formazione di un ingegnere di primo livello con Altre attività formative 01192 3 solide conoscenze ingegneristiche di base su cui costruire, in funzione della scelta del curriculum di lau- Prova finale 05917 3 rea effettuata dallo studente, competenze ingegneristiche negli ambiti dellingegneria gestionale e dellin- gegneria informatica. Vengono dunque conferite allo studente le competenze necessarie per operare efficacemente allinterno di strutture pubbliche e private, e, grazie alla particolare attenzione volta alle materie di base, una prepa- razione generale sufficiente ad acquisire ed adeguare rapidamente, anche in autonomia, la propria for- mazione alle mutevoli esigenze del mondo del lavoro. Il percorso comune tra i dure curricula prevede lacquisizione delle conoscenze e delle competenze concernenti le discipline di base dellingegnere come lanalisi matematica, la geometria, la fisica, la chimica, i calcolatori elettronici. Fanno parte del percorso comune anche quelle discipline che caratterizzano un ingegnere di primo livello in ingegneria gestionale ed informatica come leconomia per ingegneri, la statistica, la ricerca operativa, lelettrotecnica, i control-
  • 19. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 li automatici, la gestione della qualità e lo sviluppo del prodotto. PIANO DI STUDI - CURRICULUM INFORMATICO Sulle conoscenze e competenze descritte si costruiscono i curricula dellingegnere di primo livello in inge- gneria gestionale ed in ingegneria informatica. Nel primo caso le conoscenze e le competenze speciali- ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu stiche che saranno acquisite dallo studente saranno relative alla fisica tecnica, alla scienza delle costru- zioni, agli impianti industriali e alla gestione della produzione industriale, alleconomia dazienda. Nel Matematica I 04900 MAT/05 12 caso del curriculum in ingegneria informatica lo studente acquisirà competenze e conoscenze specialisti- Chimica 01788 CHIM/07 6 che nellambito dei metodi numerici, della programmazione, della progettazione e gestione di basi di dati, Fisica I 03295 FIS/03 12 dei sistemi operativi e delle reti di calcolatori. Calcolatori elettronici 01727 ING-INF/05 12 ¬ caratteristiche della prova finale Geometria 03675 MAT/03 6 Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 La prova finale consiste nella esposizione di un argomento dinanzi ad unapposita commissione nomina- Economia per ingegneri 02795 ING-IND/35 6 ta in accordo al Regolamento Didattico di Ateneo (Art.29). La prova tende ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e le capacità di comunicazione del candidato. Largomento della prova è assegnato dal Consiglio di Corso di Laurea, su proposta del candidato, su temi caratterizzanti o affini del Corso di Laurea. Alla prova finale sono attribuiti 3 CFU. ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Matematica II 04875 MAT/05 6 PIANO DI STUDI - CURRICULUM GESTIONALE Fisica II 07870 FIS/01 6 ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Statistica 06644 SECS-S/02 9 Ricerca Operativa 06263 MAT/09 9 Matematica I 04900 MAT/05 12 Controlli automatici 02190 ING-INF/04 9 Chimica 01788 CHIM/07 6 Gestione della qualità e sviluppo prodotto 12690 ING-IND/16 12 Fisica I 03295 FIS/03 12 Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 6 Calcolatori elettronici 01727 ING-INF/05 12 Programmazione 05871 ING-INF/05 9 Geometria 03675 MAT/03 6 Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 Economia per ingegneri 02795 ING-IND/35 6 ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Lingua Inglese 04677 3 Metodi numerici 10504 MAT/08 9 Matematica II 04875 MAT/05 6 Sistemi operativi 06510 ING-INF/05 9 Fisica II 07870 FIS/01 636 Reti di calcolatori 06232 ING-INF/05 6 37 Statistica 06644 SECS-S/02 9 Basi di dati e progettazione del software 15979 ING-INF/05 6 Ricerca Operativa 06263 MAT/09 9 Altre attività formative 01192 3 Controlli automatici 02190 ING-INF/04 9 Insegnamenti a scelta dello studente 12 Gestione della qualità e sviluppo prodotto 12690 ING-IND/16 12 Prova finale 05917 3 Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 6 Scienza delle costruzioni 06313 ICAR/08 9 ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu Lingua Inglese 04677 3 Fisica tecnica 03318 ING-IND/10 6 Gestione della produzione e degli impianti industriali 15975 ING-IND/17 15 Economia aziendale 02704 ING-IND/35 9 Altre attività formative 01192 3 Insegnamenti a scelta dello studente 12 Prova finale 05917 3
  • 20. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Classe L-8 Ingegneria dell’Informazione La prova tende ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e le capacità di comunicazione del candi- Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni dato. Essa consiste nella esposizione di un argomento dinanzi ad unapposita commissione (Reg. Did. di Ateneo, art. 29). Largomento è assegnato dal CCL, su proposta del candidato, su temi caratterizzanti o affi- ni del Corso di Laurea. Codice corso: 2096 Durata: 3 anni Crediti: 180 PIANO DI STUDI - CURRICULUM INFORMATICA Sede: Palermo Numero programmato: SI ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Posti riservati per stranieri: 5 Matematica I 04900 MAT/05 12 Curricula (eventuali): SI Fisica I 03295 FIS/03 12 Informazioni generali sullo specifico corso: http://corsi.dinfo.unipa.it Calcolatori elettronici 01727 ING-INF/05 12 Geometria 03675 MAT/03 6 Vedansi regole per Test di accesso su Chimica 01788 CHIM/07 6 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it ¬ sbocchi occupazionali La libera professione come analista, progettista o collaudatore di sistemi informatici e di reti di calcolato- ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu ri, nonché come progettista di applicativi software o parti di essi; il lavoro dipendente presso Enti Pubblici Matematica II 04875 MAT/05 6 o privati, quali: imprese di produzione hardware e software, industrie per lautomazione, imprese operan- Fisica II 07811 FIS/01 6 ti nellarea dei sistemi informativi e della progettazione e produzione di apparati per telecomunicazioni, Programmazione 05871 ING-INF/05 9 fornitori di servizi di comunicazione (personali o diffusivi) e, in generale, in tutte le strutture che si avval- Fisica matematica 03299 MAT/07 9 gono di reti di comunicazione ed apparati per la gestione delle informazioni. Metodi numerici 10504 MAT/08 9 Reti di calcolatori e Internet 13761 ING-INF/05 6 ¬ obiettivi formativi Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 9 Gli obiettivi formativi specifici della Laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni sono rivol- ti al conseguimento delle competenze necessarie alla progettazione, realizzazione e gestione di sistemi per lelaborazione e la trasmissione delle informazioni, alla gestione di reti di telecomunicazioni, allau- ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu tomazione degli impianti, alla gestione e alla sicurezza dei sistemi informatici e, in generale, a tutti i set-38 tori applicativi ad alto valore aggiunto tipici dellodierna società dellinformazione. Ricerca operativa 06263 MAT/09 6 39 Il corso di studio intende fornire una preparazione di ampio spettro solidamente fondata sulle discipline Controlli automatici 02190 ING-INF/04 9 imprescindibili per lingegneria, quali la matematica e la fisica. Teoria dei segnali 07393 ING-INF/03 9 Si rivolge quindi alle metodologie e alle tecniche proprie dellelaborazione e della trasmissione delle infor- Fondamenti di elettronica 03472 ING-INF/01 9 mazioni applicabili allinterno di realtà produttive e di enti pubblici e privati. Basi di dati 01525 ING-INF/05 6 Il percorso formativo è strutturato in modo da permettere agli studenti di scegliere se privilegiare Sistemi operativi 06510 ING-INF/05 9 lacquisizione di competenze informatiche piuttosto che nel campo delle telecomunicazioni, pur senza pregiudicare laccesso a successivi corsi di Laurea Magistrale nei settori della Ingegneria Informatica e Algoritmi e strutture dati 01175 ING-INF/05 6 della Ingegneria delle Telecomunicazioni. Altre attività formative 01192 3 Vengono conferite allo studente le competenze necessarie per operare efficacemente allinterno di strut- Lingua Inglese 04677 3 ture pubbliche e private, e, grazie alla particolare attenzione volta alle materie di base, una preparazione Insegnamenti a scelta 15 generale sufficiente ad acquisire ed adeguare rapidamente, anche in autonomia, la propria formazione alle Prova finale 05917 3 mutevoli esigenze del mondo del lavoro.
  • 21. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI - CURRICULUM TELECOMUNICAZIONE Classe L-9 Ingegneria Industriale ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Matematica I 04900 MAT/05 12 Codice corso: 2097 Fisica I 03295 FIS/03 12 Durata: 3 anni Calcolatori elettronici 01727 ING-INF/05 12 Crediti: 180 Geometria 03675 MAT/03 6 Sede: Palermo Chimica 01788 CHIM/07 6 Numero programmato: SI Posti riservati per stranieri: 5 ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Curricula (eventuali): SI Informazioni generali sullo specifico corso: www.csim.dima.unipa.it/ Matematica II 04875 MAT/05 6 Vedansi regole per Test di accesso su Fisica II 07811 FIS/01 6 Programmazione 05871 ING-INF/05 9 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Fisica matematica 03299 MAT/07 9 ¬ sbocchi occupazionali Metodi numerici 10504 MAT/08 9 Reti di calcolatori e Internet 13761 ING-INF/05 6 Gli sbocchi professionali attesi per i laureati in Ingegneria Meccanica sono: linee e reparti di produzione Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 9 in industrie meccaniche ed elettromeccaniche, industrie per l’automazione e la robotica, industria aero- nautica e spaziale, aziende ed enti per la conversione dell’energia, enti per la gestione del traffico aereo. Imprese manifatturiere in generale. Progettazione, installazione, collaudo, manutenzione e gestione di macchine ed impianti. ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu ¬ obiettivi formativi Ricerca operativa 06263 MAT/09 6 Il Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica si propone di trasmettere allo studente le competenze neces- Controlli automatici 02190 ING-INF/04 9 sarie per far fronte ai problemi connessi con lo studio del funzionamento, con la progettazione, con la pro- Teoria dei segnali 07393 ING-INF/03 9 duzione, con la manutenzione e con la regolazione dei manufatti meccanici: macchine e impianti. Il con- Fondamenti di elettronica 03472 ING-INF/01 9 seguimento di tali obiettivi formativi avverrà attraverso un percorso che prevede lacquisizione prelimina- Fondamenti di reti di telecomunicazioni 09182 ING-INF/03 6 re di conoscenze di base di Matematica, Fisica e Chimica (per un totale di 42 CFU), seguita da approfon- Comunicazioni elettriche 02152 ING-INF/03 6 dimenti nei SSD qualificanti tipici dellingegneria meccanica (per un totale di 90 CFU); in questo contesto40 41 Elaborazione numerica dei segnali 02827 ING-INF/03 6 un certo spazio è dedicato anche a SSD tipici dellingegneria aerospaziale. Altre attività formative 01192 3 Lingua Inglese 04677 3 ¬ caratteristiche della prova finale Insegnamenti a scelta 18 La prova finale del Corso di Laurea in Ingegneria meccanica consiste nella presentazione e nella discus- Prova finale 05917 3 sione di una Tesi di Laurea ed è disciplinata a norma dell’art. 10 del Regolamento di Facoltà.
  • 22. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI - CURRICULUM MECCANICO PIANO DI STUDI - CURRICULUM AERONAUTICO ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 Disegno assistito da calcolatore 02605 ING-IND/15 9 Applicazioni di informatica 01372 3 Applicazioni di informatica 01372 3 Analisi Matematica 01238 MAT/05 12 Analisi Matematica 01238 MAT/05 12 Chimica 01788 CHIM/07 9 Chimica 01788 CHIM/07 9 Fisica I 03295 FIS/03 9 Fisica I 03295 FIS/03 9 Geometria 03675 MAT/03 6 Geometria 03675 MAT/03 6 Fisica II 07870 FIS/01 6 Fisica II 07870 FIS/01 6 Tecnologie generali dei materiali 07353 ING-IND/16 6 Tecnologie generali dei materiali 07353 ING-IND/16 6 ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Scienza delle costruzioni 06313 ICAR/08 9 Scienza delle costruzioni 06313 ICAR/08 9 Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 9 Elettrotecnica 02965 ING-IND/31 9 Fondamenti di meccanica applicata 03490 ING-IND/13 6 Fondamenti di meccanica applicata 03490 ING-IND/13 6 Fisica tecnica 03318 ING-IND/10 9 Fisica tecnica 03318 ING-IND/10 9 Costruzione di macchine 02227 ING-IND/14 9 Costruzione di macchine 02227 ING-IND/14 9 Complementi di meccanica applicata 10974 ING-IND/13 6 Complementi di meccanica applicata 10974 ING-IND/13 6 Modellazione geometrica delle macchine 05273 ING-IND/15 6 Modellazione geometrica delle macchine 05273 ING-IND/15 6 ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu Macchine 04798 ING-IND/08 9 Macchine 04798 ING-IND/08 9 Misure meccaniche e termiche 05269 ING-IND/12 9 Misure meccaniche e termiche 05269 ING-IND/12 9 Tecnologia meccanica 07324 ING-IND/16 9 Tecnologia meccanica 07324 ING-IND/16 9 Aerodinamica 01129 ING-IND/06 9 Meccanica dei fluidi 04932 ICAR/01 6 Costruzioni aerospaziali 02232 ING-IND/04 642 Impianti meccanici 03871 ING-IND/17 9 43 Tirocinio o altre attività informatiche o linguistiche 3 Materie a scelta 12 Materie a scelta 12 Tirocinio o altre attività informatiche o linguistiche 3 Lingua Inglese 04677 3 Lingua Inglese 04677 3 Prova Finale 05917 6 Prova Finale 05917 6
  • 23. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Classe LM-20 Ingegneria aerospaziale e astronautica PIANO DI STUDI Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Aerospaziale ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Codice corso: 2024 Matematica e Fisica Matematica 15459 MAT/07 9 Durata: 2 anni Impianti Aeronautici 14425 ING-IND/05 9 Gasdinamica 03549 ING-IND/06 12 Crediti: 120 Strutture Aeronautiche 07140 ING-IND/04 12 Sede: Palermo Dinamica delle Strutture 02375 ICAR/08 9 Numero programmato: NO Sistemi di Trasporto Aereo 15072 ICAR/05 6 Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Informazioni generali sullo specifico corso: www.unipa.it/aerospaziale Tecnologie della Produzione Aeronautica 14427 ING-IND/16 6 Vedansi regole per Test di accesso su Dinamica del Volo 02374 ING-IND/03 12 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Materiali Aerospaziali 04913 ING-IND/04 12 ¬ sbocchi occupazionali Propulsori Aerospaziali 12658 ING-IND/07 12 Materia a scelta dello studente 9 I principali sbocchi occupazionali previsti dai corsi di laurea magistrale della classe sono quelli dellinno- Altre abilità informatiche, tirocini formativi e di 07620 3 vazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della pro- orientamento, ulteriori conoscenze linguistiche, altre grammazione, della gestione di sistemi complessi, sia nella libera professione sia nelle imprese manifattu- conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del riere o di servizi e nelle amministrazioni pubbliche. I laureati magistrali potranno trovare occupazione lavoro. presso industrie aeronautiche e spaziali; enti pubblici e privati per la sperimentazione in campo aerospa- ziale; aziende di trasporto aereo; enti per la gestione del traffico aereo; aeronautica militare e settori aero- Prova finale 05917 9 nautici di altre armi; industrie per la produzione di macchine e apparecchiature dove sono rilevanti laerodinamica e le strutture leggere. ¬ obiettivi formativi Il percorso formativo del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Aerospaziale fornisce approfondita conoscenza degli aspetti teorico-applicativi delle discipline specifiche del settore e cioè aerodinamica, dinamica del volo, impianti, propulsione, aspetti costruttivi e tecnologici dei velivoli. Il laureato magistra-44 le acquisirà padronanza dei metodi avanzati di analisi, modellazione e soluzione di problemi complessi 45 propri della progettazione aerospaziale, nonché capacità decisionali e operative sullimpiego degli stru- menti teorici, informatici e sperimentali più adatti alla soluzione degli stessi. Il laureato magistrale acqui- sirà inoltre la capacità di comunicare i risultati degli studi, delle analisi e delle sperimentazioni condotte su un sistema aerospaziale comunque complesso. Avrà inoltre abilità comunicative specifiche per la cor- retta interazione all’interno di un team in contesti internazionali altamente specializzati, anche attraverso il possesso di buone capacità linguistiche nella lingua di riferimento del settore aerospaziale (inglese sia scritto che orale). ¬ caratteristiche della prova finale La prova finale consiste nellesposizione e discussione di un elaborato scritto contenente i risultati di un lavoro svolto su tematiche avanzate del settore aerospaziale applicando le conoscenze acquisite e le capa- cità conseguite durante il corso di studi. Nellesposizione e discussione dell’elaborato, il laureando dovrà dimostrare la padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e un buon livello di capacità di comunicazione. Lo studente svolgerà il lavoro con la supervisione di uno o più relatori tra i quali almeno un docente appartenente al Corso di Laurea Magistrale.
  • 24. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Classe LM-35 Ingegneria per lambiente e il territorio I due percorsi formativi prevedono un primo anno comune, comprendente materie di approfondimento di temi di base per la Laurea Magistrale (idraulica, processi chimici industriali, tecnica delle costruzioni) e Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio temi applicativi comuni (idraulica urbana, bonifica dei siti contaminati, rischio idrogeologico). Il secondo anno prevede ugualmente una parte comune su temi applicativi caratterizzanti l’intera laurea (la prote- Codice corso: 2037 zione idraulica del territorio, l’analisi delle risorse energetiche, i processi di trattamento degli effluenti Durata: 2 anni liquidi e aeriformi e la sicurezza industriale) e alcune materie differenti per i due profili, dedicate allap- Crediti: 120 profondimento di temi caratterizzanti i profili stessi, quali lacustica e i trattamenti avanzati di acque e rifiu- ti, nel caso del profilo ambiente, la meccanica delle rocce e il telerilevamento applicato alla gestione delle Sede: Palermo acque, per il profilo difesa del suolo. Numero programmato: NO Posti riservati per stranieri: 5 ¬ caratteristiche della prova finale Curricula (eventuali): SI La prova finale consiste nellesposizione e discussione di un elaborato scritto contenente i risultati di un Informazioni generali sullo specifico corso: lavoro svolto su tematiche avanzate del settore aerospaziale applicando le conoscenze acquisite e le capa- Vedansi regole per Test di accesso su cità conseguite durante il corso di studi. Nellesposizione e discussione dell’elaborato, il laureando dovrà dimostrare la padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e un buon livello di www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it capacità di comunicazione. Lo studente svolgerà il lavoro con la supervisione di uno o più relatori tra i ¬ sbocchi occupazionali quali almeno un docente appartenente al Corso di Laurea Magistrale. Gli ambiti professionali tipici per i laureati magistrali in Ingegneria per lAmbiente e il Territorio sono quel- PIANO DI STUDI - CURRICULUM AMBIENTE li dellinnovazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi complessi. ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu I laureati magistrali potranno trovare occupazione in Imprese, Enti pubblici e privati e studi professionali per la progettazione, pianificazione, realizzazione e gestione di opere e sistemi finalizzati al monitoraggio Previsione e prevenzione del rischio idrogeologico 14107 ICAR/02 9 e controllo dellambiente e del territorio, al trattamento delle acque e alla gestione dei rifiuti, alla bonifi- Gestione delle risorse energetiche nel territorio 09000 ING-IND/11 6 ca dei siti contaminati, alla gestione delle risorse ambientali ed energetiche e alla valutazione degli impat- Bonifica dei siti contaminati 09005 ICAR/03 9 ti e della compatibilità ambientale di piani e opere. Complementi di idraulica ambientale 08999 ICAR/01 9 Sistemi idraulici urbani 10070 ICAR/02 9 ¬ obiettivi formativi Processi chimici industriali e di trattamento degli 09002 ING-IND/27 9 I laureati nel corso di laurea magistrale in Ingegneria per lAmbiente e il Territorio devono: effluenti aeriformi - conoscere approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici delle scienze matematiche, fisiche e chimiche e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i46 problemi complessi dellingegneria o che richiedono un approccio interdisciplinare; ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu 47 - conoscere approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici dellingegneria, sia in generale sia con parti- Progetto di impianti per il trattamento degli effluenti 09003 ING-IND/25 9 colare riferimento a quelli dellingegneria per lambiente e il territorio; aeriformi - essere capaci di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innova- Processi e trattamenti avanzati sanitario-ambientali 09160 ICAR/03 9 tivi, con particolare riferimento a: l’analisi e risanamento dei corpi idrici superficiali e sotterranei; Acustica 12682 ING-IND/11 9 il trattamento delle acque di approvvigionamento e reflue; Fondamenti di tecnica delle costruzioni 09009 ICAR/09 9 la bonifica dei siti contaminati; Materie a scelta 9 l’analisi dellinquinamento atmosferico e le tecniche di recupero; Altre attività 07620 6 la difesa del suolo e i sistemi idraulici urbani; Prova finale 05917 9 la gestione delle risorse energetiche; l’analisi e il controllo dellinquinamento acustico. Per una migliore qualificazione nelle conoscenze acquisite, il Corso di Laurea Magistrale prevede due per- corsi formativi, di cui il primo mirato a un maggiore approfondimento di temi inerenti lambiente, il secon- do allapprofondimento di temi inerenti la difesa del suolo.
  • 25. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI - CURRICULUM DIFESA DEL SUOLO Classe LM-25 Ingegneria dellautomazione ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea Magistrale in Ingegneria dell’Automazione Previsione e prevenzione del rischio idrogeologico 14107 ICAR/02 9 Codice corso: 2028 Gestione delle risorse energetiche nel territorio 09000 ING-IND/11 6 Durata: 2 anni Bonifica dei siti contaminati 09005 ICAR/03 9 Crediti: 120 Complementi di idraulica ambientale 08999 ICAR/01 9 Sede: Palermo Sistemi idraulici urbani 10070 ICAR/02 9 Processi chimici industriali e di trattamento 09002 ING-IND/27 9 Numero programmato: NO degli effluenti aeriformi Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO Informazioni generali sullo specifico corso: ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu http://portale.unipa.it/CdLIngegneriaAutomazione Meccanica delle rocce e interventi di consolidamento 12683 ICAR/07 9 Vedansi regole per Test di accesso su Telerilevamento per l’idrologia e la gestione 09011 ICAR/03 9 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it delle acque Fondamenti di tecnica delle costruzioni 09009 ICAR/09 9 ¬ sbocchi occupazionali Protezione idraulica del territorio 05909 ICAR/02 9 Fondamenti di infrastrutture viarie 03487 ICAR/04 9 Gli sbocchi occupazionali attesi dalla laurea magistrale in Ingegneria dellAutomazione sono principal- Materie a scelta 07620 9 mente quelli della progettazione di sistemi di controllo innovativi che permettano lo sviluppo della pro- Altre attività 6 duzione industriale e dei servizi, nel rispetto dellambiente e del risparmio energetico. I laureati in Ingegneria dellAutomazione possono esercitare la loro professione in aziende elettroniche, meccaniche, Prova finale 05917 9 automobilistiche, elettromeccaniche, aerospaziali e chimiche, presso la pubblica amministrazione e pres- so aziende produttrici di servizi (impianti di depurazione, trasporti, etc.). ¬ obiettivi formativi La figura professionale che si intende formare è quella di un ingegnere che abbia conoscenze approfon- dite degli aspetti teorici e scientifici di base dellIngegneria, delle metodologie di analisi e di progettazio- ne proprie dellAutomatica, degli aspetti essenziali della Meccanica, degli Azionamenti Elettrici,48 49 dell’Elettronica Industriale e della Robotica Industriale, al fine di introdurre allinterno di un sistema com- plesso "lintelligenza" necessaria per gestire il suo funzionamento senza lintervento delluomo (controllo automatico), ottimizzando il funzionamento stesso e dominando linterazione sia fra i vari componenti del sistema che quella fra il sistema stesso e lambiente circostante. I principali obiettivi formativi sono: capa- cità di interpretare e descrivere problemi complessi che richiedano, eventualmente, competenze multidi- sciplinari; capacità di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o inno- vativi; capacità di progettare e gestire esperimenti di elevata complessità. ¬ caratteristiche della prova finale La prova finale consisterà nella discussione di un elaborato redatto con lausilio di docenti e/o esperti ester- ni, tendente ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e professionale del candidato. Il tema sarà scelto dallo studente e approvato dal Consiglio di Corso di laurea.
  • 26. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI Classe LM-22 Ingegneria chimica ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Chimica Laboratorio di Sistemi Automatici di Misura 08972 ING-INF/07 9 Codice corso: 2025 Fisica Tecnica 03318 ING-IND/11 9 Durata: 2 anni Elem. di Meccanica Teorica e Applicata 08969 ING-IND/13 9 Identificazione e Analisi dei Dati 08970 ING-INF/04 9 Crediti: 120 Componenti e Sistemi Elettronici di Potenza 09205 ING-IND/33 9 Sede: Palermo Automazione Industriale 01515 ING-INF/04 9 Numero programmato: NO Controlli Automatici II 02193 ING-INF/04 6 Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO Informazioni generali sullo specifico corso: www.ingegneriachimica.unipa.it/ Vedansi regole per Test di accesso su www.unipa.it/segunipa e ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu www.ingegneria.unipa.it Macchine Elettriche e Azionamenti Elettrici (C.I.) 13430 ING-IND/32 6+6 Robotica Industriale 06295 ING-INF/04 9 ¬ sbocchi occupazionali Macchine 04798 ING-IND/08 6 Gli sbocchi occupazionali dellingegnere chimico magistrale si caratterizzano per una notevole flessibili- Controlli Automatici III ING-INF/04 9 tà e molteplicità. Sulla base delle competenze acquisite e basate su una conoscenza e capacità interpre- Materia a scelta 9 tativa dei problemi complessi dellIngegneria Chimica, i laureati magistrali troveranno sbocchi occupa- Tirocinio 07614 6 zionali in posizioni di responsabilità nellambito dei settori chimico, alimentare, farmaceutico e cosmeti- Prova Finale 05917 9 co, produzione e trasformazione dei materiali; laboratori industriali; strutture tecniche della pubblica amministrazione. ¬ obiettivi formativi Il corso di Laurea Magistrale si propone di fornire conoscenze approfondite nel settore dellIngegneria Chimica tradizionale e competenze avanzate che consentano di interagire con altri settori di avanguardia nel campo dellinnovazione scientifica e tecnologica. Sono previsti quindi insegnamenti, sia obbligatori che a scelta, riguardanti la cinetica applicata e reattoristica chimica, la sicurezza e ottimizzazione di pro-50 cessi e la progettazione di apparecchiature insieme con discipline di ambito materiale che sono funzionali 51 allacquisizione di strumenti conoscitivi utili per la progettazione e la gestione di processi chimici sia tra- dizionali che innovativi. Gli insegnamenti proposti,(ed in particolare quelli a scelta), mirano, in ogni caso, a fornire le conoscenze fondamentali relative a settori che costituiscono le linee di tendenza e di svilup- po dellingegneria chimica, in stretta sinergia con altre discipline, quali nanotecnologie, biotecnologie, energetica ed ambiente. Inoltre nellambito delle "altre attività formative" verrà rivolta particolare atten- zione allofferta di attività seminariali di avanguardia sia nel campo dell ingegneria chimica tradizionale che delle tecnologie innovative. Un naturale completamento di tale processo formativo è un esteso lavo- ro sperimentale di tesi per il quale sono previsti 30 CFU. ¬ caratteristiche della prova finale Il corso di Laurea magistrale deve completarsi con una importante opera di progettazione o ricerca, per la quale sono previsti 30 CFU. Lelaborato risultante deve dimostrare la padronanza degli argomenti, la capa- cità di operare in modo autonomo e un buon livello di capacità di comunicazione. Potrà riguardare studi teorici di progettazione o indagini sperimentali su problematiche avanzate dellin- gegneria chimica, con particolare riferimento a quelle più innovative.
  • 27. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI Classe LM-23 Ingegneria civile ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile Reattori Chimici 06205 ING-IND/24 9 Codice corso: 2026 Chimica Industriale 01914 ING-IND/27 9 Durata: 2 anni Elementi Costruttivi delle Macchine ING-IND/14 6 Chimica Fisica dei Materiali Solidi 01886 ING-IND/23 6 Crediti: 120 Elettrochimica Applicata 02939 ING-IND/23 9 Sede: Palermo Operazioni unitarie e sicurezza dell’Ingegneria 12659 ING-IND/25 9 Numero programmato: NO Chimica Posti riservati per stranieri: 5 Tecnologia dei polimeri 07298 ING-IND/22 6 Curricula (eventuali): SI Altre attività 3 Informazioni generali sullo specifico corso: Insegnamento a scelta dello studente 6 Vedansi regole per Test di accesso su www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu ¬ sbocchi occupazionali Scienza e tecnologia dei Materiali 06328 ING-IND/22 9 Gli sbocchi professionali si diversificano sulla base delle competenze acquisite nello specifico indirizzo scelto. Teoria dello Sviluppo dei Processi Chimici 07417 ING-IND/26 9 Per lindirizzo Strutture e Geotecnica sono quelli della progettazione avanzata e del controllo di: Controllo di Processo 1 12661 ING-IND/26 9 - opere e strutture di fondazione e di sostegno; Insegnamento a scelta dello studente 6 - manufatti di terra, gallerie, dighe e discariche controllate; Prova Finale 05917 24 - interventi di stabilizzazione dei pendii naturali; - strutture edilizie in calcestruzzo, acciaio e muratura; - strutture da ponte; - interventi di protezione sismica del territorio; - interventi per il consolidamento ed il ripristino strutturale. Per lindirizzo Idraulica sono quelli della progettazione avanzata, della manutenzione e della gestione delle opere idrauliche, quali in particolare: - le opere relative al ciclo delle acque ad uso civile e industriale (approvvigionamento e trattamento, tra- sporto, accumulo e distribuzione allutenza, drenaggio, trattamento, scarico e/o riutilizzo delle acque reflue);52 - le opere di accumulo e di distribuzione delle acque ad uso irriguo; 53 - gli interventi di protezione idraulica del territorio; - le opere marittime e di protezione dei litorali; - gli interventi per la protezione e il risanamento dei corpi idrici e dellambiente dallo scarico di reflui e rifiuti; - gli interventi di pianificazione, programmazione e gestione dei sistemi idrici complessi. Per lindirizzo Infrastrutture viarie e Trasporti sono quelli relativi: - allambito progettuale, in cui si esplicano le attività per la concezione delle infrastrutture civili; - allambito realizzativo, in cui operano le figure professionali del Direttore dei lavori, del Direttore del cantiere e del Collaudatore; - allambito gestionale, con particolare riferimento alle funzioni svolte dagli Enti proprietari e/o gestori di infrastrutture viarie e dalle aziende di trasporto; - alla pianificazione e programmazione del sistema integrato dei trasporti e delle sue componenti (terre- stre, marittima ed aerea); - alla progettazione e organizzazione dei servizi di trasporto intermodale; - allelaborazione di interventi sulla circolazione stradale e ferroviaria. Tutte le suddette attività possono trovare luogo nella libera professione, nelle amministrazioni pubbliche e nelle imprese.
  • 28. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 I laureati magistrali in Ingegneria Civile possono svolgere altresì la propria attività presso strutture o enti di PIANO DI STUDI - CURRICULUM IDRAULICA ricerca, pubblici o privati. ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu ¬ obiettivi formativi Dinamica delle strutture 02375 ICAR/08 9 Il corso di laurea magistrale in Ingegneria Civile, sviluppando ulteriormente le capacità e le conoscenze Tecnica urbanistica 07226 ICAR/20 6 già acquisite nella laurea triennale, si propone di formare figure professionali altamente qualificate, capa- Tecnica stradale, ferroviaria e aeroportuale 13465 ICAR/04 9 ci di affrontare problemi anche complessi relativi agli ambiti tipici dellingegneria civile: strutturale e geo- Protezione idraulica del territorio 05909 ICAR/02 9 tecnico, idraulico, infrastrutturale e trasportista. Probabilità e statistica applicata 09020 SECS-S/02 6 Pertanto il corso prevede un primo anno costituito da materie di base e affini nonché delle discipline carat- Geotecnica II 09822 ICAR/07 9 terizzanti il corso di laurea, allo scopo di rafforzare la formazione interdisciplinare. Il secondo anno è inve- Progetti di costruzioni in zona sismica 10044 ICAR/09 9 ce differenziato per indirizzi: strutture e geotecnica, idraulica, infrastrutture viarie e trasporti. Tutti gli indirizzi forniscono conoscenze approfondite di progettazione assistita con calcolatore e dei meto- ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu di computazionali i quali, negli ultimi decenni, hanno contribuito a innovare lintero campo dellinge- gneria e delle scienze applicate. Costruzioni Marittime 02246 ICAR/02 6 Idrodinamica delle reti e dei corpi idrici naturali 15981 ICAR/01 9 ¬ caratteristiche della prova finale Gestione delle risorse idriche 03727 ICAR/02 6 La prova finale consiste nella discussione di una Tesi tendente ad accertare la preparazione tecnico-scien- Ingegneria sanitaria ambientale 03979 ICAR/03 6 tifica del candidato, redatta sotto la guida di docenti della Facoltà eventualmente affiancati da esperti pro- Materie a scelta 21 venienti dal mondo del lavoro. Altre attività 07620 6 Largomento della Tesi è proposto dallo studente e approvato dal Consiglio di corso di Laurea. Lavoro finale 05917 9 PIANO DI STUDI - CURRICULUM INFRASTRUTTURE VIARIE E TRASPORTI ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu PIANO DI STUDI - STRUTTURE E GEOTECNICA Dinamica delle strutture 02375 ICAR/08 9 ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Tecnica urbanistica 07226 ICAR/20 6 Dinamica delle strutture 02375 ICAR/08 9 Tecnica stradale, ferroviaria e aeroportuale 13465 ICAR/04 9 Tecnica urbanistica 07226 ICAR/20 6 Protezione idraulica del territorio 05909 ICAR/02 9 Tecnica stradale, ferroviaria e aeroportuale 13465 ICAR/04 9 Probabilità e statistica applicata 09020 SECS-S/02 6 Protezione idraulica del territorio 05909 ICAR/02 9 Geotecnica II 09822 ICAR/07 9 Probabilità e statistica applicata 09020 SECS-S/02 654 55 Progetti di costruzioni in zona sismica 10044 ICAR/09 9 Geotecnica II 09822 ICAR/07 9 Progetti di costruzioni in zona sismica 10044 ICAR/09 9 ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Complementi di progettazione stradale 09018 ICAR/04 6 Management delle Infrastrutture viarie 13472 ICAR/04 6 ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Infrastrutture ferroviarie e aeroportuali 09145 ICAR/04 6 Progetto di strutture e strutture in acciaio 12666 ICAR/09 9 Attività formative opzionali 9 Teoria e progetto di ponti 15983 ICAR/09 6 Materie a scelta 21 Meccanica computazionale delle strutture 09136 ICAR/08 6 Altre attività 07620 6 Fondazioni e Opere di Sostegno 09141 ICAR/07 6 Lavoro finale 05917 9 Materie a scelta 21 Altre attività 07620 6 ¬ Attività formative opzionali cod.mat ssd cfu Lavoro finale 05917 9 Teoria e tecnica della circolazione 07446 ICAR/05 9 Teoria dei sistemi di trasporto 15982 ICAR/05 9
  • 29. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Classe LM-28 Ingegneria elettrica La prova finale consiste nella stesura, esposizione e discussione di un elaborato redatto con la guida di Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica docenti e/o esperti provenienti dal mondo del lavoro. Il tema è scelto dallo studente, eventualmente su proposte dei docenti, e sottoposto ad approvazione. Codice corso: 2031 Durata: 2 anni PIANO DI STUDI Crediti: 120 Sede: Palermo ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Numero programmato: NO Calcolo numerico e applicazioni di informatica 01748 MAT/08 9 Posti riservati per stranieri: 5 Sistemi e impianti di trasmissione dellenergia elettrica 06480 ING-IND/33 9 Curricula (eventuali): NO Elettronica 02943 ING-INF/01 6 Componenti e sistemi elettronici di potenza 09205 ING-IND/33 9 Informazioni generali sullo specifico corso: www.dieet.unipa.it/ccselt/ Materiali e modelli numerici per l’ingegneria elettrica 13509 ING-IND/31 9 Vedansi regole per Test di accesso su Tecnica della sicurezza elettrica 07186 ING-IND/33 9 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Controlli automatici 02190 ING-INF/04 9 ¬ sbocchi occupazionali I principali sbocchi occupazionali per l’Ingegnere magistrale Elettrico sono nel campo della produzione, ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu della progettazione, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi, dei servizi, Strumentazione, misure e collaudi 09208 ING-INF/07 9 particolarmente in tutti i campi nei quali lenergia elettrica rappresenta un aspetto di valore rilevante, sia Impianti di produzione dell’energia elettrica 09207 ING-IND/33 9 nellambito della libera professione, sia nelle imprese manifatturiere e di servizi, sia nelle amministrazio- Convertitori ed azionamenti elettrici 13510 ING-IND/32 9 ni ed enti pubblici. L’ingegnere elettrico potrà trovare occupazione principalmente presso: industrie per la Azionamenti per l’automazione 13512 ING-IND/32 9 produzione di componenti, apparecchiature, macchinari elettrici e sistemi elettronici di potenza per lautomazione industriale e la robotica; imprese ed enti di progettazione, pianificazione, costruzione, eser- e automazione di sistemi elettrici cizio, controllo e gestione degli impianti di produzione, trasmissione, distribuzione e utilizzazione delle- Insegnamenti a scelta dello studente 07620 12 nergia elettrica e di impianti e reti per i sistemi elettrici di trasporto; enti ed amministrazioni, organismi, Tirocinio e altre attività 05917 3 laboratori, imprese che forniscono servizi pubblici in genere, servizi per il mercato dellenergia elettrica, Prova finale 9 per la gestione della sicurezza, per misure e prove, per la verifica e certificazione di rispondenza a norme. ¬ obiettivi formativi56 57 Il corso di laurea intende formare ingegneri con competenze specifiche ed approfondite nel campo del- l’ingegneria elettrica orientate alla progettazione, costruzione, gestione di sistemi di produzione, distribu- zione ed utilizzazione dellenergia elettrica, dei relativi componenti, alle relative implicazioni ambienta- li, economiche, normative e alla sicurezza e che sappiano affrontare con approccio interdisciplinare anche problemi complessi, proporre soluzioni innovative e siano capaci di ideare, pianificare, progettare e gesti- re sistemi, processi, prove e servizi complessi e/o innovativi. Il percorso formativo prevede insegnamenti che approfondiscono gli aspetti concettuali, contenutistici, metodologici e progettuali (questi ultimi con lausilio di tecniche analitiche e numeriche avanzate) dei set- tori caratterizzanti lambito dellingegneria elettrica (Elettrotecnica, Sistemi elettrici per lenergia, Convertitori, Macchine e Azionamenti elettrici, Misure elettriche ed elettroniche), ricorrendo ai necessari supporti di base e applicativi forniti da insegnamenti di altri ambiti disciplinari (Analisi numerica, Elettronica, Automatica). La formazione è integrata, allinterno degli insegnamenti previsti o tramite seminari, con conoscenze di cultura economica-aziendale, con particolare riferimento alle applicazioni di interesse e da approfondi- menti sulletica professionale.
  • 30. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ obiettivi formativi Classe LM-30 Ingegneria energetica e nucleare Gli obiettivi del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica e Nucleare sono rivolti alla forma- Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Energetica e Nucleare zione di laureati Ingegneri specialisti aventi competenze nei campi dellinnovazione tecnologica, dello svi- luppo della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi anche complessi, nellambito della libera professione, nellambito proprio della produ- Codice corso: 2033 zione industriale o dei servizi e nelle amministrazioni pubbliche. Durata: 2 anni Lo scopo fondamentale degli studi è quello di mantenere lelevata qualificazione culturale della laurea in Crediti: 120 Ingegneria del vecchio ordinamento, pur facendo ogni sforzo per ottenere una durata degli studi reale Sede: Palermo commisurata a quella legale. Il corso della Laurea magistrale in Ingegneria energetica e nucleare ha lo scopo di formare Ingegneri qualificati per promuovere e sviluppare linnovazione tecnologica e per svol- Numero programmato: NO gere e gestire attività connesse con la progettazione e la ricerca. Posti riservati per stranieri: 5 I percorsi formativi sono caratterizzati da una preparazione di base ad ampio spettro, capace di appro- Curricula (eventuali): NO fondire gli aspetti tecnici, ma anche scientifici, relativi alle materie dellingegneria industriale e quelle spe- Informazioni generali sullo specifico corso: www.dream.unipa.it/energetica/ cifiche dellenergetica e dellingegneria nucleare. La Laurea Magistrale deve fornire infatti un adeguato livello di approfondimento e specializzazione su argomenti centrali per lIngegneria Energetica e Vedansi regole per Test di accesso su Nucleare. www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Il laureato magistrale sarà in grado di: 1) conoscere approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici della matematica e delle altre scienze di base ed essere capace di utilizzare tali conoscenze per interpretare e ¬ sbocchi occupazionali descrivere problemi complessi dellingegneria o che richiedono un approccio interdisciplinare; 2) cono- Gli obiettivi del Corso di laurea magistrale sono rivolti alla formazione di laureati specialisti di Ingegneria scere approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici dellingegneria, sia in generale sia in modo appro- energetica aventi competenze nei campi dellinnovazione tecnologica, dello sviluppo della produzione, fondito relativamente a quelli dellIngegneria energetica e nucleare, perché egli sia capace di identificare, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi anche formulare e risolvere anche in modo innovativo problemi complessi o che richiedono un approccio inter- complessi, nellambito della libera professione, nellambito proprio della produzione industriale o dei ser- disciplinare; 3) ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi; vizi e nelle amministrazioni pubbliche. 4) progettare e gestire esperimenti di elevata complessità. Inoltre sarà dotato di conoscenze di contesto e La rilevanza del settore energetico nel comparto industriale nazionale, dellUE ed allestero non lascia di capacità trasversali e dovrà avere conoscenze nel campo dellorganizzazione aziendale (cultura dubbi circa lentità numerica e la qualità degli sbocchi occupazionali offerti dal corso di laurea proposto, dimpresa) e delletica professionale. infatti oggi si pone grande attenzione allimpiego razionale delle risorse in generale e di quelle energeti- La laurea magistrale in Ingegneria energetica e nucleare ha il fine di formare delle figure professionali spe- che in particolare, siano esse convenzionali che alternative, rinnovabili ed assimilate, con lobiettivo di cializzate nellambito energetico, capaci di affrontare le moderne problematiche energetiche per tutte le promuovere impianti e tecnologie per lo sviluppo sostenibile limitando limpatto sullambiente. Gli sboc- fonti primarie e la loro utilizzazione. Ciò è importante in un momento in cui si delinea nel mondo, chi occupazionali riguardano linserimento: presso aziende istituzionali e private che si occupano della nellUnione Europea ed anche in Italia un ritorno allinteresse per il nucleare, che potrà anche riguardare fornitura di servizi energetici completi, non limitati alla fornitura di energia elettrica ma anche di gas, calo- il breve termine, e la necessità di garantire uno sviluppo sostenibile in un mondo che, per almeno altri 50 re, servicing (anche finanziario) nonché di impianti "chiavi in mano"; presso la pubblica amministrazione; anni, dovrà servirsi ampiamente delle fonti fossili con tecnologie innovative.58 presso un numero grandissimo di aziende produttrici (dalle piccole alle grandi) che operano nel settore 59 dellenergia e dei componenti degli impianti energetici, presso centri di ricerca industriale. Daltro canto, conseguito il titolo, il Laureato magistrale avendo seguito un ulteriore percorso formativo specialistico, avrà ¬ caratteristiche della prova finale anche le competenze e gli strumenti conoscitivi per la progettazione e la gestione di tecnologie nucleari La prova finale consiste nella discussione di un elaborato (tesi di laurea) redatto con la guida di docenti nel settore degli impianti di produzione di energia per fissione nucleare. Avrà anche adeguate conoscen- e/o esperti provenienti dal mondo del lavoro, tendente ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e ze delle tematiche legate allo sviluppo degli studi sulla fusione nucleare e di nuovi ambiti applicativi nelle professionale del candidato. Il tema è scelto dallo studente, eventualmente su proposte dei docenti, e tecnologie industriali e mediche. Egli avrà anche specifiche competenze per le problematiche dellaffida- approvato dal Consiglio di Corso di Laurea. bilità, della sicurezza e dellanalisi di rischio degli impianti, con particolare attenzione ai progetti di nuovi reattori, al ciclo del combustibile nucleare, agli aspetti radio-protezionistici e alla disattivazione delle cen- trali nucleari. Pertanto tale figura potrà trovare dei congrui sbocchi professionali, specialmente nella attua- le fase congiunturale in cui si dispone di non molti specialisti.
  • 31. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI Classe LM-31 Ingegneria gestionale ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Metodi matematici e calcolo numerico MAT/08 6 Codice corso: 2034 Energetica dei processi 12684 ING-IND/10 9 Durata: 2 anni Macchine e sistemi energetici 13526 ING-IND/08 9 Crediti: 120 Ingegneria degli impianti nucleari 13531 ING-IND/19 12 Sede: Palermo a fissione ed a fusione (CI) Misure termofluidodinamiche ING-IND/10 6 Numero programmato: NO Laboratorio di misure nucleari ING-IND/20 6 Posti riservati per stranieri: 5 Insegnamenti a scelta dello studente 12 Curricula (eventuali): NO Informazioni generali sullo specifico corso: www.ingegneriagestionalepalermo.it Vedansi regole per Test di accesso su ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Progettazione di impianti energetici e ING-IND/10 12 Tecnica del freddo (CI) Tecnologia del petrolio e prodotti petroliferi ING-IND/27 6 Termofluidodinamica numerica 13525 ING-IND/19 9 ¬ sbocchi occupazionali Dinamica e sicurezza degli impianti energetici 13518 ING-IND/19 9 Lidentikit dellIngegnere Gestionale può essere efficacemente delineato attraverso quanto riportato dal Corriere Attività formative opzionali 12 della Sera del 31 marzo 2006: "Un ingegnere-manager con alte competenze tecnico-scientifiche, in grado di Altre attività 07620 3 gestire società finanziarie e tecnologiche o di offrirsi sul mercato come consulente aziendale di livello." Prova finale 05917 9 LIngegnere Gestionale fornisce una risposta ai bisogni di competenze trasversali oggi sempre più richieste. Rappresenta una figura professionale poliedrica, dalle solide fondamenta tecniche e metodologiche che grazie allapproccio ingegneristico ai problemi gestionali ed organizzativi ha una profonda comprensione dei feno- meni aziendali. Pertanto la collocazione nel mercato del lavoro dei laureati in Ingegneria Gestionale risulta di ¬ Attività formative opzionali cod.mat ssd cfu ampio respiro: dalle aziende industriali a quelle di servizi, dalla pubblica amministrazione al mondo finanzia- Sistemi solari termici e fotovoltaici e 15164 ING-IND/10 12 rio. Gli Ingegneri Gestionali sono fortemente apprezzati nel campo della consulenza in cui operano anche come Tecn. dell’idrogeno e pile a combustibile (CI) ING-IND/23 liberi professionisti e possiedono le giuste basi per intraprendere con successo lattività imprenditoriale. Le inda- Teoria del reattore nucleare e 15984 ING-IND/19 12 gini sul placement dei laureati di II livello a Palermo hanno evidenziato che l86% dei laureati ad oggi possie-60 Dosimetria ed effetti delle radiazioni sui materiali (CI) ING-IND/20 de già un lavoro e che l89% di coloro che lavorano, ha trovato lavoro entro 6 mesi dalla laurea. 61 ¬ obiettivi formativi Il Corso si focalizza sulla formazione manageriale dellingegnere gestionale. Lobiettivo formativo è quel- lo di fornire una conoscenza approfondita, specialistica e scientifica delle tematiche manageriali che vanno dalla gestione dei progetti, alla gestione dellinnovazione, al marketing, alla finanza aziendale, alle strategie, al supply chain management, alla progettazione e gestione della customer satisfaction. E’ previ- sto l’approfondimento di discipline che costituiscono la base metodologica dellingegnere di secondo livello, ovvero lapprofondimento dei metodi statistici per lanalisi dei dati, per la progettazione, per lanalisi del rischio e le metodologie di modellazione dei processi di impresa. Si prevedono anche disci- pline di approfondimento delle tematiche relative alla gestione di imprese manifatturiere, di impianti indu- striali e di imprese a rete.
  • 32. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Classe LM-32 Ingegneria informatica La prova finale consiste nella discussione di un elaborato (tesi di laurea) redatto con la guida di docenti e/o esperti provenienti dal mondo del lavoro, tendente ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Informatica professionale del candidato. Il tema è scelto dallo studente, eventualmente su proposte dei docenti, e approvato dal Consiglio di Corso di Laurea. Codice corso: 2035 Durata: 2 anni Crediti: 120 PIANO DI STUDI Sede: Palermo Numero programmato: NO ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Posti riservati per stranieri: 5 Metodi statistici per la gestione del rischio 12675 SECS-S/02 12 Curricula (eventuali): NO e dellinnovazione Informazioni generali sullo specifico corso: http://corsi.dinfo.unipa.it Modellazione dei processi di impresa 09026 ING-IND/35 9 Vedansi regole per Test di accesso su Gestione dei progetti 09021 ING-IND/17 9 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Marketing 04864 ING-IND/35 6 Finanza aziendale 03239 ING-IND/35 6 ¬ sbocchi occupazionali Gestione dellinnovazione tecnologica 09098 ING-IND/35 6 Insegnamento a scelta dello studente 9 Industrie informatiche avanzate operanti negli ambiti della produzione hardware e software, dellautomazione e della robotica; imprese operanti nellarea dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori; imprese di servizi; servizi informatici della pubblica amministrazione. Il corso prepara alle professioni di specialisti nella ricerca informatica di base, analisti e progettisti di software applicativi e di sistema, analisti di sistema, specialisti in sicurezza informatica, specialisti in reti e comunicazio- ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu ni informatiche. Gestione della catena logistica 09096 ING-IND/17 9 ¬ obiettivi formativi Gestione della qualità nei servizi 09095 ING-IND/16 6 Organizzazione industriale e strategie 12044 ING-IND/35 9 Gli obiettivi formativi specifici della Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica sono rivolti al consegui- Attività formative opzionali 18 mento, da parte dello studente, di una solida preparazione sugli aspetti di base e applicativi dellingegne- Altre attività formative 01192 6 ria informatica, sia negli ambiti tradizionali del progetto, realizzazione e gestione di sistemi e applicazio- Prova finale 05917 15 ni informatiche complesse sia in settori avanzati, quali la robotica, lintelligenza artificiale, lelaborazione62 delle immagini, linformatica grafica, linterazione uomo-macchina, la visione artificiale, le architetture 63 avanzate dei calcolatori, le architetture di rete. Il laureato magistrale acquisirà competenze tecnico-scien- tifiche di alto livello che potrà utilizzare per lanalisi, il progetto, la realizzazione e la gestione di sistemi informatici evoluti. Le metodologie e gli strumenti acquisiti daranno al laureato la capacità di adeguarsi ¬ Attività formative opzionali cod.mat ssd cfu velocemente alla prevedibile e continua evoluzione del settore. Le aree professionali di riferimento sono quelle dellinnovazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della realizza- Lavorazioni non convenzionali 04339 ING-IND/16 6 zione e gestione di sistemi software basati su intelligenza artificiale, grafica avanzata e sistemi multime- Economia del settore pubblico 09093 ING-IND/35 6 diali, della robotica, sia nella libera professione sia nelle imprese manifatturiere o di servizi che nelle Programmazione operativa della produzione 12676 ING-IND/16 6 amministrazioni pubbliche. Strategie e tecnologie per le imprese a rete 12679 ING-IND/35 12 Progettazione di impianti e della sicurezza industriale 13533 ING-IND/17 12 ¬ caratteristiche della prova finale Sistemi integrati di produzione 15980 ING-IND/16 12 La prova finale consiste nella discussione di una tesi elaborata in modo originale dallo studente, che dimo- e innovazione prodotto/processo stri la padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e la capacità di comunica- zione. Il tema è scelto dallo studente e approvato dal Consiglio di Corso di Laurea, che assegna un rela- tore e un contro-relatore. Il superamento della prova finale consente lattribuzione di 9 CFU.
  • 33. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 PIANO DI STUDI Classe LM-33 Ingegneria meccanica ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Architetture avanzate dei calcolatori 01475 ING-INF/05 12 Codice corso: 2036 Teoria e Tecniche di Elaborazione dell’Immagine 08980 ING-INF/05 12 Durata: 2 anni Architetture e progetto di sistemi web 13581 ING-INF/05 6 Crediti: 120 Linguaggi e Traduttori 04761 ING-INF/05 6 Sede: Palermo Elementi di Gestione di Aziende e PA 13583 ING-IND/35 6 Elaborazione Numerica dei Segnali 02827 ING-INF/03 6 Numero programmato: NO Insegnamenti a scelta 9 Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO Informazioni generali sullo specifico corso: www.csim.dima.unipa.it/ Vedansi regole per Test di accesso su ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Intelligenza Artificiale 03992 ING-INF/05 12 Robotica 06292 ING-INF/05 12 ¬ sbocchi occupazionali Informatica grafica 08978 ING-INF/05 9 Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 06461 ING-INF/05 12 L’ambito occupazionale riguarderà l’impiego presso centri di ricerca pubblici o privati, la possibilità di svolgere attività professionale di alto profilo tecnico-scientifico, anche a supporto di attività di ricerca industriale o uni- Altre att. form. (tirocinio, etc.) 07620 9 versitaria. Prova Finale 05917 9 ¬ obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica si propone di formare giovani idonei ad operare in centri di ricerca, siano essi pubblici o privati, e a svolgere attività professionale di alto profilo tecnico- scientifico, anche a supporto di attività di ricerca industriale o universitaria; e ciò con particolare atten- zione, in coerenza con la vastità culturale dell’Ingegneria Meccanica, per come si è affermata nel corso dei decenni, sia in ambito nazionale che internazionale, ai suoi tre aspetti tipici: il progetto, la produzio- ne ed il funzionamento dei manufatti meccanici.64 Il conseguimento di tali obiettivi formativi si conseguirà attraverso un percorso articolato su percorsi for- 65 mativi, che, dopo lacquisizione comune dei necessari approfondimenti matematici, e di nozioni relative alla statistica, all’elettronica, e all’automatica, affronterà particolarmente: - per quanto attiene al progetto, le problematiche del “design” di organi meccanici di macchine ed impian- ti, della caratterizzazione meccanica di materiali tradizionali ed innovativi, dell’analisi delle tensioni e delle misure non intrusive; - per quanto attiene alla produzione, le problematiche delle lavorazioni e dei trattamenti anche termici di materiali metallici, plastici e compositi, della organizzazione della produzione industriale e del controllo di qualità; - per quanto attiene al funzionamento, le problematiche della combustione continua e non, come nei motori a combustione interna, degli impianti cogenerativi e per il risparmio energetico che impiegano macchine a fluido compressibile, della gestione degli impianti frigorigeni e delle relative macchine volu- metriche operatrici.
  • 34. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Classe LM-24 Ingegneria dei sistemi edilizi La prova finale consiste nella discussione pubblica, alla presenza di un’apposita Commissione, di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. Corso di laurea Magistrale in Ingegneria dei Sistemi Edilizi La prova è concepita con il fine di permettere al candidato di dimostrare la sua padronanza degli argomenti, la sua capacità di operare in modo autonomo, e di saper comunicare efficacemente i risultati ottenuti. Codice corso: 2027 Il tema della tesi è scelto dallo studente, con l’ausilio del relatore, e approvato dal Consiglio di Corso di Studi. Durata: 2 anni Il superamento della prova finale comporta l’attribuzione di 9 CFU, e la relativa valutazione concorre alla determinazione del voto di Laurea Magistrale. Crediti: 120 Sede: Palermo Numero programmato: NO PIANO DI STUDI Posti riservati per stranieri: 5 ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Curricula (eventuali): NO Simulazione numerica per l’ingegneria meccanica 06435 ING-IND/14 9 Informazioni generali sullo specifico corso: Metodi numerici 10504 MAT/08 6 Vedansi regole per Test di accesso su Complementi di tecnologia meccanica 02123 ING-IND/16 9 www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it Elettronica + Robotica (C.I.) 15194 ING-INF/01 6 ING-INF/04 6 ¬ sbocchi occupazionali Statistica e calcolo delle probabilità 06666 SECS-S/02 6 LIngegnere dei Sistemi Edilizi, per lo spettro di competenze maturate, trova differenziate occasioni di lavoro. In Complementi di costruzione di macchine 02104 ING-IND/14 9 relazione ai crediti maturati può operare come ingegnere consulente (consulting engineer), ingegnere progetti- Motori a combustione interna 09088 ING-IND/08 9 sta edile (building design engineer), ingegnere progettista strutturale (structural engineer), ingegnere progettista del recupero edilizio (refurbishment design engineer), ingegnere progettista di impianti tecnici per ledilizia (ser- vice systems engineer), ingegnere gestore di progetti (project manager), ingegnere gestore di processi di costru- zione (construction manager), ingegnere estimativo (cost engineer), ingegnere gestore di servizi (facility mana- ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu ger), ingegnere della sicurezza (safety engineer) e in molte altre occasioni professionali che nascono dal trend Controllo di qualità e manutenzione 10978 ING-IND/17 9 di sviluppo dellinnovazione che caratterizza oggi il mondo delle costruzioni. Tecnica del freddo 07177 ING-IND/10 9 Le possibilità di impiego dellIngegnere dei Sistemi Edilizi sono molteplici: studi professionali di ingegneria architettura e di pianificazione urbanistica, studi di consulenza nel settore della tecnologia, della sicurezza, della Attività formative opzionali 12 termotecnica, del controllo di qualità, società di ingegneria, imprese di costruzione e di manutenzione, indu- Insegnamenti a scelta dello studente 18 strie di produzione di materiali e componenti edilizi, pubbliche amministrazioni, uffici tecnici di committenze Tirocinio o altre attività informatiche o linguistiche 3 pubbliche e private, società di gestione di patrimoni edilizi, società di servizio per il controllo di qualità, com-66 Prova Finale 05917 9 pagnie di assicurazione e, in generale, nel settore della libera professione. 67 ¬ obiettivi formativi ¬ Attività formative opzionali cod.mat ssd cfu Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dei Sistemi Edilizi ha sostituito lo scorso anno il corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Costruzioni Edilizie, in precedenza attivato (classe 4S-Architettura e inge- Gestione dell’energia 03722 ING-IND/10 6 gneria edile - D.M. 509/99). Gestione della produzione 03723 ING-IND/17 6 Lobiettivo formativo è quello di immettere nel mercato del lavoro una figura professionale di alto livello, Meccanica dei materiali compositi e ceramici 04936 ING-IND/14 6 che, attraverso la sua preparazione interdisciplinare e lacquisizione di una metodica prettamente inge- Termotecnica 07545 ING-IND/10 6 gneristica, sia in grado di identificare i problemi e di ricercare appropriate soluzioni progettuali, stando al Progettazione di processo 10069 ING-IND/16 6 passo con la dinamica innovativa del settore, per migliorare la qualità edilizia nella sua valenza fisica, tec- Sistemi di acquisizione ed elaborazione 10076 ING-IND/12 6 nica, prestazionale, processuale ed economica. In particolare, lobbiettivo è quello di produrre una figura professionale di ingegnere, che sia in grado di di grandezze meccaniche operare autonomamente e in modo efficace nei settori della: - progettazione di sistemi edilizi complessi, per gli aspetti tecnologici, strutturali, di qualità ambientale,
  • 35. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 con particolare attenzione alle condizioni di benessere, alla vita di servizio (service life) e alle problema- PIANO DI STUDI tiche energetiche e di impatto ambientale, - recupero, la riqualificazione, la manutenzione e la gestione del parco edilizio esistente; ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu - sviluppo del processo edilizio, per gli aspetti operativi, economici e gestionali, Dinamica delle strutture 02375 ICAR/08 9 - gestione dei processi tecnologici e produttivi relativi al comparto edile (nuove costruzioni, edifici esi- Progetti di strutture e strutture in acciaio 09151 ICAR/09 9 stenti), con particolare attenzione ai problemi della sicurezza e della qualità dei processi; - innovazione tecnologica, Progetti di impianti tecnici per l’edilizia 10097 ING-IND/11 9 - sperimentazione e verifica del controllo di qualità dei prodotti e delle opere. Architettura tecnica e tipologie edilizie 09149 ICAR/10 9 La formazione fornita dal corso di Laurea Magistrale, incentrata sulla progettazione edilizia integrata dalla Problemi strutturali dei monumenti 05793 ICAR/09 6 progettazione strutturale, tecnologica ed impiantistica, con riferimento ai vari orientamenti presenti, rende e delledilizia storica possibile un facile inserimento del laureato magistrale in vari settori delledilizia. Insegnamenti a scelta dello studente 01192 12 Gli intervalli di crediti previsti per le attività formative caratterizzanti consentono lelaborazione di Altre attività 3 Manifesti degli Studi che forniscano ulteriori competenze nei settori: - Progettazione strutturale Approfondisce le tematiche della progettazione strutturale analizzando in dettaglio le strutture in cemen- to armato, cemento armato precompresso, acciaio, muratura con particolare riferimento alla prefabbrica- ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu zione, alla sicurezza delle strutture ed ai problemi di resistenza antisismica. - Recupero edilizio Progetti di costruzioni in zona sismica 10044 ICAR/09 9 Fornisce le conoscenze generali e particolari e le competenze operative necessarie per affrontare il setto- Progettazione edilizia 15996 ICAR/14 9 re del recupero edilizio sia in termini di progettazione sia dal punto di vista delle tecniche e tecnologie e Progetti di recupero e conserv. degli edifici 10096 ICAR/10 6 dellorganizzazione per la gestione degli interventi. Termofisica degli edifici 10651 ING-IND/11 6 Verranno quindi approfondite a livello disciplinare e strumentale le tematiche del rilievo e della rappre- Tecnologia del calcestruzzo 15995 ICAR/11 6 sentazione dei degradi e dei dissesti e lo studio dellevoluzione della fabbrica e delle tecniche costruttive Tecnologie e materiali innovativi per l’edilizia 15997 ING-IND/22 12 e dei materiali utilizzati. Stage e tirocini 07553 3 Saranno quindi esaminate le normative esistenti e saranno affrontate le più aggiornate tecnologie di inter- Prova finale 05917 12 vento e di verifica della statica degli edifici ed il controllo in cantiere degli interventi eseguiti. Il percorso formativo prevede al primo anno lapprofondimento di discipline concernenti gli aspetti strut- turali (dinamica, strutture complesse in acciaio, cemento armato e cemento armato precompresso, pro- blemi strutturali dei monumenti e delledilizia storica), gli aspetti ambientali ed energetici (tipologie edili- zie complesse, materiali innovativi) ed aspetti gestionali e di controllo di qualità e di sicurezza (gestione economica dei progetti, qualità e controllo degli edifici, sicurezza strutturale). Il secondo anno è dedicato alla redazione di progetti di nuova edilizia e di recupero di edifici esistenti68 approfondendo, in unottica di progettazione integrata, gli aspetti edilizi (progettazione edilizia e progetti 69 di recupero e conservazione degli edifici), strutturali ed impiantistici (progetti di strutture in zona sismica, progetti di impianti termici, idraulici ed elettrici per ledilizia). La formazione si completa con stage, tiro- cini e con la preparazione della tesi di laurea magistrale. ¬ caratteristiche della prova finale Presentazione e discussione di un lavoro di tesi, sviluppato in modo autonomo dallo studente nellambito degli specifici crediti alluopo attribuiti. La tesi di laurea porta allelaborazione di un progetto in cui vengono affrontati tutti gli aspetti principali della futura professione di ingegnere civile ed ambientale - sez. A, ovvero allapprofondimento di partico- lari aspetti delle discipline applicative che caratterizzano la laurea magistrale. La tesi può avere carattere sperimentale frequentando i laboratori dei Dipartimenti correlati col Corso di laurea magistrale ed elaborando contributi originali allavanzamento delle discipline.
  • 36. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 ¬ caratteristiche della prova finale Classe LM-27 Ingegneria delle Telecomunicazioni La prova finale consiste nella discussione pubblica, alla presenza di una apposita Commissione, di una tesi Corso di laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. La prova è concepita al fine di permettere al candidato di dimostrare la sua padronanza degli argomenti e la sua capacità di operare in modo autonomo e di comunicare efficacemente i risultati ottenuti. Codice corso: 2029 Il superamento della prova finale comporta l’attribuzione di 12 CFU e la relativa valutazione concorre alla Durata: 2 anni determinazione del voto di Laurea Magistrale come descritto nel Regolamento didattico. Crediti: 120 Sede: Palermo Numero programmato: NO PIANO DI STUDI Posti riservati per stranieri: 5 Curricula (eventuali): NO ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Informazioni generali sullo specifico corso: www.tti.unipa.it/ Microonde e Antenne e propagazione (C.I.) 15087 ING-INF/02 15 Vedansi regole per Test di accesso su www.unipa.it/segunipa e Circuiti integrati digitali 13684 ING-INF/01 9 www.ingegneria.unipa.it Complementi di elettronica 13685 ING-INF/01 6 Reti di telecomunicazioni con laboratorio 15077 ING-INF/03 9 ¬ sbocchi occupazionali Identificazione ed analisi dei dati 08970 ING-INF/04 9 Teoria dell’informazione e codici 08994 ING-INF/03 9 Gli ambiti professionali tipici per i Laureati Magistrali sono le imprese pubbliche e private, nel settore della Attività formative opzionali di primo anno 9 Information and Communications Technology, del manifatturiero, dei servizi e tecnico-commerciale. La Laurea consente di operare nei settori della progettazione, ingegnerizzazione, produzione, esercizio e ¬ Attività formative opzionali cod.mat ssd cfu manutenzione dei sistemi di telecomunicazione. Il naturale sbocco professionale del laureato magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni è presso le Crittografia e sicurezza delle reti 10041 ING-INF/03 9 aziende che progettano e/o producono sistemi ed apparati per le telecomunicazioni e presso operatori di Servizi applicativi su internet 13682 ING-INF/03 9 rete che gestiscono sistemi di telecomunicazione, presso aziende ed enti che forniscono servizi di teleco- municazione, telerilevamento e controllo del traffico. La formazione acquisita fornisce, infine, gli strumenti e le competenze per svolgere anche attività profes- sionali di “supporto” tecnico e di gestione di strutture di rete in tutti quei settori (per esempio: aeroporti, ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu enti per il controllo del traffico aereo, gruppi bancari o assicurativi, aziende di distribuzione, pubblica Reti radiomobili 06246 ING-INF/03 9 amministrazione) la cui produttività è ormai fortemente connessa alla capacità e all’efficienza delle reti di Fisica dei sistemi complessi 13586 FIS/01 6 telecomunicazione.70 Trasmissione numerica 07657 ING-INF/03 9 71 ¬ obiettivi formativi Attività formative opzionali di secondo anno 6 Insegnamenti a scelta dello studente 9 La Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni fornisce una solida preparazione sulla modelliz- Tirocinio ed altre attività formative 01192 3 zazione e sulle tecniche di interfacciamento al mezzo trasmissivo elettromagnetico, sulle tecniche di modu- Prova Finale 05917 12 lazione e codifica per la protezione dellinformazione dai disturbi e dalle interferenze e sulle moderne archi- tetture protocollari e tecniche di accesso al mezzo impiegate nei sistemi di comunicazione radiomobile. ¬ Attività formative opzionali cod.mat ssd cfu Sulla base delle conoscenze fondamentali e obbligatorie appena descritte, l’ordinamento permette agli allievi di orientare la propria formazione specialistica verso la figura professionale di ingegnere specialista Elettronica delle telecomunicazioni 02956 ING-INF/01 6 nella progettazione e gestione di reti, con particolare attenzione agli aspetti di sicurezza e confidenzialità Comunicazioni ottiche 10547 ING-INF/01 6 delle informazioni, alla modellistica dei sistemi complessi, alle architetture protocollari delle reti a pac- chetto ed alla progettazione di servizi integrati su internet, verso la figura professionale di ingegnere esper- to negli aspetti metodologici necessari allanalisi, al dimensionamento ed alla progettazione di sistemi elet- tronici per le telecomunicazioni analogiche e numeriche, con particolare attenzione ai circuiti a segnale misto, ai circuiti non lineari, di potenza e non, impiegati nei ricetrasmettitori ed alla moderna strumenta- zione di misura elettronica.
  • 37. Università degli studi di Palermo • www.orientamento.unipa.it www.ingegneria.unipa.it Guida alla facoltà di Ingegneria 2010/11 Classe LM-4 c.u. Architettura e Ingegneria Edile-Architettura ¬ insegnamenti secondo anno cod.mat ssd cfu Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Edile-Architettura Laboratorio di disegno e rilievo fotogrammetrico 15960 ICAR/06 6 dell’architettura (CI) ICAR/17 6 Codice corso: 2030 Meccanica razionale 04954 MAT/07 6 Durata: 5 anni Storia dell’Architettura contemporanea 14082 ICAR/18 8 Crediti: 300 Laboratorio di progettazione architettonica I 04249 ICAR/14 12 Sede: Palermo Tecnologie e materiali per l’architettura 15961 ICAR/11 6 Urbanistica e Laboratorio di pianificazione (c.i.) 15091 ICAR/21 6 Numero programmato: SI ICAR 20 6 Posti riservati per stranieri: 4 Sociologia urbana + Diritto urbanistico (CI) 14085 SPS/10 3 Curricula (eventuali): NO IUS/10 3 Informazioni generali sullo specifico corso: Lingua Inglese 04677 3 Vedansi regole per Test di accesso su www.unipa.it/segunipa e www.ingegneria.unipa.it ¬ insegnamenti terzo anno cod.mat ssd cfu ¬ sbocchi occupazionali Scienza delle costruzioni 06313 ICAR/08 9 Idraulica 03769 ICAR/01 6 Gli sbocchi professionali attesi dalla Laurea in Ingegneria edile-architettura sono le attività regolate dalla direttiva Fisica tecnica ambientale 03324 ING-IND/11 9 85/384/CEE concernente il settore dell’architettura e quindi della progettazione architettonica ed urbanistica sia Architettura tecnica 01463 ICAR/10 9 sotto forma di libera professione che come attività di elevata responsabilità in Enti, Aziende, Imprese, Società di Laboratorio di progettazione architettonica II 04250 ICAR/14 12 progettazione e di consulenza operanti nei campi della costruzione e trasformazione della città e del territorio. Estimo ed economia dellambiente 14109 ICAR/22 8 ¬ obiettivi formativi Altre attività formative 3 Insegnamenti a scelta dello studente 21 Gli obiettivi formativi della Laurea Magistrale in Ingegneria edile-architettura sono rivolti alla soluzione di tutti i problemi riguardanti: conoscenza e comprensione dei caratteri morfologici, tipologici e tecnologici di un complesso architettonico ed urbanistico;analisi dei rapporti tra organismi e trasformazione e modificazione ¬ insegnamenti quarto anno cod.mat ssd cfu dell’ambiente fisico;completa conoscenza e capacità di progettazione esecutiva a tutte le scale; conoscenza Laboratorio di urbanistica 04289 ICAR/21 10 e capacità di analisi e recupero di organismi architettonici presenti. Organizzazione del cantiere con Laboratorio 14112 ICAR/11 12 Tecnica delle costruzioni con Laboratorio 07194 ICAR/09 12 ¬ caratteristiche della prova finale72 Architettura tecnica II con Laboratorio 01466 ICAR/10 12 73 La prova finale consisterà nella discussione di un elaborato redatto con l’ausilio di docenti e/o esperti ester- Laboratorio di Progettazione architettonica III 04251 ICAR/14 12 ni, tendenti ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e professionale del candidato. Il tema sarà scelto dallo studente e approvato dal Consiglio di Corso di laurea. ¬ insegnamenti quinto anno cod.mat ssd cfu PIANO DI STUDI Restauro architettonico con Laboratorio ICAR/19 12 Geotecnica 03699 ICAR/07 6 ¬ insegnamenti primo anno cod.mat ssd cfu Stage e tirocini 07553 3 Analisi matematica 01238 MAT/05 9 Laboratorio di Laurea e Prova finale 05917 16 Geometria 03675 MAT/03 6 Disegno dell’Architettura con Laboratorio 14073 ICAR/17 9 Storia dell’Architettura e delle tecniche costruttive 14074 ICAR/18 12 Storia dell’Arte moderna e contemporanea 11173 L-ART/02 6 Fisica 13291 FIS/01 9 Chimica + Tecnologia dei materiali (c.i.) 10050 CHIM/07 6 ING-IND/22 6